Classifica al 23/01/2016 e news.

Diamo qualche news sulla situazione gravitazionale attuale a Charlotte.
Mentre gli astronomi sembrano aver individuato il Pianeta Nove ai confini del nostro sistema solare (anche se non sono riusciti a vederlo pare che modelli matematici studiando 6 oggetti nella fascia di Kupier indichino un gigante di massa pari dieci volte alla terra ai bordi del nostro sistema), qui sul Planet Heart (cit. titolo canzone dei Duran Duran) Hornets succedono cose altrettanto improbabili come vittorie al cardiopalma da fisica quantistica.
Un po' Off Topic, comunque le anomale traiettorie degli oggetti che farebbero ipotizzare agli scienziati/ricercatori californiani l'esistenza del Planet Nine.

Un po’ Off Topic, comunque le anomale traiettorie degli oggetti che farebbero ipotizzare agli scienziati/ricercatori californiani l’esistenza del Planet Nine.

 
Iniziamo a dare una news non importantissima; Aaron Harris è uscito dal roster (Charlotte ha usato la flexible assignment rule) è andato a testare le sue qualità nella Development League (la Lega di sviluppo della NBA)
Giocherà per gli Oklahoma City Blu e visto che la squadra era proprio in Oklahoma al momento, chissà che lo abbiano lasciato lì con le valige…
Il roster considerando MKG scende a 14 giocatori, che Charlotte stia preparando qualche piccolo colpo avendo lasciato un posto nei 15 virtuali visto che i numerosi infortuni propenderebbero per tenere almeno numericamente Harrison o non è stato giudicato da Clifford utile alla squadra?
 
Torniamo però al campo; dopo la vittoria sull’ottovolante di Disneyland a casa Magic, i Calabroni si sono portati in classifica a sola mezza partita proprio da Orlando.
 
Anche Washington è a tiro con una sola partita di vantaggio e lo scontro di questa sera potrebbe riavvicinarci anche al team che andremo ad affrontare tra le mura amiche, a patto di vincere, non importa come visto che siamo in emergenza con tre dei nostri top player fuori per infortunio. Rientrato Lamb è uscito Zeller per problemi alla spalla, mentre Batum stava giocando con un dito slogato ha dovuto saltare la gara con i Magic e al 99,9% a scendere in campo tra i titolari per sostituirlo nella notte in SG sarà ancora Jeremy Lin.
 
Nella notte, salvo ripensamenti dell’ultimo minuto, è in programmazione la gara tra Charlotte e New York alla Time Warner Cable Arena nonostante le strade non siano esattamente agevoli e possano presentare insidie.
In North Carolina ieri purtroppo sono morte quattro persone per incidenti stradali a causa del maltempo.
La tempesta battezzata Jonas sta flagellando tutta la costa Est e se il nord per ora pareva essere la parte più colpita (appena rinviata Jazz @ Wizards che si sarebbe dovuta giocare a Washington) da nevicate e resa pericolosa dal ghiaccio che si forma sulle superfici, per oggi erano attese nevicate negli Stati più a sud.
 
Per continuare a sperare dobbiamo cercare di vincere, non importa come anche se New York è temibile, spesso lo facciamo in maniera così emozionante che rende la gioia sportiva ancora più bella.
Le ultime due vittorie ottenute sono passate per 3 OT (2 contro Utah e uno assurdo contro Orlando)…
 
Ecco le classifiche delle due Conference prima che inizino le sfide del 23 gennaio.
Classifica a Est.

Classifica a Est.

Classifica a Ovest.

Classifica a Ovest.

Questo articolo è stato pubblicato in Classifica Eastern Conference da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.