Classifica allo 07/03/2016

Gli Hornets hanno vinto quattro delle ultime cinque partite giocate.

Il ciclo si era aperto a Indiana (vittoria di un punto 96-95) e subito interrotto ad Atlanta in una delle più brutte serate (per noi) della stagione.

Susseguentemente sono arrivate altre tre vittorie, l’ultima, quella contro i Pacers, ha inaugurato una serie di gare casalinghe che ci vedranno impegnati in altre sei gare da disputare alla Time Warner Cable Arena, prima di giocarsi una trasferta alla morte in quel di Miami e rientrare in North Carolina per altre due gare contro Nuggets e Spurs.

Il pericolo corre quindi a Ovest in buona sostanza; gli Hornets nella prima parte della stagione sono andati sui campi della Western Conference a far visita alle avversarie, ora alcune di queste dovranno recarsi all’Alveare per il “ritorno”.

Andando in ordine di classifica e non cronologico, avremo a che fare con; San Antonio (2^ a Ovest), Dallas (6^), Houston (8^), Denver (11^), New Orleans (12^) e stanotte contro i giovani Timberwolves (tredicesimi ma in rampa di lancio).

Se San Antonio è già qualificata, ma forse cercherà d’insidiare il primo posto ai Warriors e Dallas e Houston sono alla ricerca dei playoffs (più tranquilla Dallas), Denver, New Orleans e Minnesota non hanno molto da chiedere ancora in termini di classifica a questa stagione, tanto che qualcuna potrebbe decidere di “tankare” un po’.

Con le prime scelte degli ultimi anni, ricavate o scambiate, i Lupi della Foresta potrebbero mettere su ben presto un team rampante e vorace, capace di sovvertire le sorti di questa franchigia, che negli ultimi anni, dopo l’era Garnett, sono state piuttosto sfavorevoli.

Niente scherzi però stasera, Charlotte ha bisogno di vincere per proseguire la sua corsa verso dei meritati playoffs, Walker, Lin, Batum e soci sono pronti per la sfida a Wiggins e Towns.

Gli Hornets sono risaliti al sesto posto e ora cercano di dare la caccia agli Hawks, sebbene gli scontri diretti e la differenza canestri (questa momentaneamente) siano a favore degli avversari.

Vediamo quindi le due classifiche prima della sfida tra Hornets e Timberwolves nella notte:

hornmarzo

jjj

Questo articolo è stato pubblicato in Classifica Eastern Conference da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *