Game 80: Charlotte Hornets @ Orlando Magic 137-100

Collins e Curry prima della partita.

 
Terzultima partita della stagione per Charlotte impegnata sul parquet d’Orlando.
Personalmente e contrariamente il solito la partita era guardata con poco entusiasmo vista la stagione e le ultime prestazioni di molti giocatori, scadenti o già in vacanza.
Negli ultimi tempi solamente Howard, Bacon, Monk e Hernangomez (partito male), hanno alzato il loro rendimento e Dwayne non era nemmeno presente per infortunio, mentre Dwight e Willy si dividevano i minuti come centro.
Charlotte vince ininterrottamente con Orlando da 11 partite (compresa quella nella notte) e le premesse per i Magic non erano buone senza i vari Vucevic, Fournier e Gordon.

Le statistiche delle ultime 10 parite (prima della gara della notte).

Per Charlotte era tutto facile sin dall’inizio, anche la panchina questa sera spingeva giocando bene, facilitata dalla pochezza dei Magic, inabili chiudere gli spazi per il tiro, così Charlotte faceva una buona figura nonostante la stagione ormai non abbia più nulla da dire.
Magic per il tanking e Hornets a raggiungere la vittoria numero 35 in stagione.
Per i Magic bene D.J. Augustin con 19 punti in 18 minuti e benino Speights con 14 in 24.
Cifre complessive a favore degli Hornets con 50-36 a rimbalzo, 32-27 negli assist, 55,8% al tiro contro il 44,7% dei Magic.
Charlotte da tre poi ha tirato con il 54,8%…
24/26 per gli Hornets ai liberi contro il 7/13 avversario.
I Magic hanno perso una palla in meno degli Hornets (9-8) come unica nota positiva della serata…
 
Tip-off risolto da Howard e inizio facile per gli Hornets che grazie a un’entrata con tiro acrobatico di Walker recuperavano due FT (fallo Hezonja).
Il capitano ripartiva dopo aver interrotto la serie a Chicago con due liberi a segno prima che su un giro palla D.J. Augustin punisse una difesa in rotazione lenta.
No problem però poiché gli Hornets ripassavano avanti con un gancetto di Howard e un lob di Batum pescando Williams dietro al proprio difensore lo facilitava molto per l’appoggio al vetro.
Kemba aumentava le distanza fintando all’esterno più volte sul suo difensore fino a chiudere in scoop andando però all’interno.
Howard splittando portava la partita sul 9-3 a 8:48 mentre 26 secondi più tardi mandava gli Hornets in doppia cifra con un alley-oop appeso che consigliava a coach Vogel il primo time-out per Orlando.
Segnava Hezonja alla ripresa delle ostilità ma Walker centrava la tripla, Howard respingeva il tentativo a una mano di Biz dal pitturato mentre lo stesso Biyombo respingendo MKG lo mandava in lunetta per un 2/2.
Dopo due FT di Hezonja (fallo di Marvin) Batum lanciava ancora Howard che questa volta chiudendo in reverse layup anticipava un dai e vai veloce chiuso da D.J. Augustin che s’inventava anche un’entrata nel traffico poco più tardi per chiudere con un gioco da tre punti che portava i Magic sul -6 (18-12 a 6:10).
Un tap-in di Batum e un tocco al vetro su assist di D.J. Augustin da parte di Hezonja aumentavano il punteggio, Kemba aggiungeva un punto dalla lunetta e Batum in uno contro uno, tirando dall’altezza dei liberi altri due, Marvin dal corner sinistro infilava indisturbato una tripla in transizione e gli Hornets toccando il +13 (27-14) tornavano a sedersi in panchina con la seconda chiamata di Vogel per l’interruzione della gara (4:25).
Riprendeva ancora Marvin da sotto canestro a sinistra per due punti, mentre nel finale uscendo Biyombo per un paio di falli spesi, gli Hornets iniziavano a trovare molta facilità d’azione oltre spazi per tirare…
14-8 i punti fino a questo momento pro Charlotte in area che rimanevano tali dopo un jumper da oltre la linea dei liberi di Purvis che pescava altri due punti vedendosi fischiare a favore un goaltending dubbio (Howard) dopo una drive su Lamb.
I due incriminati si rifacevano in attacco; Howard con due FT a 2:52, Lamb con una tripla a 2:14.
Gli Hornets volavano con l’alley-oop in corsa ravvicinato di Monk per Howard e anche se Mack centrando la tripla siglava il 36-23, il finale era pro Hornets.
Scoop di Lamb facile in entrata, transizione di Howard con passaggio allungato a Frank sulla diagonale destra per la tripla in ritmo del numero 44 che assisteva anch’esso nel finale a un tap-in di Iwundu e un’entrata di Monk con palla appoggiata al vetro, azioni che chiudevano il primo periodo sul 43-25…

Charlotte Hornets’ Malik Monk (1) shoots next to Orlando Magic’s Wesley Iwundu (25) during the first half of an NBA basketball game Friday, April 6, 2018, in Orlando, Fla. (AP Photo/John Raoux)

 
Il secondo quarto vedeva Charlotte far girare palla sul perimetro fino al passaggio per Kaminsky che a 11:23 pescava la seconda bomba di serata, Speights rispondeva da due poi Lamb fallendo un tiro recuperava il rimbalzo fornendo la sfera in area a Willy che si arrangiava da solo per depositare il 48-27.
Frank centrava la terza tripla su altrettanti tentativi, Stone invece la mancava così a 9:22 Speights correggendo un suo errore da sotto anticipava un canestro di Biz per il -20 Orlando (51-31).
Un jumper di Lamb era seguito da un air-ball di Frank con tipica parolaccia in inglese pronunciata…
Forse Biz non si esprimeva altrimenti dopo lo 0/2 in lunetta ma a 7:14 qualche pensiero per la mente gli sarà passato guardando Lamb colpire da tre dalla top of the key.
Uno dei pochi giocatori consistenti d’Orlando rispondeva da tre (Speights) ma dalla top of the key anche Monk trovava spazio per colpire pesantemente prima della chiusura tardiva…
Hezonja da destra continuava la guerra di triple a 5:51 aiutato ancora una volta da Speights (4:56) per il 59-40.
Un hook di Hernangomez interrompeva il buon momento offensivo dei Magic che incassavano un 2/2 dalla linea di Monk oltre al pullup lungo a 3:55 sempre firmato dal rookie per il 65-40.
D.J. Augustin interrompeva il digiuno offensivo dei Magic con due punti ma Batum con una finta e tiro mandava al bar il difensore infilando il cesto in maniera precisa per il 67-42.
Nel finale uno swooping hook di MKG portava Charlotte a quota 70 contro i 46 dei Magic che dalla top of the key aumentavano di tre unità i propri punti grazie a D.J. Augustin ma chiudeva il quarto Charlotte con una drive di Kemba che trovando Howard sotto mostrava tutta la fragilità di un team senza Gordon, Fournier e Vucevic con la schiacciata a una mano del nostro numero 12 a chiudere il primo tempo sul 72-49.

Le statistiche a fine primo tempo.

 
La ripresa iniziava sullo stesso tenore; due FT a segno per Williams, stoppata di Howard su Biz e due punti per il nostro centro dopo il bump in area a evitare un difensore con arresto e tiro ravvicinato.
Hezonja da tre e DJ Augustin (goaltending di Howard) provavano a invertire il trend ma dopo una stoppata di Biz su Howard la flipperata dall’angolo sinistro di Williams valeva tre punti.
D.J. Augustin infilava ancora in jumper con affidabilità a 8:13 ma a 7:55 Batum infilava uno splash da tre punti per l’84-57.
A 7:05 s’infiammava la partita con Williams che servito in corsa si elevava per speronare la difesa dei Magic con la dunk a una mano e posterizzazione sull’ex Biyombo…
A 6:43 Biz rispondeva con una boom dunk per prendersi più tardi anche due FT dei quali ne realizzava solamente uno.
Un pullup preciso di Kemba dalla baseline destra vanificava il buon lavoro difensivo avversario.
Toccava a Birch segnare nella saga della net night, dopo altri canestri Speights incastrava la sua tripla dalla diagonale destra tra ferro e vetro; palla a due a metà campo vinta da Charlotte che risolveva a 2:05 con un tiro fortunoso da tre punti di Lamb che si serviva del plexiglass in maniera migliore dell’avversario.
Monk a 1:34 con semplicità calibrava la sua tripla (98-68) ma Purvis rispondeva da tre punti per alleviare il pesante passivo.
Si arrivava al finale di quarto sul 103-75 (+28 Charlotte)…

Stone su Afflalo. Julyan non ha segnato nemmeno un due punti in stagione.
Anche questa sera per lui i punti sono arivati da una tripla realizzata.

 
Logico che l’ultimo quarto fosse garbage time ma le squadre continuavano a giocare infondendo piacevolezza alla partita; soprattutto Charlotte che con un fast pick and roll mandava a canestro Willy in schiacciata (assist di Monk).
Monk segnava un rapido pullup da due punti e la difesa di Charlotte con la stoppata di Lamb su Artis si trasformava in transizione con il lancio di Stone per Frank toccato da Purvis senza che il fallo riuscisse a bloccare il Tank in movimento.
Gioco da tre punti che era buono per il 110-75.
Birch con l’alley-oop segnava ma tre punti diretti arrivavano da Hernangomez che faceva carambolare la palla dentro il ferro dalla top of the key.
Monk rimaneva giù dopo un’entrata di Birch (colpo sotto al mento), un po’ d’apprensione ma il rookie dimostrava d’essersi ripreso con il pullup in palleggio sul posto a 8:36 che shakerava Afflalo costringendolo alla resa sulla veloce tripla dalla diagonale destra.
Monk forniva l’assist in corsa al Tank che questa volta prendeva la carezza d’Iwandu sulla nuca.
Ancora due punti e tiro libero nonostante un po’ di mal di testa…
Hornets sul velluto con la tripla di Lamb per il 124-79, quindi entrava anche Paige che sbagliava un paio di triple e un’entrata nel traffico prima di vedere l’assist d Monk per la passeggiata con alzata perfetta di Frank che faceva ricader la palla nella retina senza quasi toccarla.
Paige capiva la giocata e allargava su Stone che dal corner sinistro mandava a bersaglio la tripla del 133-95 (1:55). Charlotte aggiungeva 2 punti, i Magic 5, così si chiudeva comodamente su un +37 (137-100)…
 
 
Pagelle
 
Walker: 6,5
13 pt., 1 rimbalzo, 4 assist, 1 rubata. 3/9 al tiro e 6/6 ai liberi. Torna a giocare Walker (dopo la vacanza mentale) che riapre la serie dei liberi dopo aver interrotto a quota 53 la precedente a Chicago. Qualche buon canestro e propensione anche all’assist, sottolineata generosamente da Monk prima dell’inizio gara riferita all’ultima partita prima di questa.
 
Batum: 7
9 pt., 6 rimbalzi, 6 assist. 4/7 al tiro e 2 TO. Un paio d’alzate per Howard in alley-oop, anche al tiro è preciso, più del solito realizzando due buoni canestri in uno contro uno e una tripla nel secondo tempo messa con facilità. Tutto in soli 20 minuti.
 
Kidd-Gilchrist: 6
4 pt., 3 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. A parte la persa direi discreta tenuta difensiva e nei 22 minuti guadagna la sufficienza con alcuni rimbalzi ma soprattutto un paio d’azioni offensive nelle quali tenta d’andare sul sicuro.
 
M. Williams: 7
18 pt., 2 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata. 7/9 al tiro prendendo una stoppata. Notte accesa come realizzatore da parte di Marvin che da una buona mano a più riprese. Imbianca i Magic con 2/3 da fuori e gettate di pitturato. Buona prestazione.
 
Howard: 7
16 pt., 17 rimbalzi, 2 assist, 4 stoppate. Chiude con un 5/10 dal campo, basso per i suoi soliti standard ma regala schiacciate e alley-oop. D’altra parte prende un paio di stoppate ma rimedia recuperando palla. Comunque sia domina su Biz e se non arriva a un 20/20 è perché gli mancano alcuni minuti. Si ferma a 28 passando il finale di serata a scherzare con due bambini dietro la panchina.
 
Lamb: 7
16 pt., 3 rimbalzi, 2 assist in 19 minuti. Chiude con un 6/9 dal campo incluso un 4/5 da tre punti che lo porta a +27 di plus/minus. Scampato alla tradizione pasquale, l’Agnello viene a redimere i peccati della stagione dei compagni scatenando la sua buona mano. In difesa fatica su finte e palleggi modello crossover, tuttavia la sua prestazione è buona.
 
Kaminsky: 7
21 pt., 4 rimbalzi, 1 assist. 8/15 al tiro. Inizia bene da tre colpendo per tre volte consecutive finendo con un 3/6 ma nel finale tra lanci e passaggi in transizione chiude bene con altre due giocate da tre punti e un arcobaleno perfetto da due che trova il pentolone d’oro del Leprechaun. Da abbattere a Chicago, da lodare questa sera.
 
Monk: 8
26 pt., 1 rimbalzo, 8 assist. 8/14 al tiro, 6/6 ai liberi, +23 di plus/minus, 1 solo turnover. Altra prestazione di spessore del Monaco che, uscito dall’eremo, incanta anche stasera. Trovato il ritmo, la sua crescita pare essere come il risveglio improvviso di primavera. Peccato che solo nell’ultimo periodo si sia potuto usufruire di buone prestazioni di un Monk, che agevolato sicuramente da difese non eccelse è riuscito a ritagliarsi spazio per i suoi tiri ma a osservarlo bene, ha preso molta più velocità nel meccanismo di shooting motion e questo ne fa un pericolo serio per le difese avversarie. Smista poi anche 8 assist in una serata “Magic”…
 
G. Hernangomez: 7
11 pt., 12 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. Concede qualcosa a Birch nel finale ma tira con 5/6 dal campo (tripla compresa) realizzando una doppia doppia in soli 19 minuti sul parquet. Qualche fallo di troppo (4) che non influisce sul giudizio complessivo.
 
Stone: 6
3 pt., 1 rimbalzo, 4 assist. Sfiora appena la sufficienza mandando Frank a canestro e segnando nel finale tre punti. In 25 minuti, assist a parte, rimane sempre troppo marginale.
 
Paige: 5,5
0 pt., 1 assist. 0/3 dal campo e 1 assist per la tripla di Monk in 6 minuti. -8 di +/- nel garbage time.
 
 
Coach S. Clifford:7
Tutto facile per la squadra che mostra anche di sapere giocare a basket quando la pressione avversaria è per larghi tratti inconsistente. Si può rilassare in serata. Va a stringere la mano a un affranto Vogel cercando di consolarlo. Tanking a parte la NBA deve riflettere un po’ sulla situazione di alcune franchigie per cercare di riequilibrare lo scenario da troppi anni monopolizzato, non dico dagli stessi team ma da lunghe dinastie che tra buon lavoro organizzativo di GM (nulla da eccepire) e discorsi su small e big market, vincere titoli, alla fine creano divari che rendono meno interessante lo spettacolo.

Questo articolo è stato pubblicato in Games da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *