Game 82: Charlotte Hornets @ Atlanta Hawks 76-103

 
InterruziHornets
 
S’interrompe qui la storia degli Hornets.
Finisce la stagione 2016/17 per Charlotte che, fuori dai playoffs ha finito per cedere di 27 punti agli Hawks chiudendo con 5 sconfitte consecutivela Regulr Season su un 36-46 non soddisfacente.
Per fortuna finisce qui l’annata deludente degli uomini di Clifford che se confermati in blocco, daranno vita a un’altra stagione agonizzante il prossimo anno.
Urge cambiar qualcosa, integrare, scambiare, far spazio a nuovi e più utili giocatori, ma questo accadrà in estate, sperando che quest’anno si gettino buone fondamenta e non ci si basi su pilastri che si sgretolino al minimo accenno sismico come avvenuto quest’anno.
Chissà se anche un “colpo di fortuna” al Draft magari…
Parlare di numeri e della partita sarebbe inutile.
Atlanta dall’inizio dl secondo quarto è andata in fuga e gli Hornets non si sono dannati l’anima per cercare il recupero con la panchina in campo, oltretutto sempre con Belinelli (elegante) e Walker (in maglieta azzurra) out.
Comunque… rimbalzi e assist parlano nettamente a favore dei padroni di casa che hanno chiuso con 19 punti di Howard, 10 di Ilyasova e Millsap a testa mostrando un attacco equilibrato.
Ad Atlanta serviva una W per aver matematica certezza del quinto posto che gli garantirà la serie contro Washington, invece della probabile contro Toronto.
La missione è stata compiuta agilmente con Charlotte accontentatasi di vincer la serie stagionale 3-1 dopo questo game lasciato andare.
Charlotte ha mostrato ancora un Graham sufficiente e un Lamb che con una discreta prestazione, si è sobbarcato parte del peso in attacco.
 
La formazione degli Hornets utilizzata inizialmente alla Philips Arena, ricalcava quella del penultimo turno con Walker sempre out.
Per Clifford quindi i cinque iniziali erano; Roberts, Batum, MKG, M. Williams e C. Zeller.
Atlanta invece schierava; Schröder, T. Hardaway Jr., T. Prince, P. Millsap e Dw. Howard.

Weber, partita non certamente positiva la sua, prova a controllare Millsap. Brett Davis-USA TODAY Sports

 

 

La partita cominciava bene per gli avversari che cercando l’uomo sotto canestro trovavano una deviazione fortunata di MKG che liberava Howard per la schiacciata facile.
A 11:06 Millsap appoggiando dalla destra al vetro oltre Marvin raddoppiava prima che a 10:52 MKG dalla destra segnasse in sospensione il 2-4.
Howard prendeva il sopravvento e tra rimbalzi e liberi portava sul 4-8 la gara proprio con un 2/2 dalla linea.
Charlotte reagiva con Williams che grazie a un’entrata in corsa e a un’alzata perfetta accorciava sul -2 per poi andare a stoppare Schröder che vedeva il suo collega di reparto pareggiare attraverso un jumper.
Howard dalla lunetta segnava altri due FT ma MKG pareggiava (10-10) a 8:11 realizzando da dentro l’area.
A 7:57 una transizione di MKHG portava a due FT per gli Hornets che lo stesso numero 14 s’incaricava formalmente di trasformare ottenendo il +2 evaporato quasi immediatamente (7:46) con un alley-oop di Howard.
Prince e Millsap riportavano sul +4 i padroni di casa ma gli Hornets rimettevano la bilancia in perfetta parità con due FT di Williams a 5:40 dopo un fallo di Bazemore.
Era proprio Bazemore a cercar di dare il via alla fuga degli uomini di Budenholzer; la sua tripla era contrastata da altri due liberi per gli Hornets, questa volta la mano era di Zeller e il punteggio toccava il 18-19, ma quattro punti di Schröder più due punti di Muscala da sinistra a 3:16 lanciavano i locali sul 18-25.
Nonostante l’ingresso di Graham che a 2:28 si faceva subito notare segnando due pt., la difesa degli Hornets continuava a imbarcar acqua come nel caso della tripla di Dunleavy segnata oltre Batum per il 22-30 o quella di Bazemore a :53.1 per il 22-35.
Un teardrop dalla parabola altissima di Lamb ricadeva nella retina oltre il difensore ma il punteggio non era certo favorevole a Charlotte che arrancava ancora a 11 pt. di distanza (24-35).
Dalla diagonale destra completava il primo quarto Ilyasova che s’iscriveva al club dei triplisti di serata chiudendo i primi 12 minuti sul 26-38 (in precedenza c’era stata una transizione di Graham).
 
Il secondo quarto iniziava con due pt. di Graham per il -10 (28-38) ma le cose non andavano meglio per Charlotte, anzi, precipitavano partendo dalla dunk di Muscala a 11:12 proseguendo per il pull-up da tre punti di Hardaway Jr. a 8:40 (29-50) e chiudendosi momentaneamente con due pt. nati da un lungo jumper di Calderon, i Falchi toccavano il +21 (31-52).
Frank, attaccando frontalmente, appoggiava a destra del vetro oltre la difesa di un attento Howard.
Lamb ne metteva tre dalla diagonale sinistra così Charlotte riduceva lo scarto a 16 punti.
Charlotte segnava qualche canestro pregevole come a 5:10 per iniziativa di Lamb che in avanzamento colpiva il primo ferro che amichevolmente assorbiva il contatto con la sfera e attirava dento il pallone, oppure a 2:12 con una tripla di Marvin Williams nata da un rimbalzo offensivo a tener viva l’azione (10 sino a quel momento i catturati offensivamente parlando da Charlotte contro uno solo di Atlanta), ma il punteggio rimaneva tutto a favore degli Hawks, i quali, dopo aver incassato la tripla della nostra ala grande, mantenevano saldamente un vantaggio di 18 pt. (42-60). Lamb con una transizione e una dunk arrabbiata di mano destra realizzava il 44-61, infine, dopo una dunk mancata da Howard, chiudeva Ilyasova con un jumper da due dopo un intercetto di Schröder ai danni di Roberts.
Le due squadre andavano a riposarsi con gli Hawks sopra di 19 pt. (44-63)…
 
Il terzo quarto iniziava sotto il segno di una sola squadra in campo, quella diretta da Budenholzer.
Gli Hornets, disuniti e sterili giocavano senza forzare in attacco, affidandosi a sospensioni o a scelte discutibili.
Nel mucchio, Kaminsky, sul raddoppio di Prince sulla baseline destra, si arrestava e facendo un mezzo giro indietro difendeva la palla, mezzo giro recuperato in avanti sul piede perno e tiro a una mano alle pendici dell’area destra che s’infilava delicatamente per il 46-65 a 10:17.
Come già detto tuttavia, nel marasma generale, gli Hawks banchettavano tornando sul +21 con un’alzata rapida sulla corsa di Hardaway Jr. per Howard in alley-oop (48-69), toccando il +23 con Howard che sulla sinistra, in area recuperava al volo un pallone dopo un tiro fallito da un compagno; la deviazione volante arrivava appena in tempo prima della luce gialla dei 24…
Millsap più tardi segnerà anche il +25 costringendo Clifford alla pausa, al rientro, Lamb portava 4 punti (2/2 ai FT e un bel pull-up con palleggio precedente dietro la schiena) continuando la sua buona gara offensiva ma se anche le ali piccole MKG e Graham ne aggiungevano due a testa, il quarto si chiudeva a favore degli Hawks sul 61-84.
 
Con gli Hornets mai in grado di riaprire il match dalla prima fuga, quindi, ci si trascinava anche per gli ultimi 12 minuti della stagione con Wood in campo, prima a commetter sfondamento con un’entrata selvaggia, poi bravo a recuperar un rimbalzo per correggere da sotto segnando due punti, infine a recuperare due FT che tuttavia sbagliava lasciando inalterato il punteggio sul 63-86.
Weber in entrata a 9:07 segnava il sessantacinquesimo punto di Charlotte ma Charlotte mostrava evidenti limiti acuiti dalla panchina in campo.
Weber sbagliava l’appoggio, Plumlee il tap-in…
Humpries ringraziava segnando da te punti il +30 (73-103) prima che i Falchi rinunciassero all’ultimo attacco.
Nei pochi secondi di differenza sul cronometro Weber si portava quasi fronte a canestro cercando la prima tripla di carriera e ritrovandola consegnava agli archivi il 76-103 finale nell’ultima partita stagionale di Charlotte.
 
Pagelle
 
Roberts: 5
4 pt. (2/7), 2 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. Tre palloni persi e 0/3 da fuori in 28 minuti. Maluccio e con un solo assist smistato ma Weber fa di peggio in senso generale.
 
Batum: 5,5
0 pt. (0/3), 1 rimbalzo, 4 assist, 1 rubata. -8 in 10 minuti… Travolto d’insieme nonostante 4 assist ma con uno 0/3 al tiro… Dura poco la partita di Nic, poi Clifford lascia spazio alla panchina.
 
Kidd-Gilchrist: 6
10 pt. (4/10), 6 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata in 19 minuti. -9 di plus/minus. Qualche soluzione offensiva interessante. In difesa prova a sporcare palloni e a dar fastidio. In alcuni casi gli va bene ma nell’insieme non può molto. In attacco guadagna anche rimbalzi offensivi (tre alla fine).
 
M. Williams: 5,5
7 pt. (2/9), 6 rimbalzi, 2 rubate in 12 minuti. Cattura come MKG 6 rimbalzi equamente suddivisi tra attacco e difesa. Una difesa discreta ma un attacco quasi inesistente con un ¼ da fuori con tiri presi senza ritmo.
 
C. Zeller: 5
4 pt. (1/3), 5 rimbalzi, 2 assist. Ricorre a tre falli in 22 minuti. In difficoltà questa volta su Howard che comincia forte. Sul tiro piazzato c’è da piangere. Non ne mette uno dalla prima guerra mondiale, un paio di rimbalzi offensivi ma anche lui fa registrare un -9.
 
Kaminsky: 4,5
6 pt. (3/11), 1 rimbalzo, 2 assist in 25 minuti. Gioca molto ma senza costrutto. Un paio d’estemporanee buone difese ma accumula un -19 totale frutto anche dei suoi attacchi scriteriati con uno 0/3 esterno dall’arco e poche buone realizzazioni.
 
Weber: 4,5
10 pt. (3/9), 3 assist, 1 rubata in 24 minuti. Totalizza due perse e tre falli, un -17 complessivo. Fa ¾ dalla lunetta e un 1/3 da oltre l’arco ottenuto all’ultiimo istante quando Atlanta aveva rinunciato all’ultimo attacco ma lui cercando la prima tripla in NBA ci prova e gli va bene dopo aver sbagliato un paio di volte in partita. In difesa salta e ci prova ma i risultati non sono lusinghieri, in attacco fa fatica; a volte lo raddoppiano e si salva in qualche modo, altre volte butta via palloni come il tentativo d’assist pretenzioso per l’alley-oop di Plumlee e cercando spazio per il tiro finisce per andar fuori ritmo. In generale le scelte come playmaker mi sono sembrate questa sera inferiori Roberts.
 
Mil. Plumlee: 4,5
0 pt. (0/5), 7 rimbalzi, 1 rimbalzo, 1 assist, 1 stoppata. Ricorre a tre falli in 25 minuti. Goffo, lento e impacciato in alcune circostanze, ha il merito di catturare solidi rimbalzi se la sfera gli passa da quelle parti (4 in attacco). Per il resto è irritante in difesa dove lo si batte non difficilmente volendo e in attacco dove fa scena muta sbagliando anche tap-in ravvicinati in malo modo.
 
Graham: 6
10 pt. (5/10), 4 rimbalzi, 1 assist, 2 rubate. Niente da fare da fuori ma buone realizzazioni in generale. Un paio di buoni recuperi.
 
Lamb: 6,5
21 pt. (7/18), 5 rimbalzi, 1 assist, 2 rubate. Accumula un -17 anche se tra il 6/6 dalla linea e attacchi assortiti si porta a casa ben 21 punti. Purtroppo la partita è già compromessa da un pezzo e le sue realizzazioni fanno solo statistica.
 
Wood: 6
4 pt. (2/3), 3 rimbalzi. Gioca 13 minuti regalando un pallone. Un po’ grezzo, se la cava come può. Mette dentro un paio di punti da vicino.
 
Coach Clifford: 5
La squadra chiude con 5 sconfitte e un -27 nell’ultima partita, nonché trasferta dell’anno. Spazio alla panchina ma un finale non esaltante con il team uscito definitivamente di scena già nel secondo quarto. Chissà se lui e i giocatori hanno ancora stimoli, anche se io mi auguro di non vedere più qualcuno dopo quest’annata deludente. La fiducia concessagli a inizio anno non è stata ricambiata, o meglio, solo in parte…

Questo articolo è stato pubblicato in Games da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *