Hornets Top 15 (2014/15)

Con le finali NBA alle porte inizia a calare il tramonto sulla stagione del basket oltreoceano, rimanendo nella più stretta nicchia di spazio virtuale creata quest’anno, tornando a Charlotte cala il sipario anche su questa annata dei nuovi Hornets, non prima però, come ai bei tempi in cui la classifica di NBA Action si vedeva in chiaro su TMC, Videomusic, Italia 1 e poi RAI 3) di aver realizzato la mia personale classifica dei migliori 15 momenti (ovviamente è tutto opinabile e ho dovuto escludere qualche altra giocata che avrebbe meritato anch’essa di entrare nelle prime 15).

Sperando di riuscire a riproporre in qualche maniera il notevole sforzo fisico effettuato quest’anno per vedere le gare e proporvi un articolo esauriente nel più breve tempo possibile dandovi un’idea personale ma quanto più oggettiva possibile (per poi magari andare a lavorare non avendo dormito, anche se ironicamente diciamo che quella del lavoro é un’abitudine che da anni stanno tentando di far perdere alle persone), in base alle condizioni, lavorative, economiche e familiari.

Ringraziando lettori più o meno occasionali, Max dei Warriors e mio fratello per il supporto tecnico e tutti i ragazzi con i quali ho interagito, anche sul gruppo FB.

Stacco il contatto (anche se lavorerò un po’ per completare le pagine rimaste in sospeso con l’inizio della stagione) ma comunque cercherò di aggiornare per tempo su eventuali importanti news, magari di mercato, sperando che Jordan voglia tentare un upgrade già la prossima stagione…

Ad ogni modo, per ricordare l’annata, ecco la classifica:

Questo articolo è stato pubblicato in Games da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.