Happy Birthday Dell Curry!

Innanzitutto una doverosa premessa; ciò che era emerso per merito di Rick Bonnell, cioè che Lamb sarebbe finito agli Hornets per Barnes era vero ma in parte, nel senso che la trade ha subito un passaggio in più emerso e svelato pochi minuto orsono.

Matt Barnes in realtà é finito ai Grizzlies che hanno girato agli Hornets l’ex Bobcats Luke Ridnour, il quale a sua volta, come un pacco postale, è stato spedito e dirottato a Oklahoma City insieme a una futura seconda scelta, in cambio di Jeremy Lamb.

Alla fine tutto torna ma Matt Barnes si fermerà a giocare per i Grizzlies del Tennessee.

Un altro rumors uscito ieri dice che i Celtics ambirebbero a prendere la posizione al n°9 di questo Draft in cambio di Sullinger che verrebbe ceduto agli Hornets. Solo speculazioni? Chissà… Non manca poi molto all’appuntamento.

Oggi però è anche la giornata in cui compie gli anni il mio giocatore preferito:

(Wardell Stephen) Dell Curry, papà di Stephen, fresco vincitore con i Warriors del titolo NBA.

Per me rimane lui il mio giocatore di basket preferito di tutti i tempi.

Tiratore stilisticamente eccezionale dalle ottime percentuali nel tiro, specialista dalla lunetta e da fuori l’arco dei tre punti, Dell oggi fa il commentatore per gli Charlotte Hornets, oltre che apparire simpaticamente e familiarmente sugli spalti dell’arena che ospita le partite di suo figlio Stephen (insieme alla famiglia nel tempo libero).

Dell, che ovviamente non gioca più, anche se ha fatto vedere all’All-Star game di quest’anno che la mano educata l’ha conservata, ora ha messo su qualche kg e ha sempre quest’aria simpatica alla “Famiglia Robinson”.

Grazie da parte mia Dell per aver accompagnato un pezzo della mia vita e spesso aver fornito buone prestazioni con le quali hai contribuito a far vincere gli Hornets partite difficilissime che hanno generato felicità non solo in me, ma in tutti i tifosi di Charlotte.

Il video non é nuovo, ma è mio, personale, fatto come dedica… Tanti auguri!

E cerca di non rovesciare liquidi durante i festeggiamenti! ^_^

Questo articolo è stato pubblicato in Inside The Hornets da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.