Il Punto @ 51

 

Premessa a lungo termine

 

Ci eravamo lasciati nell’ultimo pezzo a tema con Charlotte al dodicesimo posto sul 12-22. La situazione si è aggravata dal punto di vista temporale ma nell’arco di queste ultime 17 sfide le due vittorie consecutive ai quasi margini iniziali e finali del periodo danno un po’ di speranza nonostante il ritardo in classifica.

Oggi, abbiamo una classifica che recita 22 vittorie e 29 sconfitte.

 

Sul fondo anche Orlando con un 15-35 (.300) e Atlanta 15-37 (.288), tagliate fuori per la corsa ai playoffs, così come direi Chicago che con la trade che ha mandato Mirotic (il quale venne colpito da Portis con un pugno e ciò lo convinse a chiedere di potersene andare) ai Pelicans si è chiamata fuori definitivamente semmai avesse voluto almeno provarci.

 

Recuperate tre vittorie, la stagione è proseguita sulla falsariga delle prime 34 gare ma, nelle nove partite casalinghe disputate sono arrivate solamente 5 vittorie.

L’otto febbraio avremo la chiusura del mercato invernale e le voci su Walker si sono moltiplicate, così come sull’intoccabilità di ogni singolo giocatore di Charlotte.

Una squadra che reiteratamente lascia sul campo partite già vinte, bruciando in poco tempo consistenti vantaggi, non può che essere smantellata e rifondata secondo molti. Eppure qualcosa di buono c’è e non si era ripartiti male a fine anno con la serie di trasferte sulla costa pacifica, ma il tempo stringe e siamo all’ultimo ballo…

 

Descrizione veloce delle partite passate

Charlotte si presentava sulla costa pacifica per una serie di 4 trasferte da giocare a cavallo tra il fin anno precedente e l’inizio di quello nuovo con un record da trasferta di 2-12, uno dei peggiori dell’intera NBA.

Prima tappa Oakland contro i campioni del mondo NBA.

Nessuno poteva nemmeno lontanamente immaginare che una squadra così instabile potesse passare contro GSW, pur priva di Curry, invece, dopo un primo tempo gagliardo, nel secondo accadeva l’imprevedibile con Charlotte abile a sbancare il difficile parquet di Steve Kerr.

La trasferta a Los Angeles con i Clippers era la classica degli Hornets che bruciavano il loro vantaggio cedendo a Griffin e soci.

Sacramento era una tappa che restituiva fiducia agli Hornets, abili a toccare quota 131 punti. Vittoria senza problemi come quella successiva a Los Angeles contro i gialloviola. Si tornava a Charlotte per una serie di tre partite consecutive rinfrancati dal 3-1 esterno ma l’instabilità della squadra non permetteva di portare la striscia a tre vittorie consecutive nonostante all’Alveare si presentasse una modesta Dallas.

111-115 e gare successive da giocarsi contro altre due squadre dell’Ovest.

Vittoria sui Jazz e sconfitta con i Thunder. In arrivo l’intermezzo esterno contro i Pistons, campo difficile sul quale gli Hornets coglievano un’importante affermazione che dava una nuova dimensione esterna in 3D ai Calabroni.

Sulle ali dell’entusiasmo Charlotte disintegrava in casa i rivali divisionali dei Wizards (133-109) nella prima delle cinque gare casalinghe di seguito, ma poi contro gli Heat la squadra di Clifford perdeva da sola.

Miami rimontava 10 punti negli ultimi 4 minuti pareggiando in 7 secondi (mettendo 5 punti) e sorpassando a due decimi dalla fine con un libero di Olynyk per un minimo contatto con Howard.

Brutta botta che rischiava di mandare ulteriormente in tilt la squadra già fragilissima. Si tornava a giocare con i Kings che nel finale facevano vedere i fantasmi a Charlotte, ma la minor qualità dei Re, rispetto a quella del Calore, consentiva a Kemba & Co. di portare a casa la vittoria.

Il “derby” con i Pelicans era tirato.

Charlotte spesso rimaneva in scia ma alla fine lasciava la punto a punto agli ospiti.

Atlanta chiudeva il ciclo.

Una gara simile a quella contro i Kings, con gli Hornets a prevalere grazie alla maggior inconsistenza esterna dei ragazzi di Budenholzer.

Si apriva una serie di tre trasferte con la sconfitta a Miami per 91-95 (4^ su 4 partite contro gli Heat) maturata nel finale nonostante il +15 (75-60) di vantaggio maturato a un certo punto nel terzo quarto.

Contro i Pacers andava male nel 4° quarto dopo una punto a punto e si volava ad Atlanta per vincere senza problemi in una serata che risvegliava Batum ed esaltava Kemba, capace di realizzare nove triple in serata (record personale).

Si chiudeva contro Indy in casa e nonostante l’accanita resistenza degli uomini di McMillan, Charlotte la spuntava facendo registrare nel primo quarto quota 49 punti, cifra mai toccata prima dalla franchigia in un periodo di 12 minuti.

 

Prossime partite

 

Gli Hornets casualmente riapriranno un ciclo di 4 trasferte a Ovest, come avvenuto in occasione del mio precedente pezzo.

Pura casualità, nessun algoritmo.

Phoenix (domenica sera alle 21:00), Denver, Portland e Utah.

La prima e l’ultima non hanno molto da dire, nel mezzo due squadre che battagliano per i Playoffs.

Chiudere con un 2-2 sarebbe buono ma non risolleverebbe la stagione di Charlotte.

Va detto che la gara contro i Trail Blazers potrebbe fare da spartiacque alla stagione degli imenotteri che potrebbero trovarsi radicalmente trasformati prima di questa gara programmata per l’otto febbraio americano, giorno della deadline del mercato, ma ogni giorno che passa sembra far tramontare questa ipotesi…

Kemba ha detto di non avere scelta, di cercare di spingere per raggiungere i playoffs.

A ogni modo…

Charlotte tornerà in casa successivamente per affrontare Toronto, volerà a Orlando e il 22 se la vedrà in casa contro Brooklyn nella prima sfida stagionale tra i due team.

In back to back (l’undicesimo stagionale) si andrà a Washington per poi chiudere febbraio con le gare interne contro Detroit e Chicago.

Marzo si aprirà all’insegna del tour atlantico con Boston, Philadelphia e Toronto pronte a ospitarci prima che i Sixers il 6 marzo tornino a ricambiare la visita a Charlotte.

Brooklyn e Phoenix in casa e il derby di ritorno con i Pelicans nel profondo sud della Louisiana chiuderanno il periodo a poco meno di un mese dalla chiusura della regular season.

A questo punto i giochi potrebbero esser già fatti nonostante rimangano, dopo gara 51, almeno una decina di gare da poter tranquillamente vincere visto il valore dei team contrapposti.

Purtroppo gli Hornets, belli e fragili come un bicchiere di cristallo di Boemia, non offrono garanzie.

Giovani balordi modificare un soprannome di Gianni Brera assegnato al più vecchio club calcistico d’Italia.

 

Parte statistica descrittiva di pregi e difetti

 

Tratteremo qui qualche statistica di squadra perché ci occuperemo di quelle dei singoli unendole al loro rendimento nella classifica per singoli sottostante.

Balza all’occhio intanto la fragilità visibile di questo team che nonostante la doppia mutazione avvenuta nel biennio precedente, continua a ottenere risultati non soddisfacenti. Vediamo un po’ come si è presentata Charlotte all’avvio dell’ultimo quarto nelle ultime 17 gare.

 

 

Come si può notare dal grafico soprastante gli Hornets hanno vinto 10 delle 13 partite nelle quali sono arrivati davanti all’ultimo piccolo intervallo.

 

Una delle tante ultime partite finite avanti nel terzo quarto e chiusa con una W, tenendo a distanza di sicurezza gli avversari, Nel caso di punto a punto Charlotte spesso finisce per lasciar prevalere gli avversari.

 

Tre le abbiamo lasciate sul campo, una contro Oklahoma e due rocambolesche contro gli Heat nonostante i massimi vantaggi in doppia cifra fossero stati ottenuti nel secondo tempo.

 

Il monitoraggio con istogramma di una partita persa contro gli Heat.
Si può notare il vantaggio accumolato e perso dimostrando la classica instabilità e fragilità nelle partite perse.
Gli ultimi quarti hanno iniziato a divenire un problema dalla seconda parte della scorsa stagione.

 

Siamo arrivati dietro solamente 4 volte e abbiamo sempre perso, dimostrando incapacità d’esser decisivi nell’ultimo quarto.

Questo non concorreva a dare speranza giacché c’era da recuperare terreno a causa del bilancio di 4-13 ottenuto tra gara 18 e gara 34 che ci aveva decisamente estromesso dalla zona playoffs.

Da gara 35 a gara 51 abbiamo ottenuto un parziale di 10-7, ancora lontano dall’essere utile per essere tra le squadre al sole della post season.

Philadelphia è a -11 dalla vetta dell’Est occupata da Boston, noi a -15…

I playoffs sono ancora alla portata, le partite sono tante, ma contando che la stagione si è inoltrata oltre la fase centrale, non ci si possono permettere ulteriori passi falsi.

La società era o è pronta al pull the trigger (a premere il grilletto della ricostruzione) perché la chimica del team non funziona.

Bloccati da giocatori zavorra con contratti pesanti e giovani ancora immaturi come Malik Monk e Dwayne Bacon.

Zeller è appena rientrato e potrebbe divenire un piccolo fattore per la panchina.

Un giocatore utile, non stiamo parlando certamente di una superstar, anche se il suo apporto avrebbe potuto essere utile in zona difensiva in certi finali punto a punto nelle 27 gare che ha saltato per l’operazione al ginocchio.

A proposito di ciò, vediamo qualche confronto tra giocatori, partendo proprio da Zeller e il suo sostituto O’Bryant:

 

Passiamo alle PF e così via…

 

 

Vediamo ora un po’ di statistiche di squadra partendo dal basso; i palloni rubati con sono 6,7 a partita (a gara 34 erano solamente 6,3 di media), ma la posizione tra le trenta franchigie è la ventinovesima per quel che riguarda questa statistica.

Stessa posizione negli assist con 20,8, anche se questa tematica l’approfondiremo più avanti.

Siamo ventisettesimi ai liberi come percentuale (73,3%), ventiseiesimi nei punti (9,4) realizzati sui fastbreak, mentre nelle stoppate siamo diciassettesimi con 4,7.

La situazione migliora se osserviamo il rapporto assist/turnover di 1,60 (13° posto), noni nelle seconde possibilità con 13,3 punti.

Ai piedi del podio per quel che riguarda falli commessi (quarti con 18 di media) e nella percentuale rimbalzi (51,8%), rimaniamo nella medesima posizione anche per quel che riguarda i fast break points concessi agli avversari.

Saliamo sul gradino più basso del podio nella classifica rimbalzi con 46,3 a partita e nei turnover, perdendo solo 13 palloni a match.

Argento nei rimbalzi difensivi con 35,8 e nelle seconde possibilità lasciate agli avversari chiuse con canestro (9,8).

Apriamo il capitolo panchina, la quale cerca consistenza.

Lamb ha dato parecchio questa stagione, Kaminsky vive a giornata, più lunatico di un lupo mannaro, mentre Zeller potrebbe essere il terzo elemento che migliorerà le prestazioni, in attesa che MCW cresca.

Le rotazioni corte di Clifford hanno tagliato fuori i rookie e se il roster è al completo anche J.O.B. troverà poco spazio.

A livello di punti forniti dalla bench siamo sedicesimi (35,7 pt.) così come a rimbalzo (16,1), teniamo molto bene nei liberi invertendo la tendenza generale della squadra realizzando il 78,7% (4° posto) ma i problemi arrivano al tiro con un 40,3% come percentuale realizzativa per un ventinovesimo posto.

Tutto ciò fa si che attualmente si occupi l’ultimo posto in questa particolare classifica solo per le panchine, con una differenza di +/- di -2,6 punti a gara…

Torniamo alla classifica generale. I titolari aiutano segnando punti e i 106,3 di media ci portano al 14° posto.

Tuttavia la precisione difetta e questo è un grosso problema perché se il FGA (tiri tentati) è pari a 86,5 che equivale a un sesto posto, i tiri buoni sono stati 38,4, il che ci colloca alla 21^ posizione…

La percentuale è problematica: 44,3% (migliorata rispetto al 43,6% dopo gara 34) che ci fa scendere al ventisettesimo posto.

 

Le percentuali della squadra suddivise in zone di tiro.

 

Dicevamo all’inizio del capitolo riguardo agli assist…

Charlotte è sì tra le ultime posizioni, ma è la squadra che guadagna più liberi.

Vuoi per un po’ di lentezza e prevedibilità che porta gli altri team a intercettarci, vuoi perché Howard si fa spazio con il fisico sotto le plance.

I 22,6 guadagnati a partita ci issano in prima posizione…

__________________________________________________________________________

 

Classifica Giocatori

 

 14° D. Bacon: 5,70

Dwayne Bacon non è esattamente Dwayne Wade, come era stato presentato erroneamente dall’executive R. Cho. Ha giocato solamente 13:25 nelle ultime 17 partite, finendo per andare anche a giocare qualche partita nella squadra associata minore, i Greensboro Swarm. Lì è riuscito a mettersi in evidenza in un match dove ha chiuso con 45 punti, mentre con gli Hornets solo tre volte è riuscito ad andare in doppia cifra. A inizio stagione era partito anche titolare per ben sei volte, sfruttando i problemi di MKG, ma le non troppo lusinghiere prestazioni hanno convinto un coach, non troppo propenso a fare da balia, a retrocederlo dietro T. Graham. Un peccato perché ha un bel jumper, ancora da calibrare perché scostante, potrebbe sicuramente fare di più, ma al primo anno, come rookie, non si può pretendere… Le statistiche sono mediocri e il minutaggio in ribasso avendo ora davanti a sé, tutte le altre SF e SG…

__________________________________________________________________________

 

 13° M. Monk: 5,70

Non è un caso che i due rookie scomparsi (giocavano molto di più a inizio stagione) siano in fondo alla classifica. Difesa quasi nulla, confermata dalle statistiche in rubate o stoppate. Sta imparando ma gioca troppo poco per poter apprendere velocemente. Sfortunatamente le difficoltà di Charlotte non consentono di dare più minutaggio a uno shooter che si riteneva esser più pronto. In realtà sta sparando con poco ritmo… Balza all’occhio il fatto che tiri meglio da fuori (33,7% il totale, 34,2% da 3 pt.) che da due pt. (29/88 per un 33,%). Come per Bacon poi gioca pochino, nelle ultime 17 gare i minuti sono stati 50:28 e il massimo di punti raggiunto in una recente gara è stato di 6 (contro Dallas, frutto di due triple). Fuori dalle rotazioni abituali di Clifford, solo migliorando la difesa e cercando d’esser più preciso in attacco (le sue entrate sono spesso inconcludenti, spostato come un fuscello su eventuali contatti ritenuti legali) potrà sperare di guadagnar più spazio.

 

Una speculazione dell’ultima ora vorrebbe Monk al centro delle attenzioni dei Bucks…

 

 

__________________________________________________________________________

 

 12° M. Carter-Williams: 5,76

Con Philadelphia, a inizio carriera, era un discreto passatore. Si è dimenticato per troppe partite di far ciò che andrebbe richiesto a un playmaker; metter nella miglior condizione possibile un compagno per segnare. Molte le iniziative in entrata con errori clamorosi, troppe le serate negative. Talvolta preferisce tentare la tripla aperta anziché organizzare qualche azione offensiva coinvolgendo i compagni. Purtroppo da tre ha sempre avuto percentuali pessime e anche quest’anno non è migliorato, mentre è crollato in generale nel tiro dal campo. Il 21/52 (40,3%) delle ultime 17 gare ha migliorato un pochino una percentuale appena al di sopra del 30%, ma rimane comunque insufficiente. Voci, supposizioni, congetture e consigli sull’acquisto di Mudiay o qualche altra PG al suo posto rimangono attuali perché non è riuscito a dare il cambio di passo a una panchina in difficoltà. L’impegno e l’intensità difensiva non mancano, l’efficacia però lascia a desiderare. Sta migliorando nettamente dalla lunetta e un po’ nell’utilità difensiva (vedendo anche la classifica dei singoli), dopo un avvio che aveva lasciato più di qualche perplessità.

Qui sotto la sua espulsione unitamente a quella di Tim Frazier, dopo l’iniziale piccola baruffa da contatto con Jason Snmith.

 

__________________________________________________________________________

 

11 J. O’Bryant: 5,82

Mi aveva favorevolmente impressionato l’anno scorso a Denver dove fece una gran partita in attacco. Fa vedere ancora ogni tanto qualche canestro che la media dei giocatori NBA non segnerebbe. Turnaround in uno contro uno in fade-away dall’ottima coordinazione che ricadono al centro della retina. Purtroppo però il più delle volte non è esattamente un’enciclopedia nel post passo, i movimenti sarebbero anche interessanti ma la troppa goffaggine e lentezza lo rendono bloccabile. Rilasci in gancio o tiri sbilenchi che abbassano la sua percentuale, attualmente al 40,2%, molto inferiore al 53,3% dello scorso anno (in sole 4 partite), ma anche sotto al 41,1% ottenuto con Milwaukee in 66 partite nella stagione 2015/16. Anche in difesa la lentezza e la poca esplosività per noi sono un problema. Assurto al ruolo di secondo centro dietro l’intoccabile Howard, non sta fornendo prestazioni alla Zeller. In 10,7 minuti conquista 2,7 rimbalzi e da 0,2 stoppate di media. Nickname JOB, ma non è proprio un good job, assomiglia più al Jobs Act italiano, sta smaterializzando il contenuto e le cifre si abbassano. Penso che se Zeller dovesse star bene, lo rivedremo ben poco in campo.

 

 

__________________________________________________________________________

 

 10° J. Stone: 5,90

Beh… impossibile parlare di Stone. È più fisso di una montagna di pietra e calcare che ci guarda dalla sua vetta sulle affascinanti Gorges du Verdon (in Provenza). Con Walker come titolare, MCW che nonostante le prestazioni mediocri continua a giocare e Monk all’occorrenza pronto a portar palla con le riserve, l’ex veneziano è costretto a guardare tutte le partite dalla panca. 10:09 nelle ultime 17 uscite, toccando il parquet quattro volte nel garbage time senza prendersi nessun tiro. Ha un 2/4 che risale alle prime due partite stagionali…

__________________________________________________________________________

 

 9° F. Kaminsky: 5,96

Come per Batum la parola d’ordine non può che essere incostanza. Fornisce prestazioni alternanti. In una squadra come quella di Charlotte con Clifford allenatore, credo che c’entri come la marmellata sugli spaghetti. Ha migliorato appena appena la sua difesa che prima era inesistente, oggi almeno è di facciata, esiste perché è lo stretch four di riserva. Forse si è anche programmato che sarà titolare quando le stanche ossa di Marvin lasceranno il circuito NBA. Lascia troppo spazio al tiratore o usa la verticalità contro tiratori letali. Poca resistenza sotto canestro. Il 4 aprile Frank compirà già 25 anni ma a livello statistico nei tre anni passati a Charlotte ha compiuto pochi progressi al tiro. Il tiro dal campo e il tiro da tre sono in linea con le percentuali del primo anno, le rubate anche, i rimbalzi sono calati nonostante il minutaggio, anche se qualche volta ha la scusa Howard che gravitandogli intorno ne magnetizza qualcuno… Va meglio dalla lunetta ed è passato dai 7,5 pt. Di media a gara da rookie all’attuale 10,6. Molto più abile a rifinire da sotto è salito al 70,1% dai 0/3 piedi contro il 58,7% dell’anno precedente. Da notare la statistica da tre punti nelle sconfitte… Quando non riesce a dare apporto e costanza con buone percentuali, Charlotte va in difficoltà…

 

 

 

__________________________________________________________________________

 

 8° M. Williams: 5,97

Giocatore che rimane in campo principalmente per due fattori; apprezzata dedizione al lavoro (all’allenamento) e tiro da fuori che quest’anno è migliorato rispetto all’anno precedente sino all’impennata del primo posto nella statistica dedicata (nell’intera NBA) fino a qualche partita fa. Scostante, come diversi tiratori, può passare dalla spaziale gara contro i Pistons a partite nelle quali fa mancare i suoi punti da fuori (in due gare con Miami, sua bestia nera dai playoffs 2016, ha totalizzato uno 0/7 ad esempio) non riuscendo a mettere nemmeno un canestro. Purtroppo per Charlotte questo è un problema, perché se Kemba è sempre al centro dell’attenzione e deve ricorrere a special move e a blocchi di Howard o stagger per andare al tiro da fuori, Marvin, di solito imbeccato sugli scarichi, è l’unico altro tiratore valido del quintetto (di Batum abbiamo già detto e MKG e Howard non si avvicinano nemmeno alla linea da tre), quindi servirebbe più costanza. In difesa ha qualche serata dove riesce a dar veramente fastidio all’attaccante, ma in generale lo trovo un po’ lento (non come JOB o Monk) e questo è causa del suo voto attuale nonostante le percentuali da fuori siano buonissime. Aveva iniziato il ciclo segnando zero punti contro Warriors e Clippers, poi ha trovato il ritmo con 15 contro Utah, 16 contro OKC, fino ai 21 di Detroit. Al momento out per una distorsione alla caviglia occorsa nel primo match contro i Battistrada a Indianapolis, ma non dovrebbe averne per molto.

 

 

 

__________________________________________________________________________

 

 7° T. Graham: 6

Per le mie medie ha appena toccato la sufficienza esatta, ma Graham ha preso quota vista l’impreparazione di Bacon e Monk e ha trovato maggior minutaggio anche grazie alla sua predisposizione difensiva che lo distingue da altri giocatori, ad esempio da Lamb (il quale a dire il vero quest’anno è molto più sul pezzo e dimostra meno amnesie) o da un Batum non pertinace come Treveon. Graham può contare anche su un buon tiro da fuori, ciò lo ricolloca tra i panchinari come finalizzatore sugli scarichi, sia in transizione o a difesa schierata. Capace anche di prendere qualche iniziativa verso canestro, se fermato con l’intervento irregolare deve tuttavia fare i conti con un 73,2% dalla lunetta, discreto ma non buono o eccezionale… Nelle ultime 17 gare ottime quella contro Washington e la penultima in Atlanta alla Philips Arena.

 

 

__________________________________________________________________________

 

 

 6° N. Batum: 6,04

L’ingranaggio che si è rotto… l’uomo sotto accusa. Abbiamo già detto molto su di lui nei pezzi precedenti. Calato nei rimbalzi, negli assist, nelle rubate e nelle stoppate (anche se impercettibilmente nelle ultime due statistiche), ha un minutaggio inferiore rispetto allo scorso anno. Non così inferiore tuttavia da giustificare il passaggio dai 15,1 punti dello scorso anno di media agli 11,9 attuali. È rimasto alle pendici del 30% nel tiro da tre punti prima di trovare spazi e ispirazione contro Atlanta in gara 50 chiusa con un 5/10 da dietro l’arco che l’ha fatto terminare esattamente al 30% da fuori. Si è ripetuto alla grandissima contr i Pacers in casa lanciando gli Hornets alla vittoria e chiudendo con 31 pt.. Forse il ruolo di collante gli sta stretto o forse ogni tanto ha bisogno di cambiare aria, sembra poco motivato, la sua difesa non è poi più così tanto aggressiva. Ha saltato l’appuntamento con la nazionale dei Galletti in estate per riposarsi ma il destino beffardo l’ha colpito ugualmente a inizio stagione dove è stato tormentato da un infortunio abbastanza probante che ha continuato a dare noie per diverso tempo, oggi che il problema pare esser scomparso dovrebbe riuscire a dar di più completando il buon backcourt titolare con Kemba, anche perché il suo basso rendimento sta influenzando l’orbita di Charlotte che potrebbe finire fuori dai consistenti pianeti da fascia abitabile per unirsi a quelli gassosi e inconsistenti nel gelido spazio. La sua palla persa dopo aver giocato una buona partita contro Miami è stata un macigno. Probabilmente Williams ha avuto troppa fretta sulla rimessa, ma lui se l’è fatta portar via come un novellino. Nelle ultime diciassette partite sono state otto le partite disputate almeno discreto livello, un po’ scostante per un contratto da oltre 22 milioni che scadrà nella stagione 2020/21, per la quale il giocatore avrà anche l’opzione di scelta a favore, ma nelle ultime due uscite ha fatto vedere di essere in decisa risalita. Speriamo continui così… in alternativa ci si augura che in estate (dovesse tornar a giocar male) si trovi un accordo con il giocatore e qualche altro team, ma soprattutto, per il bene di Charlotte, l’augurio reale è che continui a render come nelle ultime due uscite o quasi, da qui alla fine della stagione.

 

 

 

__________________________________________________________________________

 

 

 5° C. Zeller: 6,12

Cody è rimasto fuori per ben 27 partite, quindi impossibile parlare di queste 17. La squadra comunque ha tenuto abbastanza ottenendo un record di 12-15, anche se sono convinto che con il buon Cody avremmo avuto un record migliore senza qualche finale travagliato e puntualmente perso. La sua caratteristica difensiva avrebbe permesso d’incassare qualche punto in meno. Partendo dalla panchina ha leggermente cambiato il modo di giocare. Ha migliorato il tiro lungo da due punti perché la panchina gli offre pochi giochi per il pick and roll o inserimenti a fari spenti. Sganciato da Batum, con il quale innescava giochi a due da pick and roll è andato a perderci, così come Batum ha diminuito la statistica assist. Clifford ha deciso comunque di lasciare titolare il francese (impensabile spostare Howard in panca), preferendo utilizzare Lamb come scorer dalla panchina, visti i problemi realizzativi della bench. Un quintetto di riserva con Batum in campo potrebbe essere ancor meno efficace nella metà campo offensiva. Il suo rientro non sarà accolto come quello di Curry, ma nell’economia della squadra potrebbe rivelarsi un’arma, o meglio, uno scudo in più, compresi gli scudi d’attacco con blocchi per tripl ribaltabili in pick and roll.

__________________________________________________________________________

 

 4° M. Kidd-Gilchrist: 6,23

MKG è il giocatore più “italiano” in un certo senso. Non lo sto dicendo nel senso migliore, ma in maniera neutrale. Trasformista… una caratteristica che nel bene e nel male (più nella seconda ipotesi da noi) MKG forse sta percorrendo per sopravvivere. Da seconda scelta con ottima reputazione difensiva ma dalla costruzione del tiro orribile e quindi dalle basse percentuali, oggi è diventato un finalizzatore da due sullo scarico, ma anche sul pullup, riuscendo ad andare in uno contro uno a mettere il tiro diverse volte. Le penetrazioni con appoggio sono sempre state il suo pane, sia quelle in coast to coast che quelle a medio raggio. Portate con più energia un tempo, ripetute con intensità inferiore oggi, ogni tanto rimedia qualche sonora stoppata, la quale non lo fa desistere. Un ragazzo che la vita ha messo subito alla prova (il padre ucciso a Camden quando aveva quasi tre anni) e l’ha colpito ancora quando lo zio Darrin Kidd decede il giorno stesso nel quale MKG porta la lettera per giocare a Kentucky. Per questo fatto aggiunge Kidd al cognome originale giacché lo zio l’aveva cresciuto, insieme alla madre Cindy Richardson, la quale intervista al Draft dopo la scelta di suo figlio disse che MKG avrebbe dovuto esser sempre la stessa persona (umile) di prima. MKG, in effetti, pare esserlo rimasto, sa che deve lavorare ogni giorno e sottolinea quest’aspetto infischiandosene d’eventuali critiche, concentrandosi solo sul miglioramento. In diverse interviste all’inizio aveva difficoltà a parlare, sicuramente a causa del suo passato. Oggi è passato da MKG Security” a una versione più offensiva. Sul parquet rimane sempre uno dei migliori difensori a nostra disposizione ma non come un tempo, sarà che è costretto a spender energie offensive. Dai 7 rimbalzi a partita dello scorso anno siamo passati ai soli 4,5 di media anche se gioca qualche minuto in meno a gara. Diminuite anche le rubate e quasi dimezzate le stoppate, indice di meno atletismo dopo la ricaduta dell’infortunio alla spalla. Prende i suoi tiri, i compagni lo incoraggiano e lui non esagera come altri, segue il kata metron e sa qual è quindi la sua misura. Spreca poco, tanto da salire sul 51,5% dal campo, ottimo per un esterno, mentre dalla lunetta suda freddo tirando solamente con il 68,3%. Fossi il presidente terrei l’ex Kentucky a vita (“solamente” per la storia difficile) come buona riserva, ma in un contesto come quello attuale di Charlotte con tiratori “poveri”, nonostante la buona vena realizzativa, servirebbe un upgrade in grado di costruirsi il tiro e che abbia nelle mani più punti. Lo stipendio è medio e la posizione in cui venne pescato al Draft (la seconda, dietro il suo compagno di Kentucky Anthony Davis) non ne consigliano la possibilità bench. Forse potrebbe anche lasciare Charlotte ma oggi l’incertezza del mercato regna sovrana… Mi auguro un lieto fine con i playoffs da disputare per spazzare, dissipare tutte le incertezze… È dura, ma fosse facile non sarebbe divertente…

 

 

__________________________________________________________________________

 

 3° J. Lamb: 6,46

Jeremy scende dal secondo posto al terzo dopo esser stato anche al primo. Inevitabile un po’ di discesa dopo la stagione partita in maniera spettacolare. Qualche prova incolore tuttavia non ha modificato il valore del nuovo Lamb, il quale è stato citato anche al centro di voci di scambio con New York, al tramonto della trattativa per Kemba. Era chiaro che Clifford gli chiedesse principalmente punti senza dimenticare la difesa, cosa che sta facendo, nonostante nelle ultime giornate sia sembrato un po’ più rilassato in fase difensiva, tanto da rimediare con il fallo ad esempio sull’uno contro uno se rimasto attardato perché non concentrato al massimo. Sul tiratore va spesso, anche saltando, qualche volta anche in rientro se il tiratore effettua un pump fake. L’ho notato subito durante la giornata dei media interagire in maniera seria con gli intervistatori. Nelle ultime 17 gare ha tentato 168 tiri realizzandone 76 (45,2) dando consistente mano alla squadra con un picco di 18 punti ottenuto contro Sacramento in casa. È riuscito a toccare quota 20 punti o a segnarne di più per 5 volte in stagione, ma non nelle ultime 17 gare.  Da 18,4 minuti a gara è passato da 25,2, grazie a questo incremento nel minutaggio oggi Lamb viaggia in doppia cifra sui 13,6 a game contro i 9,7 dello scorso anno. Difetta in qualche turnover di troppo ma ha migliorato “sensibilmente” (rispetto alle esigue cifre precedenti e tenendo conto che è uno shooter) nei palloni rubati e negli assist smistati, sebbene siano ancora cifre trascurabili.

 

 

 

__________________________________________________________________________

 

 2° D. Howard: 6,58

Dwight Howard è un tipo simpatico ma un po’ lunatico sul parquet. Gli anni passano e con essi aumentano i dubbi per un giocatore che si è creato la propria carriera grazie alla fisicità che madre natura gli ha donato. Superman, forse motivato dall’abbandono della sua città Natale (Atlanta) si è riproposto su grandi livelli quest’anno. Certamente non azzecca tutte le serate, ma se teniamo conto delle ultime 17 sfide, ne ha sbagliate ben poche. Tre quelle che abbiamo perso quando ha giocato male, altre perse nonostante le sue prestazioni da big. Partenza alla grandissima in gara 35 contro i Warriors che l’hanno sofferto tutto il match, 29 punti e 13 rimbalzi. Va in doppia doppia da 11 partite consecutive e ha aumentato le stoppate rispetto lo scorso anno. 7 casa contro gli Hawks e 6 quelle date ai Kings. Non tutte le cifre sono in aumento rispetto all’annata con Atlanta, però nelle ultime 17 gare ha migliorato la bassissima percentuale ai liberi che aveva. Un 71/121 utile agli Hornets per non perder terreno nell’eventualità del fallo sistematico (visto solo poche volte a inizio stagione) su di lui. Si vede che ha lavorato sul particolare e l’ha fatto bene. Il fisico l’aiuta ancora in alley-oop, schiacciate esplosive ma anche su linee di fondo prese con conclusioni in reverse layup che finiscono inesorabilmente nel cesto rivelando un ballerino nel corpo di un wrestler da pesi massimi. Stagione super quella di Dwight che ha colmato il vuoto sotto le plance, grazie a lui la tattica di batter in ritirata subito dopo il tiro, indicata da Clifford è a volte inutile se Dwight in attacco prende il rimbalzo. Deve essere motivato e in fiducia per rendere al massimo. Il turnover purtroppo è sempre dietro l’angolo per vari motivi, dalla staticità nell’area offensiva al contatto troppo fisico con il difensore, qualche rara volta per il blocco in movimento e anche se non su tutti i tipi di difesa è sempre reattivo, è pur sempre una presenza disturbante per il furtivo attaccante. Alla quattordicesima stagione in corso segna ancora 15,9 pt., cattura 12,7 rimbalzi a partita, in più piazza 1,7 stoppate a gara…

 

Howard è arrivato a 33 doppie doppie, ben undici consecutive.
La foto è stata presa nel warmup contro i Pacers.

 

 

__________________________________________________________________________

 

 1° K. Walker: 6,72

Kemba è il pezzo forte della squadra. La regina sullo scacchiere. Logico che in una squadra che insegue i playoffs e si trova dopo un anno e mezzo a rischiare molto seriamente di non raggiungerli per la seconda volta consecutiva, a causa della discrasia tra contratti e rendimento di altri player, così diventati poco appetibili, le voci di cessione per rifondare integralmente o parzialmente si siano sprecate. Dopo una mezza rivolta dei tifosi che hanno minacciato di tutto un po’, Kemba è stato tolto parzialmente dal mercato dal proprietario di franchigia MJ, il quale ha detto che si sarebbe mosso solo per un’altra stella. Dato che storicamente a Charlotte sulla carta con gli scambi hanno sempre guadagnato gli altri, una predazione da rivolta dei boxer che evidentemente ha infastidito parecchio lo zoccolo duro dei fan che non ha gradito il fuori tutto iniziato con le voci fatte uscire da Woj, principalmente su Kemba (ma ipoteticamente anche su tutti gli alti componenti), motivo principale per recarsi allo Spectrum Center per veder qualcosa d’interessante e avere una chance di vittoria. Kemba mantiene i suoi standard anche se è evidente che è sempre meno clutch player in un contesto nel quale se si è in gara la palla va a lui. Raramente è riuscito da marcato a cambiar le sorti di finali già scritti ma forse pretendiamo troppo da lui. Il ragionamento funzionerebbe per un Supereroe, ma non si capisce il perché una squadra da basket debba avere questa strategia monotematica. A ogni modo Kemba ha infilato nove triple ad Atlanta in una sola serata battendo il suo precedente record di sette… È il giocatore all-star più sottovalutato della lega ma sul quale scriviamo sempre, lascio parlare le cifre…

 

 

 

__________________________________________________________________________

 

I voti giornata per giornata delle ultime 17 uscite:

 

La classifica con le medie totali da gara 1 a oggi:

 

 

Questo articolo è stato pubblicato in Inside The Hornets da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.