Flash News 12/12/2017: Zeller out

Domani Cody Zeller si sottoporrà a un intervento di chirurgia artroscopica per riparare un menisco mediale lacerato, esattamente quello del ginocchio sinistro.

 

Cody Zeller ha aumentato alcune statistiche nonostante il minutaggio inferiore che la panchina gli riserva.
Le stoppate sono divenute 1,1 a partita contro le 0,9 dello scorso anno e ha migliorato le sue percentuali ai liberi.

 

Purtroppo Zeller non è nuovo a infortuni che, specialmente negli anni passati, con un roster contato un ruolo da protagonista (centro titolare), ha finito per pesare sul bilancio della squadra.

Quest’anno con Howard in squadra e Marvin Williams scelto come PF titolare (anche perché Zeller fino all’anno scorso dimostrava un tiro dalla media non ottimale), Zeller è retrocesso come panchinaro di lusso, ma ora lascerà spazio a Kaminsky e O’ Bryant sino al suo rientro.

Qualcuno ha già valutato in sei settimane o intorno al 22 gennaio il tempo di recupero/rientro anche se il sito ufficiale non si sbilancia e non da tempi certi per rivederlo sul parquet.

 

Le cifre di Zeller durante la sua carriera. In proporzione e relazione ai minuti giocati sta ottenendo buonbe cifre. I pick and roll con la panchina non sono più molto utilizzati o la qualità non è così eccelsa ma ha migliorato il tiro dalla media/lunga e in 19,9 minuti riesce comunque a mettere a segno 7,2 pt. di media.

 

Auguri a Cody che pur con i suoi limiti tecnici e fisici, la grinta la mette sempre, finendo per piacere a chi apprezza la classica “canotta sudata” a fine partita.

Questo articolo è stato pubblicato in News da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.