Game 65: Charlotte Hornets @ Miami Heat 109-98

Intro

Si apre con la scritta “In the midnight hour” il video del brano Eyes Without a Face di Billy Idol.

Una versione live del pezzo.

Il 3 dicembre 1983 usciva questo pezzo (leggermente distonico dal suo gusto musicale se non per l’assolo di chitarra elettrica) senza tempo che Idol in un primo momento non voleva cantare.

La canzone è scritta dallo stesso Billy Idol e del suo chitarrista Steve Severin con la bella voce femminile di controcanto di Perri Lister, la fidanzata inglese (per nove anni) del cantante inglese.

Il titolo, Les Yeux Sans Visage (Occhi senza volto), si ispira a quello di un film horror piuttosto truce nella storia (1960, regista francese Georges Franju) in una produzione italo-francese.

La percezione di assenza di umanità, la freddezza e l’insensibilità del mondo moderno che c’è nel film viene trasportata anche all’interno del brano che sembra parlar d’amore e di delusione nell’ottica precedentemente descritta.

Gli Hornets, dopo aver vinto la partita casalinga contro i Rockets ed aver ceduto ad Atlanta dopo una bella ma stramba partita condizionata da una terna imbarazzante nel suo operato sul caso Rozier, proveranno a riscaldarsi a South Beach.

Analisi

Dopo la sconfitta patita ad Atlanta con molti problemi perimetrali, per Charlotte in serata era fondamentale mantener le giuste distanze, soprattutto sulla linea dei tre punti, per giocarsi il match.

La partita iniziava malissimo; Miami muovendo benissimo e velocemente palla travolgeva gli Hornets che subivano 15 delle prime conclusioni avversarie comprese 9 bombe a segno. Il terrificante inizio proseguiva per tutto il primo quarto che arrideva ai locali con un incredibile punteggio di 22-40 dopo esser stata sotto di 20 punti.

Mal si combinava però l’attacco degli Heat quando la zona di Charlotte era supportata dai gemelli Martin.

Le carte si invertivano; rapidità, decisione e precisione arrivavano dall’altra parte ora e a 2:47 la seconda tripla di Graham in a row consentiva agli Hornets l’incredibile sorpasso sul 49-47.

Un’inerzia che gli Hornets mantenevano chiudendo sul 59-51 all’intervallo con un parziale di 37-11 come se si fossero giocate due partite separate.

Gli Hornets incrementavano di altri due punti nel terzo quarto dovendo conservare 10 punti di vantaggio dall’arrembaggio della ciurma del capitano Spolestra.

Ad uncinar la partita ci provava Nunn che da dietro un blocco approfittava dell’indecisione sul cambio marcatura per oltrepassare Zeller (100-95) ma seguiva uno scriteriato deep 3 di Graham che non zittiva però il pubblico ancora a spingere i propri idoli.

Crowder a 1:40 dalla fine da fuori arrivava a far tornare sul -5 i suoi (103-98) ma Graham forzando l’entrata in corsa alzava dal bordo sinistro dell’area dalla media un pallone al vetro che eludeva la strettissima marcature di D. Jones Jr. che rimaneva di sasso per la stoppata mancata.

Charlotte gestiva il finale riuscendo con un coach’s challenge a farsi toglier due FT contro anche se la rimessa era di Miami ma il tocco di P.J. su Nunn che salvava il possibile canestro e un rimbalzo offensivo con gestione lenta del doppio possesso facevano commetter fallo alla squadra di Spolestra a :29.1 dalla fine.

La clessidra per Miami era impietosa e le sabbie che scendevano da essa erano mobili.

Miles nel finale realizzando 4 FT portava il punteggio finale sul 109-98 per una imprevista meravigliosa vittoria di Charlotte con un comeback da 20 punti.

Le squadre perdevano un numero pari di palloni (14) mentre Miami dimostrava la sua buona vena assist con un 20-32 in questo settore, grazie soprattutto al primo quarto.

Gli Heat rimanevano sopra anche per steal (8-7) e stoppate (5-4) sebbene di poco quindi a far girare a favore di Charlotte la partita nonostante il 45,1% dal campo contro il 46,4% erano proprio le percentuali paradossalmente.

Intanto, quando Charlotte riesce a tenere sotto il 50,0% le squadre avversarie ha molte chance di vittoria, poi il fatto di andar dentro prendendo il mezzo e scaricare ha prodotto ben 17/34 3FG (50,0%) per i Calabroni contro il 34,1% avversario degli Heat raffreddatisi andando avanti nel match.

Hornets puliti in difesa con un 81,8% (18/22) in lunetta a fronte sì di un 83,3%, ottenuto però con un 5/6 dalla linea…

Importantissimo anche il dominio a rimbalzo con un 50-36 sebbene ci siano stati dei momenti nei quali Borrego abbia fatto a meno dei centri reali nel finale.

La partita

Starting five

Fuori Butler, Spolestra metteva sul parquet codesto starting five: K. Nunn (24 pt.), D. Robinson (12 pt.), S. Hill (0 pt.), D. Jones Jr. (23 pt.), B. Adebayo (21 pt. +10 assist).

Dalla panchina Crowder è stato il migliore con 8 pt. e 10 rimbalzi, dagli altri contributi numerici trascurabili con un Dragic a 5 assist e altrettanti rimbalzi ma a 3 pt. con un 1/9 dal campo.

Anche Borrego doveva rinunciare a un pezzo da 90, Rozier, fresco di 40 punti ma con la febbre ed ecco quindi il quintetto con Cody Martin in quintetto schierato nella sua splendida classic livrea viola: Graham, Co. Martin, Miles Bridges, P.J. Washington, C. Zeller.

1° quarto:

Partenza perfetta degli Heat nonostante la palla a due vinta dagli Hornets con Zeller su Adebayo.

Dopo una tripla mancata da P.J. su ottima circolazione di palla, D. Jones Jr. da sx replicava alla stessa maniera trovando il fondo del secchiello, Jones stoppava anche Bridges costringendolo a una palla a due vinta poi dal nostro numero zero che dava vita ai primi due punti di Cody Martin in jumper dalla media approfittando dello scivolamento del difensore sul contatto.

Altri tre punti da Miami erano ottenuti sempre da D. Jones Jr. ma gli Hornets sul raddoppio portato a P.J. in drive trovavano sullo scarico la tripla aperta di Zeller dalla diagonale sinistra per il riavvicinamento (5-6).

Charlotte però cominciava subito a distanziarsi seriamente non riuscendo a fermare nessun attacco Heat; a 9:43 Adebayo in gancetto segnava e anche se Cody Martin agganciava un passaggio sotto mettendo dentro, ecco Nunn arrivar al ferro di fisico e sempre la PG Heat con la tripla aperta (problemi sulle chiusure a causa del gioco rapido della squadra di Spolestra) portava sul 7-15 la gara prima che P.J. con lo scatto in taglio verticale sorprendesse la difesa ricevendo da P.J.

Adebayo a 7:45 da sotto ne metteva due facili non arrestando la corsa degli Heat giunta al 7/7 dal campo con Borrego deciso a fermare il gioco finalmente vedendo una difesa colabrodo.

A 7:22 Graham commetteva il terzo TO Charlotte ma da un entrata di Bridges in qualche maniera arrivavano due punti targati Zeller da sotto.

Robinson replicava da tre e l’alley-oop di Jones Jr. mandava al doppiaggio (11-22) gli uomini della Florida.

Bridges in entrata non trovava lo spazio per l’appoggio mentre sull’altro fronte Nunn era come Flash ad andare in appoggio.

Adebayo in Alley-oop svettava sulla difesa degli Hornets, altra entrata mancata di Miles, dentro Iguodala a 4:51, stoppata di D. Jones Jr. sul gancio di Biz che subiva anche la tripla dello stesso per l’assurdo 11-29…

Secondo time-out degli Hornets a 4:24 con buona partenza di P.J. in jump hook nel cuore dell’area gialla su Robinson.

Nunn continuava a bombardare da tre nonostante l’uscita di Biz in close-out.

Uno skip pass raggiungendo Caleb Martin sul lato debole era sfruttato dallo stesso per la tripla del 16-32 a 3:29, dentro Crowder (panchina lunga per Miami) e tripla di Robinson dall’angolo sinistro dopo la finta su McDaniels.

A 2:51 nonostante la palla toccatagli dal difensore recuperava in aria e correggendo il tiro metteva dentro in qualche maniera ma anche il veterano Iguodala dal corner sinistro metteva la sua mano pesante per trascinare gli Heat sul +20 (18-38).

Con 15/16 dal campo comprese 9 bombe a segno sembrava serata stregata e maledetta per Charlotte che tuttavia a 1:37 si portavano a quota 20 dopo due FT di Caleb Martin su iniziativa in entrata.

Herro da sx sfondava le difese degli Hornets sino ad appoggiare atleticamente vicinissimo al ferro quello che diveniva il 20-40 prima di vedere Caleb Martin nuovamente in lunetta a :52.3 per un 2/2 a chiudere i punti segnati nel primo quarto (22-40).

P.J. Washington in palleggio scruta la situazione mentre Iguodala prova a negargli la via del canestro.

2° quarto:

Borrego provava a incitare i suoi e l’effetto su McDaniels funzionava a 11:04 con il numero 6 a metter dentro da oltre l’arco il 25-40.

La zona degli Hornets dava gli effetti sperati con Miami in tilt e sebbene Charlotte in attacco dovesse ancor prender le misure per aggredire più in velocità gli avversari, ecco arrivare cinque punti di Bridges (prima una tripla a 9:53 e poi dopo la stoppata su Hill la stoppata presa dallo stesso valeva due punti in goaltending) che portavano la situazione sul 30-40.

Cody Martin metteva dentro con lo spin in appoggio subendo fallo, la lamentela del n° 11 però chiudeva il parziale di 12-0 poiché il FT tecnico battuto da Dragic andava a segno a 8:36.

Di fatto gli Heat faticavano a segnare e Dragic insieme ad Adebayo andavano a vuoto sul possesso successivo così su uno scambio con restituzione ai quasi 24 secondi ecco la tripla di P.J. sul raddoppio sull’uomo assist Graham.

Un’ottima steal di Cody Martin continuava a dare agli Hornets quella dinamicità e velocità mancata nel primo quarto mentre Bridges mancava sì ancora il tiro in entrata ma continuando ad aggredir il canestro si auto-correggeva in schiacciata a una mano a 7:14.

Devonte’ da tre punti realizzava il 40-41 ma sul più bello arrivavano le preoccupazioni sul fatto di aver speso troppo perché Miami sii allontanava con i canestri di Jones Jr. (dunk da back-door su assist di Crowder), tripla di Nunn in transizione e Adebayo a 5:03 con un libero (su due) per il 40-47.

Bridges da tre non funzionava e nemmeno Graham da due ma era provvidenziale Zeller in tap-in per far ripartire l’attacco.

Un libero (splittati) di Bridges, una tripla sul lato debole di Graham ed ecco gli Hornets pronti al sorpasso.

Sorpasso che avveniva per mano dello stesso Graham (perso dalla difesa) bravo a colpire ancora da oltre l’arco a 2:47 (drive di Miles che scaricava invece di concludere) per il 49-47 producendo il parziale di 9-0.

Adebayo con un tocco al vetro pareggiava ma gli Hornets andavano ad attaccare nel mezzo come richiesto da Borrego e sul palleggio dietro la schiena di Caleb arrivava un fallo poco furbo di Nunn con il cronometro dei 24 agli sgoccioli.

+2 Hornets che diveniva +5 dopo l’undicesima palla persa da Miami e la tripla di P.J. Washington dall’angolo sinistro con imbeccata di Zeller.

Adebayo con il tiro frontale su Zeller era propellente per i suoi ma l’errore di Zeller era corretto da P.J..

Ottimo finale degli Hornets che grazie a una palla bloccata da Graham su un tentativo di passaggio corto Heat andava dall’altra parte sorprendendo Robinson con un’ottima tripla dal palleggio per il 59-51, finale di primo tempo.

3° quarto:

Il primo canestro della ripresa era targato Nunn da oltre l’arco (frontale), Charlotte andava un po’ in difficoltà non riuscendo a muover palla a livello superiore e Jones Jr. metteva dentro la schiacciata del -3.

Graham si buttava dentro tra esitazioni e finte trovando Cody con il tempo giusto per eludere i difensori e farlo appoggiar comodamente.

Adebayo si lanciava in una dunk a una mano per i fotografi a 9:29 mentre molto meno bello era il tocco in entrata a ricciolo di Zeller ma l’efficacia era la stessa.

Graham da 3 punti (5ì freccia avvelenata della sua gara) provvedeva a 8:47 al 66-58 ma Jones Jr. rimanendo una spina nel fianco, metteva dentro anche in reverse il 66-60.

Bridges sulla linea di fondo sinistra faceva a spallate con Robinson per alzare da vicino il +8.

Gli Hornets andavano sul +11 quando su una palla murata da Zeller arrivava su passaggio dello stesso l’appoggio elegante di Graham per il 73-62 ma Jones Jr. da second chance continuava a esser quasi perfetto riportando il divario alla singola cifra di svantaggio.

Graham a 6:13 era lasciato colpevolmente solo così il tiro scoccato dalla nostra PG finiva ad accarezzar la retina per il 76-64.

Adebayo alzava un affidabile gancio su Biz dal pitturato ma McDaniels in entrata, intuendo le possibilità di floater sul più basso Dragic era arpionato dallo stesso a 5:12.

Due FT concessi e non sbagliati e mentre lo slavo degli Heat andava a vuoto da oltre l’arco, sulla corsa di Graham verso il centro con scarico rapido sul lato destro, Caleb Martin andava a segno con una tripla che spediva sul +15 (81-66) Charlotte.

Adebayo con un’alzata risolveva un’azione alla quale dalla rimessa dal fondo mancavano 5 secondi e Un in coast to coast metteva dentro l’81-70 con Borrego a dichiarare un time-out per riorganizzare le difese.

P.J. con un passaggio interno riusciva a far segnare anche Biyombo, Crowder fucilava da tre, passi di P.J. raddoppiato e Adebayo, spingendo di fisico McDaniels in entrata allontanava il rookie riuscendo comodamente ad alzar la sfera per l’83-75.

Caleb a 1:43 era schiacciato da Crowder e Adebayo su un’entrata super aggressiva così piovevano due FT validi per il nostro numero 10.

A 1:21 un driving floater jump shot di Caleb Martin aumentava ancora il suo bottino personale ma il nostro n° 10 si dannava anche in difesa in tuffo su Crowder ma la palla gettata contro l’avversario finiva in rimessa dal fondo secondo la terna per gli Heat che andranno poi a segnar due punti per il -10 (87-77).

Cody Martin perdeva possesso palla ma suo fratello con il teletrasporto la guadagnava una prima volta intercettando un passaggio lungo per poi ripresentarsi subito sulla palla vagante poco prima della sirena entrando un tiro difficile che non entrava.

Devonte’ Graham si infila tra Derrick Jones Jr. e Kendrick Nunn. Per Tae gran serata con finale vincente.

4° quarto:

Hornets che entrando nel quarto sul +10 (87-77) avevano buone chance di portare a casa il match ma c’erano da considerare la voglia di non perdere di Miami e i parziali nettamente a favore dei due team nel primo quarto, molto contrastanti.

P.J. Washington dall’angolo sinistro metteva fieno in cascina con tre punti (90-77) su assist di Caleb.

Dentro Olynyk che metteva due punti da sotto poi sfondamento di McDaniels su Dragic, “Palo” di P.J. dal corner sinistro e 0/2 di P.J. ai liberi a 8:55.

Alla fine Robinson accorciava da tre punti mentre la paura d Miles, eluso dalla finta dello stesso bianco attaccante lo faceva intervenire in seconda battuta ma con il fallo essendo fuori tempo.

Tre liberi a segno che a /:08 portavano la partita sul 93-87.

Il divario rimaneva costante finché a 5:34 Miles Bridges in entrata con crossover attaccava nel traffico piazzando il suo difficile appoggio (97-89).

A 3:58 uno scarico di McDaniels per Caleb valeva oro per il nostro n° 10 che ci trascinava a +11 (100-89).

Gli Hornets rallentavano un po’ il ritmo e beccavano la tripla da fermo di Nunn dall’angolo destro con Martin attaccato e la tripla di Nunn che dopo lo schermo preso sparava nell’incertezza del cambio difensivo di Charlotte che non consentiva a Zeller di arrivarci.

A salvare Charlotte, ridimensionata sul +5 (100-95) ci pensava Graham (2:25) che con una sconsigliabile zona 3 pericolo, lanciava la sua lancia da guerriero direttamente da Charlotte per un deep 3 incredibile.

Nonostante il poco tempo a disposizione Miami sospinta dal pubblico, non si arrendeva sebbene Jones Jr. arrivasse corto proprio nel momento sbagliato per la sua energica schiacciata abortita.

Miles sbagliava da fuori ma Crowder no e a 1:40 dalla fine ecco gli Heat a riaffacciarsi minacciosamente.

Graham rallentava ma a 1:17 in corsa anticipava l’intervento in stoppata del francobollo Jones Jr. quasi ponendo fine alla contesa con due punti al vetro anche perché successivamente due FT per Adebayo erano revocati dal coach’s challenge di Borrego che vedeva però assegnar comunque il fallo sul pulito intervento a contrasto di Caleb Martin in salto verticale nel semicerchio antisfondamento contro il tiro in corsa di Adebayo.

P.J. a 1:02 stoppava in rincorsa Nunn e sul possesso offensivo di Charlotte nonostante l’errore di Graham ecco il rimbalzo di Cody Martin che chiudeva il match con quelli del Calore poi costretti al fallo.

4/4 di Miles in lunetta e 109-98 finale.

La shot Chart dell’ultimo quarto delle due squadre.

Le pagelle

Devonte’ Graham: 9

30 pt., 1 rimbalzo, 6 assist, 1 rubata. Graham, inizialmente un po’ timido, prende confidenza nel secondo quarto e con due triple consecutive ci porta in vantaggio. Numero limitato di assist ma letali come quello con il passaggio sotto per Zeller o quello scaricando sul lato destro per la tripla di Caleb. Nel finale rallenta e tiene il ritmo della partita. Gli Heat sono costretti a seguire la sua legge fisica. Mette un tiro al vetro off-balance da marcato, realizza una tripla direttamente da Charlotte definibile sconsiderata passando Adebayo e mette anche dentro alzando dalla media al vetro un difficile tentativo con Jones Jr. a francobollarlo. Tre giocate importanti che decidono la gara. Senza Rozier trova più spazio in attacco arrivando a 30 pt. con un 11/19 al tiro e un fantastico 8/11 da fuori per un +3 in plus/minus. Peccato i 5 TO, uno facendosi chiudere sulla linea di fondo sul quale ho qualche dubbio…

Cody Martin: 6,5

6 pt., 8 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata, 1 stoppata. 3/5 FG, 2 TO, +8. Promosso titolare per assenza di Rozier. Buona partita con la solita energia a livello fisico anche se come tutti viene travolto all’inizio e il fratello Caleb tende un po’ a oscurarlo ma pur non essendo altissimo è importante a rimbalzo (prende quello finale sull’errore di Graham che poi porterà gli Heat a commetter fallo) e mette su 6 pt. con qualche punto di rottura.

Miles Bridges: 7

16 pt., 8 rimbalzi, 2 assist, 1 stoppata. 5/16 FG, +10. L’inizio è il peggiore della squadra. Sbaglia tanto forzando entrate fisiche e in difesa si allinea ai compagni facendosi devastare poi però, sempre nel primo tempo piazza una bella stoppata su S. Hill andando a metter due punti in goaltending. Ha qualche fiammata offensiva. Una bella dunk a una mano correggendo sé stesso. Discreto finale dove sbaglia solo una chiusura su Robinson che regala tre liberi poi segnati da Robinson. Mette dentro un mezzo circus shot nel traffico dopo un crossover in entrata con palla a girare sul ferro e a entrare. Segna gli ultimi 4 FT senza problemi.

P.J. Washington: 7

17 pt., 7 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata, 1 stoppata. 7/17 FG (3/10 FG), 1 TO. Sorregge Charlotte in avvio e in alcuni momenti difficili. Ha un brutto momento a inizio ultimo quarto dopo aver sganciato la bomba del 90-77 con un TO per passi e diversi errori, specialmente da tre dove prende un palo dalla sinistra mancando poi anche due liberi. Borrego lo vede stanco e lo tira fuori. Nel finale si riprende e piazza la stoppata decisiva su Nunn.

Cody Zeller: 7

14 pt., 11 rimbalzi, 3 assist, 1 stoppata. 5/8 FG, +8. Inizio in sordina poi qualche buon difesa, punti piuttosto semplici ma importanti. Va in doppia doppia e non stona.

Jalen McDaniels: 6,5

5 pt., 6 rimbalzi, 2 assist. 3 TO, +17 in 28:56. Partenza difficilissima anche per lui con qualche errore come la tripla concessa a Robinson dall’angolo ma poi piano piano, senza far cose eccezionali lievita sino a far segnare una bomba e 2/2 dalla lunetta attaccando intelligentemente il più basso Dragic. Bell’assist con scarico per Caleb nel finale.

Bismack Biyombo: 5

2 pt., 2 rimbalzi in 11:11. ½ FG, -7. Non tiene il passo degli Heat. Pachidermico, viene battuto su close-out sul tiro ma anche in alley-oop non riuscendo a presidiare lo spazio aereo a difesa del ferro. Sicuramente Borrego se ne accorge e non dura molto preferendogli alla fine i due rookie in PF. In attacco fa da comparsa segnando solo su invito di P.J..

Caleb Martin: 8,5

19 pt., 7 rimbalzi, 3 assist, 4 rubate. 4/12 FG (3/6 FG), 8/8 FT, 1 TO, +15. Tremendo. Questa volta non sbaglia nulla ingenuamente e il plus/minus dice tutto, anzi, è anche ingeneroso. Nel finale contrasta Adebayo saltando all’interno del suo cilindro andando a contatto. Borrego lo salva da due FT anche se il fallo permane ma non è sul tiro. Un’azione difficile da rielaborare che costringe gli arbitri a non chiamar il fallo per la pulizia dell’intervento. Ha il teletrasporto, intercetta palloni e arriva a 4 rubate, all’occorrenza sa fornire assist e si butta anche a rimbalzo o per terra se può cercar di avere anche una piccola chance di recupero. La zona con lui diventa una trappola per Miami. Non supera il suo record in carriera ottenuto ad Atlanta ma mette a segno altri 19 importantissimi punti. Buona mano da fuori, è uno degli interpreti migliori e più aggressivi nel buttarsi dentro per scaricare o ottenere liberi. Mette dentro un perfetto 8/8. Se continua così dovremo incatenarlo per non farcelo rubare.

Joe Chealey: s.v.

0 pt.. In 2:10 sul parquet, niente di niente, tutto a zero. Coinvolto come spettatore sul parquet si ritrova con un -1 in +/- m non è giudicabile.

Coach James Borrego: 7

Ottima idea la zona con la quale vince la partita portando gli Heat dove voleva lui. Alla fine la difesa riesce a tener meglio sulle spaziature e sui giochi Heat sotto canestro. A livello tattico la vince lui. Non si arrende dopo il primo quarto. Attacco bilanciato, strategia giusta, mentalità appropriata e arriva una insperata, inaspettata splendida vittoria a South Beach.

Game 64: Charlotte Hornets @ Atlanta Hawks 138-143 (2OT)

Intro

Gli Charlotte Hornets dopo la serie di partite casalinghe escono dal North Carolina per rotolare verso sud in un mondo alieno.

Due trasferte, destinazione finale Miami, tappa intermedia Atlanta, pianeta Georgia.

Per il fatto di giocar fuori casa e perché i Falchi hanno sempre avuto il rosso come colore simbolo potremmo dire che gli Hornets esploreranno il pineta Marte in cerca di forme di vita proprie per vedere se in un prossimo futuro i giovani giocatori a disposizione di Borrego, avranno ancora vita e un futuro florido.

Alcune nuove teorie dicono che su Marte, dopo un violentissimo impatto con un qualcosa di simile a un pianeta nano si sia formato ciò che viene chiamato “Bacino Boreale”, si sia formata una buca del diametro di 10,400 km, profondità di 8 km che oggi conferisce un aspetto molto meno circolare del pianeta che nella parte australe è più ampio.

Questo impatto avrebbe ucciso le prime potenziali forme di vita, organismi unicellulari che qualcuno pensa si siano formati su Marte per via delle dimensioni ridotte rispetto alla Terra e al suo raffreddamento “precoce” rispetto a quello del nostro pianeta.

Altri ipotizzano abbia ripreso vita con feroce resilienza anche dopo l’impatto grazie al medium acqua ma oggi non ci sono forme di vita; le sonde, i satelliti e i robot che scandagliano “Mars” hanno trovato qualche possibile indizio di vita passata ma nulla oggi, ovviamente.

L’atmosfera è rarefatta come quella surreale che si respira qui in molte parti del Nord Italia in questi giorni da “contagio” in città quasi fantasma che assomigliano al Far West e sembrano entrate in un torpore per nulla atarassico dal quale si riverberano virtuali ondate di gogne mediatiche, varie ed eventuali su qualsiasi tema…

Per ora in America si gioca, gli States non sono ancora al centro dell’emergenza ma la minaccia che la Lega si possa fermare, anche se non manca molto alla fine della Regular Season esiste.

Analisi

Inimmaginabile partita ad Atlanta da commentare su due piani; il primo è squisitamente di gioco, il secondo è su come la NBA gestisca paradossalmente certe situazioni che divengono scabrose alla fine non facendo bene alla propria immagine.

Partiamo dal gioco: Franco Scoglio vi avrebbe, riguardo al calcio che la partita perfetta è quella da 0-0 dove le squadre non sbagliano nulla ma nella NBA, mentalità da spettacolo americana le cose cambiano e queste due squadre in serata sono sembrate spesso due pugili pronte a darsele tenendo la guardia abbassata.

Il ritmo veloce ha favorito questa impressione e anche le numerose triple cadute tra le maglie della retina remano in questa direzione.

La partita è meravigliosa, il risultato no…

E’ successo di tutto dopo cambi di squadra leader gli Hawks hanno preso qualche punto di vantaggio allungando nel finale di quarto quarto quando Hunter da tre punti mandava sul -9 i Calabroni.

A rivitalizzare gli Hornets ci pensava Rozier che sganciando triple in serie riusciva a portar sul 120-119 pro Hornets il match.

Siamo al minuto finale, Cody Martin manca il colpo del K.O. Da tre punti, transizione banale presa da Charlotte che si faceva affondare da Collins in alley-oop.

Poco male perché il piano degli Hornets funzionava; chiusura di Reddish fallosa su Graham e due liberi perfetti del nostro numero 4 che a :05.5 dal termine portava sopra gli Hornets.

Time-out Atlanta, palla a Young con chiusura di Caleb Martin (fino a quel momento gran partita) e partita praticamente persa ma dopo aver infilato il primo libero, il talento degli Hawks mancava il secondo arrivando così miracolosamente al supplementare.

Al primo supplementare non cambiava molto, partita sempre punto a punto con la schiacciata di Biz e Collins al terzo tentativo per il 131 par prima di veder Charlotte in un rarissimo TO, per 24 secondi scaduti, e il floater rimbalzante sul secondo ferro di Young che decideva di non entrare.

Biyombo nel traffico agganciava il rimbalzo e dopo il time-out Rozier era servito nell’angolo destro, fronteggiato dall’ex Treveon Graham.

Con pochi secondi da giocare era naturale Rozier provasse a portarsi sulla linea di fondo e provar un tiro sicuro ma sul suo movimento in partenza arrivava la beffa.

Gli arbitri chiamavano fallo contro il Graham avversario, al replay la scelta era confermata ma il colpo di scena era che Pierce giocava il jolly per chiedere un fallo offensivo di Scary che fisiologicamente con il braccio sinistro andava a far quel classico movimento per circumnavigare il difensore prima che Treveon appoggiasse la mano in faccia al nostro numero 3.

Dopo due chiamate pro Hornets la terna si smentiva concedendo il fallo offensivo pro Hawks.

Dinamica di difficile interpretazione, non è uno scandalo la chiamata (probabilmente è corretta per vi del vantaggio che prende Scary ma non si vede spesso fischiar questa cosa) se non per il fatto che spesso si sia vittime di falli a favore non visti e situazioni simili corrette o viste benissimo.

Un secondo da giocare, floater di Young corto dopo essersi liberato di Caleb e secondo OT.

Altro finale tirato con gli Hawks a un passo dalla vittoria a :33.6 dalla fine quando Reddish agganciava e depositata la sfera passata da Young (135-138).

Charlotte non poteva sbagliare e per pareggiare faceva la cosa più difficile con un un contro uno di Rozier che in corsa e in fade-away correggendosi per evitar la stoppata del 22 avversario, mandava a bersaglio un tiro incredibile.

A rovinar tutto il buono fatto in partita da sé stesso c’era il fallo sul tiro da tre in angolo commesso da Caleb Martin su Hunter.

Il young player avversario realizzava i 3 FT a :13.3 mentre Rozier andava in taglio con cambio di direzione repentino ad agganciar il passaggio tentando ancora di pareggiare ma questa volta non funzionava e gli Hornets costretti al fallo regalavano a Reddish i 2 punti finali dalla lunetta per un 138-143 che decideva finalmente il team di serata vincente dopo aver visto le squadre entrambe a un passo dalla vittoria sprecare tante occasioni.

Charlotte ha sfruttato molto di più i punti da TO commettendone pochissimi, 3 contro i 15 Hawks con 9 rubate a una e ha chiuso sopra 6-5 nelle stoppate.

Hornets nettamente migliori dalla lunetta con il 91,3% contro il 59,3% avversario ma negli assist sono andati sotto 31-33.

Molto peggio è stato fatto a rimbalzo con un 35-53 eloquente nonostante in serata Willy sia rimasto out a beneficio di un Biyombo sul parquet 34:26 con 6 rimbalzi totali.

Gli Hornets hanno tirato con il 47,1% dal campo e con il 39,6% da tre punti concedendo troppo però ai Falchi che ne hanno approfittato con il 55,2% FG e il 48,8% da 3 punti.

La partita

Starting five

Pierce provava a mettere in campo il seguente starting five: Young (31 pt. + 16 assist), Huerter (10 pt.), Hunter (13 pt. +11 rimbalzi), Collins (28 pt. + 11 rimbalzi), Dedmond (14 pt. +9 rimbalzi).

Dalla panchina importante per la squadra georgiana Reddish con 22 punti e poi un Carter da 9 punti.

Hornets con i soliti 5: Rozier, Graham, Bridges, P.J. Washington e Zeller.

1° quarto:

Avvio di partita drammatico per gli Hornets che incassavano una tripla siderale di Young nonostante il braccio alzato di P.J. Washington, facevano scadere i 24 secondi in un attacco diviso in due tronchi e subivano un alley-oop da Collins che interveniva su un floater-assist di Young.

Graham mitigava il distacco grazie alla bomba dalla diagonale sinistra a 10:47 ma un altro alley-oop di Collins, una tripla di Dedmond e un two and one con FT mancato di Dedmond a 9:26 (fallo di P.J. in area costretto dall’imbeccata di Young) davano un parziale si 0-7 pro Atlanta.

Borrego notava la mancanza di energia e propendendo per un time-out faceva la cosa giusta scatenando un contro-parziale da 9-0 iniziato da Rozier che con uno step-back da due punti lunghissimo metteva a segno prima di ripetersi dalla diagonale sinistra in transizione da tre punti grazie a una steal con coast to coast fermato con assist di Graham al quale seguiva un altro canestro di Scary che sfuggendo a Hunter metteva dentro un floater con fallo ma non il libero.

A 8:14 P.J. usciva per il secondo fallo ma su una rimessa laterale Hawks, Graham rubava palla e si involava per la bimane del pari (12-12).

Da un passaggio pallottola di Young ecco lo scontro Collins-Bridges.

Contatto e due FT con un ½ per l’attaccante Hawks che rompeva così anche il parziale teal.

Lo step-back di Rozier dalla baseline saltava sui ferri mentre la connessione Young-Collins funzionava ancora son un soft touch volante.

Esagerazione con errore di Young da tre, fing and roll di Zeller, tripla di Hunter e due di Collins da sotto così gli Hawks tentavano di distanziarsi sino ad arrivare al 14-20.

Charlotte salvava una palla con McDaniels sulla sinistra e sviluppando un’azione imprevista arrivava a Graham che dalla corta diagonale destra metteva dentro da oltre l’arco il 17-20.

Un tap-in di Zeller era valutato come interferenza e Young, colpendo da tre, restituiva i sei punti di vantaggio alla squadra locale prima di vedere un wow step back da tre di Rozier che seguiva alla ricollocazione con finta precedente.

Atlanta beneficiava del buon avvio di Young che ne metteva altri due, Rozier teneva botta rispondendo ma Atlanta ne metteva altri due.

A dir la verità le squadre non finivano più di segnare con le difese spesso vanificate, succedeva così anche quando Cody Martin infilando il FT jumper metteva dentro il 24-27.

Una driving dunk di Hunter era mancata per la buona presenza del subentrato Biz, Rozier dava concretezza al buon lavoro del centro pareggiando con una tripla che girava sull’anello come la pallina di una roulette prima di fermarsi sul tre.

Una running hook di P.J. sbancava per il 29-27 mentre Biz perdeva palla, Reddish in transizione trovava un contatto con P.J., il quale sosteneva che l’avversario stesse bluffando ma nonostante ciò arrivavano i due liberi.

Hunter però calando solo una carta portava sul -1 i suoi che si facevano sorprendere da Graham e la sua tripla da ben oltre la top of the key per il 32-28.

Teague un entrata accorciava e sul finire un open jumper di un precisissimo Dedmond impattava il match sul 32 pari, finale di primo quarto.

Graham e Young uno contro l’altro. Devonte’ ha chiuso con 27 punti e 10 assist. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Il punteggio, altissimo, non arrestava a fermarsi; dopo 14 secondi Biyombo schiacciando ci riportava sopra nonostante il FT addizionale fallito che costava però il sorpasso per mano di Teague a mezzo tripla.

Qualche errore per parte ma era ancora Atlanta a spuntarla con l’appoggio da sotto di Fernando che usciva vivo dal pressing dei fratelli Martin.

Elegante reverse layup su assist di Graham per Cody Martin, tripla di Reddish,entrata frontale di Caleb che portato sul lato sinistro del ferro chiudeva con la torsione del braccio destro.

Atlanta però esaltandosi a suon di triple si distanziava, nell’occasione con quella del veterano Carter, Miles affondava l’alley-oop a una mano Reddish con il jumper da due dalla baseline destra era perfetto per il 40-45.

Caleb Martin trovava la mattonella dalla diagonale sinistra per tre punti Huerter no e Cody Martin con il crossover e l’alzata da destra nei pressi del ferro serviva Biz che si sforzava poco per correggere a canestro il 45 pari.

Time-out ATL a 7:29, tripla di Carter a far ripartire la squadra della Georgia ma l’errore di lasciar solo Caleb a 7:00 era pagato caro con il secondo pugno lungo di martin che impattava a quota 48.

Carter-Collins la mano lunga per l’alley-oop ma P.J. in drive da sotto canestro con un pocket pass invitava McDaniels all’appoggio dei 100 punti complessivi passati da Bridges in reverse layup dopo un gioco dentro-fuori con Graham che serviva un bersaglio mobile.

Partita vivace e tripla di Huerter a restituir il vantaggio agli Hawks che incassavano un’altra tripla firmata Caleb Martin prima di riportarsi in vantaggio con la tripla di Dedmond dalla diagonale destra (troppo spazio concesso).

Il time-out di Borrego non fermava il buon momento di Atlanta che allungava con Reddish trovato su una rimessa dal fondo e Dedmond.

A 2:01 un dai e vai con Zeller a servir Graham, con fallo di Dedmond serviva alla nostra PG per portar a casa tre punti (58-60) ma un long 3 di Young e due FT di Huerter (splittati)portavano la situazione ad aggravarsi sul 58-64.

Due FT di Young a :33.7 dall’intervallo appesantivano al situazione sul -8 ma Graham a :30.3 metteva dentro due liberi a sull’ultima azione buona per gli Hornets con poco più di 9 secondi da giocare, ecco McDaniels sorgere con la tripla del -3 a :01.4.

63-66 e squadre negli spogliatoi.

3° quarto:

Sembrava poter partire bene Charlotte con Zeller a ricucire sul -1 ma Young da tre era ormai show, Collins di sinistra batteva Zeller di fisico e Huerter in jumper mandava sul 73 i suoi.

Zeller, triplicato sotto canestro, vorticava lentamente per trovarsi con lo spazio necessario per salir a schiacciare ma gli Hawks pescavano tre FT quando P.J. Washington voltandosi sul close-out finiva per toccare Collins in angolo per il 2/3 ai liberi (67-75).

Il momento di difficoltà si protraeva sino al 69-77 prima che Zeller e Rozier portassero a casa due FT a testa per il 73-77.

Blocking foul di McDaniels confermato anche dopo la chiamata di Borrego ma ai due punti ottenuti dal player dei Falchi non si combinava il libero quindi un bel turnaround del nostro prodotto uscito da San Diego State ripristinava lo svantaggio sul -4 (75-79).

Quarta dunk di Collins (alley-oop) ma Hornets subito in bonus sul fallo su Biz che metteva dentro con concentrazione le occasioni.

Young da tre non la metteva forzando contro Biz ma i due Martin e McDaniels non avevan la meglio sotto sul rimbalzo preso da Collins e trasformato in due punti.

A 5:14 Caleb era spinto in entrata e andando in lunetta aumentava il suo bottino di un paio di unità.

Atlanta sbagliava un attacco 5 vs 4 con Graham a terra dopo essersi agganciato con un lungo la caviglia sinistra per rimaner a terra dovendo uscire poi mentre dall’altra parte Cody Martin otteneva due FT realizzandoli per l’81-83.

Carter bombardava dal lato su Cody Martin ma il fratello lo vendicava con due punti anche se in goaltending.

Su un’azione a vuoto offensiva dei Falchi, la rapida ripartenza di McDaniels in transizione non faceva ragionare Young che commettendo fallo nella nostra metà campo regalava altri due liberi agli Hornets in bonus che approfittavano per risalir sul -1.

Treveon Graham, l’ex, dal corner sinistro metteva la tripla ma Rozier con un lungo due chiedeva ai suoi di non cedere, floater di Teague, McDaniels da due, Reddish da tre seguito e imitato da Cody Martin e l’open a :54.6, gli Hornets resistevano in scia sul 92-94 prima che Reddish riuscisse a realizzare la tripla oltre Rozier.

Gli Hornets segnavano due FT con Cody Martin dopo la stoppata di Dedmond sul nostro gemello più famoso.

La stoppata era buona ma gli arbitri vedevano la mano sul volto di Cody e si andava per i due liberi del nuovo 94-96.

Young comunque metteva gli ultimi due punti per chiudere sul 94-98.

I gemelli Martin impegnati in campo. Qui Cody scarica verso Caleb (n° 10). Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Partiva freddo Rozier nell’ultimo quarto ma Caleb Martin in terzo tempo appoggiava gelando Dedmond e il suo tentativo di stoppata.

Dedmond era stoppato da P.J. ma recuperando mandava sui 100 punti gli Hawks.

Hunter spingeva i Falchi sul 96-103 a 7:48 con un macigno da oltre l’arco ma Graham con la quarta tripla personale (open dall’angolo sinistro) accorciava su quello che era divenuto il classico gap a 4 punti.

101-105, 101-107 fino alla sorprendente e rapida tripla no fear di Caleb Martin che a 5:48 realizzava il 104-107.

Altra tripla meteoritica piovuta dal cielo, questa volta di Reddish poi Huerter in correzione volante e Hornets in crisi sul -8 ma un appoggio forzato di Graham restituiva un barlume di luce.

Lo spiragli a 4:25 provava a stuccarlo Huerter che da tre la metteva comodamente con gli Hornets incapaci di andare a contrastarlo.

-9… ma a 4:05 un uno contro uno difficile di Rozier era concluso con il sibilo da oltre l’arco della sfera ad accarezzar la retina e a 3:40 Dedmond finiva fuori per il sesto fallo commesso su Biz in presa su una palla vagante sulla nostra linea di fondo.

Caleb caricava ancora quel suo strano tiro (movimento delle gambe) ma funzionava ancora… altra tripla e Hornets sul -3 (112-115).

Passaggio lollypop rischiato per Collins che agganciava nel cuore dell’area tra Rozier e Martin con il fallo di Caleb che mandava in lunetta Collins, 10/10 dal campo ma al 50% in lunetta.

Anche qui l’uno su due non faceva bene ai suoi perché la drive di Caleb Martin si chiudeva con un pocket pass per la jam aggressiva del -2 di Biyombo.

Hunter provava ancora ad ammazzar la partita per la squadra di Pierce ma non succedeva perché alla sua tripla rispondeva da fuori Rozier (rivista dagli arbitri) per il 117-119.

Young non la metteva da fuori mentre l’extra pass per Rozier sulla circolazione di palla dava buoni frutti con gli Hornets a riaffacciarsi avanti nel momento decisivo.

Quando Reddish mancava la tripla agli Hornets basterebbe poco per vincerla ma sul fallo in anticipo (su Biz) non arrivavano i liberi e Cody Martin dalla destra da fuori mancava il colpo del K.O. Generando una transizione che portava Collins a insaccare in alley-oop.

:20.1 per segnare o morire, Graham lanciatissimo era chiuso da Reddish fallosamente non tenendo il passo.

Due FT a :05.5 a segno e sorpasso sul 122-121.

Ultima possibilità per Atlanta, palla a Young, Caleb Martin commetteva fallo provando a rientrar su di lui e arrivavano due liberi per la stella Hawks.

Primo a segno, secondo inaspettatamente mancato; gli Hornets sopravvivevano al regolamentare.

1° OT:

Teoricamente gli Hornets, sopravvissuti all’ultimo libero avrebbero dovuto entrare nel supplementare con una marcia in più ma nonostante la palla a due guadagnata e la successiva steal di Graham difensiva con appoggio in floater di Rozier a 3:59 (arrivato a 30 punti), ma l’effetto Young si faceva sentire.

Per farsi perdonare dell’errore eccolo a 3:34 sparare un’altra deep tre che finiva dentro.

Banker di Graham (126-125), Young in entrata oltre Rozier per il sorpasso, Terry in corsa otre il blocco e tre punti rapidi a 2:34 metteva dentro il 129-127.

Ancora Young in penetrazione non trovava validi oppositori per fermarlo dal proposito di aggancio.

Graham da tre mancava il tiro, Caleb Martin stoppava il floater di Young ormai destinato alla retina, all’ultimo istante.

Reddish non funzionava e da una drive di Cody Martin ecco la chiusura nel pitturato ma il passaggio verticale filtrando dava modo a Biz (sulla linea di fondo) di schiacciare e agli Hornets di prender vantaggio.

Dall’altra parte Collins al terzo tentativo la metteva dentro grazie alla perdita d’equilibrio della difesa che non teneva sotto.

Charlotte non trovava lo spazio per capitalizzare nei 24 a disposizione ed Atlanta avendo la palla per chiudere il match a pochi secondi dalla fine la vedeva rimbalzare un paio di volte sul secondo ferro ed uscir fuori nonostante l’idea del floater di Young fosse buona.

Biz usciva in mischia con il rimbalzo e Charlotte giocando il time-out andava alla rimessa sulla quale Rozier prendeva palla sul lato destro; movimento per battere Treveon Graham aiutandosi con la mano sinistra di richiamo, una move fisiologica, mano in faccia a Terry, l’azione prosegue con la fuga sulla linea di fondo del numero 3 che cade dopo aver impattato sulla nostra ex ala.

Per la terna sono due tiri liberi.

Due FT che garantirebbero al 99,0% la vittoria con un secondo da giocare sul cronometro e Terry in lunetta.

Decisione delicata su un contatto controverso confermata dopo il primo instant replay e sottolineo primo perché arrivava il colpo di scena con Pierce che chiedendo il fallo offensivo di Rozier ribaltava la situazione.

Arbitri a riveder per la seconda volta la stessa azione che smentivano sé stessi.

Aldilà che si possa ritenere legittima e non scandalosa l’interpretazione arbitraria finale ciò che andava in onda aveva del surreale e si ripercuoteva sul morale della squadra inconsciamente.

Fallo offensivo e ultimo possesso Atlanta con Charlotte che si salvava dal floater di Young (altro errore in crunch time) solo per il tiro andato corto visto che Caleb in marcatura si faceva allegramente seminare dal movimento ella PG avversaria.

2° OT:

Si prolungava quindi al secondo OT; pala a due ancora per Charlotte che la metteva dentro ancora per prima grazie a un rimbalzo offensivo di Rozier e due punti in area.

Young dalla zona logo ricalcava la tripla precedente mandando in onda un surreale lead change che Atlanta provava a rinforzare ma Collins sbattendo addosso a Cody Martin commetteva TO.

Una certa stanchezza consentiva alle difese di resistere ai tentativi meno precisi da fuori ma quando Reddish in area agganciava il passaggio corto da destra di Young mettendo dentro a :33.6 i Calabroni iniziavano a trovarsi in situazione critica.

Ancor più incredibile che Rozier in corsa si arrestasse modificando l tripla dalla diagonale destra in fade-away che passando il n° 22 finiva dentro la retina con l’ex Celtics a toccar quota 40 punti, massimo in carriera.

Charlotte gettava al vento il match quando Hunter, tentando una tripla dall’angolo era toccato da Caleb Martin (anche lui già al suo massimo in carriera), il quale, già graziato due volte sugli errori di Young, cedeva ai tre liberi del giovane dei Falchi, affidandosi ai compagni per il tentativo di disperato pareggio.

Gli Hornets provavano ancora ad affidarsi a Terry ma anche questa volta nonostante il buon movimento con il taglio a L e l’aggancio con giro e tiro da tre punti non funzionava.

Fallo di Charlotte finale che serviva solo a far allungare Atlanta di due punti (Reddish 2 FT) per il 138-143 finale in una partita bella che Atlanta ha meritato di vincere come l’avrebbe meritata Charlotte (visto che non è previsto il pari in NBA) ma che dovrebbe far rifletter sulla coerenza di certe decisioni prese, infatti, nel finale Borrego aveva giustamente da dir qualcosa alla terna.

Le pagelle

Terry Rozier: 8

40 pt., 4 rimbalzi, 3 assist, 1 rubate. 15/26 FG (8/13 3 FG), 1 TO, -2. Quasi eroico. Gli manca sempre “quell’ultimo tiro” anche se questo è un concetto abbastanza astratto, almeno finché gli Hornets non riusciranno a mettere ordine in difesa continuando a conceder canestri nei momenti decisivi. Rozier è sempre alla rincorsa, gioca uno splendido primo quarto e ci trascina nell’ultimo quarto dei regolamentari. Sul finire del primo OT potrebbe aver preso il fallo della vittoria ma gli arbitri dopo due decisioni a favore, arrivano alla Cassazione e danno fallo contro. Tira la carretta anche nel secondo OT agganciando a mezzo tripla dalla diagonale destra il pari con un tiro in fade-away, corretto per evitar la stoppata. Va a sbagliar l’ultimo tentativo per il pari dopo il fallo di Caleb. Non gli riesce il miracolo ma in una serata da 40 punti (massimo in carriera) ha ricordato Kemba e i suoi sforzi per tenere a galla gli Hornets nelle partite difficili.

Devonte’ Graham: 7,5

27 pt., 4 rimbalzi, 10 assist, 4 rubate. 9/26 FG (4/14 3FG), 5/5 FT, 0 TO, -5. Secondo violino in serata, trova il modo per andare a segno diverse volte, si ferma nel finale, soprattutto mancando qualche tripla, forse un po’ stanco o con la caviglia sinistra magari con qualche problema dopo esser uscito dal campo per un contatto con un lungo. Doppia doppia con ben 10 assist.

Miles Bridges: 5

4 pt., 4 rimbalzi, 4 assist, 1 stoppata. 2/10 FG in 26:12. Tradisce un po’ Miles che non sempre è irreprensibile in chiusura ma soprattutto sbaglia tantissimo al tiro in una serata dove quasi tutti in attacco si son ritagliati il loro spazio. Iniziative verso canestro o triple che si trasformano in “stai fermo un giro”. Bella la palal che gli lanciano per affondare l’alley-ooop a una mano e poi una schiacciata a elicottero quasi ma il gioco era già ampiamente fermo per un fallo subito in transizione dai nostri.

P.J. Washington: 4,5

2 pt., 2 rimbalzi, 1 stoppata. 1/6 FG. 1 TO, 4 falli. Gioca poco, 16:27, limitato dai falli e da Borrego che lo vede in una serata nella quale proprio non c’è, di quelle che si dicono: “non esser scesi in campo o sul parquet”. La difesa non mi piace e l’1/6 in attacco parla da solo, manca un paio di triple in avvio di ultimo quarto nei regolamentari che in genere di recente ci aveva abituato a veder trasformare.

Cody Zeller: 5,5

10 pt., 7 rimbalzi, 2 assist. In attacco mette i suoi punti di rottura da sotto ma spesso lascia scoperte le vie aeree e i 22:49 pur partendo da titolare rappresentano l’incapacità di arrivare a difender l’anello in certe circostanze. 3/5 dal campo 4/4 ai liberi ma anche -16 in plus/minus.

Cody Martin: 6

11 pt., 4 rimbalzi, 5 assist. 3/8 dal campo, 4/4 FT. Peccato che non abbia un tiro da tre come quello del fratello e nell’1/5 da fuori è compreso il fatal errore al tiro che avrebbe potuto chiudere il discorso. Alcuni assist veri e solito impegno ottenendo due FT in 4 vs 5 quando Graham rimane a terra e uno sfondamento subito da Collins nei supplementari resistendo senza paura con esultanza da terra.

Bismack Biyombo: 5,5

10 pt., 6 rimbalzi, 2 assist, 2 stoppate. 1 TO ci sarebbe ma non gli è riconosciuto. Per il resto anche lui non è formidabile sotto le plance ma mette due dei tre liberi assegnatigli. Non è lesto nel ripiegare sull’alley-oop di Collins del sorpasso, buono invece il rimbalzo difensivo nel traffico che potrebbe portare Rozier poi in lunetta ma né lui, né Zeller danno l’impressione di dominare almeno la nostra area.

Jalen McDaniels: 5,5

11 pt. 4 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. 4/8 dal campo, -8. Scorci di buona difesa e altri di gravità zero con una certa assenza a livello di distanze. Bene o male se la cava per essere un rookie in 28:12. Tre falli commessi ma a rimbalzo a volte non è stato perfetto come contro Collins che lo ha battuto sul rimbalzo da tripla di Young.

Caleb Martin: 5,5

23 pt., 4 assist, 3 rubate, 2 stoppate. 8/10 FG (5/6 3FG), 0 TO, 6 falli, +2. Gioca come un titolare, 36:31 rimanendo dentro sempre nei due supplementari finché non commette il sesto fallo a pochi secondi dalla fine del secondo OT. Chi avrebbe scommesso che Caleb sarebbe finito sopra i 20 pt. a inizio gara? Nessuno, forse nemmeno lui. Ne fa 23, suo career-high nella sua giovane carriera NBA, gioca una gran partita a livello offensivo ma il voto finale è molto abbassato a causa di tre gravissimi errori a dimostrazione che se anche in attacco sei il fenomeno di serata (Caleb ha buone doti per ripetersi), se non riesci a difendere diventa un gravissimo problema. Il suo problema è l’ossimoro che sprigioni troppa energia senza controllo; a fine primo quarto viene graziato dall’errore di Young in lunetta sul suo fallo, si fa scappare ancora l’avversario a fine 1° quarto ma Young gli vuol bene e manca il floater mentre combina la frittata finale sul close-out su Hunter che varrà i tre pt. vittoria per la squadra rosso-lime. Eppure aveva giocato benissimo non sbagliando quasi nulla in attacco tenendoci in partita ma se la butti via più volte alla fine il voto non può che esser negativo. Dispiace perché avrebbe meritato molto di più ma è inesperto ma migliorerà sicuramente.

Coach James Borrego: 5,5

Ha qualcosa da dire giustamente agli arbitri alla fine. Il finale in generale non mi è piaciuto, qualche contato non chiamato e la discussione Rozier. Su quella probabilmente Atlanta ha ragione ma se avessimo giocato in casa scommetto che dopo il fischio iniziale e alla seconda visione, il fallo al difensore sarebbe stato chiamato. La squadra gioca bene in attacco ma in difesa non c’è molto aldilà di un paio di triple da quasi logo di Young, troppi spazi aperti concessi per triple ma anche jumper. Peccato perché si poteva vincere ed episodio a parte il mea cupla per una difesa non all’altzza delle ultime uscite c’è.

Game 63: Charlotte Hornets Vs Houston Rockets 108-99

ParzialHornets

Intro

Per la partita contro i Rockets ho pensato a cosa potessi scrivere come intro e visto che Houston si presta bene a essere il luogo perfetto per esser lanciati nello spazio e nel futuro verso l’ignoto, la fantasia di Isaac Asimov mi pareva l’ambientazione perfetta.

Il problema è che avendo una serie di elementi scollegati tra loro, trovare la giusta mescolanza non era semplice.

Il fatto d’esser a casa in ferie per una settimana (mancavano da giugno) con un tallone dolorante che limita la mia uscita più dell’allarme Coronavirus mi ha fatto entrare un po’ in un discorso entropia/neghentropia, dove per la seconda si intende rimettere in ordine un po’ al caos che domina sull’universo e ora che nelle ultime ore è arrivata la notizia che sarà bloccato più di un sesto del paese a livello numerico ne avrò ancor di più.

Sicuramente gli Hornets rimarranno un amore anche nel momento in cui le condizioni esterne magari non mi permetteranno più di condividere questo lavoro gratuito con voi poiché le variabili economiche e le condizioni circostanti potrebbero cambiare.

Le condizioni mutano ed è bastato un microscopico virus a ricordarcelo anche se per ora sta aggredendo solo la sovrastruttura e non la struttura materiale della società che in parte potrebbe esser corrosa a breve nelle sue forme più “deboli”.

La diminuzione dei contatti fisici mi ha fatto pensare a diverse cose ed essendomi imbattuto in questo scritto di Asimov ho tratto alcune considerazioni su cosa possa esser definito amore.

La storia si chiama Vero Amore ed è del 1977.

Il libro racconta una sorprendente mutazione e parte con le parole di Joe in prima persona ma questo Joe, nonostante il nome non è una forma umano, esso è parte di un colossale computer (apparirà anche in altri racconti) chiamato Multivac.

Joe è un software semi-senziente che tra le molte abilità riesce a parlare.

Elaborato da Milton Davidson, scapolo a quarant’anni, la storia si incentra su questo aspetto.

Milton decide di trovar l’anima gemella grazie a Joe immettendo dei dati nel software che gestisce (operazione illegale fatta a titolo personale).

Joe quindi è costretto a setacciare, in segreto, tutta la popolazione mondiale con dei parametri ben precisi.

“Ovviamente” eliminerà gli uomini, eliminerà le donne sopra i 40 anni o sotto una certa età, quelle con meno di 150 cm o quelle con più di 175 cm o quelle con i capelli rossi ma anche quelle con un quoziente intellettivo a una cifra stabilita dallo stesso Milton (120) passando da 235 a 8 dopo un ulteriore scrematura.

Quello che succede è che tuttavia, pur riuscendo a uscir con queste otto splendide ragazze, Milton non troverà feeling con loro e viceversa.

Milton, pensa allora, dialogando con Joe, di raccontare la sua storia, i suoi pensieri e le sue emozioni al computer per cercar di trovare la figura adatta tra le 228 donne preselezionate.

Joe trova la candidata, tale Charity Jones di Wichita, nel Kansas e decide di spostarla dal posto in cui era stata assegnata, al laboratorio dove si trovava (altra operazione illegale).

Ciò che Milton non calcola è che il programma che sta utilizzando diventi, non solo una serie di dati ma anche una copia di sé stesso a livello emotivo.

Joe non ha un corpo ma ha “un anima”, è un concentrato di emozioni anche se duplicate e la sua umanità lo porta a denunciare Milton per reati che il suo amico umano aveva commesso dieci anni prima.

Milton è arrestato e Joe, alla vigilia di San Valentino gongola perché domani sarà in compagnia della sua amata in arrivo dal Kansas per poterle dire: “quando questa sarebbe arrivata, lui le avrebbe potuto dire: “ Sono Joe e tu sei il mio vero amore.”

Un software che prova amore e necessita del contatto e di affinità elettive, una storia che potrebbe far riflettere sui condizionamenti esterni socio-culturali, una storia che ha tanti lati su cui riflettere ed è un piccolo grande capolavoro di Asimov che anticipa anche i siti di incontri odierni anche se agenzie matrimoniali (Dating agency) varie vi erano anche all’epoca.

Analisi

Charlotte tiene al di sotto dei 100 punti la seconda miglior squadra della lega in attacco.

Il miglior marcatore NBA finirà in quadrupla doppia con 30 punti, 10 rimbalzi e 14 assist ma anche con 10 TO e un 2/11 da tre punti.

Proprio questi saranno fatali a Houston (17-20 alla fine) che ne produce ben sette sotto varie forme a inizio partita.

L’inizio partita è una incredibile sinfonia degli Hornets che concertano tra attacco e difesa un ritmo tambureggiante che rapisce i Razzi in balia di esso.

Il risultato è un assurdo ma meritato 20-0.

I texani si riprendono però e si portano sul -3 a suon di triple, ultima quella di Carroll per il 30-27 nel secondo quarto.

Charlotte non demorde e riprendendo a correre nel finale del secondo tornava avanti di 14 prima di raggiunger gli spogliatoi.

Gli Hornets conservavano sei punti di vantaggio a 12 minuti dalla fine ma poi nell’ultima frazione non avevano particolari problemi a frenare i Rockets che rimanevano sempre a distanza grazie ad abili conclusioni dei vari interpreti con Graham ad ammazzar la partita con un appoggio e una tripla ce davano la sicurezza della vittoria.

Charlotte vinceva meritatamente con lo young core sugli scudi con Graham a 23 punti, Rozier a 24 e P.J. Washington a 22 pt..

Per Houston, già detto di Harden, seguiranno Covington con 25 pt. (7/13 3FG) e il veterano Jeff Green con 20. McLemore, sostituito subito nella ripresa, chiuderà con 2 punti, House Jr. e P.J. Tucker, gli altri due titolari, con 3.

Carroll dalla panchina ne aggiungerà 9, Rivers 7.

Nelle statistiche di squadra a evidenziare un aspetto importante per la vittoria degli Hornets sono le inversioni delle percentuali al tiro delle squadre con la squadra in viola a tirar meglio.

52,9% dal campo con il 46,9% da tre punti e il 76,0% ai liberi contro il 46,1% FG, 33,3%3FG e il 70,0% di Houston.

Meraviglioso anche lo spostamento palla con 29 assist a 22 e poco importa se nelle rubate siamo 7-9 e nelle stoppate 1-3.

Non serve nemmeno il 30-42 a rimbalzo a Houston (6-13 gli offensivi), Charlotte ha più fame e vince.

La partita

L’inno nazionale (statunitense) cantato da una Honey Bees.
Il campo Vintage e le Honey Bees.

Starting five

D’Antoni deve rinunciare a Westbrook ed Eric Gordon mentre gli Hornets sono tutti disponibili eccetto Malik Monk, squalificato.

1° quarto:

Incredibile partenza di Charlotte che forzava subito Houston al primo TO su un cambio lato di P.J. Tucker non tenuto da McLemore, Charlotte passava in vantaggio dopo aver fatto circolar palla sul perimetro con la palla data in mezzo all’area e girata nuovamente sull’esterno con extra-pass per P.J. che sparava a 10:59 il 3-0 seguito dall’appoggio di Bridges per il 5-0.

Graham da tre aggravava la situazione, House commetteva un TO toccando la linea di fondo, Harden si faceva intercettare un passaggio da Graham quindi lo stesso Barba cercando il fallo andava a spostar Cody ma la terna non propendendo per il fallo decretava il sesto TO per Houston che a 8:26 subiva anche l’11-0 di Rozier.

Dalle cellette che costituivano l’area degli Hornets si elevava un floater di Bridges perfetto e lo shot clock violation di Houston dava un’ulteriore occasione a Charlotte che recuperando due FT con Graham a 7:07 si portava sul 15-0.

Un fallo offensivo di Covington su Bridges (sfondamento) e il canestro era annullato.

Con i Razzi ancora a zero, Bridges aggravava la situazione andando in uno contro uno a battere in appoggio il difensore mentre dopo due triple mancate sulla stessa azione (la seconda di Harden), Houston capitolava nuovamente quando Cody Martin trovando luce sul raddoppio passava sotto il canestro a Zeller che metteva dentro indisturbato e dimenticato.

A metter la fragolina sul gelato ci pensava Willy con un ½ dalla lunetta a 5:25 a realizzare un incredibile 20 di partenza.

Pensare di tenere questo vantaggio per una squadra del genere sarebbe impossibile e, infatti, ecco arrivare il 20-3 di Covington anche se solo a 5:04 dalla fine del primo quarto.

McDaniels in corsa evitava un paio di difensori perdendo il ritmo per l’entrata in terzo tempo ma l’arcobaleno alzato era magico per il perfetto 22-3.

A 4:26 Harden infilava i primi due punti del suo match, Bridges dieci secondi più tardi era stoppato ma anche spinto e i suoi due FT soffiavano sul vantaggio di 19 punti per il 24-5.

Green si fiondava dentro non trovando difensori per chiudere in potente bimane ma Cody Martin dal palleggio arrivava dalla media a battere Harden con un banker.

Covington da tre dalla top of the key realizzava il 26-10, P.J. a 2:38 con l’entrata in appoggio il 28-10, ma ancora il mefitico giocatore avversario pensava a metter benzina per i suoi con altri tre punti.

Palla persa da Graham e due FT di Harden a 1:18 ma le parti si invertivano quando da un tiro non realizzato dal Barba, Graham in coast to coast con fatica appoggiava appena oltre l’anello il 30-15.

Green chiudeva il quarto sul 30-7 anche perché sull’ultima azione Graham veniva cancellato da Covington in stoppata.

Terry Rozier, paradenti e lingua spesso fuori al tiro, ottima serata per lui soprattutto da oltre l’arco. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Un TO di McDaniels e una rubata di Rivers a P.J. mandavano il figlio del DOC in lunetta nonostante la stoppata di Caleb Martin, giudicata fallosa.

½, poi due punti di Green e da un close-out con sfioramento di McDaniels su Harden ecco il 2/3 per la guardia Rockets.

House Jr. e Carroll (9:23) mettevano paura agli Hornets con due bombe incendiarie che portavano il parziale a 0-12 ma soprattutto lo score sul 30-27.

Caleb Martin trovava il momento giusto per sganciar la bomba del 33-27 ma Rivers a 8:31 si aggiungeva alla batteria di tiratori di Houston per ripristinar il -3.

Dunk di Zeller a 8:03 E floating jumper di Carroll per il 35-32.

A 6:18 Rozier si esaltava da tre punti ma un assist teso e verticale per McLemore da parte di Harden era materiale per il 38-34.

Un fallo di Rivers su Martin valeva due liberi mancati, ma dopo la tripla a vuoto di McLemore ci pensava Cody a disegnare un giro sul parquet facendo seguire l’alzata che non lasciava scampo a Harden.

Il Barba, forse toccato personalmente, si prodigava in attacco segnando due FT a 4:32 e una tripla dal palleggio ritmata da destra per il 42-39 ma dopo il fallo offensivo di Zeller, proprio Harden con una spinta opinabile alla fine della sua drive (su Zeller) costringeva Houston al TO.

Graham si prendeva la tripla su McLemore realizzandola ma Harden con altri due liberi trascinava sopa la quarantina anche Houston (45-41).

A 2:58 Rozier era provvidenziale scagliando un dardo da tre punti avvelenato perché sull’arciere dei Calabroni incrociava House che secondo la terna commetteva fallo.

Tiro aggiuntivo per la giocata da 4 punti che lanciava il Borrego team sul 49-41.

il quattordicesimo TO dei texani era sfruttato da P.J. con una strong drive e appoggio, Harden con lo step-back da tre su Zeller non funzionava mentre il lob di Cody Martin per Cody Zeller produceva il 54-41.

P.J. si faceva medicare un ginocchio sanguinante ma rientrando in campo andava a piazzarsi un paio di azioni più tardi sulla sinistra, da dove, ricevendo un altro passaggio (scarico) di Cody Martin infilava la tripla che dava il 12-0 di parzialHornets.

Il primo tempo si chiudeva sul 57-43 con gli Hornets ad aver riconquistato un margine di 14 punti di vantaggio nel finale di secondo quarto.

3° quarto:

Buona partenza offensiva dei due team con Rozier in step-back 3 in 1 vs 1 ad aprire la ripresa (60-43) e risposta del solito Covington, più fastidioso del Covid-19 (11:15 60-46).

Green per McLemore era la soluzione di D’Antoni in avvio mentre la soluzione offensiva era Harden che superando Bridges in crossover segnava poi toccato da Zeller in chiusura laterale.

A 10:23 Rozier batteva Harden per il 62-49, errori da fuori di P.J. Tucker e di House Jr. ma Harden arrivava a 20 punti in entrata a 8:32.

Green al terzo tentativo da sotto la metteva dentro (62-53) e con Houston a prender il sopravvento Borrego andava in time-out.

Green in tip layup portava sul -7 i suoi che a 7:10 incassavano tuttavia la tripla di un solido Rozier su assist di Graham.

Green con un layup tagliato tirava su Houston ma Rozier a 6:33 mandava dentro ancora da fuori un’altra sfera pesantissima per vi del fallo di Covington (assist di P.J.).

FT a segno, Hornets sul 69-57 colpiti da una running dunk di Green e da una sua steal per la schiacciata in corsa di Covington del 69-61 ma due liberi di Zeller e un appoggio in corsa di P.J. restituivano il maltolto (73-61 a 5:28).

Caleb Martin stoppava Harden portandolo alla palla a due, la vinceva a il fratello Cody mancava il layup.

Tre punti mancati da Harden e fallo offensivo di Rozier che sbracciando per farsi spazio su Rivers finiva per esagerare e prendersi un flagrant 1.

½ di Rivers dalla lunetta, tre punti mancati da Green mentre Washington non andrà a fallir i due liberi.

Si riscattava il veterano Green con due punti e Rivers a tre minuti dalla fine ne aggiungeva altri tre mandando il megaschermo sul 75-67.

Un paio di triple mancate d Charlotte, una a segno di Carroll ed ecco avvicinarsi sensibilmente sul -5 gli uomini in bianco.

A 1:42 Bridges metteva dentro uno dei pochi tiri riuscitigli in partita e Graham 30 secondi più tardi calava la granata incendiaria da oltre l’arco per l’80-70.

Covington da tre, Bridges con un 2/2 dalla linea della carità e Harden da tre punti a :25.8 chiudevano il quarto sull’82-76.

Cody Martin ha chiuso con un 1/6 al tiro ma ha smazzato ben 9 assist. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Partiva bene Charlotte che su una second chance vedeva arrivare in aiuto l’esercito dei non morti concretizzato dall’appoggio in avvicinamento da McDaniels a 11:10.

Covington mancava una tripla ma Carroll guadagnava il decimo rimbalzo offensivo di Houston (5 quelli di Charlotte) e al contempo due FT poi splittati.

Un fallo offensivo di Tucker non faceva danni ma quello difensivo sull’alzata da sotto di Graham sì perché il nostro numero 4 mandava a segno due FT. Harden con due liberi, Willy con contatti in post basso dx più giro e tiro veloce, elegante e fluido con il centro avversario muovevano il punteggio.

Harden in terzo tempo provava a riportar Houston a contatto ma Graham saltando con maestria Carroll e P.J. Tucker depositava a 8:14 il 91-78 grazie al fallo aggiuntivo.

Per l-H-Town, Green in entrata si elevava per speronare a una mano gli Hornets poi succedeva un po’ di tutto compreso un tecnico a Sefolosha (in panchina) con errore di Rozier in lunetta.

Una tripla mancata da Harden ben difesa da P.J. con Zeller a recuperar il rimbalzo continuava con la perdita della sfera da parte del nostro centro, Cody però, inseguiva Harden che in palleggio la deteneva, tocco doppio per allungarla ai compagni che costruendo la transizione la restituivano al centro che sparava un missile lungo la linea di fondo per evitare il difensore ma Martin non riusciva ad agganciar per la troppa forza.

Il n° 13 di Houston si faceva intercettar un passaggio ma si rifaceva a 3:48 con due FT per il 95-87.

Hornets a segno da tre con P.J. e risposta di Covington sempre da oltre l’arco.

Su un occasione mancata dai texani Rozier prendeva un gran rimbalzo offrendo a Graham la transizione, lancio lungo diagonale per P.J. che sulla sinistra del canestro agganciava ad alta quota per metter dentro l’alley-oop del 100-87.

Altra tripla di Covington mitigata da n FT di Zeller ma Harden con altro passaggio verticale pescava Green in taglio back-door, poi era facile l’appoggio soft.

A 1:10 dl termine la freccia di P.J. da tre colpiva per il 103-95 mentre la arrow successiva di Graham dalla diagonale sinistra a :47.3 abbatteva le ultime resistenze della squadra di D’Antoni crollata sul 106-95.

Harden, Zeller in schiacciata con il punto esclamativo e Covington in appoggio chiudevano il match sul 108-99 con Charlotte finalmente a uscir vincente con la splendida livrea vintage viola indosso.

Le pagelle

Terry Rozier: 8

24 pt., 3 rimbalzi, 6 assist, 1 rubata. 8/15 dal campo con 6/9 da tre punti. 3 TO, +10 in plus/minus. Qualche TO non bello da vedere ma da tanta spinta in attacco a Charlotte. Aveva avuto in passato un breve periodo nel quale era stato on fire da oltre la linea da tre punti, lo ritrova alla grande questa notte con frecce che vanno a colpire i texani con regolarità. Un rimbalzone nel finale dal quale parte l’alley-oop di P.J. sul Graham pass. Un paio di errori per frettolosità verso la fine trascurabili, gestisce bene in generale i possessi pescando anche sei assist. L’impegno difensivo c’è, qualche volta troppo pulito ma la serata è più che positiva.

Devonte’ Graham: 8

23 pt., 6 assist, 1 rubata. 7/12 FG, 4/8 3FG, 5/5 FT. 3 TO, +18. Non è una macchina ma ci si avvicina in serata. Sicuro ai liberi, con il 50% da tre punti e un 7/12 complessivo che prende forma nel finale con un tiro dal centro dell’area in corsa ruotando il busto per appoggiare al vetro e la tripla finale scaccia paura dalla diagonale sinistra. Praticamente abbatte i Razzi nel finale e in difesa spesso fa da scudo su tiri da fuori e altre situazioni. Buona regia anche per lui che sbaglia poco e regala un artistico alley-oop a P.J. Washington ma regala anche un paio di perle in penetrazione in terzo tempo saltando un paio di uomini per volta come birilli e appoggiando con ritmo.

Miles Bridges: 6

10 pt., 3 rimbalzi, 1 assist. Limitato a 27:28 sul parquet, nella parte finale lascia spazio a Cody Martin perché non funziona molto dal punto di vista offensivo. I suo 3/11 comprende lo 0/4 da fuori mentre ai liberi è abile e concentrato. Finisce con un +2 di plus/minus e 0 TO ma sbaglia troppo. Il primo errore della partita per Charlotte è suo così come il secondo canestro ottenuto in penetrazione. Lascia passare troppo facilmente Harden quando Cody in chiusura regala anche il terzo punto. Sussulto offensivo alla fine del terzo con 4 punti.

P.J. Washington: 8

22 pt., 5 rimbalzi, 3 assist. 8/11 dal campo con 3/6 da tre punti. 3/3 dalla lunetta, un solo TO. Ottima partita di P.J. che sbaglia solo la metà delle triple tentate ma per il resto è precisissimo e grazie alle sue abilità e ai suoi cm può attaccare la difesa dei Rockets trovando il ritmo giusto per non farsi mai praticamente fermare dalle parti dell’anello. Ho trovato che anche in difesa abbia fatto una buona prestazione sebbene le statistiche non presentino palloni rubati o stoppate.

Cody Zeller: 7

13 pt., 5 rimbalzi, 1 assist, 3 rubate. 5/6 FG, ¾ FT, +25 con 4 TO. Riesce a perder la palla due volte nel finale sulla stessa azione ma è un record credo perché la stessa palla la recupera praticamente lui toccandola due volte da dietro a Harden, la seconda volta in tuffo. Da qui si evince molto della serata di Zeller che si danna fino a farsi venir i capelli come il povero Keith Flint dei Prodigy. Qualche buona difesa e rimbalzo, ottima conclusione con lo spin e alzata su Harden e punto esclamativo finale con dunk aggressiva quando Houston non difende più. Insieme agli altri regge nel fortino finale quando Houston inizia a sparar da tre per recuperare ma non riesce grazie alle chiusure degli Hornets.

Jalen McDaniels: 5,5

4 pt., 2 rimbalzi. 2/3 FG. 2 TO, 2 falli in 13:17. Regala un fallo a Harden ma lì la terna ci mette del suo come su tanti altri contatti sfiorati tra le due squadre sui tiri. Di certo salta in avanti oltre il suo cilindro e atterra nei pressi del ghigno sotto la barba che aspettava il rookie per farsi fischiar fallo a favore. Un po’ di incertezza difensiva e 2 TO. A inizio ultimo quarto arriva dalle retrovie per agguantare una sfera e metterla dentro dando due punti di vantaggio in più importanti a Charlotte.

Cody Martin: 6,5

3 pt., 1 rimbalzo, 9 assist, 2 rubate, 1/6 dal campo, 1 TO. Il TO è pessimo perché dal palleggio prova ad andar in crossover in verticale e viene scippato come Fantozzi alle poste ma il fratello Caleb lo salva con il fallo a metà campo per quel che riguarda l’azione ma non dalle ire di Borrego che mima evidentemente di scaricar palla. Tira veramente male da due punti ma un paio di steal e soprattutto 9 assist che danno punti pesanti a Charlotte lo riscattano aldilà degli aspetti negativi compreso l’1/4 dalla lunetta. Sull’1/2 che lo porta per la seconda volta lo slalom su Harden e Carroll è celestiale e la dunk che tenta di sparare è un raggio cosmico di rara potenza che si annichilisce sul ferro dopo aver subito fallo, se fosse entrata avremmo la dunk del mese. Scarichi, lob, passaggi rapidi sui raddoppi, ecc… c’è un po’ di tutto nella visione celestiale di Cody Martin che da la solita ottima mano in difesa.

Willy Hernangomez: 6,5

3 pt., 11 rimbalzi, 1 assist. ½ FG, 1 TO, -6 in +/-. Buona partita di Willy che non prova tanto ad andare alla conclusione personale, infatti, anche quando potrebbe tirare, provando a passare orizzontalmente la palla si fa toccare e rubare la sfera. Un bel pallone dato fuori per l’open 3 di Graham per l’80-70. Segna dopo autoscontri con P.J. Tucker con forza e velocità in girata a mostrar coordinazione ma soprattutto 11 rimbalzi dei quali 7 difensivi.

Caleb Martin: 6,5

6 pt., 2 assist, 1 stoppata. 2/4 FG, 2 TO, 3 falli. Realizza due triple in due momenti delicati nei quali risolleva Charlotte un po’ in difficoltà. Si batte aldilà del successo o insuccesso della singola azione, la sua azione difensiva stanca gli avversari. Una bella stoppata su Harden costretto alla palla a due ma la vince ancora lui. Non viene ritenuta buona quella su Rivers nel primo tempo. Partita nella quale rimane 22:07 e termina bene.

Coach James Borrego: 7,5

La squadra lascia sì qualche spazio a volte sulla linea da tre punti ma è molto più presente di altre serate. Il quintetto basso dei Rockets in qualche maniera è quasi speculare a quello degli Hornets talvolta ma i cm in più del reparto lunghi servono, il movimento palla serve e in alcuni frangenti è spettacolare anche se almeno in tre azioni il tiro finale non sublima come meriterebbe le azioni dinamiche e armoniche corali della squadra . Harden è il miglior marcatore della lega e finisce con il segnar 30 punti ma lui da scacco subito a D’Antoni con una difesa aggressiva che porta al 20-0 di parziale. A livello tattico la vince lui. D’Antoni si lamenta un po’ in tutta la partita ma non ci capisce molto e i suoi sono in balia di TO da subito.

Game 62: Charlotte Hornets Vs Denver Nuggets 112-114

Intro

C’è qualcosa che lega l’Italia, inteso come spazio di territorio moderno rapportato a ciò che furono gli Stati in altre epoche, Genova (oltre a Colombo e le sue caravelle, per altro offerte da Isabella di Castiglia), l’America e Charlotte.

Potreste non aver sentito mai parlare di Amadeo Peter Giannini, un signore statunitense con la famiglia di origine italiana (Favale di Malvaro) nato a San José il 6 maggio 1870 poi deceduto nel 1949.

A dir la verità, non fosse stato per mio fratello, non ne avrei forse mai sentito parlare nemmeno io anche perché non sono interessato a certe icchie di argomenti e sono un po’ allergico ad accondiscendere alle ideologie delle classi dominanti del tempo, sia a livello filosofico che pratico, poiché non funzionano certamente bene.

Comunque sia questa è la storia di un figlio di immigrati italiani che fonda nel 1904 la Bank of Italy, a San Francisco.

La banca venne fondata per fornire servizi ai lavoratori ed agli operai della zona, specialmente gli Italiani nel quartiere North Beach di San Francisco.

Gli italiani spesso soffrivano del mancato appoggio delle banche americane e questo ottemperava alle loro esigenze.

Fu il primo a finanziare la vendita a rate delle automobili e il primo a concepire la banca come un bene di largo consumo, un servizio per tutti.

Giannini viene considerato l’inventore delle moderne pratiche bancarie, il primo a offrire servizi bancari anche per la classe media.

Il terremoto di San Francisco del 1906 aiutò paradossalmente Giannini a guadagnare il monopolio dei prestiti.

Mentre le altre banche andavano distrutte e gli incendi, uniti al terremoto andavano in pochissimi giorni a distruggere una parte della città, Giannini, riuscendo a salvare i suoi beni.

Giannini prese un tavolo, lo piazzò in mezzo alla strada con il cartello Banca d’Italia: aperto ai clienti, e cominciò a fornire soldi ai clienti per ricostruire.

Dopo l’espansione in California grazie al lavoro e agli interscambi con gente umile come anche agricoltori e varie vicissitudini (nel 1927 diventa Bank of America) la sua banca arrivò a fondersi con La Bank of America (a Los Angeles), creando la nuova e vera Bank of America.

Ad oggi, dopo ulteriori fusioni con altre società, la Bank of America è la prima compagnia di servizi finanziari al mondo anche se il suo principale fondatore ci ha abbandonato da più di 70 anni…

La Bank of America oggi ha sede a Charlotte, città divenuta negli ultimi anni a vocazione finanziaria.

Entra anche negli “aiuti” (qui ci sarebbe un po’ da scrivere) per il piano Marshall e finanzia anche i primi film di Walt Disney, Frank Capra e Charlie Chaplin.

Insomma, pur in un contesto che personalmente non amo, una persona che si muove incerta del proprio destino (come tutti noi, marionette del bunraku di fronte al fato), calata come tutte nel suo contesto spaziotemporale, con le modalità a disposizione è riuscito ad avere il meglio per sé e per le persone intorno.

Questa ottimizzazione stanotte è richiesta agli Hornets che dovranno attingere dalle proprie qualità per splendere più dei giocatori lingotto ricavati dalle Pepite di Denver.

Hugo anticipa la presentazione dello starting five.

Analisi

Avremmo dovuto esse perfetti o quasi per avere una chance contro i Nuggets, sconfitti contro Golden State e in cerca di riscatto.

Gli Hornets sbagliano quel poco di più che consente ai Nuggets di portare a casa una punto a punto non semplice per la squadra di M. Malone.

Charlotte, in un’annata che si sapeva sarebbe stata difficile, ancora una volta non raccoglie ciò che avrebbe meritato.

Ancora una sconfitta pesante con un’ultima palla “sprecata” con un tempo insufficiente per costruir qualcosa di più complesso e i Nuggets sopravvivono all’ultimo assalto.

La squadra lotta ma alla fine paga qualche TO e qualche fallo evitabile e la maggior esperienza di elementi come Jokic che alla fine, nonostante un inizio non proprio alla grande, riescono a dare quello spessore e quelle spaziature che ai Nuggets sono servite in talune circostanze per colpir da fuori con molta libertà.

Gli Hornets devono rivedere questo aspetto.

Pur giocando con cuore e gettandosi spesso su ogni palla, alla fine pagano troppo le loro mancanze.

Terza sconfitta consecutiva in serie allo Spectrum Center in un finale molto concitato dove la differenza la fa Murray che in fade-away, dalla linea di fondo sinistra, in equilibrio instabile riesce a battere Cody Martin inutilmente prodigatosi come ombrello protettivo.

Il nefasto presentimento su quell’azione l’avevo, Charlotte aveva rischiato di recuperar palla ma non ce l’aveva fatta e lo sforzo massimo di Martin non è bastato perché se qualcosa può andarci storto è sicuro lo farà anche se la solidità tra i due team è differente.

Con cinque secondi rimasti Charlotte riusciva a trovare Rozier che agganciata palla provava a depistare Grant, quasi scivolato, il nostro numero 3 ritrovava palla mentre il numero 9 tornava su di lui stretto per contrastare il tiro, la palla scagliata da Terry non aveva fortuna e mentre andava a colpire il ferro si accendeva la luce rossa e su quel rimbalzo alto ma purtroppo non amichevole, la sfera si incendiava lasciando con un mucchietto di cenere i ragazzi di Borrego che osservando il tabellone sul 112-114 uscivano dal parquet.

Per i Nuggets tra i titolari Murray finirà con 18 punti, Barton con 16, Jokic ed Harris con 14 a testa con il primo ad aggiungere 11 rimbalzi e 8 assist mentre Millsap ne faceva registrare 11.

Dalla panchina Monte Morris usciva per segnar 11 punti seguito da Grant con 11.

A livello di statistiche globali i Nuggets sono andati sopra nei rimbalzi (34-38), negli assist (24-29), nelle stoppate (2-5), nei liberi con il 90,0% contro l’82,1% di Charlotte che tuttavia ha fatto registrare un maggior numero di FT ottenuti con un 23/28 contro il 18/20 della squadra di Malone.

Il 53,0% dal campo di Denver è stato migliore del pur buon 49,4% di Charlotte che ha tirato meglio del solito ed è andata sopra nel tiro da tre con il 39,4% contro il 30,8% avversario.

13 i TO di Charlotte contro i 12 di Denver con 7 rubate per parte.

Non sono bastati Graham da 24 pt., P.J. Washington da 20, Rozier da 19 e nemmeno un Willy in aiuto con 14 pt..

La partita

Starting five

Lo starting five dei Nuggets.

Borrego invece sceglieva i “soliti” cinque confemando Zeller al posto di Biz (Rozier, Graham, Bridges, P.J. Washington e Zeller).

1° quarto:

Jokic guadagnando la palla a due dava la prima possibilità ai suoi ma Murray mancava la tripla.

Charlotte sbagliava con Bridges ma sul giro palla molto esteso dei Nuggets Graham recuperava palla all’ultimo e Bridges con un po’ di spazio a 10:55 metteva dentro il 3-0 prima che Barton pareggiasse con molto spazio dalla top of the key.

A 10:03 Rozier si elevava su Jokic, molto stretto, dopo un palleggio prolungato per trovar luce da oltre l’arco; tiro difficile che si infilava in retina per il 6-3.

Bridges arrivando d dietro stoppava Murray andando poi ad infilarsi in appoggio sino in fondo per il +5.

Harris in reverse layup accorciava ma P.J. scaricando una precisa tripla a 9:09 faceva saltare gli Hornets in doppia cifra.

A 7:45 Millsap, beneficiando di due liberi, realizzava i punti dell’11-7 tuttavia Charlotte non mancava di distanziare nuovamente gli avversari con l’appoggio sicuro di Graham.

Le squadre trovavano spesso la via del canestro pur mantenendo una discreta pressione difensiva, era il caso dei due punti di Barton ottenuti in avvicinamento o dei tre di P.J. che a 6:58 infilava la seconda bomba personale di serata.

Un lob di Jokic per Millsap ed ecco due punti facili Nuggets, una possibile kick ball non assegnata apriva il campo a Harris per il 16-13 in transizione.

Jokic stoppava la tripla di P.J. ma Cody Martin intercettava palla in transizione lanciando la contro-transizione sulla quale Zeller guadagnava due liberi a 5:40.

Il 2/2 ci portava sul 18-13 e l’ottimo spin sul posto verso la linea di fondo di P.J. in post basso destro con alzata di destra oltre Millsap faceva segnare il 20-13.

Millsap lanciava un missile da tre indisturbatamente poiché McDaniels si toglieva dalla traiettoria del tiro cercando di coprire un eventuale passaggio in angolo.

P.J. mancava il tiro ma un offensive rebound di McDaniels e una tripla di Rozier a 3:44 (altro 1 vs 1 contro Harris questa volta) davano a Charlotte il +5 (23-18).

Una steal su Rozier in uscita dalla nostra area e per Harris era un gioco da ragazzi realizzare il 23-20.

McDaniels attaccava in diagonale mettendo dentro, le squadre ormai andavano a segno con regolarità e dopo due punti Nuggets Willy con un gancetto ravvicinato la metteva dentro oltre Plumlee.

Seguivano due punti di Craig in area, due di Willy con tocco altissimo al vetro su possibile fallo non assegnato, un jumper sicuro di Murray e un running hook di McDaniels, selvaggio ma glorioso per il 31-26.

Murray da tre punti accorciava sul -2, Bridges tentava la mega dunk, Grant toccava palla ma gli arbitri vedevano qualcosa assegnando due FT comunque splittati che davano a Morris la possibilità di mandare i suoi sul -1 a :03.9.

Rimessa in gioco dal fondo e Graham percorrendo il campo velocemente saltava l’ultima barriera con Jokic come una delle due colonne di Gibilterra, realizzando il non plus ultra in floater battendo la sirena.

34-31 Hornets alla fine del primo quarto.

Willy è uscito dalla panchina segnando 14 punti. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Buon attacco ma il problema era rallentare l’attacco dei Nuggets: Charlotte si salvava sulla doppia occasione Craig, Murray da fuori andando anche a guadagnare due liberi che CalebMartin andrà splittando favorendo l’aggancio di Plumlee che in qualche maniera, poco bella da vedere, segnava il 35 pari da sotto.

Willy in attacco spingendo Grant con l’avambraccio rischiava davvero il fallo ma gli arbitri lasciavano correre venendo ripagati esteticamente con un bell’hook.

Murray mancava il tiro ma gli Hornets lasciavano colpevolmente il rimbalzo a un Craig aggressivo che metteva dentro.

A 9:25 Graham da tre dalla top of the key batteva Craig per realizzare il 40-37 e dopo un’azione molto confusa, l’uscita di Cody martin dalla nostra area e i due FT guadagnati da Graham a 8:51 ci lanciavano sul + 5 (42-37).

Su un errore di P.J. e sviluppi dell’azione, Zeller travolgeva una signora in giacca leopardata che finiva negli spogliatoi al posto dei giocatori per cure mediche.

Morris da tre punti mandava sul -2 le Pepite e Grant, saltando sulla linea di fondo sinistra P.J. andava a metter un semi-gancio pur toccato da McDaniels.

Il fallo valeva il primo vantaggio Nuggets a 6:58.

Charlotte continuava a mancar tiri scendendo sul 42-47 quando i Nuggets completando il parziale di 10-0 con un jumper di Grant su P.J. dalla media destra si catapultavano sul 42-47.

A fermare la penuria di canestri Hornets era P.J. dalla destra che ristabilendo un buon punto d’appoggio in arretramento, realizzava da tre su Harris sfruttando i cm in più.

Il canestro era piuttosto episodico perché gli Hornets non riuscendo a trovar buoni varchi sulla pressione avversaria subivano altri 5 punti prima di metter dentro con uno scoop sulla drive frontale ancora di P.J. Washington (47-52).

Jokic allontanava sul 47-56 i suoi, quindi Barton con altri due punti dava il vantaggio in doppia cifra alla squadra del Colorado.

Gli Hornets, crollati nel gioco, beneficiavano di un passaggio sotto di Graham per un reverse layup stretto di Cody Martin ma sempre il n°11 su una drive sbatteva via palla sui Nuggets facendo segnare un TO.

Un fallo di Jokic a rimbalzo sotto il nostro tabellone mandava in lunetta Caleb mentre Malone sprecava il coach’s challenge inutilmente.

51-58 dopo i due liberi ma l’ultima parola era per quelli della M.H. City che subivano la stoppata di Miles su Plumlee ma il tutto era vanificato dal recupero con jumper corto e preciso di Millsap.

+9 Nuggets, 51-60 a fine primo tempo con l’urgenza di Charlotte di fermar l’attacco delle Pepite nel secondo tempo.

Statistiche dei singoli dopo 24 minuti.

3° quarto:

Gli Hornets si rimettevano subito inaspettatamente in carreggiata segnando con Zeller e sopravvivendo al jumper dalla media di Jokic contro Zeller.

Murray, aspettandosi il fallo in entrata sganciava un cortissimo floater che non si avvicinava al ferro mentre in transizione Rozier passava alle sue spalle all’accorrente Graham che si esaltava nel catch n’shoot del 56-63 dalla diagonale destra.

Ancora Graham, questa volta in transizione sulla bisettrice opposta sparava tre punti per riavvicinare i teal and purple sul -4.

Denver mancava tre tiri consecutivi (due con Jokic da sotto) sulla pressione difensiva, saltava anche la tripla dietro il blocco di Graham con alzata troppo veloce ma anche Millsap non metteva dentro raddoppiato sotto canestro.

Zeller mancava l’occasione offensiva ma riconquistando palla dava una possibilità a Rozier, bravo a sfruttarla con una finta che lo auto-liberava oltre l’arco prima di infilare il 62-63.

Jokic da tre non metteva il tiro mentre Graham in penetrazione si arrestava nei pressi del bordo sinistro laterale dalle parti della linea di fondo, Murray in ritardo saltava via aggrappandosi all’avambraccio ma Devonte’ metteva dentro il two and one per il 65-63 a 7:29.

Graham faceva segnar 9 punti ci riprovava quindi in transizione da fuori ma non funzionava tuttavia Jokic in attacco lottando con P.J estendeva troppo il braccio sx e gli arbitri chiamavano un fallo in attacco contro il centro avversario.

Charlotte sfruttava l’occasione con un ottimo no look bound pass verticale di Graham per Zeller che a 6:56 infilava i due liberi.

Murray però segnava due liberi prima e colpiva in transizione poi ristabilendo l’equilibrio a quota 67.

Giro e tiro di P.J. in post basso destro con contatto sul difensore (Millsap).

Dalla lunetta Charlotte avanzava di un punto prima di andar sotto di uno a causa di un gancio senza parabola di Plumlee su Willy ma McDaniels, raggiunto da un passaggio di Cody Martin, provava a metter dentro facendosi stoppare da Grant in rimonta ma la palla rimaneva lì e sul comodo tiro arrivava anche il fallo di Plumlee che dava il two and one e il +2 Hornets (71-69).

Una steal di Cody Martin e un azione triangolo laterale con touch pass di P.J. al centro verso Willy era chiusa in corsa con un hammer sorprendentemente potente dal centro spagnolo che polverizzava Grant.

Un bad pass laterale di un Cody Martin chiuso e successivo fallo sulla palla regalata a Morris consentivano alla guardia avversaria di accorciar di un paio di punti quindi un floater di Miles bucava la retina ma Harris, spinto alle spalle bersagliava con un 2/2 dalla lunetta per il 75-73.

Rozier si riprendeva il +4 dalla linea dei liberi, il punteggio oscillava ad elastico tra il +2 e il +4 fino a quando Craig, con troppo spazio, dalla diagonale destra infilava il 79-78 a mezzo tripla.

A 1:10 Rozier in palleggio riusciva insperatamente a battere da tre la difesa dei Nuggets ma M. Morris metteva dentro dal pitturato con la difesa Hornets a guardare.

Denver mancava due occasioni consecutive facendo scadere il tempo a disposizione e si arrivava all’ultimo quarto con due punti di vantaggio di Charlotte dopo un bel quarto chiuso sull’82-80.

Ottima prova del rientrante Grahm con un bon secondo tempo che lo porterà a chiudere a 24 punti. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Ad annullare il vantaggio degli Hornets ci pensava subito Plumlee ma Rozier spezzando un raddoppio raccoglieva palla da terra andando a segnare con il dubbio passi ma per gli arbitri l’unica interpretazione può esser quella del tocco del difensore nel mezzo.

Il saliscendi emozionale proseguiva rapidamente: soft touch morbido di Grant, tripla di Caleb Martin su assist da drive del fratello, extra pass di Cody Martin per la Willy dunk (89-84), due FT di Murray a 10:00 esatti dalla fine per fallo di Bridges che all’ultimo muoveva la posizione all’interno del semicerchio antisfondamento e Caleb Martin che a 9:4 si fiondava dentro dalla sinistra in velocità per restituire i 5 pt. di vantaggio ai nostri (91-86).

Un paio di azioni a vuoto per ambo i team e Rozier da 3 a 8:37 faceva compiere un balzo in avanti agli Hornets sul +8.

Elbow libero dalla FT line di Morris e occasione mancata di Willy da tre punti più tredicesimo TO di Charlotte ed ecco la tripla di Harris che ricevendo dall’accentrato Jokic, raddoppiato, godeva dello spazio per metter il 94-91.

Willy, al secondo tentativo su Jokic metteva dentro ma Grant con il reverse layup passava per ultimo proprio Willy che non poteva tenere.

Un gancio di Willy corto e Borrego tentava di correre ai ripari mettendo dentro Zeller, la mossa sbagliata perché In “Nic” dei Nuggets batteva Cody realizzando il 96-94.

Tripla di Graham sul ferro e oltre tabella contro Jokic e Charlotte difendendo bene mandava la palla oltre il fondo.

Purtroppo sul raddoppio su Jokic, Martin, dando le spalle era vittima della giocata da playground di Barton che passandosi la palla da solo, utilizzando il fondoschiena di Cody, metteva dentro indisturbato con una giocata furba.

Rozier mancava la tripla, su un possibile alley-oop per Grant a Martin, in arretramento era chiamato fallo, confermato anche sul coach’s challenge.

Martin resisteva alla tripla di Murray e un tiro d due veloce di Graham ci dava il vantaggio a 4:16 dalla fine.

Sul giro palla Nuggets però Murray metteva dentro l’open ma a 3:40 P.J. guadagnava due FT tentando un reverse su Grant.

100-99 ma il fallo a 3:28 di Zeller i pressione su Jokic restituiva un flebile +1 alla squadra di Malone.

Graham si allungava armonioso per cambiar ancora squadra leader a Harris a tre minuti dalla fine rilasciando in aria un’altra granata incendiaria dava il 102-104 agli ospiti.

Altri due FT glaciali per P.J. a 2:41 con Jokic al quinto fallo non d’accordo con la terna a scuoter la testa ma proprio lui per i visitor mandava dentro il gancetto del +2.

Cody imitava P.J. buttandosi dentro ricavando un allo di Harris.

Il nostro centro metteva dentro il primo ma mancava il secondo però sul rimbalzo altissimo emergeva sopra tutti per andar ad appoggiare il 107-106.

Un pallone per Jokic che batteva Zeller e P.J. in recupero, ed ecco ancora gli ospiti sopra a 1:57.

Graham mancava un tiro da due punti e quando nello stretto, Jokic raggiungendo Grant lo mandava a bersaglio con tiro libero aggiuntivo sospeso la gara sembrava prendere i binari avversari.

Grant però sbagliava il libero a 1:26 e 12 secondi più tardi la dunk coraggiosa di P.J. valeva il 109-110.

Nuggets a mancare in attacco un’azione offensiva, ripartenza Graham, avambraccio sinistro di Barton ad abbassare quello dx di Devonte’ a due FT in arrivo.

Due su due erano i FT realizzati anche da Barton quando i ruoli si invertivano e Graham in pressione andava troppo da vicino a francobollare l’attaccante avversario.

Zeller a :31.6 otteneva due FT per fallo di Graham.

Dentro il primo, non il secondo ma la gara era pari a quota 112.

L’azione offensiva dei Nuggets si prolungava fino a che Jokic, che aveva rischiato di perder la palla trovava sulla sinistra Murray in uscita che andando dritto sul lato, rincorso da Martin, lo batteva con un fade-away precisissimo nonostante lo sforzo di Cody.

Nella manciata di secondi rimasti Zeller metteva dentro palla con Rozier in uscita dal lato opposto da un doppio blocco; ricezione palla nonostante la pressione di Grant, palleggio sul taglio del difensore, equilibrio quasi perso, poi ritrovato tripla che partiva a un secondo dalla fine con gli altri Hornets tutti marcati, tiro troppo lungo sul secondo ferro a confermare che i miracoli non sono fatti per Charlotte con Rozier seduto a terra deluso.

Rimane solo un home game nel poker che stiamo attraversando, c’è Houston e gli Hornets hanno ricominciato ad avere il problema dei finali, forse i Rockets potranno aiutare Charlotte ma è difficile vogliano farlo anche perché usciti sconfitti dai Clippers tonight…

Le pagelle

Terry Rozier: 6,5

19 pt., 3 assist. 6/13 FG con 5/9 da tre punti. +5 in +/-, 1 solo TO. 34:43 sul parquet, si crea da solo tre tiri da fuori micidiali contro il difensore di turno, lungo o corto che sia… Prima del tiro finale alla disperata è 5/8 da fuori, avesse messo anche l’ultimo in palleggio sarebbe stato eroico ma nonostante il quasi perso equilibrio e lo sforzo per recuperar palla e provare a chiudere il match niente da fare ancora una volta per lui su tiri decisivi… Troppa pressione e il colorato anello arancione dice di no come gli Dei del basket che non sono con Charlotte… Si limita abbastanza all’attacco mentre in difesa è più statico e meno attivo dei Martin. La partita è discreta con vette offensive tirando senza paura. Sia lui che Graham disputano un buon secondo tempo.

Devonte’ Graham: 7

24 pt., 1 rimbalzo, 7 assist, 1 rubata. 8/15 FG, 5/5 FT, 3 TO, +5. Partita positiva e top scorer del match ma non basta. Un TO evitabile come un fallo finale su Barton che regala due punti pesantissimi. Poco prima attaccando era stato lui a realizzarli invertendo i ruoli. Non c’è molto da dire… ci prova, non avrebbe forse dovuto giocare per il dolore alla caviglia ma alla fine ce la fa, fa 3/9 da fuori segnando qualche tripla che ci riporta sotto a inizio ripresa. Un bound pass micidiale e incursioni efficaci chiuse con modalità differenti. Apprezzabile tentativo.

Miles Bridges: 6,5

8 pt., 9 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata, 2 stoppate. 3/8 dal campo in 27:56. Miles si prodiga in difesa, non sempre irreprensibile chiude però a +20 il suo plus/minus. Tanti rimbalzi, meno è il successo offensivo anche se ricordo un perfetto swooping hook oltre alla tripla di apertura poi è 1/3 da fuori e ½ ai liberi. Bridges produce punti di rottura e prova a far stancare gli attaccanti avversari.

P.J. Washington: 7

20 pt., 6 rimbalzi, 3 assist, 1 rubata. 6/15 dal campo prendendo un paio di stoppate con 3/8 da tre punti. Un paio le sgancia subito poi si vede molto bene nel finale quando va aggressivo dentro.Guadagna FT che trasforma con precisione e freddezza. Inchioda anche una schiacciata provvidenziale senza paura. Tornando indietro nel terzo quarto è un capolavoro il touch pass volante per la dunk di Willy. Recupera un pallone in difesa lottando per la posizione con Jokic e compie un paio di buone chiusure in aiuto sugli esterni dei Nuggets che tirano malamente. Un solo TO, buona gara nonostante il -6 in plus/minus.

Cody Zeller: 5,5

10 pt., 6 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata. 2/6 dal campo con uno 0/2 da tre (un tiro inguardabile da fuori) e 6/8 dalla lunetta. Aveva fatto registrare uno 0/3 nell’ultimo match dalla linea dei liberi, questa sera praticamente ne sbaglia solo uno (quello finale ma comunque pareggia e chissà, magari i Nuggets avrebbero segnato ugualmente) perché sull’errore che compie nell’ultimo quarto va a prendere un rimbalzone con palla altissima trasformando in due punti ciò che avrebbe dovuto essere uno. Va da se che fatichi un po’ in attacco ma è peggio in difesa nel finale quando patisce troppo Jokic pur cercando di contenerlo. Lo slavo lo batte con abilità alcune volte e trova anche un passaggio two and one nello stretto per Grant. Lo penalizza lo scontro con un giocatore non top nel fisico ma nei fatti. Quasi uccide una spettatrice in prima fila cercando di salvar palla. La spettatrice esce contusa mentre lui continua il match anche iniziando poi bene il terzo quarto su ambo i fronti ma questa sera la differenza alla fine è saltata fuori.

Jalen McDaniels: 6

7 pt., 2 rimbalzi in 17:33. 3/5 dal campo, le altre due occasioni mancate sono tiri stoppati anche se su un’azione gli serve per guadagnare un two and one. Preciso, troppo accalorato in difesa va a commetter tre falli. Probabilmente deve entrare meglio in connessione difensiva con gli altri. Patisce un -10 e da poco alla difesa nonostante le lunghe leve visto che anche i due rimbalzi sono offensivi.

Cody Martin: 6

2 pt., 4 rimbalzi, 7 assist, 3 rubate. Discorso disciplina anche per lui. Deve trovar la giusta misura tra la sua aggressività, molto utile in certi frangenti e il posizionamento utile. Lui e altri girano nel gioco di interscambi in rotazione difensiva ma poi sono soggetti a triple o a lasciar quel pelo di spazio prima di riconnettersi e francobollarsi all’attaccante che ha ricevuto palla. E’ veloce e ruba tre palloni però ne regala anche uno con un passaggio orizzontale dopo essersi fatto chiudere il palleggio. In attacco distribuisce e regala assist, anche lui con un no look mentre limita a un solo tiro il suo ego, affamato di punti. Altruista e positivo, incassa però un -12 in plus/minus. Poco da rimproverare sull’ultimo tiro. Murray è bravo in fade-away, lui prova a schermare ma più di così non può fare.

Willy Hernangomez: 6,5

14 pt., 6 rimbalzi in 22:55. +1, un solo fallo e zero TO. Se fosse più aggressivo in difesa sarebbe perfetto. Lo ricordo osservare insieme ai compagni un tiro di Barton senza uscire sperando vada fuori e nel finale quando Borrego si accorge che fatica a contenere il pari ruolo lo sostituisce anche se era fisiologico a livello di tempi. In attacco fa faville con aggressività, spinge, salta, recupera da suoi errori, mette buoni hook e si esalta sul touch pass di P.J. andando in terzo tempo per la slam dunk a una mano che polverizza Grant. Poi non può essere lui quello che con regolarità ferma le minacce avversarie sotto canestro.

Caleb Martin: 6

8 pt., 2/3 FG. 1 TO, -8. Discorso simile sul posizionamento, Caleb non offre assist ma punti con buone giocate. Una bella tripla dalla diagonale sinistra e una fiondata in area partendo sempre dallo stesso lato. ¾ dalla lunetta, gioca solo 14:18.

Coach James Borrego: 6

Questa volta chiama il time-out, necessario a canestro subito per portar palla in attacco e riordinare le idee a 5 second dalla fine. Non so se avesse disegnato quella rimessa, non credo, ma a 5 secondi dalla fine, sulla pressione Nuggets è andata così. O la va o la spacca e purtroppo spesso parlando di Charlotte “la spacca”… Poco da rimproverare se non posizionamenti in generale sulle spaziature Nuggets ma il lavoro svolto e la mentalità data vanno bene. E’ un po’ di precisione che manca anche perché correre, stanca. Paga TO banali su cui lui può far poco in serata. Unico “rimprovero” è non aver giocato la carta Biyombo nel finale su Jokic, Zeller l’ha sofferto anche se poi dalla lunetta è andato anche lui a prendersi dei punti.

Ballast-um-h…

Nicolas Batum in un’intervista rilasciata al Charlotte Observer ha rilasciato alcune dichiarazioni che riguardano la situazione tra lui e la franchigia.

Ringrazio Paolo M. per avermi procurato l’articolo e quello qui sottto sostanzialmente sarà l’articolo del giornale della città del North Carolina arrichito con qualche considerazione più qualche necessario taglia e cuci.

Batum, inutile negarlo, è il più grande rimpianto di Charlotte dell’epoca moderna.

Certamente, sono arrivati altri giocatori che non hanno risposto alle aspettative, vedi Stephenson, Neal e chi magari si ricorda Hibbert?

Sembra passato un secolo ma in realtà il volto familiare di Batum lo avveriamo tutti i giorni e il dramma per i tifosi è che il contratto di Batum abbia fatto da zavorra in questi ultimi quattro anni per Charlotte non solo nel non raggiungere i playoffs, ma anche per il drastico cambio di otta a livello di roster con l’uscita o il ritiro dei nostri migliori ex giocatori l’estate scorsa.

Ballast in inglese, tedesco e secondariamente in francese, significa zavorra.

Ed è proprio questo che oggi Batum rappresenta per Charlotte, bloccata a terra da un contratto pesante che ha insabbiato il volo dei Calabroni.

E’ vero, a Charlotte negli ultimi anni non ha mai voluto venir nessun top player che non fossero di secondo piano o campioni del passato come Howard (se la cava ancora bene ma non è certo quello di Orlando) o Tony Parker, come se la città fosse avvolta ante-litteram di una specie di Coronavirus che avesse portato psicosi nelle Star della NBA e questa condizione ha fatto sì che Charlotte pagasse tenenzialmente più deglle altre franchigie, giocatori che quei soldi non li valevano, ma torniamo all’argomento principale.

In un’intervista esclusiva di Observer martedì, un Batum “umile”, si è scusato per non aver giocato a livelli paragonabili a quelli che ci si aspetterebbe a causa del suo enorme contratto.

Batum è in linea con Borrego per il fatto che Charlotte oggi dipenda dai giovani in questa stagione, anche se perdente e a sue spese.
“Questo franchise ha un futuro brillante, ma non credo che ne farò parte.” ha detto il francese.
Batum, non vuol dire che se ne andrà presto.

Il contratto quinquennale da 120 milioni firmato nell’estate del 2016 lo rende praticamente incommutabile e la scadenza commerciale di quest’anno è già passata.

Il contratto di Batum (è ancora il più redditizio nella storia dello sport di Charlotte) non si esaurirà fino alla fine della stagione 2020-21.

Lui e gli Hornets non hanno realizzato quello che tutti speravano quando lo hanno firmato.

“Mi sono scusato con la gente qui, perché hanno riposto tanta fiducia in me” ha detto Nic.

“Non è andata bene… non ha funzionato ma cosa devo fare? Perché sono ancora qui.”
Batum ha deciso che la cosa migliore che possa fare è essere la cheerleader più costosa del mondo, cercando di salvare questa situazione imbarazzante.
E’ una situazione davvero surreale quella che si è venuta a creare a Charlotte con Batum.

Batum è il giocatore nettamente più pagato nel roster degli Hornets.

È sano eppure non ha giocato nemmeno un minuto a febbraio.

L’allenatore di Calabroni, Borrego, deciso a impegnarsi nel monitorare e sviluppare i giovani giocatori a disposizione, ha panchinato Batum per 15 partite di fila prima della partita di stanotte contro i Denver Nuggets.

L’ultima volta che Batum ha giocato è stata il 24 gennaio quando i Calabroni gli concesso trentatre minuti sul parquet, non casualmente, la partita si svolgeva a Parigi, sua madrepatria.

Un Batum (a dx) sorridente insieme al “fratello” Willy Hernangomez (a sx) davanti alla Tour Eiffel a Parigi nella trasferta francese di gennaio degli Hornets. Foto tratta dal profilo Instagram di Nicolas Batum.

Uscito dal parquet tra gli applausi, su “suolo americano” non ha più giocato, eppure guardate Batum in panchina: Applaude costantemente, si alza così spesso che i fan seduti dietro di lui dovrebbero ottenere un rimborso parziale.

Ha mediato anche su diverse controversie tra “officiating” e compagni in più, invece di mettere il broncio, Batum ha aggiunto di non essere “arrabbiato” per la situazione che si è venuta a creare anche se ha ammesso di esser “frustrato.”

Batum però sta controllando quella frustrazione, non vuole che si diffonda nel suo comportamento in una squadra nella quale un numero di giovani giocatori lo sta osservando inevitabilmente per vedere come gestirà questa situazione.
“Non voglio essere uno stronzo”, ha detto Batum all’Observer, “Non voglio essere egoista, non voglio essere quel ragazzo che è tipo: “OK, usciamo stasera. L’allenatore fa schifo, non presentarti, spara 25 volte a partita, non ascoltarlo. No, non ne ho bisogno. Non ne hanno bisogno.”

Rimpianto Batum


Batum, ala di 6 piedi e 8, conosciuta per la sua versatilità, è arrivato agli Hornets in uno scambio con Portland per Gelald Henderson e Noah Vonleh nell’estate del 2015.

Sembrava un furto, quella che viene definita steal, a favore degli Hornets.

Batum era esattamente ciò di cui Kemba Walker aveva bisogno: qualcuno che togliesse un po’ di pressione dalla regia.

Batum ha detto che voleva fare di Kemba Walker una stella della NBA e lo ha fatto, più volte.
Batum può gestire la palla, giocare offensivamente, lanciare ficcanti bound pass tra difensori che arrivano sotto canestro per il bersaglio mobile, pronto a schiacciare.

Passaggi così, da fermo o su pick and roll ne abbiamo visti.

Ha fatto segnare in media 14,9 punti, 6,1 rimbalzi e 5,8 assist in quella prima stagione.
I Calabroni adoravano Batum allora, tanto da dargli più soldi di quanti non abbiano mai pagato nessuno, durante una perfetta tempesta finanziaria nell’estate del 2016, quando i soldi offerti dalle TV alla NBA sono aumentati e le squadre hanno pagato in eccesso anche per giocatori mediocri a destra e manca.

Se i Calabroni non avessero firmato Batum per 120 milioni, molte pretendenti sarebbero state pronte per offrirgli qualcosa di simile

E’ facile dire ora che Charlotte avrebbe dovuto semplicemente lasciare Batum a piedi, ma a quel tempo un sacco di persone (incluso Kemba Walker e cosa molto più importante, anche il proprietario degli Hornets Michael Jordan e il direttore generale Rich Cho) pensavano che fosse una buona idea mantenere lui nel roster.
Ma subito dopo aver firmato quel contratto, Batum è sparito velocemente.

E’ stato pagato come una superstar, ma ha sempre preferito recitare nel ruolo di miglior attore non protagonista.

Non cerca il suo tiro con abbastanza ferocia.

Non ti dà 25 punti e 10 rimbalzi per partita.

Il suo stato quasi permanente può sembrare la passività.

Rick Bonnell scrisse abilmente in una colonna:

“Batum è un tipo di colla, e si è scoperto che gli Hornets hanno ampiamente pagato per questa colla.”
Nel suo insieme, sugli ultimi anni, Batum ha detto: “Potrei fare un lavoro migliore (ovviamente) e mi pento.”
La migliore stagione di Batum con gli Hornets è stata la prima, nel 2015-16.

Gli Hornets ebbero un record di 48-34, fecero i playoffs come sesta forza nella Eastern Conference (ultima di quattro squadre con lo steso record) e poi trascinarono Miami alla settima partita in una serie di playoffs al primo round prima di soccombere a qualche magia di Dwayne Wade dopo esser stata avanti 3-2.

Quell’estate, Batum prese i 120 milioni che Charlotte gli aveva offerto.
Dal giorno in cui è stato firmato l’accordo, gli Hornets non sono più tornati ai playoffs (questa sarà la quarta stagione consecutiva senza post season, salvo improbabili miracoli).

Charlotte ha vinto solo il 43% delle proprie partite perdendone il 57%.

Batum si considera parte di quella che definisce “la vecchia era”, in una squadra nella quale i giocatori del primo e del secondo anno giocano la metà dei minuti totali.

Ha detto di apprezzare i giocatori veterani di Portland che gli hanno mostrato “le corde” da adolescente della NBA.

Ora sta cercando di portare avanti giocatori come Devonte ‘Graham, Miles Bridges, P.J. Washington, Malik Monk e i gemelli Martin.

“Sono un grande gruppo di giovani”, ha detto Batum.

“E se nel prossimo anno o due saranno una squadra da playoffs, ne sarò orgoglioso.”

La busta paga di Batum (guadagna l’incredibile cifra di $ 292.683 a partita per tutta la durata del contratto, indipendentemente dal fatto che giochi) e il giornalista dell’Observer osserva che da ogni parte è incluso come uno dei “peggiori contratti NBA.” continuando a dire che questi soldi pagati non sono spesi da noi ma da Jordan che se lo può permettere.

Sinceramente non sono d’accordo con questa affermazione da inquadrare nell’ottica dello spirito della proprietà privata, ciò che viene considerato lo spirito del tempo come concetto di borghesia e proprietà privata si rivela drasticamente fragile quando l’interesse svanisce.

Voglio dire.. se non vi fosse nessun fan a seguir la squadra a pagare le partite allo Spectrum Center, a comprare gadget e qualsiasi cosa affine, se mancasse l’afflato, la spinta vitale che sta sostenendo una franchigia che da più dispiaceri che gioie ai propri fan e non è sicuramente astratta dal mercato (purtroppo), probabilmente subiremmo velocemente la stessa sorte che hanno subito in passato altre franchigie con spostamenti di città o stravolgimenti nell’immagine, nel nome e nei colori.

Batum comprende la frustrazione che i fan degli Hornets hanno per lui.

“Non ho soddisfatto le aspettative nei primi 2-3 anni”, ha detto Batum, lo capisco. Lo so.”

I dubbi di Batum

Al termine di questa stagione, Batum ne avrà un’altra “disponibile” a Charlotte, ciò presupporrebbe che il numero cinque voglia raccogliere l’opzione a favore del giocatore da 27,1 milioni.

Da mio punto di vista Batum si potrebbe riscattare lasciando Charlotte non esercitando la player option ma non essendo nell’iperuranio, la situazione di Charlotte potrebbe restare ancora in criostasi.

Batum ha detto che non penserà a queste cose fino alla fine della stagione, ma sarebbe folle per lui non prendere i soldi.
C’è anche la possibilità che la prossima stagione a febbraio, quando l’accordo sarà scaduto solo da un paio di mesi, Batum possa negoziare un buyout con i Calabroni per far parte di un’altra squadra. Questo è quello che hanno fatto Marvin Williams e MKG il mese scorso.
Batum ha detto che non discuterà presto di nessuna delle questioni finanziarie.
“Non ci penso ora, perché ci sono così tante cose in corso con la squadra”, ha detto.

“Non voglio mettere cose nella testa della gente… Come ho detto, non voglio essere un stronzo (il termine che usa l’Observer è –hole), devo rimanere concentrato su questi giovani ragazzi fino al 15 aprile (quando la stagione di Charlotte sarà conclusa).”

Game 61: Charlotte Hornets Vs San Antonio Spurs 103-104

Intro

E’ la serata Empower Woman a Charlotte.

Probabilmente un papà, sorridente, potra le figlie allo Spectum Center a veder la partita.

Empower potrebbe essere tradotto come dar forza, incoraggiare o emancipare…

Parto dal dire che siamo nel 2020 e ritengo sia triste ci sia bisogno ancora di dover mandar questi messaggi, non perché il messaggio in sé stesso sia sbagliato ma perché evidentemente c’è ancora bisogno di questo.

La suddivisione in categorie che talvolta possono avere interessi contrapposti è la semplice realtà storica dei rapporti intercorsi tra gli uomini che ci hanno portato a oggi.

Impossibile in poche righe afrontare tematiche molto complesse che toccano diversi campi diciamo che spesso in passato ho sentito la Chiesa Cattolica parlare di: “Aiutare i poveri”, io vorrei invece eliminare la povertà (questo avrebbe ricadute notevoli in termini socio-ambientali), sia essa economica sia quella culturale con la seconda a volte diretta responsabile dell’ignoranza nella quale ci troviamo.

La responsabilità nel determinare le differenze è della nostra società che usa come medium (ormai fine) il denaro, va da sé che le categorie più fragili non possano trovare un loro posto, emanciparsi.

Succede quindi che per questo in talune circostanze una persona non possa svincolarsi da dogmi imposti in famiglia.

Succedeva un tempo e succede ancora anche in Italia se chi porta a casa l’unico stipendio decida di relegare in secondo piano l’altra vita, succede in culture conservatrici che tendono a negare libertà spesso le vittime siano donne.

C’è anche chi nei paesi occidentali è scappato dalle proprie responsabilità lasciando non solo la moglie ma anche i figli, ci sono genitori che hanno reso la vita impossibile ai figli, soprattutto femmine, apostrofandole con immeritate parole del tutto gratuite che hanno finito per creare una vita nuova e non semplice a chi avrebbe dovuto attingere come esempio positivo.

I casi menzionati non sono campati in aria ma reali, donne che provano a ritagliarsi un futuro migliore.

Questa che riporterò sotto ad esempio è una storia di una ragazza pakistana che ha incontrato per sua fortuna una mia amica.

Una storia questa che non conoscevo finché questa amica non decise di scriverla in internet condividendola con gli amici.

Queste due ragazze abitano in un paese dell’hinterland di Milano ma la ragazza pakistana (chiamiamola M.) vive praticamente in un mondo alieno, confinata tra le quattro mura domestiche essendole concesso solamente di poter uscire accompagnata da uno dei fratelli o dai genitori.

Praticamente isolata dal mondo, questa ragazza iniziò a gettare dei bigliettini o a far cader volontariamente dei panni stesi (per poter parlare) sul balcone sottostante di questa mia amica che per comodità chiamerò G..

G., procura un cellulare a questa ragazza che come novella Giulietta moderna trova un ragazzo in rete che vorrebbe sposarla.

La trama diventa da film quando i suoi (c’era da aspettarselo), scoprono il cellulare con i messaggi tra lei e il mondo esterno, compresa G. e qui uso le parole della mia amica: “Scoprirono quel pezzo di vita personale che aveva osato ritagliarsi” e chi aveva fornito il mezzo.

Succede però che il ragazzo che avrebbe “voluto sposarla” non fosse esattamente Romeo, pavido, si sciolse come neve al sole scomparendo.

La ragazza pakistana, ormai sola e priva di cellulare decide di scappare e rifugiarsi al piano sottostante al calare delle tenebre.

Un taxi chiamato con una luce che in quell’oscurità sarà sembrata al neon e via, verso una casa di protezione per donne maltrattate, alternativa sempre migliore alla paralisi della propria vita.
Rimase solo la folle ansia di chi l’aveva aiutata con i famigliari della ragazza scomparsa che bussavano a turno per cercare di reperire informazioni su quella sparizione, convinti che ne sapesse qualcosa.

Della ragazza pakistana si perdono le tracce finché un giorno non torna a ringraziare G..

Ha un lavoro e degli amici e può programmare una sua vita, libera dal controllo e anche se si è riavvicinata alla sua famiglia d’origine ha la sua autonomia.

Analisi

Tornando al basket purtroppo non possiamo dire che la partita abbia avuto lo stesso lieto fine della storia raccontata sopra.

C’è un po’ di amarezza per come è finita la partita, un po’ perché sarebbe stato bello vincerla nella serata Empower Woman (verranno presentate tre artiste italiane per lo show di metà tempo che troverete nel racconto tra secondo e terzo quarto), un po’ perché l’illusorio e meritato grande vantaggio del primo quarto (36-19) aveva fatto ben sperare, se non per una larga vittoria per una prestazione che continuasse con del bel gioco e culminasse in una vittoria, anche meno eclatante.

Gli Hornets sono stati in vantaggio a lungo ma nel terzo quarto i primi vantaggi Spurs hanno reso la partita punto a punto.

Quello che si può dire è che Charlotte paga la sua gioventù e inesperienza.

DeRozan e Gay danno una mano ai compagni nei momenti decisivi con canestri e passaggi e la ritrovata buona mano da fuori già nel secondo quarto da parte degli esterni texani instaura una partita a stretto gomito non rispettando la distanza di un metro posta in alcune regioni italiane per il Coronavirus.

Gli Hornets, sotto di 7 punti (97-104) hanno saputo reagire portandosi a -1 con l’occasione finale di poter vincer la gara ma a completare la sensazione di rammarico, oltre a una difesa che ha concesso troppo da fuori, c’è anche il time-out finale non chiamato da Borrego e quello scarico di Rozier su Cody Martin che se agganciato avrebbe potuto produrre il sorpasso.

Purtroppo la sfera ha finito per frantumare quasi un dito al nostro numero 11 e Charlotte non è riuscita nella manciata di secondi finali a commetter fallo per provar l’ultimo possesso.

Perdere di un punto in questa modalità lascia spazio a tanti se ma la squadra con i suoi pregi e difetti è questa e ci si augura potrà apprendere da qualche errore di troppo commesso.

Certo, innegabilmente avremmo preferito vincerla ma la sconfitta in ottica lottery non è poi un dramma, ora sotto con i Nuggets sperando in una big night come quella contro Toronto anche se sarà durissima.

A livello di statistiche complessive, nonostante gli Hornets abbiano dominato nelle second chance e a rimbalzo (47-33) hanno lasciato sul campo 17 TO contro i 10 avversari con 4 rubate a 12…

Il 13/18 di Charlotte dalla lunetta (72,2%) ha contribuito alla sconfitta a fronte del 17/20 (85,0%) degli Spurs.

Gli assist sono stati 25 per parte ma Charlotte ha tirato peggio dal campo con il 47,0% contro il 47,5% e il 29,0% da tre contro il 34,4% degli Spurs.

La partita

Classica presentazione del quintetto con Hugo e le dance brackets di contorno.

Starting five

San Antonio, guidata da Tim Duncan (Popovich non era presente per motivi personali) doveva rinunciare a Aldridge e Poeltl, quindi finiva per schierare il seguente quintetto: Forbes (15 pt.), Murray (21 pt.), DeRozan (12 pt. +10 assist), Lyles (6 pt.), Eubanks (3 pt.).

Dalla panchina Mills ha guidato con 13 punti i suoi seguito da White a 12 e Gay a 10, quindi Keldon Johnson a 7 e Lonnie Walker IV a 5 hanno dato il loro contributo.

Borrego, al quale mancava Graham per il piccolo infortunio riportato alla caviglia nello scontro con Antetokounmpo, replicava con: Terry Rozier, Cody Martin, Miles Bridges, P.J. Washington, Cody Zeller.

1° quarto:

Palla a due vinta da Zeller, cambio lato micidiale per l’open dalla sinistra di Bridges che a 11:38 faceva 3-0…

DeRozan mancava il tiro dalla media baseline sinistra ben marcato da Miles che in attacco appoggiava male il layup ma Zeller facendosi spazio appoggiava il 5-0 mancando il libero aggiuntivo.

Lyles mancava la tripla, Cody Martin andava a rimbalzo e con una leggera finta si fiondava in area per una rapida bimane.

Forbes con un reverse layup faceva abbandonare quota zero ai suoi ma era sempre Charlotte a continuare a segnar pun5ti con Rozier che arrivava sino all’appoggio facile al plexiglass e con lo stesso Scary che con le finte di crossover ricavava spazio per il pull-up da tre punti che portava la partita sul 12-2 e consigliava a Duncan il time-out a 8:57.

A 8:31 passaggio laterale verso il centro da Rozier per Zeller che si scatenava in una delle sue run dunk quindi Cody rimaneva caldo anche mezzo minuto dopo quando dopo uno spin nel pitturato alzava in movimento un anticonvenzionale hook che finiva dentro.

16-2 impensabile ma anche S. Antonio cominciava a metter qualche tiro, nella fattispecie era Forbes a realizzare da tre punti nel duello tra numeri 11.

Lyles a 7:14 batteva P.J. Washington subendo fallo sul 2+1.

Dentro McDaniels in attesa del libero per il 16-8 ma in attacco il canestro passava per le mani di Bridges che con un bound pass passava a Cody Martin in taglio back-door a destra bravo a chiudere deciso in schiacciata.

San Antonio guadagnava due FT con il rimbalzo d’attacco di Eubanks che a 6:36 affondava solo una delle due occasioni per il 18-9 quindi toccava a Miles dall’angolo destro trascinare Charlotte sul 21-9.

DeRozan con un cambio direzione in euro-step metteva dentro il punto SAS n° 11 ma Caleb Martin dalla diagonale destra, ricevendo da Willy il passaggio fuori, sparava da tre con sicurezza e spazio ottenendo il 24-11.

Mills andava due volte in lunetta accorciando di 4 punti ma un tocco sull’avambraccio di Bridges da parte di White mandava in lunetta il nostro numero zero che realizzava le tre occasioni in lunetta per portare il risultato sul 27-15.

Floater di White e correzione di McDaniels dopo errore di Willy, ma il nostro rookie commetteva anche l’ingenuità di rimaner per tre secondi in area anche se il FT di San Antonio non otteneva punti.

Mills metteva dentro il -10, Chealey entrava in campo ma tirava malamente fendendo solo l’aria, ci pensava Willy in difesa all’ultimo istante a negare a Gay il canestro con una stoppata al limite (forse in goaltending) ma sull’altro fronte da sx McDaniels non lasciava dubbi sulla power dunk del 31-19.

Martin in difesa intercettava in modalità teletrasporto ninja un passaggio di White ma Mills con il fallo subitaneo privava Charlotte della fuga in transizione.

Walker IV spalmava sul ferro una dunk e Gay mancava la second chance così Caleb Martin dal lato destro realizzando da oltre l’arco siglava il 34-19.

Mills portava a 1/7 i tentativi da fuori di SAS sbagliando e Chealey sigillava sul 36-19 il primo quarto con due FT.

Zeller rientra come titolare portando buona dinamicità all’attacco ma poco alla difesa. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Charlotte partiva concedendo tre punti a C. Johnson e due dalla lunetta a Gay, quindi Johnson tornava a segnarne due anche contrastato al ferro.

Willy agganciava a fatica un lob ma liberatosi del lungo poi metteva dentro facile sul più piccolo Mills quindi Cody Martin a 9:35 andava dentro selvaggiamente per la thunder del 42-26.

Walker IV mancava un tiro mentre Caleb rientrava negli spogliatoi ma Murray con un pull-up frontale faceva tornare alla realtà del parquet anche il medesimo preoccupato per un Caleb che comunque rientrerà.

Brillante swooping hook in avvicinamento di Willy con soft touch a 8:24 ma i texani mettevano dentro 4 punti e gli Hornets con Chealey nel mezzo non ottenevano nulla con altrettanti tiri.

McDaniels da sotto lottava a muro contro la difesa Spurs mettendo al multi-tentativo dentro da pallavolista ma a 6:24 Lyles sganciava la tripla del 46-35.Cody Martin recuperava un passaggio e segnava da tre dopo una pirotecnica azione il 49-35 ma gli Spurs ingranando da tre tornavano sotto con la bomba di Murray (49-38) che anticipava il tocco bono di White sotto canestro per il 49-40.

Cody Martin aggiungeva due punti ma a 2:44 White, dalla diagonale, faceva secchi gli Hornets.

Visto il risultato negativo andiamo a compensare con qualcosa di esteticamente (in senso generale) di più bello…

P.J. rispondeva dalla diagonale sinistra da oltre l’arco a 2:29 ma ancora White dava il bianco da fuori piazzando l’ennesima bomba.

Rozier con l’euro-step finiva per dover tirare in fade-away, rallentato e contrastato dalla difesa ma il suo jumper finiva dentro aggiustando sul +10 il punteggio (56-46).

Rozier mancava il tiro andando sul secondo ferro ma spuntava Caleb a deviare a una mano dentro.

Chiudere il primo tempo era la tripla sicura di Mills su Cody Martin e per effetto di questa si andava negli spogliatoi sul 58-49 con un 22-30 pro Spurs.

A fine primo tempo Cody Martin fa registrare 11 punti, Miles 9, quindi ecco Caleb a 8.

3° quarto:

Rimanevano 9 punti da difendere anche dopo lo 0/2 ai liberi di Zeller.

DeRozan batteva dal post basso destro Zeller e Bridges con il jumper e un floater di Forbes segnava il -5 per la squadra di Duncan.

P.J. ai 24 secondi infilava il 61-53 per un 16-1 Hornets nelle second chance.

Murray da due punti con un jumper frontale metteva dentro “contrastato” dal più complicato spin e floater in the paint di Bridges che andava comunque a realizzare il 63-57.

Murray perdeva palla ma riuscendo a rubarla immediatamente nella metà campo degli Hornets a Cody Martin in palleggio, andava a schiacciare facilmente.

Bridges prendeva la via dell’appoggio in corsa in mischia e funzionava tuttavia ancora il tiro da fuori era micidiale per Charlotte che accusando la tripla di Murray si trovava a difendere un unico possesso (65-62).

Un pocket pass serviva a Zeller per ritagliarsi lo spazio in corsa per realizzare il +5 ma nonostante l’entrata di Murray non andasse a buon fine, Eubanks, correggendo, riportava a tre le distanze tra le compagini.

Eubanks stoppava anche il tentativo di Rozier mentre a 7:13 DeRozan in transizione andava a prendersi due liberi per il -1.

Forbes a 6:48 trascinava da tre per la prima volta i neri in vantaggio a mezzo tripla mentre si festeggiava sulla panchina di San Antonio.

15 secondi più tardi però, Rozier, dalla diagonale destra segnava su invito di P.J. dall’angolo con ottima esecuzione riportando la partita dalla parte di Charlotte sul 70-69.

Gli Hornets aggiungevano altri due punti dalla lunetta con P.J. (Gay foul) ma White subiva fallo da McDaniels un po’ in difficoltà a seguir il passo del più piccolo attaccante.

Quarto fallo per il numero 6 che usciva dal campo.

Charlotte mancava la bomba con Caleb tuttavia P.J. a rimbalzo offensivo prendeva la sfera salvando capra e cavoli con la schiacciata del 74-71.

Su un lancio lungo per Willy, inevitabile in contatto Hennangomez-White ed ecco altri due FT per Charlotte che tornando sul +5 a 3:27 poteva tener il capo avanti per più di una lunghezza.

Charlotte però non riuscendo a concretizzare le proprie azioni subiva i canestri di Mills, di Gay (2/2 a 1:37 in lunetta) e ancora di Mills che in transizione andava facile per portare gli Speroni al secondo vantaggio in serata (76-77).

Chealey muoveva i piedi ricevendo palla almeno due volte ma gli arbitri non fischiavano, ricordandosi di fischiarli quando arrestandosi nei pressi dell’area tentava il tiro.

Charlotte a fine terzo quarto soccombeva di un punto.

Buon finale per P.J. che in serata ha realizzato 5/9 nel tiro da tre punti. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Canestro annullato in tap-in a Charlotte per partir male e old school bucket di Gay in entrata.

Chealey era stoppato da White e Bridges per evirar la transizione a 11:05 commetteva fallo istantaneamente.

San Antonio mostrava più esperienza e freddezza con gay al tiro su Willy dalla destra per il 76-81.

Cody martin arrischiava un’entrata in diagonale dalla sinistra che sbancava il casinò con l’up & under quindi era il fratello Caleb a risolver la spinosa questione del successivo possesso offensivo scagliando un tiro dalla destra nonostante la mano in faccia di Walker IV.

Canestro dato da due punti, al limite ma Walker IV non si preoccupava di ciò andando a sorprender la difesa di Charlotte in entrata.

Un passaggio “invisibile” di Cody Martin liberava Bridges che si appendeva all’anello per la slam dunk dell’82-83.

Canestro annullato anche a White per sfondamento su Cody Martin nonostante il coach’s challenge di Duncan, molto compassato in panca.

A 8:50 altro episodio con Rozier in step back da tre o da due?

Gli arbitri confermavano solo due punti che servivano a Charlotte per il sorpasso (84-83) ma un punto mancherà molto alla fine…

Nessuno riusciva a fermare Murray dall’angolo sinistro per altri tre punti ma Rozier a 7:28 in fade-away pareggiava dalla media.

San Antonio provava a scattare con 4 punti ma P.J. con la tripla la “riprendeva” sull’89-90.

DeRozan però di fisico si faceva spazio su Zeller quel tanto che bastava per piazzare il tiro oltre l’ombrello del nostro centro, staccatosi troppo sul contatto.

Rozier mancava l’aggancio con la tripla mentre Walker IV sfruttava il movimento palla dei compagni per celebrare da tre punti il gioco di squadra e l’89-95.

Giunta al suo massimo svantaggio Charlotte non demordeva ma a 5:28 P.J. mancava due FT fatalmente sebbene si facesse perdonare andando a cancellare il floater di DeRozan, il quale aveva appena lasciato lì i nostri numeri 10 e 40.

Murray mancava la tripla, Miles non aveva valide soluzioni tecniche ma McDaniels recuperando il rimbalzo offriva a P.J. la tripla del -3.

San Antonio tuttavia andava in lunetta a 4:24 con Forbes che secondo la terna era toccato sul o dopo il tiro da Caleb Martin, scontratosi con troppa foga sul close-out con McDaniels.

3/3 per il giocatore texano e 6 punti riconquistati dagli uomini di Duncan che 20 secondi più tardi incassavano tuttavia un’altra tripla per mano di P.J. (95-98).

Charlotte non riusciva a dare uno stop agli attacchi degli Spurs subendo il jumper di DeRozan dal mid range e nonostante lo scoop di Rozier che cominciava a buttarsi dentro con frequenza disperatamente, gli Hornets lasciavano troppa libertà a Gay che dalla linea del tiro libero si elevava quel tanto che bastava per realizzare sicuro il 97-102.

La situazione si faceva tragica quando Caleb Martin in entrata nel traffico lasciava alle mani degli Spurs (a rimbalzo) la palla che Murray trasformerà come tiro decisivo segnando a 2:12 dalla fine un tiro ai 24 secondi.

La possibilità di rimontare però gli Hornets l’avevano e spinti da un pubblico finalmente degno del vecchio Alveare, ecco l’appoggio in terzo tempo di Caleb e due FT di Rozier a segno sull’ennesima incursione disperata che lo faceva sbattere al sostegno del canestro dopo esser stato toccato.

Gay mancava il canestro, Murray la second chance mentre ancora Rozier con il layup in entrata a :42.7 dipingeva la statica difesa degli Spurs.

DeRozan sfidava Bridges sul possesso finale per San Antonio ma questa volta la scommessa non andava a buon fine sul tiro corto, rimbalzo Cody Martin e Borrego nonostante i due Time-out a disposizione non chiamava nulla.

Rozier con un’esitazione trovava un varco su Murray ma il raddoppio di Forbes consigliava a Terry di scaricar palla a Martin (Cody), forse un po’ troppo appostato avanti, forse raggiunto da un passaggio troppo forte da quella distanza.

Di fatto Martin non riuscendo a trattener la palla a pochi secondi dalla fine per quello che sarebbe stato forse il canestro vittoria a circa sei secondi dalla fine (Gay era rimasto arretrato ma in recupero) decretava la sconfitta degli Hornets che con palla nel limbo, non riuscivano a commetter nemmeno fallo lasciando spegner la partita sul 103-104, lasciando più di un rammarico per un altro close game finito male.

Le pagelle

Terry Rozier: 6

20 pt., 6 rimbalzi, 5 assist. 8/18 FG, (2/7 3FG), 1 TO, +3 in +/-. Gioca 35:32 ed è un po’ la mia disperazione vederlo troppo spesso andar dentro ed appoggiar male. Trova molto ritmo nel finale nel quale mette uno scoop, due liberi e un layup, poi sembrerebbe poter arrivar sino in fondo sull’ultima azione ma il rientro rapido di Forbes lo rende troppo altruista facendogli tentare un passaggio volante in salto sul raddoppio sotto canestro invece di rischiare un floater tagliato, va male ma l’idea non era malvagia. Con un po’ più di costanza e meno spreco da parte sua avremmo magari portato a casa la vittoria, nonostante non circoli in NBA da un decennio è un po’ il go to guy, specialmente in serata visto che Graham era fuori.

Cody Martin: 6

13 pt., 5 rimbalzi, 4 assist, 2 rubate. 6/8 FG, (1/1 3 FG), 4 TO, -13 in +/-. Stramba partita. Ottimo inizio, una bella schiacciata e 4 assist che sono pareggiati da 4 palle perse, una in uscita che ci costa contro due punti facili. Gioca senza paura anche accettando lo scambio eventuale con il lungo in area. Lanciato in quintetto cerca di dare subito energia, ne perde un po’ per strada poi la ritrova, assist artistico al bacio per Miles da menzionare, conquista anche l’ultimo rimbalzo ma sul passaggio di Rozier è poco reattivo, anche se probabilmente quella palla arrivava in maniera troppo violenta per poterla trattenere meglio. Episodio decisivo a parte, nonostante un plus/minus non favorevole una sufficienza la merita.

Miles Bridges: 5,5

15 pt., 7 rimbalzi, 1 assist. 5/14 FG (2/5 3 FG), +0 in +/-. Non una cattiva partita a livello difensivo, qualcosa gli sfugge ma altre volte è bravo a fermare gli avversari, vedi DeRozan sull’ultimo possesso. Da tre va al 40,0% ma è in attacco a esser deficitario. Le sue iniziative prese in mezzo al traffico o in uno contro uno spesso vanno a vuoto. Miles prova a usare la forza ma manca di tecnica nelle finalizzazioni in queste circostanze e il suo 3/9 da due punti lo dimostra e una è dunk facile grazie a Cody Martin. Troppi errori forzando invece di render più fluida la manovra, un solo TO in 32:14.

P.J. Washington: 6,5

19 pt., 4 rimbalzi, 3 assist, 1 stoppata. 6/13 FG (5/9 3 FG), 2 TO, +4. Anche lui meglio da fuori, specialmente nel finale quando ci tiene in partita con un paio di dardi da oltre l’arco, scagliati al momento giusto. Bell’assist per la tripla di Rozier nel secondo tempo, ottima stoppata su DeRozan dopo aver mandato in fumo due liberi, fatali (ma certamente meno dello 0/3 di Zeller) alla fine ma lo spirito di non arrendersi è quello giusto. Gioca 34:59, a volte come centro sostituendo Zeller e Willy in panchina ma i rimbalzi sono pochi, specialmente i difensivi, soltanto 2.

Cody Zeller: 5,5

8 pt., 7 rimbalzi, 3 assist. 4/6 FG, 0/3 FT. 2 TO, -1 in +/- in 19:17. In attacco non gioca male riuscendo spesso in movimento a prendere in infilata le linee nemiche indebolite dall’assenza di due lunghi ma è in difesa che nel momento decisivo non riesce a dare gli stop necessari a DeRozan e compagni che lo distanziano bene usando o non usando il fisico. Troppo poco reattivo in queste circostanze e tre tiri liberi mancati su tre… Borrego continua il tourbillon di centri ma non ne ha uno completo anche se in serata alla fine io avrei fatto subentrare Biz per blocchi, ecc. e non posto P.J. come centro.

Jalen McDaniels: 6

6 pt., 9 rimbalzi, 5 assist. 3/7 FG. Non sempre irreprensibile difensivamente, gli vengono fischiati due blocking foul ravvicinati anziché sfondamenti presi e sostanzialmente si potrebbe esser d’accordo per la non perfetta posizione presa anche se siamo molto “close”. Finisce per commettere altri tre falli e al quarto torna a sedersi in panchina non tenendo il passo del piccolo. Ogni tanto spunta a rimbalzo ed è utile per far guadagnare ai compagni second chance, fornisce anche un numero discreto di assist anche se si limita nello score in 27:10. Buona l’energia, un po’ ingenuo il close-out su Forbes nell’ultimo quarto che fa carambolare un po’ di più Martin sul tiratore ma in questa circostanza è più il compagno a dar fastidio l close-out del numero 6. Non si può pretendere prenda in mano le redini della situazione ma il suo aiuto lo fornisce.

Caleb Martin: 6,5

12 pt., 3 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. 5/9 FG (2/4 3FG), 2 TO. +9 in +/-. 26:31 in campo, due triple a segno, difesa che voglio rivedere in toto. Mi è sembrata buona ma c’è qualcosa che non convince in linea generale, non tanto in lui ma nel gioco di Borrego che deve trovare sui raddoppi e sui box verso l’area le soluzioni per coprir meglio l’arco. Lui fa il suo anche se non fornisce molti assist questa sera, sono uno per la verità ma è bravo anche a lanciarsi dentro, a volte segna un bel canestro ma ricordo anche un tiro gettato lì in mischia. Un po’ di inesperienza come altri young player ma coraggio nel tentare di sbloccare attacchi troppo statici o senza reali linee di passaggio a volte.

Willy Hernangomez: 6

8 pt., 6 rimbalzi, 3 assist, 1 stoppata. 3 TO, -4. Ottimo inizio, peccato per qualche palla persa di troppo in 17:35. Il discorso è sempre lo stesso, tecnica buona, in qualche frangente raffinata ma poi quando conta la difesa è un po’ blanda, Gay se ne accorge e lo trafigge in jumper. Era riuscito a stoppare Gay al limite della parabola ma non da più sicurezza nel finale ma considerando la prima parte inscindibile per il giudizio complessivo, una sufficienza la raggiunge.

Joe Chealey: 4,5

2 pt., 1 rubata in 12:28. Appena rifirmato per altri 10 giorni con Bacon in G-League e Monk squalificato, o meglio, sospeso… riesce a far rimpiangere entrambi con uno 0/4 al tiro composto da uno 0/3 dal campo (0/2 da tre) con air-ball e una stoppata presa imperiosamente. Aggiungiamo due TO ed eco la differenza tra una vittoria e una sconfitta. Sprecati tiri e possessi Charlotte da lui ottiene solo una steal e due liberi affondati a fine primo quarto. Prende un contenuto -4 in +/- nonostante la scadente prestazione.

Coach James Borrego: 5

La squadra gioca benissimo in attacco all’inizio e la difesa non è da sottovalutare, poi gli Spurs cominciano a colpir da fuori e sarà una costante per tutta la partita. Non riesce ad adottare le giuste contromisure. Sbaglia a non far entrare anche Biz quando nel finale servirebbe anche della difesa supplementare per far estendere gli altri 4 giocatori più lontani dall’area a presidiare la linea dei tre punti. In qualche maniera San Antonio segna spesso da due poi nel finale con due time-out a disposizione rischia scegliendo di far giocare e seguire il flow di Rozier che tuttavia sull’ultima azione è interrotto. In genere si blocca il tempo e si fa una scelta ragionata. Qua siam al famoso senno di poi ma l’azione gli da torto anche se non era stata mal congegnata.

Game 60: Charlotte Hornets Vs Milwaukee Bucks 85-93

Intro

Charlotte torna a casa dopo aver vinto quattro delle ultime cinque partite giocate in trasferta in maniera corsara.

Se dovessimo fare un parallelismo, sulle ultime quattro partite casalinghe, il bilancio vittorie/sconfitte sarebbe quasi invertito con un 2-3 (le vittorie su New York).

Il concetto di casa che è arrivato fino a noi si è affermato su alte parole come villa, palazzina, talamo, maniero, ecc., forse perché più popolare e rappresentativo di una modestia abitativa plastica che indica un luogo amato, sicuro e vissuto…

Per estensione casa indica ormai tante altre cose, dalla casa zodiacale alla White House come luogo simbolo rappresentativo degli States a un’azienda (casa automobilistica, casa madre, ecc.) oppure si usa in espressioni come: “A casa mia”… indicando un particolare comportamento…

La casa dovrebbe però essere un luogo piacevole per trascorrere con gli amici e la famiglia bei momenti o per tagliar fuori il mondo esterno e rifugiarsi nel pensiero e nella tranquillità in alcuni momenti.

La casa degli Hornets, detta “The Hive”, l’Alveare dai suoi stessi tifosi, a partire dagli anni ’80 è diventata iconica per i fan che amano questa franchigia.

Brillano ancora gli occhi ripensando ai vecchi iconici parquet riproposti anche negli ultimi anni in talune occasioni ma troppo spesso, proprio in Charlotte, i Calabroni si sono dimostrati troppo “ospitali” facendosi depredare.

Con la partita di oggi inizia un ciclo di ben quattro partite casalinghe, non semplici (in ordine temporale: Bucks, Spurs, Nuggets e Rockets) e dal mio punto di vista perderne almeno tre significherebbe un mezzo tradimento in nome dei bei ricordi passati sebbene la logica suggerirebbe di “rientrare” ai piani più bassi in ottica lottery.

Sappiamo che la forza del team non è quella passata ma i giovani che stanno emergendo in queste ultime settimane come i due gemelli Martin, McDaniels ma anche la coppia Biz/Willy, ce la stanno mettendo tutta per vincer le partite.

Cosa potranno fare da qui a sabato prossimo è difficile dirsi, di certo una piccola critica al pubblico la si può fare.

Al vecchio Hive Drive 100, ormai abbattuto, fuori città immerso nel verde, metaforicamente, forse erano i kami (gli spiriti, in particolare quelli della natura) ad esaltare lo sventolio di towel di un caldissimo pubblico, il più imborghesito spettatore dello Spectrum Center oggi si sente poco, si esalta solo in particolari momenti nei quali è la squadra a trascinarlo e non viceversa.

Mi piacerebbe riascoltare quell’entusiasmo, quell’ardore che era nell’aria, immersi in un liquido infiammabile che oggi accende poco la scintilla.

I Bucks sono una corazzata e per battere una poderosa nave così ben fortificata, i Calabroni avranno bisogno d’essere uno sciame imprevedibile in volo come uno stormo di caccia decollato da una portaerei pronto a colpire da ogni posizione ma qui fortunatamente non si faranno morti, aldilà del risultato.

Analisi

Charlotte è viva e vegeta e si vede ma vincer la seconda partita contro un big team, mh… “Troppa grazia sant’Antonio” e dato che la prossima partita sarà proprio con San Antonio chissà non si riesca a recuperare una vittoria mancante.

Charlotte se la gioca alla pari contro dei Bucks ai quali manca Middleton ma possono contar sempre su un team di ottimo livello, un Antetokounmpo in forma smagliante al quale però è concesso qualcosa di troppo anche in relazione alla scarsa qualità difensiva dei nostri che compensano dando tutto e alla terna affascinata dal greco.

In generale, in una partita nella quale ci cono stati molti contatti, Charlotte è penalizzata da almeno tre decisioni più che dubbie, se non macroscopiche a sfavore, dai passi di Giannis (quelli non contano) a una stoppata di Caleb assegnata come fallo contro e a una palla a due trasformata in fallo contro.

Anche Milwaukee può recriminar qualcosa ma credo che nel complesso il metro di giudizio abbia favorito la squadra ospite.

Da lì si vede meno intensità nella difesa di Charlotte che esce di scena dopo aver ben retto per tutto il confronto (dall’81-82 si passerà all’83-92) avendo tenuto Milwaukee bassa nel punteggio pagando la versione XXL di un Giannis da 4 pt. e 20 rimbalzi.

Gli Hornets però sparano un 8/35 da fuori con una punta negativa di 2/15 sganciata dal duo “alare” Bridges-P.J: che finisce per dare adito a qualche recriminazione su taluni fischi.

Pazienza, sarà per la prossima si spera, contando su due mastini formidabili e atletici come i gemelli Martin.

A livello di statistiche ci penalizza molto il 47-61 a rimbalzo con Milwaukee decisamente con più cm e talento sotto le plance ma a sorpresa gli Hornets grazie al movimento e all’intensità difensiva vincono 8-6 nelle stoppate e nei TO 10-16.

La terna premia Milwaukee ai liberi con Charlotte al 90,0% (9/10) contro il 76,2% (16/21) avversario.

Dal campo scendiamo al 35,4% contro il 40,2% mentre da tre ambo le squadre sono bassissime con il 22,9% per i Calabroni e il 22,6% per i Cervi.

Chiudiamo con gli assist, 22-20 in favore degli Hornets.

La partita

Starting five

Milwaukee a Charlotte messa in campo da coach Budenholzer era la seguente: Bledsoe (4 pt.), DiVincenzo (2 pt.), Matthews (8 pt.), Antetokounmpo (41 pt. +20 rimbalzi), Brook Lopez (16 pt.). Dalla panchina George Hill segnava 11 pt. mentre Connaughton ne aggiungeva 6.

Hornets con il quintetto delle ultime uscite: Rozier, Graham, Bridges, P.J. Washington e Biyombo.

1° quarto:

Pessima partenza difensiva di Charlotte che concedendo due possibilità sul primo possesso dei Bucks concedeva a Matthews la tripla dalla diagonale destra.

Gli Hornets avevano l’unico buon momento nei primissimi minuti grazie a due azioni consecutive: nella prima Rozier puntava il canestro e con un esitazione andava ad appoggiare in mischia, poi lo stesso Scary recuperava in salto un lob in area e in transizione a 10:50 arrivava il goaltending di Antetokounmpo sull’alzata di Biyombo.

4-3 ma in attacco Charlotte faceva fatica a sfondare mancando anche le soluzioni da fuori mentre in difesa non riusciva a tenere Antetokounmpo.

A 10:26 il greco saliva in jumper contro P.J. scivolato sul contatto e non bastavano le mani di altri due giocatori in aiuto poi a 9:53 con una finta faceva passar avanti Biyombo per appoggiare il two and one del 4-8.

Seguiva la dunk a 8:19 e lo scoop di Bledsoe per il 4-14.

Dopo due occasioni mancate dai Bucks entrava Cody Martin che piazzandosi sulla sinistra sganciava subito la bomba per portare gli Hornets a quota 7 ma su un contatto Cody Martin/Antetokounmpo il secondo secondo la terna beneficiava anche dell’and one oltre il canestro a 6:26.

Lopez stoppava oltre il fondo Rozier che non demordendo si piazzava largo a destra per scaricar dall’angolo un lungo due che a 5:28 mutava la situazione sul 9-17.

Bledsoe rompendo un raddoppio andava dentro in fing and roll ma su un passaggio di Marvin Williams, Bridges otteneva una steal e un assist per McDaniels che lanciatissimo in transizione schiacciava toccato da dietro da Connaughton.

Schiacciata buona, nessun fallo per la terna ma il cattivo atterraggio mandava negli spogliatoi Jalen.

Charlotte provava ad accorciare con foga e sul tentativo a luci spente di Caleb Martin che arrivando da dietro in salto per la dunk sul rimbalzo alto invadeva il cilindro di Connaughton che in bonus andava in lunetta a splittare dopo questa decisione arbitrale.

L’elbow jumper di Rozier e la tripla di Caleb Martin (2:20) da circa la medesima posizione di quella sganciata dal fratello prima, riportavano Charlotte a galla (16-20) ma Connaughton da tre dall’angolo destro faceva arretrare i nostri ancora una volta.
I nostri però non arrancavano più cominciando anche a prender rimbalzi, quello offensivo di Willy sulla tripla mancata da Bridges valeva la jam diretta quindi ecco un pezzo di euro-bravura del centro spagnolo con la swooping hook a :38.3 per il 20-23.

Hill a :29.3 tuttavia chiudeva il quarto con la tripla del 20-26.

Hernangomez contro Robin Lopez. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Partiva bene il greco dei Bucks nel secondo quarto tirando giù un’altra schiacciata dopo aver passato facile Willy ma gli Hornets rispondevano con un parziale di 10-0; Cody Martin segnava gettandosi senza paura fino all’appoggio al plexiglass subendo il tocco di Lopez per il two and one poi P.J. Washington aggiustava la mira da tre punti (ben assistito) e Bridges con un floater in area pareggiava prima che su una steal prodigiosa di Caleb Martin la P.J. spin dance nel pitturato servisse a portarci avanti 30-28.

Milwaukee raggiungeva il pari dopo un errore di Bledsoe sul quale indisturbato Antetokounmpo segnava raccogliendo e schiacciando.

Caleb Martin subiva uno sfondamento, l’ex Marvin Williams mancava la tripla dall’angolo, Charlotte resisteva segnando due liberi con Biyombo e dopo un suo blocco sulla transizione era il congolese a correggere troppo presto il layup di Caleb in uscita facendo risultare palese l’interferenza a canestro con palla ancora sull’anello.

Ci provava anche il gemello Cody senza fortuna ma questa volta la correzione di Biz era buona.

Un gancio in corsa di Cody Martin dal post basso destro faceva fuori Lopez ma il +4 Hornets diveniva -1 con i due canestri di Antetokounmpo che con una tripla a 3:24 portava sul 36-37 il megascore.

A 2:52 Graham rilasciava il tiro del sorpasso frontalmente ma G. Hill in appoggio e Antetokounmpo che finalizzando una transizione portavano sul +3 i Bucks sembravano far pender la partita dal lato Cervi finché, ancora Graham, passando il blocco di Willy da fronte a canestro, mandando a bersaglio la tripla, impattava a quota 41.

L’ex Marvin Williams si lancia in tuffo sulla panchina di Charlotte con Joe Chealey che tenta di pescarlo.

Hill e Connaughton mettevano dentro due punti a testa ma Graham staccandosi dal difensore realizzava il -2 conservato da Cody Martin in stoppata su Hill al termine del primo tempo per il 43-45.

Statistiche individuali del 1° tempo.

3° quarto:

Brutta partenza di Charlotte che concedeva a Lopez una drive and dunk e a 10:12 un’altra jam al greco in transizione, in più il FT jumper di Matthews su un raddoppio mancato, valeva a 9:34 il +8 Bucks.

Un floater corto di Graham era accolto benevolmente dal primo ferro ma Lopez segnando oltre il passaggio a livello posto da Bridges a 8:55 coglieva l’occasione per un two and one.

P.J. con terzo tempo e fing and roll ravvivava l’attacco spento degli Hornets ma un suo fallo su Lopez mandava in lunetta il lungo a 8:28 per il 2/2.

Graham da sinistra risultava perfetto al tiro da tre (50-56)ma diveniva impossibile fermare Antetokounmpo con il suo lungo euro-step che anticipava il fing and roll.

Biz lamentava su fallo sul tiro, gli arbitri accoglievano la richiesta mandandolo in lunetta.

Il congolese piazzava i FT, tuttavia il greco regalava il punto numero 60 ai suoi.

Gli Hornets erano resistenti e con Rozier andavano a prendersi un long two per il 54-60 ma sembrava tutto perduto quando dalla diagonale sinistra Lopez mandava a segno un lungo tre punti e Caleb Martin sparando un tre affrettato e mancando un alley-oop faceva perder due turni a Charlotte.

L’altro Lopez, Robin, mancava però il canestro, Charlotte prendeva la palla al balzo e trasformava dall’angolo sinistro l’occasione con Cody Martin per il 57-63 a 4:33.

Tripla dell’ombroso Brown venti secondi più tardi con Hill alla steal sulla seguente azione con appoggio ad aggravar la situazione (57-68).

A 3:05 step-back 3 di Miles ma Lopez segnava il 60-70 buttando giù Willy.

Insperatamente Charlotte trasformava gli ultimi minuti del quarto in un monologo per l’8-0.

Si partiva con il 2/2 di Willy per fallo di Connaughton, si continuava con il magnifico alley-oop in reverse di Caleb Martin su assist del fratello in transizione per passare alla transizione con appoggio più fallo di Graham a 1:34.

Il libero purtroppo non entrava ma sull’ennesima ripartenza Willy in mischia correggeva a 1:06 per il 68-70 prima che Hill venisse stoppato da Bridges sul finir di tempo.

P.J. Washington in entrata sul blocco di Biz sotto canestro. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

DiVincenzo era fermato da Miles e Willy da Lopez, Antetokounmpo segnava ma probabilmente commettendo passi, a Willy in attacco non restava altro che segnare alzando morbido dal pitturato per riparare all’ingiustizia quindi uno sfondamento di Antetokounmpo su McDaniels dava la possibilità a Charlotte d pareggiare ma il legnoso Biz non vi riusciva e si finiva così per incassare la tripla di Matthews chiuso da McDaniels con un attimo di ritardo (70-75).

Graham mancava un tiro e in ripiegamento per bloccare il greco, a metà campo finiva per tagliargli la strada finendo sotto.

Caviglia sinistra con qualche problema e uscita dal parquet.

Big Ragù mancava la tripla, rimbalzone di McDaniels che apriva la giocata di PJ. Per il two and one a 7:57.

McDaniels in difesa faceva buona guardia sulla linea di fondo su Matthews ma P.J. mancava il sorpasso ben due volte su due azioni offensive differenti andando sull’1/8 da oltre l’arco.

Matthews sbagliava ancora (contro Caleb) ma da terra recuperava andando in time-out, senza però esimersi dal prendersi un tecnico per recriminazioni su un fallo del Martin meno famoso.

Rozier per il 74-75…

Biz forzava Giannis al tiro alla Nowitzki ma dopo un rimbalzo alto sul ferro ecco la palla spiovere al centro della retina per nostra sfortuna.

Rozier a 6:11 andava dentro in appoggio nel traffico senza problemi ma Antetokounmpo eludeva con agilità sorprendente Biz con uno spin completo andando a sparare una dinamitarda schiacciata senza che McDaniels potesse realmente intervenire con tempismo.

Fallo oltre il canestro, Milwaukee sul +4.

P.J. in avvicinamento in area dava dentro corto in verticale sotto canestro a Bridges che aveva il tempo per salir in schiacciata per la bimane a 5:19.

Brook Lopez a contatto con Caleb Martin ed ecco altri due liberi a segno.

Crossover micidiale di Graham che dalla top of the key, dopo aver lasciato il difensore disorientato lateralmente, realizzava la tripla del -1 a 4:49.

81-82 ma qui finiva il match perché dopo una stoppata di P.J. su Giannis la palla arrivava a Lopez che sa sotto subiva la stoppata alle spalle di Martin (Caleb).

La mano-pala del n° 10 andava sullo spicchio di palla libero, poi finiva per toccare inevitabilmente sull’alzata anche la mano.

Coach’s challenge voluto da Borrego sul fischio pro Milwaukee ma niente da fare, la decisione controversa rimaneva e Lopez si apprestava a batter i liberi.

Finalmente un errore per il centro che tornava in lunetta poco dopo quando sulla pressione del solito Martin finiva per ingaggiare un uno contro uno con P.J. ma alla possibile palla a due la terna preferiva assegnare altri due FT che Lopez splittava nuovamente.

81-84, niente di perduto ma Charlotte mancava la tripla con Rozier e Hill, questa volta seriamente, sul reverse layup subiva fallo da Graham.

Sull’81-86, la perdita di ritmo di Charlotte era palese, la difesa si affievoliva e l’attacco si affidava a un’altra tripla che non entrava (Bridges) ma la stoppata del nostro n° 0 su Giannis e la jam di P.J. in sandwich tra due difensori dava speranza di ritrovarsi.

Illusione, perché Antetokounmpo in fade-away in post basso su Miles metteva dentro con bravura e la partita scappava via definitivamente quando anche Graham collezionava l’errore da oltre l’arco e i compagni concedendo il rimbalzo e due FT ad Antetokounmpo facevano scattare la squadra del Wisconsin sull’83-90.

Antetokounmpo batteva Cody Martin sula baseline con buon primo passo, Rozier al vetro batteva dalla linea del tiro libero il greco.

L’ultimo punto dalla lunetta di Giannis poi andava a fissare l’85-93 finale.

Diversi giocatori nelle pagella avrebbero potuto “ballare con un mezzo voto inferiore” ma voglio premiare l’imegno in relazione al rapporto di forze tra le due squadre ritenendo più corretto il voto effettivamente elargito.

Le pagelle

Terry Rozier: 6

13 pt., 3 rimbalzi, 4 assist, 1 rubata. 2 TO, 6/18 FG (0/3 3 FG) e -20 di +/-. Qualche buona puntata a canestro e qualche buon tiro dalla media ma manca tre triple segnando un due molto lungo dall’angolo. In difesa è più molle dei fratelli Martin perché porta pressione ma non in maniera esasperata anche se in qualche occasione è brillante.

Devonte’ Graham: 6,5

17 pt., 2 rimbalzi, 3 assist, 1 rubata. 7/18. -14 in +/-. Tre tiri a segno da fuori, l’ultimo in crossover lascia lì il difensore e porta la gara sull’81-82. Continua a rimanere impreciso su alcuni floater, probabilmente la distanza o la visione in diagonale non sempre gli danno quella fiducia necessaria. Si fa male la caviglia lanciandosi sotto Antetokounmpo in transizione ma rientra. Compie un paio di buone difese in contenimento riuscendo solamente a portar via un pallone in 32:21. Come Rozier è un pelo meno intenso del backup ma è il top scorer dei nostri. I pochi assist non fanno testo se Charlotte la mette raramente.

Miles Bridges: 6

7 pt., 4 rimbalzi, 2 assist, 2 rubate, 2 stoppate. In 35:15 fa 3/13 dal campo ma l’1/7 da fuori è ancor peggio. Sbaglia troppo anche se colleziona statistiche per eliminare gli zero e gli uno. Non ha uno schema binario ma quando stoppa Hill va a dirgli che il binario è morto. La difesa nel complesso l’ho trovata discreta anche se quando fa fallo su Lopez in area regalia nell’occasione un two and one. -4 in plus/minus.

P.J. Washington: 6

12 pt., 6 rimbalzi, 3 assist, 2 stoppate. 5/14 dal campo con un 1/8 da tre punti. Da fuori condanna Charlotte alla sconfitta. Ha poco vigore e ritmo sulla tripla, preoccupato all’eccesso della precisione inizia corto poi segna ma successivamente torna a sbagliare. Nel finale fa diverse belle giocate ad esempio buttandosi dentro e schiacciando in mezzo a due difensori Bucks stretti o dicendo di no in stoppata ad Antetokounmpo anche se star su di lui (quando vi è lui, non è semplice). Partita controversa.

Bismack Biyombo: 5,5

8 pt., 9 rimbalzi, 2 assist, 2 stoppate. In un tempo limitato (22:07) prende un -15 in plus/minus, perde solo un pallone e trasforma tutti e 4 i liberi assegnatogli. Peccato poi faccia 2/8 dal campo, subendo due stoppate, facendosi inghiottire sotto canestro dai raddoppi Bucks in aiuto. Non riesce a dominare, anzi, eppure prende comunque rimbalzi e segna almeno 8 punti ma non ha mano nemmeno sui tocchi ravvicinati per la mia disperazione… Non è completo e purtroppo si nota.

Jalen McDaniels: 6

2 pt., 1 rimbalzo, 1 assist, 1 stoppata. Gioca 9:21, condizionato anche dalla sua uscita per andar verso il tunnel degli spogliatoi quando schiaccia in transizione atterrando male sul tocco di Connaughton. Manca una tripla e conquista un bel rimbalzo alto.

Cody Martin: 6,5

11 pt., 5 rimbalzi, 2 assist. 4/8 dal campo con 2/5 da te punti in 29:08. Un solo TO, un assist per l’alley-oop del fratello e due bombe sulle cinque tentate. Tanta difesa fino all’eccesso, sono solo due però i falli chiamati contro e uno è un blocking su Antetokounmpo che gli sfugge nel finale sulla linea di fondo ma il greco ha un primo passo lungo. In genere è bravo a fronteggiare gli avversari. Da anima e animo alla squadra.

Willy Hernangomez: 6,5

10 pt., 13 rimbalzi, 4 assist, 2 rubate. 4/9 dal campo con un +11 in plus/minus. Sprite player of the game per Charlotte, Willy mostra ottime qualità offensive in alcune occasioni mettendo su anche un ottimo servizio assist per i compagni accompagnando con due steal. Tiene anche più del solito benché una volta Giannis lo lasci lì come un merluzzo. Lui si consola con la doppia doppia ottenuta in 20:21.

Caleb Martin: 7

5 pt., 4 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. 2/6 FG, 1 TO. E’ vero che sbaglia un paio di canestri che un giocatore di livello dovrebbe metter dentro ma la sua intensità sul parquet stanca gli avversari e un +13 in plus/minus è realmente indicativo del fastidio che da agli avversari, se poi è con il gemello diventano un incubo. Mani in aria, sugli avversari, sulla palla, dappertutto, “butta in aria le mani e poi falle girare” potrebbe non esser più il ballo di Simone ma quello di Caleb che dal mio punto di vista si vede togliere una stoppata su Lopez regolare. Ha commesso altri falli non sul tiro non fischiati. Mastino, tiene ottime posizioni e va a prendersi anche uno sfondamento, segna una tripla ma il canestro più bello è quello in alley-oop rovesciato.

Coach James Borrego: 6,5

Non ha gli uomini adatti per vincerla. La difesa di Milwaukee inizialmente intimidisce i giocatori di Charlotte in penetrazione, poi i nostri si liberano dal condizionamento mostrando che non potranno stoppar tutto Lopez e soci. Affidarsi troppo spesso però al tiro da tre come nel finale, quando hai speso tanto e la precisione può calare è un rischio mal calcolato se non hai specialisti più freschi. La mettiamo sul piano fisico, a rimbalzo non vinciamo ma siamo più rapidi e tempisti. Bella difesa, peccato per l’attacco, troppo sterile pur avendo visto qualche trama offensiva se non sconvolgente utile ma non sempre ben finalizzata.

Game 59: Charlotte Hornets @ Toronto Raptors 99-96

Intro

Dalla TV ai mass media in generale, internet compreso, pare che l’intento generale sia quello di frantumare gli zebedei con il Coronavirus.

C’è chi scrive che abbiamo imparato qualcosa da questa vicenda ma dal mio punto di vista non si è imparato nulla.

Un po’ perché tutto finirà nel dimenticatoio in fretta, c’è già la “novità della scopa che si regge in piedi da sola” ma anche perché l’uomo non apprende molto dai propri errori e tende a non osservare la storia oppure a omologarsi ad essa nel pensiero caratterizzante e dominante dell’epoca, il che è sempre un racconto deviante.

Quello che mi è sempre stato chiaro dall’inizio è che questo contagio non si può fermare, l’invisibile non ha barriere “né confini, solo orizzonti, neanche troppo lontani” (cit. G. Grignani) se penso ai comuni del lodigiano fatti piombare nel Medioevo.

Penso che non parlerò più di questa cosa, sperando che, quello che era stato presentato impropriamente come virus mortale, passi di moda.

Ciò che non passa di moda invece è la franchigia canadese dei Raptors, attuali campioni in carica.

I detentori del titolo stanno giocando probabilmente un’altra stagione al di sopra delle aspettative pur avendo perso Leonard, il loro ex leader.

Lo scorso anno Charlotte era stata micidiale strappando due partite su tre ai giocatori dalla foglia d’acero.

Quest’anno non sembrerebbe esserci storia anche perché la partita oltre il confine statunitense sembrerebbe prestarsi all’uopo per il team di Borrego per tentare di scivolare un po’ più in basso in ottica lottery.

Non vorrei preconizzare la sconfitta anticipatamente ma le probabilità di espugnare la Scotiabank Arena non sono alte, crederci oltre il limite è utopia ma quest’ultima è necessaria per il processo di non omologazione che restituisce un pensiero più autentico all’individuo oltre che a essere il motore del cambiamento.

Confronto prematch tra le due guardie.

Analisi

Avrebbe dovuto essere una partita per scivolare indietro in classifica per strizzare l’occhio alla lottery ma l’anima corsara di questo team che in trasferta si esprime al meglio ha fatto si che dei determinati Calabroni conquistassero il parquet dei Raptors.

Certo, i canadesi erano senza tre uomini chiave ma molte volte quest’anno hanno vinto anche senza buona parte dei loro migliori giocatori, quindi questo fattore non deve svalorizzare la meritata vittoria della squadra di Borrego che ha interpretato brillantemente e altruisticamente il gioco di squadra con menzione d’onore per i fratelli Martin, abili passatori.

Charlotte ha comandato per quasi tutto il match dopo un avvio in parità ma è stata superata nel finale da una tripla di Lowry.

Rozier e Bridges da tre punti hanno riposto ai due vantaggi di uno scatenato Lowry nel finale, poi sul 96 pari fissato con l’1/2 di Lowry dalla lunetta e gli errori di Graham e dello stesso numero 7 avversario, ecco il fallo di Hollis-Jefferson (spinta su Rozier in uscita dal blocco e lungo fuori per raggiunto limite di falli) con palla ancora da rimettere in campo.

Un tiro libero messo a segno dal glaciale Rozier a due secondi e un decimo dalla fine, poi il fallo necessario su un Graham che dalla lunetta allungava sul 99-96.

Powell aveva la possibilità finale m il turnaround da tre contro Caleb colpiva il ferro senza troppe paure e il supplementare nell’aria prima dello sciagurato (per i Raptors) intervento di Hollis-Jefferson si dissolveva lasciando il profumo della vittoria insperata agli Hornets.

Per Charlotte: 58 rimbalzi, 23 assist, 9 stoppate, 43,6% al tiro con un alto 43,53% da tre punti (13/30), 72,0% dalla lunetta e 17 TO segnalati ufficialmente anche se dovrebbero esser 18.

Toronto: 45 rimbalzi, 19 assist, 11 rubate, 3 stoppate, 34,7% dal campo, 23,3% da tre punti, 69,0% dalla lunetta e 5 TO.

La partita

Starting five

Dopo l’ultima uscita con “esclusione di Zeller come centro, Borrego sceglieva ancora Biz come starter schierando il seguente quintetto per la trasferta canadese: Rozier, Graham, Bridges, P.J. Washington e Biyombo.

N. Nurse invece poteva contare su: Lowry (21 pt.), Powell (22 pt.), Anunoby (16 pt. + 9 rimb.), Siakam (24 pt. +9 rimb.) e Hollis-Jefferson ( 4 pt. + 9 rimb.) con VanVleet, Gasol e Ibaka out mentre dalla panchina arrivavano solo 9 punti totali per i Raptors.

1° quarto:

Primo canestro della partita da parte di Charlotte su un pick and roll abile ma gli arbitri chiamavano un discutibile sfondamento del nostro rookie così, dopo un lob lungo per Biz, con palla rubata da Lowry non appena il congolese andava ad agganciare, Powell in transizione colpiva da tre.

Altro baseball pass in area; questa volta nelle mani sicure d P.J. che andava a schiacciare il 2-3.

Le difese facevano un buon lavoro e Biz stoppava Hollis-Jefferson ma le difese facevano un buon lavoro in generale, Graham segnava ma con l’aiuto del timer sopra il canestro e ovviamente non valeva, anche Rozier per un attimo riusciva, deviando il lancio lungo verso Anunoby, a rallentare la manovra dei Raptors, ma la SF avversaria con un rapido spin circle e layup eludeva poi la difesa di Scary per il 2-5.

Bridges, dopo un errore per parte, da sinistra prendeva il centro per realizzare in semi-gancio il 4-5 quindi Powell infilando un catch n’shoot da tre punti portava sul +4 i Raptors ma Bridges completava il triangolo da kick and drive mettendo dentro da oltre l’arco il servizio fornito da Graham dall’angolo.

Lowry a 7:26 realizzava due FT per fallo di Graham e a 6:57 la tripla di Siakam su Biz in uscita valeva il 7-13 che consigliava a Borrego di chiamare il primo time-out del match.

A 6:18 si rivedeva un altro lancio lungo; questa volta era Rozier a passar teso per un Bridges che agganciando sul lato destro del canestro in alta quota la metteva dentro in alley-oop.

Biz, in aiuto, andava a stoppare anche Davis ma i Raptors guadagnavano ancora tre punti quando Anunoby sparava oltre McDaniels, primo cambio di Charlotte.

Un runner di Bridges al vetro con confidenza valeva il 13-16, McDaniels provava per la seconda volta da tre ma con le polveri bagnate mentre Siakam in quarto tempo non era pizzicato dalla terna potendo permettersi il layup con un passo in più.

Un bound pass di Martin raggiungeva Willy sotto canestro così la schiacciata per lo spagnolo diventava facile come il recupero successivo della palla che sbatteva su di lui inaspettatamente sulla difesa alta, transizione portata avanti dall’iberico, un po’ di confusione ma saltavano fuori comunque due FT per Rozier a 2:36.

Scary accorciava sul -1 e a 2:00 dalla prima sirena l’open 3 di P.J. dall’angolo sinistro valeva il sorpasso (22-20).

La tripla di Powell dal corner sinistro scavalcava la squadra di Borrego che ripristinava il vantaggio sulla sirena con la finta di Graham che dall’arco vedeva liberarsi lo spazio sul salto oltre la propria figura di un aggressivo Powell; tiro fuori equilibrio che finiva dentro per il 25-23.

Caleb Martin impegnato in passaggio artistico. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

La prima azione del secondo periodo era dei Raptors ma Powell non avvedendosi di un aggressivo Caleb Martin si faceva letteralmente cancellare da una stoppata del gemello meno conosciuto.

Graham da tre non funzionava ma anche il tiro da due di Hollis-Jefferson rimaneva fuori dalla retina per la buona difesa di Hernangomez mentre su un taglio di Cody Martin il fallo accennato di McCaw valeva due FT per l’altro gemello Martin che affondava entrambi i FT.

Powell in entrata seminava i due Martin appoggiando il 27-25 ma poi Charlotte cominciava a difender fortissimo riuscendo ad allungare.

Un solo punto ricavava Willy dalla lunetta a 10:10 (fallo di Thomas su assist di Graham) ma dalla linea di fondo Caleb Martin forniva i componenti a McDaniels per la schiacciata a 9:35.

Altro Martin pass per l’alley-oop mancato da Willy ma non c’era problema se Thomas andava a vuoto dalla lunga e McDaniels a 8:30 conquistava la lunetta realizzando i liberi del +7 a 8:30.

Hollis-Jefferson da sotto al secondo tentativo spezzava il parziale ma Charlotte batteva la zona di Toronto con un arcobaleno dall’angolo sinistro di Bridges, il quale con tre punti lanciava Charlotte sul 35-27.

Rozier con un morbido floater era aiutato dai ferri magnetici mentre a 7:06 sulla transizione con tiro volante da oltre l’arco era precisissimo con il rumore del cotone a indicare il 40-27 e Nurse a correre ai ripari con una pausa.

A 6:47 Hornets in bonus con due FT di Biz a segno a 6:46 altra palla dentro per Biz che si liberava dei difensori in area virando a sinistra per l’appoggio con and one.

FT mancato ma il canestro che chiudeva il 12-0 di parziale lanciava Charlotte sul 44-27.

Toronto attaccava il canestro guadagnando 4 FT ( 3 i realizzati) ma anche Bridges sull’altro fronte era vittima di reaching segnando a gioco fermo il 46-30.

Anunoby metteva la tripla, Powell sfondava su Graham ma Lowry in infilata realizzava il 46-35.

Charlotte attaccava brillantemente in mismatch procurandosi due FT con P.J. che era toccato da Anunoby in aiuto al più piccolo Lowry impegnato in post con il nostro rookie.

Un solo FT a segno ma Graham sull’attacco successivo seminava il panico battendo tre Raptors in entrata guadagnando il two and one del 50-35.

Finta con elbow open per Thomas e two and one per Siakam con FT mancato, seguiva una puntata laterale di P.J. che dimostrava in corsa ottima coordinazione per realizzare un runner contrastato ma i Raptors finivano con un 2/3 dalla lunetta perché un tecnico contro Rozier (a segno Thomas) antecedeva l’1/2 d Anunoby in lunetta a :20.1.

Il primo tempo andava quindi in archivio sul +11 Charlotte, 52-41.

Statistiche primo tempo.

3° quarto:

I Raptors provavano a partire forte ma due occasioni da tre erano sprecate da Powell tuttavia su un bad pass verticale di Rozier i canadesi ottenevano il primo canestro della terza frazione con la dunk di Anunoby.

Un sicuro e soft runner di P.J. più un passaggio stretto di Graham per la dunk di Biz rassicuravano Charlotte sul vantaggio di 13 punti (56-43) ma Siakam con un semplice reverse otteneva anche il fallo di P.J. in pressione su di lui nel semicerchio.

Two and one del -10, Hollis-Jefferson pur contrastato metteva il -8 e Lowry, schermandosi con il blocco altro portava il parziale sullo 0-8 per il 56-51.

Bridges stoppava letteralmente la corsa dei Raptors opponendosi a un lanciatissimo Hollis-Jefferson bloccando la power dunk.

Miles provava a essere l’eroe della ripresa Hornets con la tripla dall’angolo sinistro ma la sfera saltava oltre, tuttavia McDaniels la recuperava e pur contrastato metteva dentro da sotto a destra.

Un floater di Rozier a 7:14 dal cuore dell’area era contrastato da una contro-azione rapida chiusa da Siakam che a 7:09 però mancava l’addizionale.

Da un’altra transizione nasceva la dunk dello stesso Siakam e Borrego, preoccupato, spezzava il gioco chiedendo il break a 6:37 con 5 punti di vantaggio da conservare (60-55).

Rozier ripartiva con la tripla dalla destra mentre Powell si esibiva in reverse layup tuttavia McDaniels dalla diagonale sinistra sorprendeva Siakam con una tripla rapida per il 66-57 e Charlotte riguadagnava palla anche in difesa dopo un raddoppio in post basso e l’intercetto di un veloce Cody Martin sullo scarico in angolo. A 4:48 eco altri due FT per Biz che segnava il primo dopo due rimbalzi alti sul ferro lungo salutati con un “welcome back” dal commentatore ufficiale degli Hornets mentre il secondo era completamente storto…

La lunetta guadagnava la scena altre due volte con Siakam che su 4 FT ne centrava 3 portandosi su un 5/9 personale, poi tante occasioni sbagliate, soprattutto dai Raptors così a 2:31 usciva un open 3 per P.J. che non tradiva portando sul 70-60 il match.

Dopo due tentativi errati di McCaw da sotto in tuffo P.J. agganciava palla chiamando time-out e tuttavia nel finale Charlotte resisteva con questo spirito difensivo nonostante i due punti di Powell con il tiro dal gomito e altri due punti di Siakam.

Graham a 32 secondi dalla sirena mandava a segno la tripla del 73-64 anche se Siakam finiva forte passando un fragile Willy per segane altri due punti chiudendo il quarto sul 73-66.

Rozier, birillo centrale, attorniato da 4 Raptor. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Persi 4 punti in un quarto bisognava conservarne almeno 6 per vincere e dopo 12 secondi Willy era fluido nell’aumentare da sotto con due punti la distanza di sicurezza.

La partita si accendeva quando Boucher sparava una put-back dunk ma a replicare era Cody Martin che in entrata a ricciolo, passando il blocco di P.J. trovava strada per sparare un raggio gamma con la slam dunk di destra.

Un 2/4 di Powell dalla linea era seguito da un 2/2 di Anunoby per un necessario clear path foul di P.J..

Sul possesso successivo Lowry si faceva toccar palla da Graham la quale rimbalzando sulla sua coscia usciva sul fondo.

McDaniels tirava male ma la rimessa dal fondo per Charlotte era l’occasione buona per il passaggio sulla corsa sul lato sinistro di Graham che agganciando metteva dentro un difficile catch n’shoot da tre punti per l’80-72.

Il +8 però scemava velocemente e la tripla di Powell a 7:41 oltre il close-out in ritardo di Bridges dava luogo a oscuri presagi con i Raptors ormai alle calcagna sull’82-80.

Graham dalla diagonale sinistra oltre il close-out di Anunoby restituiva la bomba a 7:14 mentre McDaniels stoppava un disorientato OG.

Dopo due FT a segno di Lowry McDaniels fuori ritmo provava un pessimo appoggio, mancato, ma si faceva perdonare stoppando un’altra volta il numero 3 oltre il fondo.

Mani nei capelli per Nurse dopo la rimessa deviata con la gamba da Rozier mentre il pubblico intonando un “Let’s go Raptors” vedeva Powell mancare la tripla sul tentativo di stoppata di Bridges e subire Biyombo in “crashing the boards” dopo il tre punti mancato di Graham.

Niente FT e palla persa da Graham in palleggio, floater lungo di Powell per il -1 ma dopo la tripla mancata da Lowry eco Bridges passar dentro a un Biz dimenticatissimo sotto canestro.

Nessuno su di lui, tutto il tempo per voltarsi e regalare ai fotografi la plastica schiacciata.

Un jumper di Siakam su P.J. era seguito da un Terry che in crossover faceva fuori un paio di paletti Raptors per andare ad appoggiare con bravura al suo ritmo.

Palla persa da Biz sulla pressione di Lowry e blocking foul contro Graham.

Primo errore dalla lunetta sul secondo libero di Lowry che con un punto comunque spediva i suoi sul -2 riottenendo palla sull’errore per caricare e segnare la tripla del sorpasso a 2:48.

Charlotte sembrava gettare al vento la gara, passata in svantaggio dopo aver comandato per più di due quarti ininterrottamente ma Rozier dalla diagonale sinistra in ritmo piazzava la tripla del contro-sorpasso (92-90) preparandoci ad un avvincente finale.

Hollis-Jefferson intraprendeva una royal rumble con Biz prima e Graham poi; il primo resisteva al ferro all’appoggio, il secondo era travolto a rimbalzo dalla caduta del lungo avversario.

Finalmente in bonus, Charlotte a 2:04 andava in lunetta splittando i liberi con Gamberone.

Lowry batteva Rozier con la tripla pareggiando e a 1:25 il diciottesimo TO (solo 5 Raptors), questa volta di Graham, lasciava l’inerzia nelle mani dei canadesi.

Entrata di Lowry; lasciato lì Rozier ed eluso uno statico Bridges sotto canestro ecco l’appoggio della quasi disfatta (93-95).

A salvare gli Hornets era una tripla frontale di Bridges che completamente senza ritmo, da fermo, con Lowry davanti segnava lo sconsigliato tentativo.

96-95…

Fallo di P.J. su Lowry a metà con una chiamata da superstar e miracoloso ½ della guardia dei Raptors, ottimo tiratore dalla lunetta in genere, ma comunque in media in percentuale considerando i tanti FT battuti in serata.

:52.8 rimanenti e siamo pari…

Graham e Lowry da tre non segnavano e sul rimbalzo degli Hornets con :02.1 mancanti ci si preparava al time-out ma sulla rimessa laterale, l’uscita dal blocco (portato da Bridges) di Rozier valeva la vittoria perché Hollis-Jefferson compiva una clamorosa ingenuità spingendo con troppo vigore in nostro numero 3 che in corsa finiva a terra.

Un FT perché la sfera non aveva ancora varcato le soglie del rettangolo di gioco e Scary in lunetta.

Vergognosa pantomima Raptors che ovviamente giocandosi il match provavano a rallentare il libero per far deconcentrare Terry.

Probabilmente passavano più di due minuti ma un glaciale Scary metteva dentro.

Sulla rimessa un fischio su Graham, forse anticipato, lasciava un :01.2 sul cronometro e due tiri liberi a Devonte’.

2/2, palla ai Raptors che sulla rimessa laterale da destra ci provavano con Powell chiuso bene da Caleb Martin, palla sul ferro e out per la vittoria insperata dei Calabroni 99-96 a Toronto.

Le pagelle

Terry Rozier: 8,5

18 pt., 6 rimbalzi, 6 assist. 6/12 FG. ¾ da tre punti. -2 in plus/minus. Solo una persa con un brutto passaggio, per il resto è quasi perfetto, ivi compreso lancio spettacolo nel primo tempo per l’alley-oop di Bridges. Si fa passare un paio di volte da Lowry nel finale e subisce una tripla ma segna anche una tripla del sorpasso e resta glaciale sul tiro decisivo della partita nonostante manchi solamente il “pagliaccio Baraldi” con la sua fioca energia a far perder tempo prima di poter battere il libero. Se è vero ciò che dicevano in commento i due commentatori Hornets, non era mai riuscito a vincere a Toronto con Boston, oggi si rifà alla grande con una prestazione convincente anche attaccando il ferro. Non sempre funziona ma un paio di giocate in ritmo sono di alto livello.

Devonte’ Graham: 7,5

18 pt., 4 rimbalzi, 5 assist. 5/13 FG, 4/10 3FG, 5 TO. Ottima partita condita da alcune triple fondamentali nel secondo tempo. Bella dish nello stretto per Biz e offerte varie per la Chiesa che si accendono come lumi di speranza per i beneficiari compagni. Ci sono però anche 5 TO, tre banali perdendo palla malamente nella parte finale. Per fortuna alla fine non peseranno sul risultato. 4/6 ai liberi con un ¾ nel finale.

Miles Bridges: 8

17 pt., 5 rimbalzi, 1 assist, 3 stoppate. 6/11 FG, 3/5 3FG. Tre stoppate, capolavoro quella su Hollis-Jefferson lanciatissimo in transizione per la quale indossa istantaneamente la maschera di Alonzo Mourning che spazza via Anthony Peeler. Screzi con Lowry in marcatura nel finale ma vede bene Biyombo isolato sotto canestro regalandogli due punti e regalandosi il suo unico assist, per il resto attacca piuttosto bene e ha buona mano. Incredibile la tripla che salva la partita nel finale, senza ritmo su Lowry. Eroico anche lui.

P.J. Washington: 7

15 pt., 9 rimbalzi in 31.26. 6/15 dal campo. 2 TO. Eroe del primo tempo, sfrutta i mismatch in attacco, segna un paio di canestri con ottima coordinazione, ci prova con decisione e disturba molto in difesa con ottimi posizionamenti e chiusure mettendoci energia. Si perde un po’ nel secondo tempo ma complessivamente è una buona gara.

Bismack Biyombo: 7

13 pt., 11 rimbalzi, 1 assist, 2 stoppate. 5/10 FG, 2 TO, -5. Sono sempre in dubbio con Biz perché è disarmante notare con quanta facilità possa perder palla sui passaggi lunghi o quando mette palla a terra in palleggio. Anche con Lowry nel finale riesce a farsi sfuggir la palla come se avesse mani super insaponate (sarà per il Coronavirus?) ma poi va in doppia doppia garantendo fisicità sotto le plance avversarie e buonissima difesa nel primo tempo. Ha qualche tentennamento difensivo nel secondo ma è decisivo nel finale non facendo segnare Hollis-Jefferson da sotto dopo aver ingaggiato una lotta senza quartiere. Buona prestazione nel complesso.

Cody Martin: 7,5

4 pt., 4 rimbalzi, 6 assist, 1 rubata. Nel turbinio del gioco a volte finisce che rischi di confonderlo. Lo fanno gli arbitri assegnandogli un fallo poi corretto sul fratello Caleb. Rischi di confonderli anche perché se non sono due campioni, sono due giocatori che si “sbattono” alacremente sul parquet in difesa e in 22:41 mette su buone cifre rivelandosi come ottimo uomo assist. Con lui la squadra gioca, ci sono 2 TO ma dalla sua ha un +9 in plus/minus, abbastanza veritiero e c’è anche una mega-dunk.

Jalen McDaniels: 7,5

9 pt., 7 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata, 2 stoppate. 3/9 FG. ¼ 3FG, +18. “Sento che la NBA G-League mi ha preparato. Quando entro so cosa devo fare: difendere, giocare con ritmo alto, colpire sui tiri aperti, cose che ho fatto” aveva detto recentemente Jalen. Anche se parte male al tiro ed è un po’ fuori ritmo in un paio di occasioni, non fa mancare il suo apporto, una tripla la mette in 23:57 e per il resto mostra tanta voglia ed efficacia in difesa. Mette i suoi punti ed è il primo a entrare in campo dalla panchina. Due stoppate su Anunoby…

Willy Hernangomez: 6,5

5 pt., 7 rimbalzi, 1 rubata, 1 stoppata in 13:53. Buon primo tempo poi nel secondo esce tutta la sua fragilità difensiva in una partita bicolore tra il rosa e il grigio. Meh… Tutto sommato nel complesso non fa male. Segna due punti in avvio di ultima frazione e prende diversi rimbalzi.

Caleb Martin: 7

0 pt., 5 rimbalzi, 3 assist, 1 stoppata. +8. Non segna perché tenta solo una volta il tiro. Volto al passaggio non perde un pallone e regala assist ai compagni. Rimbalzi e difesa compresa quella da francobollo sull’ultimo tiro di Powell.

Coach James Borrego: 7

Gran partita, poco da dire. Squadra giovane, tonica e con voglia che non si abbatte nei momenti di difficoltà finali e con un pizzico di fortuna ma tanta bravura si costruisce una meritata vittoria.

Game 58: Charlotte Hornets Vs New York Knicks 107-101

Intro

“Chi teme di soffrire, soffre già di quel che teme” diceva un filosofo francese, Michel De Montaigne.

Un aforisma che potrebbe descrivere certe partite degli Hornets già segnate in partenza come quella a Indianapolis con sconfitta già preventivabile in partenza.

Contro questi Knicks però cercare di vincere e convincere è d’obbligo.

Le soddisfazioni non sono state molto quest’anno, per il momento, in media, qualcuna in più di quel che mi aspettassi ma perdere contro questa New York in casa sarebbe un brutto episodio in una stagione non certamente partita con i migliori auspici.

Sicuramente nulla è facile e gli avversari vanno sempre rispettati ma non temuti ed è con lo spirito scevro da paure che De Montaigne (filosofo e umanista di Bordeaux vissuto all’interno del 1500) consiglia di avere, che questi ringiovaniti Hornets dovranno battersi per ottenere una vittoria davanti al loro pubblico.

A margine di ciò c’è da segnalare che purtroppo Malik Monk è stato sospeso per positività ai test anti-droga fatti dalla NBA.

Quale sia la sostanza “dopante” o stupefacente ancora non è dato a sapersi ma finché Monk non firmerà alcune carte in tema e “dimostrerà” di poter rientrare nel circuito gli Hornets dovranno privarsi di un giocatore che stava veramente cominciando a far bene ma purtroppo è subito incappato in una spiacevole e spinosa questione dimostrando di essere maturato un po’ sul campo ma non con la testa e la determinazione che potrebbe fare la fortuna per un professionista del suo ramo.

L’organizzazione ha rilasciato una dichiarazione nella quale dice di essere dispiaciuta dalla scelta fatta da Malik, di non perdonare il suo comportamento ma di sostenere il giocatore durante questo lasso di tempo nel quale starà obbligatoriamente fuori dal campo.

Analisi

Charlotte gioca la partita con lo spirito giusto non facendosi intimorire dall’avvio fisicamente aggressivo dei Knicks che guadagnavano punti in area.

La partita rimaneva punto a punto sin quasi le ultime battute del primo tempo quando Rozier con sei punti consecutivi (2 triple) portava il match sul 53-45.

Charlotte chiuderà poi sul +10 i primi 24 minuti non concedendo più nulla.

In avvio di ripresa però la squadra di Borrego prendeva sottogamba gli avversari venendo subito risucchiata mantenendo solo 3pt. di vantaggio dopo poco più di un minuto e mezzo.

La risposta di Charlotte passava per due bombe consecutive di P.J. e una di Graham.

La squadra ritrovava un buon cuscinetto, un margine che scemava nel finale di match quando anche Trier, dopo Portis, dava una mano al suo coach a far rientrare New York sul -2 dopo un canestro di Trier anche perché Borrego favoriva il rientro ospite dopo l’uscita di Biz per raggiunto numero limite di falli, non inserendo un lungo ma Bridges.

Charlotte sul +3 si salvava sulla bomba di Trier a vuoto e risolveva la partita con un’incursione e circus shot allegato di Rozier (:28.7) in reverse layup con appoggio altissimo al plexiglass per evitare la stoppata di Robinson.

TO vicini; 14 per Charlotte, 15 per New York, steal a favore dei newyorchesi 5-7, stoppate anche con un 4-6 così come a rimbalzo con un 37-42.

Gli assist invece sono stati 25-22 pro Hornets così come le percentuali da tre con il 33,3% contro il 26,7% e il 76,0% dalla lunetta contro il 64,7% ospite.

A poco è servito a New York tirare con il 50,6%, superiore al 47,0% di Charlotte.

Alla fine gli 8 tiri liberi in più a segno di Charlotte hanno fatto la differenza.

Rozier, in ottima serata, da una mano a Charlotte chiudendo con 26 punti e de facto con il reverse layup vittoria. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

Starting five

New York presentava a Charlotte il seguente quintetto: E Payton (6 pt.+ 9 assist), RJ Barrett (5 pt.), Harkless (5 pt.), Randle (18 pt. + 9 rimbalzi), Gibson (10 pt).

Tra i migliori in panchina ecco Portis con 17 punti, Trier con 15 e M. Robinson con 12 pt. e 16 rimbalzi oltre a 3 stoppate.

Hornets con: Rozier, Graham, Bridges, P.J. Washington, Biyombo.

La partita

1° quarto:

Dopo il primo possesso non sfruttato da Charlotte con l’appoggio di Rozier ben contrastato, sull’altro fronte Harkless attaccava il ferro alla stessa maniera subendo il fallo di Terry.

Il giocatore dei Knicks mandava a segno il secondo libero portando sullo 0-1 la partita.

Charlotte passava avanti con il reverse layup acrobatico di Biz che andava a stoppare Payton in difesa ma Gibson riprendendo cambiava ancora la squadra leader.

I newyorchesi beneficiavano di un altro canestro di Gibson da sotto, quindi anche Randle aveva la meglio contro i nostri lunghi sotto canestro.

Un arresto e tiro con finta di Graham dal pitturato tagliava il divario, Gibson in area continuava a imperversare allegramente, in schiacciata questa volta ma Bridges a 9:13 colpendo da tre punti portava sul -2 Charlotte (7-9).

Randle sferrava un pugno a Charlotte dal corner sinistro rispondendo di tripla ma Bridges percorrendo la diagonale destra in corsa alzava in maniera non convenzionale un appoggio che finiva dentro.

P.J. in pressione difensiva finiva per portar via all’attaccante palla e andando in coast to coast schiacciava, quindi quando Biz scambiando con Graham in attacco contro-riceveva la sfera dopo aver confuso la difesa, andando per la schiacciata tra Randle e Gibson, mandava in time-out gli ospiti in svantaggio 13-12 a 7:07.

Alla ripresa Gibson ci superava con due punti per realizzarne poco dopo altri due giungendo a quota 10 punti personali.

Biz restituiva due punti schiacciando dopo aver ricevuto sotto ma un jumper di Payton superava Biz proteso alla stoppata ma i Knicks tornavano sul +3 (15-18).

McDaniels saltava con l’euro-step un paio di giocatori in diagonale per appoggiare di destra andando sulla sinistra.

Payton e Randle aggiungevano due punti a testa per gli ospiti che scappavano quindi sul +5 ma il rientro degli Hornets passava per le mani di Rozier che ricevendo da Willy, bravo a conquistare un rimbalzo offensivo, sparava quasi frontalmente in ritmo la tripla del 20-22.

Un fast break di Scary valeva il pareggio e da una steal di McDaniels su Gibson ecco un’altra occasione in transizione chiusa magistralmente dal nostro numero 3 che producendo un parziale di 7-0 personale ci trascinava avanti sul 24-22.

A 2:31 Smith Jr. metteva troppo facilmente il layup in entrata verticale mentre l’alzata di Martin era stoppata con veloce tempismo da Robinson che dava ai Knicks l’opportunità di passare avanti con Portis e la sua tripla a segno a 1:32.

Bridges, raggiunto da un passaggio proprio dotto il canestro, si svitava per il -1 e sulla successiva azione offensiva degli Hornets Graham trovava il tempo giusto per non farsi stoppare il fluido floater per il 28-27.

Devonte’ andava a chiudere il quarto dopo uno scambio con un pull-up dalla baseline destra per il 30-27.

McDaniels tenta di sfuggire alla morsa Gibson/Payton. Foto tratta dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Smith Jr. partiva subito con i fuochi d’artificio nel secondo quarto con una dinamitarda dunk che faceva saltare la propria panchina ma una zampata di Willy a rimbalzo offensivo, tra due difensori, finiva nella retina avversaria un po’ fortunosamente.

Dopo un minuto esatto ecco due FT per Smith Jr., uno solo realizzato ma rimbalzo Knicks che poco più tardi andranno a pareggiare con Knox a quota 32.

La danza di Willy assomigliava a quella di un D.J. che scratchava sul parquet con sue mezzi giri e finte nel mezzo costruendo una sinfonia che depistava il difensore prima di andare a segno nel cuore del pubblico con due punti ottenuti con magistrale tecnica.

I Knicks per resistere usavano la forza di Robinson che lanciandosi in put-back dunk sull’errore di un compagno non dava il tempo di replica alla difesa Hornets.

Portis batteva il nostro centro spagnolo e Robinson stoppava P.J. ma per la terna si trattava di goaltending così il match tornava in perfetta parità a quota 36.

Un botta di Portis non vista sul tronco di Graham non produceva danni mentre il fallo di Smith Jr. in difesa su Graham dava al nostro Gamberone la possibilità di portare a casa il 38-36 dalla lunetta.

Altro pari con Knox su Caleb Martin ma un bullet pass di P.J. per Biz mandava il congolese alla terza jam in serata.

Robinson in mischia, al terzo tentativo Knicks sulla stessa azione, infilava due punti ottenendo anche il libero supplementare a 6:26 per il 40-41.

Un pull-up da tre punti di Rozier valeva a 6:09 il nuovo sorpasso ma da un blocking foul dello stesso Scary, Randle si procurava il pari a gioco fermo.

McDaniels andava a vuoto in attacco ma non desistendo, toccava una pala che sarebbe stata preda dei Knicks, sulla lotta per la palla Charlotte portava a casa altri due punti con Caleb, immediatamente pareggiati da Payton.

Randle tentava due volte la penetrazione ma P.J. resisteva toccandogli palla tuttavia al terzo tentativo ecco scappare il lungo ex Pelicans sulla destra per la schiacciata alla quale si opponeva Biyombo.

Per gli arbitri la stoppata era fallosa, per Borrego no e credendo in un coach’s challenge ribaltava la chiamata salvando i teal.

Cody Martin appoggiava a sinistra al vetro, Rozier andava in hand-off a prendersi pala per caricare e segnare la tripla con spazio dalla diagonale sinistra replicando da fuori (corner sx) son un solo cotone per il 53-45.

L’8-0 di parziale era chiuso da Randle che splittando due FT accorciava sul -7 ma gli ultimi colpi del quarto erano per Charlotte con Cody Martin e il suo tiro fermato in goaltending da Gibson e l’1/2 di Biz in lunetta a 1:12 dopo aver conquistato un rimbalzo offensivo.

+10 Hornets (56-46) che non concedevano nulla nel finale di tempo agli avversari.

3° quarto:

Pessimo approccio di Charlotte a inizio ripresa; la squadra concedeva il rientro ai bianchi che in un minuto e trentasei secondi piazzavano uno 0-7 iniziato da una dunk di Harkless, proseguito da una tripla di Barrett e chiuso da due punti di Randle da sotto.

Time-out di Borrego a 10:24 ed ecco che i Calabroni ripartivano grazie alle triple; la prima arrivava da una drive and kick di Graham che fornendo a P.J. la sfera nell’angolo sinistro vedeva il compagno mandare a bersaglio con precisione millimetrica la tripla.

Smith Jr. creava la distanza con il difensore mandando a segno un lungo jumper ma ecco il two in a row di P.J. (9:24) questa volta a differenza delle due partite precedenti, utilissimo.

Barrett da sotto dimostrava di essersi svegliato dal torpore del primo tempo realizzando con bravura ma a 8:45 Graham si aggiungeva come tiratore da tre punti realizzando la sua prima in partita.

Randle era fermato dalla quarta stoppata di Biyombo e sul tentativo di Rozier da fuori non riuscito arrivava altissimo per una delle sue esaltanti schiacciate, Miles Bridges che anticipando Harkless sparava la mina del +10 (867-57) a 8:03.

Seguivano due punti di Randle, un FT per 3 sec. difensivi Knicks affondato da Rozier, che andava poco più tardi a mettere altri 3 FT toccato da J.R. Smith sul tentativo di tripla portando sul +12 (71-59) la squadra di M.J. A 7:33.

Biz faceva guadagnare un altro punto a Borrego quando, servito da Rozier con un passaggio artistico in salto, sulla transizione a tutta velocità era toccato da Harkless andando a sbattere sul sostegno struttura.

Un FT realizzato quindi anche i Knicks tornavano a segnare con due pt. di Smith Jr. prima che un brillante floater di Graham valesse il 74-61.

Dopo un’azione convulsa con un paio di recuperi di Cody Martin, proprio lui, servito da un passaggio involontario dei Knicks impegnati a salvar la pala dal fondo, metteva a segno senza problemi da sotto senza opposizione.

Randle mostrava i muscoli con una power dunk e la squadra della Grande Mela recuperava altri due punti dopo la stoppata di Robinson su Bridges e il tiro di Randle su McDaniels.

Randle stoppava Bridges a rimbalzo offensivo e Robinson cancellava un tentativo di Cody Martin.

Knox da tre non funzionava ma la put-back dunk di Robinson valeva il -9.

Un’incursione di Cody Martin procurava il +11 e a 2:08 con l’1/2 di McDaniels si arrivava alla dozzina ma l’entrata di Trier nelle file dei Knicks produceva una spinta offensiva immediata per la squadra di M. Miller.

Due punti del n°14 erano seguiti da altrettanti di Porter che perdeva la maniglia ma ritrovata la pala battendo McDaniels in ara accorciava sul -8.

Doppia cifra di vantaggio ristabilita da McDaniels con il giro e tiro con rimbalzo amico.

Floater di Portis a contrastare l’avanzata Hornets e su uno scambio Willy-P.J. Washington il rookie ripristinava il +10 (83-73).

Charlotte chiuderà sul +10 il quarto grazie al canestro di Graham a nove decimi che seguiva quello di Portis.

Partita aggressiva, Honey Bees leopardate aggressive sul parquet in uno stacchetto durante la ripresa.

4° quarto:

Brutto avvio di Charlotte anche nell’ultimo quarto con due canestri d Péortis giunto a 15 punti nei suoi ultimi 11 minuti.

Trier intercettava un passaggio di Martin ma Graham bloccava la transizione con un fallo e un passaggio sotto canestro di Knox telefonato era bloccato con il corpo da Willy che murava la connessione.

Graham da tre sbagliava ma la spinta a rimbalzo vistosa sulla schiena di McDaniels era punita così Charlotte manteneva palla trovando lo sbocco decisivo centrale con la finta di Willy che facendo saltare Robinson lo attardava sulla sua penetrazione chiusa con due punti e fallo dello stesso centro.

Libero O.K. E Hornets sull’88-79.

Dopo un FT di Robinson, Caleb Martin piazzava la tripla del 91-80.

Tutto sembrerebbe portare a un fiale tranquillo ma Portis ne metteva dentro altri due e Trier con la bomba da fuori a 7:53 ne aggiungeva altri tre.

Non pago da sotto, il panchinaro dei Knicks segnava il 91-87.Caleb Martin con un provvidenziale recupero innescava la dunk di Biz mentre sul lato difensivo finiva per subire sfondamento sull’incursione di Harkless.

Un fallo preventivo a 6:26 di Biz su Robinson (in salto per raggiunger la sfera in alley-oop) ci salvava da due FT che gli arbitri toglievano ai Knicks dopo averli assegnati.

La terna restituiva il “maltolto” dopo un evidente abbraccio modello wrestling di Robinson su Biz nella lotta a rimbalzo, il congolese dopo aver perso palla allargava un po’ l’avambraccio sulla salita del rivale che andava in lunetta mancando entrambi i liberi a 6:17.

Resisteva il +6 mentre Cody Martin con l’1/2 a 5:53 mandava M. Miller al time-out.

Harkless dalla linea della carità riduceva lo scarto ma ecco ancora Graham (5:15) che da tre infilava il canestro avversario per dar respiro a Charlotte sul 97-89.

Qui Borrego compiva l’errore; Biz, out per fallo a 4:21 sulla penetrazione di Trier, decideva di mandare in campo Bridges privandosi del lungo.

Dopo il 2/2 di Trier per il 97-91, un’alzata di Payton per l’alley-oop di Robinson evidenziava la mancanza del centro.

A 2:58 in qualche modo Trier, venuto a contatto con P.J. chiudeva da sotto dopo essere inciampato su P.J., averlo spinto e colpito in faccia sull’appoggio (involontariamente).

P.J. andava giù e i Knicks a -2 (97-95) prima che lo stesso Trier commettesse fallo su Graham per due FT provvidenziali per il +4.

NYK saltava un turno mentre da veterano Graham si procurava due FT alzando palla da fermo su un Payton troppo aggressivo.

½ per il +5 (100-95) prima del turnaround allo scadere dei 24 di Trier su Bridges, un canestro notevole dal mid range che avrebbe potuto cambiare il finale se, dopo l’errore da due pt. di Graham, il numero 14 Trier avesse segnato il tiro con spazio da fuori da dx.

Alla fine a :28.7 a risolvere il match ci pensava Rozier, fuggito da destra verso sinistra per appoggiare andando in rovesciato oltre il ferro; un circus shot altissimo che si appoggiava per un istante al plexiglass prima di rimbalzare sul ferro e finire dentro alla faccia di Robinson che sulle sue tracce andava a vuoto in stoppata battendo un colpo sulla tabella.

102-97… l’alley-oop di sx di Robinson non valeva granché se poi Rozier a :17.1 veniva mandato in lunetta a riprendersi il +5.

Palla persa da Payton sul lato destro cercando si scavalcare Graham, allungo di Bridges con un FT e dunk inutile di Trier a :06.1 invece di tentare la tripla come unica soluzione possibile reale.

Time-out di Charlotte chiesto da Borrego e sulla rimessa altro fallo su Rozier a una manciata di secondi dalla fine.

Altri due punti e fine della partita sul 107-101.

Le pagelle

Terry Rozier: 8

26 pt., 3 rimbalzi, 4 assist, 1 rubata. 7/15 dal campo, 3 TO, +14 in plus/minus. La vince lui con un circus shot dopo aver staccato Charlotte nel primo tempo con due bombe (4/7 da tre punti). I suoi mini parziali nel primo e nel secondo quarto scavano il solco e il suo tiro nel finale in reverse layup è pura folle poesia.

Devonte’ Graham: 7

21 pt., 1 rimbalzo, 5 assist, 1 rubata. 7/18 con un 2/9 da tre punti. Buon rientro per Devonte’ nonostante qualche jumper a vuoto e una percentuale da te punti da migliorare. Bravo in floater, a procurarsi liberi, piazza due triple di qualità ma vediamo anche un tiraccio in diagonale a sorvolare il ferro, questo per la maggior pressione rispetto agli altri due tir pesi da fuori a segno. Sembra aver ripreso fiducia, ora serve trovare anche più mano ma per oggi va benissimo così.

Miles Bridges: 6

10 pt., 3 rimbalzi, 2 assist in 27:12. 4/12 FG. 2 TO, -6. Qualche fallo (3) da la sensazione di essere un po’ in difficoltà. Manca troppi tiri pur partendo bene. Tre sono le stoppate subite rimane però memorabile la palla agganciata al volo dopo il rimbalzo sul ferro con una schiacciata delle più fulminanti e potenti delle sue.

P.J. Washington: 6,5

12 pt., 5 rimbalzi, 3 assist, 2 rubate. 5/14 FG. +12. Due triple in fila quando serve, sparacchia un po’ troppo nel finale rischiando di trascinarci nel gorgo di una punto a punto estrema. Parte bene con una steal & dunk mentre più avanti fa vedere nello stretto un bello scambio con Willy.

Bismack Biyombo: 6,5

12 pt., 5 rimbalzi, 4 assist, 1 rubata, 4 stoppate. 5/6 dal campo. +10. Inizio in sordina come protector rim nonostante una stoppata ma sul piccolo Payton. Troppo facile da battere poi prende le misure e ricorre a diversi falli, un paio intelligenti ma finisce fuori per 6 foul. Dunk assistite senza paura, tante stoppate compresa quella su Randle che gli arbitri prima danno come fallosa poi con l’intervento di Borrego, eccola tornare buona, giustamente. Manata alla struttura dopo aver dubito un fallo da Robinson, invertito. Coinvolto qualche volta in qualche uscita palla in mano in posizioni anomale per passaggi ai compagni, hand-off o schermi come quello buono che porta Graham alla tripla nell’ultima frazione.

Jalen McDaniels: 6,5

5 pt., 6 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. 2/3 FG, 2 TO in 22:10. Si batte e ogni tanto gli riesce la buona giocata. Da un suo eroe e una palla toccata per il recupero di Charlotte vengono fuori due punti.

Cody Martin: 7

9 pt., 9 rimbalzi, 2 assist. 4/8 dal campo subendo due stoppate. Solita energia che lo porta a un passo dalla doppia doppia avesse esso un FT in più e giocato di più del 24:44 concessogli. Un rimbalzo l’avrebbe preso. Calamitatore di palle vaganti, si maschera per vi della frattura al setto nasale subita non molte partite fa. Le sue incursioni sono utili, una in particolare per tagliare l’inerzia degli avversari ma anche il canestro regalatogli da un Knicks, meritato dopo aver preso due rimbalzi sulla stessa azione. Non riesce a tagliare i rifornimenti alla squadra di Miller con delle steal ma pazienza.

Willy Hernangomez: 7

7 punti, 3 rimbalzi, 4 assist, 1 rubata. 3/3 FG in 19 minuti, -1. Intercetta sotto il nostro canestro un passaggio capendo tutto in anticipo costringendo al TO gli avversari. Perfetto 3/3 dal campo con la perla del doppio giro con finte centrali e tocco a battere il difensore depistato e la finta su Robinson con dunk finale entrando nel corridoio centrale anche se mancherà il FT. Utile anche come uomo assist, bello lo scambio in area nel breve con P.J. per la dunk del compagno. In difesa altera cose buone ad altre non positive come delle difese aeree non adeguate sui lunghi avversari ma da più fastidio di un tempo.

Caleb Martin: 6,5

5 pt., 2 rimbalzi. 13:50 sul parquet, 2/4 dal campo, 1 TO, -6. In un momento delicato recupera una palla come in genere fa suo fratello Cody, innescando la jam di Biz e poi va a subir sfondamento da Harkless. Ci prova tre volte da fuori, colpisce una ma è un buon canestro.

Coach James Borrego: 6

Sta per combinare la frittata nel finale non inserendo un centro dopo l’espulsione di Biz, rimedia con l’inserimento di Willy e vince in volata il match. Hornets a mostrare sin da subito troppe crepe in area un po’ stuccate poi con densità e intensità difensiva. Un time-out salva vita nel finale e buona decisione di partire con Biyombo per dar più fisicità. Deve rimediare all’assenza di Monk e va mitigandola con i due Martin che sono utili alla causa.

Game 57: Charlotte Hornets @ Indiana Pacers 80-119

Intro

Diciamo che il 2020 non è stato foriero di grandi miglioramenti su scala globale.

Nei primi giorni del 2020 si parlava ancora della catastrofe australiana dovuta ai grandi incendi che hanno ucciso 28 persone e un numero incalcolabile di animali e per queste morti sono stati arrestati anche 183 individui.

Le temperature continuano ad alzarsi provocando grandi cambiamenti climatici ivi compresi i veloci scioglimenti di ghiacciai ai poli.

A livello cestistico c’è stata anche la morte di Kobe Bryant e anche MJ commosso è andato a portare un ricordo di quello che lui chiama “un fratello minore”.

Mancava solo il Coronavirus a creare una psicosi tale da bloccare follemente interi paesi o a far scattare la psicosi del virus e lanciarsi in scorte ai supermercati, una delle poche attività aperte visto che alcune dite hanno chiuso, le palestre sono serrate, teatri e cinema pure, alcuni eventi sportivi sono stati rimandati a data da destinarsi ma non si sa quando.

Non credo che un nemico invisibile possa essere combattuto con le armi intraprese qui in Lombardia e in altre regioni del nord Italia pur con il principio di massima precauzione.

Mi fermo qui perché sarebbero anche divertenti le profezie catastrofiche di Nostradamus che tra le varie lancia la fine del Regno di Elisabetta sulla Corona britannica, con buona pace di tutti i lanciatori di meme e lo scoppio di una specie di terza guerra mondiale.

Ma siccome tutto torna, vorrei tornare nella terra dei canguri e dei koala dove un bambino di nome Quaden Bayles, affetto da nanismo ha tentato il suicidio alcune volte.

La madre, un giorno ha deciso di riprendere il suo pianto disperato per mostrarlo agli altri e far capire che il bullismo non è una cosa positiva, se poi fatto contro chi non ha gli anticorpi per difendersi diventa una vigliaccata.

Quaden però è stato fortunato perché la sua squadra preferita di Rugby, gli Indigenous All Stars, hanno saputo della cosa e l’hanno invitato allo stadio per la partita contro i Maori All Stars.

Il bimbo di nove anni è così entrato in campo con l’ovale sottobraccio, accompagnato per mano da uno dei suoi giocatori preferiti.

Quaden ha affermato che è stato uno dei giorni più belli della sua vita mentre il capitano della squadra gli ha detto: “Ti sosteniamo e continueremo a farlo, amico.”

Le parole di MJ per Kobe (soprattutto la parte finale) e il gesto di questo team per questo bambino, pur in un contesto di distruzione totale fanno ancora sperare utopicamente che ci possa essere un mondo migliore se si riuscisse a ispirarsi di più a questi campioni.

In fondo, il nemico invisibile peggiore sarà sempre l’ignoranza.

Gli Hornets spero posano prendere esempio dalle parole proferite da MJ su Kobe, cercare di vincere la partita mettendoci tutta la passione possibile andandola a prendere volendola veramente.

L’impresa potrebbe essere impossibile ma il tentativo va fatto, tankare già adesso offrendo un’altra prestazione deludente come quella offerta contro i Nets vorrebbe dire tradire lo spirito del gioco, siamo solo a gara 57…

Analisi

Era una di quelle notti dove si sarebbe potuti stare a letto a dormire invece di seguire il match per poi dover andare a lavorare senza dormire poiché si capiva subito che non ci sarebbe stato confronto.

Da un Graham disponibile ma non sul parquet, all’inizio con uno 0/4 ai liberi, alle difficoltà a tenere difensivamente con un secondo quarto dal parziale di 19-34 che dava il 68,3% dal campo ai Pacers ormai sul +25 (44-69) a fine primo tempo per un non certo invitante (dal punto di vista degli Hornets) secondo tempo, tutto faceva presagire che l’andazzo sarebbe stato il medesimo anche perché gli Hornets in back ti back domani a Charlotte contro New York (a portata vittoria) erano privati a inizio ripresa dei titolari che rientravano alla spicciolata dopo aver visto in campo Biyombo, i gemelli Martin, McDaniels e anche Chealey che mettevano un po’ di intensità difensiva ma la qualità disponibile non era eccelsa.

C’è poco da deprimersi o pensare che la squadra sia così scarsa come da punteggio finale.

Basterebbe pensare che questi Pacers a Toronto hanno finito per soccombere di 46 punti (81-127), eppure sono una buonissima squadra anche senza Oladipo, out tonight, in game decision e Lamb, il quale ha appena subito un grave infortunio contro i Raptors.

Charlotte andava fuori ritmo ben presto, non solo in difesa, mossa dal giro palla Pacers dimostrava di essere incapace di difendere il pitturato ma anche in attacco la squadra di Borrego si accontentava di soluzioni troppo poco ad alta percentuale, inibita da Turner e soci, così i Pacers portavano a casa la serie stagionale 1-3 piuttosto convincentemente dopo la L patita a Charlotte nel supplementare grazie a un eroico Graham, mancato in serata come costruttore di gioco.

Charlotte rimane più scarsa su tutti i fronti salvo nei TO con 10 vs 14 e nelle rubate (10-7), ma negli assist va sotto 22-35, a rimbalzo è 39-57, nelle stoppate 1-12 (Caleb Martin…) e poi al tiro fa registrare il 33,0% dal campo che scende al 30,3% da tre punti con un 44,4% ai liberi (8/18) mentre Indiana finirà con il 57,0% dal campo, il 43,5% da tre e un con 11/13 dalla lunetta giungeva all’84,6% per una meritata vittoria.

La partita

Starting five

Hornets a Indianapolis con Monk al posto di Graham con il seguente quintetto: Rozier, Monk, Bridges, P.J. Washington e Zeller.

Indiana mandava in campo: Brogdon (15 pt. + 7 assist), Aaron Holiday (9 pt.), T.J. Warren (19 pt. con 9/12 da campo), Sabonis (21 pt., 15 rimbalzi, 9 assist) e Turner (6 pt., 10 rimbalzi e 8 stoppate).

Dalla panchina in doppia cifra troviamo Justin Holiday con 16 pt. e la coppia McDermott/Sampson con 10 pt. a testa.

1° quarto:

Discreta partenza a livello offensivo di Charlotte che portava a casa la palla a due con Zeller nonostante il duello con Turner.

Dopo essere andati a vuoto ecco il recupero difensivo con Monk che in cosat to coast azzardava l’appoggio orizzontale in uno contro uno che la Dea della Fortuna premiava dopo il rimbalzo sul ferro.

Brogdon da tre faceva saltare immediatamente il vantaggio e T.J. Warren intercettando un’apertura telefonata di Zeller in angolo verso Monk, chiudeva in transizione in schiacciata.

Charlotte resisteva con il semigancio di sinistro in area ma ancora T.J., che contro di noi si era già recentemente esaltato, ne aggiungeva altri due per il 4-7.

Rozier mancava la tripla e Brogdon il primo dei due liberi assegnatogli a 9:23, realizzando il secondo per doppiare Charlotte che tuttavia rientrava di colpo sul -1 con Bridges da fuori.

T.J. Warren dall’angolo sinistro mostrava di averci in antipatia con la tripla del 7-11 ma Bridges con l’arresto e tiro da due punti ci portava a quota 9.

Ciò che causava tuttavia il primo time-out era l’incapacità di difendere; un passaggio sulla diagonale destra per Turner consentiva al centro di avere tempo e km di spazio per sparare e mettere la tripla del 9:-14 a 7:50.

Sabonis con due capaci e caparbie entrate portava 4 punti nelle casse dei Pacers stoppati dal jumper frontale di Monk (11-18) ma la tripla di Aaron Holiday portava ben presto gli Hornets a collassare con gap in doppia cifra prima che P.J. assistito nell’angolo sinistro scoccasse la freccia da tre punti per il 14-21.

I nuovi entrati McDaniels e Martin producevano due punti, rispettivamente con la steal e il canestro in transizione 4:53.

Turner stoppava Rozier e T.J. Warren chiudeva in transizione ringraziando in una partita nella quale si correva molto per evitare la difesa schierata.

Sabonis riusciva a eludere la nostra difesa con palleggio spalle a canestro evitando un paio di raddoppi e girando su P.J. per batterlo da sotto.

Arrivava anche un FT e Indy allungava a 3:54 nuovamente a 10 pt. (16-26).

Il floater di martin era preda di Turner (terza stoppata) e il floater tagliato di Brogdon valeva lo 0-7 run per i locali.

McDaniels perdeva un pallone ma Charlotte non perdeva il giro punti con lo stesso rookie a rifarsi più tardi sparando la tripla dal corner sinistro (2.15 per il 19-28).

Una ISO di Bridges chiusa avanzando lentamente (contrastato) per l’hook valeva il 21-28 ma l’avanzata degli Hornets si fermava sui ferri dopo lo 0/2 di Biz a 1:14.

Dall’altra parte solo sei secondi più tardi Bitadze affondava i suoi FT.

Bridges rispondeva con un terzo tempo e cambio mano con chiusura di sx ritmato ma J. Holiday da tre a 44 secondi dalla prima sirena aumentava la percentuale di Indy da oltre l’arco inoltre Charlotte andava a vuoto sull’ultima azione offensiva consentendo a Sampson di correre e schiacciare prima della luce rissa per ripristinare il +10 dei gialloblu (25-35).

Monk parte da titolare. Foto tratta dalal pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

2° quarto:

Poco da dire sul secondo quarto, quasi tutta una sinfonia dei Battistrada che iniziavano sparando un parziale di 0-11 iniziato con una schiacciata di Sampson e chiuso da un pull-up di Holiday dalla baseline destra per il 25-46.

Charlotte favoriva il parziale limitandosi a prender tiri da troppo lontano e per rompere questo frustrante ritmo Pacers serviva la magia di Monk che con un passaggio di destra dietro la schiena faceva giungere a Zeller la palla nel pitturato; il nostro centro andava su a 8:12 e schiacciava nonostante un paio di mosconi intorno.

Il bottino si Sampson aumentava di due unità, quello di Sabonis di tre e Charlotte, precipitata sul -24 (27-51) era costretta al nuovo time-out a 7:29.

Rozier segnava da tre punti ma per Charlotte era tutto episodico; anche Martin più tardi scagliava un dardo da tre punti portando il totale Hornets da fuori sul 5/15 contro il 7/10 avversario e Bridges con la tripla frontale realizzava il 38-62.

Il problema principale risultava l’incapacità di fermare regolarmente il buon attacco di Indy, ispirato in serata; a fermare la tripla di Brogdon ci pensava lo shot clock sull quale la sfera rimbalzava almeno tre volte in alternanza con la parte alta della tabella e ovviamente a termini di regolamento il canestro era annullato.

T.J. Warren segnava il settimo canestro su altrettanti tentativi e nonostante a 2:16 Miles guadagnasse un brillante fluttuante 2 +1, gli Hornets distavano ancora 23 punti dalla squadra leader, sotto 41-64.

Aaron Holiday chiuderà poi i primi 24 minuti con un floater in corsa sopra Biz per il 44-69 facendo chiudere ai suoi su un surreale 68,3% dal campo accompagnato da un 66,7% da tre con gli Hornets bloccati a un 36,0% dal campo…

Statistiche dei singoli nel primo tempo.

3° quarto:

La partenza del terzo quarto risultava in linea con i due precedenti; dal canestro di T.J. Warren (giunto a un 8/9) al due punti di Zeller da sotto per passare a un parziale di 0-8 pro Pacers che evidenziava un parziale nel pitturato di 18-42 per i locali a far risaltare le difficoltà di Charlotte di difendere nel pitturato sui pick and roll e sugli scarichi ma anche a livello individuale nell’uno contro uno.

Era Sabonis a fissare prima del time-out il 46-79 per un -33 molto eloquente.

Da lì a breve Borrego mandava sul parquet, oltre a Biz, quattro facce da G-League, le due enigmatiche e molto simili dei gemelli Martin oltre a McDaniels e Chealey dando riposo ai titolari.

La cosa funzionava solo dal punto di vista dell’esperienza accumulata dai singoli perché al time-out 4:51 i punti di differenza divenivano 35 (50-85) con due FT precedentemente realizzati da Cody Martin a 5:09.

a 12 minuti dal termine tra FT e il rientro sul parquet alla spicciolata di Zeller, Monk e Bridges con Chealey e McDaniels ancora in campo, i Pacers arrivavano alle soglie dei 40 punti di vantaggio (55-94) continuando a giocare un buon basket.

In campo anche il 10- day contract Joe Chealey. Foto tratta dalal pagina ufficiale degli Charlotte Hornets.

4° quarto:

Sarebbe stucchevole raccontare anche l’ultima frazione, passata come garbage time.

Di buono si vedevano un canestro dal pitturato di Rozier; caduto all’indietro sul tiro la palla andava comunque dentro dopo aver battuto sul plexiglass, altre due triple (recentemente gli era successo) in fila di P.J. Washington e un paio di canestri di Willy Hernangomez.

Nel finale, Chealey rubava palla con mani leste a Leaf lanciando de facto Cody martin che resisteva al fallo ed alzava a 1:27 per il canestro two and one pur con errore al libero annesso.

Si chiudeva sull’80-119, una sconfitta pesante ma che ci lascia in zona buone scelte al Draft, pronti a invertire però la rotta domani sera con gli arancioblù per dare qualche soddisfazione anche al pubblico amico dello Spectrum Center.

Le pagelle

Terry Rozier: 5

5 pt., 3 rimbalzi, 7 assist. 1 TO in 26:19. -27 in +/-. Plus/minus glaciale, senza il vero costruttore di gioco riesce comunque a dare ai compagni qualche buon pallone ma dal campo è freddissimo al tiro. Segna una tripla e nell’ultimo quarto un bel canestro cadendo all’indietro ma non da la spinta offensiva in termini di punti che ci sia aspetterebbe da lui. Sia in penetrazione o al jumper è impreciso finendo con un 2/13 dal campo.

Malik Monk: 5,5

8 pt., 1 rimbalzo, 3 assist, 1 rubata in 26:58. Nessun TO, -33… 0/4 da fuori a dimostrazione che questo tiro da tre deve “allenarlo” prima di provarlo costantemente. Chiude con un 4/13 dal campo riuscendo a mettere un paio di mezzi circus o comunque canestri acrobatici, rallentando o battendo l’avversario con bravura nello stretto. Sa farlo, continui a farlo con fiducia anche se una volta lo stoppano. Titolare a sorpresa per la defezione di Graham, non è ficcante come quando entra dalla panchina ma è coinvolto in una serata no della squadra.

Miles Bridges: 6

17 pt., 6 rimbalzi, 1 assist, 1 rubata. 7/16 dal campo, nessun TO, -23. Coinvolto nella tragedia è uno dei pochi che ogni tanto riesce a spezzare il ritmo dei Pacers infilando qualche canestro, soprattutto nel primo quarti dove dimostra che in partenza è sempre pimpante. Va un po’ spegnendosi inevitabilmente nei suoi 25:37 sul parquet.

P.J. Washington: 4,5

9 pt., 3 rimbalzi, 2 assist. 3/9 dal campo, 2 TO. 3/6 da fuori. Mezzo voto in meno perché da lui mi aspettavo di più su ambo i fronti. La difesa non mi piace e in attacco si accontenta spesso del tiro da fuori che sbaglia sino a quei due di fila nell’ultimo quarto che non servono a nulla se non ad alzare il punteggio nel suo tabellino. Si può dare di più senza essere eroi… In 25:12 è -33.

Cody Zeller: 5

9 pt., 4 rimbalzi, 2 assist, 1 rubata. 4/9 al tiro. -27. In attacco qualcosa di buono lo fa riuscendo ad appoggiare in corsa o a battere i lunghi da sotto ma dietro è panico più del Coronavirus. Non fa paura a nessuno e gli scambi rapidi dei Pacers lo eludono facilmente. Finisce, infatti, con zero stoppate e troppa libertà concessa agli avversari.

Jalen McDaniels: 5,5

4 pt., 5 rimbalzi, 2 rubate. 2 TO. 1/5 dal campo, -20 in 19:06. Anche il negativo del suo plus/minus supera i minuti nei quali è stato impiegato sul parquet. Alterna buone cose ad altre peggiori come palle perse e recuperate. A parte una bomba dall’angolo manca gli altri 4 tiri tentati. Prova a mettere intensità difensiva ma viene preso spesso in mezzo. Abbastanza atletico riesce a catturare qualche rimbalzo, in partite così sviluppa resilienza.

Cody Martin: 5,5

9 pt., 6 rimbalzi, 3 assist, 2 rubate in 29:30. -12 e un solo TO. Altro giocatore, se non il giocatore principale del team per intensità difensiva, purtroppo dimostra perché non è un big sull’altro fronte del parquet dove finirà con un 3/12 in FG. 0/4 come Monk da fuori e 3/5 dalla lunetta. Buonissimo minutaggio per il giocatore mascherato. La mascherina non fa intaccare al virus le energie di Cody ma l’accompagnamento offensivo con lui in campo non è granché.

Bismack Biyombo: 5,5

2 pt., 5 rimbalzi in 12:28. Un unico tentativo dal campo ed è canestro ma anche un TO, 4 falli e uno 0/2 dalla lunetta dopo aver subito fallo sul suo rolling hook. Limita un po’ qualche attacco come può anche se regala qualche FT ma coglie 5 rimbalzi, peccato in attacco sia inesistente.

Caleb Martin: 6,5

11 pt., 3 rimbalzi, 2 assist, 1 stoppata. 4/10 FG. Bravo da fuori con un ¾ dalla grande distanza, completa con altri due punti non andando mai in lunetta. Una stoppata più simile a una schiacciata da pallavolo rientrando su Aaron Holiday anche se sull’azione seguente l’avversario piazzerà due punti. 2 TO e -11 in +/-. Ci prova.

Joe Chealey: 5,5

0 pt., 1 assist, 3 rubate. Mani rapide, chiude con la steal su Leaf per i tre palloni recuperati. C’è anche un assist ma pure uno 0/2 dal campo e una difesa poco valida.

Willy Hernangomez: 6

6 pt., 3 rimbalzi, 1 assist. Entrato nell’ultimo quarto segna subito in schiacciata. Gioca 9:19 chiudendo sul +0 in plus/minus, unico a non averlo in negativo. Si districa nel garbage time.

Coach James Borrego: 5

Sarebbe quasi un senza voto. Non mi dispiace l’idea delle rotazioni che da, anche quella per risparmiare i titolari successivamente. Lancia Monk in quintetto come prova ma dov’è l’anima di questo team e dov’è la difesa di squadra in area e sulle situazioni di pick and roll e sotto canestro? Si ferma così l sriscia di vittorie in trasferta degli Hornets con la squadra di Borrego al secondo stop consecutivo ma domani c’è da andare a vincer la partita per giustificare questo match.

Bird – (Larry Johnson) – Magic e lo spot fantasma mai andato in onda

Dopo quello su “The Chief”, ecco un altro pezzo scritto da me e pubblicato su From The Corner (per l’amico Gabriel e gli altri ragazzi del gruppo) a fine novembre o nel frimaio (21 novembre/20 dicembre se fossimo nel periodo post rivoluzione francese).

Il pittore Louis Lafitte e la sua rappresentazione di questo periodo.

Se non avete mai sentito parlare di Larry Johnson probabilmente siete troppo giovani o non avete approfondito la conoscenza sulla NBA anni ’90, quella della generazione d’oro e in effetti LJ un dente d’oro l’ha anche…
LJ, ala grande di Charlotte e New York, prima scelta assoluta al Draft 1991…
Niente proprio?

Comunque sia, per chi non lo sapesse, posso darvi un aiutino.
Avete mai visto il film cult Space Jam?
Se l’avete visto probabilmente vi ricorderete le divertenti scene dopo che i giocatori/attori del film vennero privati del loro talento.
Dopo un lento e impacciato Sir Charles Barkley al campetto, la divertente scena nella quale il dottore camminando parla a Muggsy Bogues (altro storico Hornets player) cercando di capire il perché i suddetti player non abbiano più una briciola di talento.
Mentre Muggsy, 158 cm, e il dottore camminano tranquilli, di sfondo da sinistra a destra ci sono: Larry Johnson, Shawn Bradley (non ditemi che vi ricordate di lui e non di Johnson) e Pat Ewing (centro dei Knicks e qualche anno fa aiuto allenatore negli Hornets di Jordan) che vanno a sbattere sullo stipite alto della porta auto-abbattendosi essendo dei giganti divenuti anche un po’ maldestri e stupidi…

Comunque sia, per darvi un’infarinatura su Larry Johnson: giocò 11 stagioni NBA, fu un’ala grande che attraversò gli anni ’90 dividendo la carriera tra Charlotte e New York.
LJ (primo nella foto a sx, qui sul set di Space Jam), nato a Tyler (Texas) il 14 marzo 1969, verrà poi scelto dai bisognosi Hornets nel Draft 1991 uscendo da UNLV (Nevada) dove avendo già messo in mostra il suo vasto repertorio, aiutato da un fisico da armadio a quattro ante, sbaragliando la concorrenza andò subito alla numero uno.
La sua carriera non si protrasse a lungo perché i problemi alla schiena la limitarono costringendolo a un ritiro anticipato ma se volete vedere un po’ di LJ, eccolo qua:

Comunque sia a Charlotte diviene subito rookie of the year e nel 1993 viene selezionato come primo Hornets (i Calabroni nacquero nel 1988) della storia per un All-Star Game.
Chiude la regular season con 22,1 punti e 10,5 rimbalzi di media portando Charlotte oltre il primo turno playoffs.
In ottobre firma il contratto complessivo più ricco dell’epoca: 84 milioni per 12 anni ma qui cominciano i guai.

Charlotte Hornets forward Larry Johnson, right, drives past Minnesota Timberwolves forward Kevin Garnett (21) in the second quarter in Minneapolis, Friday night, March 1, 1996. Johnson was called for traveling on the play. (AP Photo/Ann Heisenfelt)

Lui e Mourning si infortunano l’annata successiva per diverse partite e Charlotte non arriva per un pelo ai playoffs.
Vince i mondiali del 1994 insieme a Mourning e nel 1994/95 i due trascinano Charlotte alle 50 vittorie però la rivalità latente sul parquet e per questioni di cifre tra Johnson e Mourning si inizia a sentire pur rimanendo sottotraccia ancora una stagione ma alla richiesta del procuratore di Zo (D. Falk, lo stesso di MJ) di “foraggiare” maggiormente il suo assistito, il presidente Shinn decide che non se lo può permettere e alla vigilia della regular season 1995/96 gira in uno scambio Alonzo a Miami.

L.J. schiaccia su Pat Ewing in una mia stampa dell’epoca da un’immagine tratta dal sito ufficiale dei Calabroni.

LJ rimane un’altra stagione (la migliore per Carlotte ancora attualmente), ma quando il contratto inizia a incrementare le sue cifre contrattuali viene girato a New York per Anthony Mason e Brad Lohaus.
Il destino beffardo vuole che ai playoffs davanti a lui (purtroppo) si trovino proprio gli ex compagni di Charlotte e nonostante la miglior stagione di sempre a Charlotte degli Hornets, arriva uno 0-3 a favore di LJ che aveva voglia di rivalsa su un presidente che l’aveva definito leader prima di scaricarlo.
I nervi si faranno sempre più tesi nei vari playoffs con Mourning visto che Heat e Knicks si troveranno spesso fino a sfociare in una scazzottata accennata tra i due.
Nel 1999 una sua giocata da 4 punti (26 i suoi punti in partita con un 3/6 da 3) allo scadere alle Finals dell’Est contro i Pacers servirà per vincer gara 3 (la serie la vincerà 4-2 NYK).

Comunque sia in questo pezzo vorrei accennarvi più che altro alla storia che sta dietro al personaggio iconico di Grandmama che magari non molti conoscono.
LJ, ex pugile dal fisico incredibile, con un’autostima infinita come l’universo decide di proporre alla Nike una partnership.
La Nike prende una cantonata rifiutando (un’ala grande di 201 cm secondo la Nike non avrebbe avuto una grande carriera) l’affare perché ancora LJ deve dimostrare di più nella NBA ed è così che la Converse, la quale accetta l’offerta, ha un’idea meravigliosa.

8 Apr 1996: Charlotte Hornets forward Larry Johnson tries to drive around Chicago Bulls forward Dennis Rodman at the United Center in Chicago, Illinois. Mandatory Credit: Jonathan Daniel/ALLSPORT

Sfruttando il soprannome del famoso “Magic” dei Lakers (Earvin) e il nome del Bird dei Lakers (i due più iconici giocatori anni ’80 prima del sorgere di MJ) propone a LJ la seguente trama:
Bird e Magic travestiti da dottori (e dai, ci risiamo… gli americani devono avere una strana mania per i medici) in sala operatoria stanno operando un paziente misterioso cercando di creare il giocatore perfetto (o.k., perché io che sono Igor non sono stato inserito come assistente?) ma i due hanno un battibecco sul nome.
Bird lo vuole chiamare Larry e Magic preferirebbe Johnson, quando durante il battibecco si alza Larry Johnson, saluta i due e se ne va…

Non vi torna?
Non avete mai visto questo spot?
Non c’è problema, non siete pazzi, è semplicemente che l’entourage Converse chiama Johnson, il quale aveva già firmato un contratto da un milione e gli dice di recarsi in studio.
Lì i referenti Converse gli rivelano d’aver cambiato idea (costi?) informando Johnson che dovrà travestirsi da Donna anziana abile nel giocare a pallacanestro.
Johnson rimane un po’ stupito ma accetta ed eccolo qui in tutta la sua magnificenza.

Charlotte Hornets forward Larry Johnson, center, drives past Boston Celtics players Eric Montross, right, and Dina Radja, left, for two of his 27 first-half points at the Charlotte Coliseum in Charlotte, N.C., Wednesday, Nov. 22, 1995. (AP Photo/Chuck Burton)

Lo spot diventerà un cult dei 90s e ne saranno prodotti altri e sull’onda di questo successo LJ farà anche un cameo in un telefilm chiamato Family Matters (in Italia “Otto Sotto un Tetto) interpretando appunto Grandmama (Clarabella in Italia) al playground intento ad aiutare Steve Urkel (colui che diverrà protagonista della serie) ad aver fiducia in sé.
Steve, aiutato da Grandmana segnerà il canestro della vittoria dopo l’infortunio (anche questa è una mania però…) nel finale del LJ sotto mentite spoglie nonostante sia un imbranato cronico, un simpatico pasticcione, impacciato anche nel basket, abile nel commettere disastri vari…
L’apparizione di LJ come Grandmama nel telefilm credo resterà qualcosa di indimenticabile anche se non l’avremmo mai visto probabilmente se la Converse avesse optato per ‘idea originaria…

Il trailer nel quale compare Larry Johnson come Grandmama con il suo dente brillante…

E per chiudere, se volete gustarveli un po’, ecco i commercial in questione, anche se in genere ho un’idiosincrasia per gli spot pubblicitari, trovo questi piuttosto divertenti.

Sperando che presto Charlotte possa rivivere quelle belle stagioni con personaggi altrettanto iconici mi tuffo nella nostalgia di uno dei giocatori più impattanti in ogni senso per Charlotte nominato al 4° posto nella classifica all-time realizzata dai fan lo scorso anno…

The Chief

Robert Parish premiato dall’organizzazione degli Hornets dopo aver frantumato il record di presenze di Abdul-Jabbar. Robert Parish was gifted a grandfather clock from the Hornets organization At halftime after breaking Kareem Abdul-Jabbar’s NBA record for career games played after taking the court against the Bulls for his 1,560th game!

Ho fatto uscire questo articolo per l’amico Gabriel tre giorni fa sulla pagina FB di From The Corner, lo ripropongo qui con qualche immagine e video in più per chi fosse interessato a ripercorrere un po’ la vita di Robert Parish.

Robert Lee Parish nasce il 30 agosto 1953 a Shreveport, da Robert Senior e Ada Parish (primo di quattro figli) nel profondo sud degli Stati Uniti, in Louisiana.

Gioca nella Woodlawn High School e poi al Centenary College (108 partite, 21,6 punti di media con uno zenit di 50 pt. contro South Mississipi) per quattro stagioni.
Nel 1975 partecipa alle universiadi con Dave Gavitt (futuro GM a Boston) come allenatore, ottenendo la Gold Medal.
Dopo esser stato incluso nel primo quintetto nazionale dei college viene scelto da Golden State alla numero 8 nel Draft 1976.

Dopo altri quattro anni dorati passati sulla costa pacifica in gialloblu, segna gli anni ’80 del basket NBA passando ai Boston Celtics di McHale e Bird con i quali riuscirà a vincere tre titoli NBA (1981/1984/1986) formando un big 3 per chiudere la carriera nel 1996/97 con il poker di anelli realizzato con i Bulls di Jordan.
A inizio stagione 1992/93 detiene con 552 rimbalzi offensivi il record NBA di questa particolare statistica grazie ai suoi 213 cm.
Con i Warriors, Parish disse di aver giocato la sua miglior partita il 30 marzo 1979.
Contro i Knicks, The Chief, segnò 30 punti strappando 32 rimbalzi ma i Warriors lo cedettero con una futura prima scelta ai verdi in cambio di due prime scelte…

L’affare fu tutto a favore di Boston (Parish e McHale contro Joe Barry Carroll e Rickey Brown) e retroattivamente fu visto come una trappola organizzata da Red Auerbach, un affare che spinse molti GM a non trattare più con lui per timore che il “Rosso” potesse colpire ancora.
Presente in nove All Star Game, in quello del 1982 mise a referto 21 punti.
Entra nel secondo quintetto della Lega 1982 e nel terzo, anno 1989.

Il famoso soprannome “The Chief”, (Il Capo), glielo diede a inizio anni ’80 Cedric Maxwell, suo compagno di squadra.
“Robert Parish non sorride mai, ha sempre l’aria decisa, tipica del capo di una tribù indiana. Mi ricorda quel personaggio del film con Jack Nicholson (Qualcuno Volò sul Nido del Cuculo). Nicholson lo chiamava Grande Capo e io chiamo Robert: “The Chief.”

Parish è stato un esempio di longevità paragonabile all’epoca a quella fornita da Jabbar o a quella di Vince Carter offerta ancora ai giorni nostri.
1.611 partite a fine carriera per il recordman di presenze NBA.
Lo yoga, le arti marziali e l’essere vegetariano fecero parte del modus vivendi di Parish.
A 40 anni Parish era ancora primattore a Boston anche se la presenza contemporanea di McHale e Bird limitavano i numeri e i riconoscimenti di Parish, in cambio arrivavano vittorie.
Parish finì la carriera a fine Regular Season 1996/97 militando nei Chicago Bulls, dopo esser transitato per due stagioni ai Charlotte Hornets, il tutto finì “after” 21 stagioni passate nella NBA.
Nel 2003 entra nella Naismith Hall Of Fame, Olimpo dei giocatori di Basket NBA.

Parish venne spinto dall’allenatore Coleman a giocare a basket, sport quasi totalmente alieno per lui sino a quel momento (Robert sostenne che la pallacanestro agli inizi non gli piacesse ma che Coleman l’abbia spinto molto su questa scelta).
In seconda media Parish era già alto 6,6 piedi e a proposito di numeri, quando le divise passarono alle superiori, l’unica divisa rimasta era quella dal doppio numero 00, cifra particolare che il Capo mantenne e distinse poi Parish nella sua carriera NBA.
La doppia cifra segnò anche la sua carriera: solo il primo anno a Golden State con 9,1 punti di media non riuscì ad accedervi, poi, per tutti gli anni in gialloblu e in verde eccolo andare sopra fino alla parabola finale dove i suoi sprazzi di partita o minuti di qualità se preferite, tra le riserve a Charlotte e Chicago, abbassarono notevolmente le sue medie.
Solo agli sgoccioli di carriera con Chicago giocherà poche partite (43) mentre in tutta la sua carriera non scenderà mai sotto le 72.

Parish deve questa sua longevità alla fortuna di non aver mai subito durante la fase più importante della sua carriera un grave infortunio grazie a un regime alimentare severissimo e un programma di condizionamento seguito alla lettera per venti anni.
Nel 1984 a Phoenix supera già i diecimila punti in carriera e per sette anni rimane tra i primi 10 per percentuale di tiro, d’altra parte quel suo gancetto vicino a canestro…
Parish si fa valere anche nelle stoppate detenendo alla sua epoca il maggior numero piazzate in una partita di Regular Season e quelle nei Playoffs.
Nel 1991/92 passa il traguardo dei ventimila punti (massimo in una partita fu a San Antonio il 17 febbraio 1981 con 40) e dei dodicimila rimbalzi, cifre astronomiche.
Su Boston dice: “Non ho mai messo in dubbio il loro amore o la loro lealtà nei miei confronti.

Boston mi ha trattato eccezionalmente bene. Non posso lamentarmi dei fan o dell’organizzazione Celtics. Mi sento come se avessi preso una bella scossa. Tutto amore da entrambe le parti, si spera. So che non c’è nient’altro che amore dalla mia parte”.
Bill Walton nel 1986 disse che Parish era probabilmente il miglior lungo tiratore dalla media ma nonostante l’amore prima o poi le storie finiscono e sul mercato si affaccia l’emergente Charlotte.

A Charlotte

Gli ultimi tre anni della sua carriera da giocatore, con Charlotte e i Chicago Bulls, sono stati essenzialmente lavoro di coaching.
“Ho fatto un sacco di tutoraggio (qui a Charlotte)”, dice Parish e in effetti è vero.
Nell’estate 1994, il 4 agosto, dopo l’ultimo anno passato ai Celtics e l’eliminazione ai playoffs della stagione precedente subita proprio per mano degli Hornets, Parish accetta di andare a Charlotte e far da secondo (backup) allo sfrontato Alonzo Mourning, un tipo born ready che non avrebbe bisogno di una chioccia ma che può apprendere ancora molto da un veterano come Robert.

Charlotte Hornets Robert Parish gets a grip on the ball under the basket as he is guarded by Horace Grant, (54), and Dennis Scott, (3), during action at the Orlando Arena Friday March 8, 1996.(AP Photo/Peter Cosgrove)
Charlotte Hornets center Robert Parrish (00) drives in on Atlanta Hawks center Sean Rooks in the first half of their NBA game at the Charlotte Coliseum in Charlotte, N.C., Friday, March 22, 1996. Parrish scored his 23,000th point to place him 12th on the all-time scorers list.(AP Photo/Chuck Burton)


Il 26 novembre 1994 Parish rimane in campo 31 minuti (suo massimo in stagione) segnando 8 punti e gli Hornets vincono a New York.
Il 5/11 e il 3/12 dello stesso anno segna 16 punti a partita (massimo in stagione) contro Cleveland e a Denver (7/10 nella Mile-High City) ma Charlotte perde entrambe le volte.
La stagione seguente a Sacramento gioca 44 minuti segnando 14 punti.
Il massimo in stagione lo ottiene con San Antonio eguagliando i 16 punti dell’anno precedente ottenuti due volte mentre ne mette 15 in una vittoria a Denver.
Il suo lavoro comunque, dovuto all’esperienza, aiuta Zo e i compagni e a fine 1994 sostituendo lo stesso Mourning infortunato, aiuta Charlotte a battere i Magic di O’Neal.

Parish nell’amichevole 1994 con la Buckler Bologna.

L’anno seguente la sua verticalità sotto canestro riesce in qualche modo a far sbagliare ben quattro tiri vittoria ai Bulls che cadono di un solo punto in casa, 98-97, battuti in casa propria dopo una lunghissima serie di W, dagli Hornets a sorpresa.
Sul campo la sua difesa fisica rende meno ma la sua verticalità è intatta, a rimbalzo dà ancora una mano anche se meno degli anni migliori e ogni tanto lascia ancora partire quel tiro inarrestabile con parabola arcobaleno che lo caratterizzò per tutta la durata della sua carriera.
Sono 4,8 punti nel 1994/95 (16,7 minuti di media) e 3,9 nel 1995/96 (14,7 minuti di media) di media con i Calabroni.
Il 2 aprile 1996 Parish dice che la sua carriera non è ancora finita rifilando 7 stoppate ai Lakers e catturando 14 rimbalzi così contribuisce per Charlotte a portar a casa la partita per 102-97 (27 punti di Rice e 23 di Curry).
Quattro giorni più tardi, il 6 aprile 1996 Parish rompe il muro di games played (maggior numero di partite giocate in NBA) superando un mostro sacro come Kareem-Abdul Jabbar e gli Hornets lo omaggiano al Charlotte Coliseum con un bell’orologio con struttura a terra.

Il 25 settembre 1996 firma come free agent per Chicago, vince 69 partite in stagione regolare pur con minutaggio limitato e porta un altro anello a casa giocando insieme a Jordan.

Problemi con la legge

Qui si entra nel lato umano oscuro del giocatore…
Parish passa per anni come un tipo rigido, compassato, non incline all’irrazionalità e senza problemi come altri giocatori.
Misterioso, “The Chief”, parlava raramente con i media e non ha mai frequentato i compagni di squadra di Celtics dopo una partita.
La sua reputazione è intatta ma un giorno, nel 1993, iniziano a presentarsi le prime pesanti crepe su un muro che frana velocemente e che il capo non riesce a stuccare.
A parte la legittima (pur triste) scelta di vender l’anello da campione del 1986 per spendere i soldi ricavati, una prima luce negativa si accende quando una busta parte da Oakland via FedEx per raggiungere la sua casa di Weston.
Tutto normale se non fosse che un cane poliziotto fiutando della marijuana nel pacco fece scattare un mandato di perquisizione nei suoi confronti.
Accusato di possesso di sostanza stupefacente (in America la cosa era presa più seriamente anche se la NBA all’epoca ignorava quella sostanza) fu accusato di possesso pagando 30 dollari e rimanendo in stato di libertà vigilata per cinque anni.
In Italia oggi la cosa, essendo piuttosto diffusa, non crea sconvolgimenti particolari ma nel contesto di Parish le cose sono differenti.
“Non andrà mai via” (il marchio d’infamia), dice Parish, che afferma di aver fumato marijuana per rilassarsi dopo le partite ma di aver smesso nel 1995. “Ma la gente non ci crede” disse ancora Robert.

Ben più grave fu la violenza domestica del 2 giugno 1987 perpetrata contro l’allora moglie Nancy Saad.
“Eravamo a Los Angeles per giocare contro i Lakers le finali NBA.
Parish asserì che una lite scoppiò in hotel per gelosia asserendo poi di averla spinta e di esser stato provocato.
“Non la minimizzerò in nessun caso, me ne pento. Non dovresti mai mettere le mani su una donna, in nessun caso.” continuò Parish ma come li chiama lui di “scheletri nel suo armadio” probabilmente ce ne sono ancora.
Dal ricovero in ospedale nel 1987 per trauma cranico si torna indietro al 1981 quando secondo l’ex moglie partirono gli abusi.
Reputazione intatta, dicevamo, o quasi.

Pur parlando male rarissimamente di compagni e allenatori Parish una volta aveva colpito con un pugno il centro dei Pistons Bill Laimbeer che qualche problema l’aveva avuto non solo con Parish.


Fu un episodio singolo ma indicativo di come a casa evidentemente Parish si potesse trasformare in un’altra persona.

Un articolo del 1995 dice che secondo l’ex moglie, l’ex marito di 230 libbre la prese a calci giù da una rampa di scale quando era incinta di otto mesi, una delle cose peggiori che si possano fare.
Nel 1990/91 Parish è nel pieno di una seconda giovinezza, i media attribuiscono questa rinascita al divorzio ottenuto a settembre 1990 anche perché la moglie aveva un carattere più fumantino ed era ritenuta una mezza pazza, soprattutto a confronto del più “compassato” Parish.

Oggi

Parish vorrebbe tornare nella NBA ma le macchie lasciate sul curriculum paiono essere indelebili.

Nel 2013 rilascia un’intervista dicendo che Bird e McHale (McHale è stato l’allenatore degli Houston Rockets), non hanno fatto nulla per aiutarlo a tornare nella NBA con un incarico, anche se sono stati contattati da lui personalmente.
Chiama i suoi compagni di squadra “conoscenti”.
Robert dice: “Sono irrequieto e ho bisogno di soldi”.
Nel mio caso, non ho amici”, prosegue: “Ho visto Kevin a un evento; ha detto che mi avrebbe chiamato. Non ha mai chiamato. Ho chiamato Larry due volte quando era agli Indiana Pacers, non ha mai risposto alla mia chiamata. E non solo Larry.

Su tutta la linea, la maggior parte delle squadre NBA non richiama.

Hai bisogno di un ordine del tribunale solo per ricevere una telefonata da queste organizzazioni. Non faccio parte della loro confraternita.”
Bird si difende dicendo di non aver mai ricevuto chiamate e McHale esprime rammarico per non esser riuscito a portare a Minneapolis l’ex compagno vista la posizione instabile dell’epoca.

Il feeling anche con Ainge era in campo ma il vecchio capo ricorda che non ci furono rapporti extra lavorativi e quindi non rientrerebbe logicamente nella loro cerchia stretta.
Bill Walton che Parish definisce la persona più onesta che conosca, gli rispose di non prenderla sul personale ma che probabilmente nessun team l’avrebbe richiamato per questioni di protocollo.

In realtà i Celtics lo assunsero nel 2004 per lavori di pubbliche relazioni, ma Parish trovò lo stipendio di $ 80.000 troppo basso.
“Voglio chiarire, non sto piagnucolando e i Celtics non mi devono nulla” ma lui oggi vorrebbe un lavoro come vice coach, commentatore oppure nel front office.
Parish, che ha guadagnato all’incirca 24 milioni di dollari in 21 anni nella NBA, afferma di aver bisogno di un lavoro con un sostanziale stipendio da sei a sette cifre.
“Non voglio dover ricominciare da capo. Non sono un senzatetto e non sono senza un soldo, ma ho bisogno di lavorare.”

La sua casa marrone ai piedi di un campo da golf a Cornelius in North Carolina non sembrerebbe far intravedere difficoltà finanziarie per l’ex centrone ma dicendo che non avendo lavorato ed avendo elargito generose somme a amici e parenti sente l’esigenza reale di lavorare.
Ciò che ha fatto a sua moglie rimarrà un fatto ignobile e condannabile al 100% senza se e senza ma, oggi Parish sta espiando le proprie colpe fuori dal campo e qui si potrebbe discutere per anni tra scuole di pensiero sul fatto se sia corretto o no dare a una persona una seconda possibilità.