EruziHornets?

L’incandescente estate è appena cominciata e gli Hornets sono bollenti.

Vari rumors parlano di scambi con altre squadre.

Ad esempio (è proprio di questi minuti) pare certa la trattativa che porterebbe Jeremy Lamb (nato il 30/05/1992) a Charlotte in cambio di Matt Barnes.

Jeremy Lamb

Jeremy Lamb

Non uno scambio entusiasmante dal mio punto di vista, ma si può ragionevolmente supporre anche da precedenti velate dichiarazioni, che la dirigenza dei Calabroni non vedesse Barnes compatibile con l’ambiente di Charlotte. Inoltre Lamb (6,3 punti di media nella stagione regolare lo scorso anno con i Thunder di Oklahoma City) potrebbe coprire il ruolo di SG di riserva che l’anno scorso é stato occupato da più giocatori degli Hornets, anche non propriamente del ruolo.

Altri rumors più eclatanti del precedente riguarderebbero due distinti scambi.

Il primo, porterebbe Gerald Henderson e Noah Vonleh in Oregon a Portland, in cambio di Nicolas Batum, la buona SF/SG francese con diversi anni d’esperienza in NBA che l’anno scorso ha realizzato 9,4 punti di media a partita.

Per quel che concerne il secondo scambio, più incerto e fumoso rispetto al primo, si parla di Cody Zeller. Pare che Cho e la società vogliano scambiarlo per arrivare a un’altra ala. La franchigia si aspettava di più da Cody, il quale ha manifestato dei problemi con qualche fondamentale, risultando poco redditizio in taluni casi. La notizia é stata diffusa da Wojnarowski, il che la rende molto credibile.

Se andassero in porto queste trattative il volto di Charlotte sarebbe già differente rispetto alla scorsa stagione, c’é da capire che tipo di ala potrebbe arrivare al posto di Zeller, cercando di non peggiorare la situazione.

Qualcuno sogna Rudy Gay (sono solo supposizioni), il quale però sarebbe l’ennesima SF nel roster e ha un contratto per la prossima stagione di $12,403,101 con i Kings, ma nonostante ciò, Sacramento ci penserà bene prima di privarsene.

Questo articolo è stato pubblicato in Rumors da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.