Giro di boa – Teal & Purple

La copertina dell’anno del gruppo FB: Charlotte Hornets Italia.

Arrivati al giro di boa della stagione NBA 2021/22, mentre la pandemia scorrazza nella sua variante Omicron passata dall’uomo ai topi e restituita al mittente (pare da alcuni recenti studi), noi ragazzi (beh, io anagraficamente direi ex) di Teal & Purple abbiamo fatto un salto nel Podcast Spotify gestito sagacemente da Filippo Barresi che sovente produce anche i matchup key per questa pagina.

L’idea – oltre a quella di trovarsi per fare due chiacchere e battute fuori onda – era quella di fare il punto della situazione dopo le prime 41 partite (esattamente alla metà, essendo tornate a pieno regime con 82 partite la NBA) dei nostri Calabroni attraverso domande scelte da Filippo stesso e se a volte in una società frenetica non si ha tempo o voglia di leggersi lunghi articoli, in sottofondo mentre vi rilassate, mangiate e bevete qualcosa, magari in un momento di relax, le nostre quattro voci (la mia, quella di Filippo a condurre e quelle dei simpatici paolo Motta e Fabrizio Getuli che danno una buona mano nella pagina e nel gruppo FB) forse potrebbero allietarvi facendo da sottofondo una mezz’oretta se interessa l’argomento.

Certo, sarà differente dal passare magari la serata in compagnia di un’intelligente e bella ragazza ma spero che il contenuto possa risultare interessante e la forma gradevole.

Qui il link per ascoltarlo:

Episodio 21 – Giro di boa (feat. Teal & Purple) – Casa Hornets | Podcast su Spotify

E come dicevano a New Orleans: Laissez le bon temps rouler (Lasciate scorrer il tempo piacevole).

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.