Il pronostico della 12ª settimana

Pronostici a cura di Paolo Motta

Lasciamoci alle spalle il dimenticabile ASG di Atlanta e iniziamo carichi la seconda parte di stagione.

Da qui a metà maggio ci aspetteranno 37 partite in 67 giorni.

Vediamo le due che dovremo affrontare questa settimana mentre P.J. Washington, Devonte’ Graham e Cody Zeller sono dati ancora in day to day.

Venerdì 12 marzo ore 01:00 AM Vs Detroit (10-26)

Contro i Pistons gli Hornets sono in serie positiva da una decina di partite.

La squadra del Michigan è in pieno rebuilding come dimostrato dalla cessione di Rose e dal recente taglio di Griffin.

Hayes (fuori per infortunio), Stewart, Bey e Lee sono i giovani su cui Detroit punta per il futuro. Partita ampiamente alla portata vista la superiorità del nostro roster.

1 fisso.

Domenica 14 marzo ore 01:00 AM Vs Toronto (17-19)

Sfida assolutamente da vincere per vendicare le due sconfitte di metà gennaio (la seconda con torti arbitrali pesanti fino a quello finale che brucia ancora).

Il match vedrà anche in numero limitato il rientro dei fan allo Spectrum Center per cercare di dare un’ulteriore spinta alla squadra.

Toronto, dopo aver ritrovato il feeling con la vittoria, è tornata in difficoltà e in emergenza a causa del Covid-19 (prima della pausa erano ben cinque i giocatori indisponibili tra cui Siakam, VanVleet e Anunoby).

Mi aspetto una partita equilibrata dove bisognerà limitare la mattanza di triple che ci ha steso nei primi due incontri.

Vittoria non impossibile.

Il pronostico della settimana: 2-0

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.