Kobi Simmons si aggrega ai Calabroni per il camp.

Kobi Simmons è stato firmato dagli Hornets per il camp e si aggiungerà alla già nutrita pattuglia degli insicuri, giocatori che potrebbero essere tagliati o spediti in G-League.

Kobi, playmaker di 193 cm per 77 kg, nato ad Atlanta il 4 luglio 1997 non è però una assoluta novità per la NBA avendo giocato due stagioni fa per i Memphis Grizzlies e la scorsa una sola gara con i Cavaliers e il resto della stagione con la squadra affiliata dei Canton Charge.

Anche con i Grizzlies però firmò un two-way, anzi, fu il primo giocatore assoluto a firmare un contratto del genere…

Tagliato da Memphis il 28 agosto 2018 venne preso da Cleveland che però fece l’elastico con l’ex Arizona Wildcats e alla fine decise di tagliarlo dopo avergli fatto firmare in gennaio un two-way contract.

Nell’anno con i Grizzlies segnò in 32 partite 6,1 punti di media con un 28,2% da tre punti ma un 100% ai liberi (25/25).

L’aggiunta di Simmons nulla da e nulla toglie a una squadra comunque già fatta anche se può essere un giocatore di seconda linea NBA.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.