Matchup key 34: Charlotte Hornets @ Denver Nuggets

Ultima partita prima di Natale per gli Hornets con i fan speranzosi in una vittoria che non li faccia passare un Natale amaro e porti la squadra a quota .500.

Il recap sul pezzo sarà completato domani nel pomeriggio per via dei miei impegni lavorativi.

Lascio la “tastiera” a Filippo Barresi che ci illustrerà il matchup key nella Mile High City.

A cura di Filippo Barresi.

Mason Plumlee Vs Nikola Jokic

Nonostante il lento inizio di stagione dei Nuggets, Jokic sta disputando una stagione ad altissimi livelli ed è sempre di più l’uomo al comando della squadra.

Le sue capacità offensive sono in grado di piegare qualsiasi sistema difensivo, tutte le fragilità degli Hornets verranno esposte a meno che Mason Plumlee non tiri fuori la prestazione della vita.

I due sono stati compagni di squadra a Denver e questo potrebbe agevolarlo in questo arduo compito.

Possibili svantaggi:

Come detto, le capacità di Jokic nell’orchestrare un attacco fatto da movimenti e tagli metterà a dura prova il già instabile sistema degli Hornets.

Questa capacità del Joker di servire palloni porta Denver ad avere percentuali altissime nelle conclusioni vicino al ferro, area che sta creando molti problemi ai ragazzi di Borrego.

Possibili vantaggi:

Anche i Nuggets hanno sempre concesso qualcosa in termini di penetrazioni al ferro. Giocare con un centro come Jokic ti porta via un po’ di solidità difensive ed è qui che gli Hornets dovranno giocarsi la partita.

Meno tiri forzati e tanta pazienza nel trovare il varco giusto che, prima o poi, arriverà.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.