Matchup key 38: Charlotte Hornets @ Washington Wizards

A cura di Filippo Barresi.

LaMelo Ball Vs Bradley Beal

Washington arriva a questa gara con molte assenze e per questo motivo sarà Bradley Beal a dover trascinare in toto la squadra.

Molti giocatori dei Wizards sono nel protocollo Covid-19 e questo potrebbe agevolare Ball e compagni nell’ottenere una vittoria che rassicurerebbe l’ambiente dopo la batosta ottenuta contro i Suns.

Nel corso di questa pessima sconfitta l’unico giocatore che è sembrato più connesso alla partita è stato proprio LaMelo Ball: nonostante la sua giovane età è già il leader di questo roster e stasera molto sarà sulle sue spalle.

Possibili svantaggi:

Gli Hornets questa notte giocheranno la seconda partita nel giro di 24 ore e potrebbero sentire molto il peso della fatica anche se i titolari sono rimasti fuori ieri nell’ultimo quarto.

Nei sette back to back giocati in questa stagione Charlotte ha ottenuto zero vittorie, sintomo di una scarsa abilità nella gestione delle energie in situazioni di questo tipo e si va alla ricerca della prima vittoria di questo genere.

Possibili vantaggi:

Come visto nelle precedenti sfide contro Washignton, questa squadra non è molto avvezza al tiro da tre punti e l’utilizzo della difesa a zona ha saputo metter i Maghi in costante difficoltà.

Bloccare o limitare l’unico interprete offensivo e costringere i gregari a prendersi tiri dall’arco saranno punti chiave della partita per ottenere la vittoria.

_________________________________________________________________________

Vintage Time

Circa 24 anni fa andava in scena un match tra le nostre prossime due avversarie, qui il tabellino riportato da American Superbasket.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.