Matchup key 51: Charlotte Hornets Vs Los Angeles Clippers

A cura di Filippo Barresi.

James Bouknight vs Luke Kennard

Lo scontro di questa sera (palla a due alle ore 19:00 italiane) vedrà contrapporsi due giocatori delle seconde linee molto in forma che potrebbero divenire importanti per le relative formazioni in serata.

Da una parte Bouknight sta trovando continuità come mai in questa stagione grazie a minuti costanti e responsabilità in aumento.

Le assenze di Hayward, McDaniels e probabilmente Oubre Jr. hanno indotto coach JB a concedergli un pizzico di fiducia in più.

Dall’altra parte troviamo una formazione falcidiata dagli infortuni di George e Leonard che spesso si affida all’estro del proprio sesto uomo: Luke Kennard.

Il tiratore è stato capace di vincere una partita con 7 punti consecutivi nell’ultimo minuto di gara contro Washington ed è sempre in grado di accendersi all’improvviso in modalità scintilla.

Possibili svantaggi:

Le pesanti assenze per i Clippers non stanno condizionando le loro prestazioni difensive. Grazie alla loro fisicità e a giocatori dalle lunghe leve è sempre complesso metterli in difficoltà e gli Hornets dovranno essere bravi a sfruttare i pochi mismatch che emergeranno nel corso della gara.

Possibili vantaggi:

Le assenze pesano, soprattutto per quanto riguarda la metà campo offensiva con la necessità di affidarsi spesso al giocatore in serata per poter trovare il canestro con continuità.

La difesa degli Hornets è in costante crescita (anche grazie alle migliorate prestazioni di Plumlee) e in questo fondamentale si dovrà trovare il margine per poter superare gli avversari.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.