Matchup key 68: Charlotte Hornets @ New Orleans Pelicans

A cura di Filippo Barresi.

Mason Plumlee Vs Jonas Valanciunas

Con le assenze di Ingram e McCollum, gran parte del flusso offensivo dei Pelicans sarà canalizzato nelle mani di Valanciunas, centro dei Pelicans che sta disputando una grande stagione.

La sua presenza sotto canestro fornirà a New Orleans una via di fuga facile nel trovare punti non impossibili in una situazione alquanto complicata dalle molte assenze.

Di fronte a lui ci sarà Mason Plumlee, in un periodo di leggera flessione dopo l’arrivo di Harrell, con il primo che dovrà dimostrare di poter contenere al meglio il lituano, soprattutto dal punto di vista fisico.

Possibili svantaggi:

Al fianco del lungo lituano i Pelicans stanno utilizzando con grande frequenza anche Hayes, altro centro di ruolo.

Giocare con due interpreti di questo tipo garantirà ai padroni di casa una grande possibilità di acciuffare rimbalzi offensivi e di trovare conclusioni a basso coefficiente di difficoltà. L’utilizzo di P.J. Washington da numero 4 come fatto nelle ultime partite potrebbe aiutare nella gestione di questa situazione.

Possibili vantaggi:

I Pelicans hanno fatto molta fatica a trovare con continuità il canestro in questa stagione e anche nella notte potrebbero avere gli stessi problemi, soprattutto considerando le assenze di Ingram e McCollum che sembravano aver trovato la giusta via nell’ultimo periodo.

Una prestazione difensiva di livello degli Hornets (simile a quella vista a Cleveland per intenderci) potrebbe far crescere esponenzialmente le chance di successo per gli ospiti che necessitano di tornare alla vittoria per continuare ad alimentare speranze nella corsa verso i playoff.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.