Matchup key 69: Charlotte Hornets @ Oklahoma City Thunder

A cura di Filippo Barresi.

Cody Martin Vs Shai Gilgeous-Alexander

Nella notte gli Hornets saranno ospiti dei Thunder, squadra che sta disputando una stagione caratterizzata dallo sviluppo di giovani interessanti.

A guidare la compagine ci sarà l’ormai esperto Gilgeous-Alexander che, quando disponibile, è sempre stato il fulcro offensivo della squadra.

Dalle sue mani passa la quasi totalità dell’attacco di OKC e per questo motivo dovrà essere l’osservato speciale.

Per la sua pericolosità, Borrego potrebbe optare per concedere molti più minuti a Cody Martin, in modo da ostacolare con efficacia il flusso delle sue iniziative.

Dal ritorno dall’infortunio, Martin ha avuto un periodo di flessione ma ora sembra essere tornato all’intensità di inizio stagione.

Possibili svantaggi:

I Thunder, nonostante le molte difficoltà, sono una delle migliori squadre a rimbalzo dell’intera lega.

Grazie a giocatori molto fisici e dotati di lunghe leve, OKC riesce spesso a controllare la lotta sotto i tabelloni in entrambe le metà campo.

Questo punto nevralgico è spesso uno degli aghi della bilancia per i successi degli Hornets e, a maggior ragione, lo sarà anche questa notte.

Possibili vantaggi:

Gli Hornets affronteranno questa gara arrivando da due giorni di riposo mentre i Thunder saranno in back to back dopo la partita giocata la scorsa notte.

Sul finire della stagione la tenuta fisica e mentale acquista sempre più importanza in considerazione dell’aumento dello sforzo che la maggior parte dei team della lega mette in campo per raggiungere i propri obiettivi.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.