Matchup key 73: Charlotte Hornets Vs New York Knicks

Miles Bridges Vs RJ Barrett

Vista la probabile assenza di Julius Randle tra le fila degli ospiti, l’osservato speciale della notte sarà RJ Barrett.

Il canadese è sempre più l’asse portante dei newyorchesi nonostante la pessima stagione della squadra al secondo anno di gestione Thibodeau.

Sarà nuovamente richiesto a Miles Bridges di affrontare sui due lati del campo il miglior giocatore avversario.

La stella degli Hornets ci ha dimostrato più volte di poter reggere questo tipo di compiti con efficienza ed è spesso stata la chiave di volta per molti successi dei ragazzi di Borrego.

Possibili svantaggi:

Il gioco dei Knicks si basa su una spiccata attitudine difensiva grazie alla grande intensità richiesta dal proprio capo allenatore.

Anche in questa stagione New York sta mantenendo la solidità che l’ha caratterizzata l’anno scorso e gli schemi sembrano ormai ben oleati e condivisi da tutti gli interpreti.

La fisicità e la stazza dei componenti del roster avversario potrebbero mettere in difficoltà il pacchetto leggero degli Hornets.

Possibili vantaggi:

L’unico neo del sistema orchestrato da Thibodeau riguarda la copertura del perimetro.

I corpaccioni impiegati nella difesa del pitturato lasciano ampia libertà ai tiratori sul perimetro e questo potrebbe agevolare molto le nostre guardie.

Il tiro da tre punti sembra entrare con efficienza nell’ultimo periodo con Rozier, Ball e il neo acquisto Isaiah Thomas che hanno ottenuto buoni risultati grazie a questo modus operandi.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.