Matchup Key 75 (2): Charlotte Hornets Vs Brooklyn Nets

A cura di Filippo Barresi

Secondo matchup key della giornata, questa volta a cura di Filippo Barresi, per l’occasione.

P.J. Washington Vs Kevin Durant

Per giocare contro una squadra costruita come quella dei Nets è sempre importante partire dalla necessità di contrastare le stelle che compongono il loro roster.

Su tutti, l’uomo che sembra essere più decisivo è Kevin Durant che con le sue incredibili doti offensive riesce sempre a incidere sulla partita.

Sarà quindi nuovamente richiesto a P.J. Washington di giocare una gara prettamente difensiva per contenere le avanzate dello scorer avversario.

Ormai stabilmente nel quintetto iniziale, l’ala grande è sempre più centrale negli schemi difensivi degli Hornets e le sue capacità stanno emergendo con decisione.

Possibili svantaggi:

Le capacità offensive messe in mostra dai Nets in queste ultime stagioni sono innegabili. Ciò che contraddistingue la loro efficienza è la capacità di trovare con continuità canestri facilmente realizzabili nei pressi dell’area senza fare troppo affidamento al tiro dalla lunga distanza.

La possibilità di Irving e Durant su tutti nello scardinare qualsiasi schema difensivo sono infinite e metteranno a dura prova il sistema degli Hornets.

Possibili vantaggi:

Gli Horntes arrivano a questa gara con un giorno di riposo in più dei Nets.

I nostri avversari saranno in back to back dopo la trasferta di ieri notte a Miami.

Nel rush finale le energie sono sempre più importanti, rimanere in partita per 48 minuti potrà garantire agli Hornets un vantaggio negli istanti finali di gara.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.