Matchup Key 76: Charlotte Hornets Vs Denver Nuggets

A cura di Filippo Barresi.

Mason Plumlee vs Nikola Jokic

A Charlotte nella notte arriva l’MVP della scorsa stagione che sta continuando a giocare una pallacanestro di livello magistrale.

Jokic è una stella atipica, la quale bilancia in modo perfetto il gioco per la squadra e per se stesso.

Fermarlo non sarà affatto facile, soprattutto considerando lo scheletro del roster degli Hornets.

Plumlee sarà il marcatore principale e per questo motivo una sua solida prestazione potrebbe agevolare il compito di Charlotte.

Nel precedente scontro, Plumlee fece molta fatica nel contenere il serbo senza fare fallo e per questo il suo impatto fu quasi nullo: in questa uscita potremmo aspettarci un uso più pesante di Harrell e di P.J. Washington nei pressi del canestro.

Possibili svantaggi:

La vittoria ottenuta nella notte in casa dei Nets ha consumato molte energie degli Hornets che potrebbero pagare questo aspetto nell’arco dei 48 minuti.

Denver è una delle migliori squadre per net rating nella prima frazione di gioco e per questo cercherà di colpire subito i padroni di casa per poi sfruttare il vantaggio energetico nel secondo tempo.

Possibili vantaggi:

Nonostante le già citate qualità di Jokic nell’orchestrare un sistema offensivo di tutto rispetto, i Nuggets sono una squadra che ha poca cura della palla e spesso lascia la possibilità agli avversari di conquistarne il possesso correndo in transizione.

In questo fondamentale, gli Hornets sono tra i migliori della lega e per questo motivo dovranno fare leva su questo aspetto.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.