Matchup key 78: Charlotte Hornets @ Philadelphia 76ers

A cura di Filippo Barresi.

LaMelo Ball Vs James Harden

Gli Hornets si troveranno a competere con un volto nuovo in maglia 76ers.

Alla trade deadline l’arrivo del “Barba” ha dato a Philly la propulsione che in molti stavano aspettando per svoltare una situazione parecchio bloccata.

Un giocatore di questa caratura fa sentire il proprio peso sull’economia della squadra al di là del livello della stessa.

Davanti a lui ci sarà un LaMelo Ball in forma sbagliante e reduce da un mese di marzo con numeri da capogiro.

La sfida tra i due organizzatori di gioco sarà affascinante: chi riuscirà a mantenere saldo il controllo avvantaggerà la propria squadra indirizzandola verso la vittoria.

Possibili svantaggi:

Nelle sfide annuali passate abbiamo visto Philadelphia tentare di soffocare il ritmo di gioco degli Hornets per bloccare tutte le avanzate dei ragazzi di Borrego che tentano sempre di far valere il loro gioco scoppiettante.

Le squadre che gestiscono le transizioni offensive e difensive mettono sempre in difficoltà gli Hornets che dovranno essere bravi ad adattarsi bene a questo scenario risvoltando le difficoltà in possibili occasioni.

Possibili vantaggi:

La partita si deciderà verosimilmente a seconda del contributo della panchina.

I 76ers stanno avendo delle difficoltà nel trovare interpreti in grado di contribuire con costanza dalla bench, mentre dall’altra parte gli Hornets sembrano aver trovato un nuovo spirito con le aggiunte di Harrell e Thomas.

Questa notte più che mai sarà importante l’apporto di tutti gli interpreti, panchina compresa.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.