Matchup key 80: Charlotte Hornets Vs Orlando Magic

A cura di Filippo Barresi

Terry Rozier Vs Jalen Suggs

Lo scontro della serata vedrà contrapposte le due guardie titolari.

Sul versante Hornets abbiamo un Terry Rozier non molto in forma nelle ultime uscite e protagonista in negativo dal punto di vista difensivo nell’uscita contro gli Heat.

Tra le fila dei Magic troviamo Jalen Suggs, ormai al termine di una prima stagione da rookie al di sotto delle aspettative.

La matricola cercherà di mettersi in mostra grazie alle proprie abilità difensive e renderà dura la vita a Rozier, già parecchio fuori ritmo.

Chi avrà la meglio in questo duello avvantaggerà la propria formazione nell’ottenere la vittoria finale.

Possibili svantaggi:

Nonostante la pessima stagione in corso, i Magic hanno sempre dimostrato una buona energia e forte fisicità dal punto di vista difensivo.

Questi due fattori permisero a Orlando di ottenere la vittoria nell’ultimo scontro diretto – giocato proprio a Charlotte – con gli Hornets e queste caratteristiche potrebbero ricalcare nuovamente, essere elementi di difficoltà nella gara di questa notte.

Charlotte dovrà cercare di trovare ritmo con una buona circolazione palla per evitare di essere schiacciata dalla pressione avversaria.

Possibili vantaggi:

Dal punto di vista offensivo i Magic hanno delle enormi difficoltà e faticano a trovare il canestro con continuità.

Questo punto può essere un sollievo per gli Hornets che nelle ultime due uscite hanno concesso 144 punti a Philadelphia e a Miami non riuscendo ad avere la giusta consistenza nel fermare le offensive avversarie.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.