Matchup Key Vs Cavaliers

Matchup Key Game 54

A cura di Filippo Barresi.

Devonte’ Graham Vs Collin Sexton

La sfida di questa notte passa tra le mani dei due playmaker titolari.

Devonte’ viene da un ottimo momento di forma coinciso con l’infortunio di LaMelo Ball e una maggiore responsabilità ritrovata con la titolarità continua, il suo impatto sta crescendo anche in difesa dove, seppur molto limitato dal suo fisico, sta mostrando ottimi miglioramenti.

Davanti a lui ci dovrebbe essere (al momento la sua presenza è in dubbio) il giocatore più talentuoso dei Cavaliers che dopo un periodo di difficoltà sta ritrovando il ritmo di inizio stagione, Collin Sexton.

Possibili svantaggi:

Molto probabilmente nella partita di questa notte i Cavs recupereranno molti dei loro infortunati dell’ultimo periodo: Larry Nance e Jarrett Allen su tutti.

Con queste aggiunte Cleveland sarà nel pieno delle sue energie e questo potrà fare la differenza viste le recenti fatiche degli Hornets.

I Cavs attualmente si trovano a tre partite dalla decima posizione (play-in) detenuta dai Bulls.

Possibili vantaggi:

Offensivamente i Cavs sono una squadra ancora poco consistente che fa un pesante affidamento sulla vena realizzativa delle due guardie titolari.

Contrastare puntualmente Garland (altro uomo in dubbio per stanotte) e Sexton potrebbe bloccare le avanzate offensive avversarie garantendo un buon margine di sicurezza per arrivare alla vittoria.

____________________________________________________________________________

Head to Head

Il bilancio storico tra entità.

____________________________________________________________________________

“Enemy” Vintage

Superbasket, Luglio 1989, Ron Harper paragonato prematuramente a colui con il quale giocherà poi insieme a Chicago a metà anni novanta.
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.