Matchup Key Vs Grizzlies

Matchup Key

(A cura di Filippo Barresi)

LaMelo Ball vs Ja Morant

Game 26 – Il faro di questi giovani Hornets avrà di fronte un altro astro nascente della pallacanestro NBA.

Dopo un inizio condizionato da un infortunio, Ja Morant sta ricominciando a macinare insieme ai suoi Grizzlies.

I due talenti hanno uno stile di gioco molto simile fatto di atletismo e passaggi spettacolari.

La sfida sarà determinante per le sorti di questa gara, chi sarà in grado di contenere meglio l’avversario avrà un vantaggio importante.

Possibili svantaggi:

In estate Memphis ha aggiunto al suo roster ottimi difensori che in questo inizio di stagione stanno dimostrando di poter aiutare la squadra a essere molto reattiva e solida nella metà campo difensiva.

Nel primo incontro tra queste due squadre la difesa di MEM è stata un fattore determinante per portare l’ago della bilancia a favore dei Grizzlies.

Coach Borrego dovrà trovare gli aggiustamenti necessari per scardinare il fortino della squadra del Tennessee.

Possibili vantaggi:

Memphis non utilizza molto il tiro da tre per via della mancanza di tiratori affidabili e per colpa delle molte assenze.

Charlotte, d’altro canto, ha sofferto molto le squadre che utilizzano in modo pesante il tiro da fuori perché tende a proteggere l’area intasandola di uomini.

Questa strategia potrebbe pagare dividendi in una sfida di questo tipo.

I testa a testa tra le entità e le città.

Vintage

I Grizzlies nascono a Vancouver ed esordiscono nella NBA nella stagione 1995/96.

La Fleer dedica 10 card alla squadra d’esordio.

Dal mio raccoglitore ecco i protagonisti (Ashraf Amaya, Greg Anthony, Benoit Benjamin, Blue Edwards, Kenny Gattison (per anni agli Hornets), Antonio Harvey, Chris King, Lawrence Moten, Bryant Reeves e Byron Scott).

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.