Matchup Key Vs Jazz

Matchup Key

(A cura di Filippo Barresi)

LaMelo Ball Vs Donovan Mitchell

Coach Borrego ha dichiarato di poter lasciare LaMelo nel quintetto iniziale pur con il completo recupero di Terry Rozier, vedremo se opterà realmente per questa mossa.

Se così dovesse essere, davanti a lui ci sarà un Mitchell che sta ritrovando la forma dello scorso anno e che sta impattando sulla striscia positiva dei Jazz.

Quando LaMelo gioca tanti minuti la squadra gira meglio, è innegabile, vedremo se succederà anche contro questa corazzata.

Possibili svantaggi:

I Jazz sono una squadra che riesce a trovare con molta facilità i propri tiratori dall’arco e come sappiamo, gli Hornets in questo inizio di stagione hanno faticato molto a chiudere sul perimetro per via dello sforzo collettivo richiesto a difesa del pitturato.

Contando anche sulla forza dei Jazz sotto le plance, questa combinazione di fattori potrebbe essere devastante per la prossima partita, sarà richiesto uno sforzo difensivo enorme per non soccombere alla pioggia di triple.

Possibili vantaggi:

Nella rotazione dei Jazz ci sono alcune lacune a livello difensivo sugli esterni.

Charlotte fa proprio uno stile di estrema condivisione della palla che porta molti giocatori a partecipare al flusso offensivo, impegnare in questa maniera gli esterni di turno dei Jazz potrebbe aprire buoni scenari per l’attacco dei ragazzi di Borrego.

Head to Head

Le statistiche di tutti i tempi contro i Jazz. A cura di Igor F..

Enemy Focus Vintage

Da un Superbasket vintage (annata 1980/81), “Palla di Gomma” Griffith, ex giocatore dei Jazz.
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *