Matchup key Vs Lakers

Matchup key Game 53

P.J. Washington Vs Andre Drummond

La buona notizia di giornata è che P.J. Washington molto probabilmente sarà della partita nonostante la brutta storta procuratasi nel terzo quarto della gara contro gli Hawks.

Gli infortuni hanno contribuito a rallentare P.J. nel corso di tutta la stagione.

Nell’uscita di domani il suo apporto sarà la chiave per vincere la partita.

Davanti a lui ci sarà Andre Drummond, il quale negli ultimi anni è stato più volte accostato agli Hornets ma che ora è a Los Angeles per ridare linfa alla sua carriera.

Nelle ultime partite sta entrando negli schemi dei Lakers con più convinzione e sarà molto motivato per questo incontro.

Possibili svantaggi:

Nonostante le assenze di James e Davis, i Lakers sono una squadra molto profonda e ben organizzata.

In questo momento difficile della loro stagione, molti giocatori partiti in sordina stanno prendendo fiducia, soprattutto i loro esterni.

Il reparto martoriato degli Hornets si troverà di fronte una buona batteria di giocatori esperti e con voglia di incidere.

Possibili vantaggi:

I Lakers saranno in back to back dopo l’incontro con i Knicks, la stanchezza sommata alla loro situazione di infortuni potrebbe comunque anche giocare a favore degli Hornets.

____________________________________________________________________________

“Enemy” Vintage

Tra la North Carolina e Los Angeles…

Superbasket presenta James Worthy, lo spettacolo silente della North Carolina per la LAL anni ’80 quando ancora i Calabroni non erano programmati.
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.