Matchup Key Vs Nuggets

Matchup Key

(A cura di Filippo Barresi)

Game 39

Cody Zeller Vs Nikola Jokic

Gli Hornets bussano alla porta di uno dei principali pretendenti alla corsa al titolo di MVP.

Il centro serbo sta disputando una stagione fuori dal comune in cui riesce a dominare qualsiasi tipo di opposizione gli si presenti davanti.

Non sarà facile il compito per Cody Zeller e la nostra batteria di lunghi, contenere la versatilità offensiva dei Nuggets sarà il cardine della partita.

Possibili svantaggi:

Il sistema costruito da coach Malone può contare su molteplici giocatori in grado di incidere se serviti dal fulcro principale, ovvero Nikola Jokic.

Un sistema di tagli e movimenti complesso metterà sotto grande pressione lo schema difensivo di Borrego, al quale sarà richiesto qualche accorgimento per adattarsi all’avversario.

Possibili vantaggi:

Per poter avere qualche chance di impensierire la corazzata del Colorado, gli Hornets dovranno mantenere la mano calda mostrata nelle ultime tre gare casalinghe.

I Nuggets patiscono a livello difensivo negli specifici singoli, per questo motivo le sfuriate di Charlotte dovranno essere costanti e mirate nei confronti dei punti deboli di Denver.

Head to Head

“Enemy” vintage

Doug Moe, l’allenatore dei Nuggets “senza schemi”. Due passaggi sono troppi o/usava dire. ^_^
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.