Matchup key Vs Pistons

Matchup key game 63 (A cura di Igor F.)

Cody Martin Vs Saddiq Bey

In una partita che avrà molti giocatori out e diversi in dubbio, gli Hornets cercheranno di migliorare il loro record battendo i Pistons.

A 10 partite dalla fine, Charlotte (30-32) si trova all’ottavo posto nella Eastern Conference.

Aprile è stato un mese difficile, sia per il calendario che per gli infortuni a raffica che hanno privato i Calabroni di buona parte del potenziale a disposizione, così, quelle 6 vittorie nelle ultime 16 partite rischiano di essere fondamentali per giocare i PO.

“Siamo stati in una posizione migliore per tutta la stagione. Questo è dove siamo. Adoro dove siamo. Ci siamo messi in condizione di fare i playoff”. ha detto mercoledì l’allenatore degli Hornets James Borrego nella sua conferenza stampa post partita.

Possibili svantaggi:

Nonostante i Pistons abbiano molti infortunati e facciano fatica a trovare la via della retina, l’indigeno Saddiq Bey, nato a Charlotte nell’aprile del 1999 si candida a essere una delle principali minacce a disposizione di Detroit.

Occhio anche al centro Stewart (20 pt. e 10 rimbalzi contro Dallas) che sta recentemente emergendo sfruttando il tempo concessogli dal coach Dwane Casey e potrebbe mettere in difficoltà il nostro non irreprensibile pacchetto lunghi.

Charlotte non dovrà dare per scontata la vittoria rispettando l’avversario ma non temendolo.

Possibili vantaggi:

Nonostante LaMelo Ball e Malik Monk scalpitino per rientrare nel week-end, Cody Martin dovrebbe trovare ancora una partenza nello starting fine e avrà occasione di mettere in mostra le proprie qualità difensive tenendo testa a Bey.

Borrego ha bisogno di difesa poiché con la perdita di marcatori e la stanchezza di Rozier molte volte, di recente, la squadra non è riuscita a segnare nemmeno 100 punti.

Se Hamidou Diallo è in dubbio, sicuramente un grosso vantaggio sarà costituito dalle assenze di una buona fetta di giocatori Pistons:

Jerami Grant, Cory Joseph e Wayne Ellington, Jahil Okafor, Dennis Smith Jr., Rodney McGruder e Mason Plumlee saranno tutti out.

Per non stancarsi eccessivamente, sarà buona cosa far girar palla e usare le rotazioni dalla panchina puntando offensivamente anche su un Terry Rozier che non dovrebbe trovare una difesa così agguerrita.

____________________________________________________________________________

“Enemy” vintage

Guido Bagatta ripercorre in un articolo del novembre 1980 (edito da Superbasket) il percorso dei Pistons sino a quel momento compresa l’allora non invidiabile situazione.
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.