Matchup key Vs Pistons

Oggi, per contingenze, abbiamo realizzato un doppio match-up key per la partita contro i Detroit Pistons di coach Casey.

A cura di Filippo Barresi.

Killian Hayes Vs Lamelo Ball


Gli Hornets arrivano a questa partita molto rimaneggiati con alcune assenza dell’ultimo minuto, sarà quindi chiesto al giovanissimo LaMelo Ball di caricarsi qualsiasi responsabilità offensiva della squadra per portarla alla vittoria.

Davanti a lui ci sarà un’altra matricola che a inizio stagione ha fatto molta fatica al salto in NBA, ma che ora sta trovando un buon ritmo soprattutto a livello difensivo.

Possibili svantaggi:
In quest’ultima parte di stagione i Pistons stanno schierando lineup molto giovani e giocano tutte le partite a mente libera senza nulla da perdere.

Gli Hornets avranno davanti un gruppo affamato e motivato che opporrà una buona resistenza.

Possibili vantaggi:
Molto probabilmente la sfida sarà decisa a livello difensivo per gli Hornets che si troveranno di fronte un avversario che ha faticato per tutta la stagione a trovare con continuità il canestro. Una prestazione difensiva solida potrebbe aiutare Charlotte a raggiungere la vittoria.

Matchup key game 65 (A cura di Igor F.)

Terry Rozier Vs Saddiq Bey

Repeat del match andato in scena il saturday night a Charlotte con l’affermazione degli Hornets sui Pistons.

Hornets vittoriosi da una dozzina di partite sui rivali del Michigan che tuttavia in serata avranno più difficoltà a sfangare la vittoria sul campo avverso.

Possibili svantaggi:

In una partita dove le assenze per ambo le squadre saranno pesantissime la voglia di rompere la striscia negativa che perdura da 12 partite potrebbe essere un elemento chiave per i Pistons che tuttavia, come sabato, saranno privi di J. Grant e altri numerosi giocatori.

Spazio quindi alla linea verde con l’uomo di Charlotte, Saddiq Bey a capeggiare i fantasmi che si pareranno di fronte agli Hornets.

Gli Hornets si trovano all’improvviso in una nuova emergenza: oltre a Hayward e a Cody Martin (distorsione alla caviglia subita nell’ultima partita), Miles Bridges sarà out per il protocollo Covid-19 e ci si aspetta così che debba perdere molte, se non totalmente, le partite restanti di regular season.

Graham non ci sarà e… colpo di grazia, P.J. Washington starà fuori tonight per motivi personali.

Possibili vantaggi:

Le importantissime defezioni saranno pesanti ma nonostante tutto se i Calabroni manterranno una durezza nel cercare il risultato per approdare ai PO, la qualità degli esterni: Ball, Monk e soprattutto Rozier dovrebbe bastare per strappare una vittoria fondamentale anche se sicuramente molto più ardua del previsto.

Sotto le plance dovremmo soffrire meno del solito essendo i Pistoni meno attrezzati di altri team ma sarà importante il contributo di Biyombo e anche quello di Zeller sempre che Borrego non opti per sprazzi di Carey Jr. che non vedrei male in serata.

Limitare Stewart si può come abbiamo già visto poiché il ragazzo è in work in progress.

Rozier sarà schierato sempre in SG o Monk entrerà in quintetto e lo spostamento di Terry in SF (più probabile che Borrego opti per McDaniels come SF titolare) – per avere un frontale con Bey per dare più difesa e vista la propensione per la small ball – sarà un’improbabile mossa di Borrego per dare più qualità allo starting five privo delle migliori ali?

____________________________________________________________________________

“Enemy” vintage

Luglio 1989 da Superbasket dedica ai super Pistons, quelli dei “bad boys” più pagine. Qui quella su Joe Dumars, principale scorer del 4-0 in finale sui Lakers che darà il primo anello a Detroit.
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.