Rumors: Marvel Williams

Rumors

Marvin Williams con le valige in mano controlla la sua futura destinazione?

Il noto Shams Charania, per The Athletic, riferisce che diverse squadre NBA starebbero sondando il terreno per poter avere la nostra ala grande di riserva Marvin Williams.

Il marvel moment potrebbe portare a un travel (ecco perché la fusione nel titolo con l’assonanza del nome della nostra ala) per Marvin Williams sul quale pare che diversi team (quali non è dato ancora a sapere) avrebbero messo gli occhi..

Il veterano la cui carriera partì da Atlanta nel lontano 2005 sta spesso rendendo bene per Charlotte uscendo dalla panchina.

Vero è che le cifre dell’anno sono modeste anche in considerazione del non eccessivo minutaggio avuto rispetto al passato (20,3 contro i 28,4 della scorsa stagione).

Il trentatreenne al momento è out per un colpo ricevuto al ginocchio nella partita contro Brooklyn ma l’anno di scadenza del contratto l’ha particolarmente rivitalizzato tanto che in alcune partite è stato elettrico e in genere principalmente fornisce una discreta difesa e tiro da tre punti.

Si è presentato così alla partita non giocata contro Atlanta. Foto tratat dalla pagina FB degli Charlotte Hornets.

Giocatore concreto, senza appendici social, è dei tre veterani in scadenza quello con più appeal anche se di prezzo intermedio ($15 milioni) dopo Biyombo ($17 milioni), prima di MKG ($13 milioni).


Williams è comparso nello starting five degli Hornets negli ultimi cinque anni 347 volte su 388 ma questa stagione è finito in panchina per lasciar spazio a P.J. Washington, rookie dalle belle speranze.

In 24 partite sta girando a 7,6 punti, 2,8 rimbalzi, 1,0 assist a partita e 0,7 rubate.

Guardando le statistiche al tiro però scopriamo che sbaglia meno, tira con il 90,0% i liberi (27/30), il 49,6% dal campo con il 40,0% da tre punti (30/75) e come eFG% gira sul 61,4%…

23 assist, 10 stoppate e solo 16 TO, esattamente come le rubate…

Un buon aiuto per realizzare canestri in una squadra che ha problemi ad avere elementi efficienti e costanti con punti nelle mani che possano risolvere questa problematica.

Vediamo qui sotto il game log preso da Basketball-Reference:

Per Charlotte cederlo sarebbe ovviamente una mossa da fare nell’eventualità di recuperare in cambio un buon giocatore o una scelta futura, magari entrambe ma dato che nessuna squadra allo stato attuale sarebbe in grado di assorbire il suo stipendio anche con i classici escamotage da eccezione, gli Hornets potrebbero anche accettare, nel caso di pick, un giocatore meno oneroso che scada la prossima estate.

Cosa potrebbero offrire le altre squadre?

Privarsi di Williams sarebbe corretto, ora?

In estate Charlotte probabilmente lo lascerebbe andare ma sul chi, sul perché e su che cosa possano offrire altri team è ancora insondabile mistero.

Charlotte dopo aver perso tre delle ultime quattro abbordabili partite casalinghe non ha tantissimo da dire in stagione e se questo principio di interesse dovesse esser fomentato anche da Charlotte sulla base dei propri interessi personali, potremmo non vedere più Marvin in teal & purple prima della fine della Regular Season ma ovviamente potrebbe anche non esserci nulla di sostanziale dietro o finir in un nulla di fatto…

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.