Two-way for 3 point

Gli Charlotte Hornets dopo aver acquisito al Draft le proprie tre scelte, hanno subito occupato uno dei due posti messi a disposizione dalla NBA in modalità two-way firmando l’agente libero Robert Franks, tiratore scelto di Washington State che può giocare come ala grande o ala piccola.

Foto di Franks tratta dalla pagina ufficiale di wsucougars.



Andato undrafted dalle sessanta scelte possibili, ciò che chiamano “terzo round” ha garantito allo sharpshooter Franks di poter fare da spola tra Charlotte e Greensboro.

Come senior la scorsa stagione con i Coguari, Franks ha segnato 21,6 punti e catturato 7,2 rimbalzi di media a partita con un 40,0% dalla linea dei tre punti e questo aspetto potrebbe interessare molto a Charlotte per le modalità con le quali Borrego orienta la squadra.

Nato il 18/12/1996 da Robert Christopher Franks, Jr., e Shannon Palmer ha due sorelle: Razzhance (più anziana) e Razinique (più giovane), oltre al basket ama i videogames

CAREER HIGHS
Minutes: 42 vs. Oregon, 3/7/18
Points: 37 vs. Oregon State, 3/9/19
Field Goals Made: 12 (three times) vs. Cal Poly, 11/19/18
Field Goal Attempts: 22 vs. Cal Poly, 11/19/18
3-Pt Field Goals Made: 10 vs. California, 1/13/18
3-Pt Field Goal Attempts: 13 (twice) vs. Oregon State, 3/9/19
Free Throws Made: 9 vs. Oregon State, 3/9/19
Free Throws Attempted: vs. Oregon State, 3/9/19
Rebounds: 13 (twice) at Arizona State, 2/7/19
Assists: 8 vs. Idaho State, 11/18/17
Blocks: 4 (twice) at Arizona State, 2/7/19
Steals: 4 at Arizona State, 2/7/19

Avrà un massimo di 45 giorni con gli Hornets durante la stagione 2019-20 per poi trascorrere il resto del tempo nella G-League con i Greensboro Swarm ma lui pare essere molto contento…

Sicuramente da rookie in NBA dovrà imparare ancora molto ma avere uno specialista da provare in certe partite potrebbe essere comodo.

Il problema è che Borrego rispetto a Clifford ha lanciato molto di più i giovani ma quelli all’interno del roster, mentre i two-way lo scorso anno (Chealey e Macura) non hanno quasi mai visto il campo e al momento non si sa che fine faranno anche se personalmente sospetto che non faranno più parte del progetto.
Franks ha fatto un allenamento pre-draft con gli Hornets all’inizio di giugno ed evidentemente ha ben impressionato.

Qui sotto potrete notare la mano calda di Franks, un giocatore che se in giornata potrebbe magari girare anche le sorti di qualche partita, a patto che cresca e gli si dia fiducia sotto forma di spazio.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.