Game 73: Charlotte Hornets Vs Golden State Warriors 97-115

Grant Williams, periodo di difficolta anche per lui.

CHARLOTTE, Carolina del Nord — Stephen Curry ha segnato 23 punti con quattro triple nella sua partita annuale “di ritorno a casa” e i Golden State Warriors hanno battuto gli Charlotte Hornets 115-97 ottenendo la loro terza vittoria consecutiva.

Stephen Curry, che è cresciuto a Charlotte e ha frequentato il vicino Davidson College prima di entrare nel draft NBA come scelta al primo turno nel 2009, ha segnato 12 punti nel fondamentale terzo quarto quando i Warriors sono scappati da una partita serrata. Curry ha sempre voluto tornare a giocare a Charlotte e rivedere la famiglia e i vecchi amici ma le quattro partite precedenti nella Queen City non avevano portato bene ai Guerrieri, usciti sconfitti le ultime 4 volte.

“In questa fase (della mia carriera) probabilmente posso contare sulle dita di una mano quante volte tornerò qui”, ha detto Curry.

“È stato bello vedere molti volti familiari tra il pubblico e ottenere davvero una vittoria. Andrew Wiggins ha avuto un ruolo importante in questo, regalando un’altra partita forte con 20 punti, 8 rimbalzi e 8 assist.

Trayce Jackson-Davis ha aggiunto 18 punti per i Warriors, che sono entrati in partita al 10° posto nella classifica della Western Conference lottando contro gli Houston Rockets per un posto nel torneo play-in.

L’allenatore dei Warriors Steve Kerr ha detto che questo riflette quanto sia duro l’Occidente in questa stagione.

“Abbiamo un record simile all’anno scorso quando siamo stati la sesta testa di serie”, ha detto Kerr.

Golden State ha limitato Charlotte al 41% al tiro e ha mantenuto il suo terzo avversario consecutivo a meno di 100 punti.

Miles Bridges ha segnato 22 punti e tirato giù 9 rimbalzi per guidare Charlotte, che non è riuscita nel suo tentativo di vincere partite consecutive per la prima volta dalla pausa dell’All-Star.

Il Curry effect ha sempre riempito lo Spectrum Center e venerdì sera non ha fatto eccezione.

Con suo fratello Seth e suo padre Dell a guardare, Curry ha concluso la partita 9 su 18 dal campo.

Seth gioca per Charlotte ora, ma è fuori da un po’ per un infortunio alla caviglia, mentre Dell è il commentatore tecnico del broadcast per gli Hornets.

Curry ha ammesso che c’è sempre stata una “curiosità” nel giocare per gli Hornets, dove suo padre era una star, ma ha detto che le sue intenzioni sono di rimanere nella Bay Area.

Il debuttante di Charlotte, Brandon Miller, ha lasciato brevemente la partita a 8 minuti e mezzo dalla fine dopo che la sua gamba si è impigliata con Draymond Green mentre cercava un rimbalzo.

Miller ha chiuso una serata da 12 punti soltanto dopo aver realizzato sette triple (record in carriera) e segnato 31 punti lunedì sera contro i Cavs.

Green, che era stato espulso nell’ultima partita dei Warriors contro Orlando, è stato ancora fischiato dagli arbitri per un fallo sui generis quando ha spinto a terra Grant Williams.

L’allenatore Steve Kerr ha contestato la chiamata ma la sanzione è stata confermata.

Decisivo per la partita il fattore canestri:  Warriors non hanno avuto molti problemi a segnare contro gli Hornets, approfittando ripetutamente dei blackout della difesa di Charlotte, trovando giocatori liberi sotto canestro in tre diverse occasioni.

Charlotte, aumentando ritmo e la protezione della vernice era arrivata all’intervallo in svantaggio soltanto di 5 punti, 50-45 ma una pesante serie di tagli backdoor e transizioni hanno contribuito ad alimentare i 39 punti realizzati dagli ospiti nel terzo quarto finendo sul -18, e, sostanzialmente, mettendo fine alle possibilità di recupero e vittoria per i Calabroni.

“Trayce (Jackson-Davis) ha fatto un ottimo lavoro oggi sul tabellone, ha dato loro una seconda opportunità e con i Warriors non puoi farlo con tutti i membri della loro squadra che sanno tirare”, ha detto Bridges.

“Stavano tirando, tagliando forte e ottenendo punti di seconda possibilità.”

I Warriors hanno giocato senza Klay Thompson, che è rimasto fuori con una tendinite al ginocchio destro.

Chris Paul ha iniziato al suo posto e ha messo a segno 11 punti, 9 rimbalzi e 7 assist.

 

 

 

 

Game 72: Charlotte Hornets Vs Cleveland Cavaliers 118-111

Brandon Miller, exploit da record per lui, trascina Charlotte nella rivincita.

CHARLOTTE, Carolina del Nord (da AP) – Il debuttante Brandon Miller ha realizzato sette triple – record in carriera – e ha chiuso con 31 punti, gli Charlotte Hornets così sono tornati a sorridere battendo i Cleveland Cavaliers 118-111, “vendicando” la precedente recente sconfitta da 23 punti.

Miles Bridges e Tre Mann hanno aggiunto 17 punti ciascuno e Grant Williams ne ha messi 16 dalla panchina per Charlotte (18-54), che ha tirato con il 58% dal campo rompendo una serie di cinque sconfitte consecutive.

Vasa Micic ha segnato 11 punti e smistato 12 assist mentre Nick Richards ha aggiunto 11 punti e 10 rimbalzi ma è stato Miller a dare la spinta – e il colpo da KO con una tripla a 25 secondi dalla fine.

“E’ stato grande”, ha detto l’allenatore degli Hornets Steve Clifford, rispetto alla scelta numero 2 del draft NBA, che ha chiuso con 11/19 dal campo e ha catturato 6 rimbalzi. “Ha fatto grandi giocate e si è messo in moto nel secondo tempo. Un’altra prestazione davvero buona” ha commentato ancora Clifford.

Lo stesso non si può dire dei Cavaliers (44-29), che hanno perso contro una delle squadre attualmente peggiori del campionato.

Jarrett Allen ha segnato 24 punti e Max Strus, tornato dopo aver saltato tre settimane per un infortunio al ginocchio, ne ha aggiunti 19 con cinque triple.

Sam Merrill ha segnato 17 punti per i Cavs in crisi, che hanno perso quattro delle ultime cinque partite.

“Si attraversano alti e bassi durante una stagione e sicuramente non stiamo giocando il nostro miglior basket in questo momento. Dobbiamo sistemare la cosa, chiaramente ma abbiamo anche dimostrato che possiamo giocare ad alto livello e abbiamo nove partite per riconquistarlo prima dei playoff” ha detto Merrill.

I Cavaliers hanno battuto gli Hornets 115-92 lunedì sera a Cleveland sullo slancio, dopo che a Marcus Morris Sr. è stata comminata un’espulsione dopo aver dato una gomitata alta che ha colpito Richards ma Morris non ha giocato questa partita.

L’allenatore dei Cavs J.B. Bickerstaff ha detto che la sua squadra non ha avuto il giusto approccio mentale, definendola una partita “frustrante”.

“Il nostro atteggiamento nei confronti della vittoria e della sconfitta non era quello che doveva essere. Ci siamo accordati nel primo quarto perché pensavamo che la partita sarebbe stata facile perché stavamo segnando… Ma loro sono giocatori NBA e se dai loro fiducia e dai loro opportunità, torneranno indietro e ti morderanno” ha detto Bickerstaff.

Gli Hornets, che stavano iniziando una serie di otto partite dopo aver giocato 13 delle ultime 17 in trasferta, hanno giocato ispirati fin dall’inizio.

Durante un tratto del quarto periodo, Charlotte ha avuto quattro possibilità di segnare dopo che due rimbalzi offensivi di Williams hanno mantenuto vivo il possesso palla. Questo alla fine ha portato Miller a caricare lungo la corsia per una schiacciata aperta con una mano sola.

Il tiro da 3 di Darius Garland dall’alto della chiave ha dato ai Cavaliers un vantaggio di 107-105 con 6:47 rimasti nel gioco e sembrava che i Cavs fossero sul punto di staccarsi ma gli Hornets sono rimasti vicini e hanno riguadagnato il comando a due minuti dalla fine quando Miller ha servito Bridges per una schiacciata alley-oop in transizione e poi ha colpito con un floater ad una mano. 

Cleveland non ha segnato negli ultimi 3:28 della partita.

Allen ha sbagliato due tiri liberi a 1:04 dalla fine e i Cavaliers hanno avuto due palle perse nell’ultimo minuto, inclusa una chiamata su Caris LeVert.

Miller ha pareggiato il record di rookie in franchising per triple in una partita.

“Non ne ero consapevole, ero solo felice di aver ottenuto la vittoria. Essendo in una serie di sconfitte, penso che una vittoria come questa possa iniziare qualcosa di grande e proveremo a costruire su questo” ha detto Miller.

Gli Hornets di Seth Curry (ancora out) ospiteranno i Warriors del fratello Steph venerdì sera.

Game 71: Charlotte Hornets @ Cleveland Cavaliers 92-115

Miller (al centro, ha chiuso con 24 punti), Richards e Bridges a Cleveland.

CLEVELAND — Evan Mobley ha segnato 17 punti, Jarrett Allen ne ha aggiunti altri 17 più 13 rimbalzi e i Cleveland Cavaliers si sono ripresi da una sconfitta imbarazzante a Miami 24 ore prima battendo gli Charlotte Hornets 115-92 nella notte.

Mobley ha anche ottenuto 8 assist e 7 rimbalzi, il massimo della sua carriera, in soli 25 minuti.

Era la sua seconda partita dal rientro dopo essere stato messo da parte per nove game a causa di una distorsione alla caviglia.

Domenica i Cavs sono stati superati di 37 punti dagli Heat, che a un certo punto sono stati anche in vantaggio di 45.

La sconfitta sembrava essere il fondo per una squadra stanca come Cleveland alle prese con infortuni e scivolata indietro nella classifica della Eastern Conference ma l’incontro contro degli Hornets anch’essi in difficoltà tra infortuni e zero ambizioni per la stagione, era proprio ciò di cui i Cavs avevano bisogno per fermare una serie di tre sconfitte consecutive.

Georges Niang ha realizzato cinque triple e ha segnato 17 punti per Cleveland, che aveva perso sei sulle ultime otto partite ed era arrivata a sole quattro partite dal non esaltante primo posto per il torneo play-in dopo essere stata tra le migliori squadre dell’Est per mesi.

Brandon Miller ha segnato 24 punti e Miles Bridges ne ha segnati 13 per Charlotte.

Gli Hornets, 17 vittorie, hanno perso 5 partite consecutive ora e 12 sulle last 14.

Mobley ha segnato 11 punti nel terzo quarto aiutando i Cavs a mantenere il vantaggio a doppia cifra costruito alla fine del secondo.

Charlotte era ancora entro i 12 punti all’inizio del quarto quando Sam Merrill ha realizzato tre triple consecutive per dare a Cleveland un po’ di respiro.

I Cavaliers restano senza la guardia All-Star Donovan Mitchell, che è stato dato out con il naso rotto e una contusione al ginocchio sinistro.

Mitchell ha giocato solo 5 delle 19 partite dalla ripresa e i Cavs hanno avuto la formazione titolare in campo solo per 44 minuti da metà febbraio a causa di infortuni.

La guardia di Cleveland Max Strus (ginocchio) ha saltato la sua 12esima partita consecutiva per un infortunio di entità sconosciuta e Dean Wade (ginocchio) ha saltato la sua quarta partita consecutiva.

Marcus Morris Sr. di Cleveland è stato espulso nel secondo quarto per aver dato una gomitata alla mascella a Nick Richards di Charlotte.

Morris stava giocando solo la sua seconda partita casalinga con i Cavs da quando ha firmato un contratto di 10 giorni il 18 marzo.

Proprio come accade da un po’ di tempo ormai, la mancanza di canestri e di regia offensiva, continua a rappresentare un grosso problema per Charlotte.

Gli Hornets hanno segnato meno di 100 punti nelle ultime cinque partite consecutive per la prima volta da una serie di otto partite consecutive dall’8 aprile al 1 novembre 2015 (ultime cinque partite del 2014-15, prime tre del 2015-16)…

A metà del secondo quarto, dopo il pari di Nick Richards (due tiri liberi realizzati derivanti dal fallo Flagrant-2 su Marcus Morris Sr.), i Cavaliers hanno strappato con un parziale di 24-10 per entrare in vantaggio all’intervallo, 51-37.

Charlotte è arrivata fino a 7 punti alcune volte alla fine del terzo periodo prima che Cleveland prendesse presto il controllo per il resto della partita.

“Il controllo della palla, la nostra difesa uno contro uno e poi i loro canestri taglienti”, ha detto il capo allenatore degli Hornets Steve Clifford, quando gli è stato chiesto cosa ha l’ha colpito della sconfitta.

“Abbiamo iniziato la partita in difficoltà. Negli ultimi diciotto minuti del primo tempo abbiamo fatto un buon lavoro. Nel secondo tempo abbiamo faticato. La difesa [di Cleveland] è fantastica. Questo è il loro biglietto da visita. Sono una buona squadra offensiva solida. Saranno una manciata in una serie di playoff a causa del modo in cui difendono” ha proseguito Clifford.

Brandon Miller ha guidato gli Hornets con 24 punti – 10 nel terzo quarto – e 8 rimbalzi, diventando il 17esimo rookie nella storia della NBA a raggiungere 150 field goal da 3 punti in una sola stagione.

Tre Mann ha totalizzato 12 punti e record della squadra sia nei rimbalzi (7) che negli assist (5), mentre Aleksej Pokuševski ha aggiunto 11 punti, cinque rimbalzi, tre assist e due palle recuperate dalla panchina, il massimo della stagione.

Charlotte è stata superata dai rimbalzi di 14 (47-33), ha segnato solo sette punti dopo i suoi 14 takeaway e ha permesso ai Cavaliers di tirare con il 53,5%.

Clifford ha aggiunto su Miller: “Sta davvero segnando in ogni modo. È così esplosivo, è diventato molto più forte. Lavora duro in sala pesi e anche questo lo ha aiutato.”

Miller ha detto: “Conto sempre sui miei compagni di squadra. Mi coprono sempre le spalle e, naturalmente, io li sostengo in qualsiasi cosa. I miei compagni di squadra aumentano la mia fiducia ogni giorno, sia in allenamento che in partita. Quindi, tanto di cappello a loro per aver mantenuto alta la mia fiducia.”

Cleveland, che ha totalizzato 41 assist su 46 tiri realizzati, ha mancato solo 2 tentativi da 3 punti su 16 per aprire la gara, quindi ha concluso 15 su 25 per una clip notturna complessiva del 41,5%…

Game 70: Charlotte Hornets @ Atlanta Hawks 91-132

ATLANTA, GA – MARCH 23: Tre Mann #23 of the Charlotte Hornets dribbles the ball during the game against the Atlanta Hawks on March 23, 2024 at State Farm Arena in Atlanta, Georgia. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2024 NBAE (Photo by Scott Cunningham/NBAE via Getty Images)

ATLANTA — Dejounte Murray ha realizzato il proprio record stagionale usando sette triple e segnando 28 punti, così gli Atlanta Hawks si sono sbarazzati degli Charlotte Hornets 132-91 sabato sera rafforzando la loro presa sul posto finale nel torneo play-in della Eastern Conference.
Bruno Fernando ha segnato 25 punti, il massimo della sua carriera, Garrison Mathews ne ha segnati 20, ciascuno dei due partendo da ruoli di riserva.
Atlanta ha aperto una serie di cinque partite con la sua prima vittoria casalinga su Charlotte dal 20 novembre 2021…
Gli Hornets erano 2-0 in stagione grazie a due vittorie casalinghe inn altrettante partite in questa stagione.
Murray ha fatto un 7/ 9 da 3 e ha stabilito un record stagionale con 12 assist mentre ha continuato a svolgere i compiti di playmaker principale nella 14esima partita consecutiva della squadra senza l’infortunato All-Star Trae Young, ancora in convalescenza da un infortunio al dito.
“Ci manca Trae, ma quando hai un playmaker come (Murray), l’attacco va avanti”, ha detto Mathews.
Gli Hawks hanno eguagliato il loro massimo stagionale con 20 triple, delle quali quattro provenienti da Mathews.
L’allenatore Quin Snyder ha detto che Murray ha stabilito il ritmo con le triple:
“Il modo in cui abbiamo giocato stasera, inizia con lui“..
Gli Hawks sono 5 partite e mezza davanti alla numero 11 (Brooklyn) per il 10° posto nell’Est.
Miles Bridges ha segnato 27 punti per gli Hornets, che hanno perso quattro partite consecutive e 11 sulle ultime 13 e sono stati eliminati ufficialmente dalla contesa dei playoff.
Charlotte è stata anche avanti prima di cedere progressivamente nel secondo quarto ma l’allenatore Steve Clifford ha detto di aver visto le difficoltà della sua squadra iniziare nel primo periodo.
“È successo davvero nel primo trimestre. Non appena abbiamo iniziato a sostituire, la nostra intensità è diminuita e non siamo più riusciti a recuperarla” ha detto Steve Clifford.
Brandon Miller ha segnato 13 punti mentre Nick Richards ne ha aggiunti 12 con 16 rimbalzi, il massimo della stagione.
Vasa Micic ha segnato 8 punti, terminando la sua serie di 10 partite consecutive in doppia cifra, non disputando una gara performante.
Young è il membro più importante della lunga lista di infortunati della squadra. L’attaccante Onyeka Okongwu (alluce sinistro) è stato bloccato dopo aver giocato le ultime due partite in trasferta su una serie di cinque partite.
Okongwu ha saltato 13 partite consecutive a causa di un infortunio al dito del piede prima del suo ritorno in trasferta.
Snyder non ha detto prima della partita se Okongwu avesse aggravato l’infortunio. Fernando ha contribuito a riempire il vuoto lasciato dall’infortunio di Okongwu. Fernando ha raggiunto il record della sua carriera con 19 punti con una potente jam con una mano sola per aprire il quarto finale.
Due minuti dopo ha stabilito il massimo della sua carriera con un jumper dalla corta. L’attaccante Jalen Johnson si è slogato la caviglia destra nella sconfitta di lunedì contro i Los Angeles Lakers.
Ha saltato 16 partite per una frattura al polso all’inizio della stagione e si prevede che salterà almeno una settimana a causa dell’infortunio alla caviglia.
L’ala degli Hornets JT Thor (spalla sinistra) non ha giocato aggiungendosi alla lista infortunati dove appaiono anche i soliti Ball, Williams ma anche Seth Curry.
Dopo l’ultimo pareggio sul 39 pari, gli Hawks hanno chiuso il primo tempo con un parziale di 27-9 portandosi in vantaggio per 66-48 all’intervallo.
La panchina di Atlanta ha superato le riserve di Charlotte 60-22…

Game 69: Charlotte Hornets @ Orlando Magic 92-112

Il “nuovo” Pokusevski (3 punti in 27:34) si alza al tiro sopra Banchero.

ORLANDO, Florida — Cole Anthony ha segnato 17 dei suoi 21 punti nel secondo quarto e gli Orlando Magic hanno sconfitto gli Charlotte Hornets 112-92 conquistando almeno un posto per i playoff della Eastern Conference.

Jalen Suggs è sopravvissuto a un paio di scontri fisici nel secondo periodo per finire la partita con 16 punti, 6 assist e 3 palle recuperate.

Paolo Banchero ha aggiunto 13 punti e 5 assist per i Magic, che erano avanti 67-32 all’intervallo in una partita nella quale è stata evitata la completa disfatta nel secondo tempo.

Orlando (41-28) è quinta ad Est e non può essere raggiunto dall’undicesimo team (Brooklyn) con 13 partite rimaste in stagione.

I Magic si sono assicurati solo la seconda stagione sopra la soglia delle sconfitte dal 2011-12.

Sono andati 42-40 nel 2018-19.

“Abbiamo deciso di giocare il nostro miglior basket a marzo e aprile, ed è quello che continueremo a fare”, ha detto l’allenatore di Magic Jamahl Mosley.

I Magic hanno vinto 12 delle ultime 15 partite ance se le ultime 10 vittorie sono arrivate contro squadre cor record perdenti.

I successivi quattro avversari, tutti in casa, hanno un buon record di vittorie.

“Penso che continueremo a concentrarci su una partita alla volta, a costruire le nostre abitudini nel modo giusto e ad attenerci ai nostri standard, sapendo che siamo lì ma non dobbiamo esserne soddisfatti”, ha detto Mosley.

Gli Hornets, che hanno perso 10 sulle ultime 12 uscite, sono stati guidati da due rookie: Brandon Miller con 21 punti e Vasilije Micic con 20.

“La loro difesa è stata davvero buona e non l’abbiamo gestita come avremmo dovuto”, ha detto l’allenatore di Charlotte Steve Clifford.

La tenacia difensiva di Suggs ha trasformato la partita in una disfatta nel secondo periodo.

“All-Defense della prima squadra. Ecco come sembrava. Penso che (Suggs) abbia avuto un paio di situazioni in cui ha semplicemente rubato la palla e pensi che sia un fallo a causa di quanto fosse aggressivo ma semplicemente ha vinto il duello con i ragazzi. È così dirompente ed è capace di farlo in modo coerente” ha detto Mosley.

Per la seconda volta consecutiva, agli Hornets è stato espulso un uomo.

L’attaccante degli Charlotte Davis Bertans è stato espulso dopo aver commesso un fallo Flagrant-2 a 4:40 dalla fine del primo tempo (una gomitata a Suggs nel tentativo di liberarsi dalla marcatura e arrivare davanti all’avversario per ricevere con spazio in post).

Con gli Hornets sotto 51-23, Bertans è stato ritenuto colpevole di un’azione che la terna ha definito “non necessaria ed eccessiva” dopo aver esaminato il video.

Meno di un minuto dopo, a Suggs e Grant Williams sono stati inflitti falli tecnici, dopo di che Orlando ha segnato 12 punti consecutivi portandosi in vantaggio per 67-26.

“Non ce l’ho con Grant o con gli altri ragazzi. È tutto basket, sai. Siamo tutti competitivi. Vogliamo tutti vincere. Non ci lasceranno semplicemente far saltare in aria, quindi non mi aspetto niente di meno, onestamente” ha detto Suggs.

I Magic hanno tirato con il 65% nel primo tempo e hanno superato gli Hornets per 40-9 nel secondo quarto prima che Micic chiudesse il tempo con un paio di triple.

“Sanno cosa fare in difesa e ovviamente non abbiamo avuto la risposta giusta. Questa è la chiave. Devi avere la stessa energia o anche di più per competere in trasferta” ha detto Micic.

 

Game 68: Charlotte Hornets @ Philadelphia 76ers 98-109

Brandon Miller al tiro.

PHILADELPHIA — Tyrese Maxey si è scrollato di dosso il naso sanguinante causato dal flagrante foul di Brandon Miller e ha segnato 30 punti, l’ex Kelly Oubre Jr. ha segnato 22 punti e i Phladelphia 76ers hanno resistito a una carica nell’ultimo quarto quarto battendo gli Charlotte Hornets 109-98.
“Sto bene”, ha detto Maxey dopo l’acccaduto nel secondo quarto.
“Dico a tutti che sono un soldato, quindi è quello che è ma prenderò lezioni di UFC, comunque.”
Buddy Hield ha segnato 14 punti e Paul Reed ne ha aggiunti 11 per i 76ers (37-30), che hanno lottato con un record di 8-13 dall’infortunio al menisco di Joel Embiid alla fine di gennaio e sono caduti al settimo posto nella Eastern Conference dopo sabato sera rischiando di dover prendere parte al torneo play-in.
“Pensavo che Buddy ci avesse fatto andare avanti per qualche tempo nel secondo tempo. Ha ottenuto dei buoni punti e ha avuto un bell’aspetto. Abbiamo segnato solo 109 punti ma ho pensato che l’attacco fosse davvero buono” ha detto l’allenatore dei 76ers Nick Nurse.
Tre Mann ha segnato 21 punti, Davis Bertans 16 e Miles Bridges ne ha aggiunti 14 mentre sei giocatori hanno segnato in doppia cifra per Charlotte (17-51), che ha perso sei partite consecutive contro Philadelphia e nove sulle ultime 12 complessive in generale in stagione regolare.
“Eravamo proprio lì con tre minuti e mezzo rimasti. Abbiamo avuto un paio di set saltati in cui siamo rimasti un po’ disorganizzati ma siamo tornati in partita e direi che abbiamo giocato bene per circa 43 minuti.
Nel secondo quarto abbiamo avuto un paio di minuti in cui la palla non ha toccato l’area e abbiamo effettuato un paio di tiri OK e messo molta pressione sulla difesa£ ha detto Steve Clifford.
Gli Hornets sono rimasti in svantaggio per gran parte della serata ma si sono portati in vantaggio per 89-88 dopo che due tiri liberi di Bridges hanno coronato un parziale di 18-9 a circa cinque minuti dalla fine.
Dopo quel punto, Maxey e Oubre hanno preso il controllo della fase offensiva, attraversando la difesa degli Hornets.
“Di solito si tratta di effettuare tiri e stop. Siamo riusciti a fare entrambe le cose consecutivamente negli ultimi tre minuti di gioco. Abbiamo fatto un paio di buoni tiri e siamo arrivati sulla linea dei liberi alla fine della partita. Poi siamo stati abbastanza bravi in fase difensiva da fare qualche stop da lì a fine partita” ha detto Nurse.
Senza Embiid, i Sixers hanno faticato a chiudere le partite con la maggior parte del peso che ricade su Maxey, la guardia che ha formato la sua prima squadra All-Star. “Devo essere aggressivo e trovare un modo per coinvolgere anche i miei compagni di squadra. Devo dire loro di prendere i tiri che hanno e di continuare ad essere aggressivi in tutti e quattro i quarti. Ci sono state alcune volte nel quarto periodo (senza Embiid) in cui non sono riuscito a chiudere la partita perché avevo impiegato molta energia nei primi tre quarti. Ora devo trovare il modo di essere il miglior giocatore possibile per tutti i 48 minuti” ha detto Maxey.
Charlotte ha giocato il secondo tempo senza Miller, la scelta numero 2 del draft, che è stato espulso a seguito di un Flagrant 2 nel secondo quarto per una gomitata che ha colpito la testa di Maxey.
Miller ha concluso con sei punti e tre falli in 15 minuti.
Maxey ha detto in seguito che “sapeva che Brandon Miller non lo aveva fatto apposta”.

Game 67: Charlotte Hornets Vs Phoenix Suns 96-107

Brandon Miller contro Gordon.

CHARLOTTE, Carolina del Nord — Devin Booker ha guidato l’attacco equilibrato di Phoenix con 21 punti e 11 assist aiutando i Suns  a battere anche gli Charlotte Hornets 107-96 ottenendo la loro quarta vittoria sulle ultime sei partite.

Grayson Allen e Bradley Beal hanno segnato 15 punti ciascuno e Jusuf Nurkic ha contribuito con 13 punti e 21 rimbalzi per i Suns (39-28), che giovedì sera si sono ripresi da una sconfitta pesante per 127-112 contro i Boston Celtics.

Vasa Micic ha dato seguito all’ultima uscita da 25 punti (record in carriera personale mercoledì sera contro i Memphis Grizzlies), infilando altri 21 punti per guidare Charlotte. Miles Bridges ha aggiunto 17 punti e 10 rimbalzi per gli Hornets.

I Suns sono entrati in partita al settimo posto nell’affollata classifica della Western Conference e lottando per evitare di dover accedere ai playoff tramite il torneo play-in. Solo due partite separavano il quinto posto di New Orleans e il nono posto di Dallas che entravano nelle partite di venerdì sera.

Phoenix era in vantaggio di 25 punti all’inizio del quarto quarto ma gli Hornets hanno rapidamente tagliato il vantaggio a 10 quando Brandon Miller ha spinto via Durant con la spalla, facendo inciampare all’indietro l’MVP del campionato 2014, e ha abbattuto una tripla in sei minuti residui.

Durant ha risposto con un pull-up dalla linea di fondo e Nurkic ha afferrato un rimbalzo offensivo e ha trovato una schiacciata a due mani per portare il vantaggio a 16 punti a due minuti dalla fine per iniziare a mandare i tifosi verso le uscite.

Miller ha superato i 1.000 punti in carriera nella sua 60esima partita in carriera, il terzo rookie degli Hornets più veloce a raggiungere quel traguardo dietro Alonzo Mourning (53 partite) e Larry Johnson (55 partite).

Durant ha detto di essere rimasto impressionato da ciò che ha visto da Miller, la scelta numero 2 in assoluto, e da come si sta adattando al gioco professionistico.

“Di solito questo è il periodo dell’anno in cui i principianti iniziano a capire un po’ di più il gioco”, ha detto Durant.

“Il loro allenatore lo sta mettendo nella posizione migliore per imparare e migliorare. Questo è sempre il modo migliore: buttare i ragazzi nel fuoco e lasciarli giocare e migliorare.

I Suns, con un parziale di 13-0 nel primo quarto si sono avvantaggiati portandosi in vantaggio per 54-45 nell’intervallo, mantenendo gli Hornets sul 2/22 tirando da oltre l’arco.

“Quando ne sbagli tre o quattro di fila in questo modo, a volte devi semplicemente giocare con più forza, guidare la palla più forte e cercare di mandare qualcosa di più verso il canestro. Anche nel secondo tempo abbiamo tirato davvero male la palla”, ha detto l’allenatore degli Hornets Steve Clifford”.

L’allenatore dei Suns Frank Vogel ha nuovamente pubblicizzato la difesa di Durant, dicendo che sarebbe rimasto deluso se non fosse stato selezionato per la squadra NBA All-Defensive.

È un onore che è sfuggito a Durant da quando è entrato in campionato nel 2007.

“È uno dei migliori del campionato nella difesa isometrica e nella difesa sulla palla. È davvero lungo e fisico. Non ha abbastanza credito per quel lato del gioco” ha detto Vogel.

Game 66: Charlotte Hornets @ Memphis Grizzlies 110-98

Grant Williams, punti pesanti nei momenti decisivi. Alle sue spalle, Micic, altro protagonista di serata e il nuovo Pokusevski.

MEMPHIS, Tennessee — Miles Bridges ha segnato 27 punti, Vasa Micic ne ha aggiunti  25, record in carriera e gli Charlotte Hornets hanno sconfitto i Memphis Grizzlies 110-98.

Micic ha tirato con 9/10 dal campo, compreso un 5/6 da 3 punti e ha fornito 8 assist. Grant Williams ha aggiunto 18 punti per gli Hornets, 15 dei quali nel quarto decisivo quando ha realizzato tutti e cinque i suoi tiri.

Tre Mann, che aveva saltato le ultime tre partite per uno stiramento all’inguine, ha chiuso con 10 punti, così come Brandon Miller.

La partita è stata un po’ sciatta durante a livello di gioco con Memphis inabile a gestir palla commettendo 24 turnover mentre gli Hornets hanno perso 20 palloni…

Memphis ha tirato con il 42,4% complessivo e 16 su 40 da fuori arco, mentre Charlotte ha tirato con il 53,7% totale dal campo.

“Era la loro transizione. Stavano scappando e noi non eravamo all’altezza. Non abbiamo comunicato abbastanza. Questo finisce per essere un grosso problema per noi”, ha detto il centro di Memphis Trey Jemison.

GG Jackson ha guidato i Grizzlies con 26 punti, mentre Luke Kennard ne ha segnati 17. Jemison ha segnato 14 punti e John Konchar ha chiuso con 13 punti e 9 rimbalzi per i Grizzlies, che tuttavia, hanno perso tre delle ultime quattro uscite.

All’inizio del quarto periodo, l’allenatore degli Hornets Steve Clifford ha ricordato agli arbitri che Charlotte non aveva tirato un tiro libero per tre quarti, gli Hornets sono finalmente arrivati ​​in lunetta con 10:13 rimasti sul cronometro…

Mann, cercando di trasformare un gioco da tre punti, ha però mancato il libero.

Alla fine Charlotte ha concluso la serata con un 9/13 dalla lunetta.

Gli Hornets hanno costruito un vantaggio in doppia cifra nel primo tempo scappando nel primo quarto e hanno mantenuto la maggior parte di quel vantaggio continuando a tirare meglio del 50% per tre quarti.

Charlotte ha costruito un vantaggio di 80-70 all’inizio dell’ultimo quarto (grazie a due triple realizzate dopo aver visto Memphis a essere a -4) con 10 punti da difendere.

Ci sono stati momenti in cui i Grizzlies hanno accorciato sotto la doppia cifra tornando a -6 ma Charlotte ha risposto a quei punti.

I Grizzlies, come al solito in questa stagione, erano a corto di personale, con 11 giocatori elencati come indisponibili.

“Sono stati decimati dagli infortuni, eppure, quando li guardi, sono in partita quasi ogni sera, indipendentemente da chi gioca. Per noi è una bella vittoria. È difficile venire qui e giocare, ed è difficile giocare contro loro” ha detto Clifford.

I Grizzlies, seduti al 13° posto della Western Conference (Charlotte è la controparte ad Est), stavano affrontando una squadra in fondo alla Eastern Conference per la seconda notte consecutiva.

Martedì Memphis ha battuto i Washington Wizards per 109-97 mentre gli Hornets arrivavano da una brutta sconfitta per 114-97 a Detroit.

Charlotte e Memphis sono le ultime in classifica per punti a partita e nonostante le squadre faticassero a imbastire azioni, i viola si portavano in vantaggio per 56-46 a metà tempo.

Charlotte è stata in vantaggio di 18 punti nel primo tempo.

“All’inizio eravamo piatti e gli Hornets ne hanno sicuramente approfittato nel primo tempo”, ha detto l’allenatore di Memphis Taylor Jenkins.

“Non è stato il nostro massimo sforzo” ha chiosato il coach locale.

Gli Hornets migliorano fino a 8-26 in trasferta, incluso un 5-10 contro l’Ovest.

Game 65: Charlotte Hornets @ Detroit Pistons 97-114

Grant Williams, 22 punti, non sono bastati a Charlotte.

 

DETROIT — Cade Cunningham ha segnato 12 dei suoi 22 punti nel primo quarto aiutando Detroit a costruire un vantaggio in doppia cifra e ha concluso con 8 assist nella vittoria per 114-97 sugli Charlotte Hornets, il margine più ampio dei Pistons in una loro vittoria in questa stagione.

Cunningham ha raggiunto 1.200 punti e 400 assist nella sua 54esima partita, ottenendo questi totali in una stagione più velocemente di qualsiasi altro giocatore nella storia della franchigia: una partita più veloce di quanto abbia fatto il Hall of Famer Isiah Thomas durante la stagione 1984-85.

“Giocare con un ragazzo del genere rende il gioco davvero semplice per me e per la squadra. Lo fa ogni notte”, ha detto Jalen Duren, che ha segnato 20 punti e catturato 10 rimbalzi.

I Pistons hanno vinto solo 11 partite ma hanno vinto la serie di tre partite della stagione contro Charlotte.

“Non siamo stati in grado di incidere su di loro”, ha detto l’allenatore Steve Clifford. Brandon Miller, scelto come numero 2 assoluto dall’Alabama dagli Hornets, ha segnato 19 punti e smistato 7 assist.

“Non gioca come un debuttante”, ha detto Clifford.

Miles Bridges di Charlotte ha messo 24 punti ma il nativo di Flint ed ex stella del Michigan State ha mancato 15 dei suoi 24 tentativi.

Gli Hornets non avevano un terzo giocatore con più di 10 punti fino all’inizio del quarto quarto, quando Grant Williams è passato sopra.

G. Williams ha segnato 13 punti nel periodo finale e ha concluso con 22 punti.

Detroit, nel frattempo, ha visto tutti e cinque i titolari andare in doppia cifra…

Simone Fontecchio ha segnato 17 punti, Isaiah Stewart e Jaden Ivey hanno aggiunto 12 punti ciascuno per i Pistons.

Gli Hornets sono rimasti senza Tre Mann per la terza partita consecutiva a causa di un infortunio all’inguine.

Da quando il playmaker 23enne è stato acquistato da Oklahoma City, ha segnato una media di 11,6 punti e 4,7 assist in 11 partite con il Charlotte.

Detroit era in vantaggio per 34-23 dopo il primo quarto ed era in vantaggio di ben 17 prima dell’intervallo.

“Siamo partiti davvero male”, ha detto Clifford.

Gli Hornets hanno reagito con un parziale di 15-0 portandosi a due punti dalla fine del primo tempo prima di lasciare cinque punti consecutivi e ritrovarsi sotto 53-46 all’intervallo.

“La nostra energia è diminuita nel secondo quarto per qualche motivo sul lato difensivo”, ha detto l’allenatore dei Pistons Monty Williams.

Detroit ha ripristinato il suo vantaggio a doppia cifra nel terzo quarto ed è entrata nel quarto avanti 86-67.

James Wiseman ha aiutato i Pistons a mantenere un comodo vantaggio nell’ultimo quarto, segnando 8 dei suoi 10 punti con alcuni scorci del talento che ha portato Golden State a nominarlo numero 2 assoluto nel 2020.

“Quando riesci a mantenere una squadra a 99 punti e forzare 12 palle perse, è un grosso problema”, ha detto Williams.

 

Game 64: Charlotte Hornets Vs Brooklyn Nets 110-99

Brandon Miller vola a schiacciare aiutando Charlotte con 23 punti finali a ritrovare la vittoria.

CHARLOTTE, Carolina del Nord — Miles Bridges ha segnato 24 punti e 10 rimbalzi, Brandon Miller ha aggiunto 23 punti e gli Charlotte Hornets hanno sferrato un altro duro colpo alle deboli speranze di playoff dei Brooklyn Nets con una vittoria per 110-99.

Nick Richards ha aggiunto 15 punti e 11 rimbalzi e Vasa Micic ha contribuito con 12 punti e 10 assist per gli Hornets (16-48) che hanno rotto la serie di sei sconfitte consecutive.

“Siamo usciti con una vera energia stasera”, ha detto Richards.

Cam Thomas è tornato da un’assenza di sei partite a causa di un infortunio alla caviglia e ha segnato 31 punti in 30 minuti mentre giocava con una limitazione di minuti ma i Nets (25-39) sono comunque caduti 4 partite e mezzo dietro agli Atlanta Hawks che detiene l’ultimo posto play-in a Est.

“Dobbiamo prenderci cura dei nostri affari e vincere queste ultime partite e speriamo che le cose cambino e vadano a nostro favore ma dobbiamo tener duro e continuare a giocare” ha detto Thomas.

Thomas ha detto che la difesa a uomo di Brooklyn deve migliorare, citando diversi casi in cui i giocatori degli Hornets – in particolare Micic e Miller – sono stati in grado di colpire i difensori e segnare con canestri facili.

Thomas, che ha preso una decisione in fase di gioco, ha deciso di provarci e ha messo a segno 17 punti nel primo quarto tirando 7 su 8, aiutando i Nets a costruire un vantaggio di 12 punti ma lo slancio dei suoi non sarebbe durato.

Charlotte ha reagito portandosi in vantaggio per 63-52 all’intervallo dietro le figure di Bridges e Miller.

Brooklyn ha avuto diversi “guasti” difensivi nel secondo tempo, incluso uno in cui hanno lasciato Bridges completamente libero sotto canestro per una facile jam a due mani sulla strada per costruire un vantaggio di 12 punti.

Per la seconda notte consecutiva gli Hornets hanno costruito un vantaggio di otto punti nel quarto periodo ma a differenza di venerdì quando hanno lasciato 44 punti a Washington cedendo 100-112, Charlotte non ha mollato la presa.

Quando i Nets hanno tagliato il vantaggio in doppia cifra, Charlotte a +6 a due minuti dalla fine, ha visto Miller segnare in layup alto al vetro – con 2:05 mancanti – per arginare la marea.

Dopo un errore dei Nets, Bridges ha segnato in un layup di transizione e ha realizzato l’and 1 spingendo il vantaggio di Charlotte a 11 e assicurando ai ragazzi di Clifford la vittoria.

“Questo è quello che ho detto ai ragazzi: ‘Siamo esattamente nello punto. Contro Washington abbiamo perso la strada nel quarto decisivo su entrambi i fronti. Il nostro attacco e la nostra difesa sono state orribili. Stasera non siamo stati bravi in attacco, ma la nostra difesa è stata ottima” ha detto Steve Clifford.

Insieme a Thomas, anche il centro di backup dei Nets Day’Ron Sharpe è tornato dopo aver saltato due partite per un infortunio al polso.

Charlotte ha giocato senza sei giocatori a causa di un infortunio ma questa volta l’aria di casa ha dato buoni frutti.

Game 63: Charlotte Hornets @ Washington Wizards 100-112

32 punti per Miles Bridges ma gli Hornets scivolano per la sesta volta consecutiva…

WASHINGTON — Kyle Kuzma ha segnato 28 punti, Deni Avdija ne ha aggiunti 18 e i Washington Wizards hanno interrotto la loro serie di 16 sconfitte consecutive con una vittoria per 112-100 sugli Charlotte Hornets venerdì sera.

Washington aveva eguagliato il record della squadra di 16 sconfitte consecutive stabilito durante la stagione 2009-10 ma i Wizards hanno evitato di allungare il record in solitaria.

Charlotte ora ha la striscia perdente attiva più lunga della NBA con sei partite, nonostante uno sforzo da 32 punti e 12 rimbalzi di Miles Bridges.

Dopo aver sprecato un vantaggio di 21 punti nel secondo quarto contro Orlando, i Wizards si sono lasciati sfuggire un vantaggio di 15 punti e sono rimasti in svantaggio di 10 punti alla fine del terzo quarto.

In una notte in cui entrambe le squadre si sono divertite moltissimo a tirare da tre, Kuzma e Avdija sono riusciti a ferire Charlotte lungo il tratto attaccando il canestro. Washington è passata in vantaggio per 85-82 dopo un parziale di 17-4 ed è riuscita a chiudere vittoriosa per la prima volta dal 29 gennaio a San Antonio.

I Wizards non vincevano in casa dal 29 dicembre contro Brooklyn…

Washington ha tirato 16/20 dal campo nell’ultimo quarto, superando Charlotte 44-24…

Tanking game o no, gli Hornets rimangono bassi in classifica giocando senza i soliti noti più Seth Curry e Cody Martin ancora out.

A Washington mancavano Marvin Bagley III (schiena) e Landry Shamet (polpaccio).

Gli Hornets hanno fallito i primi 17 tentativi da tre punti e sono rimasti sotto 39-24 dopo il gioco da tre punti di Kuzma nel secondo quarto.

Charlotte però ha recuperato chiudendo sotto di tre a metà tempo (45-48).

Washington si è inabissata andando a vuoto dalla lunga distanza per ben 13 volte consecutive da oltre l’arco nel secondo e terzo quarto.

Gli Hornets erano passati avanti 57-56 grazie ad una schiacciata di Bridges, poi, strategia o no, come detto, nell’ultimo quarto, il +20 dei capitolini ha deciso la partita.

Kuzma ha sfiorato la tripla doppia, chiudendo con nove assist e otto rimbalzi.

Avdija ha avuto 14 rimbalzi e Richaun Holmes di Washington ha segnato 14 punti e catturato 11 rimbalzi senza sbagliare un tiro.

 

Game 62: Charlotte Hornets Vs Orlando Magic 89-101

Micic è partito titolare aiutando gli Hornets con una buona partita ma la bench è rimasta sguarnita.

CHARLOTTE, Carolina del Nord  — Paolo Banchero ha segnato 22 punti, Cole Anthony ha segnato 12 dei suoi 14 punti nel secondo tempo e gli Orlando Magic hanno battuto gli Charlotte Hornets 101-89 ottenendo la loro nona vittoria – generale – nelle ultime 11 partite.

Wendell Carter Jr. ha segnato 12 punti e catturato nove rimbalzi per i Magic (36-26), che hanno superato quota .500 di 10 partite per la prima volta dal 18 aprile 2012.

I Magic non hanno ricevuto molta attenzione a livello nazionale in questa stagione ma Anthony ha detto che se la squadra continua a vincere, il riconoscimento arriverà.

“Ci sono alcune buone squadre in questo campionato e stiamo cercando di risalire in  classifica e sento che siamo sulla buona strada. L’hype arriverà. Dobbiamo solo continuare a realizzare quello che dobbiamo fare” ha detto Anthony.

L’allenatore di Magic Jamahl Mosley ha attribuito il successo di Orlando a un cambiamento di mentalità: “Ci stiamo attenendo a uno standard più elevato. Questi ragazzi hanno comunicato quale sia quello standard su entrambi i lati del (nostro) basket. In attacco, vogliamo essere sicuri di spostarlo e condividerlo, giocando nel modo giusto … In difesa, vogliamo essere sicuri di comunicare nel modo giusto e di essere fisici senza commettere falli.”

Anthony è stata una delle quattro riserve ad andare in doppia cifra per Orlando, la cui panchina ha superato il 46-23 quella di Charlotte.

Gli Hornets hanno iniziato con Vasa Micic come playmaker titolare vista l’indisponibilità di LaMelo Ball e Cody Martin fuori per infortuni, il serbo ha segnato 21 punti per Charlotte, scesa a 15-47.

Tre Mann e Brandon Miller hanno segnato 18 pt. ciascuno per gli Hornets, che hanno inanellato la quinta L consecutiva.

Micic ha dato una spinta da quando è arrivato in uno scambio da Oklahoma City. “Penso che abbia giocato bene. Molto sul pezzo in attacco con i suoi pick-and-roll e ha fatto molti buoni piazzati al ferro oltre ad essere anche un ottimo passatore” ha detto Steve Clifford.

I Magic sono andati all’intervallo in vantaggio di due – 45-43 – con un il 52,0% al tiro che  li ha aiutati a superare 12 palle perse.

Orlando ha iniziato a creare una certa separazione verso la fine del terzo quarto con Banchero che ha messo a segno una tripla e Anthony che ha segnato su un layup alto dal vetro e si è collegato su un 3 dalla top of the key per lanciare Orlando sul +9 prima di entrare nel quarto decisivo.

Anthony è rimasto forte nel periodo finale, segnando sette punti consecutivi e spingendo il vantaggio di Orlando sul 92-76 a sette minuti dalla fine.

Gli Hornets non sono mai più tornati sotto i 10 in una partita che è stata penalizzante, oltre che dalle numerose assenze (solo 8 gli uomini schierati da Clifford), da diversi falli offensivi per blocchi/schermi in movimento.

“C’era un livello di equilibrio con i ragazzi. È stata una partita difficile, avanti e indietro, i ragazzi non riuscivano a trovare il ritmo sia in attacco che in difesa. Era fisica, cosa che preferiamo. La capacità dei nostri ragazzi di rimanere in bilico, vivere il momento e trovare il modo di vincere sulla strada è stato impressionante” ha detto l’allenatore dei Magic.

Charlotte paga anche la pessima serata di Miles Bridges, entrato in partita con una media di 21,4 punti, tenuto a sette punti con un 3/16 dal campo.

Clifford ha detto che vuole mettere di più la palla nelle mani di Miller.

“Rallenteremo e gli daremo la palla tra le mani perché è troppo bravo”, ha detto Clifford a proposito della scelta numero 2 in assoluto nel Draft 2023.

“Stasera nel primo tempo aveva provato soltanto cinque tiri e questo non possiamo permetterlo” ha chiosato il coach degli Hornets.

Fuori dal campo, i co-presidenti degli Charlotte Hornets Rick Schnall e Gabe Plotkin hanno annunciato ieri, 5 marzo, che la squadra ha assunto Jeff Peterson come vicepresidente esecutivo delle operazioni di basket.

In questo ruolo, Peterson diventa il principale attore sulle decisioni da prendere sull’organizzazione del mercato degli Hornets.

“Siamo entusiasti che Jeff si unisca agli Charlotte Hornets come nuovo leader delle nostre operazioni di basket”, hanno affermato Schnall e Plotkin.

“Condivide la nostra visione, i nostri valori e il nostro obiettivo di diventare il franchise più importante della NBA. Jeff è una stella nascente nel nostro campionato, noto per la sua valutazione dei giocatori, le sue capacità di comunicazione e la sua capacità di sviluppare relazioni forti. La sua esperienza nell’aver lavorato con più organizzazioni e diversi direttori generali sarà per noi un grande vantaggio. Non vediamo l’ora di lavorare con Jeff mentre continuiamo a costruire la nostra squadra e vogliamo dargli il benvenuto a Charlotte.”

Peterson, 35 anni, si unisce agli Hornets dopo più di quattro stagioni come vicedirettore generale dei Brooklyn Nets.

Mentre era a Brooklyn, ha svolto un ruolo chiave nell’aiutare a progettare diverse acquisizioni significative di giocatori tra le quali la firma di Kevin Durant e Kyrie Irving come agenti liberi, lo scambio con James Harden, Mikal Bridges e Cam Johnson oltre al draft di Cam Thomas e Nic Claxton.

Durante la sua permanenza con i Nets, Peterson ha supervisionato il dipartimento di scouting del college di Brooklyn e ha aggiunto il dipartimento di scouting professionistico della squadra alle sue responsabilità nelle ultime due stagioni.

“Sono entusiasta di unirmi agli Charlotte Hornets e sono entusiasta di iniziare”, ha detto Peterson continuando: “Voglio ringraziare Rick e Gabe per questa opportunità e per avermi affidato questa squadra. Credo nella loro visione di costruire il franchise più importante, a Charlotte. Stabilire una cultura vincente richiederà duro lavoro, idee creative e un approccio collaborativo e sono entusiasta della sfida che ci aspetta. Le Carolina sono la nazione del basket e i fan degli Hornets sono tra i più fedeli della NBA. Non vedo l’ora di far parte di questa comunità e di sperimentare questa passione.”

Prima del suo periodo con i Nets, Peterson ha trascorso sette anni con gli Atlanta Hawks, inclusi gli ultimi tre anni come vicedirettore generale della squadra.

Ha iniziato la sua carriera ad Atlanta come assistente stagionale delle operazioni di basket nel 2012 e dopo una stagione è stato promosso a coordinatore delle operazioni di basket.

È stato nominato direttore dello scouting degli Hawks nel 2015 prima di essere promosso a vicedirettore generale all’età di 27 anni.

Originario di Springfield, Missouri, Peterson ha giocato a basket universitario in Iowa, Arkansas e Florida State.

Peterson ha conseguito una laurea in marketing presso l’Arkansas e un master in marketing presso la Florida State.

È stato nominato nella lista NBA 40 Under 40 di The Athletic nel maggio 2022.

Peterson sarà presentato in una conferenza stampa mercoledì alle 11 (orario americano) allo Spectrum Center.

La conferenza stampa andrà in onda in diretta su hornets.com, sull’app Hornets, sull’app Bally Sports, BallySports.com e WFNZ (92.7 FM).