All Players

I giocatori e gli allenatori degli Hornets di tutti i tempi.

I giocatori e gli allenatori degli Hornets di tutti i tempi.

1^ George Shinn-Presidente Hornets (1987-2010), 11/05/1941 Kannapolis (North Carolina). George Shinn fu uno studente non troppo brillante, poi decise di cambiare scuola e di entrare all'Evans Business College. Shinn ha lavorato nell'industria tessile, in un autolavaggio e come bidello. Dopo la laurea da Evans, raccolse fondi e comprò la scuola ed altri piccoli collegi, dove offriva programmi di 18-24 mesi, sotto il nome della società "Rutledge sistemi d'istruzione". Alla fine decise di vendere le scuole e di fondare/comprare gli Hornets per 32,500,000 dollari nel 1987 con il ricavato. Shinn fu accusato di sequestro di persona e violenza sessuale da una donna di Charlotte. Shinn ha avuto un processo per questa storia nel dicembre del 1999, la giuria ha respinto le accuse della donna, anche se la storia rimane controversa. A parte Shinn ha ammesso in tribunale di avere avuto rapporti sessuali fuori dal suo matrimonio. Il processo è stato trasmesso a livello nazionale e fece molto scalpore. Il processo e la sua reputazione appannata, fu uno dei motivi principali per il trasloco da Charlotte a New Orleans. Shinn non è ancora tornato a Charlotte dal momento in cui i Calabroni lasciarono Charlotte per New Orleans nel 2002. In un'intervista del 2008 con il Charlotte Observer, Shinn ha ammesso che il dramma sulla sua vita personale è stato un fattore decisivo nel lasciare la città visto che l'Alveare era sempre drammaticamente più vuoto anche a causa di problemi con la squadra e pubblico. Nel 2010 Shinn pensò vendere la sua quota di maggioranza dei Calabroni a Gary Chouest, che aveva acquistato il 25% della squadra. Essendoun proprietario possibile locale Chouest era anche visto bene dalla NBA, ma la trattativa si arenò anche a causa di problemi finanziari di Chouest, armatore colpito dal disatro dell BP nel Golfo del Messico. La società quindi viene comprata in maniera anomala dalla NBA nel dicembre 2010 per circa 300 milioni di dollari, anche perchè Shinn nel ftattempo era stato colpito da un cancro alla prostata e non se la sentiva di portare avanti la squadra. Nel Marzo 2010 dichiare di essere guarito dal cancro.. Shinn ha tre figli da un precedente matrimonio e attualmente è sposato con Denise (si sposò a New Orleans), che ha incontrato in una partita di Charlotte.

1^ George Shinn-Presidente Hornets (1987-2010), 11/05/1941 Kannapolis (North Carolina).
George Shinn fu uno studente non troppo brillante, poi decise di cambiare scuola e di entrare all’Evans Business College.
Shinn ha lavorato nell’industria tessile, in un autolavaggio e come bidello. Dopo la laurea a Evans, raccolse fondi e comprò la scuola ed altri piccoli collegi, dove offriva programmi di 18-24 mesi, sotto il nome della società “Rutledge sistemi d’istruzione”.
Alla fine decise di vendere le scuole e di fondare/comprare gli Hornets per 32,500,000 dollari nel 1987 con il ricavato.
Shinn fu accusato di sequestro di persona e violenza sessuale da una donna di Charlotte.
Shinn ebbe un processo per questa storia nel dicembre del 1999, la giuria respinse le accuse della donna, anche se la storia rimane controversa. A parte, Shinn ha ammesso in tribunale di avere avuto rapporti sessuali fuori dal suo matrimonio. Il processo fu trasmesso a livello nazionale e fece molto scalpore.
Il processo e la sua reputazione appannata, fu uno dei motivi principali per il trasloco da Charlotte a New Orleans.
Shinn non è ancora tornato a Charlotte dal momento in cui i Calabroni lasciarono Charlotte per New Orleans nel 2002. In un’intervista del 2008 con il Charlotte Observer, Shinn ha ammesso che il dramma sulla sua vita personale è stato un fattore decisivo nel lasciare la città visto che l’Alveare era sempre drammaticamente più vuoto anche a causa di problemi con la squadra e pubblico.
Nel 2010 Shinn pensò vendere la sua quota di maggioranza dei Calabroni a Gary Chouest, che aveva acquistato il 25% della squadra. Essendo un proprietario possibile locale, Chouest era anche visto bene dalla NBA, ma la trattativa si arenò anche a causa di problemi finanziari di Chouest, armatore colpito dal disatro dell BP nel Golfo del Messico. La società quindi viene comprata in maniera anomala dalla NBA nel dicembre 2010 per circa 300 milioni di dollari, anche perchè Shinn nel ftattempo era stato colpito da un cancro alla prostata e non se la sentiva di portare avanti la squadra. Nel Marzo 2010 dichiarava di essere guarito dal cancro.
Shinn ha avuto tre figli da un precedente matrimonio e attualmente è sposato con Denise (si sposò a New Orleans), che ha incontrato in una partita.

1^ (Richard A.) Dick Harter-14/10/1930 Pottstown (Pennsylvania)- 12/03/2012 Hilton Head (South Carolina), Coach, con gli Hornets 1988-90, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: New York Knicks, 28 Vinte 94 Perse. L'incomparabile DICK HARTER L'aneddoto. Parla il direttore generale dell'epoca degli Hornets Scheer: "Muggsy era probabilmente il nostro idolo locale. Lui era molto basso. Però era anche il preferito di George Shinn. Dick Harter voleva commerciare Muggsy. Ogni singolo giorno sarebbe venuto in ufficio a dirmi: “Non si può vincere con una guardia di 5,3 pollici. Dobbiamo scambiarlo, dobbiamo commerciarlo.” Ogni giorno gli rispondevo: “Dick, è l'unico ragazzo per il quale George avrebbe posto un veto. Lui non ha intenzione di commerciare Tyrone.” Il mio suggerimento era di dimenticarselo. Ma lui non avrebbe dimenticato. Finalmente mi disse: "Io prendo Shinn , OK?” Ok, Tu ed io andremo a parlare con Shinn. Egli disse: "OK." Si entra e ci si trova alla fine di questo lungo tavolo da conferenza. Sono all'altra estremità con Harter. C’era l’eco.” Io dissi: "OK. Dick, andiamo avanti." Mi voltai e non c'è Harter. O meglio c’era, ma con le mani sulle ginocchia, col naso appoggiato sul tavolo della sala conferenze, a guardare su di esso l’orizzonte. Dick continuò: “Questo è ciò che Muggsy vede quando sta giocando in difesa! Questo è quello che vede Muggsy! Guardo George e George non sta ridendo. Ero quasi pronto a scoppiare a ridere. Eravamo lì per parlare di un giocatore e lui era lì con le mani sulle ginocchia, col naso sul tavolo. Quando ebbe finito gli confessai: “Dick, è la presentazione più creativa che abbia mai visto. Peccato che probabilmente sarete licenziato.”

2^ (Richard A.) Dick Harter-14/10/1930 Pottstown (Pennsylvania)- 12/03/2012 Hilton Head (South Carolina), Coach, con gli Hornets 1988-90, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: New York Knicks, 28 Vinte 94 Perse.
L’incomparabile DICK HARTER
L’aneddoto.
Parla il direttore generale dell’epoca degli Hornets Scheer:
“Muggsy era probabilmente il nostro idolo locale.
Lui era molto basso. Però era anche il preferito di George Shinn.
Dick Harter voleva commerciare Muggsy. Ogni singolo giorno sarebbe venuto in ufficio a dirmi:
“Non si può vincere con una guardia di 5,3 pollici. Dobbiamo scambiarlo, dobbiamo commerciarlo.”
Ogni giorno gli rispondevo:
“Dick, è l’unico ragazzo per il quale George avrebbe posto un veto. Lui non ha intenzione di commerciare Tyrone.”
Il mio suggerimento era di dimenticarselo. Ma lui non avrebbe dimenticato.
Finalmente mi disse: “Io prendo Shinn , OK?” Ok, Tu ed io andremo a parlare con Shinn.
Egli disse: “OK.”
Si entra e ci si trova alla fine di questo lungo tavolo da conferenza. Sono all’altra estremità con Harter. C’era l’eco.” Io dissi: “OK. Dick, andiamo avanti.”
Mi voltai e non c’è Harter. O meglio c’era, ma con le mani sulle ginocchia, col naso appoggiato sul tavolo della sala conferenze, a guardare su di esso l’orizzonte. Dick continuò:
“Questo è ciò che Muggsy vede quando sta giocando in difesa! Questo è quello che vede Muggsy!
Guardo George e George non sta ridendo.
Ero quasi pronto a scoppiare a ridere. Eravamo lì per parlare di un giocatore e lui era lì con le mani sulle ginocchia, col naso sul tavolo.
Quando ebbe finito gli confessai:
“Dick, è la presentazione più creativa che abbia mai visto. Peccato che probabilmente sarete licenziato.”

2^ Tyrone (Curtis) "Muggsy" Bogues-N°1, PG, 09/01/1965, Baltimore, 158 cm, 57 kg, con gli Hornets 1988-1997, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Golden State Warriors, College: Wake Forest University, Giocate (Regular Season solo Hornets) 632, Punti (Regular Season) 5531, Playoffs: G. 15, Pt. 154. Pagina Twitter: http://twitter.com/MuggsyBogues Video 1: http://www.youtube.com/watch?v=fej_QNViobU&feature=youtu.be Video 2: http://youtu.be/gqzw_qJUOlM Probabilmente il più veloce giocatore dell'NBA, vanta anche diverse stoppate, tra cui una famosa su Ewing. "Muggsy" è il soprannome, gli fu dato da un compagno di Playground per il suo stile aggressivo (dall'inglese mugging), ma anche per un personaggio con questo nomignolo di un lungometraggio che si chiamava Bowery Boy, ai tempi popolare dalle parti di New York.

3^ Tyrone (Curtis) “Muggsy” Bogues-N°1, PG, 09/01/1965, Baltimore, 158 cm, 57 kg, con gli Hornets 1988-1997, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Golden State Warriors, College: Wake Forest University, Giocate (Regular Season solo Hornets) 632, Punti (Regular Season) 5531, Playoffs: G. 15, Pt. 154.
Pagina Twitter:
http://twitter.com/MuggsyBogues
Video 1:
http://www.youtube.com/watch?v=fej_QNViobU&feature=youtu.be
Video 2:
http://youtu.be/gqzw_qJUOlM
Probabilmente il più veloce giocatore dell’NBA, vanta anche diverse stoppate, tra cui una famosa su Ewing. “Muggsy” è il soprannome, gli fu dato da un compagno di Playground per il suo stile aggressivo (dall’inglese mugging), ma anche per un personaggio con questo nomignolo di un lungometraggio che si chiamava Bowery Boy, ai tempi popolare dalle parti di New York.

3^ Rex (Everett) Chapman-N°3, SG, 05/10/1967 Bowling Green, 193 cm, 84 kg, 1988-92, Scelto dagli Hornets al Draft 1988 come N° 8, Squadra successiva: Washington Bullets, G. 220, Pt. 3574. http://www.youtube.com/watch?v=wadJQ8Kq44w Rex Chapman aveva un papà (Wayne) che ai suoi tempi giocò 206 partite nella ABA, la lega che fornì squadre come gli Indiana Pacers, San Antonio Spurs, all'attuale NBA. Tuttavia la passione di Rex era nuotare, probabilmente però il Basket era nel suo DNA, quando scelse di rimanere vicino a casa firmando con l'Università del Kentucky, Chapman diventò una stella dei Kentucky Wildcats, segnando in totale 1.073 punti in soli due anni con Kentucky, prima di optare per entrare nel Draft NBA. Dopo il suo secondo anno, Chapman si dichiara eleggibile per il Draft NBA. Chapman dichiarò nel 2005 al The Courier-Journal che la decisione venne affrettata a causa della sua vita privata. Dei funzionari del Dipartimento di atletica, ed altri a Kentucky cercarono di impedirgli di incontrare donne nere o cercarono di nascondere questo aspetto. Rex disse che una volta qualcuno prese una chiave e rigò con un epiteto razziale la portiera della macchina. Disse anche di essere stato oggetto di battute oscene. "E 'il clima di come stavano le cose", disse aggiungendo; "Le persone erano infastidite dal fatto che a volte mi incontrassi con ragazze di colore. La maggior parte della gente preferiva che si salvaguardasse la riservatezza e quindi nascondere ciò." (USA TODAY) Chapman fu selezionato come ottava scelta assoluta nel Draft 1988, divenendo il primo giocatore firmato dagli Charlotte Hornets nella storia della franchigia. Chapman era popolare tra gli appassionati di basket a Charlotte, in quanto tenne una media di 16,9 punti a partita durante la sua prima stagione. Chapman arrivò 6° dietro a Dominique Wilkins durante il suo primo Slam Dunk Contest NBA, ma durante la stagione 1989-1990, Chapman, in occasione dell'All Star Game di Charlotte fu nuovamente protagonista dello Slam Dunk Contest insieme al suo compagno di squadra Kendall Gill. Rex entrò in concorrenza diretta per la vittoria finale contro Dee Brown. Nonostante l'esecuzioni siano prodezze, terminò secondo dietro a Brown (Celtics). Chapman ha una stagione da 17,5 pt, il secondo anno, ma gli Hornets peggiorano. Il terzo anno con gli Hornets, Chapman finisce con 15,7 di media. L'anno successivo, durante la stagione 1991/92, il 19 febbraio 1992, viene scambiato con i Washington Bulletts per Tom Hammonds. Limitato dagli infortuni in quella stagione giocò solo una partita con Washington. Extra Hornets in molti si ricordano Chapman per un tiro effettuato nei Playoffs 1996/97, quando stava ormai per terminare l'ultimo quarto (a 2,2 sec. dalla sirena), ed i suoi Phoenix Suns erano sotto di 3 punti contro gli allora terribili Seattle Supersonics. Rex recuperò un pallone che stava uscendo, cercò una veloce coordinazione e lasciò partire un tiro da 3 che mandò ai supplementari la partita (che purtroppo per i Suns vinse Seattle). Chapman giocherà 666 partite di regular season in totale nella NBA, con una media di 14.6 pt. a gara.

4^ Rex (Everett) Chapman-N°3, SG, 05/10/1967 Bowling Green, 193 cm, 84 kg, 1988-92, Scelto dagli Hornets al Draft 1988 come N° 8, Squadra successiva: Washington Bullets, G. 220, Pt. 3574.
http://www.youtube.com/watch?v=wadJQ8Kq44w
Rex Chapman aveva un papà (Wayne) che ai suoi tempi giocò 206 partite nella ABA, la lega che fornì squadre come gli Indiana Pacers, San Antonio Spurs, all’attuale NBA.
Tuttavia la passione di Rex era nuotare, probabilmente però il Basket era nel suo DNA, quando scelse di rimanere vicino a casa firmando con l’Università del Kentucky, Chapman diventò una stella dei Kentucky Wildcats, segnando in totale 1.073 punti in soli due anni con Kentucky, prima di optare per entrare nel Draft NBA.
Dopo il suo secondo anno, Chapman si dichiara eleggibile per il Draft NBA. Chapman dichiarò nel 2005 al The Courier-Journal che la decisione venne affrettata a causa della sua vita privata.
Dei funzionari del Dipartimento di atletica, ed altri a Kentucky cercarono di impedirgli di incontrare donne nere o cercarono di nascondere questo aspetto.
Rex disse che una volta qualcuno prese una chiave e rigò con un epiteto razziale la portiera della macchina.
Disse anche di essere stato oggetto di battute oscene.
“E ‘il clima di come stavano le cose”, disse aggiungendo; “Le persone erano infastidite dal fatto che a volte mi incontrassi con ragazze di colore. La maggior parte della gente preferiva che si salvaguardasse la riservatezza e quindi nascondere ciò.” (USA TODAY)
Chapman fu selezionato come ottava scelta assoluta nel Draft 1988, divenendo il primo giocatore firmato dagli Charlotte Hornets nella storia della franchigia.
Chapman era popolare tra gli appassionati di basket a Charlotte, in quanto tenne una media di 16,9 punti a partita durante la sua prima stagione.
Chapman arrivò 6° dietro a Dominique Wilkins durante il suo primo Slam Dunk Contest NBA, ma durante la stagione 1989-1990, Chapman, in occasione dell’All Star Game di Charlotte fu nuovamente protagonista dello Slam Dunk Contest insieme al suo compagno di squadra Kendall Gill. Rex entrò in concorrenza diretta per la vittoria finale contro Dee Brown.
Nonostante l’esecuzioni siano prodezze, terminò secondo dietro a Brown (Celtics).
Chapman ha una stagione da 17,5 pt, il secondo anno, ma gli Hornets peggiorano.
Il terzo anno con gli Hornets, Chapman finisce con 15,7 di media.
L’anno successivo, durante la stagione 1991/92, il 19 febbraio 1992, viene scambiato con i Washington Bulletts per Tom Hammonds. Limitato dagli infortuni in quella stagione giocò solo una partita con Washington.
Extra Hornets in molti si ricordano Chapman per un tiro effettuato nei Playoffs 1996/97, quando stava ormai per terminare l’ultimo quarto (a 2,2 sec. dalla sirena), ed i suoi Phoenix Suns erano sotto di 3 punti contro gli allora terribili Seattle Supersonics.
Rex recuperò un pallone che stava uscendo, cercò una veloce coordinazione e lasciò partire un tiro da 3 che mandò ai supplementari la partita (che purtroppo per i Suns vinse Seattle).
Chapman giocherà 666 partite di regular season in totale nella NBA, con una media di 14.6 pt. a gara.

4^ Earl Cureton "The Twirl"-N°25, PF-C, 03/09/1957, Detroit, 206 cm, 95 kg, 1988-89 e 1991, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Connecticut Skyhawks, G. 91, Pt. 549. Earl Cureton vinse due volte il campionato NBA. Nel 1983 con i Philadelphia 76ers e nel 1994 entrando a stagione in corso con gli Houston Rockets. "Piroetta", gioca la prima stagione della storia degli Hornets nel 1988 e vi torna nel 1991 per una parentesi di 10 giorni con i teal and purple. Nel 1988 finisce per segnare di media 6,5 punti per Charlotte. Earl giocò anche in Italia con la maglia dell'Olimpia Milano (che allora si chiamava Simac) nel 1983, disputando 6 partite in totale, ma poi scappò negli Usa adescato dai Detroit Pistons. Nel 1989/90 ne giocò altre 12 sempre con le scarpette rosse. La sua seconda stagione con l'Olimpia Milano fece fu una parentesi tra le due stagioni disputate con gli Charlotte Hornets. Calabroni, con i quali aveva firmato un contratto no-cut fino al termine della stagione; così gli Hornets non potevano esimersi dal versargli lo stipendio. Cureton, al nono anno NBA, l'anno seguente avrebbe ottenuto, a causa di una clausula, più soldi al decimo anno nella NBA, inoltre chiese alla Philips (allora Milano si chiamava così) il silenzio sulle cifre d'ingaggio (c'è chi allora parlava di 750mila dollari, chi di 350mila), in modo che nessuno s'imbarazzasse.

5^ Earl Cureton “The Twirl”-N°25, PF-C, 03/09/1957, Detroit, 206 cm, 95 kg, 1988-89 e 1991, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Connecticut Skyhawks, G. 91, Pt. 549.
Earl Cureton vinse due volte il campionato NBA. Nel 1983 con i Philadelphia 76ers e nel 1994 entrando a stagione in corso con gli Houston Rockets.
“Piroetta”, gioca la prima stagione della storia degli Hornets nel 1988 e vi torna nel 1991 per una parentesi di 10 giorni con i teal and purple. Nel 1988 finisce per segnare di media 6,5 punti per Charlotte.
Earl giocò anche in Italia con la maglia dell’Olimpia Milano (che allora si chiamava Simac) nel 1983, disputando 6 partite in totale, ma poi scappò negli Usa adescato dai Detroit Pistons. Nel 1989/90 ne giocò altre 12 sempre con le scarpette rosse. La sua seconda stagione con l’Olimpia Milano fece fu una parentesi tra le due stagioni disputate con gli Charlotte Hornets. Calabroni, con i quali aveva firmato un contratto no-cut fino al termine della stagione; così gli Hornets non potevano esimersi dal versargli lo stipendio.
Cureton, al nono anno NBA, l’anno seguente avrebbe ottenuto, a causa di una clausula, più soldi al decimo anno nella NBA, inoltre chiese alla Philips (allora Milano si chiamava così) il silenzio sulle cifre d’ingaggio (c’è chi allora parlava di 750mila dollari, chi di 350mila), in modo che nessuno s’imbarazzasse.

5^ (Wardell Stephen) Dell Curry-N°30, SG, 25/06/1964, Harrisonburg (Virginia), 196 cm, 93 kg, 1988-98, squadra precedente Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Virginia Polytechnic Institute and State University, Stipendio ultimo anno Hornets (1997/98): $3,660,000, G.701, Pt. 9839, Playoffs: G. 25, Pt. 216. Il mio video a lui dedicato: http://www.youtube.com/watch?v=U3tzapnVzno Con 9839 punti è il miglior realizzatore di tutti i tempi per la franchigia degli Hornets. Dell inizia fin da piccolo a giocare a basket ma ha un piccolo difetto. Come quasi tutti i bambini è quasi fisiologico il fatto di tirare con entrambe le mani. All’età di nove anni si rompe il braccio sinistro e questo lo costringe a rivedere la sua tecnica e lo obbliga a costruirsi un tiro più conforme a una sola mano, così inizia a migliorare la sua meccanica, cosa che si rivelerà essere il suo pass per la NBA. Stilisticamente bello da vedere il tiro di Curry per coordinazione, Dell ha un veloce rilascio ed un’esecuzione incantevole. Curry oltre al basket pratica con ottimi risultati anche il baseball a Virginia Tech, infatti, viene scelto con la chiamata numero 14 al Draft Mlb del 1985 dai Baltimora Orioles ma Dell preferisce non accettare la chiamata preferendo tentare la carriera cestistica confidando nelle sue doti balistiche e cestistiche in generale. La NBA gli da ragione, infatti, gli Utah Jazz lo scelgono al primo giro con la quindicesima scelta. A Virginia Tech detiene il record per palle recuperate (295) ed è il secondo miglior realizzatore nella storia dell’università con 2389 punti. Dell debutta nella NBA il 31 ottobre 1986 contro i Dallas Mavericks segnando 6 punti. Il primo anno da rookie a Salt Lake City è sotto l’allenatore Frank Layden, dal quale però è scarsamente impiegato. Dell giocherà 636 minuti in 67 partite, nonostante ciò andrà in doppia cifra ben 12 volte con un .426 dal campo. Curry però come guardia tiratrice o ala piccola fu chiuso da Darrell Griffith e Bobby Hansen ai Jazz, così fu ceduto ai Cleveland Cavaliers in data 8 ottobre 1987. Lo scambio vide arrivare nello stato dei mormoni Darryl Dawkins e Mel Turpin in cambio appunto dello stesso Curry e Kent Benson. Curry avrà un impatto immediato a Cleveland, segnando 20 punti nel suo debutto con i Cavs. Qui si ritaglia il suo posto come sesto uomo. Venendo dalla panchina in 79 partite realizza a fine stagione una media di 10 punti a gara. Cleveland lascia Curry unprotected per il draft d’espansione NBA nel 1988 rendendolo selezionabile, così gli Charlotte Hornets fiutando il talento di Dell lo scelsero subito. L’inizio è in salita però. Dell è in lista infortunati e salterà le prime 19 partite a causa di un polso rotto in allenamento. Quando tornò, nonostante l’allenatore lo lasci fuori per scelta tecnica per 14 gare (Curry giocherà 48 partite in stagione), fornì buone prestazioni, andandosi ad affermare come uno dei migliori tiratori puri della lega. Il suo season-high è di 31 punti il 18 aprile contro New Jersey. Nella sua seconda stagione, la più disgraziata per gli Charlotte Hornets, Dell avrà un season-high di 30 punti il 15 gennaio a Phoenix. Curry salterà le ultime cinque gare della stagione a causa di un infortunio alla caviglia. Nel 1990-91, al suo terzo anno agli Hornets, Curry gioca 76 partite con una media di 10,6 punti ma in squadra trova spazio il rookie Kendall Gill, così si deve accontentare di soli 19,9 minuti a partita, dopo aver giocato 27,8 di media l'anno precedente. Riesce però a partire nello starting five 14 volte perché Rex Chapman è infortunato. Il suon season-high è di 26 punti a Indiana il 30 gennaio. Nel 1991-92 conclude la stagione regolare con una media 15,7 punti e il .486 tiro dal campo. Migliora sensibilmente anche la sua percentuale da 3 punti con un .404 frutto di 74 centri su 183 tentativi terminando nono nella NBA. La sua media dalla lunga distanza gli vale un viaggio per l’All-Star game 1992 a Orlando, dove partecipò nella Long Distance Shootout (finì quinto). Ottiene la sua prima doppia-doppia con 18 punti e 10 assist contro i Golden State il 6 febbraio. Nella stagione 1992/93 Dell gioca 80 partite ed arriva quarto dopo il voto per il premio NBA Sixth Man Award. Si classifica undicesimo dalla lunetta con una percentuale di .866. Segna 95 tiri da 3 punti su 237 tentativi. Il season-high è di 33 punti a Washington il 30 gennaio. Nella stagione seguente utilizzando uno dei “release” più veloci nella NBA, Curry mette 152 tiri da 3 punti su 378 conclusioni effettuate. Si è classificato terzo nella NBA nei tiri realizzati da tre punti. La media di Curry è di 16,3 punti a partita (in squadra dietro solo ad Alonzo Mourning e Larry Johnson), il fatto che la ottenga uscendo dalla panchina gli vale il Premio NBA di sesto uomo per il 1993-1994. Curry contro i New York Knicks, l'8 gennaio, mette a referto il suo season-high che è di 30 punti. Nel 1994/95 continua ad essere una delle riserve più pericolose della lega segnando 13,6 punti a partita. Segna un trentello contro i Milwaukee Bucks in data 11 novembre. Segna 43 tiri liberi consecutivi dal 5 novembre al 16 dicembre. Curry approfitta dell’adattamento della linea da 3 punti nella NBA per ritoccare dei record personali, come realizzare 154 canestri da tre punti, battendo il record che aveva stabilito la stagione precedente. La sua percentuale di .427 da terra a tre punti è stata l’undicesima nella NBA. Curry deve stare però fuori per 10 partite in stagione, dal 23 marzo al 12 aprile per infortunio. Nonostante gli Hornets si trovino pieni di esterni nella stagione 1995/96 causa dell’improvviso scambio che portò Mourning a Miami e Rice a Charlotte, ormai Dell è una garanzia ed estende il minutaggio a 28,9 a partita, fa 164/406 dalla lunga distanza. Gioca tutte le 82 partite e di media ha 14,5 punti a partita. La squadra però va così così. L’allenatore Bristow quindi decide di dare una scossa alla squadra facendo partire Curry in quintetto il 6 gennaio 1996, il che interrompe 357 partite in cui Curry era partito sempre dalla panchina (la sua ultima partenza era stata il 15 marzo del 1991 contro Chicago). Curry avrà un season-high di 27 punti in tre partite diverse. Ottiene anche un career-high di 11 rimbalzi contro Philadelphia il 14 aprile 1996. Nell 1996/97 anche Johnson lascia gli Hornets ma Curry ha un'altra buona stagione nonostante debba fermarsi per 14 partite a causa di un polpaccio destro teso, il naso rotto e l'influenza. L’infortunio al polpaccio limiterà anche minutaggio ed efficacia nei playoff finendo per privare gli Hornets di un’arma importante, così gli Hornets sono sconfitti 0-3 da New York. Finirà quinto per il premio di sesto uomo con una media di 14,8 punti a partita e sparando con un .426 dal campo, mentre da tre punti fa 126/296. Il suo .426 da dietro l'arco gli vale il sesto posto in questa classifica. Curry diventa anche il 202° giocatore nella storia della NBA a segnare 10.000 punti il 18 gennaio a New Jersey. E’ in questa stagione che segna il suo career-high di 38 punti (piccolo spezzone nel video) durante la serata di apertura in un 109-98 contro Toronto. Forte di una prestazione tecnica e anche mentale visto che dalla lunetta l’anno precedente aveva dato la vittoria agli Hornets sul campo dei Bulls, realizza 43 tentativi consecutivi dal 29 gennaio al 26 marzo. Curry gioca la sua ultima stagione a Charlotte nel 1997/98, scendendo sul parquet 52 volte totalizzando 9,4 punti a partita, ma sembra essere in fase calante anche per via di qualche problemino fisico. Il 5 novembre e il 29 dicembre nelle vittorie ottenute rispettivamente contro Dallas e Houston registra i suoi season-high con ventitré punti. L’ultimo colpo di coda è in gara 2 a Chicago, con i suoi 15 punti (insieme anche a B.J. Armstrong) Charlotte ribalta la partita e fa ottenere una prestigiosa vittoria agli Hornets allo United center, anche se i Bulls vinceranno la serie 4-1. Dopo una trattativa non andata a buon fine con il presidente George Shinn, l’ultimo pezzo degli Charlotte Hornets originari lascia il North Carolina per approdare in Wisconsin a Milwaukee, dove giocherà una bella stagione ma verrà ceduto perché i suoi problemi alla schiena privano Milwaukee di un buon giocatore durante i playoffs. A Milwaukee vince la classifica NBA per la media dei tiri realizzati da 3 punti con il .475. Le ultime tre stagioni le spenderà nei Toronto Raptors (2000-2002). L’ultima gara è il 17 aprile 2002, Dell segna 7 punti e mette la sua ultima tripla contro i Cavaliers. Termina la carriera (16 anni) con un pazzesco 40,2 per cento da tre punti. Curry rimane il miglior marcatore ad oggi (2013) per la franchigia degli Charlotte Hornets (oggi New Orleans Pelicans) con 9839 punti, è anche il leader in partite giocate, realizzazioni da tre punti, tentati da tre punti e tre punti %. In totale nella sua carriera realizzerà 12670 punti. Fuori dal campo Dell si sposa con Sonya (ex giocatrice di volley sempre di Virginia Tech), dal sodalizio due maschi Stephen e Seth e una femmina Sydell. Il primo genito è Wardell Stephen Curry II (nato nel1988), attuale playmaker dei Golden State Warriors e settima scelta assoluta nel draft 2009. Dell trasmette al figlio le sue conoscenze, infatti, da tre punti Stephen è letale, inoltre possiede un ottimo ball handling giocando in posizione differente dal padre. L’altro maschio in famiglia è Seth Adham Curry, classe 1990. Giocando per Duke ha dimostrato di essere sui livelli di famiglia ma è stato un po’ chiuso da Kyrie Irving ed Austin Rivers. Anche lui naturalmente ha un gran tiro. La figlia invece è Sydell Curry, attualmente diciottenne la quale gioca a pallavolo alla Charlotte Christian School, amore per il volley trasmessogli dalla madre probabilmente. Madre che invece annovera tra i suoi hobby la pesca, il golf e lo sci d'acqua. Nel 1998 fa nascere anche la “Dell Curry Foundation”, un’associazione di beneficenza orientata verso i giovani a Charlotte. La fondazione gestisce cinque centri di apprendimento a Charlotte per fornire formazione educativa e consulenza contro la droga. Nel 2004 viene inserito nella Virgina Sports Hall of Fame. Nel 2007 rinuncia all’incarico di vice allenatore per i Bobcats per seguire le partite dei figli. L’incarico gli era stato dato il 18 giugno dello stesso anno. Dal 2009 inizia a lavorare come commentatore tecnico per gli Charlotte Bobcats, ruolo che sta continuando a svolgere nel 2014, ora come Hornets.

6^ (Wardell Stephen) Dell Curry-N°30, SG, 25/06/1964, Harrisonburg (Virginia), 196 cm, 93 kg, 1988-98, squadra precedente Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Virginia Polytechnic Institute and State University, Stipendio ultimo anno Hornets (1997/98): $3,660,000, G.701, Pt. 9839, Playoffs: G. 25, Pt. 216.
Il mio video a lui dedicato:
http://www.youtube.com/watch?v=U3tzapnVzno
Con 9839 punti è il miglior realizzatore di tutti i tempi per la franchigia degli Hornets.
Dell inizia fin da piccolo a giocare a basket ma ha un piccolo difetto.
Come quasi tutti i bambini è quasi fisiologico il fatto di tirare con entrambe le mani.
All’età di nove anni si rompe il braccio sinistro e questo lo costringe a rivedere la sua tecnica e lo obbliga a costruirsi un tiro più conforme a una sola mano, così inizia a migliorare la sua meccanica, cosa che si rivelerà essere il suo pass per la NBA. Stilisticamente bello da vedere il tiro di Curry per coordinazione, Dell ha un veloce rilascio ed un’esecuzione incantevole.
Curry oltre al basket pratica con ottimi risultati anche il baseball a Virginia Tech, infatti, viene scelto con la chiamata numero 14 al Draft Mlb del 1985 dai Baltimora Orioles ma Dell preferisce non accettare la chiamata preferendo tentare la carriera cestistica confidando nelle sue doti balistiche e cestistiche in generale.
La NBA gli da ragione, infatti, gli Utah Jazz lo scelgono al primo giro con la quindicesima scelta.
A Virginia Tech detiene il record per palle recuperate (295) ed è il secondo miglior realizzatore nella storia dell’università con 2389 punti.
Dell debutta nella NBA il 31 ottobre 1986 contro i Dallas Mavericks segnando 6 punti.
Il primo anno da rookie a Salt Lake City è sotto l’allenatore Frank Layden, dal quale però è scarsamente impiegato. Dell giocherà 636 minuti in 67 partite, nonostante ciò andrà in doppia cifra ben 12 volte con un .426 dal campo.
Curry però come guardia tiratrice o ala piccola fu chiuso da Darrell Griffith e Bobby Hansen ai Jazz, così fu ceduto ai Cleveland Cavaliers in data 8 ottobre 1987.
Lo scambio vide arrivare nello stato dei mormoni Darryl Dawkins e Mel Turpin in cambio appunto dello stesso Curry e Kent Benson.
Curry avrà un impatto immediato a Cleveland, segnando 20 punti nel suo debutto con i Cavs.
Qui si ritaglia il suo posto come sesto uomo.
Venendo dalla panchina in 79 partite realizza a fine stagione una media di 10 punti a gara.
Cleveland lascia Curry unprotected per il draft d’espansione NBA nel 1988 rendendolo selezionabile, così gli Charlotte Hornets fiutando il talento di Dell lo scelsero subito.
L’inizio è in salita però. Dell è in lista infortunati e salterà le prime 19 partite a causa di un polso rotto in allenamento.
Quando tornò, nonostante l’allenatore lo lasci fuori per scelta tecnica per 14 gare (Curry giocherà 48 partite in stagione), fornì buone prestazioni, andandosi ad affermare come uno dei migliori tiratori puri della lega. Il suo season-high è di 31 punti il 18 aprile contro New Jersey.
Nella sua seconda stagione, la più disgraziata per gli Charlotte Hornets, Dell avrà un season-high di 30 punti il 15 gennaio a Phoenix. Curry salterà le ultime cinque gare della stagione a causa di un infortunio alla caviglia.
Nel 1990-91, al suo terzo anno agli Hornets, Curry gioca 76 partite con una media di 10,6 punti ma in squadra trova spazio il rookie Kendall Gill, così si deve accontentare di soli 19,9 minuti a partita, dopo aver giocato 27,8 di media l’anno precedente. Riesce però a partire nello starting five 14 volte perché Rex Chapman è infortunato. Il suon season-high è di 26 punti a Indiana il 30 gennaio.
Nel 1991-92 conclude la stagione regolare con una media 15,7 punti e il .486 tiro dal campo. Migliora sensibilmente anche la sua percentuale da 3 punti con un .404 frutto di 74 centri su 183 tentativi terminando nono nella NBA. La sua media dalla lunga distanza gli vale un viaggio per l’All-Star game 1992 a Orlando, dove partecipò nella Long Distance Shootout (finì quinto).
Ottiene la sua prima doppia-doppia con 18 punti e 10 assist contro i Golden State il 6 febbraio.
Nella stagione 1992/93 Dell gioca 80 partite ed arriva quarto dopo il voto per il premio NBA Sixth Man Award. Si classifica undicesimo dalla lunetta con una percentuale di .866. Segna 95 tiri da 3 punti su 237 tentativi. Il season-high è di 33 punti a Washington il 30 gennaio.
Nella stagione seguente utilizzando uno dei “release” più veloci nella NBA, Curry mette 152 tiri da 3 punti su 378 conclusioni effettuate. Si è classificato terzo nella NBA nei tiri realizzati da tre punti. La media di Curry è di 16,3 punti a partita (in squadra dietro solo ad Alonzo Mourning e Larry Johnson), il fatto che la ottenga uscendo dalla panchina gli vale il Premio NBA di sesto uomo per il 1993-1994. Curry contro i New York Knicks, l’8 gennaio, mette a referto il suo season-high che è di 30 punti.
Nel 1994/95 continua ad essere una delle riserve più pericolose della lega segnando 13,6 punti a partita. Segna un trentello contro i Milwaukee Bucks in data 11 novembre. Segna 43 tiri liberi consecutivi dal 5 novembre al 16 dicembre. Curry approfitta dell’adattamento della linea da 3 punti nella NBA per ritoccare dei record personali, come realizzare 154 canestri da tre punti, battendo il record che aveva stabilito la stagione precedente. La sua percentuale di .427 da terra a tre punti è stata l’undicesima nella NBA. Curry deve stare però fuori per 10 partite in stagione, dal 23 marzo al 12 aprile per infortunio.
Nonostante gli Hornets si trovino pieni di esterni nella stagione 1995/96 causa dell’improvviso scambio che portò Mourning a Miami e Rice a Charlotte, ormai Dell è una garanzia ed estende il minutaggio a 28,9 a partita, fa 164/406 dalla lunga distanza. Gioca tutte le 82 partite e di media ha 14,5 punti a partita. La squadra però va così così. L’allenatore Bristow quindi decide di dare una scossa alla squadra facendo partire Curry in quintetto il 6 gennaio 1996, il che interrompe 357 partite in cui Curry era partito sempre dalla panchina (la sua ultima partenza era stata il 15 marzo del 1991 contro Chicago). Curry avrà un season-high di 27 punti in tre partite diverse. Ottiene anche un career-high di 11 rimbalzi contro Philadelphia il 14 aprile 1996.
Nell 1996/97 anche Johnson lascia gli Hornets ma Curry ha un’altra buona stagione nonostante debba fermarsi per 14 partite a causa di un polpaccio destro teso, il naso rotto e l’influenza. L’infortunio al polpaccio limiterà anche minutaggio ed efficacia nei playoff finendo per privare gli Hornets di un’arma importante, così gli Hornets sono sconfitti 0-3 da New York. Finirà quinto per il premio di sesto uomo con una media di 14,8 punti a partita e sparando con un .426 dal campo, mentre da tre punti fa 126/296. Il suo .426 da dietro l’arco gli vale il sesto posto in questa classifica. Curry diventa anche il 202° giocatore nella storia della NBA a segnare 10.000 punti il 18 gennaio a New Jersey. E’ in questa stagione che segna il suo career-high di 38 punti (piccolo spezzone nel video) durante la serata di apertura in un 109-98 contro Toronto. Forte di una prestazione tecnica e anche mentale visto che dalla lunetta l’anno precedente aveva dato la vittoria agli Hornets sul campo dei Bulls, realizza 43 tentativi consecutivi dal 29 gennaio al 26 marzo.
Curry gioca la sua ultima stagione a Charlotte nel 1997/98, scendendo sul parquet 52 volte totalizzando 9,4 punti a partita, ma sembra essere in fase calante anche per via di qualche problemino fisico. Il 5 novembre e il 29 dicembre nelle vittorie ottenute rispettivamente contro Dallas e Houston registra i suoi season-high con ventitré punti. L’ultimo colpo di coda è in gara 2 a Chicago, con i suoi 15 punti (insieme anche a B.J. Armstrong) Charlotte ribalta la partita e fa ottenere una prestigiosa vittoria agli Hornets allo United center, anche se i Bulls vinceranno la serie 4-1.
Dopo una trattativa non andata a buon fine con il presidente George Shinn, l’ultimo pezzo degli Charlotte Hornets originari lascia il North Carolina per approdare in Wisconsin a Milwaukee, dove giocherà una bella stagione ma verrà ceduto perché i suoi problemi alla schiena privano Milwaukee di un buon giocatore durante i playoffs. A Milwaukee vince la classifica NBA per la media dei tiri realizzati da 3 punti con il .475. Le ultime tre stagioni le spenderà nei Toronto Raptors (2000-2002). L’ultima gara è il 17 aprile 2002, Dell segna 7 punti e mette la sua ultima tripla contro i Cavaliers.
Termina la carriera (16 anni) con un pazzesco 40,2 per cento da tre punti. Curry rimane il miglior marcatore ad oggi (2013) per la franchigia degli Charlotte Hornets (oggi New Orleans Pelicans) con 9839 punti, è anche il leader in partite giocate, realizzazioni da tre punti, tentati da tre punti e tre punti %. In totale nella sua carriera realizzerà 12670 punti.
Fuori dal campo Dell si sposa con Sonya (ex giocatrice di volley sempre di Virginia Tech), dal sodalizio due maschi Stephen e Seth e una femmina Sydell.
Il primo genito è Wardell Stephen Curry II (nato nel1988), attuale playmaker dei Golden State Warriors e settima scelta assoluta nel draft 2009. Dell trasmette al figlio le sue conoscenze, infatti, da tre punti Stephen è letale, inoltre possiede un ottimo ball handling giocando in posizione differente dal padre.
L’altro maschio in famiglia è Seth Adham Curry, classe 1990. Giocando per Duke ha dimostrato di essere sui livelli di famiglia ma è stato un po’ chiuso da Kyrie Irving ed Austin Rivers. Anche lui naturalmente ha un gran tiro.
La figlia invece è Sydell Curry, attualmente diciottenne la quale gioca a pallavolo alla Charlotte Christian School, amore per il volley trasmessogli dalla madre probabilmente. Madre che invece annovera tra i suoi hobby la pesca, il golf e lo sci d’acqua.
Nel 1998 fa nascere anche la “Dell Curry Foundation”, un’associazione di beneficenza orientata verso i giovani a Charlotte. La fondazione gestisce cinque centri di apprendimento a Charlotte per fornire formazione educativa e consulenza contro la droga.
Nel 2004 viene inserito nella Virgina Sports Hall of Fame.
Nel 2007 rinuncia all’incarico di vice allenatore per i Bobcats per seguire le partite dei figli. L’incarico gli era stato dato il 18 giugno dello stesso anno.
Dal 2009 inizia a lavorare come commentatore tecnico per gli Charlotte Bobcats, ruolo che sta continuando a svolgere nel 2014, ora come Hornets.

6^ Rickey Green-N°14, PG, 18/08/1954, Chicago, 183 cm, 77 kg, 1988-89, squadra precedente: Utah Jazz, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 34, Pt. 128.

7^ Rickey Green-N°14, PG, 18/08/1954, Chicago, 183 cm, 77 kg, 1988-89, squadra precedente: Utah Jazz, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 34, Pt. 128.

7^ Michael (David) Holton "Mike"-N°6, PG, 04/08/1961, Seattle, 193 cm, 84 kg, 1988-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Tulsa Fast Breakers, G. 83, Pt. 582. http://www.youtube.com/watch?v=hhmW3vHpGUo&feature=youtu.be Holton è stato scelto alla cinquantatreesima posizione del Draft NBA del 1983 dai Golden State Warriors, tuttavia i Warriors preferiscono non avvalersi dei suoi servigi, così "Mike" finisce per giocare un anno con i Puerto Rico Coquis della CBA. Passerà poi per Phoenix, firmerà un contratto per dieci giorni con i Chicago Bulls, rinnovato fino alla fine della stagione ma l'anno seguente, i Bulls decidono di non pareggiare l'offerta dei Portland Trail Blazers per il giocatore. Nel 1988, la NBA percreare i roster di Heat ed Hornets creò un Draft d'espansione, Holton, non protetto, finì a giocare per i Calabroni. La prima sarà la stagione migliore della sua carriera. Partirà 60 volte titolare su 67 gare disputate, giocando 25,3 minuti a partita, finendo con una media punti di 8,3 e smerciando 6.3 assist a gara. Dopo aver saltato più di metà della stagione 1989-1990 a causa di un infortunio, gioca solo 16 gare e viene lasciato a piedi dagli Hornets e a 28 anni termina la sua carriera NBA. Gioca ancor un pauio d'anni nella CBA, nel 1990/91 nei Tulsa Fast Breakers e nel 1991/92 si ritira dal basket giocato battendosi per i Tri-City Chinook. Dal 2001 al 2006 prova l'esperienza di allenatore alla Università di Portland. Oggi (2013) ha una compagnia che offre servizi assicurativi, ecco il link: http://www.michaelholton.com/

8^ Michael (David) Holton “Mike”-N°6, PG, 04/08/1961, Seattle, 193 cm, 84 kg, 1988-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Tulsa Fast Breakers, G. 83, Pt. 582.
http://www.youtube.com/watch?v=hhmW3vHpGUo&feature=youtu.be
Holton è stato scelto alla cinquantatreesima posizione del Draft NBA del 1983 dai Golden State Warriors, tuttavia i Warriors preferiscono non avvalersi dei suoi servigi, così “Mike” finisce per giocare un anno con i Puerto Rico Coquis della CBA.
Passerà poi per Phoenix, firmerà un contratto per dieci giorni con i Chicago Bulls, rinnovato fino alla fine della stagione ma l’anno seguente, i Bulls decidono di non pareggiare l’offerta dei Portland Trail Blazers per il giocatore.
Nel 1988, la NBA percreare i roster di Heat ed Hornets creò un Draft d’espansione, Holton, non protetto, finì a giocare per i Calabroni.
La prima sarà la stagione migliore della sua carriera. Partirà 60 volte titolare su 67 gare disputate, giocando 25,3 minuti a partita, finendo con una media punti di 8,3 e smerciando 6.3 assist a gara.
Dopo aver saltato più di metà della stagione 1989-1990 a causa di un infortunio, gioca solo 16 gare e viene lasciato a piedi dagli Hornets e a 28 anni termina la sua carriera NBA.
Gioca ancor un pauio d’anni nella CBA, nel 1990/91 nei Tulsa Fast Breakers e nel 1991/92 si ritira dal basket giocato battendosi per i Tri-City Chinook.
Dal 2001 al 2006 prova l’esperienza di allenatore alla Università di Portland.
Oggi (2013) ha una compagnia che offre servizi assicurativi, ecco il link:
http://www.michaelholton.com/

8^ Dave (Dirk) Hoppen-N°42, PF-C, 13/03/1964, Omaha, 211 cm, 107 kg, 1988-91, squadra precedente: Golden State Warriors, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 106, Pt. 584. http://www.youtube.com/watch?v=Odkxb-7F0nw&feature=youtu.be

9^ Dave (Dirk) Hoppen-N°42, PF-C, 13/03/1964, Omaha, 211 cm, 107 kg, 1988-91, squadra precedente: Golden State Warriors, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 106, Pt. 584.
http://www.youtube.com/watch?v=Odkxb-7F0nw&feature=youtu.be

9^ Tim ('othy Joseph) Kempton-N°41, PF, 25/01/1964, Jamaica (NY), 208 cm, 111 kg, 1988-89 e 1994, G. 88, Pt. 509. http://www.youtube.com/watch?v=GktXwViG4YY&feature=youtu.be In Italia Tim Kempton giocò con tre divise differenti; Napoli Basket, Scaligera Verona ed Aresium. L'Aresium era una società nata ad Arese, un paese dell'hinterland Milanese che poi spostò le sue gare a Milano al PalaLido o al PalaSharp. Arese, dopo essere stata promossa in A1 nel 1995, si dovette arrendere nel 1995/96 quando la società fu sciolta dopo una stagione terminata all'ultimo posto.

10^ Tim (‘othy Joseph) Kempton-N°41, PF, 25/01/1964, Jamaica (NY), 208 cm, 111 kg, 1988-89 e 1994, G. 88, Pt. 509.
http://www.youtube.com/watch?v=GktXwViG4YY&feature=youtu.be
In Italia Tim Kempton giocò con tre divise differenti; Napoli Basket, Scaligera Verona ed Aresium. L’Aresium era una società nata ad Arese, un paese dell’hinterland Milanese che poi spostò le sue gare a Milano al PalaLido o al PalaSharp. Arese, dopo essere stata promossa in A1 nel 1995, si dovette arrendere nel 1995/96 quando la società fu sciolta dopo una stagione terminata all’ultimo posto.

10^ Greg ('ory Fuller) Kite-N°32, C, 05/08/1961 Houston (Texas), 211 cm, 110 kg, 1989, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Sacramento Kings, G. 12, Pt. 38. http://www.youtube.com/watch?v=hOKOnPj4fm0&feature=youtu.be

11^ Greg (‘ory Fuller) Kite-N°32, C, 05/08/1961 Houston (Texas), 211 cm, 110 kg, 1989, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Sacramento Kings, G. 12, Pt. 38.
http://www.youtube.com/watch?v=hOKOnPj4fm0&feature=youtu.be

11^ Sidney (Rochell) Lowe-N°35, PG, 21/01/1960, Washington, 183 cm, 88 kg, 1988-89, squadra precedente: Albany Patroons, squadra successiva: Minnesota Timberwolves, G. 14, Pt. 23. http://www.youtube.com/watch?v=MrSukLPa31M&feature=youtu.be

12^ Sidney (Rochell) Lowe-N°35, PG, 21/01/1960, Washington, 183 cm, 88 kg, 1988-89, squadra precedente: Albany Patroons, squadra successiva: Minnesota Timberwolves, G. 14, Pt. 23.
http://www.youtube.com/watch?v=MrSukLPa31M&feature=youtu.be

12^ (Darrell) Kurt Rambis-N°31, PF, 25/02/1958, Cupertino (California), 203 cm, 97 kg, 1988-89, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadra successiva: Phoenix Suns, College: Santa Clara Broncos, G. 91, Pt. 978. http://www.youtube.com/watch?v=ZAFIuvCXYVc&feature=youtu.be Kurt Rambis, un Hornet della prima stagione. Pluricampione con i Lakers anni '80 di Abdul Jabbar e Magic Johnson, viene ingaggiato dagli Charlotte Hornets nel 1988. Suo il buzzer beater che il 23 dicembre 1988 fa cadere i Bulls allo Charlotte Coliseum, accendendo la passione dei tifosi per la squadra. Anni di tutto esaurito dopo quella vittoria andata in onda con diretta nazionale. Tornato a Los Angeles per giocare contro gli ex compagni gli verranno tributati tutti gli onori con una piccola cerimonia. Abile a rimbalzo soprattutto, anche in attacco catturando palloni riesce a farsi valere sotto le plance. Discreta difesa è il classico giocatore non appariscente (se non per il suo look con occhiali e baffetti che lo rende originale) ma votato alla difesa e quindi amato da quei tifosi a cui piace veder lottare il proprio rappresentante in campo. Qualcuno ha detto: "La classe operaia al potere", una descrizione che ci potrebbe stare. "Superman" era il suo soprannome ai tempi gialloviola, perché aveva questi occhiali che ricordavano Clark Kent, l'alter ego di Superman appunto. Kurt si ritira nel 1995, vanta anche un'esperienza come allenatore dei Minnesota Timberwolves.

13^ (Darrell) Kurt Rambis-N°31, PF, 25/02/1958, Cupertino (California), 203 cm, 97 kg, 1988-89, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadra successiva: Phoenix Suns, College: Santa Clara Broncos, G. 91, Pt. 978.
http://www.youtube.com/watch?v=ZAFIuvCXYVc&feature=youtu.be
Kurt Rambis, un Hornet della prima stagione.
Pluricampione con i Lakers anni ’80 di Abdul Jabbar e Magic Johnson, viene ingaggiato dagli Charlotte Hornets nel 1988.
Suo il buzzer beater che il 23 dicembre 1988 fa cadere i Bulls allo Charlotte Coliseum, accendendo la passione dei tifosi per la squadra.
Anni di tutto esaurito dopo quella vittoria andata in onda con diretta nazionale.
Tornato a Los Angeles per giocare contro gli ex compagni gli verranno tributati tutti gli onori con una piccola cerimonia. Abile a rimbalzo soprattutto, anche in attacco catturando palloni riesce a farsi valere sotto le plance.
Discreta difesa è il classico giocatore non appariscente (se non per il suo look con occhiali e baffetti che lo rende originale) ma votato alla difesa e quindi amato da quei tifosi a cui piace veder lottare il proprio rappresentante in campo. Qualcuno ha detto:
“La classe operaia al potere”, una descrizione che ci potrebbe stare.
“Superman” era il suo soprannome ai tempi gialloviola, perché aveva questi occhiali che ricordavano Clark Kent, l’alter ego di Superman appunto.
Kurt si ritira nel 1995, vanta anche un’esperienza come allenatore dei Minnesota Timberwolves.

13^ Robert (Keith) Reid-N°50, SF, 30/08/1955, Atlanta (Georgia), 203 cm, 93 kg, squadra precedente: Houston Rockets, squadra Intermezzo: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Aurora Desio, 1988-90, G. 142, Pt. 1590. http://www.youtube.com/watch?v=up11SI3VIRg&feature=youtu.be

14^ Robert (Keith) Reid-N°50, SF, 30/08/1955, Atlanta (Georgia), 203 cm, 93 kg, squadra precedente: Houston Rockets, squadra Intermezzo: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Aurora Desio, 1988-90, G. 142, Pt. 1590.
http://www.youtube.com/watch?v=up11SI3VIRg&feature=youtu.be

14^ Brian (Maurice) Rowsom-N° 32, PF, 23/10/1965, Newmark, 206 cm, 100 kg, 1988-90, squadra precedente: Pau-Orthez (Francia), squadra successiva: Hapoel Eilat (Israele), G. 78, Pt. 451. http://www.youtube.com/watch?v=XgvO2CNjogg&feature=youtu.be Rowsom viene scelto dagli Indiana Pacers nel 1987 come trentaquattresimo assoluto. Qui gioca solo quattro partite e mette a referto 6 punti. Dopo l'esperienza al Pau, Rowson viene chiamato come free agent dagli Charlotte Hornets per la stagione 1988-89 e mette piede in campo 34 volte, terminando il suo primo anno con i Calabroni, con una discreta media punti di 6,6. Oggi Rowsom si cimenta come allenatore. Dopo alcune esperienze in patria tra le quali i Carolina Thunder (2005-2006), Rowson nel 2009-10 è l'allenatore degli Oita Heat Devils, squadra giapponese. Attualmente (2013) è in Qatar come allenatore del team Al Rayyan.

15^ Brian (Maurice) Rowsom-N° 32, PF, 23/10/1965, Newmark, 206 cm, 100 kg, 1988-90, squadra precedente: Pau-Orthez (Francia), squadra successiva: Hapoel Eilat (Israele), G. 78, Pt. 451.
http://www.youtube.com/watch?v=XgvO2CNjogg&feature=youtu.be
Rowsom viene scelto dagli Indiana Pacers nel 1987 come trentaquattresimo assoluto.
Qui gioca solo quattro partite e mette a referto 6 punti.
Dopo l’esperienza al Pau, Rowson viene chiamato come free agent dagli Charlotte Hornets per la stagione 1988-89 e mette piede in campo 34 volte, terminando il suo primo anno con i Calabroni, con una discreta media punti di 6,6.
Oggi Rowsom si cimenta come allenatore.
Dopo alcune esperienze in patria tra le quali i Carolina Thunder (2005-2006), Rowson nel 2009-10 è l’allenatore degli Oita Heat Devils, squadra giapponese.
Attualmente (2013) è in Qatar come allenatore del team Al Rayyan.

15^ (Byron Thomas) "Tom" Tolbert-N°23/39, PF, 16/10/1965, Long Beach, 201 cm, 107 kg, 1988 e 1994-95, G. 24, Pt. 54. http://www.youtube.com/watch?v=nhKWAFseGEM Byron Thomas Tolbert, meglio conosciuto come Tom Tolbert, è stato un giocatore di basket che ha iniziato e terminato la sua carriera con gli Hornets. Questo non vuol dire però che abbia sempre giocato per essi, infatti la squadra con cui ha più presenze, sono i Golden State Warriors. Ha giocato un totale di sette stagioni nella National Basketball Association. Dopo il ritiro dal basket, Tolbert è diventato un co-conduttore di uno show radiofonico a San Francisco ed anche un commentatore per le televisioni NBC, ESPN e ABC per quel che concerne la NBA. Tolbert, dopo il liceo, ha giocato a basket al college per la University of California, Irvine (1983-1985), Cerritos College (1985-86), e per l'Università di Arizona (1986-1988). In Arizona, Tolbert ha aiutato la squadra ad apparire alle Final Four del 1988. Nel 1988, è stato selezionato con la 34° chiamata dagli Charlotte Hornets. Si ritirò dopo la stagione 1994-1995 dopo la nascita di suo figlio maggiore. Tolbert vive ad Alameda, in California, con la moglie e tre figli.

16^ (Byron Thomas) “Tom” Tolbert-N°23/39, PF, 16/10/1965, Long Beach, 201 cm, 107 kg, 1988 e 1994-95, G. 24, Pt. 54.
http://www.youtube.com/watch?v=nhKWAFseGEM
Byron Thomas Tolbert, meglio conosciuto come Tom Tolbert, è stato un giocatore di basket che ha iniziato e terminato la sua carriera con gli Hornets.
Questo non vuol dire però che abbia sempre giocato per essi, infatti la squadra con cui ha più presenze, sono i Golden State Warriors.
Ha giocato un totale di sette stagioni nella National Basketball Association.
Dopo il ritiro dal basket, Tolbert è diventato un co-conduttore di uno show radiofonico a San Francisco ed anche un commentatore per le televisioni NBC, ESPN e ABC per quel che concerne la NBA.
Tolbert, dopo il liceo, ha giocato a basket al college per la University of California, Irvine (1983-1985), Cerritos College (1985-86), e per l’Università di Arizona (1986-1988).
In Arizona, Tolbert ha aiutato la squadra ad apparire alle Final Four del 1988.
Nel 1988, è stato selezionato con la 34° chiamata dagli Charlotte Hornets.
Si ritirò dopo la stagione 1994-1995 dopo la nascita di suo figlio maggiore.
Tolbert vive ad Alameda, in California, con la moglie e tre figli.

16^ (Peter) Kelly Tripucka-N°7, SF, 16/02/1959, Glen Ridge, 198 cm, 100 kg, 1988-92, squadra precedente: Utah Jazz, squadra successiva: CSP Limoges, G. 227, Pt. 3379. http://www.youtube.com/watch?v=EdRPUsRUU2w&feature=youtu.be Dopo cinque stagioni di successo a Detroit, i Pistons decidono di mandare Tripucka ai Jazz per Adrian Dantley nel 1986. Tripucka e l'allenatore dei Jazz Frank Layden non andavano proprio d'accordo, anche perchè Layden stava cercando di costruire la squadra intorno al talento di John Stockton e Karl Malone, e Tripucka era stato un po' tagliato fuori dagli schemi offensivi del team, proprio lui che era un gran realizzatore non poteva digerirla questa situazione. Ebbe così due stagioni poco brillanti nello Utah (9,1 punti a partita). Dopo due stagioni frustranti co i Jazz, sono gli Charlotte Hornets (nuovo team NBA) a selezionare Tripucka nel 1988 durante il draft d'espansione. Nella sua prima stagione con gli Hornets tornò al suo abituale forma all-star, portando in dote agli Hornets 22,6 punti di media a partita. In una gara del 1989 tra gli Hornets ed i Jazz, poco dopo che Frank Layden si dimise da allenatore dei Jazz (sostituito da Jerry Sloan per 16 stagioni), Karl Malone espresse la sua devozione a Layden scrivendo "FRANK", sulle sue scarpe da ginnastica. Imitando il gesto (anche forse provocatorio) di Malone, Tripucka risposto scrisse "DICK" (parola ambigua) sul retro delle sue scarpe (prendendo a pretesto il nome dell'allora allenatore Dick Harter degli Hornets). La mossa fu vista come una presa in giro a Layden e Malone, dato che Tripucka addebitava la sua partenza dallo Stato dei Mormoni principalmente ai due. Le due gare stagionali contro i Jazz vedono Utah vincente senza troppi problemi a Charlotte, grazie ad un Malone da 38 punti. Gli Hornets, con Kelly che parte dalla panca, beffano a casa dei Jazz, il 26 gennaio, Malone & Company con 16 punti di Tripucka vincono 89-88 grazie ad un rimbalzo catturato da Kurt Rambis e trasformato in due punti sul suono della sirena. Facendo un passo indietro, il 16 gennaio 1989 Tripucka segna per la seconda volta 40 punti in una gara e gli Hornets si impongono nel loro primo overtime allo Spectrum, casa dei Philadelphia 76ers. Nella seconda stagione Tripucka con gli Hornets, ha una media di 15,6 punti a partita, ma la squadra avrà un misero record, peggiorando di una partita rispetto al loro record della stagione inaugurale. Nel finale di stagione da ricordare un suo libero a 0,7 decimi di secondo dalla fine permette agli Hornets di battere i Warriors 110-109 al Coliseum. La stagione 1990-1991, lo vede ai minimi di carriera, con soli 7 punti, 2,3 rimbalzi, e 2,1 assist a partita. A seguito della stagione, Tripucka si ritirò dalla NBA.

17^ (Peter) Kelly Tripucka-N°7, SF, 16/02/1959, Glen Ridge, 198 cm, 100 kg, 1988-92, squadra precedente: Utah Jazz, squadra successiva: CSP Limoges, G. 227, Pt. 3379.
http://www.youtube.com/watch?v=EdRPUsRUU2w&feature=youtu.be
Dopo cinque stagioni di successo a Detroit, i Pistons decidono di mandare Tripucka ai Jazz per Adrian Dantley nel 1986.
Tripucka e l’allenatore dei Jazz Frank Layden non andavano proprio d’accordo, anche perchè Layden stava cercando di costruire la squadra intorno al talento di John Stockton e Karl Malone, e Tripucka era stato un po’ tagliato fuori dagli schemi offensivi del team, proprio lui che era un gran realizzatore non poteva digerirla questa situazione.
Ebbe così due stagioni poco brillanti nello Utah (9,1 punti a partita). Dopo due stagioni frustranti co i Jazz, sono gli Charlotte Hornets (nuovo team NBA) a selezionare Tripucka nel 1988 durante il draft d’espansione.
Nella sua prima stagione con gli Hornets tornò al suo abituale forma all-star, portando in dote agli Hornets 22,6 punti di media a partita. In una gara del 1989 tra gli Hornets ed i Jazz, poco dopo che Frank Layden si dimise da allenatore dei Jazz (sostituito da Jerry Sloan per 16 stagioni), Karl Malone espresse la sua devozione a Layden scrivendo “FRANK”, sulle sue scarpe da ginnastica. Imitando il gesto (anche forse provocatorio) di Malone, Tripucka risposto scrisse “DICK” (parola ambigua) sul retro delle sue scarpe (prendendo a pretesto il nome dell’allora allenatore Dick Harter degli Hornets). La mossa fu vista come una presa in giro a Layden e Malone, dato che Tripucka addebitava la sua partenza dallo Stato dei Mormoni principalmente ai due. Le due gare stagionali contro i Jazz vedono Utah vincente senza troppi problemi a Charlotte, grazie ad un Malone da 38 punti. Gli Hornets, con Kelly che parte dalla panca, beffano a casa dei Jazz, il 26 gennaio, Malone & Company con 16 punti di Tripucka vincono 89-88 grazie ad un rimbalzo catturato da Kurt Rambis e trasformato in due punti sul suono della sirena. Facendo un passo indietro, il 16 gennaio 1989 Tripucka segna per la seconda volta 40 punti in una gara e gli Hornets si impongono nel loro primo overtime allo Spectrum, casa dei Philadelphia 76ers.
Nella seconda stagione Tripucka con gli Hornets, ha una media di 15,6 punti a partita, ma la squadra avrà un misero record, peggiorando di una partita rispetto al loro record della stagione inaugurale.
Nel finale di stagione da ricordare un suo libero a 0,7 decimi di secondo dalla fine permette agli Hornets di battere i Warriors 110-109 al Coliseum.
La stagione 1990-1991, lo vede ai minimi di carriera, con soli 7 punti, 2,3 rimbalzi, e 2,1 assist a partita. A seguito della stagione, Tripucka si ritirò dalla NBA.

17^ Richard (Andrew) Anderson-N°35, PF-C, 19/11/1960, San Pedro, 208 cm, 109 kg, 1989-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 54, Pt. 231.

18^ Richard (Andrew) Anderson-N°35, PF-C, 19/11/1960, San Pedro, 208 cm, 109 kg, 1989-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 54, Pt. 231. https://www.youtube.com/watch?v=r3pN2Jz_PSc

Terry (Linnard) Dozier-N°23, PF, 29/06/1966, Baltimora, 206 cm, 95 kg, 1989, squadra precedente: -, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 9, Pt. 22. http://www.youtube.com/watch?v=KeQ9hcGKGWk&feature=youtu.be

19^ Terry (Linnard) Dozier-N°23, PF, 29/06/1966, Baltimora, 206 cm, 95 kg, 1989, squadra precedente: -, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 9, Pt. 22.
http://www.youtube.com/watch?v=KeQ9hcGKGWk&feature=youtu.be

18^ Kenny (Kenneth Clay) Gattison-N°33/44, PF/C, 23/05/1964, Wilmington (NC), 203 cm, 102 kg, 1989-95, G. 390, Pt. 3289. http://youtu.be/1ziBV0oJfG8 Kenny Gattison è stato selezionato dai Phoenix Suns nel 3° turno (55° in totale) del Draft NBA 1986. L'ala/centro, ha giocato nove stagioni NBA per 3 squadre diverse. Ha giocato per i Phoenix Suns (1986-1988), negli Charlotte Hornets (1989-1995) e per i Vancouver Grizzlies (1995-96). La sua migliore stagione da professionista è stata nel 1991/92, proprio come membro degli Hornets, apparendo in 82 partite (71 da titolare) con una media di 12,7 punti e 7,1 rimbalzi a partita. Kenny Gattison viene utilizzato spesso come centro dagli Hornets. Nella stagione 1994-1995, gli Hornets, trasformati in una nuova squadra emergente, grazie a Zo ed LJ non sembravano aver troppo bisogno di un centro sottodimensionato, anche perchè in quel ruolo (come centro di riserva) era arrivato un esperto Robert Parish ormai a fine carriera. "Gatt" quindi fu selezionato nell'expansion Draft dai Vancouver Grizzlies il 24/06/1995. Giocando come centro, stava tenendo in una squadra alle prime armi, una buona media (9.2 ppg, 4.6 rpg), ma purtroppo problemi alla schiena gli fecero saltare buona parte della stagione. Il 22 febbraio 1996 fu scambiato dai Grizzlies e mandato agli Orlando Magic, ed il 9 Agosto 1996 i Magic lo spedivano a Salt Lake City, ma purtroppo a causa di lesioni alla schiena non giocò mai una gara né con Orlando, né con Utah. Dopo il ritiro, Gattison ha fatto l'assistent coach di John Calipari ai New Jersey Nets 1996-98. Poi tornò alla sua alma mater, Virginia nel 2001, sempre come assistente allenatore fino al 2003, quando è stato nominato assistente allenatore con la sua principale ex squadra, proprio gli Hornets, che nel frattempo però si erano trasferiti a New Orleans. Rimase con New Orleans fino al giugno 2009. Il 28 luglio 2010 Gattison stato nominato assistente allenatore per gli Atlanta Hawks sotto coach Larry Drew. Fuori dal campo ha tre figli, Kyle, Bryce e Grant. Kenny giocò anche per una parentesi in Italia (21 gare) nella Libertas Forlì nel 1988-89.

20^ Kenny (Kenneth Clay) Gattison-N°33/44, PF/C, 23/05/1964, Wilmington (NC), 203 cm, 102 kg, 1989-95, G. 390, Pt. 3289.
http://youtu.be/1ziBV0oJfG8
Kenny Gattison è stato selezionato dai Phoenix Suns nel 3° turno (55° in totale) del Draft NBA 1986. L’ala/centro, ha giocato nove stagioni NBA per 3 squadre diverse.
Ha giocato per i Phoenix Suns (1986-1988), negli Charlotte Hornets (1989-1995) e per i Vancouver Grizzlies (1995-96).
La sua migliore stagione da professionista è stata nel 1991/92, proprio come membro degli Hornets, apparendo in 82 partite (71 da titolare) con una media di 12,7 punti e 7,1 rimbalzi a partita.
Kenny Gattison viene utilizzato spesso come centro dagli Hornets. Nella stagione 1994-1995, gli Hornets, trasformati in una nuova squadra emergente, grazie a Zo ed LJ non sembravano aver troppo bisogno di un centro sottodimensionato, anche perchè in quel ruolo (come centro di riserva) era arrivato un esperto Robert Parish ormai a fine carriera.
“Gatt” quindi fu selezionato nell’expansion Draft dai Vancouver Grizzlies il 24/06/1995.
Giocando come centro, stava tenendo in una squadra alle prime armi, una buona media (9.2 ppg, 4.6 rpg), ma purtroppo problemi alla schiena gli fecero saltare buona parte della stagione.
Il 22 febbraio 1996 fu scambiato dai Grizzlies e mandato agli Orlando Magic, ed il 9 Agosto 1996 i Magic lo spedivano a Salt Lake City, ma purtroppo a causa di lesioni alla schiena non giocò mai una gara né con Orlando, né con Utah.
Dopo il ritiro, Gattison ha fatto l’assistent coach di John Calipari ai New Jersey Nets 1996-98. Poi tornò alla sua alma mater, Virginia nel 2001, sempre come assistente allenatore fino al 2003, quando è stato nominato assistente allenatore con la sua principale ex squadra, proprio gli Hornets, che nel frattempo però si erano trasferiti a New Orleans.
Rimase con New Orleans fino al giugno 2009.
Il 28 luglio 2010 Gattison stato nominato assistente allenatore per gli Atlanta Hawks sotto coach Larry Drew.
Fuori dal campo ha tre figli, Kyle, Bryce e Grant.
Kenny giocò anche per una parentesi in Italia (21 gare) nella Libertas Forlì nel 1988-89.

20^ Armon (Louis) Gilliam "The Hammer"-N°45, PF-C, 28/05/1964, Pittsburgh (Pennsylvania) - 05/07/2011, Bridgeville (Pennsylvania), 206 cm, 104 kg, 1989-91, G. 85, Pt. 1622. Esiste una doppia versione del suo nome, Armon o Armen, questo perché verso la fine della sua carriera cestistica nella NBA ha cambiato l'ortografia del suo nome da "Armon" a "Armen" perché era stanco che fosse continuamente pronunciato male ed era stufo di correggere sempre le persone, quindi pensò di modificarlo in modo che fosse più rendere molto più facile da pronunciare. Armon disse di non essere musulmano, religioso o qualcosa di simile. Gilliam purtroppo crollò a terra durante una partita di basket in palestra nel sobborgo di Pittsburgh a Bridgeville, in Pennsylvania, la sera del 5 luglio 2011. Venne ricoverato all'ospedale St. Clair ma la sera stessa purtroppo venne dichiarato deceduto a causa di un attacco di cuore.

21^ Armon (Louis) Gilliam “The Hammer”-N°45, PF-C, 28/05/1964, Pittsburgh (Pennsylvania) – 05/07/2011, Bridgeville (Pennsylvania), 206 cm, 104 kg, 1989-91, G. 85, Pt. 1622.
Esiste una doppia versione del suo nome, Armon o Armen, questo perché verso la fine della sua carriera cestistica nella NBA ha cambiato l’ortografia del suo nome da “Armon” a “Armen” perché era stanco che fosse continuamente pronunciato male ed era stufo di correggere sempre le persone, quindi pensò di modificarlo in modo che fosse più rendere molto più facile da pronunciare. Armon disse di non essere musulmano, religioso o qualcosa di simile.
Gilliam purtroppo crollò a terra durante una partita di basket in palestra nel sobborgo di Pittsburgh a Bridgeville, in Pennsylvania, la sera del 5 luglio 2011.
Venne ricoverato all’ospedale St. Clair ma la sera stessa purtroppo venne dichiarato deceduto a causa di un attacco di cuore.

21^ Stuart Gray-N°55, C, 27/05/1963, Canale Di Panama, 213 cm, 107 kg, 1989-90, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: New York Knicks, G. 39, Pt. 101. http://www.youtube.com/watch?v=otBdX5Ysmtc&feature=youtu.be

22^ Stuart Gray-N°55, C, 27/05/1963, Canale Di Panama, 213 cm, 107 kg, 1989-90, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: New York Knicks, G. 39, Pt. 101.
http://www.youtube.com/watch?v=otBdX5Ysmtc&feature=youtu.be

22^ J.R. Reid (Herman Reid jr.)-N°34/7, PF, 31-03-1968, Virginia Beach, 206 cm, 112 kg, 1989-92 e 1997-99, G. 325, Pt. 3124, Playoffs: G, 9, Pt. 30. http://www.youtube.com/watch?v=wNPLCz-EBiw&feature=youtu.be

23^ J.R. Reid (Herman Reid jr.)-N°34/7, PF, 31-03-1968, Virginia Beach, 206 cm, 112 kg, 1989-92 e 1997-99, G. 325, Pt. 3124, Playoffs: G, 9, Pt. 30.
http://www.youtube.com/watch?v=wNPLCz-EBiw&feature=youtu.be

23^ Randolph Keys "Rudy"-N°31, SF, 19/04/1966, Collins (Mississipi), 201 cm, 88 kg, 1989-91, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Treviso Basket, G.76, Pt. 476.

24^ Randolph Keys “Rudy”-N°31, SF, 19/04/1966, Collins (Mississipi), 201 cm, 88 kg, 1989-91, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Treviso Basket, G.76, Pt. 476.

25^ Jerry (Lee) Sichting-N°12, PG, 29/11/1956, Martinsville (Indiana), 185 cm, 76 kg, 1989-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Purdue University, G. 34, Pt. 118. http://www.youtube.com/watch?v=qSf79uG-zq8

25^ Jerry (Lee) Sichting-N°12, PG, 29/11/1956, Martinsville (Indiana), 185 cm, 76 kg, 1989-90, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Purdue University, G. 34, Pt. 118.
http://www.youtube.com/watch?v=qSf79uG-zq8

26^ Andre (Devalle) Turner-N°10, PG, 13/12/1964, Memphis, 180 cm, 73 kg, 1989-90, squadra precedente: Memphis Rockers, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G. 8, Pt. 22.

26^ Andre (Devalle) Turner-N°10, PG, 13/12/1964, Memphis, 180 cm, 73 kg, 1989-90, squadra precedente: Memphis Rockers, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G. 8, Pt. 22. https://www.youtube.com/watch?v=7d3DlxXr9CY

64^ Michael (Douglas) Williams-N°24, PG, 23/07/1966, Dallas, 188 cm, 79 kg, 1989-90, squadra precdente: Phoenix Suns, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 22, Pt. 151.

27^ Michael (Douglas) Williams-N°24, PG, 23/07/1966, Dallas, 188 cm, 79 kg, 1989-90, squadra precdente: Phoenix Suns, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 22, Pt. 151.

28^ Ralph (Adolphus) Lewis-N°22/11, SG, 28/03/1963, Philadelphia, 198 cm, 91 kg, 1988-90, squadra precedente: Detroit Pistons, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 45, Pt. 146. http://www.youtube.com/watch?v=wbNQ2nhAPTY&feature=youtu.be

28^ Ralph (Adolphus) Lewis-N°22/11, SG, 28/03/1963, Philadelphia, 198 cm, 91 kg, 1988-90, squadra precedente: Detroit Pistons, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 45, Pt. 146.
http://www.youtube.com/watch?v=wbNQ2nhAPTY&feature=youtu.be

29^ Gene (Eugene Scape) Littles-29/06/1943, Washington (D.C.), 183 cm, 73 kg, 1989-91. Secondo allenatore della storia degli Hornets, 37 V. 87 P.

29^ Gene (Eugene Scape) Littles-29/06/1943, Washington (D.C.), 183 cm, 73 kg, 1989-91. Secondo allenatore della storia degli Hornets, 37 V. 87 P.

30^ Kendall (Cedric) Gill-N°13, SF/SG, 25/05/1968, Chicago, 196 cm, 98 kg, 1990-93 e 1995-96, scelto dagli Hornets al Draft NBA 1990, squadra intermezzo: Seattle SuperSonics, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 266, Pt. 3343. http://www.youtube.com/watch?v=uDDfnk1TmCA http://www.youtube.com/watch?v=QmVkA3R3EYo Kendall Gill viene scelto dagli Charlotte Hornets nel 1990 come quinta scelta assoluta. Gill si dimostra subito un buon giocatore, gioca 82 partite e parte 36 volte titolare. Finirà con 11 punti a gara ed 1,3 rubate a partita, venendo inserito nel quintetto rookie del primo anno. Il secondo anno Gill migliora sensibilmente in punti realizzati e termina con 20,5. Con il tempo affinerà le sue doti, già fa intravedere la schiacciata (vince uno slam dunk al college) ed è un buon scippatore di palloni (nel 1998-99) vincerà la classifica delle rubate con una media di 2,7 a gara. Il 23 dicembre 1991, sotto Natale, si concede il lusso di farsi un regalo in anticipo, mettendo a segno 31 punti (il suo career high fino a quel momento) contribuendo in maniera sensibile alla vittoria per 114-106 sui 76ers allo Spectrum. Gioca ancora una stagione con i Calabroni, ma il primo settembre 1993 viene scambiato insieme ad una futura scelta 1994 (che sarà Carlos Rogers) per Dana Barros, Eddie Johnson ed una futura scelta 1994 (Sharone Wright). Il 27 giugno 1995 i Seattle SuperSonics lo rimandano a Charlotte, dopo due stagioni passate sulla costa del Pacifico, in cambio del nativo di Chicago Hersey Hawkins (proprio come lui) e l'ala David Wingate. La permanenza nella Carolina Del Nord dell'inquieto Gill però dura poco, anche perchè si dice che i rapporti con la stella Larry Johnson non siano il massimo della serenità, il 19 gennaio 1996 gli Hornets mandano lui e Khalid Reeves ai Nets per Kenny Anderson e Gerald Glass. Curiosità Gill nel 2005 entra nel mondo dei professionisti del pugilato come heavyweight, l'ultimo incontro dei quattro disputati (tutti vinti) è il 30 aprile 2010 contro Miles Kelly. Oggi lavora per la Comcast SportsNet (locale CSN), occupandosi dei Chicago Bulls (squadra di casa, per la quale ha anche militato durante la sua carriera), occupandosi dei pregame e dei postgame nei live shows. Saltuariamente è ospite anche della NBA TV come analista, solitamente quando i Bulls vanno su WGN.

30^ Kendall (Cedric) Gill-N°13, SF/SG, 25/05/1968, Chicago, 196 cm, 98 kg, 1990-93 e 1995-96, scelto dagli Hornets al Draft NBA 1990, squadra intermezzo: Seattle SuperSonics, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 266, Pt. 3343.
http://www.youtube.com/watch?v=uDDfnk1TmCA
http://www.youtube.com/watch?v=QmVkA3R3EYo
Kendall Gill viene scelto dagli Charlotte Hornets nel 1990 come quinta scelta assoluta. Gill si dimostra subito un buon giocatore, gioca 82 partite e parte 36 volte titolare. Finirà con 11 punti a gara ed 1,3 rubate a partita, venendo inserito nel quintetto rookie del primo anno.
Il secondo anno Gill migliora sensibilmente in punti realizzati e termina con 20,5.
Con il tempo affinerà le sue doti, già fa intravedere la schiacciata (vince uno slam dunk al college) ed è un buon scippatore di palloni (nel 1998-99) vincerà la classifica delle rubate con una media di 2,7 a gara.
Il 23 dicembre 1991, sotto Natale, si concede il lusso di farsi un regalo in anticipo, mettendo a segno 31 punti (il suo career high fino a quel momento) contribuendo in maniera sensibile alla vittoria per 114-106 sui 76ers allo Spectrum.
Gioca ancora una stagione con i Calabroni, ma il primo settembre 1993 viene scambiato insieme ad una futura scelta 1994 (che sarà Carlos Rogers) per Dana Barros, Eddie Johnson ed una futura scelta 1994 (Sharone Wright).
Il 27 giugno 1995 i Seattle SuperSonics lo rimandano a Charlotte, dopo due stagioni passate sulla costa del Pacifico, in cambio del nativo di Chicago Hersey Hawkins (proprio come lui) e l’ala David Wingate.
La permanenza nella Carolina Del Nord dell’inquieto Gill però dura poco, anche perchè si dice che i rapporti con la stella Larry Johnson non siano il massimo della serenità, il 19 gennaio 1996 gli Hornets mandano lui e Khalid Reeves ai Nets per Kenny Anderson e Gerald Glass.
Curiosità Gill nel 2005 entra nel mondo dei professionisti del pugilato come heavyweight, l’ultimo incontro dei quattro disputati (tutti vinti) è il 30 aprile 2010 contro Miles Kelly. Oggi lavora per la Comcast SportsNet (locale CSN), occupandosi dei Chicago Bulls (squadra di casa, per la quale ha anche militato durante la sua carriera), occupandosi dei pregame e dei postgame nei live shows. Saltuariamente è ospite anche della NBA TV come analista, solitamente quando i Bulls vanno su WGN.

Mike (Michael Thomas) Gminski "G-Man"-N°42, C, 03/08/1959, Monroe (Connecticut), 211 cm, 113 kg, 1991-94, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Duke Blue Devils, G.140, Pt. 940. http://www.youtube.com/watch?v=yJF588OkpwM&feature=youtu.be Gminski prima di arrivare quasi a fine carriera agli Hornets, giocava con i Philadelphia 76ers e nel 1990, lui e i suoi compagni di squadra fecero un patto. Se la squadra avesse vinto dieci patite di fila, ognuno di loro si sarebbe fatto il piercing all'orecchio per mettere degli orecchini di diamanti per ricordare l'avvenimento. I Sixers ne vinsero 12 di fila ed il patto fu mantenuto... Gminski era un buon tiratore di liberi, durante la sua carriera è riuscito a realizzare oltre l'84 % dei suoi tentativi dalla lunetta.

31^ Mike (Michael Thomas) Gminski “G-Man”-N°42, C, 03/08/1959, Monroe (Connecticut), 211 cm, 113 kg, 1991-94, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Milwaukee Bucks, College: Duke Blue Devils, G.140, Pt. 940.
http://www.youtube.com/watch?v=yJF588OkpwM&feature=youtu.be
Gminski prima di arrivare quasi a fine carriera agli Hornets, giocava con i Philadelphia 76ers e nel 1990, lui e i suoi compagni di squadra fecero un patto. Se la squadra avesse vinto dieci patite di fila, ognuno di loro si sarebbe fatto il piercing all’orecchio per mettere degli orecchini di diamanti per ricordare l’avvenimento. I Sixers ne vinsero 12 di fila ed il patto fu mantenuto…
Gminski era un buon tiratore di liberi, durante la sua carriera è riuscito a realizzare oltre l’84 % dei suoi tentativi dalla lunetta.

32^ Scott (Richard) Haffner-N°4, PG 02/02/1966, Terre Haute (Indiana), 191 cm, 82 kg, 1991, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 7, Pt. 17.

32^ Scott (Richard) Haffner-N°4, PG 02/02/1966, Terre Haute (Indiana), 191 cm, 82 kg, 1991, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 7, Pt. 17.

33^ Eric (Charles) Leckner-N°45, C, 27/05/1966, Inglewood (California), 211 cm, 120 kg, 1991-92 e 1997 G. 100, Pt. 426.

33^ Eric (Charles) Leckner-N°45, C, 27/05/1966, Inglewood (California), 211 cm, 120 kg, 1991-92 e 1997 G. 100, Pt. 426.

34^ Johnny (John Sylvester) Newman (jr.)-N°22, SF, 28/11/1963 Danville (Virginia), 201 cm, 86 kg, 1990-93, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 218, Pt. 3208, Playoffs G. 9, Playoffs Pt. 68. http://www.youtube.com/watch?v=CzqC2eWY9pk

34^ Johnny (John Sylvester) Newman (jr.)-N°22, SF, 28/11/1963 Danville (Virginia), 201 cm, 86 kg, 1990-93, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 218, Pt. 3208, Playoffs G. 9, Playoffs Pt. 68.
http://www.youtube.com/watch?v=CzqC2eWY9pk

35^ Steve (Stephen Robert) Scheffler-N°55,PF-C, 03/09/1967, Grand Rapids (Michigan), 206 cm, 113 kg, 1990-91, squadra precedente: -, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 39, Pt. 59.

35^ Steve (Stephen Robert) Scheffler-N°55,PF-C, 03/09/1967, Grand Rapids (Michigan), 206 cm, 113 kg, 1990-91, squadra precedente: -, squadra successiva: Quad City Thunder, G. 39, Pt. 59.

36^ Jeff (Raynard) Sanders-N°20, PF, 14/01/1966 Augusta (Georgia), 203 cm, 102 kg, 1991, squadra precedente: Albany Patroons, squadra successiva: Albany Patroons, G. 3, Pt. 13. In Italia Sanders giocò 18 gare nel 1994/95 con la Virtus Roma.

36^ Jeff (Raynard) Sanders-N°20, PF, 14/01/1966 Augusta (Georgia), 203 cm, 102 kg, 1991, squadra precedente: Albany Patroons, squadra successiva: Albany Patroons, G. 3, Pt. 13.
In Italia Sanders giocò 18 gare nel 1994/95 con la Virtus Roma.

37^ Allan (Mercer) Bristow (jr.)-Coach, 23/08/1951, Richmond (Virginia), 208 cm, 95 kg, Come Allenatore: 1991-96, 207 V. 203 P. http://www.youtube.com/watch?v=ZQOyCCJxOOs&feature=youtu.be

37^ Allan (Mercer) Bristow (jr.)-Coach, 23/08/1951, Richmond (Virginia), 208 cm, 95 kg, Come Allenatore: 1991-96, 207 V. 203 P.
http://www.youtube.com/watch?v=ZQOyCCJxOOs&feature=youtu.be

38^ Michael (Antonio) Ansley-N°54, SF-PF, 08/02/1967, Birmingham (Alabama), 201 cm, 102 kg, 1992, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Malaga, G. 2, Pt. 6. Dopo aver giocato parti di due stagioni per i 76ers e Magic, Michael Ansley ha concluso la sua carriera professionale nella NBA con gli Charlotte Hornets apparendo in 2 partite nella stagione 1992, realizzando 6 punti in 13 minuti a lui concessi. Tuttavia Ansley, riuscirà a ritagliarsi spazio in Europa, avrà circa venti anni di rispettabile carriera da professionista, principalmente in Spagna e Polonia.

38^ Michael (Antonio) Ansley-N°54, SF-PF, 08/02/1967, Birmingham (Alabama), 201 cm, 102 kg, 1992, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Malaga, G. 2, Pt. 6.
Dopo aver giocato parti di due stagioni per i 76ers e Magic, Michael Ansley ha concluso la sua carriera professionale nella NBA con gli Charlotte Hornets apparendo in 2 partite nella stagione 1992, realizzando 6 punti in 13 minuti a lui concessi.
Tuttavia Ansley, riuscirà a ritagliarsi spazio in Europa, avrà circa venti anni di rispettabile carriera da professionista, principalmente in Spagna e Polonia.

39^ Anthony (Duane) Frederick-N°24, SF, 07/12/1964, Los Angeles (California) - 29/05/2003 Los Angeles (California), 201 cm, 93 kg, 1991-92, squadra precedente: Sacramento Kings, squadra successiva: Dinamo Sassari, College: Pepperdine Waves, G. 66, Pt. 389. http://www.youtube.com/watch?v=M4y-BxmR4rM&feature=youtu.be Fredrick gioca 30 partite segnando 782 punti nel 1992-93 nella Dinamo Sassari. L'ex giocatore degli Hornets è morto a causa di un attacco di cuore (sembrerebbe) il 29 maggio 2003.

39^ Anthony (Duane) Frederick-N°24, SF, 07/12/1964, Los Angeles (California) – 29/05/2003 Los Angeles (California), 201 cm, 93 kg, 1991-92, squadra precedente: Sacramento Kings, squadra successiva: Dinamo Sassari, College: Pepperdine Waves, G. 66, Pt. 389.
http://www.youtube.com/watch?v=M4y-BxmR4rM&feature=youtu.be
Fredrick gioca 30 partite segnando 782 punti nel 1992-93 nella Dinamo Sassari.
L’ex giocatore degli Hornets è morto a causa di un attacco di cuore (sembrerebbe) il 29 maggio 2003.

40^ Ron (Calvin) Grandison-N°31, SF, 09/07/1964, Los Angeles, 198 cm, 98 kg, 1991-92, squadra precedente: Omaha Racers, squadra successiva: Omaha Racers, G. 3, Pt. 10.

40^ Ron (Calvin) Grandison-N°31, SF, 09/07/1964, Los Angeles, 198 cm, 98 kg, 1991-92, squadra precedente: Omaha Racers, squadra successiva: Omaha Racers, G. 3, Pt. 10.

41^ Greg ('ory Alan) Grant-N°5, PG, 29/08/1966, Trenton (New Jersey), 170 cm, 64 kg, 1991-92, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 13, Pt. 1. Nel 1996/97 giocò 14 partite con la Libertas Forlì.

41^ Greg (‘ory Alan) Grant-N°5, PG, 29/08/1966, Trenton (New Jersey), 170 cm, 64 kg, 1991-92, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 13, Pt. 1.
Nel 1996/97 giocò 14 partite con la Libertas Forlì.

Cedric Hunter-N°15, PG, 16/01/1965, Omaha, 183 cm, 82 kg, 1992, G. 1, Pt. 0. Cedric Hunter era un "playmaker di 183 cm che giocava al college nei Kansas Jayhawks. Hunter, a dispetto della sua statura, era un diavolo di un rimbalzista, anche se la sua qualità migliore era fornire assist. Con Danny Manning e l'allenatore Larry Brown (un allenatore allenato parecchio in NBA ed ha un trascorso come giocatore nei New Orleans Buccaneers) raggiunge le Final Four con i Jayhawks nel 1986: http://www.youtube.com/watch?v=LCtVbehzm44 Hunter però non troverà spazio in NBA, il contratto di 10 giorni dagli Charlotte Hornets il 15 febbraio 1992 sarà l'unico della sua carriera NBA. Già però il 20 febbraio termina la sua avventura con la franchigia del North Carolina, con un solo minuto giocato in campo il 16 febbraio (nella vittoria contro Miami) e 0 nelle caselle delle statistiche.

42^ Cedric Hunter-N°15, PG, 16/01/1965, Omaha, 183 cm, 82 kg, 1992, G. 1, Pt. 0.
Cedric Hunter era un “playmaker di 183 cm che giocava al college nei Kansas Jayhawks. Hunter, a dispetto della sua statura, era un diavolo di un rimbalzista, anche se la sua qualità migliore era fornire assist.
Con Danny Manning e l’allenatore Larry Brown (un allenatore allenato parecchio in NBA ed ha un trascorso come giocatore nei New Orleans Buccaneers) raggiunge le Final Four con i Jayhawks nel 1986:
http://www.youtube.com/watch?v=LCtVbehzm44
Hunter però non troverà spazio in NBA, il contratto di 10 giorni dagli Charlotte Hornets il 15 febbraio 1992 sarà l’unico della sua carriera NBA.
Già però il 20 febbraio termina la sua avventura con la franchigia del North Carolina, con un solo minuto giocato in campo il 16 febbraio (nella vittoria contro Miami) e 0 nelle caselle delle statistiche.

43^ Larry (Demetric) Johnson "Grandmama", "LJ"-N°2, PF, 14/03/1969 Tyler (Texas), 201 cm, 114 kg, 1991-96, scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft NBA 1991, squadra successiva: New York Knicks, G. 377, Pt. 7405, Playoffs: G. 13, Pt. 261. http://www.youtube.com/watch?v=xOQfCgT_CwI&feature=youtu.be

43^ Larry (Demetric) Johnson “Grandmama”, “LJ”-N°2, PF, 14/03/1969 Tyler (Texas), 201 cm, 114 kg, 1991-96, scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft NBA 1991, squadra successiva: New York Knicks, G. 377, Pt. 7405, Playoffs: G. 13, Pt. 261.
http://www.youtube.com/watch?v=xOQfCgT_CwI&feature=youtu.be

44^ Kevin (Joseph) Lynch-N°9, SF/SG, 24/12/1968, Bloomington (Minnesota), 196 cm, 88 kg, 1991-93, scelto dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 1991, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G.95, Pt. 310. http://www.youtube.com/watch?v=_X2sgw6tdZs

44^ Kevin (Joseph) Lynch-N°9, SF/SG, 24/12/1968, Bloomington (Minnesota), 196 cm, 88 kg, 1991-93, scelto dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 1991, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G.95, Pt. 310.
http://www.youtube.com/watch?v=_X2sgw6tdZs

45^ Tony (Arnel) Massenburg-N°32, PF, 31/07/1967, Sussex (Virginia), 206 cm, 113 kg, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Boston Celtics, 1991-92, G. 3, Pt. 1.

45^ Tony (Arnel) Massenburg-N°32, PF, 31/07/1967, Sussex (Virginia), 206 cm, 113 kg, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Boston Celtics, 1991-92, G. 3, Pt. 1.

46^ Elliot (Lamonte) Perry "Socks"-N°21, PG, 28/03/1969, Memphis (Tennessee), 183 cm, 68 kg, 1991-92, squadra precedente: La Crosse Catbirds, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G. 40, Pt. 113.

46^ Elliot (Lamonte) Perry “Socks”-N°21, PG, 28/03/1969, Memphis (Tennessee), 183 cm, 68 kg, 1991-92, squadra precedente: La Crosse Catbirds, squadra successiva: La Crosse Catbirds, G. 40, Pt. 113.

47^ Tony (Anthony Guy) Bennett-N°25, PG, 01-06-1969, Green Bay (Wisconsin), 183 cm, 79 kg, 1992-95, G. 152, Pt. 538. http://www.youtube.com/watch?v=uh_7uYf9HjE&feature=youtu.be Come giocatore NBA, Tony Bennett non è molto conosciuto. Bennett ha giocato al college alla University of Wisconsin- Green Bay sotto suo padre, Dick Bennett. Tony, era PG e leader della squadra. Al college fu estremamente efficiente come un realizzatore, oltretutto avendo quasi il 50 % da 3 punti, in più riusciva a distribuire 5,1 assist a partita nei suoi quattro anni a Wisconsin. Egli contribuì a portare la sua squadra al torneo NCAA. Nel corso del draft NBA 1992, gli Charlotte Hornets selezionarono Bennett come la 35 ° scelta assoluta nel 2 ° round del draft. Persona modesta, rimasta modesta nonostante la carriera NBA possa far girare la testa a molti a detta di suoi conoscenti. Ha incontrato sua moglie proprio nella sua stagione da rookie. Laurel, la moglie, era una giovane assistente del pastore di Forest Hill Church. Ebbe modo d'inontrarla lì, e quando vide Laurel, pensò tra sé : "Ora so perché il buon Dio mi ha portato qui." Ci vollerro circa 18 mesi fino a quando i due cominciarono a frequentarsi, il che spinse David Chadwick, il parroco, a scherzare: "Perché ci hai messo così tanto tempo per accorgerti di lei ?" Chadwick, che giocò a basket al college in North Carolina, fece amicizia con Bennett presto nella sua stagione da rookie. Introdotti dall'allenatore degli Hornets spesero molto tempo insieme, sia a casa del pastore sia fuori. I bambini del pastore lo amavano, forse troppo, infatti, la figlia di Chadwick, che all'epoca aveva solo nove anni s'infatuò di Bennett. Bennett disse al parroco un giorno che lui non prestava troppa attenzione quando la gente esultava o lo scherniva, asserendo che questo era un insegnamento di suo padre Dick. Partendo dalla panchina dietro Muggsy Bogues, riuscì comunque ad entrare in campo in 75 partite, partendo due volte nello starting five, con una media di 11 minuti a partita. Nei playoffs, coach Bristow lo mette in campo per il suo tiro con gli Hornets in gara 4, sotto 101-102 ad una manciata di secondi dalla fine. La palla finì però al centro Alonzo Mourning, che mise un bel jumper. Si può però osservare Bennett compiere una bella manovra su Dee Brown per tentare di arrivare su un eventuale rimbalzo. "Ero pronto per arrivare al rimbalzo." disse appunto il playmaker di riserva dei Calabroni. Bennett, nella stagione successiva (1993/94), nonostante gli Hornets non vadano ai Playoffs a differenza dell'anno precedente, vede aumentare leggermente il suo minutaggio e migliora a livello di gioco, il 4 dicembre 1993 ad esempio segna 20 punti e distribuisce 8 assist in una partita contro gli Utah Jazz. La stagione successiva giocò solo in 3 partite a causa di un infortunio al piede, che troncò definitivamente la sua carriera nella NBA: "Avrei potuto giocare più a lungo, ma non ero abbastanza sano per andare avanti." disse Bennett. Con gli Hornets mise a segno 3,5 punti di media a partita in 12,4 minuti a gara. Tentò di rientrare a giocare con gli australiani dei Sidney Kings nel 1997, ma anche qui l'esperienza fu di breve durata. Il suo infortunio non l'avrebbe però tenuto lontano dal basket anche se solo come allenatore. Diventò coach in Wisconsin e alla fine è diventato un capo allenatore nello Stato di Washington dopo aver preso la posizione del padre. A partire dal 2009, Bennett è il capo allenatore di Virginia. Nell'ultimo anno con Virgina (2012/13) ha chiuso con un record di 23-12 la stagione.

47^ Tony (Anthony Guy) Bennett-N°25, PG, 01-06-1969, Green Bay (Wisconsin), 183 cm, 79 kg, 1992-95, G. 152, Pt. 538.
http://www.youtube.com/watch?v=uh_7uYf9HjE&feature=youtu.be
Come giocatore NBA, Tony Bennett non è molto conosciuto.
Bennett ha giocato al college alla University of Wisconsin- Green Bay sotto suo padre, Dick Bennett.
Tony, era PG e leader della squadra.
Al college fu estremamente efficiente come un realizzatore, oltretutto avendo quasi il 50 % da 3 punti, in più riusciva a distribuire 5,1 assist a partita nei suoi quattro anni a Wisconsin.
Egli contribuì a portare la sua squadra al torneo NCAA.
Nel corso del draft NBA 1992, gli Charlotte Hornets selezionarono Bennett come la 35 ° scelta assoluta nel 2 ° round del draft. Persona modesta, rimasta modesta nonostante la carriera NBA possa far girare la testa a molti a detta di suoi conoscenti.
Ha incontrato sua moglie proprio nella sua stagione da rookie. Laurel, la moglie, era una giovane assistente del pastore di Forest Hill Church. Ebbe modo d’inontrarla lì, e quando vide Laurel, pensò tra sé : “Ora so perché il buon Dio mi ha portato qui.”
Ci vollerro circa 18 mesi fino a quando i due cominciarono a frequentarsi, il che spinse David Chadwick, il parroco, a scherzare:
“Perché ci hai messo così tanto tempo per accorgerti di lei ?” Chadwick, che giocò a basket al college in North Carolina, fece amicizia con Bennett presto nella sua stagione da rookie. Introdotti dall’allenatore degli Hornets spesero molto tempo insieme, sia a casa del pastore sia fuori. I bambini del pastore lo amavano, forse troppo, infatti, la figlia di Chadwick, che all’epoca aveva solo nove anni s’infatuò di Bennett.
Bennett disse al parroco un giorno che lui non prestava troppa attenzione quando la gente esultava o lo scherniva, asserendo che questo era un insegnamento di suo padre Dick.
Partendo dalla panchina dietro Muggsy Bogues, riuscì comunque ad entrare in campo in 75 partite, partendo due volte nello starting five, con una media di 11 minuti a partita.
Nei playoffs, coach Bristow lo mette in campo per il suo tiro con gli Hornets in gara 4, sotto 101-102 ad una manciata di secondi dalla fine. La palla finì però al centro Alonzo Mourning, che mise un bel jumper. Si può però osservare Bennett compiere una bella manovra su Dee Brown per tentare di arrivare su un eventuale rimbalzo.
“Ero pronto per arrivare al rimbalzo.” disse appunto il playmaker di riserva dei Calabroni.
Bennett, nella stagione successiva (1993/94), nonostante gli Hornets non vadano ai Playoffs a differenza dell’anno precedente, vede aumentare leggermente il suo minutaggio e migliora a livello di gioco, il 4 dicembre 1993 ad esempio segna 20 punti e distribuisce 8 assist in una partita contro gli Utah Jazz.
La stagione successiva giocò solo in 3 partite a causa di un infortunio al piede, che troncò definitivamente la sua carriera nella NBA:
“Avrei potuto giocare più a lungo, ma non ero abbastanza sano per andare avanti.” disse Bennett.
Con gli Hornets mise a segno 3,5 punti di media a partita in 12,4 minuti a gara.
Tentò di rientrare a giocare con gli australiani dei Sidney Kings nel 1997, ma anche qui l’esperienza fu di breve durata.
Il suo infortunio non l’avrebbe però tenuto lontano dal basket anche se solo come allenatore. Diventò coach in Wisconsin e alla fine è diventato un capo allenatore nello Stato di Washington dopo aver preso la posizione del padre.
A partire dal 2009, Bennett è il capo allenatore di Virginia. Nell’ultimo anno con Virgina (2012/13) ha chiuso con un record di 23-12 la stagione.

48^ Sidney Green-N°21, PF, 04/01/1961, Brooklyn, 206 cm, 100 kg, 1992-93, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: -, G. 24, Pt. 40.

48^ Sidney Green-N°21, PF, 04/01/1961, Brooklyn, 206 cm, 100 kg, 1992-93, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: -, G. 24, Pt. 40.

49^ Tom (Edward) Hammonds "The Terminator"-N°20, PF, 27/03/1967, Fort Walton (Florida), 206 cm, 98 kg, 1992-93 G. 19, Pt. 43.

49^ Tom (Edward) Hammonds “The Terminator”-N°20, PF, 27/03/1967, Fort Walton (Florida), 206 cm, 98 kg, 1992-93 G. 19, Pt. 43.

50^ Alonzo (Harding) Mourning (jr.) "Zo"-N°33, C, 08/02/1970, Cheseapeake (Virginia), 208 cm, 118 kg, 1992-95, scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft NBA 1992, squadra successiva: Miami Heat, G. 215, Pt. 4569. http://youtu.be/Bpl0hU7Zfrs

50^ Alonzo (Harding) Mourning (jr.) “Zo”-N°33, C, 08/02/1970, Cheseapeake (Virginia), 208 cm, 118 kg, 1992-95, scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft NBA 1992, squadra successiva: Miami Heat, G. 215, Pt. 4569, Playoffs: G. 13, Pt. 302.
http://youtu.be/Bpl0hU7Zfrs

Lorenzo Williams-N°40, PF-C, 15/07/1969, Ocala (Florida), 206 cm, 91 kg, 1992 e 1994, G. 3, Pt. 2.

51^ Lorenzo Williams-N°40, PF-C, 15/07/1969, Ocala (Florida), 206 cm, 91 kg, 1992 e 1994, G. 3, Pt. 2.

52^ David (Grover Stacey) Wingate (jr.)-N°55/11, SF-SG, 15/12/1963 Baltimora (Maryland), 196 cm, 84 kg, 1992-95, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 174, Pt. 872. http://youtu.be/qFs_VJzocDg

52^ David (Grover Stacey) Wingate (jr.)-N°55/11, SF-SG, 15/12/1963 Baltimora (Maryland), 196 cm, 84 kg, 1992-95, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 174, Pt. 872.
http://youtu.be/qFs_VJzocDg

53^ Frank (Francis Anthony) Brickowski-N° 40, PF-C, 14/08/1959 Bayville, 206 cm, 109 kg, 1994, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 28, Pt. 282. http://www.youtube.com/watch?v=UYCV_3e6R8s&feature=youtu.be Ha giocato nella Pallacanestro Varese nel 1981-82.

53^ Frank (Francis Anthony) Brickowski-N° 40, PF-C, 14/08/1959 Bayville, 206 cm, 109 kg, 1994, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 28, Pt. 282.
http://www.youtube.com/watch?v=UYCV_3e6R8s&feature=youtu.be
Ha giocato nella Pallacanestro Varese nel 1981-82.

54^ Scott (David) Burrell-N°24/2, SF-SG, 12/01/1971 New Haven (Connecticut), 201 cm, 99 Kg, 1993-1997 e 2001, scelto al primo giro alla posizione N°20 dagli Charlotte Hornets al Draft 1993, squadra successiva: Golden State Warriors, squadra precedente al ritorno: New Jersey Nets, squadra successiva: Fayetteville Patriots, G. 119, Pt. 2274, Playoffs; G: 2, Pt. 5. http://www.youtube.com/watch?v=cSUl5GBJzhM&feature=youtu.be

54^ Scott (David) Burrell-N°24/2, SF-SG, 12/01/1971 New Haven (Connecticut), 201 cm, 99 Kg, 1993-1997 e 2001, scelto al primo giro alla posizione N°20 dagli Charlotte Hornets al Draft 1993, squadra successiva: Golden State Warriors, squadra precedente al ritorno: New Jersey Nets, squadra successiva: Fayetteville Patriots, G. 119, Pt. 2274, Playoffs; G: 2, Pt. 5.
http://www.youtube.com/watch?v=cSUl5GBJzhM&feature=youtu.be

55^ Marty (Martin McBride) Conlon-N°7, PF-C, 19/01/1968 Bronx (New York), 208 cm, 102 kg, 1994, squadra precedente: Rockford Lightning, squadra successiva: Washington Bullets, G. 16, Pt. 163. Ha giocato in Italia 5 partite nella Fortitudo Bologna nell'anno 1997, inoltre ha giocato per la Scaligera Verona nel 2000/01 collezionando 33 presenze, infine nel Basket Napoli in due stagioni differenti (2002/03, 2005) con 41 presenze.

55^ Marty (Martin McBride) Conlon-N°7, PF-C, 19/01/1968 Bronx (New York), 208 cm, 102 kg, 1994, squadra precedente: Rockford Lightning, squadra successiva: Washington Bullets, G. 16, Pt. 163.
Ha giocato in Italia 5 partite nella Fortitudo Bologna nell’anno 1997, inoltre ha giocato per la Scaligera Verona nel 2000/01 collezionando 33 presenze, infine nel Basket Napoli in due stagioni differenti (2002/03, 2005) con 41 presenze.

55^ LeRon (Perry) Ellis-N° 43 PF-C, 28/04/1969 Los Angeles (California), 206 cm, 102 Kg, 1993-94, squadra precedente: Aurora Desio, squadra successiva: Barcellona, G. 50, Pt. 221. http://www.youtube.com/watch?v=783d52Mwebw&feature=youtu.be Prima di arrivare agli Hornets ha giocato 4 partite nell'Aurora Desio.

56^ LeRon (Perry) Ellis-N° 43 PF-C, 28/04/1969 Los Angeles (California), 206 cm, 102 Kg, 1993-94, squadra precedente: Aurora Desio, squadra successiva: Barcellona, G. 50, Pt. 221.
http://www.youtube.com/watch?v=783d52Mwebw&feature=youtu.be
Prima di arrivare agli Hornets ha giocato 4 partite nell’Aurora Desio.

57^ Hersey Hawkins-N°3/33 SG, 29/09/1966 Chicago (Illinois), 191 cm, 86 Kg, 1993-95 e 2000-01, G. 223, Pt. 2535. http://www.youtube.com/watch?v=co_UkufmGfg&feature=youtu.be "Hawk" ha giocato 4 partite con la sua nazionale ed è medaglia di Bronzo alle olimpiadi di Seul. Attualmente è il direttore dello sviluppo dei dei giocatori per i Portland Trail Blazers. Hersey è sposato con tre figli. Corey, che detiene il record di punti per Arizona High Schoolis. Suo figlio Brandon che ha giocato a basket al college della University of the Pacific prima di terminare la sua carriera a Portland State University, infine suo figlio Devon che attualmente gioca a basket presso la Scuola di West Linn High Oregon. L'ex NFL offensive lineman Flozell Adams è il cugino di Hersey.

57^ Hersey Hawkins-N°3/33 SG, 29/09/1966 Chicago (Illinois), 191 cm, 86 Kg, 1993-95 e 2000-01, G. 223, Pt. 2535.
http://www.youtube.com/watch?v=co_UkufmGfg&feature=youtu.be
“Hawk” ha giocato 4 partite con la sua nazionale ed è medaglia di Bronzo alle olimpiadi di Seul. Attualmente è il direttore dello sviluppo dei dei giocatori per i Portland Trail Blazers.
Hersey è sposato con tre figli. Corey, che detiene il record di punti per Arizona High Schoolis. Suo figlio Brandon che ha giocato a basket al college della University of the Pacific prima di terminare la sua carriera a Portland State University, infine suo figlio Devon che attualmente gioca a basket presso la Scuola di West Linn High Oregon. L’ex NFL offensive lineman Flozell Adams è il cugino di Hersey.

58^ Steve (Michael) Henson-N°12, PG, 02/02/1968 Junction City (Kansas), 180 cm, 80 kg, 1993, squadra precedente: Atlanta Hawks, squadra successiva: Rapid City Thrillers, G. 3, Pt. 3. Henson giocò in Italia dal 1995 al 1997 con la Virtus Roma 18 gare e fece una presenza anche con la Victoria Libertas Pesaro nel 1999.

58^ Steve (Michael) Henson-N°12, PG, 02/02/1968 Junction City (Kansas), 180 cm, 80 kg, 1993, squadra precedente: Atlanta Hawks, squadra successiva: Rapid City Thrillers, G. 3, Pt. 3.
Henson giocò in Italia dal 1995 al 1997 con la Virtus Roma 18 gare e fece una presenza anche con la Victoria Libertas Pesaro nel 1999.

59^ Eddie (Edward Arnet) Johnson-N°8, SF, 01/05/1959 Chicago (Illinois), 201 cm, 98 kg, 1993-94, squadra precedente: Seattle SuperSonics, squadra successiva: Olimpiacos, G. 73, Pt. 836. Pagina Twitter: http://twitter.com/@Jumpshot8 http://www.youtube.com/watch?v=SbOdt5cEzx0&feature=youtu.be Johnson viene selezionato al secondo giro, con la scelta numero 29 al Draft NBA del 1981. A chiamarlo sono i Kings, allora anccora a Kansas City. Oltre l'esperienza con i Kings, trasferitisi poi a Sacramento, Johnson giocherà con i Phoenix Suns, con i quali nel 1989 vincerà il titolo di sesto uomo dell'anno. Successivamente passerà ai Seattle Supersonics ed arriverà nel 1993 agli Charlotte Hornets nella multitrade che vedrà passare in gialloverde Kendall Gill. Pacers, Nuggets e Rockets saranno le sue esperienze in NBA successive. In NBA Johnson realizza 19.202 punti, nonostante ciò Eddie non è mai stato selezionato per giocare una partita tra All-Star. Dotato di un buon tiro da tre punti, con gli Charlotte Hornets giocherà 73 partite partendo 27 volte da titolare, realizzando in media 11,5 punti. Dopo aver concluso la sua carriera da cestista, Johnson si rivolse a trasmissioni a cui serviva un commentatore. Tra le altre squadre seguite vi sono una squadra femminile della WNBA, le Phoenix Mercury ed anche i Phoenix Suns. Johnson collabora anche con il sito Hoopshype.com. Nel 2006 Johnson è al centro di un curioso caso. Un omonimo Eddie Johnson, detto "Fast Eddie", anch'esso giocatore di basket NBA (per Atlanta, Cleveland e Seattle) ma nato nel 1955, viene arrestato con l'accusa di violenza sessuale su di un minore e furto con scasso. Il problema nasce dal fatto che l'avvenimento accade l'otto di agosto, quando la NBA è in offseason e Eddie A. non è in tv, quindi diverse agenzie di stampa e media fanno confusione, associando al "nostro" Eddie la responsabilità dell'accaduto, anche mettendo sue foto nell'etere. Johnson ha detto che quello è stato il giorno peggiore della sua vita e ha espresso la preoccupazione che il caso dello scambio d'identità avrebbe potuto definitivamente macchiare la sua reputazione. Ecco la pagina internet di EJ, dove esprime le sue opinioni: http://hoopshype.com/authors/johnson

59^ Eddie (Edward Arnet) Johnson-N°8, SF, 01/05/1959 Chicago (Illinois), 201 cm, 98 kg, 1993-94, squadra precedente: Seattle SuperSonics, squadra successiva: Olimpiacos, G. 73, Pt. 836.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@Jumpshot8
http://www.youtube.com/watch?v=SbOdt5cEzx0&feature=youtu.be
Johnson viene selezionato al secondo giro, con la scelta numero 29 al Draft NBA del 1981.
A chiamarlo sono i Kings, allora anccora a Kansas City.
Oltre l’esperienza con i Kings, trasferitisi poi a Sacramento, Johnson giocherà con i Phoenix Suns, con i quali nel 1989 vincerà il titolo di sesto uomo dell’anno.
Successivamente passerà ai Seattle Supersonics ed arriverà nel 1993 agli Charlotte Hornets nella multitrade che vedrà passare in gialloverde Kendall Gill.
Pacers, Nuggets e Rockets saranno le sue esperienze in NBA successive.
In NBA Johnson realizza 19.202 punti, nonostante ciò Eddie non è mai stato selezionato per giocare una partita tra All-Star.
Dotato di un buon tiro da tre punti, con gli Charlotte Hornets giocherà 73 partite partendo 27 volte da titolare, realizzando in media 11,5 punti.
Dopo aver concluso la sua carriera da cestista, Johnson si rivolse a trasmissioni a cui serviva un commentatore. Tra le altre squadre seguite vi sono una squadra femminile della WNBA, le Phoenix Mercury ed anche i Phoenix Suns.
Johnson collabora anche con il sito Hoopshype.com.
Nel 2006 Johnson è al centro di un curioso caso.
Un omonimo Eddie Johnson, detto “Fast Eddie”, anch’esso giocatore di basket NBA (per Atlanta, Cleveland e Seattle) ma nato nel 1955, viene arrestato con l’accusa di violenza sessuale su di un minore e furto con scasso.
Il problema nasce dal fatto che l’avvenimento accade l’otto di agosto, quando la NBA è in offseason e Eddie A. non è in tv, quindi diverse agenzie di stampa e media fanno confusione, associando al “nostro” Eddie la responsabilità dell’accaduto, anche mettendo sue foto nell’etere.
Johnson ha detto che quello è stato il giorno peggiore della sua vita e ha espresso la preoccupazione che il caso dello scambio d’identità avrebbe potuto definitivamente macchiare la sua reputazione.
Ecco la pagina internet di EJ, dove esprime le sue opinioni:
http://hoopshype.com/authors/johnson

60^ Rumeal (James) Robinson "Meal Time"- N°20, PG, 13/11/1966 Mandeville (Giamaica), 187 cm, 88 Kg, 1993-94, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Rapid City Thrillers, G. 14, Pt. 30. In Italia ha giocato nella Fortitudo Bologna nel 2002 (Skipper all'epoca) tre partite in campionato e due in Euroleague, realizzando rispettivamente 13 e 7 punti per un totale di 20 punti nelle due competizioni. http://www.youtube.com/watch?v=r8d-5zhY2wA&feature=youtu.be

60^ Rumeal (James) Robinson “Meal Time”- N°20, PG, 13/11/1966 Mandeville (Giamaica), 187 cm, 88 Kg, 1993-94, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Rapid City Thrillers, G. 14, Pt. 30.
In Italia ha giocato nella Fortitudo Bologna nel 2002 (Skipper all’epoca) tre partite in campionato e due in Euroleague, realizzando rispettivamente 13 e 7 punti per un totale di 20 punti nelle due competizioni.
http://www.youtube.com/watch?v=r8d-5zhY2wA&feature=youtu.be

61^ Michael Adams-N°23, PG, 19/01/1963 Hartford (Connecticut), 177 cm, 73 Kg, 1994-96, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Nessuna, G. 50, Pt. 302. http://www.youtube.com/watch?v=XMJTdRE0lP4&feature=youtu.be Adams ha realizzato almeno un canestro da 3 punti in 79 partite consecutive, dal 28 gennaio 1988 al 23 gennaio 1989, che all'epoca era il record in questo tipo di statistica. Il record fu rotto da Dana Barros. Come giocatore si ritira al termine della stagione 1995/96, l'undici luglio 1996 gli Hornets rilasciano lui e Parish, ma mentre il centro si accasa ai Bulls, Michael decide di ritirarsi dal basket giocato. Michael è stato viceallenatore dei Vancouver Grizzlies nel 2000/01 e dei Memphis Grizzlies nel 2001/02 (anno in cui l'ex franchigia canadese decide di trovare nuova locazione nella città del re del Rock Elvis).

61^ Michael Adams-N°23, PG, 19/01/1963 Hartford (Connecticut), 177 cm, 73 Kg, 1994-96, squadra precedente: Washington Bullets, squadra successiva: Nessuna, G. 50, Pt. 302.
http://www.youtube.com/watch?v=XMJTdRE0lP4&feature=youtu.be
Adams ha realizzato almeno un canestro da 3 punti in 79 partite consecutive, dal 28 gennaio 1988 al 23 gennaio 1989, che all’epoca era il record in questo tipo di statistica. Il record fu rotto da Dana Barros.
Come giocatore si ritira al termine della stagione 1995/96, l’undici luglio 1996 gli Hornets rilasciano lui e Parish, ma mentre il centro si accasa ai Bulls, Michael decide di ritirarsi dal basket giocato.
Michael è stato viceallenatore dei Vancouver Grizzlies nel 2000/01 e dei Memphis Grizzlies nel 2001/02 (anno in cui l’ex franchigia canadese decide di trovare nuova locazione nella città del re del Rock Elvis).

62^ (Emmanuel) James Blackwell-N°7, PG, 25/02/1968 Mount Kisco (New York), 182 cm, 86 kg, 1994, squadra precedente: La Crosse Catbirds, squadra successiva: Pittsburgh Piranhas, G. 4, Pt. 4. Nel 1999 Blackwell disputa 5 partite con la Dinamo Sassari ma continua l'annata giocando in Turchia con il Beşiktaş.

62^ (Emmanuel) James Blackwell-N°7, PG, 25/02/1968 Mount Kisco (New York), 182 cm, 86 kg, 1994, squadra precedente: La Crosse Catbirds, squadra successiva: Pittsburgh Piranhas, G. 4, Pt. 4.
Nel 1999 Blackwell disputa 5 partite con la Dinamo Sassari ma continua l’annata giocando in Turchia con il Beşiktaş.

63^ Darrin Hancock-N°4, SF-SG, 03/11/1971 Birmingham (Alabama), 200 cm, 93 kg, 1994-96, squadra precedente: Maurienne Savoie, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 109, Pt. 425. http://www.youtube.com/watch?v=H6ArCmNOqDY&feature=youtu.be

63^ Darrin Hancock-N°4, SF-SG, 03/11/1971 Birmingham (Alabama), 200 cm, 93 kg, 1994-96, squadra precedente: Maurienne Savoie, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 109, Pt. 425.
http://www.youtube.com/watch?v=H6ArCmNOqDY&feature=youtu.be

64^ Robert (Lee) Parish "Chief"- N°00, C, 30/08/1953 Shreveport (Louisiana), 215 cm, 105 kg, 1994-96, squadra precedente: Boston Celtics, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 155, Pt. 679. http://www.youtube.com/watch?v=JlkGfxBumgg Caratteristiche di Parish erano un'ottima difesa e un buon jump shoot. Arriva a Charlotte a fine carriera, gli Hornets lo impiegano come centro di riserva dietro Mourning. L'idea è quella che possa dare esperienza e cm, insomma portare qualità dalla panchina, ma con la partenza di Mourning nel 1995/96 gioca 34 partite partendo nello starting five, mentre le presenze stagionali nell'anno saranno 74. E' entrato nella Basketball Hall of Fame nel 2003. Era soprannominato Chief o The Chief (Il Capo), perché ricordava il gigantesco indiano muto personaggio del film Qualcuno volò sul Nido del Cuculo. Pare che il soprannome gliel'abbia messo l'ex compagno dei Celtics Cedric Maxwell, anche in virtù della sua natura stoica.

64^ Robert (Lee) Parish “Chief”- N°00, C, 30/08/1953 Shreveport (Louisiana), 215 cm, 105 kg, 1994-96, squadra precedente: Boston Celtics, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 155, Pt. 679.
http://www.youtube.com/watch?v=JlkGfxBumgg
Caratteristiche di Parish erano un’ottima difesa e un buon jump shoot. Arriva a Charlotte a fine carriera, gli Hornets lo impiegano come centro di riserva dietro Mourning. L’idea è quella che possa dare esperienza e cm, insomma portare qualità dalla panchina, ma con la partenza di Mourning nel 1995/96 gioca 34 partite partendo nello starting five, mentre le presenze stagionali nell’anno saranno 74. E’ entrato nella Basketball Hall of Fame nel 2003.
Era soprannominato Chief o The Chief (Il Capo), perché ricordava il gigantesco indiano muto personaggio del film Qualcuno volò sul Nido del Cuculo.
Pare che il soprannome gliel’abbia messo l’ex compagno dei Celtics Cedric Maxwell, anche in virtù della sua natura stoica.

65^ Greg ('ory Ray) Sutton-N°12, PG, 03/12/1967 Santa Cruz (California), 188 cm, 77 kg, 1994-96, squadra precedente: Apollon Patrasso, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 71, Pt. 325. http://www.youtube.com/watch?v=HHJRbyVjZYY&feature=youtu.be

65^ Greg (‘ory Ray) Sutton-N°12, PG, 03/12/1967 Santa Cruz (California), 188 cm, 77 kg, 1994-96, squadra precedente: Apollon Patrasso, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 71, Pt. 325.
http://www.youtube.com/watch?v=HHJRbyVjZYY&feature=youtu.be

66^ Joe (Joseph James) Wolf-N°43/30 PF-C, 17/12/1964 Kohler (Wisconsin), 211 cm, 104 kg, 1994-95 e 1999, squadre precedenti: León (Spagna) (1993/94) e Denver Nuggets (1997/98), squadra successiva: Orlando Magic, G. 67, Pt. 90. http://youtu.be/tyMOUeMY5KU

66^ Joe (Joseph James) Wolf-N°43/30 PF-C, 17/12/1964 Kohler (Wisconsin), 211 cm, 104 kg, 1994-95 e 1999, squadre precedenti: León (Spagna) (1993/94) e Denver Nuggets (1997/98), squadra successiva: Orlando Magic, G. 67, Pt. 90.
http://youtu.be/tyMOUeMY5KU

67^ Rafael Addison-N°7, SF, 22/07/1964 Jersey City (New Jersey), 200 cm, 95 kg, 1995-97, squadra precedente: Detroit Pistons, squadra successiva: PAOK Salonicco, G. 94, Pt. 299. http://www.youtube.com/watch?v=a9u5Nj_av5A&feature=youtu.be Addison gioca quattro anni in Italia con Livorno, dal 1987 al 1991 totalizza 119 presenze con i toscani, mentre nel 1994, dopo un'esperienza biennale ai New Jersey Nets, torna in Italia e gioca 14 partite per i verdi di Treviso. Dopo un anno ai Pistons ne gioca due con gli Hornets, ed è qui che chiude la propria carriera NBA.

67^ Rafael Addison-N°7, SF, 22/07/1964 Jersey City (New Jersey), 200 cm, 95 kg, 1995-97, squadra precedente: Detroit Pistons, squadra successiva: PAOK Salonicco, G. 94, Pt. 299.
http://www.youtube.com/watch?v=a9u5Nj_av5A&feature=youtu.be
Addison gioca quattro anni in Italia con Livorno, dal 1987 al 1991 totalizza 119 presenze con i toscani, mentre nel 1994, dopo un’esperienza biennale ai New Jersey Nets, torna in Italia e gioca 14 partite per i verdi di Treviso. Dopo un anno ai Pistons ne gioca due con gli Hornets, ed è qui che chiude la propria carriera NBA.

68^ Corey (Laveon) Beck-N°14-15, PG, 27/05/1971 Memphis (Tennessee), 185 cm, 86 kg, 1995-96 e 1997-99, squadre precedenti: Sioux Falls Skyforce (1995 e 1996/97)-Detroit Pistons (1999), squadra successiva: Sioux Falls Skyforce (1996/97, 1998/99 e 1999/00), G. 80, Pt. 231. http://www.youtube.com/watch?v=6Pjjt994NTM Laveon Corey Beck è un ex giocatore di basket americano che ha giocato tre stagioni nella NBA, ha militato anche in CBA, nel campionato lituano, ecc... Dopo aver trascorso un anno a South Plains College, ha giocato tre stagioni con i Razorbacks, University of Arkansas, con la quale ha una media di 7.9 punti, 4.7 assist e 4.2 rimbalzi a partita, in più si proclama campione NCAA nel 1994. In finale Beck realizza 15 punti. Dopo non essere stato selezionato nel Draft NBA 1995, ha firmato con i Sioux Falls Skyforce della CBA, con i quali ha giocato fino al mese di dicembre, poi è stato voluto dagli Charlotte Hornets, formazione con la quale ha giocato cinque partite in cui ha segnato cinque punti in totale. L'anno seguente tornò agli Skyforce e venne dichiarato miglior difensore del campionato, il che gli valse un'altra chiamata degli Hornets che lo firmarono come free agent. Beck questa volta con i Calabroni gioca una stagione completa, con una media di 3,2 punti e 1,7 assist a partita. Tornerà ancora una volta ai Sioux Falls, l'anno successivo si unì ai Detroit Pistons, e successivamente tornò all'alveare dai calabroni di Charlotte. Dopo essere stato in giro per il mondo, firma con gli abruzzesi del Roseto Sharks nel 2001. Con la squadra italiana ha una media di 1,8 punti nelle cinque partite giocate.

68^ Corey (Laveon) Beck-N°14-15, PG, 27/05/1971 Memphis (Tennessee), 185 cm, 86 kg, 1995-96 e 1997-99, squadre precedenti: Sioux Falls Skyforce (1995 e 1996/97)-Detroit Pistons (1999), squadra successiva: Sioux Falls Skyforce (1996/97, 1998/99 e 1999/00), G. 80, Pt. 231.
http://www.youtube.com/watch?v=6Pjjt994NTM
Laveon Corey Beck è un ex giocatore di basket americano che ha giocato tre stagioni nella NBA, ha militato anche in CBA, nel campionato lituano, ecc…
Dopo aver trascorso un anno a South Plains College, ha giocato tre stagioni con i Razorbacks, University of Arkansas, con la quale ha una media di 7.9 punti, 4.7 assist e 4.2 rimbalzi a partita, in più si proclama campione NCAA nel 1994. In finale Beck realizza 15 punti.
Dopo non essere stato selezionato nel Draft NBA 1995, ha firmato con i Sioux Falls Skyforce della CBA, con i quali ha giocato fino al mese di dicembre, poi è stato voluto dagli Charlotte Hornets, formazione con la quale ha giocato cinque partite in cui ha segnato cinque punti in totale.
L’anno seguente tornò agli Skyforce e venne dichiarato miglior difensore del campionato, il che gli valse un’altra chiamata degli Hornets che lo firmarono come free agent. Beck questa volta con i Calabroni gioca una stagione completa, con una media di 3,2 punti e 1,7 assist a partita.
Tornerà ancora una volta ai Sioux Falls, l’anno successivo si unì ai Detroit Pistons, e successivamente tornò all’alveare dai calabroni di Charlotte.
Dopo essere stato in giro per il mondo, firma con gli abruzzesi del Roseto Sharks nel 2001.
Con la squadra italiana ha una media di 1,8 punti nelle cinque partite giocate.

69^ Donald (Jerome) Hodge-N°?, C, 25/02/1969 Washington (D.C.), 213 cm, 104 kg, 1996, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: -, G. 2, Pt. 0. Hodge venne selezionato dai Dallas Mavericks nel 2° turno (33 ° assoluto) del Draft NBA 1991 dopo un paio di ottime stagioni alla Temple University con gli Owl, i Gufi. In 5 anni tiene una media di 4,7 punti a partita. Il primo anno a Dallas gioca 51 partite (delle quali 27 partendo titolare), ha una media di 8.4 punti e 5.4 rimbalzi in quasi 21 minuti di gioco a partita. Dallas sembrava che avesse trovato un discreto giocatore. Tuttavia le cifre di Hodge e dei mavs sono in rapido declino. Dallas in quegli anni fa un paio di stagioni disgraziate con un 11-71 e un 13-69, Hodge 8complice anche l'arrivo prima di Jim Jackson e poi di Jason Kidd), nonostante fosse un fan dei Mavs, passa agli Charlotte Hornets per un brevissimo periodo nel quale riesce a giocare solo due partite grazie ad un contratto di 10 giorni. Quella fu l'ultima volta che Donald Hodge riuscì a giocare nella NBA. Nel 1999 gioca nel campionato belga. Hodge é rimasto nell'ombra fino a quando fu arrestato per traffico di droga e condannato a cinque anni di carcere. Hodge pare distribuisse marijuana, cocaina e crack. In una dichiarazione dei fatti presentati con il suo patteggiamento, Hodge ha ammesso che tra aprile 2010 e gennaio 2011, lasciò la sua casa in DC per svolgere tale attività.

69^ Donald (Jerome) Hodge-N°?, C, 25/02/1969 Washington (D.C.), 213 cm, 104 kg, 1996, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: -, G. 2, Pt. 0.
Hodge venne selezionato dai Dallas Mavericks nel 2° turno (33 ° assoluto) del Draft NBA 1991 dopo un paio di ottime stagioni alla Temple University con gli Owl, i Gufi. In 5 anni tiene una media di 4,7 punti a partita. Il primo anno a Dallas gioca 51 partite (delle quali 27 partendo titolare), ha una media di 8.4 punti e 5.4 rimbalzi in quasi 21 minuti di gioco a partita. Dallas sembrava che avesse trovato un discreto giocatore. Tuttavia le cifre di Hodge e dei mavs sono in rapido declino. Dallas in quegli anni fa un paio di stagioni disgraziate con un 11-71 e un 13-69, Hodge 8complice anche l’arrivo prima di Jim Jackson e poi di Jason Kidd), nonostante fosse un fan dei Mavs, passa agli Charlotte Hornets per un brevissimo periodo nel quale riesce a giocare solo due partite grazie ad un contratto di 10 giorni.
Quella fu l’ultima volta che Donald Hodge riuscì a giocare nella NBA.
Nel 1999 gioca nel campionato belga.
Hodge é rimasto nell’ombra fino a quando fu arrestato per traffico di droga e condannato a cinque anni di carcere.
Hodge pare distribuisse marijuana, cocaina e crack. In una dichiarazione dei fatti presentati con il suo patteggiamento, Hodge ha ammesso che tra aprile 2010 e gennaio 2011, lasciò la sua casa in DC per svolgere tale attività.

70^ Matt ('hew Allen) Geiger-N°52, C, 10/09/1969 Salem (Massachusetts), 213 cm, 112 kg, 1995-98, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 204, Pt. 2188. http://youtu.be/LDIIKBIH5Ik

70^ Matt (‘hew Allen) Geiger-N°52, C, 10/09/1969 Salem (Massachusetts), 213 cm, 112 kg, 1995-98, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 204, Pt. 2188.
http://youtu.be/LDIIKBIH5Ik

71^ Gerald (Damon) Glass "World Class"-N°35, SG-SF, 12/11/1967 Greenwood (Mississipi), 196 cm, 100 kg, 1996, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: CSP Limoges, G. 5, Pt. 5. Glass gioca in Italia nella stagione 1994-95, antecedentemente rispetto alla chiamata degli Hornets. Gerald gioca per Napoli 41 partite, tenendo l'ottima media di 25,5 punti per gara. La buona stagione con Napoli gli vale il rientro in NBA nella stagione 1995-96 con i New Jersey Nets che durante la stagione lo cedono a Charlotte. Con gli Hornets gioca solamente 5 gare e chiude la carriera NBA, per la stagione ssuccessiva firma con i francesi del Limoges, unica formazione francese ad aver conquistato l'Eurolega, la massima competizione di basket per club in Europa.

71^ Gerald (Damon) Glass “World Class”-N°35, SG-SF, 12/11/1967 Greenwood (Mississipi), 196 cm, 100 kg, 1996, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: CSP Limoges, G. 5, Pt. 5.
Glass gioca in Italia nella stagione 1994-95, antecedentemente rispetto alla chiamata degli Hornets.
Gerald gioca per Napoli 41 partite, tenendo l’ottima media di 25,5 punti per gara.
La buona stagione con Napoli gli vale il rientro in NBA nella stagione 1995-96 con i New Jersey Nets che durante la stagione lo cedono a Charlotte.
Con gli Hornets gioca solamente 5 gare e chiude la carriera NBA, per la stagione ssuccessiva firma con i francesi del Limoges, unica formazione francese ad aver conquistato l’Eurolega, la massima competizione di basket per club in Europa.

72^ Anthony Goldwire-N°5, PG, 06/09/1971 West Palm Beach (Florida), 184 cm, 83 kg, 1996-97, squadra precedente: Yakima Sun Kings, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 75, Pt. 421. http://www.youtube.com/watch?v=5VtDBA9jizc&feature=youtu.be Goldwire gioca in Italia con la Fortitudo Bologna (allora denominata Skipper Bologna) 31 partite totalizzando una media di 9,4 punti a gara.

72^ Anthony Goldwire-N°5, PG, 06/09/1971 West Palm Beach (Florida), 184 cm, 83 kg, 1996-97, squadra precedente: Yakima Sun Kings, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 75, Pt. 421.
http://www.youtube.com/watch?v=5VtDBA9jizc&feature=youtu.be
Goldwire gioca in Italia con la Fortitudo Bologna (allora denominata Skipper Bologna) 31 partite totalizzando una media di 9,4 punti a gara.

73^ Pete ('r Eddie) Myers "Skeeter Hawk"-N°20, SG-SF, 15/09/1963 Mobile (Alabama), 198 cm, 82 kg, 1996, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Pallacanestro Cantù, G. 32, Pt. 92. http://www.youtube.com/watch?v=EJjPYibnnQE Girovago della NBA, Pete gioca nella massima Lega statunitense per ben sette squadre. Scelto dai Chicago Bulls in Draft interminabile, al sesto giro al 120° posto, Myers inizia a girovagare presto tra Stati Uniti e Spagna. San Antonio, Saragozza e New York per ricordarne alcune. Myers approda anche in Italia con tre differenti squadre. Nel 1990-91 è con l'Aprimatic Bologna (ovvero la Fortitudo), formazione con la quale gioca 13 partite segnado a partita 22,1 punti, la sua miglior stagione in termini di punti realizzati in Italia. Nel 1991-92 è con la Mangiaebevi, si tratta sempre della Fortitudo che nel frattempo aveva cambiato sponsor. Nell'annata in questione gioca altre 28 gare. Nel 1992-93 è con la Scavolini Pesaro. Myers ritorna nella NBA nel 1993 firmando nuovamente per i Chicago Bulls per cercare di rimpiazzare (impossibile) un po' il posto lasciato dal ritirato Michael Jordan come starting shooting guard. Michael Jordan però ritorna, così Myers firma con gli Hornets il 3 ottobre 1995, ma un mese dopo i Calabroni si ritrovano con la grana Mourning, così Myers viene spedito insieme ad altri giocatori agli Heat in una maxi trade. Gli Heat però lo tagliano dopo 39 partite giocate, così Myers ritorna in North Carolina a Charlotte il 16 febbraio 1996. In 32 gare giocate (una come starting player) tiene una media di 2,9 punti, 2,1 rimbalzi e 1,5 assist. Fortunato o miracoloso è il suo tiro che l'otto aprile 1996 si infila nel canestro dei suoi ex Bulls. La conclusione effettuata da metà campo completamente decentrato, trova la retina e saranno tre punti fondamentali per gli Hornets che vinceranno 98-97. Nel 1996-97 è con la Polti Cantù. Conclude la carriera nella CBA ai Quad City Thunder, squadra che ha il campo situato a Moline in Illinois. Dal 2001 al 2010 è nello staff dei Chicago Bulls, come allenatore dei Bulls invece ha un record negativo di 0-3. Dal 2011 è vice ai Golden State Warriors.

73^ Pete (‘r Eddie) Myers “Skeeter Hawk”-N°20, SG-SF, 15/09/1963 Mobile (Alabama), 198 cm, 82 kg, 1996, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Pallacanestro Cantù, G. 32, Pt. 92.
http://www.youtube.com/watch?v=EJjPYibnnQE
Girovago della NBA, Pete gioca nella massima Lega statunitense per ben sette squadre. Scelto dai Chicago Bulls in Draft interminabile, al sesto giro al 120° posto, Myers inizia a girovagare presto tra Stati Uniti e Spagna.
San Antonio, Saragozza e New York per ricordarne alcune.
Myers approda anche in Italia con tre differenti squadre.
Nel 1990-91 è con l’Aprimatic Bologna (ovvero la Fortitudo), formazione con la quale gioca 13 partite segnado a partita 22,1 punti, la sua miglior stagione in termini di punti realizzati in Italia.
Nel 1991-92 è con la Mangiaebevi, si tratta sempre della Fortitudo che nel frattempo aveva cambiato sponsor. Nell’annata in questione gioca altre 28 gare.
Nel 1992-93 è con la Scavolini Pesaro.
Myers ritorna nella NBA nel 1993 firmando nuovamente per i Chicago Bulls per cercare di rimpiazzare (impossibile) un po’ il posto lasciato dal ritirato Michael Jordan come starting shooting guard.
Michael Jordan però ritorna, così Myers firma con gli Hornets il 3 ottobre 1995, ma un mese dopo i Calabroni si ritrovano con la grana Mourning, così Myers viene spedito insieme ad altri giocatori agli Heat in una maxi trade.
Gli Heat però lo tagliano dopo 39 partite giocate, così Myers ritorna in North Carolina a Charlotte il 16 febbraio 1996.
In 32 gare giocate (una come starting player) tiene una media di 2,9 punti, 2,1 rimbalzi e 1,5 assist.
Fortunato o miracoloso è il suo tiro che l’otto aprile 1996 si infila nel canestro dei suoi ex Bulls. La conclusione effettuata da metà campo completamente decentrato, trova la retina e saranno tre punti fondamentali per gli Hornets che vinceranno 98-97.
Nel 1996-97 è con la Polti Cantù.
Conclude la carriera nella CBA ai Quad City Thunder, squadra che ha il campo situato a Moline in Illinois.
Dal 2001 al 2010 è nello staff dei Chicago Bulls, come allenatore dei Bulls invece ha un record negativo di 0-3.
Dal 2011 è vice ai Golden State Warriors.

74^ Glen (Anthony) Rice-N°41, SF, 28/05/1967 Flint (Michigan), 201 cm, 98 kg, 1995-98, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Los Angeles Lakers, G. 240, Pt. 5651. http://youtu.be/Fx0_LELRSzo

74^ Glen (Anthony) Rice-N°41, SF, 28/05/1967 Flint (Michigan), 201 cm, 98 kg, 1995-98, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Los Angeles Lakers, G. 240, Pt. 5651.
http://youtu.be/Fx0_LELRSzo

75^ Khalid Reeves-N°3, PG, 15/07/1972, Queens (New York), 190 cm, 90 kg, 1995-96, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 20, Pt. 162. http://www.youtube.com/watch?v=eLX7d4Slh9w&feature=youtu.be

75^ Khalid Reeves-N°3, PG, 15/07/1972, Queens (New York), 190 cm, 90 kg, 1995-96, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: New Jersey Nets, G. 20, Pt. 162.
http://www.youtube.com/watch?v=eLX7d4Slh9w&feature=youtu.be

76^ Jiří Zídek "George"-N°25, C, 02/08/1973 Zlin (Repubblica Ceca), 213 cm, 110 kg, 1995-97, squadra precedente: scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft 1995 al primo giro alla posizione N°22, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 107, Pt. 372. http://youtu.be/8Bo6pQWqKqY

76^ Jiří Zídek “George”-N°25, C, 02/08/1973 Zlin (Repubblica Ceca), 213 cm, 110 kg, 1995-97, squadra precedente: scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft 1995 al primo giro alla posizione N°22, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 107, Pt. 372.
http://youtu.be/8Bo6pQWqKqY

77^ Kenny (Kenneth) Anderson-N°12, PG, 09/10/1970 Queens (New York), 183 cm, 76 kg, 1996 e 2003, squadre precedenti: New Jersey Nets (1996) e Seattle SuperSonics (2003), squadre successive: Portland Trail Blazers (1996) ed Indiana Pacers (2003), pagina Twitter: http://twitter.com/@chibbs_1, G. 61, Pt. 716. http://youtu.be/AFMe_m_EmB8

77^ Kenny (Kenneth) Anderson-N°12, PG, 09/10/1970 Queens (New York), 183 cm, 76 kg, 1996 e 2003, squadre precedenti: New Jersey Nets (1996) e Seattle SuperSonics (2003), squadre successive: Portland Trail Blazers (1996) ed Indiana Pacers (2003), pagina Twitter: http://twitter.com/@chibbs_1, G. 61, Pt. 716.
http://youtu.be/AFMe_m_EmB8

78^ Dave (David William) Cowens "Big Red"-Coach, 25/10/1948 Newport (Kentucky), 206 cm, 104 kg, 1996-98, Regular Season: G. 179, V. 109, P.70, Playoffs: G.12, V. 4, P. 8. http://www.youtube.com/watch?v=v0PNkwSFm48&feature=youtu.be

78^ Dave (David William) Cowens “Big Red”-Coach, 25/10/1948 Newport (Kentucky), 206 cm, 104 kg, 1996-98, Regular Season: G. 179, V. 109, P.70, Playoffs: G.12, V. 4, P. 8.
http://www.youtube.com/watch?v=v0PNkwSFm48&feature=youtu.be

79^ Tom (Thomas Doane) Chambers "T.C."-N°22, PF, 21/06/1959 Ogden (Utah), 206 cm, 100 kg, 1997, squadra precedente: Maccabi Tel Aviv, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 12, Pt. 19. http://youtu.be/Fe418jPjQvo

79^ Tom (Thomas Doane) Chambers “T.C.”-N°22, PF, 21/06/1959 Ogden (Utah), 206 cm, 100 kg, 1997, squadra precedente: Maccabi Tel Aviv, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 12, Pt. 19.
http://youtu.be/Fe418jPjQvo

80^ Tony (Lorenzo) Delk-N°00, PG, 28/01/1974 Covington (Tennessee), 185 cm, 86 kg, 1996-97, squadra precedente: selezionato dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 1996 al primo giro con la scelta N°16, G. 64, Pt. 340. http://www.youtube.com/watch?v=rk4DwFbLftI&feature=youtu.be

80^ Tony (Lorenzo) Delk-N°00, PG, 28/01/1974 Covington (Tennessee), 185 cm, 86 kg, 1996-97, squadra precedente: selezionato dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 1996 al primo giro con la scelta N°16, G. 64, Pt. 340.
http://www.youtube.com/watch?v=rk4DwFbLftI&feature=youtu.be

81^ Robert Eugene "Bob" Bass-Vice presidente e General Manager, 28/01/1929, Anni Hornets: 1995-2004 (9), Playoffs: 7, College: Oklahoma Baptist University. Bob Bass è il GM degli Hornets che ha firmato tra gli altri J. Mashburn, Baron Davis e David West, in negativo però si è fatto "sfuggire" Bryant (già destinato a L.A.) per Vlade Divac. Vince il premio Executive of the Year due volte, la seconda con gli Hornets (1989-90 e 1996-97). Nella NBA come allenatore, ha guidato a più riprese i San Antonio Spurs. http://www.youtube.com/watch?v=aQ7h2N88nqk&feature=youtu.be

81^ Robert Eugene “Bob” Bass-Vice presidente e General Manager, 28/01/1929, Anni Hornets: 1995-2004 (9), Playoffs: 7, College: Oklahoma Baptist University.
Bob Bass è il GM degli Hornets che ha firmato tra gli altri J. Mashburn, Baron Davis e David West, in negativo però si è fatto “sfuggire” Bryant (già destinato a L.A.) per Vlade Divac. Vince il premio Executive of the Year due volte, la seconda con gli Hornets (1989-90 e 1996-97). Nella NBA come allenatore, ha guidato a più riprese i San Antonio Spurs.
http://www.youtube.com/watch?v=aQ7h2N88nqk&feature=youtu.be

82^ Vlade Divac-N°12, C, 03/02/1968 Prijepolje (Serbia), 216 cm, 118 kg, 1996-98, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadre successive: Stella Rossa (durante il lockout) e Sacramento Kings, G. 145, Pt. 1691. http://www.youtube.com/watch?v=ztb11RQhuzs&feature=youtu.be

82^ Vlade Divac-N°12, C, 03/02/1968 Prijepolje (Serbia), 216 cm, 118 kg, 1996-98, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadre successive: Stella Rossa (durante il lockout) e Sacramento Kings, G. 145, Pt. 1691.
http://www.youtube.com/watch?v=ztb11RQhuzs&feature=youtu.be

83^ Jamie (Eugene) Feick-N°50, C, 03/07/1974 Lexington (Ohio), 206 cm, 116 kg, 1997, squadra precedente: Oklahoma City Cavalry, squadra successiva: San Antonio Spurs, G. 3, Pt. 5. http://youtu.be/rOWSznATHf8

83^ Jamie (Eugene) Feick-N°50, C, 03/07/1974 Lexington (Ohio), 206 cm, 116 kg, 1997, squadra precedente: Oklahoma City Cavalry, squadra successiva: San Antonio Spurs, G. 3, Pt. 5.
http://youtu.be/rOWSznATHf8

84^ Anthony (George Douglas) Mason "Mase"-N°14, PF, 14/12/1966 Miami (Florida), 201 cm, 114 kg, 1996-2000, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: Miami Heat, G. 236, Pt.3173. http://www.youtube.com/watch?v=Y_yUaZG2fsM&feature=youtu.be

84^ Anthony (George Douglas) Mason “Mase”-N°14, PF, 14/12/1966 Miami (Florida), 201 cm, 114 kg, 1996-2000, squadra precedente: New York Knicks, squadra successiva: Miami Heat, G. 236, Pt.3173.
http://www.youtube.com/watch?v=Y_yUaZG2fsM&feature=youtu.be

85^ Ricky (Charles) Pierce-N°21, SG-SF, 19/08/1959 Dallas (Texas), 193 cm, 93 kg, 1997, squadra precedente: Denver Nuggets, squadra successiva: AEK Atene, G. 27, Pt. 324. http://www.youtube.com/watch?v=Tyo9TYxtA5Q

85^ Ricky (Charles) Pierce-N°21, SG-SF, 19/08/1959 Dallas (Texas), 193 cm, 93 kg, 1997, squadra precedente: Denver Nuggets, squadra successiva: AEK Atene, G. 27, Pt. 324.
http://www.youtube.com/watch?v=Tyo9TYxtA5Q

86^ Malik (Jabari) Rose-N°31, SF-PF, 23/11/1974 Philadelphia (Pennsylvania), 201 cm, 115 kg, 1996-97, squadra precedente: scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft 1996 con la scelta N°44 al secondo giro, squadra successiva: San Antonio Spurs, G. 54, Pt. 160. http://www.youtube.com/watch?v=ALoIpW9oe-g&feature=youtu.be

86^ Malik (Jabari) Rose-N°31, SF-PF, 23/11/1974 Philadelphia (Pennsylvania), 201 cm, 115 kg, 1996-97, squadra precedente: scelto dagli Charlotte Hornets nel Draft 1996 con la scelta N°44 al secondo giro, squadra successiva: San Antonio Spurs, G. 54, Pt. 160.
http://www.youtube.com/watch?v=ALoIpW9oe-g&feature=youtu.be

87^ Donald (Adam) Royal "D. Rock"-N°5, SF, 22/05/1966 New Orleans (Louisiana), 203 cm, 95 kg, 1997-98, squadre precedenti: Golden State Warriors (1997) ed Orlando Magic (1998), squadre successive: Idaho Stampede (1997), G. 54, Pt. 144. http://www.youtube.com/watch?v=ntIvuR9ANOY&feature=youtu.be

87^ Donald (Adam) Royal “D. Rock”-N°5, SF, 22/05/1966 New Orleans (Louisiana), 203 cm, 95 kg, 1997-98, squadre precedenti: Golden State Warriors (1997) ed Orlando Magic (1998), squadre successive: Idaho Stampede (1997), G. 54, Pt. 144.
http://www.youtube.com/watch?v=ntIvuR9ANOY&feature=youtu.be

88^ Tony (Charles Anton) Smith-N°34, SG, 14/06/1968 Wauwatosa (Wisconsin), 191 cm, 84 kg, 1996-97, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Saski Baskonia, G. 69, Pt. 346. http://www.youtube.com/watch?v=M8mbbJ2aOIU&feature=youtu.be Gioca in Italia a Rimini 5 partite, ma poi Smith, l'americano della Vip Rimini (A/1), torna in America. Da un giornale dell'epoca: "Senza dire niente a nessuno, secondo la società. Lo yankee ha preso l'aereo e ha lasciato Rimini. «Ci ha chiamato il suo agente - racconta il general manager Renzo Vecchiato - dicendoci che Tony è dovuto tornare in America per motivi inderogabili».

88^ Tony (Charles Anton) Smith-N°34, SG, 14/06/1968 Wauwatosa (Wisconsin), 191 cm, 84 kg, 1996-97, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Saski Baskonia, G. 69, Pt. 346.
http://www.youtube.com/watch?v=M8mbbJ2aOIU&feature=youtu.be
Gioca in Italia a Rimini 5 partite, ma poi Smith, l’americano della Vip Rimini (A/1), torna in America. Da un giornale dell’epoca:
“Senza dire niente a nessuno, secondo la società. Lo yankee ha preso l’aereo e ha lasciato Rimini.
«Ci ha chiamato il suo agente – racconta il general manager Renzo Vecchiato – dicendoci che Tony è dovuto tornare in America per motivi inderogabili».

89^ B.J. (Benjamin Roy) Armstrong (Jr.) "B.J."/"The Kid"-N°10, PG, 09/09/1967 Detroit (Michigan), 187 cm, 79 kg, 1997-99, squadra precedente: Golden State Warriors, squadra successiva: Orlando Magic, College: Iowa Hawkeyes, G. 72, Pt. 301, Playoffs: G. 9, Pt. 37. http://www.youtube.com/watch?v=vSU9F7Zyo-Q&feature=youtu.be

89^ B.J. (Benjamin Roy) Armstrong (Jr.) “B.J.”/”The Kid”-N°10, PG, 09/09/1967 Detroit (Michigan), 187 cm, 79 kg, 1997-99, squadra precedente: Golden State Warriors, squadra successiva: Orlando Magic, College: Iowa Hawkeyes, G. 72, Pt. 301, Playoffs: G. 9, Pt. 37.
http://www.youtube.com/watch?v=vSU9F7Zyo-Q&feature=youtu.be

90^ Tony (Anthony Todd) Farmer-N°8, PF, 03/01/1970 Los Angeles (California), 205 cm, 111 kg, 1997-98, squadra precedente: Vaqueros de Bayamón (Porto Rico), squadra successiva: Criollos de Caguas (Porto Rico), G. 27, Pt. 67.

90^ Tony (Anthony Todd) Farmer-N°8, PF, 03/01/1970 Los Angeles (California), 205 cm, 111 kg, 1997-98, squadra precedente: Vaqueros de Bayamón (Porto Rico), squadra successiva: Criollos de Caguas (Porto Rico), G. 27, Pt. 67.

91^ Jeff ('rey) Grayer-N°20, SF-SG, 17/12/1965 Flint (Michigan), 196 cm, 91 kg, 1998, squadra precedente: Rockford Lightning, squadra successiva: Rockford Lightning, G. 1, Pt. 0.

91^ Jeff (‘rey) Grayer-N°20, SF-SG, 17/12/1965 Flint (Michigan), 196 cm, 91 kg, 1998, squadra precedente: Rockford Lightning, squadra successiva: Rockford Lightning, G. 1, Pt. 0.

1998-Maxwell Vernon

92^ Vernon Maxwell “Hawk”/”Mad Max”-N°11, SG, 12/09/1965 Gainesville(Florida), 193 cm, 82 kg, 1998, squadra precedente: Orlando Magic, squadra successiva: Sacramento Kings, G. 31, Pt. 210.

93^ Michael (Dewayne) McDonald-N°42, C, 13/02/1969, Longview (Texas), 208 cm, 105 kg, 1998, squadra precedente: Grand Rapids Hoops, squadra successiva: Grand Rapids Hoops, G. 1, Pt. 0.

93^ Michael (Dewayne) McDonald-N°42, C, 13/02/1969, Longview (Texas), 208 cm, 105 kg, 1998, squadra precedente: Grand Rapids Hoops, squadra successiva: Grand Rapids Hoops, G. 1, Pt. 0.

94^ Bobby (Ray) Phills (II)-N°13-SG, 20/12/1969 Baton Rouge (Louisiana)-12/01/2000 Charlotte (North Carolina), 196 cm, 95 kg, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, G. 133, Pt. 1636. http://www.youtube.com/watch?v=zB93PB2bGro&feature=youtu.be Nativo di Baton Rouge, Louisiana, Bobby Ray Phills II, venne al mondo il 20 dicembre 1969. Laissez le bon temps rouler potrebbe essere un motto importato dai coloni francesi per queste terre che presero il nome dal Re Sole Luigi XIV, dove la vita è presa con una miglior filosofia rispetto ai ritmi esasperati di produttività che in altri luoghi la società impone. Certo non è tutto oro, anzi… in Louisiana sussistono problemi storici d’immigrazione (anche italiana, in special modo dalla Sicilia) e sussisteva il problema che i neri, nonostante non fossero più schiavi, vivessero sostanzialmente una vita monca, essi, infatti, non potevano entrare in alcuni luoghi, riservati esclusivamente ai bianchi. Nonostante ciò, Phills si affermerà come giocatore di basket, nonostante come risaputo da molti, lo sport più popolare nella gran parte del sud degli Stati Uniti, sia il football americano. Bobby Phills ha frequentato la Southern University per Tutti e quattro Gli anni del corso di laurea. Questo è il tempo in cui Bobby Phills voleva essere un veterinario. Infatti, conseguì una laurea in scienze animali. Gli piacevano i piccoli animali. Gli piaceva alleviare il loro dolore. Gli piaceva il fatto che gli animali istintivamente sapessero che tipo di persona fossi, non ti giudicassero dallo sguardo, dai vestiti, dallo stipendio. Phills guardò le persone allo stesso modo, e in questo mondo è cosa sempre più rara. Nella Stagione 1990-1991, ultimo anno universitario, Phills è Stato Il primo giocatore della nazione per tiri da tre segnati, classificandosi quarto miglior marcatore del circuito con 28,4 punti di media a partita, oltre ad essere tredicesimo nei recuperi con un buon 3,2 a gara, il che gli vale la chiamata dei Milwaukee Bucks al secondo turno del Draft NBA del 1991 con il n°45. I Bucks però lo mettono in naftalina, con i Cervi non scenderà mai sul parquet e a dicembre le strade di Phills e la franchigia NBA del Wisconsin si separeranno. Tagliato dai Bucks, era deluso, ma non sconfitto. A Bobby fu detto che l'unico posto in cui poteva giocare a basket pro era in South Dakota nel mese di dicembre. Così fece i bagagli e si unì ai Sioux Falls Skyforce della Continental Basketball Association, tenendo 23,1 punti di media, prima di firmare per i Cleveland Cavaliers che gli riaprirono le porte della NBA. Con i Cavaliers ha giocato dieci Partite Nella Stagione 1991-1992, rimanendo Nel roster l'anno successivo ed apparendo in trentuno gare. Dopo due anni passati ad apprendere dai compagni di squadra e da coach Wilkens, la stagione 1993-1994 vide Phills emergere come grintoso e consistente giocatore NBA; giocò 72 partite segnando 8,3 Punti Di media. Membro fisso della difesa di Cleveland, nel 1994-95 fini con 11,0 punti, per la prima volta entrando in doppia cifra. Nel 1994 si sposa con Kendall. Continuò a migliorare nel 1995-1996 sviluppando ulteriormente meccanismi e movimenti per un buon tiro dalla lunga distanza (44,1 % da tre), il che gli permise di portare il suo bottino punti a 14,6 a gara. Ore di palestra anche in estate a sviluppare il suo tiro da dietro l’arco, giacché non era un tiratore “naturale” e le ore in sala pesi lo resero più competitivo. Era orgoglioso del suo gioco ma si spendeva per la squadra. Ciò in cui eccelleva restava comunque la difesa, giocava duro, e proprio quell'anno entrò nel Secondo quintetto difensivo della lega; Michael Jordan indicò Phills come uno dei cinque avversari più duri da lui incontrati. In ogni ruolo è stato efficace. Non sensazionale. Solido. Un vero professionista. Una volta un tifoso vide Phills in un bar mentre parlava con altri tifosi. Incuriosito, si avvicinò, e mentre gli altri bevevano le classiche bevande da bar, notò che Bobby stava bevendo latte! Il tipo di giocatore che è raramente celebrato in questa età sfavillante. Fuori dal campo Phills è ispirato da Alpha Phi Alpha (ΑΦΑ), un’organizzazione fondata nel 1906 da afro americani. L’associazione affronta questioni sociali come l'apartheid, l’AIDS, la questione case, questioni economiche, culturali e politiche d’interesse per le persone di colore. Il Martin Luther King, Jr. National Memorial, ecc. …, sono programmi di Alpha Phi Alpha. Quando nel 1996 Bobby Phills fonda l’Awareness Foundation Bobby Phills Educational s’ispira ai valori di fratellanza che l’associazione Alpha Phi Alpha promuove, infatti, la guardia degli Hornets immaginava e creava un’organizzazione che promuovesse e sviluppasse la consapevolezza educativa tra i bambini che sono stati meno fortunati. Ha lavorato per creare un'associazione che potesse sottolineare l'importanza del rendimento scolastico e l’importanza fisica. Phills amava lo sport, il basket, il tennis, il golf, sicché questa passione “fisica” era evidente a molti. Unita al suo amore per la comunità, parlava tranquillamente con fan, bambini, media senza darsi arie da star, lo spirito gentile di Bobby si concretizzava attraverso la missione di questa Fondazione che ha tanto amato. L’obiettivo concreto della fondazione è fornire ai bambini consapevolezza educativa attraverso stimoli intellettuali e di crescita attraverso il progresso scolastico, i programmi e le attività sportive, le opportunità di mentoring e programmi di sviluppo sociale e di leadership. La Fondazione gestisce un fondo, assegna borse di studio agli studenti meritevoli, oltre ad ospitare un memorial di golf annualmente, offre una serie di campi di basket e golf per i giovani svantaggiati tutto l'anno. Poiché la tragica scomparsa di Phills (di cui parleremo in seguito) avvenne nel gennaio 2000, in tutti questi anni è stata la famiglia insieme a soci a occuparsi di mantenere il suo sogno in vita attraverso la Fondazione. Dopo un’alta ottima stagione con i CAVS, il 19 agosto 1997 (un mesetto dopo la firma dell’amico David Wesley) firmò da free agent con gli Charlotte Hornets, i quali, mentre costruivano una delle migliori squadre dell'Eastern Conference, videro in Bobby Phills il veterano giusto per guidare la squadra e lo "stopper difensivo" da tentare di opporre allo stratosferico Jordan. Phills firma un contratto a lungo termine come free agent del valore di $ 32 milioni. Nonostante un infortunio che lo costrinse a saltare le prime 20 gare di stagione regolare, segnò comunque 10.4 punti a partita, quarta stagione consecutiva in doppia cifra, migliorandosi l'anno successivo, 1998-99, stagione del "lockout" (diventata solo 1999 in pratica), con 14,3 p/p. Alla vigilia della Stagione 1999-2000, Phills in accordo con Silas, il quale pensava che un quintetto più alto avrebbe finito per favorire la formazione, si spostò nel ruolo di sesto uomo, in modo che Anthony Mason e il nuovo acquisto degli Hornets Derrick Coleman potessero giocare insieme, avendo un quintetto più equilibrato. Bobby disse: "… la cosa più importante per me è vincere partite. Farò quello che devo fare per aiutarci a fare questo". Giocò 28 Partite con una media di 13,6 punti fu uno dei protagonisti della rimonta degli Hornets in classifica, però purtroppo la squadra della Carolina del Nord fallì l’obiettivo post season per un soffio. Contribuì anche a migliorare un giovane Baron Davis, promessa della squadra, oltre ad avere leadership sulla squadra. La stagione 1999/00 parte e già gli Hornets hanno qualche problema, nel mese di ottobre, Eldridge Recasner si frattura una spalla e si ritrova con un polmone malandato, mentre il compagno di squadra Derrick Coleman era accusato di guida in stato d’ebrezza dopo un incidente stradale. Il 20 dicembre gli Hornets sono ospiti a New York (partita persa all’OT 109-112). Phills chiede ad un membro del personale Hornets sulla Statua della Libertà. Il membro del personale è di New York e Phills vuole dettagli circa la Statua della Libertà, il modo migliore per arrivarci, ecc.… I giocatori chiedono spesso ai membri dello staff biglietti o consigli, ma nessuno aveva mai chiesto a lui qualcosa sulla Statua della Libertà. I viaggi in NBA sono veloci, forse c’è tempo per un giro turistico, forse no, ma Bobby voleva del tempo per apprezzare le città in cui ha giocato. Voleva vedere un punto di riferimento in ogni città. La vita di Phills si spezza a 30 anni e 23 giorni improvvisamente e tragicamente in un incidente automobilistico (il che mi ricorda nel 1993 l’incidente d’auto di Drazen Petrovic) il 12 gennaio 2000, dopo essere uscito dall'allenamento mattutino. Personalmente mi ricordo che come spesso accadeva durante il mio turno mattutino di lavoro, mi sedevo brevemente al bar e facevo colazione, ma il giorno successivo, in quell’alba del nuovo millennio, cielo limpido anche se freddo, niente faceva presagire che aprendo la Gazzetta dello Sport per vedere risultati e cercare tra le curiosità della NBA, avrei trovato la notizia della scomparsa della guardia degli Hornets. Potevo solamente rimanere incredulo: la sua Porsche 993 Cabriolet circa alle 11.00 AM era su Tyvola Road, nei Pressi dell’ormai abbattuto Charlotte Coliseum (a pochi chilometri a sud di downtown), quando ad un certo punto l’auto si schiantò frontalmente contro un altro mezzo e poi finì su un lato della carreggiata dopo una carambola che colpì altri due mezzi i cui conducenti però ebbero salva la vita. In condizioni stabili al Presbyterian Hospital finirono Robert Woolard Jr., un perito assicurativo di 31 anni e Yao Agbegbon 33 anni di Charlotte, il quale era alla guida di un taxi minivan. Per Bobby però non ci fu nulla da fare, la polizia, effettuati i controlli, sostenne che l’auto viaggiasse a circa 150 kmh contro i circa 70 kmh consentiti e pare sempre che uno sbalzo della vettura fu la causa della perdita di controllo del mezzo. I segni di frenata in prossimità di una curva con pendenza. In genere i due si recavano in una creperia dopo il piccolo allenamento. Poco più avanti vi era l’amico e compagno di squadra David Wesley, con il quale usciti dall’allenamento, avrebbero dovuto recarsi insieme dalla moglie di Bobby. In un primo momento Wesley fu sospettato di guida spericolata, poiché si pensò che i due stessero gareggiando. Fu scagionato da questa colpa ma condannato per guida spericolata sei mesi dopo. Wesley si rese conto guardando lo specchietto retrovisore dell’accaduto ed inchiodò, ma ormai era troppo tardi per l’amico. Intanto coach Paul Silas, avvisato dell'accaduto da Wesley tramite l’assistente Terry Kofler, si recò con l’altro assistente Eavas sul posto, ma anche loro dovettero fare i conti con la dura realtà materiale. Diversi giocatori lasciando il Colosseo, avvisati dell’incidente via cellulare tornano indietro. Arrivano più o meno tutti, poi si fermano per circa un’ora da soli o in piccoli gruppi parlando a bassa voce, in lacrime guardando come la polizia ed i vigili del fuoco assistettero le altre due persone ferite in altre vetture e poi andarono a fare le indagini sull'incidente. Incredibilmente il proprietario George Shinn, guidando verso il suo ufficio e non sapendo cosa fosse successo, si fermò quando vide Silas sul lato della strada. Bob Bass, il vicepresidente esecutivo era visibilmente scosso, fu lui a chiedere di rinviare la gara programmata contro i Bulls. Bass su Phills: "Era così speciale. Ha toccato tutti noi e sentiremo sempre la sua mancanza. Sono solo in stato di shock". Il giorno dell'incidente, anche il commissario della NBA David Stern disse: "Bobby Phills rappresentava il meglio della NBA. Sappiamo tutti che Bobby era un giocatore di talento e competitivo. Ma era anche uno dei membri più rispettati della NBA, un prezioso compagno di squadra e un membro della comunità. Egli mancherà molto a tutta la famiglia NBA e ai fan di basket di tutto il mondo". Joe Tait dell’emittente dei Cavs, parlando di Phills lo elogia, dicendo che era un’ottima persona: “Non ha mai preso a calci un cameraman o sputato su un ventilatore. Non ha mai nemmeno fatto trash talking. Non ha mai chiesto di essere scambiato. Non ha mai avuto il broncio quando fu messo in panchina. Non si arrabbiava quando i compagni di squadra meno talentuosi venivano pagati con molto più denaro. Ogni giocatore NBA dovrebbe essere come Bobby Phills. Non perché aveva una media di 13 punti a partita uscendo dalla panchina di Charlotte in questa stagione, né perché era un difensore robusto, il tipo di ragazzo che lotta corpo a corpo, pelle a pelle, ossa a ossa, ma non era un giocatore scorretto. E ' un giocatore che rispetta il suo allenatore e si adatta con i suoi compagni di squadra, un ragazzo che sa cosa vuol dire aspettare il suo turno”. Bobby Sura: Ex giocatore dei Cavs e compagno di Phills: "Bobby è una delle migliori persone che potrebbero esserci in giro, e ha davvero cercato di aiutare gli altri". Il 9 febbraio 2000, durante l’intervallo della gara tra Hornets e Cavaliers (ex squadra di Phills), i Calabroni hanno ritirato la maglia Numero 13 in sua memoria. Un piccolo stralcio da Coach Silas che lo elogia (vi risparmio la ripetizione di altri commenti): “Senza Bobby, non saremmo una vera buona squadra, non credo''. Il figlio di Bobby Phills si avvicinò al podio, mano nella mano con sua madre. Lei lo prese in braccio e parlò nel microfono. “Dillo a tutti dov’è papà”, disse Kendall Phills. "In cielo", rispose Bobby Phills III. Poi aggiunse, "Con gli angeli". Il ragazzo poi corse giù dal palco e abbracciò sua sorella Kerstie.Kendall ha continuato: "Adorava i nostri bellissimi bambini e amava i suoi genitori", ha detto in lacrime. "E ' davvero stata una benedizione per me avere Bobby come mio marito, amico ed eterna anima gemella." Poi lesse una poesia: " Non hai mai detto "me ne vado." Non hai mai detto "Goodbye. " Te ne sei andato prima che lo sapessi. E Dio solo sa perché. Un milione di volte ho bisogno di te. Un milione di volte ho pianto. Se solo l’amore potesse averti salvato, non saresti mai morto. Nella vita ti ho amato teneramente. Nella morte io ti amo ancora. Nel mio cuore c’è un posto speciale che nessuno potrà mai colmare. Mi ha spezzato il cuore perderti. Ma non sei andato da solo. Una parte di me se n’è andata con te il giorno in cui Dio ti ha chiamato alla sua casa. Wesley, playmaker degli Hornets, ha parlato del suo amico ma non ha menzionato nulla sull'incidente. Coach Paul Silas ha detto quello che mancherà di più di Phills sarà il suo sorriso contagioso. Il figlio di Bobby, Bobby Ray Phills III ed il fratello Dwayne hanno issato la maglia n° 13 tra le travi del Charlotte Coliseum. Quello di Phills è stato il primo numero ad essere ritirato nella storia della franchigia. Dopo la partita giocata contro i Knicks sabato 15 gennaio, la squadra partirà da Charlotte per volare a Baton Rouge, dove la domenica si sarebbe tenuto il funerale di Phills. Gli Hornets giocheranno il resto della stagione con una patch nera con il n°13 sul lato destro dell’uniforme per ricordare il compagno. Sul parquet era una guardia tiratrice o un’ala piccola dalla mano morbida e come già detto un ottimo difensore, amava scherzare, un giornalista gli chiese se temesse affrontare Micheal Jordan, lui esorcizzava e scherzava dicendo: "Michael chi?" Persona definita da un giornalista “con un sorriso in grado di scioglierti l'anima” e padre di tre figli. I suoi genitori, Bobby e Mary Phills sono entrambi laureati alla Southern University e A & M College di Baton Rouge, in Louisiana. Entrambi i genitori hanno giocato basket del liceo, Bobby dicono abbia appreso le sue doti atletiche dalla madre, che era stata un’atleta di basket alla St. Tammany High School di Slidell, sempre in Louisiana. Bobby ha anche due fratelli, Michael Mason e Dwayne Armand Phills, i quali erano anche atleti molto dotati. Michael doveva essere un giocatore di football professionistico se non avesse subito un infortunio. Suo fratello minore Dwayne Armand ha giocato la sua pallacanestro a Baker High School. La famiglia costruita da Bobby invece comprende sua moglie, Kendall Watkins Phills e tre figli; Brittany, Bobby III (Trey) e Kerstie Raedawn. Con Kendall come già detto, si sposò nell'estate del 1994 e da quest’unione nacquero due figli, Trey e Kerstie. Si dice che le ghiande non cadono lontano dalle radici dell'albero da cui sono cresciuti, effettivamente in questo caso i ragazzi sia per l’impegno scolastico sia per doti atletiche dimostrano di essere proprio ghiande di quell’albero. A Fort Mill, centro dei Calabroni, Jones e Susan Buff, assistenti esecutivi del team, sono stati subissati per tutto il pomeriggio da telefonate dopo la notizia della tragedia. Si sono fatti vivi coach avversari, direttori generali, allenatori e giocatori, tra cui J.R. Reid e Chuck Person. Stazioni radio locali hanno ricevuto chiamate da persone che hanno ammirato Phills e in molti casi avevano avuto la fortuna di trascorrere qualche breve momento con lui durante le sue 2 stagioni e poco più con gli Hornets. Era evidente che Phills, 30 anni, aveva toccato un sacco di vite dentro e intorno a Charlotte, ma anche nell’intera NBA. Lo stesso Jones disse che: "Era proprio il tipo di persona con cui si può parlare di qualsiasi cosa. Era il mio amico". Dave Cowens, suo ex allenatore a Charlotte chiamò mercoledì pomeriggio, subito dopo aver appreso dell'incidente da un amico: “Io non capisco come queste cose accadano. E per gente come Bobby Phills. Io non credo che ci sia un osso solo egoista nel suo corpo. Ha lavorato su tutto. Lui ascolta. Lui è intelligente. Era solo uno di quei rari puri uomini che sono venuti al mondo, nel modo in cui ha giocato a basket e nel modo in cui ha vissuto la sua vita. L'egoismo è ciò che uccide gli sport di squadra, e lui non aveva niente di tutto ciò". Tutti questi pareri possono sembrare come una glorificazione per Bobby Phills, in realtà quando una persona muore, accade spesso si tenda a glorificarla, ma a furia di santificarle con regolarità si ottiene un effetto opposto poiché diventa un rito che s’inflaziona. Anche se ho messo alcuni commenti di persone su Bobby Phills, innanzitutto, ancor prima che come giocatore di basket, vorrei ricordarlo come una persona positiva. Era con entrambi i piedi a terra nel mondo reale. Aveva avuto la fortuna di guadagnare circa 3,5 $ a stagione e aveva la moglie Kendall che partecipava quasi ad ogni partita in casa con i loro figli. Gli si può imputare la troppa velocità. Nonostante la polizia all’inizio creda che Wesley e Phills stessero gareggiando (circostanza smentita da Wesley), l’ipotesi sembra da scartare nonostante nel mese di febbraio Phills è stato accusato di guidare a 60 mph in una zona dove era permesso solo un 35 mph su Main Street a Pineville, documenti dicono che pagò una multa di 25 dollari e altri 86 per spese processuali. Anche Wesley fu accusato di eccesso di velocità secondo i documenti del tribunale Mecklenburg County. Nel mese di ottobre del 1997 è stato accusato di guidare a 60 mph in una zona da 45 mph. Nel dicembre 1998, sempre Wesley è stato accusato di guidare a 79 mph in una zona da 65 mph sulla Interstate 485. Pagò 80 dollari in spese processuali e frequentò un corso di guida del National Safety Council sei giorni dopo essere stato accusato. A volte però, va detto che i limiti sono eccessivamente bassi. Ma… in questo giorno, un pomeriggio di gennaio che sembrava primavera, non fu come l’altra volta, nonostante i riflessi di Phills, probabilmente uno scatto della sua automobile gli è costata la vita, mettendo in pericolo la vita degli altri, forse perché, come disse lui stesso in un’intervista del 28 dicembre, era molto sicuro di se stesso. Aggiungendo, a domanda fatta, che lui non avesse bisogno di essere un giocatore di basket per avere successo nella vita poiché si era laureato in veterinaria e non ruotava tutto intorno al basket, mentre altri si erano fatti prendere la mano dalla “bella vita”. "E' una cosa triste come molti atleti si perdono dopo che le loro carriere sono cessate perché è la loro unica nicchia. Non sanno come vivere la loro vita senza un pallone da basket in mano''. Wesley ora ha 43 anni, in pensione, qualche anno fa viveva in Texas (onestamente non so se sia ancora di stanza lì, lui natio di San Antonio), ora fa il commentatore tecnico per gli Hornets su Fox, mentre Kendall Phills ora è il membro più basso della famiglia, il figlio e la figlia sono più alti di lei. Lei scherza sul fatto che deve indossare i tacchi da cinque pollici solo per sembrare più alta, come si conviene a una mamma per alzarsi sopra di loro di tanto in tanto. Wesley non ha mai detto esattamente quello che desiderava, al contrario di Kendall, al tempo disse: "I don't really know what I want to say, but he was my partner in crime," he began. "We had some fun." Cioè: “Io non so davvero cosa voglio dire, ma lui era il mio complice. Ci siamo divertiti un po”. Tuttavia, quel che avrebbe volute dire non è difficile da indovinare. Gli manca il suo amico. Molti di noi hanno qualcuno che gli manca. Ciao Bobby.

94^ Bobby (Ray) Phills (II)-N°13-SG, 20/12/1969 Baton Rouge (Louisiana)-12/01/2000 Charlotte (North Carolina), 196 cm, 95 kg, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, G. 133, Pt. 1636.
http://www.youtube.com/watch?v=zB93PB2bGro&feature=youtu.be
Nativo di Baton Rouge, Louisiana, Bobby Ray Phills II, venne al mondo il 20 dicembre 1969.
Laissez le bon temps rouler potrebbe essere un motto importato dai coloni francesi per queste terre che presero il nome dal Re Sole Luigi XIV, dove la vita è presa con una miglior filosofia rispetto ai ritmi esasperati di produttività che in altri luoghi la società impone. Certo non è tutto oro, anzi… in Louisiana sussistono problemi storici d’immigrazione (anche italiana, in special modo dalla Sicilia) e sussisteva il problema che i neri, nonostante non fossero più schiavi, vivessero sostanzialmente una vita monca, essi, infatti, non potevano entrare in alcuni luoghi, riservati esclusivamente ai bianchi.
Nonostante ciò, Phills si affermerà come giocatore di basket, nonostante come risaputo da molti, lo sport più popolare nella gran parte del sud degli Stati Uniti, sia il football americano.
Bobby Phills ha frequentato la Southern University per Tutti e quattro Gli anni del corso di laurea.
Questo è il tempo in cui Bobby Phills voleva essere un veterinario. Infatti, conseguì una laurea in scienze animali.
Gli piacevano i piccoli animali. Gli piaceva alleviare il loro dolore. Gli piaceva il fatto che gli animali istintivamente sapessero che tipo di persona fossi, non ti giudicassero dallo sguardo, dai vestiti, dallo stipendio.
Phills guardò le persone allo stesso modo, e in questo mondo è cosa sempre più rara.
Nella Stagione 1990-1991, ultimo anno universitario, Phills è Stato Il primo giocatore della nazione per tiri da tre segnati, classificandosi quarto miglior marcatore del circuito con 28,4 punti di media a partita, oltre ad essere tredicesimo nei recuperi con un buon 3,2 a gara, il che gli vale la chiamata dei Milwaukee Bucks al secondo turno del Draft NBA del 1991 con il n°45.
I Bucks però lo mettono in naftalina, con i Cervi non scenderà mai sul parquet e a dicembre le strade di Phills e la franchigia NBA del Wisconsin si separeranno. Tagliato dai Bucks, era deluso, ma non sconfitto. A Bobby fu detto che l’unico posto in cui poteva giocare a basket pro era in South Dakota nel mese di dicembre. Così fece i bagagli e si unì ai Sioux Falls Skyforce della Continental Basketball Association, tenendo 23,1 punti di media, prima di firmare per i Cleveland Cavaliers che gli riaprirono le porte della NBA.
Con i Cavaliers ha giocato dieci Partite Nella Stagione 1991-1992, rimanendo Nel roster l’anno successivo ed apparendo in trentuno gare. Dopo due anni passati ad apprendere dai compagni di squadra e da coach Wilkens, la stagione 1993-1994 vide Phills emergere come grintoso e consistente giocatore NBA; giocò 72 partite segnando 8,3 Punti Di media. Membro fisso della difesa di Cleveland, nel 1994-95 fini con 11,0 punti, per la prima volta entrando in doppia cifra.
Nel 1994 si sposa con Kendall.
Continuò a migliorare nel 1995-1996 sviluppando ulteriormente meccanismi e movimenti per un buon tiro dalla lunga distanza (44,1 % da tre), il che gli permise di portare il suo bottino punti a 14,6 a gara. Ore di palestra anche in estate a sviluppare il suo tiro da dietro l’arco, giacché non era un tiratore “naturale” e le ore in sala pesi lo resero più competitivo. Era orgoglioso del suo gioco ma si spendeva per la squadra.
Ciò in cui eccelleva restava comunque la difesa, giocava duro, e proprio quell’anno entrò nel Secondo quintetto difensivo della lega; Michael Jordan indicò Phills come uno dei cinque avversari più duri da lui incontrati.
In ogni ruolo è stato efficace. Non sensazionale. Solido. Un vero professionista. Una volta un tifoso vide Phills in un bar mentre parlava con altri tifosi. Incuriosito, si avvicinò, e mentre gli altri bevevano le classiche bevande da bar, notò che Bobby stava bevendo latte!
Il tipo di giocatore che è raramente celebrato in questa età sfavillante.
Fuori dal campo Phills è ispirato da Alpha Phi Alpha (ΑΦΑ), un’organizzazione fondata nel 1906 da afro americani.
L’associazione affronta questioni sociali come l’apartheid, l’AIDS, la questione case, questioni economiche, culturali e politiche d’interesse per le persone di colore. Il Martin Luther King, Jr. National Memorial, ecc. …, sono programmi di Alpha Phi Alpha.
Quando nel 1996 Bobby Phills fonda l’Awareness Foundation Bobby Phills Educational s’ispira ai valori di fratellanza che l’associazione Alpha Phi Alpha promuove, infatti, la guardia degli Hornets immaginava e creava un’organizzazione che promuovesse e sviluppasse la consapevolezza educativa tra i bambini che sono stati meno fortunati. Ha lavorato per creare un’associazione che potesse sottolineare l’importanza del rendimento scolastico e l’importanza fisica.
Phills amava lo sport, il basket, il tennis, il golf, sicché questa passione “fisica” era evidente a molti.
Unita al suo amore per la comunità, parlava tranquillamente con fan, bambini, media senza darsi arie da star, lo spirito gentile di Bobby si concretizzava attraverso la missione di questa Fondazione che ha tanto amato.
L’obiettivo concreto della fondazione è fornire ai bambini consapevolezza educativa attraverso stimoli intellettuali e di crescita attraverso il progresso scolastico, i programmi e le attività sportive, le opportunità di mentoring e programmi di sviluppo sociale e di leadership. La Fondazione gestisce un fondo, assegna borse di studio agli studenti meritevoli, oltre ad ospitare un memorial di golf annualmente, offre una serie di campi di basket e golf per i giovani svantaggiati tutto l’anno.
Poiché la tragica scomparsa di Phills (di cui parleremo in seguito) avvenne nel gennaio 2000, in tutti questi anni è stata la famiglia insieme a soci a occuparsi di mantenere il suo sogno in vita attraverso la Fondazione.
Dopo un’alta ottima stagione con i CAVS, il 19 agosto 1997 (un mesetto dopo la firma dell’amico David Wesley) firmò da free agent con gli Charlotte Hornets, i quali, mentre costruivano una delle migliori squadre dell’Eastern Conference, videro in Bobby Phills il veterano giusto per guidare la squadra e lo “stopper difensivo” da tentare di opporre allo stratosferico Jordan. Phills firma un contratto a lungo termine come free agent del valore di $ 32 milioni. Nonostante un infortunio che lo costrinse a saltare le prime 20 gare di stagione regolare, segnò comunque 10.4 punti a partita, quarta stagione consecutiva in doppia cifra, migliorandosi l’anno successivo, 1998-99, stagione del “lockout” (diventata solo 1999 in pratica), con 14,3 p/p.
Alla vigilia della Stagione 1999-2000, Phills in accordo con Silas, il quale pensava che un quintetto più alto avrebbe finito per favorire la formazione, si spostò nel ruolo di sesto uomo, in modo che Anthony Mason e il nuovo acquisto degli Hornets Derrick Coleman potessero giocare insieme, avendo un quintetto più equilibrato. Bobby disse:
“… la cosa più importante per me è vincere partite. Farò quello che devo fare per aiutarci a fare questo”.
Giocò 28 Partite con una media di 13,6 punti fu uno dei protagonisti della rimonta degli Hornets in classifica, però purtroppo la squadra della Carolina del Nord fallì l’obiettivo post season per un soffio. Contribuì anche a migliorare un giovane Baron Davis, promessa della squadra, oltre ad avere leadership sulla squadra.
La stagione 1999/00 parte e già gli Hornets hanno qualche problema, nel mese di ottobre, Eldridge Recasner si frattura una spalla e si ritrova con un polmone malandato, mentre il compagno di squadra Derrick Coleman era accusato di guida in stato d’ebrezza dopo un incidente stradale.
Il 20 dicembre gli Hornets sono ospiti a New York (partita persa all’OT 109-112). Phills chiede ad un membro del personale Hornets sulla Statua della Libertà. Il membro del personale è di New York e Phills vuole dettagli circa la Statua della Libertà, il modo migliore per arrivarci, ecc.… I giocatori chiedono spesso ai membri dello staff biglietti o consigli, ma nessuno aveva mai chiesto a lui qualcosa sulla Statua della Libertà. I viaggi in NBA sono veloci, forse c’è tempo per un giro turistico, forse no, ma Bobby voleva del tempo per apprezzare le città in cui ha giocato. Voleva vedere un punto di riferimento in ogni città.
La vita di Phills si spezza a 30 anni e 23 giorni improvvisamente e tragicamente in un incidente automobilistico (il che mi ricorda nel 1993 l’incidente d’auto di Drazen Petrovic) il 12 gennaio 2000, dopo essere uscito dall’allenamento mattutino.
Personalmente mi ricordo che come spesso accadeva durante il mio turno mattutino di lavoro, mi sedevo brevemente al bar e facevo colazione, ma il giorno successivo, in quell’alba del nuovo millennio, cielo limpido anche se freddo, niente faceva presagire che aprendo la Gazzetta dello Sport per vedere risultati e cercare tra le curiosità della NBA, avrei trovato la notizia della scomparsa della guardia degli Hornets. Potevo solamente rimanere incredulo: la sua Porsche 993 Cabriolet circa alle 11.00 AM era su Tyvola Road, nei Pressi dell’ormai abbattuto Charlotte Coliseum (a pochi chilometri a sud di downtown), quando ad un certo punto l’auto si schiantò frontalmente contro un altro mezzo e poi finì su un lato della carreggiata dopo una carambola che colpì altri due mezzi i cui conducenti però ebbero salva la vita.
In condizioni stabili al Presbyterian Hospital finirono Robert Woolard Jr., un perito assicurativo di 31 anni e Yao Agbegbon 33 anni di Charlotte, il quale era alla guida di un taxi minivan.
Per Bobby però non ci fu nulla da fare, la polizia, effettuati i controlli, sostenne che l’auto viaggiasse a circa 150 kmh contro i circa 70 kmh consentiti e pare sempre che uno sbalzo della vettura fu la causa della perdita di controllo del mezzo. I segni di frenata in prossimità di una curva con pendenza.
In genere i due si recavano in una creperia dopo il piccolo allenamento.
Poco più avanti vi era l’amico e compagno di squadra David Wesley, con il quale usciti dall’allenamento, avrebbero dovuto recarsi insieme dalla moglie di Bobby. In un primo momento Wesley fu sospettato di guida spericolata, poiché si pensò che i due stessero gareggiando. Fu scagionato da questa colpa ma condannato per guida spericolata sei mesi dopo. Wesley si rese conto guardando lo specchietto retrovisore dell’accaduto ed inchiodò, ma ormai era troppo tardi per l’amico.
Intanto coach Paul Silas, avvisato dell’accaduto da Wesley tramite l’assistente Terry Kofler, si recò con l’altro assistente Eavas sul posto, ma anche loro dovettero fare i conti con la dura realtà materiale.
Diversi giocatori lasciando il Colosseo, avvisati dell’incidente via cellulare tornano indietro. Arrivano più o meno tutti, poi si fermano per circa un’ora da soli o in piccoli gruppi parlando a bassa voce, in lacrime guardando come la polizia ed i vigili del fuoco assistettero le altre due persone ferite in altre vetture e poi andarono a fare le indagini sull’incidente.
Incredibilmente il proprietario George Shinn, guidando verso il suo ufficio e non sapendo cosa fosse successo, si fermò quando vide Silas sul lato della strada. Bob Bass, il vicepresidente esecutivo era visibilmente scosso, fu lui a chiedere di rinviare la gara programmata contro i Bulls. Bass su Phills:
“Era così speciale. Ha toccato tutti noi e sentiremo sempre la sua mancanza. Sono solo in stato di shock”.
Il giorno dell’incidente, anche il commissario della NBA David Stern disse:
“Bobby Phills rappresentava il meglio della NBA. Sappiamo tutti che Bobby era un giocatore di talento e competitivo. Ma era anche uno dei membri più rispettati della NBA, un prezioso compagno di squadra e un membro della comunità. Egli mancherà molto a tutta la famiglia NBA e ai fan di basket di tutto il mondo”.
Joe Tait dell’emittente dei Cavs, parlando di Phills lo elogia, dicendo che era un’ottima persona:
“Non ha mai preso a calci un cameraman o sputato su un ventilatore. Non ha mai nemmeno fatto trash talking. Non ha mai chiesto di essere scambiato. Non ha mai avuto il broncio quando fu messo in panchina. Non si arrabbiava quando i compagni di squadra meno talentuosi venivano pagati con molto più denaro. Ogni giocatore NBA dovrebbe essere come Bobby Phills. Non perché aveva una media di 13 punti a partita uscendo dalla panchina di Charlotte in questa stagione, né perché era un difensore robusto, il tipo di ragazzo che lotta corpo a corpo, pelle a pelle, ossa a ossa, ma non era un giocatore scorretto. E ‘ un giocatore che rispetta il suo allenatore e si adatta con i suoi compagni di squadra, un ragazzo che sa cosa vuol dire aspettare il suo turno”.
Bobby Sura: Ex giocatore dei Cavs e compagno di Phills:
“Bobby è una delle migliori persone che potrebbero esserci in giro, e ha davvero cercato di aiutare gli altri”.
Il 9 febbraio 2000, durante l’intervallo della gara tra Hornets e Cavaliers (ex squadra di Phills), i Calabroni hanno ritirato la maglia Numero 13 in sua memoria.
Un piccolo stralcio da Coach Silas che lo elogia (vi risparmio la ripetizione di altri commenti):
“Senza Bobby, non saremmo una vera buona squadra, non credo”.
Il figlio di Bobby Phills si avvicinò al podio, mano nella mano con sua madre. Lei lo prese in braccio e parlò nel microfono. “Dillo a tutti dov’è papà”, disse Kendall Phills.
“In cielo”, rispose Bobby Phills III. Poi aggiunse, “Con gli angeli”.
Il ragazzo poi corse giù dal palco e abbracciò sua sorella Kerstie.Kendall ha continuato: “Adorava i nostri bellissimi bambini e amava i suoi genitori”, ha detto in lacrime.
“E ‘ davvero stata una benedizione per me avere Bobby come mio marito, amico ed eterna anima gemella.”
Poi lesse una poesia:
” Non hai mai detto “me ne vado.”
Non hai mai detto “Goodbye. “
Te ne sei andato prima che lo sapessi.
E Dio solo sa perché.
Un milione di volte ho bisogno di te.
Un milione di volte ho pianto.
Se solo l’amore potesse averti salvato, non saresti mai morto.
Nella vita ti ho amato teneramente.
Nella morte io ti amo ancora.
Nel mio cuore c’è un posto speciale che nessuno potrà mai colmare.
Mi ha spezzato il cuore perderti.
Ma non sei andato da solo.
Una parte di me se n’è andata con te il giorno in cui Dio ti ha chiamato alla sua casa.
Wesley, playmaker degli Hornets, ha parlato del suo amico ma non ha menzionato nulla sull’incidente.
Coach Paul Silas ha detto quello che mancherà di più di Phills sarà il suo sorriso contagioso.
Il figlio di Bobby, Bobby Ray Phills III ed il fratello Dwayne hanno issato la maglia n° 13 tra le travi del Charlotte Coliseum. Quello di Phills è stato il primo numero ad essere ritirato nella storia della franchigia.
Dopo la partita giocata contro i Knicks sabato 15 gennaio, la squadra partirà da Charlotte per volare a Baton Rouge, dove la domenica si sarebbe tenuto il funerale di Phills.
Gli Hornets giocheranno il resto della stagione con una patch nera con il n°13 sul lato destro dell’uniforme per ricordare il compagno.
Sul parquet era una guardia tiratrice o un’ala piccola dalla mano morbida e come già detto un ottimo difensore, amava scherzare, un giornalista gli chiese se temesse affrontare Micheal Jordan, lui esorcizzava e scherzava dicendo: “Michael chi?”
Persona definita da un giornalista “con un sorriso in grado di scioglierti l’anima” e padre di tre figli.
I suoi genitori, Bobby e Mary Phills sono entrambi laureati alla Southern University e A & M College di Baton Rouge, in Louisiana. Entrambi i genitori hanno giocato basket del liceo, Bobby dicono abbia appreso le sue doti atletiche dalla madre, che era stata un’atleta di basket alla St. Tammany High School di Slidell, sempre in Louisiana.
Bobby ha anche due fratelli, Michael Mason e Dwayne Armand Phills, i quali erano anche atleti molto dotati. Michael doveva essere un giocatore di football professionistico se non avesse subito un infortunio. Suo fratello minore Dwayne Armand ha giocato la sua pallacanestro a Baker High School.
La famiglia costruita da Bobby invece comprende sua moglie, Kendall Watkins Phills e tre figli; Brittany, Bobby III (Trey) e Kerstie Raedawn. Con Kendall come già detto, si sposò nell’estate del 1994 e da quest’unione nacquero due figli, Trey e Kerstie.
Si dice che le ghiande non cadono lontano dalle radici dell’albero da cui sono cresciuti, effettivamente in questo caso i ragazzi sia per l’impegno scolastico sia per doti atletiche dimostrano di essere proprio ghiande di quell’albero.
A Fort Mill, centro dei Calabroni, Jones e Susan Buff, assistenti esecutivi del team, sono stati subissati per tutto il pomeriggio da telefonate dopo la notizia della tragedia. Si sono fatti vivi coach avversari, direttori generali, allenatori e giocatori, tra cui J.R. Reid e Chuck Person.
Stazioni radio locali hanno ricevuto chiamate da persone che hanno ammirato Phills e in molti casi avevano avuto la fortuna di trascorrere qualche breve momento con lui durante le sue 2 stagioni e poco più con gli Hornets.
Era evidente che Phills, 30 anni, aveva toccato un sacco di vite dentro e intorno a Charlotte, ma anche nell’intera NBA.
Lo stesso Jones disse che:
“Era proprio il tipo di persona con cui si può parlare di qualsiasi cosa. Era il mio amico”.
Dave Cowens, suo ex allenatore a Charlotte chiamò mercoledì pomeriggio, subito dopo aver appreso dell’incidente da un amico:
“Io non capisco come queste cose accadano. E per gente come Bobby Phills. Io non credo che ci sia un osso solo egoista nel suo corpo. Ha lavorato su tutto. Lui ascolta. Lui è intelligente. Era solo uno di quei rari puri uomini che sono venuti al mondo, nel modo in cui ha giocato a basket e nel modo in cui ha vissuto la sua vita. L’egoismo è ciò che uccide gli sport di squadra, e lui non aveva niente di tutto ciò”.
Tutti questi pareri possono sembrare come una glorificazione per Bobby Phills, in realtà quando una persona muore, accade spesso si tenda a glorificarla, ma a furia di santificarle con regolarità si ottiene un effetto opposto poiché diventa un rito che s’inflaziona.
Anche se ho messo alcuni commenti di persone su Bobby Phills, innanzitutto, ancor prima che come giocatore di basket, vorrei ricordarlo come una persona positiva.
Era con entrambi i piedi a terra nel mondo reale. Aveva avuto la fortuna di guadagnare circa 3,5 $ a stagione e aveva la moglie Kendall che partecipava quasi ad ogni partita in casa con i loro figli.
Gli si può imputare la troppa velocità. Nonostante la polizia all’inizio creda che Wesley e Phills stessero gareggiando (circostanza smentita da Wesley), l’ipotesi sembra da scartare nonostante nel mese di febbraio Phills è stato accusato di guidare a 60 mph in una zona dove era permesso solo un 35 mph su Main Street a Pineville, documenti dicono che pagò una multa di 25 dollari e altri 86 per spese processuali. Anche Wesley fu accusato di eccesso di velocità secondo i documenti del tribunale Mecklenburg County. Nel mese di ottobre del 1997 è stato accusato di guidare a 60 mph in una zona da 45 mph. Nel dicembre 1998, sempre Wesley è stato accusato di guidare a 79 mph in una zona da 65 mph sulla Interstate 485. Pagò 80 dollari in spese processuali e frequentò un corso di guida del National Safety Council sei giorni dopo essere stato accusato. A volte però, va detto che i limiti sono eccessivamente bassi.
Ma… in questo giorno, un pomeriggio di gennaio che sembrava primavera, non fu come l’altra volta, nonostante i riflessi di Phills, probabilmente uno scatto della sua automobile gli è costata la vita, mettendo in pericolo la vita degli altri, forse perché, come disse lui stesso in un’intervista del 28 dicembre, era molto sicuro di se stesso.
Aggiungendo, a domanda fatta, che lui non avesse bisogno di essere un giocatore di basket per avere successo nella vita poiché si era laureato in veterinaria e non ruotava tutto intorno al basket, mentre altri si erano fatti prendere la mano dalla “bella vita”.
“E’ una cosa triste come molti atleti si perdono dopo che le loro carriere sono cessate perché è la loro unica nicchia. Non sanno come vivere la loro vita senza un pallone da basket in mano”.
Wesley ora ha 43 anni, in pensione, qualche anno fa viveva in Texas (onestamente non so se sia ancora di stanza lì, lui natio di San Antonio), ora fa il commentatore tecnico per gli Hornets su Fox, mentre Kendall Phills ora è il membro più basso della famiglia, il figlio e la figlia sono più alti di lei. Lei scherza sul fatto che deve indossare i tacchi da cinque pollici solo per sembrare più alta, come si conviene a una mamma per alzarsi sopra di loro di tanto in tanto.
Wesley non ha mai detto esattamente quello che desiderava, al contrario di Kendall, al tempo disse:
“I don’t really know what I want to say, but he was my partner in crime,” he began. “We had some fun.” Cioè: “Io non so davvero cosa voglio dire, ma lui era il mio complice. Ci siamo divertiti un po”.
Tuttavia, quel che avrebbe volute dire non è difficile da indovinare. Gli manca il suo amico. Molti di noi hanno qualcuno che gli manca.
Ciao Bobby.

95^ David (Barakau) Wesley-N°4, PG, 14/11/1970 San Antonio (Texas), 183 cm, 92 kg, 1997-04, G. 522, Pt. 7670. http://www.youtube.com/watch?v=C7WD65Br8b4

95^ David (Barakau) Wesley-N°4, PG, 14/11/1970 San Antonio (Texas), 183 cm, 92 kg, 1997-04, G. 522, Pt. 7670.
http://www.youtube.com/watch?v=C7WD65Br8b4

96^ Travis Williams-N°32, SF, 27/05/1969 Columbia (South Carolina), 198 cm, 98 kg, 1997-99, squadre precedenti: Tiburones de Aguadilla e Quad City Thunder, squadre successive: Quad City Thunder e Maratonistas de Coamo (Portotico), College: South Carolina State Bulldogs, G. 47, Pt. 151, Playoffs: G. 4, Pt. 5. http://www.youtube.com/watch?v=SpZ3Ujk4N3A Il 10 settembre 1997 Williams firma con gli Charlotte Hornets. Il primo luglio 1998 diventa agente libero, non giocherà ancora con i teal and purple sino al 21 gennaio 1999, quando Travis firma un altro contratto con i Calabroni ma l'avventura durerà un mese ed una settimana, infatti, il 28 febbraio è rilasciato dagli Hornets. Il 3 marzo diventa free agent, ma il 10 marzo sono sempre gli Hornets ad ingaggiarlo per 10 giorni. Nel 2000/01 gioca in Italia a Cantù per la Poliform. La formazione brianzola è in grave difficoltà, perde moltissime delle prime gare. I biancoblù otterranno però un inaspettata salvezza grazie anche a Matt Santangelo e a Marcelo Damião. Williams finirà per giocare 29 partite 484 punti. Il primo novembre 2004 si ritira dal mondo del basket.

96^ Travis Williams-N°32, SF, 27/05/1969 Columbia (South Carolina), 198 cm, 98 kg, 1997-99, squadre precedenti: Tiburones de Aguadilla e Quad City Thunder, squadre successive: Quad City Thunder e Maratonistas de Coamo (Portotico), College: South Carolina State Bulldogs, G. 47, Pt. 151, Playoffs: G. 4, Pt. 5.
http://www.youtube.com/watch?v=SpZ3Ujk4N3A
Il 10 settembre 1997 Williams firma con gli Charlotte Hornets. Il primo luglio 1998 diventa agente libero, non giocherà ancora con i teal and purple sino al 21 gennaio 1999, quando Travis firma un altro contratto con i Calabroni ma l’avventura durerà un mese ed una settimana, infatti, il 28 febbraio è rilasciato dagli Hornets.
Il 3 marzo diventa free agent, ma il 10 marzo sono sempre gli Hornets ad ingaggiarlo per 10 giorni.
Nel 2000/01 gioca in Italia a Cantù per la Poliform.
La formazione brianzola è in grave difficoltà, perde moltissime delle prime gare.
I biancoblù otterranno però un inaspettata salvezza grazie anche a Matt Santangelo e a Marcelo Damião.
Williams finirà per giocare 29 partite 484 punti.
Il primo novembre 2004 si ritira dal mondo del basket.

97^ Willie Burton-N°9, SF, 26/05/1968 Detroit, 203 cm, 95 kg, 1999, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Iraklio Creta (Grecia), G. 3, Pt. 4.

97^ Willie Burton-N°9, SF, 26/05/1968 Detroit, 203 cm, 95 kg, 1999, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Iraklio Creta (Grecia), G. 3, Pt. 4.

98^ Elden (Jerome) Campbell-N°41/5, C, 23/07/1968 Los Angeles (California), 213 cm, 127 kg, 1999-2003, Squadra precedente: Los Angeles Lakers, Squadra Successiva: Seattle SuperSonics, G. 306, Pt. 3868. http://www.youtube.com/watch?v=7qH1eu2n-dg

98^ Elden (Jerome) Campbell-N°41/5, C, 23/07/1968 Los Angeles (California), 213 cm, 127 kg, 1999-2003, Squadra precedente: Los Angeles Lakers, Squadra Successiva: Seattle SuperSonics, G. 306, Pt. 3868.
http://www.youtube.com/watch?v=7qH1eu2n-dg

99^ Derrick (D.) Coleman-N°44, PF, 21/06/1967 Mobile (Alabama), 208 cm, 104 kg, 1999-01, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 145, Pt. 2002, Playoffs: G. 9, Pt. 108. https://www.youtube.com/watch?v=ZCMvwkDVx5Y

99^ Derrick (D.) Coleman-N°44, PF, 21/06/1967 Mobile (Alabama), 208 cm, 104 kg, 1999-01, squadra precedente: Philadelphia 76ers, squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 145, Pt. 2002, Playoffs: G. 9, Pt. 108.
https://www.youtube.com/watch?v=ZCMvwkDVx5Y

100^ (Tyree Ricardo) Ricky Davis "Ricky Buckets", "Grits N Gravy", "Wrong Rim Ricky"-N°21, SG, 23/09/1979 Las Vegas, 198 cm, 88 kg, 1998-00, selto dagli Charlotte Hornets al primo giro del Draft NBA 1998 come 21^ scelta assoluta, squadra successiva: Miami Heat, G. 94, Pt. 436. http://www.youtube.com/watch?v=6wKUESmnSV4&feature=youtu.be In due anni a Charlotte gioca mediamente 12 minuti per gara e realizza 4,6 punti di media. Aldilà delle cifre, uno dei più esplosivi e spettacolari giocatori visti a Charlotte. Carattere particolare, da raccontare l'episodio che vede coinvolti lui e l'ex allenatore Paul Silas (con il quale c'erano dei problemi), poi finiti entrambi ai Cavaliers. In una gara contro gli Utah Jazz, Ricky, per raggiungere la tripla doppia, cosa che non gli era mai riuscita, si gira verso il suo canestro tirando e sbagliando intenzionalmente per prendere il rimbalzo... Alla fine, nel dicembre 2003 venne mandato ai Boston Celtics.

100^ (Tyree Ricardo) Ricky Davis “Ricky Buckets”, “Grits N Gravy”, “Wrong Rim Ricky”-N°21, SG, 23/09/1979 Las Vegas, 198 cm, 88 kg, 1998-00, selto dagli Charlotte Hornets al primo giro del Draft NBA 1998 come 21^ scelta assoluta, squadra successiva: Miami Heat, G. 94, Pt. 436.
http://www.youtube.com/watch?v=6wKUESmnSV4&feature=youtu.be
In due anni a Charlotte gioca mediamente 12 minuti per gara e realizza 4,6 punti di media. Aldilà delle cifre, uno dei più esplosivi e spettacolari giocatori visti a Charlotte. Carattere particolare, da raccontare l’episodio che vede coinvolti lui e l’ex allenatore Paul Silas (con il quale c’erano dei problemi), poi finiti entrambi ai Cavaliers. In una gara contro gli Utah Jazz, Ricky, per raggiungere la tripla doppia, cosa che non gli era mai riuscita, si gira verso il suo canestro tirando e sbagliando intenzionalmente per prendere il rimbalzo… Alla fine, nel dicembre 2003 venne mandato ai Boston Celtics.

101^ Eddie (Charles) Jones "E.J." "Slim"-N°6, SG-SF, 20/10/1971 Pompano Beach (Florida), 198 cm, 86 kg, 1999-00, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadra successiva: Miami Heat, G. 102, Pt. 1955, Playoffs: G. 4, Pt. 68. http://youtu.be/HNo42nie_3E

101^ Eddie (Charles) Jones “E.J.” “Slim”-N°6, SG-SF, 20/10/1971 Pompano Beach (Florida), 198 cm, 86 kg, 1999-00, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadra successiva: Miami Heat, G. 102, Pt. 1955, Playoffs: G. 4, Pt. 68.

102^ Brad ('ley Alan) Miller-N°40, C, 12/04/1976 Fort Wayne (Indiana), 213 cm, 107 kg, 1999-00, squadra precedente: Livorno, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 93, Pt. 661. http://www.youtube.com/watch?v=rO8gQVD_JUw

102^ Brad (‘ley Alan) Miller-N°40, C, 12/04/1976 Fort Wayne (Indiana), 213 cm, 107 kg, 1999-00, squadra precedente: Livorno, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 93, Pt. 661.
http://www.youtube.com/watch?v=rO8gQVD_JUw

103^ Chuck (Connors) Person "The Rifleman"-N°45, SF, 27/06/1964 Brantley (Alabama), 203 cm, 99 kg, 1999, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 50, Pt. 303.

103^ Chuck (Connors) Person “The Rifleman”-N°45, SF, 27/06/1964 Brantley (Alabama), 203 cm, 99 kg, 1999, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Seattle SuperSonics, G. 50, Pt. 303.

104^ Eldridge (David) Recasner-N°3, PG, 14/12/1967, New Orleans, 191 cm, 86 kg, 1999-02, squadra precedente: Atlanta Hawks, squadra successiva: Los Angeles Clippers, G. 95, Pt. 332. http://www.youtube.com/watch?v=fZ9Oi2G8VFQ&feature=youtu.be Nato a New Orleans in Louisiana, Eldridge gioca all'università con i Washington Huskies, risultando essere uno dei migliori giocatori di quell'università di sempre. Denver, Houston, Atlanta, Charlotte e L.A. Clippers le sue squadre in NBA. Nella stagione 1999/00 viene coinvolto in un incidente stradale mentre si trovava come passeggero a bordo del mezzo guidato dal compagno Derrick Coleman. L'infortunio gli varrà un rapido declino purtroppo. Rimangono in NBA medie comunque buonissime, 41% da tre punti e 89% dalla lunetta. Oggi dirige un'accademia di basket dove si prefigge d'insegnare i fondamentali del basket ai ragazzi per farli migliorare: http://www.eldridgerecasner.com/#!

104^ Eldridge (David) Recasner-N°3, PG, 14/12/1967, New Orleans, 191 cm, 86 kg, 1999-02, squadra precedente: Atlanta Hawks, squadra successiva: Los Angeles Clippers, G. 95, Pt. 332.
http://www.youtube.com/watch?v=fZ9Oi2G8VFQ&feature=youtu.be
Nato a New Orleans in Louisiana, Eldridge gioca all’università con i Washington Huskies, risultando essere uno dei migliori giocatori di quell’università di sempre. Denver, Houston, Atlanta, Charlotte e L.A. Clippers le sue squadre in NBA. Nella stagione 1999/00 viene coinvolto in un incidente stradale mentre si trovava come passeggero a bordo del mezzo guidato dal compagno Derrick Coleman. L’infortunio gli varrà un rapido declino purtroppo. Rimangono in NBA medie comunque buonissime, 41% da tre punti e 89% dalla lunetta. Oggi dirige un’accademia di basket dove si prefigge d’insegnare i fondamentali del basket ai ragazzi per farli migliorare: http://www.eldridgerecasner.com/#!

105^ Charles Shackleford-N°33,PF-C, 22/04/1966 Kinston (North Carolina), 208 cm, 102 kg, 1999, squadra precedente: Idaho Stampede, squadra successiva: nessuna (ritirato per fine carriera) G. 32, Pt. 107.

105^ Charles Shackleford-N°33, PF-C, 22/04/1966 Kinston (North Carolina)-27/01/2017 Kinston (North Carolina), 208 cm, 102 kg, 1999, squadra precedente: Idaho Stampede, squadra successiva: nessuna (ritirato per fine carriera) G. 32, Pt. 107.

106^ Paul Silas-Coach, 12/07/1943 Prescott, 201 cm, 1999-03, Regular Season: G. 363, V. 208, P. 155, Playoffs: G. 29, V. 13, P. 16. http://www.youtube.com/watch?v=rCTxsHtq24c&feature=youtu.be

106^ Paul Silas-Coach, 12/07/1943 Prescott, 201 cm, 1999-03, Regular Season: G. 363, V. 208, P. 155, Playoffs: G. 29, V. 13, P. 16.
http://www.youtube.com/watch?v=rCTxsHtq24c&feature=youtu.be

107^ (Clarence) Chucky Brown-N°25, SF, 29/02/1968 New York, 201 cm, 97 kg, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Golden State Warriors1999-00, G. 81, Pt. 551. http://www.youtube.com/watch?v=ViIabP4gZiY&feature=youtu.be

107^ (Clarence) Chucky Brown-N°25, SF, 29/02/1968 New York, 201 cm, 97 kg, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Golden State Warriors1999-00, G. 81, Pt. 551.
http://www.youtube.com/watch?v=ViIabP4gZiY&feature=youtu.be

108^ Dale Ellis-N°2, SG-SF, 06/08/1960 Marietta (Georgia), 201 cm, 93 kg, 2000, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: - (ritirato), College: Tennessee Volunteers, G. 24, Pt. 55. http://www.youtube.com/watch?v=zMdqKmIRgf8&feature=youtu.be Dale Ellis fu selezionato nono assoluto nel Draft NBA del 1983 dai Dallas Mavericks. Con iMavs ebbe scarsa fortuna, giocava poco e tornava a sedersi in panchina troppo spesso. La fortuna di Ellis cambiò drasticamente dopo aver cambiato team. I Seattle SuperSonics nel 1986 lo fanno giocare e lui ripaga con una media di 24,9 punti a partita. Nel 1987 gli viene assegnato il trofeo di Most Improved Player Award grazie a questi miglioramenti. Dopo aver passato la sua carriera anche in altri team, Bucks, Spurs e Nuggets, il 18 gennaio 2000, i Cervi di Milwaukee lo spediscono a Charlotte, dove giocherà 24 gare, realizzando in media 2,3 punti a gara e partendo 5 volte titolare. La sua carriera però, è ormai giunta al termine. Il primo agosto 2000, viene spedito a Miami nell'ambito di una multitrade. Gli Heat però, interessati più a Eddie Jones, Anthony Mason e Ricky Davis, lo tagliano prima dell'inizio della stagione (il 30 ottobre). A questo punto Ellis decide di ritirarsi, dopo aver giocato per 17 anni nella NBA ed essere passato dal Pacifico di Seattle, alle montagne di Denver, alla lacustre Milwaukee, fino a terminare la sua avvenura in North Carolina.

108^ Dale Ellis-N°2, SG-SF, 06/08/1960 Marietta (Georgia), 201 cm, 93 kg, 2000, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: – (ritirato), College: Tennessee Volunteers, G. 24, Pt. 55.
http://www.youtube.com/watch?v=zMdqKmIRgf8&feature=youtu.be
Dale Ellis fu selezionato nono assoluto nel Draft NBA del 1983 dai Dallas Mavericks.
Con iMavs ebbe scarsa fortuna, giocava poco e tornava a sedersi in panchina troppo spesso.
La fortuna di Ellis cambiò drasticamente dopo aver cambiato team.
I Seattle SuperSonics nel 1986 lo fanno giocare e lui ripaga con una media di 24,9 punti a partita.
Nel 1987 gli viene assegnato il trofeo di Most Improved Player Award grazie a questi miglioramenti.
Dopo aver passato la sua carriera anche in altri team, Bucks, Spurs e Nuggets, il 18 gennaio 2000, i Cervi di Milwaukee lo spediscono a Charlotte, dove giocherà 24 gare, realizzando in media 2,3 punti a gara e partendo 5 volte titolare.
La sua carriera però, è ormai giunta al termine.
Il primo agosto 2000, viene spedito a Miami nell’ambito di una multitrade. Gli Heat però, interessati più a Eddie Jones, Anthony Mason e Ricky Davis, lo tagliano prima dell’inizio della stagione (il 30 ottobre).
A questo punto Ellis decide di ritirarsi, dopo aver giocato per 17 anni nella NBA ed essere passato dal Pacifico di Seattle, alle montagne di Denver, alla lacustre Milwaukee, fino a terminare la sua avvenura in North Carolina.

109^ Michael Hawkins-N°7, PG, 28/10/1972 Canton (Ohio),183 cm, 1999-00, G. 12, Pt. 8.

109^ Michael Hawkins-N°7, PG, 28/10/1972 Canton (Ohio),183 cm, 1999-00, G. 12, Pt. 8.

110^ Derek Hood-N°55, PF, 22/12/1976 Kansas City, 203 cm, 1999, G. 2, Pt. 0.

110^ Derek Hood-N°55, PF, 22/12/1976 Kansas City, 203 cm, 1999, G. 2, Pt. 0.

111^ Jason Miskiri-N°11, SG, 19/08/1975 Georgetown (Guyana), 188 cm, 79 kg, 1999, G. 1, Pt. 0.

111^ Jason Miskiri-N°11, SG, 19/08/1975 Georgetown (Guyana), 188 cm, 79 kg, 1999, G. 1, Pt. 0.

112^ Eddie Robinson-N°32, SG-SF, 19/04/1976 Flint, 203 cm, 95 kg, 1999-01, G. 134, Pt. 569. http://www.youtube.com/watch?v=DEV5ewmXvw4&feature=youtu.be

112^ Eddie Robinson-N°32, SG-SF, 19/04/1976 Flint, 203 cm, 95 kg, 1999-01, G. 134, Pt. 569.
http://www.youtube.com/watch?v=DEV5ewmXvw4&feature=youtu.be

113^ Todd Fuller-N° 52, C, 25/07/1974 Fayetteville (North Carolina), 211 cm, 1999-00, G. 41, Pt. 134. http://www.youtube.com/watch?v=MxFlF4elGHU&feature=youtu.be

113^ Todd Fuller-N° 52, C, 25/07/1974 Fayetteville (North Carolina), 211 cm, 1999-00, G. 41, Pt. 134.
http://www.youtube.com/watch?v=MxFlF4elGHU&feature=youtu.be

114^ Baron (Walter Louis) Davis-N°1, PG, 13/04/1979, Los Angeles, 191 cm, 95 kg, 1999-05, scelto dagli Hornets al Draft 1999, squadra successiva: Golden State Warriors, G. 381, Pt. 5829. http://www.youtube.com/watch?v=EU6YjhCQvNs&feature=youtu.be http://www.youtube.com/watch?v=BvamJw92sPo

114^ Baron (Walter Louis) Davis-N°1, PG, 13/04/1979, Los Angeles, 191 cm, 95 kg, 1999-05, scelto dagli Hornets al Draft 1999, squadra successiva: Golden State Warriors, G. 381, Pt. 5829.
http://www.youtube.com/watch?v=EU6YjhCQvNs&feature=youtu.be
http://www.youtube.com/watch?v=BvamJw92sPo

115^ Tim James-N°25, SF, 26/12/1976 Miami, 201 cm, 96 kg, 2000-01, G. 30, Pt. 45.

115^ Tim James-N°25, SF, 26/12/1976 Miami, 201 cm, 96 kg, 2000-01, G. 30, Pt. 45.

116^ Jamaal (Dane) Magloire "Jam"-N°21, C, 21/05/1978 Toronto (Canada), 211 cm, 117 kg, 2000-05, scelto dagli Charlotte Hornets al Draft NBA del 2000 con la scelta N°19, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 343, Pt. 3268. http://www.youtube.com/watch?v=XpdjzSORcbw&feature=youtu.be

116^ Jamaal (Dane) Magloire “Jam”-N°21, C, 21/05/1978 Toronto (Canada), 211 cm, 117 kg, 2000-05, scelto dagli Charlotte Hornets al Draft NBA del 2000 con la scelta N°19, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 343, Pt. 3268.
http://www.youtube.com/watch?v=XpdjzSORcbw&feature=youtu.be

117^ Jamal Mashburn-N°24, SF, 29/11/1972 New York, 203 cm, 2000-03, G. 227, Pt. 3454. http://www.youtube.com/watch?v=UuEmTzmriHc&feature=youtu.be

117^ Jamal Mashburn-N°24, SF, 29/11/1972 New York, 203 cm, 2000-03, G. 227, Pt. 3454.
http://www.youtube.com/watch?v=UuEmTzmriHc&feature=youtu.be

118^ Lee Nailon-N°54/33, SF-PF, 22/02/1975, South Bend (Indiana), 206 cm, 108 kg, 2000-02 e 2004-05, G. 189, Pt. 1978. http://www.youtube.com/watch?v=6LSa12uWm1Q&feature=youtu.be Lee Nailon ha giocato anche in Italia per l'Olimpia Milano, segnando 327 punti in 18 patite con la squadra meneghina.

118^ Lee Nailon-N°54/33, SF-PF, 22/02/1975, South Bend (Indiana), 206 cm, 108 kg, 2000-02 e 2004-05, G. 189, Pt. 1978.
http://www.youtube.com/watch?v=6LSa12uWm1Q&feature=youtu.be
Lee Nailon ha giocato anche in Italia per l’Olimpia Milano, segnando 327 punti in 18 patite con la squadra meneghina.

119^ Doug Overton-N°9, PG, 03/08/1969 Philadelphia, 191 cm, 86 kg, 2001, G. 2, Pt. 4

119^ Doug Overton-N°9, PG, 03/08/1969 Philadelphia, 191 cm, 86 kg, 2001, G. 2, Pt. 4

120^ P.J. Brown-N°42, PF-C, 14/10/1969 Detroit, 211 cm, 108 kg, 2000-06, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 475, Pt. 4576. http://www.youtube.com/watch?v=cFwT6AgBlpg&feature=youtu.be

120^ P.J. Brown-N°42, PF-C, 14/10/1969 Detroit, 211 cm, 108 kg, 2000-06, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 475, Pt. 4576.
http://www.youtube.com/watch?v=cFwT6AgBlpg&feature=youtu.be

Terrance (Lamar) Roberson-N°8, SF, 30/12/1976 Saginaw (Michigan), 201 cm, 98 kg, 2000, squadra successiva: Idaho Stampede, G. 3, Pt. 0. Roberson in Italia: http://www.youtube.com/watch?v=IPwkejNQyJY

121^ Terrance (Lamar) Roberson-N°8, SF, 30/12/1976 Saginaw (Michigan), 201 cm, 98 kg, 2000, squadra successiva: Idaho Stampede, G. 3, Pt. 0.
Roberson in Italia:
http://www.youtube.com/watch?v=IPwkejNQyJY

2001-Thorpe Otis

122^ Otis (Henry) Thorpe-N°52, PF, 05/08/1962 Boynton Beach (Florida), 207 cm, 102 kg, 2001, G. 49, Pt. 138.

123^ Stacey (Orlando) Augmon-N°2, SF-SG, 01/08/1968 Pasadena (California), 202 cm, 92 kg, 2001-04, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Orlando Magic, G. 216, Pt. 966. http://www.youtube.com/watch?v=Npv1YVFr6j8&feature=youtu.be Conosciuto più semplicemente come Stacey Augmon e soprannominato The Plastic Man grazie alla sua particolare abilità di allungare, contorcere i muscoli per creare giocate inusuali, vanta anche 6 presenze in nazionale. Conquista il bronzo alle olimpiadi di Seul nel 1988.

123^ Stacey (Orlando) Augmon-N°2, SF-SG, 01/08/1968 Pasadena (California), 202 cm, 92 kg, 2001-04, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Orlando Magic, G. 216, Pt. 966.
http://www.youtube.com/watch?v=Npv1YVFr6j8&feature=youtu.be
Conosciuto più semplicemente come Stacey Augmon e soprannominato The Plastic Man grazie alla sua particolare abilità di allungare, contorcere i muscoli per creare giocate inusuali, vanta anche 6 presenze in nazionale. Conquista il bronzo alle olimpiadi di Seul nel 1988.

124^ Matt ('hew Gordon) Bullard-N°50, PF-SF, 05/06/1967 Des Moines (Iowa), 207 cm, 98 kg, 2001-02, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: -, G. 31, Pt. 105.

124^ Matt (‘hew Gordon) Bullard-N°50, PF-SF, 05/06/1967 Des Moines (Iowa), 207 cm, 98 kg, 2001-02, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: -, G. 31, Pt. 105.

125^ Bryce Drew-N°17 PG-SG, 21/09/1974 Baton Rouge (Louisiana), 188cm, 83 kg, 2001-04, squadra preceedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Viola reggio Calabria, G. 89, Pt. 241. (Getty Images)

125^ Bryce Drew-N°17 PG-SG, 21/09/1974 Baton Rouge (Louisiana), 188cm, 83 kg, 2001-04, squadra preceedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Viola Reggio Calabria, G. 89, Pt. 241. (Getty Images)

Kirk Haston-N°35, PF-C, 10/03/1979 Loblesville (Tennessee), 208 cm, 120 kg, 2001-03, squadra successiva: Florida Flame, G. 27, Pt. 32.

126^ Kirk Haston-N°35, PF-C, 10/03/1979 Loblesville (Tennessee), 208 cm, 120 kg, 2001-03, squadra successiva: Florida Flame, G. 27, Pt. 32.

127^ George Lynch-N°9, SF-PF, 03/09/1970 Roanoke (Virginia), 203 cm, 2001-05, G. 248, Pt. 1074. http://www.youtube.com/watch?v=ZuW3uWp8Kvw&feature=youtu.be

127^ George Lynch-N°9, SF-PF, 03/09/1970 Roanoke (Virginia), 203 cm, 2001-05, G. 248, Pt. 1074.
http://www.youtube.com/watch?v=ZuW3uWp8Kvw&feature=youtu.be

128^ Jérôme Moïso-N°6, C, 15/06/1978 Parigi (Francia), 208 cm, 104 kg, 2001-03, squadra precedente: Boston Celtics, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 66, Pt. 221, Playoffs: G. 4, Pt. 23. http://www.youtube.com/watch?v=Kg2PPwEpFq0 Moïso è un centro che tira con la mano sinistra. Gioca 15 partite con gli Charlotte Hornets e 51 con i New Orleans Hornets. E' la franchigia NBA con la quale Jérôme è riuscito a giocare più partite anche se inoltre ha vestito le divise di Celtics, Raptors e Cavaliers. Approda quindi, lasciata la NBA, in Italia a Roma. Con i capitolini gioca 5 partite prima di trasferirsi alla Fortitudo Bologna, squadra con la quale disputa 21 partite. JM6 vanta anche 8 partite con la nazionale francese tra il 1997 ed il 2003. Si ritira dal professionismo nel gennaio 2014.

128^ Jérôme Moïso-N°6, C, 15/06/1978 Parigi (Francia), 208 cm, 104 kg, 2001-03, squadra precedente: Boston Celtics, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 66, Pt. 221, Playoffs: G. 4, Pt. 23.
http://www.youtube.com/watch?v=Kg2PPwEpFq0
Moïso è un centro che tira con la mano sinistra.
Gioca 15 partite con gli Charlotte Hornets e 51 con i New Orleans Hornets.
E’ la franchigia NBA con la quale Jérôme è riuscito a giocare più partite anche se inoltre ha vestito le divise di Celtics, Raptors e Cavaliers.
Approda quindi, lasciata la NBA, in Italia a Roma. Con i capitolini gioca 5 partite prima di trasferirsi alla Fortitudo Bologna, squadra con la quale disputa 21 partite.
JM6 vanta anche 8 partite con la nazionale francese tra il 1997 ed il 2003.
Si ritira dal professionismo nel gennaio 2014.

129^ Robert (De Shaun) Traylor "Tractor"-N°34, PF-C, 01/02/1977 Detroit (Michigan) - 11/05/2011 Isla Verde (Portorico), 205 cm, 143 kg, 2001-04, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Cleveland Cavaliers, G. 201, Pt. 858. http://www.youtube.com/watch?v=czlvsZ57NbQ Articolo di Roberto Gotta, fonte Pianeta America: "Forse dobbiamo tutti chiedere scusa, oggi, a Robert Traylor, il 34enne ex giocatore NBA trovato morto ieri nel suo appartamento a Porto Rico, dove giocava dallo scorso anno. Scuse, perché fin che era in vita ci è servito, spesso, per gomitatine all'amico e battutine e apprezzamenti furbetti, di quelli che si fanno specialmente quando sai che il diretto interessato non li potrà mai ascoltare. Forse, a dirla tutta, Traylor avrebbe capito e si sarebbe fatto una risata pure lui. Era un uomo di mondo anche se viveva spesso su un pianeta tutto suo. Al liceo era stato eccezionale, omaccione di più di due metri e 145 chili capace però di muovere le gambe, in palleggio, come un giocatore molto più smilzo. Nel 1995 lo avevano votato Mister Basketball dello stato del Michigan, massimo onore per un giocatore di high school, e le sue imprese gli avevano procurato la preziosissima borsa di studio per la University of Michigan, uno dei college più noti e rinomati. Con UM Traylor ebbe una bella carriera e nel 1997 fu anche miglior giocatore del NIT, il secondo torneo universitario, quello riservato alle squadre non partecipanti al torneo NCAA che designa la squadra campione. Ma i guai di Traylor iniziarono proprio in quel periodo. Un giorno di febbraio del 1996 infatti ebbe un incidente d'auto mentre, assieme ad alcuni compagni di squadra, scarrozzava un ottimo giocatore di liceo, Mateen Cleaves, per convincerlo a scegliere UM e non la rivale Michigan State (che fu invece proprio la destinazione di Cleaves). L'incidente in sé mostrò una situazione illegale: a nessun college era infatti consentito dalle norme NCAA ospitare un liceale a più di 40 chilometri dal campus, e il sinistro avvenne molto più lontano. Aperto il vaso di Pandora, vennero poi fuori altre grane e nel 2002 emerse che parecchi giocatori avevano ricevuto denaro sottobanco da tale Eddie Martin, un "amico di Michigan" coinvolto in storie di scommesse - non relative a UM - e riciclaggio denaro. L'effetto fu tremendo: Michigan dovette cancellare - come se mai fossero state giocate - tutte le stagioni agonistiche in cui i giocatori coinvolti erano scesi in campo, e vennero annullati anche tutti i riconoscimenti individuali (compreso quel trofeo del 1997) ottenuti dagli atleti. Traylor - che non avrebbe più potuto rimettere piede nel campus di UM fino almeno al 2012 (per Chris Webber la data è addirittura 2012) - nel frattempo era andato nella NBA: nel draft del 1998 era stato scelto da Dallas al numero 6 ma immediatamente ceduto ai Milwaukee Bucks in cambio di Pat Garrity e Dirk Nowitzki. E dalla diversissima carriera di "Tractor" (per la stazza) e del tedesco, oltre che per la stazza di Traylor, nacque poi gran parte del sarcasmo dei sette anni trascorsi dal ragazzone nella NBA, prima di puntate in Turchia, Spagna, Italia e Porto Rico. Gli era difficile controllare il proprio peso: un po' per semplice metabolismo, un po' perché era legatissimo alla nonna, come accade a molti afro-americani cresciuti in famiglie difficili, e la nonna, come tanti residenti a Detroit e dintorni, era parte di quella generazione anni Sessanta e Settanta venuta dal sud per lavorare negli stabilimenti automobilistici e dell'indotto, ma che del sud aveva mantenuto le abitudini culinarie, a base di fritti e manicaretti piuttosto pesanti e ipercalorici. Purtroppo, Traylor era rimasto legato a famiglia e amici anche sul versante sbagliato: nel 2007 infatti partì un processo nel quale fu imputato per avere aiutato un cugino e un di lui amico a riciclare milioni di dollari provenienti dal commercio di droga a Detroit e zone limitrofe. C'è per questo chi penserà sempre a Tractor come a un mezzo fuorilegge dotato di talento cestistico, e chi lo riterrà invece un ragazzo buono come il pane - e questo pare appurato - e perciò incapace di dire no a chi gli chiedeva favori. Ma adesso, perlomeno, le battute sono finite. Ci è voluta una morte prematura, però. E non va bene."

129^ Robert (De Shaun) Traylor “Tractor”-N°34, PF-C, 01/02/1977 Detroit (Michigan) – 11/05/2011 Isla Verde (Portorico), 205 cm, 143 kg, 2001-04, squadra precedente: Cleveland Cavaliers, squadra successiva: Cleveland Cavaliers, G. 201, Pt. 858.
http://www.youtube.com/watch?v=czlvsZ57NbQ
Articolo di Roberto Gotta, fonte Pianeta America:
“Forse dobbiamo tutti chiedere scusa, oggi, a Robert Traylor, il 34enne ex giocatore NBA trovato morto ieri nel suo appartamento a Porto Rico, dove giocava dallo scorso anno.
Scuse, perché fin che era in vita ci è servito, spesso, per gomitatine all’amico e battutine e apprezzamenti furbetti, di quelli che si fanno specialmente quando sai che il diretto interessato non li potrà mai ascoltare. Forse, a dirla tutta, Traylor avrebbe capito e si sarebbe fatto una risata pure lui.
Era un uomo di mondo anche se viveva spesso su un pianeta tutto suo. Al liceo era stato eccezionale, omaccione di più di due metri e 145 chili capace però di muovere le gambe, in palleggio, come un giocatore molto più smilzo. Nel 1995 lo avevano votato Mister Basketball dello stato del Michigan, massimo onore per un giocatore di high school, e le sue imprese gli avevano procurato la preziosissima borsa di studio per la University of Michigan, uno dei college più noti e rinomati. Con UM Traylor ebbe una bella carriera e nel 1997 fu anche miglior giocatore del NIT, il secondo torneo universitario, quello riservato alle squadre non partecipanti al torneo NCAA che designa la squadra campione.
Ma i guai di Traylor iniziarono proprio in quel periodo. Un giorno di febbraio del 1996 infatti ebbe un incidente d’auto mentre, assieme ad alcuni compagni di squadra, scarrozzava un ottimo giocatore di liceo, Mateen Cleaves, per convincerlo a scegliere UM e non la rivale Michigan State (che fu invece proprio la destinazione di Cleaves). L’incidente in sé mostrò una situazione illegale: a nessun college era infatti consentito dalle norme NCAA ospitare un liceale a più di 40 chilometri dal campus, e il sinistro avvenne molto più lontano. Aperto il vaso di Pandora, vennero poi fuori altre grane e nel 2002 emerse che parecchi giocatori avevano ricevuto denaro sottobanco da tale Eddie Martin, un “amico di Michigan” coinvolto in storie di scommesse – non relative a UM – e riciclaggio denaro. L’effetto fu tremendo: Michigan dovette cancellare – come se mai fossero state giocate – tutte le stagioni agonistiche in cui i giocatori coinvolti erano scesi in campo, e vennero annullati anche tutti i riconoscimenti individuali (compreso quel trofeo del 1997) ottenuti dagli atleti. Traylor – che non avrebbe più potuto rimettere piede nel campus di UM fino almeno al 2012 (per Chris Webber la data è addirittura 2012) – nel frattempo era andato nella NBA: nel draft del 1998 era stato scelto da Dallas al numero 6 ma immediatamente ceduto ai Milwaukee Bucks in cambio di Pat Garrity e Dirk Nowitzki.
E dalla diversissima carriera di “Tractor” (per la stazza) e del tedesco, oltre che per la stazza di Traylor, nacque poi gran parte del sarcasmo dei sette anni trascorsi dal ragazzone nella NBA, prima di puntate in Turchia, Spagna, Italia e Porto Rico. Gli era difficile controllare il proprio peso: un po’ per semplice metabolismo, un po’ perché era legatissimo alla nonna, come accade a molti afro-americani cresciuti in famiglie difficili, e la nonna, come tanti residenti a Detroit e dintorni, era parte di quella generazione anni Sessanta e Settanta venuta dal sud per lavorare negli stabilimenti automobilistici e dell’indotto, ma che del sud aveva mantenuto le abitudini culinarie, a base di fritti e manicaretti piuttosto pesanti e ipercalorici. Purtroppo, Traylor era rimasto legato a famiglia e amici anche sul versante sbagliato: nel 2007 infatti partì un processo nel quale fu imputato per avere aiutato un cugino e un di lui amico a riciclare milioni di dollari provenienti dal commercio di droga a Detroit e zone limitrofe.
C’è per questo chi penserà sempre a Tractor come a un mezzo fuorilegge dotato di talento cestistico, e chi lo riterrà invece un ragazzo buono come il pane – e questo pare appurato – e perciò incapace di dire no a chi gli chiedeva favori. Ma adesso, perlomeno, le battute sono finite. Ci è voluta una morte prematura, però. E non va bene.”

130^ Courtney Alexander-N°32, SG, 27/04/1977 Bridgeport (Connecticut), 196 cm, 93 kg, 2002-03, G. 66, Pt. 523. http://www.youtube.com/watch?v=6ToEFJxmIN8&feature=youtu.be

130^ Courtney Alexander-N°32, SG, 27/04/1977 Bridgeport (Connecticut), 196 cm, 93 kg, 2002-03, G. 66, Pt. 523.
http://www.youtube.com/watch?v=6ToEFJxmIN8&feature=youtu.be

131^ Randy (Anthony) Livingston-N°3, PG, 02/04/1975 New Orleans (Louisiana), 193 cm, 95 kg, 2003, squadra precedente: Sioux Falls Sky Force, squadra successiva: Idaho Stampede, G. 2, Pt. 6. Randy Livinston da giovane, prima di spiccare il salto per la NBA: http://www.youtube.com/watch?v=1esoGTtjDgg scelto poi dagli Houston Rockets al secondo giro alla posizione numero 42 nel draft del 1996. Gira diverse squadre NBA oltre ai Rockets (Hawks, Suns, Warriors, SuperSonics), intervallate da parentesi in squadre di campionati minori come gli Idaho Stampede (allora CBA oggi D-League) prima di tornare in Louisiana e approdare ai New Orleans Hornets nel 2003 (dieci anni dopo aver vinto il premio Naismith Prep Player of the Year) dove gioca però solo due partite e realizza 6 punti. Smette di giocare nel 2007. Dal 2010 al 2012 è coach degli Idaho Stampede, qui un suo spot: http://www.youtube.com/watch?v=gJ2kLuGgSvY Le due partite giocate da Livingston negli Hornets: 27/01/2003 VS Milwaukee (4 pt.) 29/01/2003 VS Toronto (2 pt.)

131^ Randy (Anthony) Livingston-N°3, PG, 02/04/1975 New Orleans (Louisiana), 193 cm, 95 kg, 2003, squadra precedente: Sioux Falls Sky Force, squadra successiva: Idaho Stampede, G. 2, Pt. 6.
Randy Livinston da giovane, prima di spiccare il salto per la NBA:
http://www.youtube.com/watch?v=1esoGTtjDgg
scelto poi dagli Houston Rockets al secondo giro alla posizione numero 42 nel draft del 1996.
Gira diverse squadre NBA oltre ai Rockets (Hawks, Suns, Warriors, SuperSonics), intervallate da parentesi in squadre di campionati minori come gli Idaho Stampede (allora CBA oggi D-League) prima di tornare in Louisiana e approdare ai New Orleans Hornets nel 2003 (dieci anni dopo aver vinto il premio Naismith Prep Player of the Year) dove gioca però solo due partite e realizza 6 punti.
Smette di giocare nel 2007.
Dal 2010 al 2012 è coach degli Idaho Stampede, qui un suo spot:
http://www.youtube.com/watch?v=gJ2kLuGgSvY
Le due partite giocate da Livingston negli Hornets:
27/01/2003 VS Milwaukee (4 pt.)
29/01/2003 VS Toronto (2 pt.)

132^ Robert Pack-N°14, PG, 03/02/1969 New Orleans (Louisiana), 187 cm, 82 kg, 2003 (come giocatore) e 2009-10 (come viceallenatore), G. 28, Pt. 145.

132^ Robert Pack-N°14, PG, 03/02/1969 New Orleans (Louisiana), 187 cm, 82 kg, 2003 (come giocatore) e 2009-10 (come viceallenatore), G. 28, Pt. 145.

133^ Darrell (Eugene) Armstrong-N°3/10, PG, 22/06/1968 Gastonia (North Carolina), 185 cm, 81 kg, 2003-04, G. 93, Pt. 982. http://www.youtube.com/watch?v=Dj6yJKOHP18&feature=youtu.be

133^ Darrell (Eugene) Armstrong-N°3/10, PG, 22/06/1968 Gastonia (North Carolina), 185 cm, 81 kg, 2003-04, G. 93, Pt. 982.
http://www.youtube.com/watch?v=Dj6yJKOHP18&feature=youtu.be

134^ Tierre Brown-N°6, PG, 03/06/1979 Iowa (Louisiana), 188 cm, 85 kg, 2004, squadra precedente: Charleston Lowgators, squadra successiva: Los Angeles Lakers, G. 3, Pt. 6.

134^ Tierre Brown-N°6, PG, 03/06/1979 Iowa (Louisiana), 188 cm, 85 kg, 2004, squadra precedente: Charleston Lowgators, squadra successiva: Los Angeles Lakers, G. 3, Pt. 6.

135^ David (Moorer) West-N°30, PF, 29/08/1980 Teaneck (New Jersey), 206 cm, 109 kg, 2003-11, Scelto al Draft NBA 2003 dagli Hornets alla posizione N° 18, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 530, Pt. 8690, Playoffs: G. 24, Pt. 385. Pagina Twitter: http://twitter.com/@D_West30 http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=hPMwe2GPRo4

135^ David (Moorer) West-N°30, PF, 29/08/1980 Teaneck (New Jersey), 206 cm, 109 kg, 2003-11, Scelto al Draft NBA 2003 dagli Hornets alla posizione N° 18, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 530, Pt. 8690, Playoffs: G. 24, Pt. 385.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@D_West30
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=hPMwe2GPRo4

136^ Maurice (Antwan) Carter-N°5, SG, 12/10/1976 Jackson (Missisipi), 196 cm, 95 kg, 2004, squadra precedente: Dakota Wizards, squadra successiva: Virtus Roma, G. 6, Pt. 20.

136^ Maurice (Antwan) Carter-N°5, SG, 12/10/1976 Jackson (Missisipi), 196 cm, 95 kg, 2004, squadra precedente: Dakota Wizards, squadra successiva: Virtus (Lottomatica) Roma, G. 6, Pt. 20.

Sean (Lester) Rooks-N°45, C, 09/11/1969 New York, 208 cm, 110 kg, 2003-04, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Orlando Magic, G. 35, Pt. 80.

137^ Sean (Lester) Rooks-N°45, C, 09/11/1969 New York-07/06/2016 Philadelphia, 208 cm, 110 kg, 2003-04, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Orlando Magic, G. 35, Pt. 80. Rooks gioca per settee squadre nella NBA compresa la parentesi neworleaniana degli Hornets prima di approdare in Spagna a fine carriera. Come coach siede in panchine della D-League come assistente per diversi anni, la sua ultima squadra sono i Sioux Falls Skyforce, prima di approdare sempre come assistente ai Philadelphia 76ers per il biennio 2014/16. Gli Hornets lo contattano nell’estate 2016 per sondare la disponibilità a divenire il coach della nuova squadra associata agli Hornets che giocherà in North Carolina, i Greensboro Swarm. Rooks però purtroppo decede il 7 giugno a causa di problemi cardiaci qualche ora dopo aver parlato di lavoro con la dirigenza dei Knicks per un coaching staff.

R

138^ Steve (Delano) Smith-N°8, SG, 31-03-1969 Highland Park (Michigan), 203 cm, 100 kg, 2003-04, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Charlotte Bobcats, G. 71, Pt. 358.

138^ Steve (Delano) Smith-N°8, SG, 31-03-1969 Highland Park (Michigan), 203 cm, 100 kg, 2003-04, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Charlotte Bobcats, G. 71, Pt. 358.

139^ Shammond (Omar) Williams "Schoolboy"-N°11, PG, 05/04/1975 Bronx (New York), 184 cm, 93 kg, 2004, squadra precedente: Orlando Magic, squadra successiva: UNICS Kazan', G. 16, Pt. 72.

139^ Shammond (Omar) Williams “Schoolboy”-N°11, PG, 05/04/1975 Bronx (New York), 184 cm, 93 kg, 2004, squadra precedente: Orlando Magic, squadra successiva: UNICS Kazan’, G. 16, Pt. 72.

140^ Tim Floyd-Coach, 25/02/1954 Hattiesburg (Missisipi) G. 82, V. 41 P. 41.

140^ Tim Floyd-Coach, 25/02/1954 Hattiesburg (Missisipi) G. 82, V. 41 P. 41.

141^ Chris ('topher Claus) Andersen "Birdman"-N°12/1 PF/C 07/07/1978 Long Beach (California), 210 cm, 103 kg, 2004/06 e 2008, squadra precedente: Denver Nuggets, squadra successiva: Denver Nuggets, College: Blinn College (1998/99), G. 104, Pt. 680. http://www.youtube.com/watch?v=Z7vcH4SjfX8&feature=youtu.be Il seguente pezzo è stato scitto da Alan Bisio: "Sfogliando le fiabe di Hans Christian Andersen, quasi omonimo di Chris, bizzarro cestista americano dalle evidenti origini danesi, potremmo riscrivere la storia di Birdman: brutto anatroccolo che giocava a baseball e football divenuto cigno sui parquet Nba nei panni dell'ala grande, attratto da una sirenetta di troppo intenta a prosciugargli il conto in banca e con la madre Linda, piccola fiammiferaia dall'infanzia difficile, che per sfamare la prole dopo l'abbandono del padre scuoiava serpenti per rivenderne la pelle a fare del resto succulenti banchetti. Vita tormentata, penserete, eppure non avete ancora letto niente. Chris Andersen (ma non chiamatelo Chris) nasce il 7 luglio 1978 a Long Beach, California, come Nicolas Cage, Snoop Dogg ed i colleghi Kapono e Westbrook, ma cresce a Iola, paesino con più cinghiali che abitanti sperduto nel Texas, ad un centinaio di miglia da Houston. Per capire a fondo la sua storia sono necessari un paio di flashback sulla madre di Chris, Linda Holubec, personaggio ricorrente nella vita del Dottor Birdman. HARLEY & GUNS - Linda nasce in Tennessee dalla relazione fra Jake e Kate, non parliamo dei protagonisti di Lost, ma di un falegname ed una cameriera, entrambi bikers, harleyisti, spiriti liberi (ogni riferimento a coloratissimi tatuaggi sul collo è puramente casuale). Linda impara a guidare a 8 anni a bordo della Chevy del '54 del babbo, mentre due anni dopo esplode il primo colpo di pistola; col padre impegnato in Marina Linda decide di partire e la voglia d'avventura la porta a Malibu, dove si tatua e s'innamora di Claus Andersen, dei suoi racconti, del suo modo di fare e dell'aspetto imponente da vero uomo del Nord. L'affabulatore danese, dopo averle dato tre figli (Chris, April e Tamie), un trasloco in Texas e qualche promessa non mantenuta, abbandona la famiglia per cercar fortuna a New York vendento i suoi dipinti. Linda si ritrova sola, disoccupata e depressa: 'avevamo mezzo contenitore di burro d'arachidi ed un pezzo di pane' - dirà ad Espn. La famiglia tirerà avanti a stento grazie agli aiuti dei vicini di casa e del fratello di Linda, James, giunto dalla California per sistemare casa Andersen e piazzare un fatiscente canestro nel fienile in cui Chris passerà molte delle sue notti, con Linda, entrata nel frattempo nella gang di bikers Bandidos, .357 Magnum alla mano, a tener lontani crotali e coyote. INCHIOSTRO & D-LEAGUE - Atleticamente devastante coi suoi 208 cm distribuiti su 103 kg, Chris si forma saltando i recinti del bestiame tra un rimbalzo ed una schiacciata al Blinn College, un peccato, con voti più alti fra i banchi di scuola avrebbe potuto trasferirsi a Houston e giocare per Clyde Drexler. Per sua fortuna, tra una nuvoletta di gamberi ed uno spaghetto di soia, lo nota un emissario dei Jiangsu Nangang Dragons; parte per la Cina con Linda nel dicembre del 2000 e vive in hotel a Pechino per quattro mesi e mezzo: 'immaginate di prendere un ragazzo che era uscito dal Texas sì e no due volte in vita sua e mettetelo in Cina, ecco, vi basta quello'. Nel Paese di Mao sviluppa la passione per i tatuaggi (sarà anche testimonial contro le pellicce nella celebre campagna 'Ink not Mink'), ma nel 2001 fa ritorno in Usa come comparsa nei Fargo-Moorhead Beez (ricordate il film dei fratelli Coen?) ed in D-League coi Fayeteville Patriots, divenendo il primo giocatore a saltare dalla lega di sviluppo all'Nba coi Denver Nuggets. Quella sera, prima del grande annuncio, era con Linda nella lobby di un hotel, in attesa di vagabondare qua e là, da una lega minore all'altra. SESSO DROGA & CUCCIOLI DI PITBULL - 289.747 dollari al mese, un sacco di soldi per chi era abituato a vivere in roulotte, un sacco di speranze per Linda ed il nuovo marito, Norm, un sacco di guai, invece, per Mr. Birdman. La situazione gli sfugge di mano e la madre lo capisce, tant'è che decide di partire per Denver cavalcando la sua Harley, sfidando il gelo con molte paia di calze e foderando il chiodo con carta di giornale; giunta in Colorado s'accorge della drammatica situazione finanziaria del figlio, intento a sperperare stipendi su stipendi: migliaia di dollari in scarpe e videogiochi, conti di oltre 900 $ nei club, noleggio di limonusine per recuperare i suoi amici in città e per pagare la cauzione ad altri, 5'000 $ per una borsa di Gucci ad una fidanzata, mentre all'altra regala una Jaguar. Biglietti per le partite, fuochi d'artificio illegali, eroina, cocaina, metanfetamine, come fosse l'ultimo dei Jesse Pinkman. In campo Chris entusiasma il pubblico ma non gli allenatori, Jeff Bzdelik non credette ai suoi occhi scoprendo sul pullman della squadra in viaggio verso Memphis Red Sonjia, un cucciolo di pitbull acquistato da Chris. La vita dissoluta fra party e drogucce varie sulle orme di Roy Tarpley gli costa la squalifica il 25 gennaio 2006, quando calza già la divisa degli Hornets, non prima d'essersi proposto a Jack Nicholson come nuovo Batman in uno dei suoi film. Appresa la notizia dalle tv, Linda taglia i rapporti col figlio (parliamo delle droghe, non di Batman). STOPPATE & RIMBALZI - Redento e ripulito tra rehab ed allenamenti specifici con Joe Abunassar, dopo due anni viene reintegrato dagli Hornets, ma è coi Nuggets che dà il meglio di sé, sorprendendo America e fan sparsi in tutto il mondo: "Non voglio buttare via quanto di buono ho fatto finora per qualcosa di stupido, ma non sono cambiato, sono la stessa persona di sempre, con la differenza che non faccio più le cose che mi hanno portato a rovinarmi con le mie stesse mani; sono molto più intelligente e ... il mio tiro da tre punti è diventato devastante". Birdman raggiunge il picco più alto della sua carriera nel 2009 (71 caps, 6.4 punti, 6.2 rimbalzi), quando nelle finali di conference, a suon di stoppate (5,68 in 48 minuti!) proteggerà il nido sfiorando il miracolo coi Lakers futuri campioni; uno dei momenti più bassi (e quasi divertenti) è rappresentato dalle risate dei commentatori alla gara delle schiacciate nel 2005... THE BIRD IS THE WORD - Se lo dice Peter Griffin ci crediamo, non lo paragoneremmo mai cestisticamente a Dennis Rodman, vero maestro delle arti difensive, Birdman è più l'incrocio fra uno stuntman, uno yakuza (citazione obbligatoria dell'Avvocato), un hipster ed un aspirante giocatore di pallacanestro privo di ogni fondamentale, ma con doti atletiche fuori dall'ordinario. Chris è l'anima tormentata che vende i biglietti, anche se ora ha le articolazioni che scricchiolano e non è più quello che ordinava l'acqua da Hooters nonostante nella sua mente volesse dire 'latte' (indovinate perché...); Chris è il bambinone con cresta ingellata e pizzetto che autografa 71 palline di Natale su 72 perché ne rompe una coi denti ('mi sembrava un'arancia'), è il ragazzo che guarda Sons of Anarchy il martedì su FX, è la vittima di un'indagine in cui si è beccato del pedofilo per le molestie di una fan esagitata con qualche anno di meno. "Birdman is a rockstar", dice JR Smith, ed ora la swingman con l'11 di Andersen è di nuovo in vendita, perché Birdman ci riprova, forse già stanotte contro Detroit (non gioca da 9 mesi), al fianco di Lebron James e Wade, per provare a spiegare le ali, di nuovo..." Alan Bisio

141^ Chris (‘topher Claus) Andersen “Birdman”-N°12/1 PF/C 07/07/1978 Long Beach (California), 210 cm, 103 kg, 2004/06 e 2008, squadra precedente: Denver Nuggets, squadra successiva: Denver Nuggets, College: Blinn College (1998/99), G. 104, Pt. 680.
http://www.youtube.com/watch?v=Z7vcH4SjfX8&feature=youtu.be
Il seguente pezzo è stato scitto da Alan Bisio:
“Sfogliando le fiabe di Hans Christian Andersen, quasi omonimo di Chris, bizzarro cestista americano dalle evidenti origini danesi, potremmo riscrivere la storia di Birdman: brutto anatroccolo che giocava a baseball e football divenuto cigno sui parquet Nba nei panni dell’ala grande, attratto da una sirenetta di troppo intenta a prosciugargli il conto in banca e con la madre Linda, piccola fiammiferaia dall’infanzia difficile, che per sfamare la prole dopo l’abbandono del padre scuoiava serpenti per rivenderne la pelle a fare del resto succulenti banchetti. Vita tormentata, penserete, eppure non avete ancora letto niente. Chris Andersen (ma non chiamatelo Chris) nasce il 7 luglio 1978 a Long Beach, California, come Nicolas Cage, Snoop Dogg ed i colleghi Kapono e Westbrook, ma cresce a Iola, paesino con più cinghiali che abitanti sperduto nel Texas, ad un centinaio di miglia da Houston. Per capire a fondo la sua storia sono necessari un paio di flashback sulla madre di Chris, Linda Holubec, personaggio ricorrente nella vita del Dottor Birdman.
HARLEY & GUNS – Linda nasce in Tennessee dalla relazione fra Jake e Kate, non parliamo dei protagonisti di Lost, ma di un falegname ed una cameriera, entrambi bikers, harleyisti, spiriti liberi (ogni riferimento a coloratissimi tatuaggi sul collo è puramente casuale). Linda impara a guidare a 8 anni a bordo della Chevy del ’54 del babbo, mentre due anni dopo esplode il primo colpo di pistola; col padre impegnato in Marina Linda decide di partire e la voglia d’avventura la porta a Malibu, dove si tatua e s’innamora di Claus Andersen, dei suoi racconti, del suo modo di fare e dell’aspetto imponente da vero uomo del Nord. L’affabulatore danese, dopo averle dato tre figli (Chris, April e Tamie), un trasloco in Texas e qualche promessa non mantenuta, abbandona la famiglia per cercar fortuna a New York vendento i suoi dipinti. Linda si ritrova sola, disoccupata e depressa: ‘avevamo mezzo contenitore di burro d’arachidi ed un pezzo di pane’ – dirà ad Espn. La famiglia tirerà avanti a stento grazie agli aiuti dei vicini di casa e del fratello di Linda, James, giunto dalla California per sistemare casa Andersen e piazzare un fatiscente canestro nel fienile in cui Chris passerà molte delle sue notti, con Linda, entrata nel frattempo nella gang di bikers Bandidos, .357 Magnum alla mano, a tener lontani crotali e coyote.
INCHIOSTRO & D-LEAGUE – Atleticamente devastante coi suoi 208 cm distribuiti su 103 kg, Chris si forma saltando i recinti del bestiame tra un rimbalzo ed una schiacciata al Blinn College, un peccato, con voti più alti fra i banchi di scuola avrebbe potuto trasferirsi a Houston e giocare per Clyde Drexler. Per sua fortuna, tra una nuvoletta di gamberi ed uno spaghetto di soia, lo nota un emissario dei Jiangsu Nangang Dragons; parte per la Cina con Linda nel dicembre del 2000 e vive in hotel a Pechino per quattro mesi e mezzo: ‘immaginate di prendere un ragazzo che era uscito dal Texas sì e no due volte in vita sua e mettetelo in Cina, ecco, vi basta quello’. Nel Paese di Mao sviluppa la passione per i tatuaggi (sarà anche testimonial contro le pellicce nella celebre campagna ‘Ink not Mink’), ma nel 2001 fa ritorno in Usa come comparsa nei Fargo-Moorhead Beez (ricordate il film dei fratelli Coen?) ed in D-League coi Fayeteville Patriots, divenendo il primo giocatore a saltare dalla lega di sviluppo all’Nba coi Denver Nuggets. Quella sera, prima del grande annuncio, era con Linda nella lobby di un hotel, in attesa di vagabondare qua e là, da una lega minore all’altra.
SESSO DROGA & CUCCIOLI DI PITBULL – 289.747 dollari al mese, un sacco di soldi per chi era abituato a vivere in roulotte, un sacco di speranze per Linda ed il nuovo marito, Norm, un sacco di guai, invece, per Mr. Birdman. La situazione gli sfugge di mano e la madre lo capisce, tant’è che decide di partire per Denver cavalcando la sua Harley, sfidando il gelo con molte paia di calze e foderando il chiodo con carta di giornale; giunta in Colorado s’accorge della drammatica situazione finanziaria del figlio, intento a sperperare stipendi su stipendi: migliaia di dollari in scarpe e videogiochi, conti di oltre 900 $ nei club, noleggio di limonusine per recuperare i suoi amici in città e per pagare la cauzione ad altri, 5’000 $ per una borsa di Gucci ad una fidanzata, mentre all’altra regala una Jaguar. Biglietti per le partite, fuochi d’artificio illegali, eroina, cocaina, metanfetamine, come fosse l’ultimo dei Jesse Pinkman. In campo Chris entusiasma il pubblico ma non gli allenatori, Jeff Bzdelik non credette ai suoi occhi scoprendo sul pullman della squadra in viaggio verso Memphis Red Sonjia, un cucciolo di pitbull acquistato da Chris. La vita dissoluta fra party e drogucce varie sulle orme di Roy Tarpley gli costa la squalifica il 25 gennaio 2006, quando calza già la divisa degli Hornets, non prima d’essersi proposto a Jack Nicholson come nuovo Batman in uno dei suoi film. Appresa la notizia dalle tv, Linda taglia i rapporti col figlio (parliamo delle droghe, non di Batman).
STOPPATE & RIMBALZI – Redento e ripulito tra rehab ed allenamenti specifici con Joe Abunassar, dopo due anni viene reintegrato dagli Hornets, ma è coi Nuggets che dà il meglio di sé, sorprendendo America e fan sparsi in tutto il mondo: “Non voglio buttare via quanto di buono ho fatto finora per qualcosa di stupido, ma non sono cambiato, sono la stessa persona di sempre, con la differenza che non faccio più le cose che mi hanno portato a rovinarmi con le mie stesse mani; sono molto più intelligente e … il mio tiro da tre punti è diventato devastante”. Birdman raggiunge il picco più alto della sua carriera nel 2009 (71 caps, 6.4 punti, 6.2 rimbalzi), quando nelle finali di conference, a suon di stoppate (5,68 in 48 minuti!) proteggerà il nido sfiorando il miracolo coi Lakers futuri campioni; uno dei momenti più bassi (e quasi divertenti) è rappresentato dalle risate dei commentatori alla gara delle schiacciate nel 2005…
THE BIRD IS THE WORD – Se lo dice Peter Griffin ci crediamo, non lo paragoneremmo mai cestisticamente a Dennis Rodman, vero maestro delle arti difensive, Birdman è più l’incrocio fra uno stuntman, uno yakuza (citazione obbligatoria dell’Avvocato), un hipster ed un aspirante giocatore di pallacanestro privo di ogni fondamentale, ma con doti atletiche fuori dall’ordinario. Chris è l’anima tormentata che vende i biglietti, anche se ora ha le articolazioni che scricchiolano e non è più quello che ordinava l’acqua da Hooters nonostante nella sua mente volesse dire ‘latte’ (indovinate perché…); Chris è il bambinone con cresta ingellata e pizzetto che autografa 71 palline di Natale su 72 perché ne rompe una coi denti (‘mi sembrava un’arancia’), è il ragazzo che guarda Sons of Anarchy il martedì su FX, è la vittima di un’indagine in cui si è beccato del pedofilo per le molestie di una fan esagitata con qualche anno di meno. “Birdman is a rockstar”, dice JR Smith, ed ora la swingman con l’11 di Andersen è di nuovo in vendita, perché Birdman ci riprova, forse già stanotte contro Detroit (non gioca da 9 mesi), al fianco di Lebron James e Wade, per provare a spiegare le ali, di nuovo…”
Alan Bisio

142^ Lonny (Leroy) Baxter-N°3, PF, 27/01/1979 Silver Spring (Maryland), 203 cm, 118 kg, squadra precedente: Yakima Sun Kings, squadra successiva: Panathinaikos, 2004, G. 4, Pt. 6.

142^ Lonny (Leroy) Baxter-N°3, PF, 27/01/1979 Silver Spring (Maryland), 203 cm, 118 kg, squadra precedente: Yakima Sun Kings, squadra successiva: Panathinaikos, 2004, G. 4, Pt. 6.

143^ Craig "Speedy" Claxton-N°5, PG, 08/05/1978 Queens (New York), 180 cm, 2005-06, G. 87, Pt. 979.

143^ Craig “Speedy” Claxton-N°5, PG, 08/05/1978 Queens (New York), 180 cm, 2005-06, G. 87, Pt. 979. http://youtu.be/4FXZ7Qc9bKo

 

144^ Dan ('iel David) Dickau-N°2, PG, 16/09/1978 Portland (Oregon), 182 cm, 78 kg, 2004-05, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: Boston Celtics, G. 67, Pt. 882. http://www.youtube.com/watch?v=IOcnYq2t4Ic&feature=youtu.be

144^ Dan (‘iel David) Dickau-N°2, PG, 16/09/1978 Portland (Oregon), 182 cm, 78 kg, 2004-05, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: Boston Celtics, G. 67, Pt. 882.
http://www.youtube.com/watch?v=IOcnYq2t4Ic&feature=youtu.be

145^ Corsley Edwards (II)-N°34, C, 05/03/1979 Baltimora (Maryland), 206 cm, 124 kg, 2004-05, squadra precedente: Sioux Falls Skyforce, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 10, Pt. 27. http://www.youtube.com/edit?o=U&video_id=e8WmaPswZVw

145^ Corsley Edwards (II)-N°34, C, 05/03/1979 Baltimora (Maryland), 206 cm, 124 kg, 2004-05, squadra precedente: Sioux Falls Skyforce, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 10, Pt. 27.
http://www.youtube.com/edit?o=U&video_id=e8WmaPswZVw

Matt (Wayne) Freije-N°35, PF-C, 02/10/1981 Overland Park (Kansas), 208 cm, 109 kg, 2004-05, squadra successiva: Nashville Rhythm, College: Vanderbilt Commodore, G. 23, Pt. 93.

146^ Matt (Wayne) Freije-N°35, PF-C, 02/10/1981 Overland Park (Kansas), 208 cm, 109 kg, 2004-05, squadra successiva: Nashville Rhythm, College: Vanderbilt Commodore, G. 23, Pt. 93.

147^ Alex (Ribeiro) Garcia- N°20, PG, 04/03/1980 San Paolo (Brasile), 191 cm, 102 kg, 2004, G. 8, Pt. 44. Alex Garcia ha giocato otto partite (tre da titolare) con gli Hornets nella stagione 2004-05, ottenendo una media di 5,5 punti, 2,3 assist e 1,9 rimbalzi in 18,3 minuti a partita. Sfortunatamente ha subito un infortunio al ginocchio sinistro il 12 dicembre 2004 a Washington, ed è stato poi rilasciato dagli Hornets. Garcia aveva iniziato la sua carriera NBA con i San Antonio Spurs nella stagione 2003-04 mettendo piede in campo solo due volte (1,5 punti). Le partite di Garcia con gli Hornets: 03/11/2004 VS Dallas Mavericks (2 pt.) 13/11/2004 @ Milwaukee Bucks (7 pt.) 17/11/2004 VS Phoenix Suns (4 pt.) 04/12/2004 VS Detroit Pistons (11 pt.) 07/12/2004 @ Houston Rockets (2 pt.) 08/12/2004 VS New York Knicks (3 pt.) 10/12/2004 @ New Jersey Nets (9 pt.) 12/12/2004 @ Washingron Wizards (6 pt.)

147^ Alex (Ribeiro) Garcia- N°20, PG, 04/03/1980 San Paolo (Brasile), 191 cm, 102 kg, 2004, G. 8, Pt. 44.
Alex Garcia ha giocato otto partite (tre da titolare) con gli Hornets nella stagione 2004-05, ottenendo una media di 5,5 punti, 2,3 assist e 1,9 rimbalzi in 18,3 minuti a partita.
Sfortunatamente ha subito un infortunio al ginocchio sinistro il 12 dicembre 2004 a Washington, ed è stato poi rilasciato dagli Hornets.
Garcia aveva iniziato la sua carriera NBA con i San Antonio Spurs nella stagione 2003-04 mettendo piede in campo solo due volte (1,5 punti).
Le partite di Garcia con gli Hornets:
03/11/2004 VS Dallas Mavericks (2 pt.)
13/11/2004 @ Milwaukee Bucks (7 pt.)
17/11/2004 VS Phoenix Suns (4 pt.)
04/12/2004 VS Detroit Pistons (11 pt.)
07/12/2004 @ Houston Rockets (2 pt.)
08/12/2004 VS New York Knicks (3 pt.)
10/12/2004 @ New Jersey Nets (9 pt.)
12/12/2004 @ Washingron Wizards (6 pt.)

148^ Lorinza "Junior" Harrington-N°6, PG, 02/10/1980 Wagram (North Carolina),192 cm, 86 kg, 2004-05, squadra precedente: Azovmash Mariupol (Ucraina), squadra successiva: Pamesa Valencia (Spagna) G. 29, Pt. 163.

148^ Lorinza “Junior” Harrington-N°6, PG, 02/10/1980 Wagram (North Carolina),192 cm, 86 kg, 2004-05, squadra precedente: Azovmash Mariupol (Ucraina), squadra successiva: Pamesa Valencia (Spagna) G. 29, Pt. 163.

149^ Casey Jacobsen-N°32, SG-SF, 19/03/1981 Glendora (California), 198 cm, 87 kg, 2005, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Saski Baskonia, College: Stanford Cardinal, G. 44, Pt. 335.

149^ Casey Jacobsen-N°32, SG-SF, 19/03/1981 Glendora (California), 198 cm, 87 kg, 2005, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Saski Baskonia, College: Stanford Cardinal, G. 44, Pt. 335.

150^ Maciej Lampe "The Magic Lamp"-N°15, C, 05/02/1985 Lodz (Polonia), 210 cm, 110 kg, 2005, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Houston Rockets, giovanili: Real Madrid B, G. 23, Pt. 71. http://www.youtube.com/watch?v=4uOxmlZk4hY&feature=youtu.be

150^ Maciej Lampe “The Magic Lamp”-N°15, C, 05/02/1985 Lodz (Polonia), 210 cm, 110 kg, 2005, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Houston Rockets, giovanili: Real Madrid B, G. 23, Pt. 71.
http://www.youtube.com/watch?v=4uOxmlZk4hY&feature=youtu.be

151^ Rodney Rogers-N°54, SF, 20/06/1971 Durham (North Carolina), 201 cm, 2004-05, G. 30, Pt. 275.

151^ Rodney Rogers-N°54, SF, 20/06/1971 Durham (North Carolina), 201 cm, 107 kg, 2004-05, G. 30, Pt. 275. Rodney giocheà solo la prima parte della tragica stagione 2004/05, Giocherà 30 partite, nell’ultima in 36 minuti segnarà 13 punti contro Memphis il 31/01/2005. Verrà successivamente ceduto a Phila insieme a Mashburn per Glenn Robinson (quest’ultimo sarà tagliato da NOLA dopo una settimana senza mai esser sceso in campo). Il 28 novembre 2008, Rogers è caduto accidentalmente in bici, urtando qualcosa sul terreno in una zona sterrata di Vance County a nord di Raleigh. Rogers è finito fuori strada capovolgendo il manubrio del suo mezzo. Dopo un primo ricovero in ospedale, spostato in un secondo tempo al più specializzato ospedale di Atlanta (per lesioni a midollo spinale e/o lesioni cerebrali), Rogers è rimasto paralizzato dalle spalle in giù a seguito dell’incidente, i medici gli dissero che avrebbe avuto solo il 5% di possibilità di tornare a camminare. Ora è su una sedia a rotelle, nonostante ciò, ha spostato la sua nuova compagna e vivono a Timberlake in North Carolina.

 

152^ Boštjan Nachbar-N°10, SF, 03/07/1980 Slovenj Gradec (Jugoslavia, ora Slovenia), 205 cm, 2004-06, Squadra precedente: Houston Rockets, Squadra successiva: New Jersey Nets, G. 80, Pt. 571. http://www.youtube.com/watch?v=91i_frm1yHc&feature=youtu.be "Boki" iniziò la sua carriera, come cestista professionista, nella stagione 1995-96 con la squadra slovena dello ZM Maribor Lumar, dove restò sino al 1997. Poi si trasferì al KK Union Olimpija in cui restò sino al 2000. Nel 2000 approda alla Benetton Basket, dove, l'anno successivo, esplode come giocatore, sia nel campionato italiano sia in Eurolega, facendo buone impressione agli scout NBA. Dirà poi sulla sua esperienza a Treviso su Coach D'Antoni: " E 'stata probabilmente la migliore esperienza della mia vita. D'Antoni ha dimostrato più volte che lui è uno dei migliori allenatori del mondo. Giocare per lui è stata una grande esperienza per me, ho imparato molto, e mi ha dato la possibilità di giocare quando avevo 20/21 anni, al più alto livello in Europa. È stato lui che mi ha dato la possibilità, che in pratica ha aperto la porta per me alla NBA. Egli è stato determinante quando si trattava per me diventare un giocatore NBA. Era una grande figura, e gli sarò sempre grato per quello che mi ha dato." Nel Draft NBA 2002 venne scelto dagli Houston Rockets come numero 15; con questa franchigia militò per due anni, senza brillare molto. Nel 2004 poco prima di metà stagione passò ai New Orleans Hornets con Jim Jackson per David Wesley, qui disputò due stagioni altalenanti, la prima durante la ricostruzuione degli Hornets e la seconda dovette trasferirsi a giocare ad Oklahoma City a causa dell'uragano Katrina. Durante l prima mezza stagione realizzò 8,1 punti a gara per gli Hornets, scesi a 5,0 l'anno seguente con qualche apparizione nel quintetto titolare. L'apice della carriera la raggiunse con i Nets, squadra alla quale passò il 23 febbraio 2006. I New Orleans/Oklahoma City Hornets lo trasferirono in cambio di Marc Jackson, Linton Johnson e denaro. In NBA, tra il 2002 ed il 2008, ha collezionato 317 partite (7,1 punti/partita) La stagione 2008-2009 la gioca nel Campionato russo con la maglia della Dinamo Mosca, squadra che gli offre un maxicontratto mai visto prima in Europa, ben 9,6 milioni di Euro per 3 stagioni, un contratto che prevede la possibilità di uscita dopo il primo anno, che Boki sfrutta. Curiosità; Nachbar sostiene di parlare cinque lingue, la donna con cui condivideva e spero condivida ancora la vita ai tempi dei Nets (scusate ma non sono aggiornato sui gossip) addirittura sei, però lui stesso diceva che a casa si parla in sloveno.

152^ Boštjan Nachbar-N°10, SF, 03/07/1980 Slovenj Gradec (Jugoslavia, ora Slovenia), 205 cm, 2004-06, Squadra precedente: Houston Rockets, Squadra successiva: New Jersey Nets, G. 80, Pt. 571.
http://www.youtube.com/watch?v=91i_frm1yHc&feature=youtu.be
“Boki” iniziò la sua carriera, come cestista professionista, nella stagione 1995-96 con la squadra slovena dello ZM Maribor Lumar, dove restò sino al 1997. Poi si trasferì al KK Union Olimpija in cui restò sino al 2000.
Nel 2000 approda alla Benetton Basket, dove, l’anno successivo, esplode come giocatore, sia nel campionato italiano sia in Eurolega, facendo buone impressione agli scout NBA.
Dirà poi sulla sua esperienza a Treviso su Coach D’Antoni:
” E ‘stata probabilmente la migliore esperienza della mia vita. D’Antoni ha dimostrato più volte che lui è uno dei migliori allenatori del mondo. Giocare per lui è stata una grande esperienza per me, ho imparato molto, e mi ha dato la possibilità di giocare quando avevo 20/21 anni, al più alto livello in Europa. È stato lui che mi ha dato la possibilità, che in pratica ha aperto la porta per me alla NBA.
Egli è stato determinante quando si trattava per me diventare un giocatore NBA. Era una grande figura, e gli sarò sempre grato per quello che mi ha dato.”
Nel Draft NBA 2002 venne scelto dagli Houston Rockets come numero 15; con questa franchigia militò per due anni, senza brillare molto.
Nel 2004 poco prima di metà stagione passò ai New Orleans Hornets con Jim Jackson per David Wesley, qui disputò due stagioni altalenanti, la prima durante la ricostruzuione degli Hornets e la seconda dovette trasferirsi a giocare ad Oklahoma City a causa dell’uragano Katrina.
Durante l prima mezza stagione realizzò 8,1 punti a gara per gli Hornets, scesi a 5,0 l’anno seguente con qualche apparizione nel quintetto titolare.
L’apice della carriera la raggiunse con i Nets, squadra alla quale passò il 23 febbraio 2006.
I New Orleans/Oklahoma City Hornets lo trasferirono in cambio di Marc Jackson, Linton Johnson e denaro.
In NBA, tra il 2002 ed il 2008, ha collezionato 317 partite (7,1 punti/partita)
La stagione 2008-2009 la gioca nel Campionato russo con la maglia della Dinamo Mosca, squadra che gli offre un maxicontratto mai visto prima in Europa, ben 9,6 milioni di Euro per 3 stagioni, un contratto che prevede la possibilità di uscita dopo il primo anno, che Boki sfrutta.
Curiosità; Nachbar sostiene di parlare cinque lingue, la donna con cui condivideva e spero condivida ancora la vita ai tempi dei Nets (scusate ma non sono aggiornato sui gossip) addirittura sei, però lui stesso diceva che a casa si parla in sloveno.

(Earl) J.R. Smith (III)-N°23, SG, 09/09/1985 Freehold (New Jersey), 198 cm, 100 kg, 2004-06, Scelto come 18° nel primo giro dai New Orleans Hornets, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 131, Pt. 1205. http://www.youtube.com/watch?v=zn5itVrdPMM&feature=youtu.be

153^ (Earl) J.R. Smith (III)-N°23, SG, 09/09/1985 Freehold (New Jersey), 198 cm, 100 kg, 2004-06, Scelto come 18° nel primo giro dai New Orleans Hornets, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 131, Pt. 1205.
http://www.youtube.com/watch?v=zn5itVrdPMM&feature=youtu.be

154^ Jackson Vroman-N°4, PF/C, 06/06/1981 Laguna (California), 208 cm, 100 kg, 2005-06, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Gran Canaria, G. 77, Pt. 269.

154^ Jackson Vroman-N°4, PF/C, 06/06/1981 Laguna (California), 208 cm, 100 kg, 2005-06, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Gran Canaria, G. 77, Pt. 269.

155^ Byron Scott-Coach, 28/03/1961 Ogden (Utah), 193 cm, 2004-09, Regular Season G. 419, V. 203, P. 216 (.484), Playoffs G. 17, V. 8, P. 9, (.471).

155^ Byron Scott-Coach, 28/03/1961 Ogden (Utah), 193 cm, 2004-09, Regular Season G. 419, V. 203, P. 216 (.484), Playoffs G. 17, V. 8, P. 9, (.471).

156^ Brandon Bass-N°33, PF, 30/04/1985 Baton Rouge (Louisiana), 203 cm, 109 kg, 2005-07, squadra successiva: Dallas Mavericks, G. 50, Pt. 110.

156^ Brandon Bass-N°33, PF, 30/04/1985 Baton Rouge (Louisiana), 203 cm, 109 kg, 2005-07, squadra successiva: Dallas Mavericks, G. 50, Pt. 110.

157^ Rasual Butler-N°45, SG, 23/05/1979 Philadelphia (Pennsylvania), 201 cm, 93 kg, 2005-09, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Los Angeles Clippers, College: La Salle Explorers, G. 293, Pt. 2677, Playoffs: G. 5, Pt. 53. Pagina Twitter: https://twitter.com/@RasualButler45 http://youtu.be/8O5st_ZJfxU

157^ Rasual Butler-N°45, SG, 23/05/1979 Philadelphia (Pennsylvania), 201 cm, 93 kg, 2005-09, squadra precedente: Miami Heat, squadra successiva: Los Angeles Clippers, College: La Salle Explorers, G. 293, Pt. 2677, Playoffs: G. 5, Pt. 53.
Pagina Twitter: https://twitter.com/@RasualButler45
http://youtu.be/8O5st_ZJfxU

Marcus Fizer-N°21, PF, 10/08/1978 Detroit (Michigan), 206 cm, 119 kg, 2006, squadra precedente: Austin Toros, squadra successiva: Murcia, G. 3, Pt. 20.

158^ Marcus Fizer-N°21, PF, 10/08/1978 Detroit (Michigan), 206 cm, 119 kg, 2006, squadra precedente: Austin Toros, squadra successiva: Murcia, G. 3, Pt. 20.

159^ Marc Jackson-N°44, C, 16/01/1975 Philadelphia (Pennsylvania), 208 cm, 122 kg, 2006-07, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Olympiacos, G. 83, Pt. 653. http://www.youtube.com/watch?v=iDilUUUBEbU&feature=youtu.be

159^ Marc Jackson-N°44, C, 16/01/1975 Philadelphia (Pennsylvania), 208 cm, 122 kg, 2006-07, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Olympiacos, G. 83, Pt. 653.
http://www.youtube.com/watch?v=iDilUUUBEbU&feature=youtu.be

160^ Linton Johnson (III)-N°43, PF, 13/06/1980 Chicago (Illinois), 204 cm, 93 kg, 2006-07, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Saski Baskonia, G. 90, Pt. 368. Dopo l'esperienza spagnola gioca pochissime partite con le franchigie di Phoenix, Toronto, Charlotte e Chicago nella NBA. Nel 2010 va ad Avellino, con gli irpini rimane 3 anni, attualmente (2013) milita nelle fila di Sassari. http://www.youtube.com/watch?v=S5QsjtLyXJM&feature=youtu.be

160^ Linton Johnson (III)-N°43, PF, 13/06/1980 Chicago (Illinois), 204 cm, 93 kg, 2006-07, squadra precedente: New Jersey Nets, squadra successiva: Saski Baskonia, G. 90, Pt. 368.
Dopo l’esperienza spagnola gioca pochissime partite con le franchigie di Phoenix, Toronto, Charlotte e Chicago nella NBA. Nel 2010 va ad Avellino, con gli irpini rimane 3 anni, attualmente (2013) milita nelle fila di Sassari.
http://www.youtube.com/watch?v=S5QsjtLyXJM&feature=youtu.be

161^ Arvydas Macijauskas-N°6, SG, 19/01/1980 Klaipeda (Lituania), 193 cm, 97 kg, 2005-06, squadra precedente: Saski Baskonia, squadra successiva: Olympiacos, G. 19, Pt. 44. http://www.youtube.com/watch?v=RXSnRtKaO0w&feature=youtu.be

161^ Arvydas Macijauskas-N°6, SG, 19/01/1980 Klaipeda (Lituania), 193 cm, 97 kg, 2005-06, squadra precedente: Saski Baskonia, squadra successiva: Olympiacos, G. 19, Pt. 44.
http://www.youtube.com/watch?v=RXSnRtKaO0w&feature=youtu.be

162^ Desmond (Tremaine) Mason-N°24, SF, 11/10/1977 Waxahachite (Texas), 196 cm, 101 kg, 2005-07, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 145, Pt. 1785. http://www.youtube.com/watch?v=pKciR2U9gvE

162^ Desmond (Tremaine) Mason-N°24, SF, 11/10/1977 Waxahachite (Texas), 196 cm, 101 kg, 2005-07, squadra precedente: Milwaukee Bucks, squadra successiva: Milwaukee Bucks, G. 145, Pt. 1785.
http://www.youtube.com/watch?v=pKciR2U9gvE

163^ (Martyn) Moochie Norris-N°25, PG, 27/07/1973 Washington (District Of Columbia), 185 cm, 79 kg, 2006, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Yakima Sun Kings, G. 16, Pt. 60.

163^ (Martyn) Moochie Norris-N°25, PG, 27/07/1973 Washington (District Of Columbia), 185 cm, 79 kg, 2006, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Yakima Sun Kings, G. 16, Pt. 60.

164^ Chris Paul (CP3)-N°3, PG, 06/05/1985 Winston Salem (North Carolina), 183 cm, 79 kg, 2005-11, scelto nel Draft NBA 2005 dagli Hornets alla quarta posizione, squadra successiva: Los Angeles Clippers, College: Wake Forest, G. 425, Pt. 7900, Playoffs: G. 23, Pt. 504. http://www.youtube.com/watch?v=I7uEtRPIuvk&feature=youtu.be http://youtu.be/6AOOvWlG55c

164^ Chris Paul (CP3)-N°3, PG, 06/05/1985 Winston Salem (North Carolina), 183 cm, 79 kg, 2005-11, scelto nel Draft NBA 2005 dagli Hornets alla quarta posizione, squadra successiva: Los Angeles Clippers, College: Wake Forest, G. 425, Pt. 7900, Playoffs: G. 23, Pt. 504.
http://www.youtube.com/watch?v=I7uEtRPIuvk&feature=youtu.be
http://youtu.be/6AOOvWlG55c

165^ Kirk Snyder-N°1, SG, 05/06/1983 Los Angeles (California), 198 cm, 102 Kg, 2005-06, squadra precedente; Utah Jazz, squadra successiva; Houston Rockets, G. 68, Pt. 542. http://youtu.be/OOMi9AodELQ

165^ Kirk Snyder-N°1, SG, 05/06/1983 Los Angeles (California), 198 cm, 102 Kg, 2005-06, squadra precedente; Utah Jazz, squadra successiva; Houston Rockets, G. 68, Pt. 542.
http://youtu.be/OOMi9AodELQ

166^ Aaron Williams-N°34, PF-C, 02/10/1971 Evanston (Illinois), 206 cm, 2006, G. 34, Pt. 197. http://www.youtube.com/watch?v=Tef31TGqe2Y

166^ Aaron Williams-N°34, PF-C, 02/10/1971 Evanston (Illinois), 206 cm, 2006, G. 34, Pt. 197.
http://www.youtube.com/watch?v=Tef31TGqe2Y

167^ Hilton (A.) Armstrong (Jr.)-N°12, C, 11/11/1984 Peekskill (New York), 211 cm, 107 kg, 2006-10, scelto dai New Orleans Hornets al Draft 2006 al primo giro, alla posizione N° 12, squadra successiva: G. 209, Pt. 743, Playoffs: G. 12, Pt. 36. http://youtu.be/ncmfmRuhJrM

167^ Hilton (A.) Armstrong (Jr.)-N°12, C, 11/11/1984 Peekskill (New York), 211 cm, 107 kg, 2006-10, scelto dai New Orleans Hornets al Draft 2006 al primo giro, alla posizione N° 12, squadra successiva: G. 209, Pt. 743, Playoffs: G. 12, Pt. 36.
http://youtu.be/ncmfmRuhJrM

168^ Devin Brown-N°23, SG, 30/12/1978 Salt Lake City (Utah), 196 cm, 100 kg, 2006-07 e 2008-10, G. 166, Pt. 1377. http://www.youtube.com/watch?v=fzpufdVravw

168^ Devin Brown-N°23, SG, 30/12/1978 Salt Lake City (Utah), 196 cm, 100 kg, 2006-07 e 2008-10, G. 166, Pt. 1377.
http://www.youtube.com/watch?v=fzpufdVravw

169^ Tyson (Cleotis) Chandler-N°6, C, 02/10/1982 Hanford (California), 216 cm, 109 kg, 2006-09, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Charotte Bobcats, College: Dominguez High School, G. 197, Pt. 2016, Playoffs: G. 16, Pt. 111. Pagina Twitter: http://twitter.com/@tysonchandler http://www.youtube.com/watch?v=RQMJ7XPaByA&feature=youtu.be

169^ Tyson (Cleotis) Chandler-N°6, C, 02/10/1982 Hanford (California), 216 cm, 109 kg, 2006-09, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Charotte Bobcats, College: Dominguez High School, G. 197, Pt. 2016, Playoffs: G. 16, Pt. 111.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@tysonchandler
http://www.youtube.com/watch?v=RQMJ7XPaByA&feature=youtu.be

170^ Bobby Jackson-N°8, PG, 13/03/1973 East Spencer (North Carolina), 185 cm, 84 kg, 2006-08, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Houston Rockets, College: Minnesota Gophers, G. 102, Pt. 917. Pagina Twitter: http://twitter.com/@TheBobbyJackson http://www.youtube.com/watch?v=0pn9qJLZ_bU

170^ Bobby Jackson-N°8, PG, 13/03/1973 East Spencer (North Carolina), 185 cm, 84 kg, 2006-08, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Houston Rockets, College: Minnesota Gophers, G. 102, Pt. 917.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@TheBobbyJackson
http://www.youtube.com/watch?v=0pn9qJLZ_bU

171^ Jannero Pargo-N°2, PG, 22/09/1979 Chicago (Illinois), 188 cm, 79 kg, 2006-08, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Dinamo Mosca, College: Arkansas Razorbacks, G. 162, Pt. 1395, Playoffs: G. 12, Pt. 122. http://www.youtube.com/watch?v=j-JpcYWEKEQ&feature=youtu.be

171^ Jannero Pargo-N°2, PG, 22/09/1979 Chicago (Illinois), 188 cm, 79 kg, 2006-08, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Dinamo Mosca, College: Arkansas Razorbacks, G. 162, Pt. 1395, Playoffs: G. 12, Pt. 122.
http://www.youtube.com/watch?v=j-JpcYWEKEQ&feature=youtu.be

172^ Cedric Simmons-N°22, PF, 03/01/1986 Shalotte (North Carolina), nazionalità: statunitense e bulgara, 206 cm, 107 kg, scelto dai New Orleans Hornets al Draft 2006 durante il primo giro, con la scelta N°15, squadra successiva: Cleveland Cavaliers, 2006-07, Stipendio: $1,515,480, G. 43, Pt. 126. http://www.youtube.com/watch?v=-kBjObbhp4U&feature=youtu.be

172^ Cedric Simmons-N°22, PF, 03/01/1986 Shalotte (North Carolina), nazionalità: statunitense e bulgara, 206 cm, 107 kg, scelto dai New Orleans Hornets al Draft 2006 durante il primo giro, con la scelta N°15, squadra successiva: Cleveland Cavaliers, 2006-07, Stipendio: $1,515,480, G. 43, Pt. 126.
http://www.youtube.com/watch?v=-kBjObbhp4U&feature=youtu.be

173^ Peja (Predrag) Stojaković-N°16, SF-SG, 09/06/1977, Slavoska Požega (Jugoslavia, ora Croazia), nazionalità: serba e greca, 208 cm, 104 kg, 2006-10, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 219, Pt. 2135, Playoffs: G. 17, Pt. 225. http://www.youtube.com/watch?v=5oqF8ty4QLU&feature=youtu.be

173^ Peja (Predrag) Stojaković-N°16, SF-SG, 09/06/1977, Slavoska Požega (Jugoslavia, ora Croazia), nazionalità: serba e greca, 208 cm, 104 kg, 2006-10, squadra precedente: Indiana Pacers, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 219, Pt. 2135, Playoffs: G. 17, Pt. 225.
http://www.youtube.com/watch?v=5oqF8ty4QLU&feature=youtu.be

174^ Marcus Vinicius (Vieira de Souza)-N°11, SF-PF, 31-05-1984 San Paolo (Brasile), 207 cm, 102 kg, 2006-08, scelto dagli Hornets nel Draft 2006 al secondo giro con il N° 43, squadra precedente: Saõ Carlos (SP), squadra successiva: Tulsa 66ers, stipendio 2006/07: $412,718, G. 26, Pt. 50. http://www.youtube.com/watch?v=3cN52ytrCLk&feature=youtu.be

174^ Marcus Vinicius (Vieira de Souza)-N°11, SF-PF, 31-05-1984 San Paolo (Brasile), 207 cm, 102 kg, 2006-08, scelto dagli Hornets nel Draft 2006 al secondo giro con il N° 43, squadra precedente: Saõ Carlos (SP), squadra successiva: Tulsa 66ers, stipendio 2006/07: $412,718, G. 26, Pt. 50.
http://www.youtube.com/watch?v=3cN52ytrCLk&feature=youtu.be

175^ Ryan (Cleo) Bowen-N°40, PF, 20/11/1975 Fort Madison (Iowa), 201 cm, 98 kg, 2007-09, squadra precedente: Ironi Nahariya, squadra successiva: Oklahoma City Thunder, G. 74, Pt. 161, Playoffs: G. 10, Pt. 4. Pagina Twitter: http://twitter.com/@rybo40 http://www.youtube.com/watch?v=INIZJYzCdd4&feature=youtu.be

175^ Ryan (Cleo) Bowen-N°40, PF, 20/11/1975 Fort Madison (Iowa), 201 cm, 98 kg, 2007-09, squadra precedente: Ironi Nahariya, squadra successiva: Oklahoma City Thunder, G. 74, Pt. 161, Playoffs: G. 10, Pt. 4.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@rybo40
http://www.youtube.com/watch?v=INIZJYzCdd4&feature=youtu.be

176^ Melvin (Anderson) Ely-N°33, C-PF, 02/05/1978 Harvey (Illinois), 208 cm, 118 kg, 2007-09, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 83, Pt. 299, Playoffs: G. 7 Pt. 15. http://www.youtube.com/watch?v=mqWdy8wRLtI&feature=youtu.be

176^ Melvin (Anderson) Ely-N°33, C-PF, 02/05/1978 Harvey (Illinois), 208 cm, 118 kg, 2007-09, squadra precedente: San Antonio Spurs, squadra successiva: Denver Nuggets, G. 83, Pt. 299, Playoffs: G. 7 Pt. 15.
http://www.youtube.com/watch?v=mqWdy8wRLtI&feature=youtu.be

177^ Mike (Lamont) James-N°5, PG, 23/06/1975 Copaigue (New York), 187 cm, 85 kg, 2008, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Washington Wizards, College: Duquesne Dukes, G. 29, Pt. 77, Playoffs: G. 4, Pt. 12. Pagina Twitter: http://twitter.com/@mikejames7 http://www.youtube.com/watch?v=v1aBaOTIWDU&feature=youtu.be

177^ Mike (Lamont) James-N°5, PG, 23/06/1975 Copaigue (New York), 187 cm, 85 kg, 2008, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Washington Wizards, College: Duquesne Dukes, G. 29, Pt. 77, Playoffs: G. 4, Pt. 12.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@mikejames7
http://www.youtube.com/watch?v=v1aBaOTIWDU&feature=youtu.be

178^ Morris Peterson-N°9/24, SG-SF, 26/08/1977 Flint (Michigan), 201 cm, 99 kg, 2007-10, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Oklahoma City Thunder, G. 165, Pt. 1126, Playoffs: G. 14, Pt. 92. Pagina Twitter: http://twitter.com/@mopete24 http://www.youtube.com/watch?v=cnMPBWeCG-U

178^ Morris Peterson-N°9/24, SG-SF, 26/08/1977 Flint (Michigan), 201 cm, 99 kg, 2007-10, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Oklahoma City Thunder, G. 165, Pt. 1126, Playoffs: G. 14, Pt. 92.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@mopete24
http://www.youtube.com/watch?v=cnMPBWeCG-U

179^ (Gawen DeAngelo) Bonzi Wells-N°24, SF-SG, 28/09/1976 Muncie (Indiana), 196 cm, 95 kg, 2008, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Shanxi Zhongyu, College: Ball St. Cardinals, G. 22, Pt. 193, Playoffs: G. 12, Pt. 44. Pagina Twitter: http://twitter.com/@BonziWells http://www.youtube.com/watch?v=rQW2m4kcP8A&feature=youtu.be

179^ (Gawen DeAngelo) Bonzi Wells-N°24, SF-SG, 28/09/1976 Muncie (Indiana), 196 cm, 95 kg, 2008, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Shanxi Zhongyu, College: Ball St. Cardinals, G. 22, Pt. 193, Playoffs: G. 12, Pt. 44.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@BonziWells
http://www.youtube.com/watch?v=rQW2m4kcP8A&feature=youtu.be

180^ Julian (Emil-Jamaal) Wright-N°32, SF, 20/05/1987 Chicago (Illinois), 203 cm, 102 kg, 2007-10, scelto dagli Hornets nel Draft 2007 al primo giro con la scelta N° 13, squadra successiva: Toronto Raptors, College: Kansas Jayhawks, G. 179, Pt. 719, Playoffs: G. 15, Pt. 55. http://www.youtube.com/watch?v=4kHuK_6ZbQg&feature=youtu.be

180^ Julian (Emil-Jamaal) Wright-N°32, SF, 20/05/1987 Chicago (Illinois), 203 cm, 102 kg, 2007-10, scelto dagli Hornets nel Draft 2007 al primo giro con la scelta N° 13, squadra successiva: Toronto Raptors, College: Kansas Jayhawks, G. 179, Pt. 719, Playoffs: G. 15, Pt. 55.
http://www.youtube.com/watch?v=4kHuK_6ZbQg&feature=youtu.be

181^ Antonio Daniels-N°50, PG, 19/03/1975 Columbus (Ohio), 193 cm, 88 kg, 2008-09, college: Bowling Green State Falcons, G. 61, Pt. 234. http://www.youtube.com/watch?v=Cq4ytrbE608&feature=youtu.be

181^ Antonio Daniels-N°50, PG, 19/03/1975 Columbus (Ohio), 193 cm, 88 kg, 2008-09, college: Bowling Green State Falcons, G. 61, Pt. 234.
http://www.youtube.com/watch?v=Cq4ytrbE608&feature=youtu.be

182^ Sean (Andrew) Marks-N°4, C-PF, 23/08/1975 Auckland (Nuova Zelanda), 208 cm, 113 kg, 2008-10, college: California G. Bears, G. 74, Pt. 202. http://www.youtube.com/watch?v=QycT7JcPoGs&feature=youtu.be

182^ Sean (Andrew) Marks-N°4, C-PF, 23/08/1975 Auckland (Nuova Zelanda), 208 cm, 113 kg, 2008-10, college: California G. Bears, G. 74, Pt. 202.
http://www.youtube.com/watch?v=QycT7JcPoGs&feature=youtu.be

183^ James (Mikley Mantell) Posey-N°41, SF, 13/01/1977 Cleveland (Ohio), 203 cm, 98 kg, 2008-10, College: Xavier Musketeers, G. 152, Pt. 1067, Playoffs: G. 5, Pt. 57. http://www.youtube.com/watch?v=5w38LMuuvus&feature=youtu.be

183^ James (Mikley Mantell) Posey-N°41, SF, 13/01/1977 Cleveland (Ohio), 203 cm, 98 kg, 2008-10, College: Xavier Musketeers, G. 152, Pt. 1067, Playoffs: G. 5, Pt. 57.
http://www.youtube.com/watch?v=5w38LMuuvus&feature=youtu.be

430609_3359062106022_1741780301_n

184^ Jeff Bower-General Manager dal 2005 e Coach dal 2009, 26/04/1961 Hollidaysburg (Pennsylvania), 2009-10 (Coach), Regular Season: G. 73, V. 34, P. 39. http://youtu.be/uY74H-wO_IU

185^ Dell Demps-General Manager, 12/02/1970, Long Beach (California), 191 cm, 93 kg, (2010-...) Dell Demps, ex giocatore di basket con qualche trascorso NBA (16 gare con gli Spurs ed un paio a testa con Warriors e Magic) a metà anni '90, viene assunto il 27 luglio 2010, come direttore generale (il settimo nella storia della franchigia), contribuendo a portare gli Hornets (con ancora in squadra un buon nucleo di giocatori, Paul, Belinelli, Ariza, Okafor ecc...) ai playoffs 2011. Demps, dopo essere stato in una situazione critica che ha limitato un po' i suoi poteri, con la vendita della squadra alle altre 29 franchigie NBA e la perdita dell'ex stella di casa in Louisiana Chris Paul, a causa dell'abbandono dell'ex presidente Shinn, quest'anno (2012/13) ha portato Ryan Anderson, ( NBA most improved player 2011-12), e Robin Lopez.

185^ Dell Demps-General Manager, 12/02/1970, Long Beach (California), 191 cm, 93 kg, (2010-…)
Dell Demps, ex giocatore di basket con qualche trascorso NBA (16 gare con gli Spurs ed un paio a testa con Warriors e Magic) a metà anni ’90, viene assunto il 27 luglio 2010, come direttore generale (il settimo nella storia della franchigia), contribuendo a portare gli Hornets (con ancora in squadra un buon nucleo di giocatori, Paul, Belinelli, Ariza, Okafor ecc…) ai playoffs 2011. Demps, dopo essere stato in una situazione critica che ha limitato un po’ i suoi poteri, con la vendita della squadra alle altre 29 franchigie NBA e la perdita dell’ex stella di casa in Louisiana Chris Paul, a causa dell’abbandono dell’ex presidente Shinn, quest’anno (2012/13) ha portato Ryan Anderson, ( NBA most improved player 2011-12), e Robin Lopez.

186^ (Robert) Bobby (Douglas) Brown-N°6, PG, 24/09/1984 Los Angeles (California), 188 cm, 79 Kg, 2009-10, squadra precedente Minnesota Timberwolves, squadra successiva Los Angeles Clippers, G. 22, Pt. 145. Nel 2012-13 gioca per la Mens Sana Siena. Pagina Twitter: http://twitter.com/#!/@BBROWNLAU http://www.youtube.com/watch?v=TulO_vr8mPg&feature=youtu.be

186^ (Robert) Bobby (Douglas) Brown-N°6, PG, 24/09/1984 Los Angeles (California), 188 cm, 79 Kg, 2009-10, squadra precedente Minnesota Timberwolves, squadra successiva Los Angeles Clippers, G. 22, Pt. 145.
Nel 2012-13 gioca per la Mens Sana Siena.
Pagina Twitter: http://twitter.com/#!/@BBROWNLAU
http://www.youtube.com/watch?v=TulO_vr8mPg&feature=youtu.be

187^ Darren (Michael) Collison-N°2, PG, 23/08/1987 Rancho Cucamonga (California), 185 cm, 76 Kg, 2009-10, scelto alla 21a chiamata dai New Orleans Hornets, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 76, Pt. 946. http://youtu.be/S0axxBEqGDY

187^ Darren (Michael) Collison-N°2, PG, 23/08/1987 Rancho Cucamonga (California), 185 cm, 76 Kg, 2009-10, scelto alla 21a chiamata dai New Orleans Hornets, squadra successiva: Indiana Pacers, G. 76, Pt. 946.
http://youtu.be/S0axxBEqGDY

188^ Aaron (Michael) Gray-N°34, C, 07/12/1984 Tarzana (California), 213 cm, 122 kg, 2010-11, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 65, Pt. 129, Playoffs: G. 6, Pt. 21. http://www.youtube.com/watch?v=EKJCZCOf3yI

188^ Aaron (Michael) Gray-N°34, C, 07/12/1984 Tarzana (California), 213 cm, 122 kg, 2010-11, squadra precedente: Chicago Bulls, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 65, Pt. 129, Playoffs: G. 6, Pt. 21.
http://www.youtube.com/watch?v=EKJCZCOf3yI

189^ Jason (Keema) Hart-N°11, PG, 29/04/1978 Los Angeles (California), 191 cm, 84 kg, 2010, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, squadra successiva: - (ritirato), G. 4, Pt. 2. (Getty Images-Copyright 2010 NBAE, foto di Kent Smith) http://www.youtube.com/watch?v=XHUtVpFofm8

189^ Jason (Keema) Hart-N°11, PG, 29/04/1978 Los Angeles (California), 191 cm, 84 kg, 2010, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, squadra successiva: – (ritirato), G. 4, Pt. 2.
(Getty Images-Copyright 2010 NBAE, foto di Kent Smith)
http://www.youtube.com/watch?v=XHUtVpFofm8

190^ (Chuwuemeka) Emeka (Nobuisi) Okafor-N°50, C-PF, 28/09/1972 Houston (Texas), 208 cm, 2009-2012, squadra precedente: Charlotte Bobcats, squadra successiva: Washington Wizards, G. 181, Pt. 1861, Playoffs: G. 6, Pt. 44. Pagina Twitter: http://twitter.com/@BigMek50 http://www.youtube.com/watch?v=tWmIG6o5UuI

190^ (Chuwuemeka) Emeka (Nobuisi) Okafor-N°50, C-PF, 28/09/1972 Houston (Texas), 208 cm, 2009-2012, squadra precedente: Charlotte Bobcats, squadra successiva: Washington Wizards, G. 181, Pt. 1861, Playoffs: G. 6, Pt. 44.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@BigMek50
http://www.youtube.com/watch?v=tWmIG6o5UuI

191^ Darius Songaila-N°9, PF, 14/02/1978 Marijampole (Ex URSS, ora Lituania), 206 cm, 109 kg, 2009-10, squadra precedente: Minnesota Timberwolves (mai giocato una gara con i Lupi), squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 75, Pt. 543. http://www.youtube.com/watch?v=J5RtcSVvLpc&feature=youtu.be

191^ Darius Songaila-N°9, PF, 14/02/1978 Marijampole (Ex URSS, ora Lituania), 206 cm, 109 kg, 2009-10, squadra precedente: Minnesota Timberwolves (mai giocato una gara con i Lupi), squadra successiva: Philadelphia 76ers, G. 75, Pt. 543.
http://www.youtube.com/watch?v=J5RtcSVvLpc&feature=youtu.be

192^ Marcus (Terrell) Thornton-N°5, SG, 05/06/1987 Baton Rouge (Louisiana), 193 cm, 93 kg, 2009-11, squadra precedente: draftato nel 2009 con la scelta n° 43 dai Miami Heat in cambio di due scelte al secondo giro (2010 e 2012), squadra successiva: Sacramento Kings, College: LSU Tigers (2007-2009), G. 119, Pt. 1416. Pagina Twitter: http://twitter.com/@OfficialMT23 http://www.youtube.com/watch?v=6kD8aqAW0jI

192^ Marcus (Terrell) Thornton-N°5, SG, 05/06/1987 Baton Rouge (Louisiana), 193 cm, 93 kg, 2009-11, squadra precedente: draftato nel 2009 con la scelta n° 43 dai Miami Heat in cambio di due scelte al secondo giro (2010 e 2012), squadra successiva: Sacramento Kings, College: LSU Tigers (2007-2009), G. 119, Pt. 1416.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@OfficialMT23
http://www.youtube.com/watch?v=6kD8aqAW0jI

193^ David Andersen-N°11, C-PF, 23/06/1980 Carlton (Australia) con passaporto danese, 211 cm, 112 kg, 2010-11, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Mens Sana Siena, G. 29, Pt. 78.

193^ David Andersen-N°11, C-PF, 23/06/1980 Carlton (Australia) con passaporto danese, 211 cm, 112 kg, 2010-11, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Mens Sana Siena, G. 29, Pt. 78.

194^ Trevor (Anthony) Ariza "The Cobra"-"Switchblade"-N°1, SF, 30/06/1985 Miami (Florida), nazionalità: americana e dominicana, 203 cm, 95 kg, 2010-2012, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Washington Wizards, G. 116, Pt. 1270, Playoffs: G. 6, Pt. 93. Pagina Twitter: https://twitter.com/@TrevorAriza http://www.youtube.com/watch?v=q4f7OWIxINE&feature=youtu.be http://youtu.be/bYTN5aSRMrw

194^ Trevor (Anthony) Ariza “The Cobra”-“Switchblade”-N°1, SF, 30/06/1985 Miami (Florida), nazionalità: americana e dominicana, 203 cm, 95 kg, 2010-2012, squadra precedente: Houston Rockets, squadra successiva: Washington Wizards, G. 116, Pt. 1270, Playoffs: G. 6, Pt. 93.
Pagina Twitter: https://twitter.com/@TrevorAriza
http://www.youtube.com/watch?v=q4f7OWIxINE&feature=youtu.be
http://youtu.be/bYTN5aSRMrw

195^ Jerryd (Andrew) Bayless-N°32, PG-SG, 20/08/1988 Phoenix (Arizona), 191 cm, 91 kg, 2010, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 11, Pt. 50. Pagina Twitter: http://twitter.com/@jay_bay4

195^ Jerryd (Andrew) Bayless-N°32, PG-SG, 20/08/1988 Phoenix (Arizona), 191 cm, 91 kg, 2010, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Toronto Raptors, G. 11, Pt. 50.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@jay_bay4

196^ Marco (Stefano) Belinelli "Belly"-"Mister B"-N°8, SG, 25/03/1986 San Giovanni in Persiceto (Italia), 196 cm, 90 kg, 2010-2012, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra succesiva: Chicago Bulls, squadra successiva: Chicago Bulls, G. 146, Pt. 1616, Playoffs G. 6, Pt. 58, Stipendio 2011/12: 3,377,604. Pagina Twitter: http://twitter.com/@marcobelinelli http://youtu.be/1_WHCp8M19Y

196^ Marco (Stefano) Belinelli “Beli”, “Belly”, “Mister B”-N°8, SG, 25/03/1986 San Giovanni in Persiceto (Italia), 196 cm, 90 kg, 2010-2012, squadre precedentie: Toronto Raptors (2009/10) e Sacramento Kings (2014/15), squadra succesiva: Chicago Bulls (2012/13), G. 146, Pt. 1616, Playoffs G. 6, Pt. 58, Stipendio 2011/12: 3,377,604, Stipendio 2015/16: 6,333,333.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@marcobelinelli
http://youtu.be/1_WHCp8M19Y

 

197^ Patrick (Aloysius) Ewing Jr.-N°22, SF-PF, 20/05/1984 Boston (Massachussets), nazionalità: statunitense e giamaicana, 203 cm, 109 kg, 2011, squadra precedente: Sioux Falls Skyforce, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 7, Pt. 3, Playoffs: G. 2, Pt. 3. Pagina Twitter: http://twitter.com/@pewingjr6 http://www.youtube.com/watch?v=kFHweKngy2U Patrick Ewing Jr. è il primogenito di Patrick Ewing, proprio il centrone che militò qualche anno prima nei New York Knicks e poi vestì anche le casacche di SuperSonics e Magic. Il 26 marzo 2011 i New Orleans Hornets gli offrono un contratto di 10 giorni. Dopo l'infortunio dell'ala grande titolare David West e lo spostamento in quintetto di Carl Landry, gli Hornets hanno bisogno di un'ala di riserva. Ewing riesce così ad esordire nella NBA, a tre anni dalla scelta nel draft (fatta dai Kings come 43° scelta al Draft 2008). Il 5 aprile 2011 il contratto viene prolungato fino al termine della stagione.

197^ Patrick (Aloysius) Ewing Jr.-N°22, SF-PF, 20/05/1984 Boston (Massachussets), nazionalità: statunitense e giamaicana, 203 cm, 109 kg, 2011, squadra precedente: Sioux Falls Skyforce, squadra successiva: Sioux Falls Skyforce, G. 7, Pt. 3, Playoffs: G. 2, Pt. 3.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@pewingjr6
http://www.youtube.com/watch?v=kFHweKngy2U
Patrick Ewing Jr. è il primogenito di Patrick Ewing, proprio il centrone che militò qualche anno prima nei New York Knicks e poi vestì anche le casacche di SuperSonics e Magic.
Il 26 marzo 2011 i New Orleans Hornets gli offrono un contratto di 10 giorni.
Dopo l’infortunio dell’ala grande titolare David West e lo spostamento in quintetto di Carl Landry, gli Hornets hanno bisogno di un’ala di riserva. Ewing riesce così ad esordire nella NBA, a tre anni dalla scelta nel draft (fatta dai Kings come 43° scelta al Draft 2008).
Il 5 aprile 2011 il contratto viene prolungato fino al termine della stagione.

198^ Willie (J.) Green-N°33, SG, 28-08-1981 Detroit (Michigan), 193 cm, 91 kg, 2010-11, squadra precedente: Philadelphia 76, squadra successiva: Atlanta Hawks, College: Detroit Titans, G. 77, Pt. 672. http://youtu.be/HkMAWiHhQq4

198^ Willie (J.) Green-N°33, SG, 28-08-1981 Detroit (Michigan), 193 cm, 91 kg, 2010-11, squadra precedente: Philadelphia 76, squadra successiva: Atlanta Hawks, College: Detroit Titans, G. 77, Pt. 672.
http://youtu.be/HkMAWiHhQq4

199^ Willie (J.) Green-N°33, SG, 28-08-1981 Detroit (Michigan), 193 cm, 91 kg, 2010-11, squadra precedente: Philadelphia 76, squadra successiva: Atlanta Hawks, College: Detroit Titans, G. 77, Pt. 672. http://youtu.be/HkMAWiHhQq4

199^ Willie (J.) Green-N°33, SG, 28-08-1981 Detroit (Michigan), 193 cm, 91 kg, 2010-11, squadra precedente: Philadelphia 76, squadra successiva: Atlanta Hawks, College: Detroit Titans, G. 77, Pt. 672.
http://youtu.be/HkMAWiHhQq4

200^ Carl (Christopher) Landry-N°24, PF/SF, 19/09/1983 Milwaukee (Wisconsin), 206 cm, 112 kg, 2011-2012, squadra precedente: Sacramento Kings, squadra successiva: Golden State Warriors, College: Purdue Boilermakers, G. 64, Pt. 783, Playoffs: G. 6, Pt. 95. Pagina Twitter: http://twitter.com/CarlLandry http://www.youtube.com/watch?v=t8qnjoCQmUA&feature=youtu.be

200^ Carl (Christopher) Landry-N°24, PF/SF, 19/09/1983 Milwaukee (Wisconsin), 206 cm, 112 kg, 2011-2012, squadra precedente: Sacramento Kings, squadra successiva: Golden State Warriors, College: Purdue Boilermakers, G. 64, Pt. 783, Playoffs: G. 6, Pt. 95.
Pagina Twitter: http://twitter.com/CarlLandry
http://www.youtube.com/watch?v=t8qnjoCQmUA&feature=youtu.be

201^ (Didier Ilunga) D.J. Mbenga-N°28, C, 30/12/1980 Kinshasa (Zaire, ora Repubblica Democratica del Congo) nazionalità: congolese e belga, 213 cm, 121 kg, 2010-11, squadra precedente: Los Angeles Lakers, squadra successiva: Qingdao Double Star, G. 41, Pt. 59, Playoffs: G. 5, Pt. 5. http://www.youtube.com/watch?v=lPNKpTfkw7c&feature=youtu.be Figlio di una famiglia vicina al governo, DJ Mbenga vive in Congo per 17 anni, fino a quando avviene un cambiamento di regime politico. Durante l’incursione dei ribelli ruandesi a Kinshasa all’inizio della Seconda guerra del Congo, DJ viene identificato (erroneamente) come un tutsi. Egli è imprigionato, ma riusce con l’aiuto della sua famiglia a raggiungere il Belgio, paese dove cerca asilo politico. Ancora oggi, D.J. non parla volentieri di qui sanguinosi eventi che fu costretto a vedere in quei giorni. Viene quindi notato da Willy Steveniers, ex gloria del basket belga (1960-1970). Impressionato dal suo fisico, si propone di farlo diventare un giocatore di basket. Mbenga è un po’ allibito e pensa che sia pazzo il belga quando gli prospetta addirittura una carriera NBA. Il suo sogno (DJ che gioca nella NBA) è diventato realtà nel 2004, quando entra a far parte Mavericks dopo aver trascorso alcuni anni in diversi club belga. Ha giocato nello Charleroi, con il quale è diventato campione belga e nella NBA con i Lakers, con i quali ottiene l’anello due volte nel 2009 e nel 2010, prima di passare agli Hornets per la stagione 2010/11. (Getty Images, Photo by Ronald Martinez)

 

(Nana Papa Yaw) Pops Mensah-Bonsu-N°44, PF, 07/09/1983 Londra (Gran Bretagna), 206 cm, 108 kg, 2010-11, squadra precedente: Saski Baskonia, squadra successiva: ASVEL Lyon-Villeurbanne, College: George Washington University, Stipendio 2010/11: $364,461, G. 7, Pt. 2.

(Nana Papa Yaw) Pops Mensah-Bonsu-N°44, PF, 07/09/1983 Londra (Gran Bretagna), 206 cm, 108 kg, 2010-11, squadra precedente: Saski Baskonia, squadra successiva: ASVEL Lyon-Villeurbanne, College: George Washington University, Stipendio 2010/11: $364,461, G. 7, Pt. 2.

203^ Aleksandar Pavlović "Sasha"-N°6, SF, 15/11/1983 Antivari (Jugoslavija, ora Serbia), 201 cm, 108 kg, 2011, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: Boston Celtics, G. 4, Pt. 4. http://www.youtube.com/watch?v=Rnycw8-6OAc

203^ Aleksandar Pavlović “Sasha”-N°6, SF, 15/11/1983 Antivari (Jugoslavija, ora Serbia), 201 cm, 108 kg, 2011, squadra precedente: Dallas Mavericks, squadra successiva: Boston Celtics, G. 4, Pt. 4.
http://www.youtube.com/watch?v=Rnycw8-6OAc

204^ Quincy (Coe) Pondexter-N°20, SF, 10/03/1988 Fresno (California), 198 cm, 98 kg, 2010-11, squadra precedente: -, arrivato con uno scambio con i Thunder che non lo utilizzarono mai, squadra successiva: Memphis Grizzlies, College: University of Washington, G. 66, Pt. 340, Playoffs: G. 3, Pt. 2. Pagina Twitter: http://twitter.com/@QuincyPondexter http://www.youtube.com/watch?v=gg5AZgpGgXU&feature=youtu.be

204^ Quincy (Coe) Pondexter-N°20, SF, 10/03/1988 Fresno (California), 198 cm, 98 kg, 2010-11, squadra precedente: -, arrivato con uno scambio con i Thunder che non lo utilizzarono mai, squadra successiva: Memphis Grizzlies, College: University of Washington, G. 66, Pt. 340, Playoffs: G. 3, Pt. 2.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@QuincyPondexter
http://www.youtube.com/watch?v=gg5AZgpGgXU&feature=youtu.be

 311^ Jason (Victor) Smith-N°14, PF-C, 02/03/1986 Greeley (Colorado), 213 cm, peso 109 kg, 2010-2013 (prosegue continuando a giocare per la franchigia in divisa Pelicans), squadra precedente: Philadelphia 76ers, College: Colorado State University, G. 168, Pt. 1147 (solo in maglia Hornets, escludendo i Pelicans), Playoffs: G. 6, Pt. 14, Stipendio 2012/13: $2,500,000. Pagina Twitter: http://twitter.com/@JasonSmith014 http://www.youtube.com/watch?v=NPBLbM9MZW4&feature=youtu.be


205^ Jason (Victor) Smith-N°14, PF-C, 02/03/1986 Greeley (Colorado), 213 cm, peso 109 kg, 2010-2013 (prosegue continuando a giocare per la franchigia in divisa Pelicans), squadra precedente: Philadelphia 76ers, College: Colorado State University, G. 168, Pt. 1147 (solo in maglia Hornets, escludendo i Pelicans), Playoffs: G. 6, Pt. 14, Stipendio 2012/13: $2,500,000.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@JasonSmith014
http://www.youtube.com/watch?v=NPBLbM9MZW4&feature=youtu.be

206^ Monty (Tavares Montgomery) Williams-Coach, 08/10/1971 Fredericksburg (Virginia), 203 cm, 2010-ad oggi, Regular Season, G. 230, V. 94, P. 136, Playoffs, G. 6, V. 2, P. 4. (all'01/08/2013)

206^ Monty (Tavares Montgomery) Williams-Coach, 08/10/1971 Fredericksburg (Virginia), 203 cm, 2010-ad oggi, Regular Season, G. 230, V. 94, P. 136, Playoffs, G. 6, V. 2, P. 4. (all’01/08/2013)

 313^ Al-Farouq Aminu-N°0, DF, 21/09/1990 Atlanta (Georgia), 206 cm, peso 98 kg, 2011-2013, squadra precedente: Los Angeles Clippers, College: Wake Forest University, Stipendio 2012/13: $2,947,800, G. 142, Pt. 954. Pagina Twitter: http://twitter.com/@farouq1 http://www.youtube.com/watch?v=5iWm-3ZaMU8&feature=youtu.be Photo by Chris Graythen/Getty Images

207^ Al-Farouq Aminu-N°0, DF, 21/09/1990 Atlanta (Georgia), 206 cm, peso 98 kg, 2011-2013, squadra precedente: Los Angeles Clippers, College: Wake Forest University, Stipendio 2012/13: $2,947,800, G. 142, Pt. 954.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@farouq1
http://www.youtube.com/watch?v=5iWm-3ZaMU8&feature=youtu.be
Photo by Chris Graythen/Getty Images

208^ Gustavo (Alfonso) Ayón (Aguirre) "El Titan"-"Goose"-N°15, C-PF, 01/04/1985 Tepic (Messico), 208 cm, 113 kg, 2011-2012, Selezionato in NBA dagli Hornets, squadra successiva: Orlando Magic, G. 54, Pt. 319. Pagina Twitter: http://twitter.com/@Gustavo_Ayon15 http://www.youtube.com/watch?v=JB1-_S_CXBg

208^ Gustavo (Alfonso) Ayón (Aguirre) “El Titan”-“Goose”-N°15, C-PF, 01/04/1985 Tepic (Messico), 208 cm, 113 kg, 2011-2012, Selezionato in NBA dagli Hornets, squadra successiva: Orlando Magic, G. 54, Pt. 319.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@Gustavo_Ayon15
http://www.youtube.com/watch?v=JB1-_S_CXBg

209^ Jeff ('rey Bernard) Foote-N°54, C, 14/07/1987 Lockwood (New York), 214 cm, 120 kg, 2012, Selezionato il 9 marzo 2012 con un contratto di 10 giorni. G. 4, Pt. 4. http://www.youtube.com/watch?v=Ef9RSTo7rLk&feature=youtu.be

209^ Jeff (‘rey Bernard) Foote-N°54, C, 14/07/1987 Lockwood (New York), 214 cm, 120 kg, 2012, Selezionato il 9 marzo 2012 con un contratto di 10 giorni. G. 4, Pt. 4.
http://www.youtube.com/watch?v=Ef9RSTo7rLk&feature=youtu.be

210^ Eric Gordon-N°10, SG, 25/12/1988 Indianapolis (Indiana), 191 cm, 98 Kg, 2011-2013, squadra precedente: Los Angeles Clippers, Stipendio 2012/13: $13,668,750, G. 51, Pt. 898. Pagina Twitter: http://twitter.com/@TheofficialEG10 http://youtu.be/hEYSJKqjO1E

210^ Eric Gordon-N°10, SG, 25/12/1988 Indianapolis (Indiana), 191 cm, 98 Kg, 2011-2013, squadra precedente: Los Angeles Clippers, Stipendio 2012/13: $13,668,750, G. 51, Pt. 898.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@TheofficialEG10
http://youtu.be/hEYSJKqjO1E

211^ Xavier Henry-N°4, SG, 15/03/1991 Gent (Belgio), nazionalità americana, 198 cm, peso 100 kg, 2012-2013, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Los Angeles Lakers, College: University of Kansas, Stipendio 2012/13: $2,323,200, G. 95, Pt. 433. http://youtu.be/vptb9fI9Gl4

211^ Xavier Henry-N°4, SG, 15/03/1991 Gent (Belgio), nazionalità americana, 198 cm, peso 100 kg, 2012-2013, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Los Angeles Lakers, College: University of Kansas, Stipendio 2012/13: $2,323,200, G. 95, Pt. 433.
http://youtu.be/vptb9fI9Gl4

212^ Carldell Johnson "Squeaky"-N°5, PG, 28/01/1983 New Orleans (Louisiana), 178 cm, 2011-12, G. 15, Pt. 27, College: University of Alabama at Birmingham, Stipendio 2011/12 $168,035. http://www.youtube.com/watch?v=GV574F4ZqQ8&feature=youtu.be Carldell Johnson è nato il 28 gennaio 1983 a New Orleans, in Louisiana, da Lonnie Johnson ed Elise Ramsey. Quando aveva 17 anni, suo padre morì di cancro. Nel dicembre 2011, Carldell ha detto: "In tutta la mia vita, ho cercato di tirarmi fuori e lavorare duramente per arrivare dove ho bisogno di essere. Mio padre è morto di cancro e sono cresciuto in un quartiere difficile nella eastern New Orleans, dove i ragazzi che si annoiano trovano il tempo per altre cose, come rubare macchine e attaccar brighe, ma Coach Tillman sarebbe sempre venuto a prendermi".

212^ Carldell Johnson “Squeaky”-N°5, PG, 28/01/1983 New Orleans (Louisiana), 178 cm, 2011-12, G. 15, Pt. 27, College: University of Alabama at Birmingham, Stipendio 2011/12 $168,035.
http://www.youtube.com/watch?v=GV574F4ZqQ8&feature=youtu.be
Carldell Johnson è nato il 28 gennaio 1983 a New Orleans, in Louisiana, da Lonnie Johnson ed Elise Ramsey. Quando aveva 17 anni, suo padre morì di cancro. Nel dicembre 2011, Carldell ha detto:
“In tutta la mia vita, ho cercato di tirarmi fuori e lavorare duramente per arrivare dove ho bisogno di essere. Mio padre è morto di cancro e sono cresciuto in un quartiere difficile nella eastern New Orleans, dove i ragazzi che si annoiano trovano il tempo per altre cose, come rubare macchine e attaccar brighe, ma Coach Tillman sarebbe sempre venuto a prendermi”.

213^ (Clinton Fihnoir) Trey Johnson (III)-N°12, SG-SF, 30/08/1984 Jackson (Missisipi), nazionalità: statunitense e qatariana, 196 cm, 99 kg, 2011-12, squadra precedente: Teramo, squadra successiva: Bakersfield Jam, College: Jackson State University, G. 11, Pt. 21. http://www.youtube.com/watch?v=mHgVKIis6js&feature=youtu.be

213^ (Clinton Fihnoir) Trey Johnson (III)-N°12, SG-SF, 30/08/1984 Jackson (Missisipi), nazionalità: statunitense e qatariana, 196 cm, 99 kg, 2011-12, squadra precedente: Teramo, squadra successiva: Bakersfield Jam, College: Jackson State University, G. 11, Pt. 21.
http://www.youtube.com/watch?v=mHgVKIis6js&feature=youtu.be

214^ Solomon Jones (III)-N°18, PF-C, 16/07/1984 Eustis (Florida), 208 cm, 104 kg, 2012, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Liaoning Dinosaurs (Cina), College: University of South Florida, Stipendio 2011/12: $160,119, G. 11, Pt. 61. http://www.youtube.com/watch?v=5O7SgRLGsn4

214^ Solomon Jones (III)-N°18, PF-C, 16/07/1984 Eustis (Florida), 208 cm, 104 kg, 2012, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Liaoning Dinosaurs (Cina), College: University of South Florida, Stipendio 2011/12: $160,119, G. 11, Pt. 61.
http://www.youtube.com/watch?v=5O7SgRLGsn4

215^ Chris ('topher Zane) Kaman-N°35, C, 28/04/1982 Wyoming (Michigan), nazionalità: statunitense e tedesca, 213 cm, 120 kg, G. 47, Pt. 616, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Dallas Mavericks, College: Central Michigan University, Stipendio 2011/12: $14,030,000, G. 47, Pt. 616. Pagina Twitter: http://twitter.com/@ChrisKaman http://youtu.be/fuLFwSW76Zk

215^ Chris (‘topher Zane) Kaman-N°35, C, 28/04/1982 Wyoming (Michigan), nazionalità: statunitense e tedesca, 213 cm, 120 kg, G. 47, Pt. 616, squadra precedente: Los Angeles Clippers, squadra successiva: Dallas Mavericks, College: Central Michigan University, Stipendio 2011/12: $14,030,000, G. 47, Pt. 616.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@ChrisKaman
https://www.youtube.com/watch?v=_LAKK4yLmH4

216^ Donald (Wayne) Sloan-N°12, PG-SG, 15/01/1988 Shreveport (Louisiana), 191 cm, 93 kg, 2012, firmato dagli Hornets l' 8 febbraio 2012 con un contratto della durata di 10 giorni e rifirmato nel 2013, squadre precedenti: Atlanta Hawks e Sioux Falls Skyforce, squadre successive: Erie BayHawks e Sioux Falls Skyforce, College: Texas A&M University, Stipendio Hornets: $76,392, G. 6, Pt. 12. http://www.youtube.com/watch?v=p_Van4xbwrE&feature=youtu.be

216^ Donald (Wayne) Sloan-N°12, PG-SG, 15/01/1988 Shreveport (Louisiana), 191 cm, 93 kg, 2012, firmato dagli Hornets l’ 8 febbraio 2012 con un contratto della durata di 10 giorni e rifirmato nel 2013, squadre precedenti: Atlanta Hawks e Sioux Falls Skyforce, squadre successive: Erie BayHawks e Sioux Falls Skyforce, College: Texas A&M University, Stipendio Hornets: $76,392, G. 6, Pt. 12.
http://www.youtube.com/watch?v=p_Van4xbwrE&feature=youtu.be

217^ DaJuan (Michael) Summers-N°22, SF, 24/01/1988 Baltimora (Maryland), 203 cm, 109 kg, 2011-12, squadra precedente: Mens Sana Siena, squadra successiva: Maine Red Claws, College: Georgetown University, Stipendio 2011/12: $303,137, G. 15, Pt. 68. http://www.youtube.com/watch?v=b27v6RZsvdw&feature=youtu.be

217^ DaJuan (Michael) Summers-N°22, SF, 24/01/1988 Baltimora (Maryland), 203 cm, 109 kg, 2011-12, squadra precedente: Mens Sana Siena, squadra successiva: Maine Red Claws, College: Georgetown University, Stipendio 2011/12: $303,137, G. 15, Pt. 68.
http://www.youtube.com/watch?v=b27v6RZsvdw&feature=youtu.be

218^ Lance Thomas-N°42, PF-SF, 24/04/1988, Brooklyn (New York), 203 cm, 102 kg, squadra precedente: Austin Toros, squadra successiva: Austin Toros, College: Duke Blue Devils, 2012-2013, G. 101, Pt. 315, http://www.youtube.com/watch?v=AXkiS44-NxA&feature=youtu.be

218^ Lance Thomas-N°42, PF-SF, 24/04/1988, Brooklyn (New York), 203 cm, 102 kg, squadra precedente: Austin Toros, squadra successiva: Austin Toros, College: Duke Blue Devils, 2012-2013, G. 101, Pt. 315,
http://www.youtube.com/watch?v=AXkiS44-NxA&feature=youtu.be

219^ Greivis (Josué) Vásquez (Rodríguez)-N°21, PG/SG, 16/01/1987 Caracas (Venezuela), 198 cm, 96 kg, 2011-2013, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Sacramento Kings, College: University of Maryland, Stipendio 2012/13: $1,191,240, G. 144, Pt. 1672. Pagina Twitter: http://twitter.com/@greivisvasquez http://youtu.be/ST1A2Dtw9sY

219^ Greivis (Josué) Vásquez (Rodríguez)-N°21, PG/SG, 16/01/1987 Caracas (Venezuela), 198 cm, 96 kg, 2011-2013, squadra precedente: Memphis Grizzlies, squadra successiva: Sacramento Kings, College: University of Maryland, Stipendio 2012/13: $1,191,240, G. 144, Pt. 1672.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@greivisvasquez
http://youtu.be/ST1A2Dtw9sY

220^ Chris Johnson-N°20, C, Washington 17/07/1985, 211 cm, 95 kg, 2012, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Santa Cruz Warriors, College: Louisiana State University, G. 7, Pt. 23. http://www.youtube.com/watch?v=Pw5tCwtVySQ&feature=youtu.be

220^ Chris Johnson-N°20, C, Washington 17/07/1985, 211 cm, 95 kg, 2012, squadra precedente: Portland Trail Blazers, squadra successiva: Santa Cruz Warriors, College: Louisiana State University, G. 7, Pt. 23.
http://www.youtube.com/watch?v=Pw5tCwtVySQ&feature=youtu.be

221^ Darryl (Finesse) Watkins-N°31, C, Paterson (New Jersey) 08/11/1984, 211 cm, 117 kg, 2012, squadra precedente: ETHA Engomis (Cipro), squadra successiva: Academic Sofia (Bulgaria), College: Syracuse Orange, G. 5, Pt. 23. http://www.youtube.com/watch?v=59DPROmenFo&feature=youtu.be

221^ Darryl (Finesse) Watkins-N°31, C, Paterson (New Jersey) 08/11/1984, 211 cm, 117 kg, 2012, squadra precedente: ETHA Engomis (Cipro), squadra successiva: Academic Sofia (Bulgaria), College: Syracuse Orange, G. 5, Pt. 23.
http://www.youtube.com/watch?v=59DPROmenFo&feature=youtu.be

222^ Jerome (Clifton) Dyson-N°11, PG/SG, 01/05/1987 Rockville (Maryland), 191 cm, 82 kg, 2012, squadra precedente: Tulsa 66ers, squadra successiva: Hapoel Holon (Israele), College: Connecticut Huskies, G. 9, Pt. 67. http://www.youtube.com/watch?v=IW-42p0LSvU&feature=youtu.be

222^ Jerome (Clifton) Dyson-N°11, PG/SG, 01/05/1987 Rockville (Maryland), 191 cm, 82 kg, 2012, squadra precedente: Tulsa 66ers, squadra successiva: Hapoel Holon (Israele), College: Connecticut Huskies, G. 9, Pt. 67.
http://www.youtube.com/watch?v=IW-42p0LSvU&feature=youtu.be

223^ Hakim (Hanif) Warrick-N°1, PF, 08/07/1982 Philadelphia (Pennsylvania), 206 cm, 99 kg, 2012, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Charlotte Bobcats, College: Syracuse Orange, G. 1, Pt. 4. Pagina Twitter: http://twitter.com/@hdubb21 http://www.youtube.com/watch?v=MvV5OK_XVWY&feature=em-upload_owner Acquistato dai Phoenix Suns nell'estate del 2012 e scambiato dopo una sola partita giocata con gli Hornets per Matt Carroll, quasi subito tagliato da New Orleans.

223^ Hakim (Hanif) Warrick-N°1, PF, 08/07/1982 Philadelphia (Pennsylvania), 206 cm, 99 kg, 2012, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Charlotte Bobcats, College: Syracuse Orange, G. 1, Pt. 4.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@hdubb21
http://www.youtube.com/watch?v=MvV5OK_XVWY&feature=em-upload_owner
Acquistato dai Phoenix Suns nell’estate del 2012 e scambiato dopo una sola partita giocata con gli Hornets per Matt Carroll, quasi subito tagliato da New Orleans.

224^ Austin (James) Rivers-N°25, SG/PG, 01/08/1992 Santa Monica (California), 192 cm, 91 kg, 2012-2013, scelto dagli Hornets nel Draft 2012 alla posizione numero 10, College: Duke Blue Devils, Stipendio 2012/13: $2,238,360, G. 61, Pt. 377. Pagina Twitter: http://twitter.com/@AustinRivers25 http://youtu.be/b8eWGZuN5CQ

224^ Austin (James) Rivers-N°25, SG/PG, 01/08/1992 Santa Monica (California), 192 cm, 91 kg, 2012-2013, scelto dagli Hornets nel Draft 2012 alla posizione numero 10, College: Duke Blue Devils, Stipendio 2012/13: $2,238,360, G. 61, Pt. 377.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@AustinRivers25
http://youtu.be/b8eWGZuN5CQ

225^ Brian (Lloyd) Roberts-N°22, PG, 03/12/1985 Toledo (Ohio), 188 cm, 80 kg, 2012-2013, firmato come free agent il 16/08/2012, squadra precedente: Brose Bamberg (Germania) successivamente New Orleans Pelicans (prima degli Charlotte Hornets nella stagione 2014/15), College: University of Dayton, Stipendio 2012/13: $473,604, G. 150, Pt. 1035 (tra New Orleans Hornets e Charlotte Hornets). http://www.youtube.com/watch?v=lspbN7JxDjk&feature=youtu.be

225^ Brian (Lloyd) Roberts-N°22, PG, 03/12/1985 Toledo (Ohio), 188 cm, 80 kg, 2012-2013, firmato come free agent il 16/08/2012, squadra precedente: Brose Bamberg (Germania) successivamente New Orleans Pelicans (prima degli Charlotte Hornets nella stagione 2014/15) e Portland Trail Blazers (ceduto nel febbraio 2016), College: University of Dayton, Stipendio 2012/13: $473,604, G. 180, Pt. 1180 (tra New Orleans Hornets e Charlotte Hornets).
http://www.youtube.com/watch?v=lspbN7JxDjk&feature=youtu.be

Ryan (James) Anderson-N°33, SF/PF, 06/05/1988 Sacramento (California), 208 cm, 107 kg, 2012-2013, squadra precedente: Orlando Magic, College: University of California, Stipendio 2012/13: $8,700,000, G. 81, Pt. 1309. Pagina Twitter: http://twitter.com/@ryananderson33 http://www.youtube.com/watch?v=BalBI99YrlU

226^ Ryan (James) Anderson-N°33, SF/PF, 06/05/1988 Sacramento (California), 208 cm, 107 kg, 2012-2013, squadra precedente: Orlando Magic, College: University of California, Stipendio 2012/13: $8,700,000, G. 81, Pt. 1309.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@ryananderson33
http://www.youtube.com/watch?v=BalBI99YrlU

227^ Anthony (Marshon) Davis-N° 23, PF/C, 11/03/1993 Chicago (Illinois), 208 cm, 100 kg, 2012-2013, scelto alla posizione numero 1 del draft 2012, College: University of Kentucky, Stipendio 2012/13: $5,144,280, G. 64, Pt. 867. Pagina Twitter: http://twitter.com/@AntDavis23 http://youtu.be/bRhWi-7XYRk

227^ Anthony (Marshon) Davis-N° 23, PF/C, 11/03/1993 Chicago (Illinois), 208 cm, 100 kg, 2012-2013, scelto alla posizione numero 1 del draft 2012, College: University of Kentucky, Stipendio 2012/13: $5,144,280, G. 64, Pt. 867.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@AntDavis23
http://youtu.be/bRhWi-7XYRk

228^ Robin (Byron) Lopez-N° 15, C, 01/04/1988 North Hollywood (California), 213 cm, peso 116 kg, 2012-2013, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Portland Trail Blazers, College: Stanford University, Stipendio 2012/13: $4,899,293, G. 82, Pt. 929. Pagina Twitter: http://twitter.com/eegabeeva88 http://www.youtube.com/watch?v=cYEGXu7wC3M&feature=youtu.be.

228^ Robin (Byron) Lopez-N° 15, C, 01/04/1988 North Hollywood (California), 213 cm, peso 116 kg, 2012-2013, squadra precedente: Phoenix Suns, squadra successiva: Portland Trail Blazers, College: Stanford University, Stipendio 2012/13: $4,899,293, G. 82, Pt. 929.
Pagina Twitter: http://twitter.com/eegabeeva88
http://www.youtube.com/watch?v=cYEGXu7wC3M&feature=youtu.be.

229^ Roger (Phillip) Mason jr.-N°8, SG, 10/09/1980 Washington, 196 cm, 93 kg, 2012-2013, firmato come free agenti il 04/08/2012, squadra precedente: Washington Wizards, squadra successiva: Miami Heat, College: University of Virginia, Stipendio 2012/13: $854,389, G. 69, Pt. 369. Pagina Twitter: http://twitter.com/MoneyMase http://youtu.be/l5c66MQX5LE

229^ Roger (Phillip) Mason jr.-N°8, SG, 10/09/1980 Washington, 196 cm, 93 kg, 2012-2013, firmato come free agenti il 04/08/2012, squadra precedente: Washington Wizards, squadra successiva: Miami Heat, College: University of Virginia, Stipendio 2012/13: $854,389, G. 69, Pt. 369.
Pagina Twitter: http://twitter.com/MoneyMase
http://youtu.be/l5c66MQX5LE

230^ Darius (Tiyon) Miller-N°2, SF/PF, 21/03/1990 Maysville (Kentucky), 203 cm, 107 kg, 2012-2013, selezionato dai New Orleans Hornets al Draft 2012 come 46ª scelta assoluta, College: University of Kentucky, Stipendio 2012/13 $473,604, G. 52, Pt. 118. Pagina Twitter: http://twitter.com/uknum1 http://www.youtube.com/watch?v=kYpKm5hVY5I

230^ Darius (Tiyon) Miller-N°2, SF/PF, 21/03/1990 Maysville (Kentucky), 203 cm, 107 kg, 2012-2013, selezionato dai New Orleans Hornets al Draft 2012 come 46ª scelta assoluta, College: University of Kentucky, Stipendio 2012/13 $473,604, G. 52, Pt. 118.
Pagina Twitter: http://twitter.com/uknum1
http://www.youtube.com/watch?v=kYpKm5hVY5I

231^ Dominic (Rashad) McGuire-N°5, SF/PF, 20/10/1985, San Diego (California), 206 cm, 100 kg, 2012-13, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Indiana Pacers, College: California State University, Fresno, Stipendio 2012: $718,233, G. 9, Pt. 19. http://www.youtube.com/watch?v=PWT48Jnw4TM&feature=youtu.be

231^ Dominic (Rashad) McGuire-N°5, SF/PF, 20/10/1985, San Diego (California), 206 cm, 100 kg, 2012-13, squadra precedente: Toronto Raptors, squadra successiva: Indiana Pacers, College: California State University, Fresno, Stipendio 2012: $718,233, G. 9, Pt. 19.
http://www.youtube.com/watch?v=PWT48Jnw4TM&feature=youtu.be

232^ Henry Sims-N°20, C, 27/03/1990 Baltimore (Maryland), 208 cm, 111 Kg, 2013 (dal 3 al 12 marzo firma un contratto della validità di dieci giorni), College: Georgetown University, Squadre precedenti: Erie BayHawks (sono una squadra di pallacanestro di Erie, nello stato della Pennsylvania, che milita nella NBA Development League, il campionato professionistico di sviluppo della NBA). Stipendio 2012/13: $27,859, G. 2, Pt. 4. http://www.youtube.com/watch?v=Anzv8u7MZag&feature=youtu.be

232^ Henry Sims-N°20, C, 27/03/1990 Baltimore (Maryland), 208 cm, 111 Kg, 2013 (dal 3 al 12 marzo firma un contratto della validità di dieci giorni), College: Georgetown University, Squadre precedenti: Erie BayHawks (sono una squadra di pallacanestro di Erie, nello stato della Pennsylvania, che milita nella NBA Development League, il campionato professionistico di sviluppo della NBA). Stipendio 2012/13: $27,859, G. 2, Pt. 4.
http://www.youtube.com/watch?v=Anzv8u7MZag&feature=youtu.be

233^ Terrel Harris-N°12, SG, 10/08/1987 Dallas (Texas), 196 cm, 86 kg, 2013 (l'otto marzo firma un contratto di 10 giorni), squadra precedente: Rio Grande Valley Vipers (squadra della NBA Development League), squadra successiva: Texas Legends, stipendio 2012/13: $44,835, G. 13, Pt. 5. http://www.youtube.com/watch?v=ssm4X2e1Sf8&feature=youtu.be

233^ Terrel Harris-N°12, SG, 10/08/1987 Dallas (Texas), 196 cm, 86 kg, 2013 (l’otto marzo firma un contratto di 10 giorni), squadra precedente: Rio Grande Valley Vipers (squadra della NBA Development League), squadra successiva: Texas Legends, stipendio 2012/13: $44,835, G. 13, Pt. 5.
http://www.youtube.com/watch?v=ssm4X2e1Sf8&feature=youtu.be

234^ Lou ('is Gabriel) Amundson-N°17, PF/C, 07/12/1982 Ventura (California), 206 cm, 102 kg, 2013 (il 12 marzo firma un contratto fino alla fine della stagione), squadra precedente: Chicago Bulls, College: University of Nevada, Las Vegas, stipendio 2012/13: $232,775, G. 18, Pt. 44. Pagina Twitter: http://twitter.com/@LouAmundson17 http://www.youtube.com/watch?v=owvl0AEmz5s&feature=youtu.be

234^ Lou (‘is Gabriel) Amundson-N°17, PF/C, 07/12/1982 Ventura (California), 206 cm, 102 kg, 2013 (il 12 marzo firma un contratto fino alla fine della stagione), squadra precedente: Chicago Bulls, College: University of Nevada, Las Vegas, stipendio 2012/13: $232,775, G. 18, Pt. 44.
Pagina Twitter: http://twitter.com/@LouAmundson17
http://www.youtube.com/watch?v=owvl0AEmz5s&feature=youtu.be

235^ Gerald (Jerome McKinley) Henderson (jr.)-N°9, SG, 09/12/1987 Caldwell (New Jersey), 196 cm, 98 kg, a Charlotte dal: 2009, scelto al primo giro del Draft 2009 dagli Charlotte Bobcats come 12^ scelta assoluta, College: Duke Blue Devils, G. 80, Pt. 969 (a fine stagione 2014/15). Pagina Twitter: http://twitter.com/@GhJr09

235^ Gerald (Jerome McKinley) Henderson (jr.)-N°9, SG, 09/12/1987 Caldwell (New Jersey), 196 cm, 98 kg, a Charlotte dal: 2009, scelto al primo giro del Draft 2009 dagli Charlotte Bobcats come 12^ scelta assoluta, College: Duke Blue Devils, G. 80, Pt. 969 (a fine stagione 2014/15).
Pagina Twitter: http://twitter.com/@GhJr09 Video:

 

Sep 29, 2014; Charlotte, NC, USA; Charlotte Hornets forward Michael Kidd-Gilchrist (14) during Media Day at Time Warner Cable Arena. Mandatory Credit: Sam Sharpe-USA TODAY Sports

236^ Michael (Anthony Edward) Kidd-Gilchrist “MKG”-N°14, SF, 26/09/1993 Philadelphia (Pennsylvania), 201 cm, 103 kg, scelto al Draft 2012 al secondo primo giro dagli Charlotte Bobcats come seconda scelta assoluta, squadra precedente “Charlotte Bobcats”, College: Kentucky Wildcats, G. 62, Pt. 687 (a fine stagione 2015/16). Video:

237^ Al (Ricardo) Jefferson-N°25, C/PF, 04/01/1985 Monticello (Mississipi), 208 cm, 116 kg, a Charlotte dal: 2013, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, ancora prima: Utah Jazz, High School: Prentiss, G. 65, Pt. 1082 (a fine stagione 2014/15).

237^ Al (Ricardo) Jefferson-N°25, C/PF, 04/01/1985 Monticello (Mississipi), 208 cm, 116 kg, a Charlotte dal: 2013, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, ancora prima: Utah Jazz, High School: Prentiss, G. 112, Pt. 1644 (a fine stagione 2015/16). Video:

Bismack (Sumba) Biyombo-N°8, C, 28/08/1992 Lubumbashi (Repubblica Democratica Del Congo), 206 cm, 110 kg, a Charlotte dal: 2011 (come Bobcats), scelto al primo giro come 7^ scelta assoluta dai Sacramento Kings al Draft NBA 2011 e girato in una trade agli Charlotte Hornets, G. 64, Pt. 304 (a fine stagione 2014/15)

238^ Bismack (Sumba) Biyombo-N°8, C, 28/08/1992 Lubumbashi (Repubblica Democratica Del Congo), 206 cm, 110 kg, a Charlotte dal: 2011 (come Bobcats), scelto al primo giro come 7^ scelta assoluta dai Sacramento Kings al Draft NBA 2011 e girato in una trade agli Charlotte Hornets, G. 64, Pt. 304 (a fine stagione 2014/15). Video:

239^ Troy Daniels-N°30, SG, 15/07/1991 Roanoke (Virginia), 193 cm, 91 kg, a Charlotte dal: 2015, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, College: Virginia Commonwealth University Rams, G. 11, Pt. 77 (a fine stagione 2014/15), Pagina Twitter: https://twitter.com/troydaniels

239^ Troy Daniels-N°30, SG, 15/07/1991 Roanoke (Virginia), 193 cm, 91 kg, a Charlotte dal: 2015, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, College: Virginia Commonwealth University Rams, G. 54, Pt. 319 (a fine stagione 2015/16), Pagina Twitter: https://twitter.com/troydaniels Video:

240^ P.J. (Samuel Peterson) Hairston (jr.)-N°19, SG, 24/12/1992 Greensboro (North Carolina), 198 cm, 104 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al primo giro come 26^ scelta assoluta dai Miami Heat e trasferito agli Charlotte Hornets, College: North Carolina Tar Heels, G. 45, Pt. 254 (a fine stagione 2014/15)

240^ P.J. (Samuel Peterson) Hairston (jr.)-N°19, SG, 24/12/1992 Greensboro (North Carolina), 198 cm, 104 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al primo giro come 26^ scelta assoluta dai Miami Heat e trasferito agli Charlotte Hornets, College: North Carolina Tar Heels, G. 93, Pt. 540 (a fine stagione 2015/16) CEDUTO A MEMPHIS IN UNA MULTITRADE il 16 FEBBRAIO 2016. Video:

P.J. (Samuel Peterson) Hairston (jr.)-N°19, SG, 24/12/1992 Greensboro (North Carolina), 198 cm, 104 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al primo giro come 26^ scelta assoluta dai Miami Heat e trasferito agli Charlotte Hornets, College: North Carolina Tar Heels, G. 93, Pt. 540 (a fine stagione 2015/16) CEDUTO A MEMPHIS IN UNA MULTITRADE il 16 FEBBRAIO 2016.

241^ Jason (Dior) Maxiell “J-Max”-N°54, PF/C, 18/02/1983 Chicago (Illinois), 201 cm, 118 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: Orlando Magic, College: Cincinnati Bearcats, G. 61, Pt. 203 (a fine stagione 2014/15). Pagina Twitter: http://twitter.com/@JasonMaxiell

241^ Jason (Dior) Maxiell “J-Max”-N°54, PF/C, 18/02/1983 Chicago (Illinois), 201 cm, 118 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: Orlando Magic, College: Cincinnati Bearcats, G. 61, Pt. 203 (a fine stagione 2014/15).
Pagina Twitter: http://twitter.com/@JasonMaxiell Video:

242^ Gary Neal-N°12, SG, 03/10/1984 Baltimora (Maryland), 193 cm, 95 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, prima ancora Milwaukee Bucks, College: Towson Tigers (2005-07), G. 43, Pt. 413 (a fine stagione 2014/15).

242^ Gary Neal-N°12, SG, 03/10/1984 Baltimora (Maryland), 193 cm, 95 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, prima ancora Milwaukee Bucks, College: Towson Tigers (2005-07), G. 43, Pt. 413 (a fine stagione 2014/15). Video:

243^ Lance Stephenson (Jr.) “Born Ready”-N°1, SG, 05/09/1990 Brooklin (New York), 196 cm, 103 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al Draft 2010 al secondo giro dagli Indiana Pacers come quarantesima scelta assoluta, squadra precedente: Indiana Pacers, College: Cincinnati Bearcats, G. 61, Pt. 501 (a fine stagione 2014/15). Pagina Twitter: http://twitter.com/@StephensonLance

243^ Lance Stephenson (Jr.) “Born Ready”-N°1, SG, 05/09/1990 Brooklin (New York), 196 cm, 103 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al Draft 2010 al secondo giro dagli Indiana Pacers come quarantesima scelta assoluta, squadra precedente: Indiana Pacers, College: Cincinnati Bearcats, G. 61, Pt. 501 (a fine stagione 2014/15).
Pagina Twitter: http://twitter.com/@StephensonLance Video:

244^ Jeff (‘ery Matthew) Taylor-N° 44, SF, 23/05/1989 Norrköping (Svezia), nazionalità: svedere e statunitense, 201 cm, 102 kg, a Charlotte dal: 2012 (come Bobcats), scelto al Draft 2012 al secondo giro dagli Charlotte Bobcats come trentunesima scelta assoluta, College: Vanderbilt Commodores, Mano: destra, G. 29, Pt. 127 (a fine stagione 2014/15).

244^ Jeff (‘ery Matthew) Taylor-N° 44, SF, 23/05/1989 Norrköping (Svezia), nazionalità: svedere e statunitense, 201 cm, 102 kg, a Charlotte dal: 2012 (come Bobcats), scelto al Draft 2012 al secondo giro dagli Charlotte Bobcats come trentunesima scelta assoluta, College: Vanderbilt Commodores, Mano: destra, G. 29, Pt. 127 (a fine stagione 2014/15). Video:

245^ Noah Vonleh-N°11, PF, 24/08/1995 Haverhill (Massachusetts), 208 cm, 109 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al primo giro come 9^ scelta assoluta dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 2014, G. 25, Pt. 83 (a fine stagione 2014/15) Pagina Twitter: http://twitter.com/@NoahVonleh

245^ Noah Vonleh-N°11, PF, 24/08/1995 Haverhill (Massachusetts), 208 cm, 109 kg, a Charlotte dal: 2014, scelto al primo giro come 9^ scelta assoluta dagli Charlotte Hornets al Draft NBA 2014, G. 25, Pt. 83 (a fine stagione 2014/15)
Pagina Twitter: http://twitter.com/@NoahVonleh Video:

246^ Kemba (Hudley) Walker-N°15, PG, 08/05/1990 Bronx (New York), 185 cm, 83 kg, a Charlotte dal: 2011, preso al Draft 2011 come N° 9 assoluto al primo giro, College: Connecticut Huskies, G. 62, Pt. 1075 (a fine stagione 2014/15). Pagina Twitter: http://twitter.com/@KembaWalker Le partite giocate e i punti si riferiscono solo alle gare con gli Hornets, non con i Bobcats o altre eventuali squadre.

246^ Kemba (Hudley) Walker-N°15, PG, 08/05/1990 Bronx (New York), 185 cm, 83 kg, a Charlotte dal: 2011, preso al Draft 2011 come N° 9 assoluto al primo giro, College: Connecticut Huskies, G. 62, Pt. 1075 (a fine stagione 2014/15).
Pagina Twitter: http://twitter.com/@KembaWalker
Le partite giocate e i punti dei  player dei nuovi Hornets si riferiscono solo alle gare con gli Hornets (a Charlotte o eventualmente a New Orleans), non con i Bobcats o altre eventuali squadre per cui hanno giocato in carriera. Video:

247^ Marvin (Gaye) Williams (jr)-N°2, PF/SF, 19/06/1986 Brementon (Washington), 206 cm, 104 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: Utah Jazz, College: North Carolina Tar Heels, G. 78, Pt. 577 (a fine stagione 2014/15).

247^ Marvin (Gaye) Williams (jr)-N°2, PF/SF, 19/06/1986 Brementon (Washington), 206 cm, 104 kg, a Charlotte dal: 2014, squadra precedente: Utah Jazz, College: North Carolina Tar Heels, G. 78, Pt. 577 (a fine stagione 2014/15). Video:

248^ (Maurice) “Mo” Williams (The Hitman)-N°7, PG, 19/12/1982 Jackson Mississippi, 185 cm, 84 kg, a Charlotte dal: 2015, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, College: Alabama Crimson Tide, G. 27, Pt. 465 (a fine stagione 2014/15), Pagina Twitter: https://twitter.com/@mowilliams

248^ (Maurice) “Mo” Williams (The Hitman)-N°7, PG, 19/12/1982 Jackson Mississippi, 185 cm, 84 kg, a Charlotte dal: 2015, squadra precedente: Minnesota Timberwolves, College: Alabama Crimson Tide, G. 27, Pt. 465 (a fine stagione 2014/15), Pagina Twitter: https://twitter.com/@mowilliams Video:

249^ Cody (Allen) Zeller-N°40, PF/C, 05/10/1992 Washington (Indiana), 213 cm, 108 kg, a Charlotte dal: 2013, scelto al Draft 2013 al primo giro come quarta scelta assoluta, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, College: Indiana Hoosiers, G. 62, Pt. 472 (a fine stagione 2014/15).

249^ Cody (Allen) Zeller-N°40, PF/C, 05/10/1992 Washington (Indiana), 213 cm, 108 kg, a Charlotte dal: 2013, scelto al Draft 2013 al primo giro come quarta scelta assoluta, squadra precedente: “Charlotte Bobcats”, College: Indiana Hoosiers, G. 62, Pt. 472 (a fine stagione 2014/15). Video:

Jorge (Ivan) Gutiérrez-N°12, PG/SG, 27/12/1988 Chihuahua (Messico), 291 cm, 88 kg, a Charlotte dal: 20 febbraio 2016 (contratto da 10 giorni), squadra precedente: Canton Charge (D-League), High School: California G. Bears, G. 1, Pt. 4 (al 25/02/2016).

250^ Jorge (Ivan) Gutiérrez-N°12, PG/SG, 27/12/1988 Chihuahua (Messico), 191 cm, 88 kg, a Charlotte dal: 20 febbraio 2016 (contratto da 10 giorni), squadra precedente: Canton Charge (D-League), College: California G. Bears, G. 12, Pt. 22 (a fine stagione 2015/16).

(Andrew) Tyler Hansbrough "Psyco T"-N°50, PF, Columbia (Missouri), 206 cm, 113 kg, a Charlotte dal: 22/07/2015, squadra precedente: Toronto Raptors, College: North Carolina Tar Heels, G. 0, Pt. 0 (al 06/10/2015), Pagina Twitter: https://twitter.com/@THANS50

251^ (Andrew) Tyler Hansbrough “Psyco T”-N°50, PF, Columbia (Missouri), 206 cm, 113 kg, a Charlotte dal: 22/07/2015, squadra precedente: Toronto Raptors, College: North Carolina Tar Heels, G. 44, Pt. 144 (a fine stagione 2015/16), Pagina Twitter: https://twitter.com/@THANS50

Aaron (Malik) Harrison-N°9, SG, 28/10/1994 San Antonio (Texas), 198 cm, 96 kg, a Charlotte dal: 14/07/2015, squadra precedente: -, College: Kentucky Wildcats, G. 0, Pt. 0 (al 05/10/2015), Pagina Twitter: https://twitter.com/AaronICE2

252^ Aaron (Malik) Harrison-N°9, SG, 28/10/1994 San Antonio (Texas), 198 cm, 96 kg, a Charlotte dal: 14/07/2015, squadra precedente: -, College: Kentucky Wildcats, G. 21, Pt. 18 (a fine stagione 2015/16), Pagina Twitter: https://twitter.com/AaronICE2

Spencer (Mason) Hawes-N°00, C/PF, 28/04/1988 Seattle (Washington), 216 cm, 111 kg, a Charlotte dal: 15/06/2015, squadra precedente: Los Angeles Clippers, College: Washington Huskies, G. 0, Pt. 0 (al 06/10/2015, Pagina Twitter: https://twitter.com/@spencerhawes00

253^ Spencer (Mason) Hawes-N°00, C/PF, 28/04/1988 Seattle (Washington), 216 cm, 111 kg, a Charlotte dal: 15/06/2015, squadra precedente: Los Angeles Clippers, College: Washington Huskies, G. 57, Pt. 340 (a fine stagione 2015/16), Pagina Twitter: https://twitter.com/@spencerhawes00

Fran 'cis) k Stanley Kaminsky III "Frank The Tank"-N° 44, PF/C, 04/04/1993 Lisle (Illinois), 213 cm, 110 kg, a Charlotte dal: 02/07/2015, scelto al primo giro del Draft 2015 dagli Charlotte Hornets come 9^ scelta assoluta, College: Wisconsin Badgers, G. 0, Pt. 0 (al 05/10/2015). Pagina Twitter: https://twitter.com/@FSKPart3

254^ Fran (‘cis) k Stanley Kaminsky III “Frank The Tank”-N° 44, PF/C, 04/04/1993 Lisle (Illinois), 213 cm, 110 kg, a Charlotte dal: 02/07/2015, scelto al primo giro del Draft 2015 dagli Charlotte Hornets come 9^ scelta assoluta, College: Wisconsin Badgers, G. 81, Pt. 606 (a fine stagione 2015/16). Pagina Twitter: https://twitter.com/@FSKPart3

Jeremy (Emmanuel) Lamb-N°3, SG/SF, 30/05/1992 Norcross (Georgia), 196 cm, 82 kg, a Charlotte dal: 25/06/2015, squadra precedente: Oklahoma City Thunder, College: Connecticut Huskies, G. 0, Pt. 0 (al 05/10/2015).

255^ Jeremy (Emmanuel) Lamb-N°3, SG/SF, 30/05/1992 Norcross (Georgia), 196 cm, 82 kg, a Charlotte dal: 25/06/2015, squadra precedente: Oklahoma City Thunder, College: Connecticut Huskies, G. 66, Pt. 580 (a fine stagione 2015/16).

Courtney Lee all'esordio con la canotta numero 1.

256^ Courtney Lee-N°1, SG, 03/10/1985 Indianapolis (Indiana), 196 cm, 91 kg, a Charlotte dal: febbraio 2016, squadra precedente: Memphis Grizzlies, College: Western Kentucky University Hilltoppers, G. 28, Pt. 250 (a fine stagione 2015/16). Pagina Twitter: https://twitter.com/CourtneyLee2211

Jeremy (Shu-How) Lin-N°7, PG, 23/08/1988 Palo Alto (California), nazionalità: americana e taiwanese, 191 cm, 91 kg, a Charlotte dal: 09/07/2015, squadra precedente: Los Angeles Lakers, College: Harvard Crimson, G. 0, Pt. 0 (allo 05/10/2015). Pagina Twitter: http://twitter.com/@JLin7

257^ Jeremy (Shu-How) Lin-N°7, PG, 23/08/1988 Palo Alto (California), nazionalità: americana e taiwanese, 191 cm, 91 kg, a Charlotte dal: 09/07/2015, squadra precedente: Los Angeles Lakers, College: Harvard Crimson, G. 78, Pt. 914 (a fine stagione 2015/16). Pagina Twitter: https://twitter.com/@JLin7

 

258^ Michael (Edward) “Mike” Tobey-N°10, C, 10/10/1994 Monroe (New York), 213 cm, 115 kg, a Charlotte dal: 2016, squadra successiva: Grensboro Swarm, College: Virginia Cavaliers, G. 2, Pt. 2 (al 28/02/2017).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *