Kup – chack, si gira?

Dopo la sconfitta con i Pacers arriva l’ufficialità…

La breaking news era nell’aria, Kupchack ha battuto la concorrenza di Rosas e altri GM per il ruolo di nuovo direttore generale delle operazioni di pallacanestro per gli Charlotte Hornets.

 

 

Jordan ha puntato su di lui e come l’uomo Del Monte l’ex LAL ha detto sì.

 

Riporto qui sotto, tradotto e leggermente accorciato, l’articolo dedicato dalla pagina ufficiale degli Charlotte Hornets:

 

“Il presidente dei Charlotte Hornets, Michael Jordan, ha annunciato oggi che il team ha nominato Mitch Kupchak, ex LAL, presidente delle operazioni e direttore generale. Kupchak porta a Charlotte oltre 30 anni di esperienza nel front office NBA, sarà responsabile della ricostruzione del team.

“In ogni ruolo e in ogni tappa durante la sua permanenza in NBA, Mitch Kupchak ha portato ai suoi team i massimi livelli di successo. È un vincitore provato”, ha detto Jordan. ” Avendo vinto campionati sia come giocatore sia come dirigente, abbiamo fiducia che Mitch sia la persona giusta per guidare le nostre operazioni di pallacanestro, creare una cultura vincente e portare un successo duraturo alla nostra organizzazione, ai nostri tifosi e alla città di Charlotte.”

“Sono entusiasta di far parte dell’organizzazione degli Hornets e voglio ringraziare Michael per questa opportunità”, ha dichiarato Kupchak. “Sono pienamente consapevole della passione per il basket a Charlotte e in tutto lo stato del North Carolina, così sono fiducioso che potremo costruire gli Hornets come una squadra di successo della quale i nostri grandi fan potranno essere orgogliosi”.

Kupchak si unisce agli Hornets dopo una carriera molto distinta e di successo come dirigente di front office e giocatore dei Los Angeles Lakers. Ha iniziato a lavorare nel front office del team nel 1986 sotto due NBA Hall-of-Famers: il leggendario dirigente NBA Jerry West e Bill Sharman, la prima persona a vincere un campionato come giocatore, allenatore ed esecutivo. Kupchak è stato nominato direttore generale nel 2000, prestando servizio in quella veste per 17 stagioni. Durante il mandato di Kupchak come direttore generale, i Lakers hanno vinto quattro campionati NBA e sei titoli nella Western Conference con un record complessivo da stagione regolare di 747-607 (.552) e vincendo il 63% (111-66) delle loro partite postseason.

Pur essendo il direttore generale dei Lakers, Kupchak era responsabile della gestione quotidiana della squadra, comprese le decisioni relative al personale, le trattative contrattuali, la strategia sulle retribuzioni salariali e i giocatori di college internazionali in cerca di scouting.

13^ scelta assoluta nel primo turno del Draft NBA del 1976, Kupchak ha giocato nove stagioni NBA a Washington e Los Angeles prima che un infortunio al ginocchio lo costringesse al ritiro. Ha segnato 10.2 punti e 5.4 rimbalzi a partita in 510 gare di regular season.

Si è guadagnato l’onore degli NBA All-Rookie Team durante la stagione 1976-77 e ha raggiunto in media 15.9 punti e 6.9 rimbalzi a partita durante la stagione di campionato a Washington nel 1977-78. Fu ceduto a Los Angeles nel 1981, dove giocò un ruolo chiave dalla panchina nel campionato NBA 1985 per i Lakers.

Kupchak ritorna nello stato in cui è stato un fuoriclasse americano insieme alla University of North Carolina. Divenne la prima matricola a giocare all’università dopo che le regole di eleggibilità per le matricole furono cambiate prima della stagione 1972-73. Kupchak è stato nominato giocatore dell’anno ACC per il 1975-76 come senior ed è uno dei 49 membri dell’UNC che hanno fatto sì che la sua maglia (n. 21) fosse onorata e appesa sotto al soffitto del Dean Smith Centre a Chapel Hill (novembre 1994).”

 

Chissà se la nuova stagione di Charlotte, proclami a parte, finalmente voltando pagina, girerà nel verso migliore…

Kup-chack, si gira!

Questo articolo è stato pubblicato in News da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.