Charlotte Hornets 2020/21 Preview

Sono passati sei anni dalla mia prima presentazione degli Charlotte Hornets 2.0, eppure qualcosa di più profondo, dentro quel panorama, nonostante molti volti siano cambiati, non è mutato.

Se vi capita di porvi domande esistenziali, indagando dentro voi stessi, per trovare risposte che non avrete mai, vi accorgerete di essere bloccati in un limbo, in una sconfinata terra di mezzo, infinitamente più grande di voi con un panorama di fondo incerto e immutabile.

Quando intorno poi non si offrono garanzie, certezze, la percezione della condizione peggiora e la sensazione si amplifica.

Essere un tifoso degli Hornets oggi significa anche sentirsi in questa maniera, l’immutabilità di una franchigia che non ha più appeal e che fatica ad attrarre stelle di media grandezza è un problema più grande di essa, si tratta di un problema strutturale della NBA e dei suoi equilibri.

A parte la pandemia…

Graham (visto da me), con la nuova divisa “secondaria” cerca di dribblare anche il virus come ultimo ostacolo per andare a canestro.

rimanendo sul tema, le strategie degli Hornets, nonostante il cambio di GM, sono influenzate da questa situazione.

La squadra non può contare su un nucleo composto da un paio di star, detassazioni estreme o un piccolo Eden vista mare come quello che i giocatori ricreano in Florida a Miami nei vari locali glam della città.

A questo punto Charlotte ha due alternative: progettare sui giovani dandogli tempo e spazio per crescere, situazione che contempla anni di sconfitte per arrivare a ottenere (si spera) prime scelte, oppure pagare di più giocatori che cercano una nuova casa.

Kupchak, come un cane da tartufi alla ricerca del profumo del grosso pezzo pregiato, ha fiutato in avvio di mercato Russell Westbrook ma ci sarebbe stato da piazzare prima il contratto di Batum da 27,1 milioni per liberare spazio per la firma dell’ex Rockets e le cifre purtroppo, aggirandosi intorno ai 40 milioni risultavano anche essere troppo alte per un giocatore che avrebbe anche potuto (per via del suo gioco) bloccare lo sviluppo di crescita del team.

Poi dal Draft è giunto LaMelo Ball (serendipità?) e nel ruolo di guardia (PG/SG) ci siamo ulteriormente coperti.

L’occasione per aggiungere sullo scacchiere un pezzo importante è arrivata da Boston, quando, Gordon Hayward, pur lautamente stipendiato, ha fatto sapere di voler uscire dal proprio contratto con i Celtics.

Hayward era già stato seguito da MJ ai tempi di Utah ma l’offerta massima era stata pareggiata dai Jazz che hanno avuto la meglio essendo l’ala all’epoca un restricted free agent.

I Pacers e altre squadre, secondo indiscrezioni, avrebbero offerto sui 100 milioni per assicurarsi le prestazioni della SF che tuttavia ha preferito accettare i 120 milioni per 4 anni offerti da Charlotte.

Del giocatore e dei giocatori parleremo più avanti nel pezzo, di sicuro le aggiunte di LaMelo Ball e di Gordon Hayward hanno aggiunto interesse per la squadra fino a oggi meno mediatica della NBA.

L’inserimento del secondo potrebbe essere quell’olio, quel grasso che fa scivolare bene gli ingranaggi, i meccanismi della squadra.

I benefici apportati da Gordon potrebbero essere sottostimati dalla maggior parte degli analisti.

D’altro canto Bleacher Report ha dato un grado F, il peggiore tra tutte le squadre in NBA alla franchigia targata MJ perché avremmo “ipotecato il nostro futuro” nell’operazione Hayward che ci costerà 39 milioni circa all’anno in media.

Diciamo subito che il contratto di Hayward è leggermente a salire, questo permetterà nei primi anni di ammortizzare un po’ quei 9,03 milioni dovuti a Batum dopo che l’entourage Hornets ha propeso per il taglio del francese.

Un dead cap pesante (9,1% sul monte ingaggi ipotetico) che si rifletterà sulle casse di Charlotte per ben 3 anni.

Con Batum che lascia mestamente la Buzz City, nel roster, tra i giocatori di vecchia data rimane solo Cody Zeller (escludendo Biyombo en rentrant).

C’è però qualcosa di nuovo: Charlotte, nonostante abbia scelto una soluzione intermedia tra giovani e cercare di portare a casa il miglior giocatore catturabile possibile per le possibilità di MJ, ci sta provando.

Qualcosa si muove, vedremo se la strada imboccata sarà quella giusta o no solo tra un paio d’anni ma…

Diamo uno sguardo al

Roster della preseason 2020/21

I ragazzi del roster e i due Two-Way.

PG: LaMelo Ball, Terry Rozier, Grant Riller.

SG: Devonte’ Graham, Malik Monk, Caleb Martin, Nate Darling, Keandre Cook.

SF: Gordon Hayward, Miles Bridges, Cody Martin, Khalil Whitney, Xavier Sneed.

PF: P.J. Washington, Jalen McDaniels, Javin DeLaurier.

C: Cody Zeller, Vernon Carey Jr., Bismack Biyombo, Nick Richards.

Andiamo dunque a vedere gli arrivi e le partenze e come sarà composto il roster del training camp e i relativi numeri nella grafica del sito ufficiale degli Charlotte Hornets per la stagione 2020/21.

Mercato

Acquisizioni:

LaMelo Ball (3^ scelta al Draft 2020),

Gordon Hayward (Boston Celtics),

Vernon Carey Jr. (32^ scelta al Draft),

Nick Richards (42^ scelta Draft via Pelicans),

Xavier Sneed (10 day),

Javin DeLaurier (10 day),

Keandre Cook (10 day),

Khalil Whitney (10 day),

Grant Riller (56^ scelta al Draft, Two-way),

Nate Darling (Two-way).

Cessioni:

Willy Hernangomez (New Orleans Pelicans),

Dwayne Bacon (Orlando Magic),

Ray Spalding (tagliato),

Nicolas Batum (tagliato).

In relazione ai movimenti effettuati sul mercato dalla società il roster si compone attualmente di 20 elementi, alcuni con un contratto da 10 giorni di esibizione.

Freccia puntata verso il cielo

Sul perché la società abbia deciso di optare per questi movimenti è facile dirsi.

In relazione ai tagli di Hernangomez e Bacon: il primo era un buon rimbalzista ma non garantiva l’intimidazione e la protezione al ferro richiesta, il secondo era finito completamente fuori dalle rotazioni, persosi in attacco dopo la perdita della titolarità a favore di Graham a inizio scorsa stagione.

Il taglio di Batum, quando mancava un anno alla scadenza del suo contratto (il francese aveva esercitato la player option a suo favore per il rinnovo a 27,1 milioni) è stata una mossa azzardata per liberare quello spazio che avrebbe consentito a Charlotte di firmare Hayward a 120 milioni per quattro anni.

Kupchak sperava di riuscire a trovare una squadra interessata a ricostruire che avrebbe assorbito il costo del transalpino ma con molte squadre al limite del cap e le poche rimaste a chiedere “troppo” purtroppo si è finiti per partorire un’operazione piuttosto costosa che per Bleacher Report è stata disastrosa ma che in realtà solo il parquet potrà confermare o smentire.

Di certo la somma media per i prossimi tre anni -spesa per l’operazione Hayward/Batum – si aggirerà intorno ai 39 milioni, non pochi per un salary cap che ne conta in più soltanto un’altra settantina.

Dobbiamo comunque distinguere il piano economico da quello tecnico: discernere i due aspetti è fondamentale per valutare l’operazione nella sua complessità poiché se la prima ci ha portato un dead cap di 9 milioni l’anno, la seconda potrebbe rivelarsi un affare a patto che Hayward, ben retribuito, non cada in un altro infortunio serio, il che getterebbe più di un’ombra sul piano B di Charlotte anche in termini di strategie future per scambi eventuali ma qui stiamo andando troppo oltre in discorsi visionari da think tank.

Crescere è l’obiettivo e per farlo Kupchak si è affidato alla concezione di acquisire i giocatori di maggior talento senza “incastrarli” in un ruolo fisso, selezionando per potenzialità e occasioni.

In concreto, nel primo caso il nome è quello di LaMelo Ball, il secondo è rappresentato da Gordon Hayward.

L’arrivo del primo allungherà le rotazioni nel settore guardie dando più qualità alla panchina (aspetto fondamentale che molti trascurano), il secondo farà da chioccia ai più giovani, collante per tutta la squadra ed essendo uno scorer efficace, aggiungerà quei “punti mancanti” nella scorsa stagione facilitando Charlotte a finalizzare la manovra.

Hayward ha 30 anni con un’età media del roster (che innalza) intorno ai 24 anni (il colore di fondo nel grafico sottostante indica la fascia d’età), quindi ho provato a stilare le mie “personali” (non essendo ancora iniziata la stagione) rotazioni nella

Deep Chart

C’è da sottolineare che Borrego ha detto sì, chiaramente di voler sviluppare i (giovani) giocatori ma che nessuno avrà il posto garantito per qualsiasi motivo, i ragazzi dovranno meritarsi il minutaggio che gli verrà concesso.

Partiamo dalla posizione di point guard o playmaker: seguendo la logica che Charlotte è una squadra senza pressione sulle spalle e basandomi su un paio di indizi recenti (l’esordio lo scorso anno da rookie di P.J. Washington come titolare e l’ultima apparizione di Batum nella sua Parigi come mossa mediatica), azzarderei che il play titolare, anche per l’hype che si porta addosso, dovrebbe essere LaMelo Ball (magari verrò subito smentito).

Il suo vice dovrebbe essere un non troppo momentaneamente soddisfatto Terry Rozier (altro indizio, aveva fatto uscire su un social una fotografia di sé stesso con le valige in mano).

Grant Riller sarà un’opzione possibile e limitata dal contratto che vedremo solo in caso d’infortunio di qualche guardia.

Più probabile che Borrego, alla bisogna, faccia spendere dei minuti da PG a Monk e soprattutto a Graham.

C’è da dire che qui i ruoli sono piuttosto interscambiabili, non esiste una linea netta di demarcazione per i giocatori menzionati anche se Monk non è il play che vorrei.

Il play per antonomasia dovrebbe essere LaMelo Ball che ha dimostrato in questi anni sprazzi di fantasia e talento in questa nobile arte, il che aiuterebbe gli Hornets ad aumentare la quantità di assist risolvendo situazioni stagnanti.

Certamente da un rookie ci si potrà aspettare anche la giocata esagerata che porterà alla palla persa ma questo farà parte del processo di crescita.

Bisognerà vedere che feeling si instaurerà con i compagni e se LaMelo, nel breve tempo a disposizione in questa preseason assimilerà gli schemi richiesti da Borrego oppure tenderà a essere più anarchico in modalità “genio e sregolatezza”.

Un ulteriore vantaggio nell’avere LaMelo sul parquet sarà il fatto che Graham, miglior scorer degli Hornets lo scorso anno con 18,2 punti di media, potrà agire da secondo ghost play.

La scorsa regular season il buon Devonte’ terminò con 7,5 assist di media a partita mostrando una buona visione di gioco.

Più controversa è la posizione difensiva del nostro backcourt ipoteticamente titolare: se da un lato i cm di LaMelo garantiscono una miglior protezione sul perimetro (la coppia Rozier/Graham era sottodimensionata), dall’altro lato pesano le incognite su quella che potrebbe essere la fase difensiva di Ball in NBA.

Non essendo un super difensore, come Graham, Charlotte potrebbe registrare ancora qualche problema in diverse situazioni.

Nel ruolo di SG, come già detto, dovrebbe partire Graham e sul cubo, pronto a sostituirlo, Monk.

Qui saranno importanti le rotazioni di Borrego: slittare di qualche minuto i cambi non rendendoli simmetrici potrebbe aprire le porte a dei minuti LaMelo-Rozier, coppia interessante ed equilibrata su ambo i fronti (attacco/difesa).

La mia terza opzione è Caleb Martin che, da swingman, partito come ala piccola, nel finale della scorsa stagione si è differenziato dal fratello gemello (sul parquet se non fosse per il numero sarebbero indistinguibili) mostrando una propensione più offensiva (6,2 pt. in 17,6 minuti) e un buon tiro che gli addetti ai lavori già conoscevano.

Potrebbe essere lui ad avere qualche minuto in casi particolari.

Nel ruolo di ala piccola giostrerà Gordon Hayward, il pezzo pregiato del mercato degli Hornets.

Gordon è il più “vecchio” del gruppo, pur avendo soltanto 30 anni.

Toccherà a lui avere la leadership dello spogliatoio per trascinare la squadra, migliorare i giovani e risolvere situazioni di gioco offensive sul parquet.

Il talento c’è, la capacità di andare a canestro con varie soluzioni anche (uno degli Hornets che può creare anche da solo dal palleggio creandosi spazio per concludere), le percentuali sono buone (l’anno scorso mise 350 tiri sui 700 effettuati per un ottimo 50,0%).

Lo scorso anno gli Hornets arrivarono ultimi in punti realizzati di media (102,9), ventinovesimi in Off Rtg (106,3) e ultimi nel Pace (95,8) nonostante una squadra giovane che tuttavia a difesa schierata a volte si bloccava trascinandosi ai 24 secondi se un Rozier o un Graham non andavano a inventarsi qualcosa.

Facile capire perché Kupchak non abbia pensato due volte a Gordon per risolvere questi problemi.

Le preoccupazioni sono legate a un possibile infortunio, avendo l’ex Celtics subito un grave infortunio alla caviglia in passato e aver avuto altri infortuni.

Per Charlotte, non avere le sue prestazioni potrebbe risultare un problema irrisolvibile.

Dietro di lui agirà Miles Bridges, che, inversamente a Gordon, dei problemi a chiudere al ferro li aveva.

La potenza non è tutto e la difesa comunque era rivedibile, chissà che avere un “maestro” nel ruolo come Hayward, riesca a migliorare le sue attuali, forse limitate, capacità tecniche.

Cody Martin potrebbe switchare come il fratello e avere qualche minuto a disposizione soprattutto come specialista difensivo.

Sneed e Whitney saranno due giocatori che potrebbero prendere posto a Greensboro se non verranno tagliati definitivamente.

Come ala grande P.J. Washington non dovrebbe aver problemi a mantenere il posto da titolare e dal mio punto di vista dovrebbe essere seguito da McDaniels nelle rotazioni.

Personalmente darei un po’ di spazio anche al secondo ragazzo che lo scorso anno ha cominciato a far vedere buone cose e avrebbe bisogno di un certo numero di minuti sul parquet per sviluppare il proprio gioco.

All’occorrenza ho inserito Nick Richards, un centro che potrebbe switchare anche come ala grande se ci fosse bisogno di più difesa in quel frangente.

DeLaurier, capitano di Duke, forse è il giocatore con meno talento, il rischio taglio c’è ma potrebbe aggiungersi come terzo elemento se Charlotte decidesse, in controtendenza, di puntare sul ruolo e non sul talento.

I ruoli saranno piuttosto interscambiabili, ciò che non è stato scambiabile in questa breve finestra di mercato è stato invece Cody Zeller che partirà da titolare nella posizione più lacunosa dello starting five nonostante l’apprezzamento espresso in questi giorni da Borrego per quello che sarà ancora il suo centro titolare.

Dietro di lui potrebbe già vedersi dalle prime battute Vernon Carey Jr. (scelta personale sulla gerarchia immaginando un po’ il discorso fatto per P.J. e Ball) con Biyombo a far da mentore ai giovani.

Biz ha voluto rimanere per vedere come andrà a finire il progetto, lo stipendio si è adeguato alla reale forza del giocatore che avrà anche un giocatore a tratti simile a lui: il giamaicano Nick Richards, da svezzare.

Essendo un team giovane, a fare da contraltare alla problematica non indifferente legata all’esperienza, vi sarà l’entusiasmo tipico giovanile unito alla tenacia che lo scorso anno ha contraddistinto la squadra spingendola a diversi finali punto a punto contro squadre più quotate.

Se Borrego e i ragazzi saranno capaci di ritrovare quel feeling e quello spirito di squadra, aiutandosi l’un l’altro, l’aspetto psicologico potrebbe compensare talvolta le lacune su alcune malizie del gioco.

Il gioco

Il gioco degli Charlotte Hornets è influenzato da Borrego e dalle contingenze.

L’idea del giovane coach, scuola Spurs, nonostante in NBA si verticalizzi molto basandosi sulle individualità dettate dalle capacità atletiche, è quella di arrivare a canestro muovendo palla creando situazioni dove Charlotte, squadra giovane e agile, possa prendere vantaggio in termini di tempo per attaccare il ferro o di spazio per liberare un tiratore servito piedi a terra (lo scorso anno Rozier e Graham beneficiarono di questo gioco anche se i due seppero crearsi “troppe volte” – per via delle necessità contingenti – diverse situazioni non in catch n’shoot).

Per far ciò, il GM Kupchak ha attinto dal mercato pescando un giovane imprevedibile capace di smistare assist non convenzionali talvolta e un giocatore polifunzionale come Hayward in grado di realizzare anche da solo in ogni tipo di situazione, anche in uno contro uno marcato stretto, il che dovrebbe aiutare la squadra a prendere meno brutti tiri al limite dei 24 secondi.

Che la situazione offensiva si sviluppi da qualsiasi tipo di pick and roll o si opti per altri schemi, l’idea della scorsa annata è stata quella di utilizzare molto il tiro da fuori.

Un rischio che, nella NBA moderna, con i tanti tiratori migliorati e specialisti, paga più spesso di un tempo.

Avere cinque uomini sul parquet in grado di allargare gli spazi colpendo da fuori non è l’intento primario solamente di Charlotte ma di quasi tutte le squadre NBA.

Video

Vediamo una delle tante situazioni nella quale Borrego ha utilizzato un gioco con i cinque fuori cercando di sfruttare la dinamicità dell’intera squadra:

Qui, sulla partenza dell’azione, vediamo Zeller arrivare a rimorchio e ricevere in punta da Graham.

Il secondo accenna un taglio (si fermerà, bloccato in posizione di ala) fornendo un velo a Rozier che dietro di lui va a tagliare in maniera più decisa verso la linea di fondo per cercare di andare a occupare l’angolo opposto.

Il tutto avviene mentre Zeller, ignorando il taglio di Rozier, ribalta il lato su Miles, il quale, salendo a ricevere (velato da P.J.) crea una situazione di drag pick and roll in movimento con la difesa non ancora ben organizzata.

Bridges cerca di entrare nel cuore dell’area a ricciolo ma bloccato, scarica immediatamente sul lato debole ritrovando un Graham, che, oscillando in quello spazio, dimenticato per un attimo da uno Young preoccupato dalla penetrazione di Bridges, spara in catch n’shoot da tre punti.

Analisi dell’azione a cura di Matteo Vezzelli

____________________________________________________________________________

Qui, invece, andiamo a vedere una posizione di partenza con la triangolo sul lato forte con un pinch post di Biyombo, tuttavia Graham attacca sull’esterno destro passando il blocco di Biz.

La difesa di Cam Reddish per oltrepassare il blocco del nostro centro è lentissima e mentre il contrapposto del congolese permane a centro area bloccando il nostro C, il difensore più vicino a Caleb Martin, Hunter, attratto dalla rollata di Biyombo, perde il contatto visivo con il “suo” uomo.

Il passaggio flash di Devonte’ libera in attacco la nostra guardia, la quale si avvantaggia grazie a uno spazio enorme per poter colpire.

Analisi dell’azione a cura di Matteo Vezzelli

____________________________________________________________________________

Borrego è stato anche abile a trovare nuove soluzioni per le rimesse in gioco nei momenti decisivi della partita.

Spesso con Clifford le rimesse erano eccessivamente e incredibilmente problematiche, talvolta rimesse a favore si sono rivelate letali.

Qui vediamo il 5 novembre dello scorso anno:

Sulla rimessa di Martin, con palla ancora out vediamo partire dai due prolungamenti dei gomiti e incrociare Bridges e Rozier per andare a occupare gli angoli opposti dopo esser scattati verso canestro.

I difensori “seguono” liberando Biyombo pronto a salire per la ricezione.

La partenza da lontano in corsa con finta e incrocio di Graham permette al nostro piccolo di liberarsi e ricevere il consegnato (hand-off).

L’opzione è triplice, o il passaggio negli angoli (con Bridges a destra più difficile da servire e come seconda opzione per via di un tiro meno efficace) o puntare a canestro mentre Martin, scattando sulla sinistra crea un nugolo di tre giocatori in verticale.

Devonte’ usa la terza opzione fiondandosi a canestro ma sull’opposizione di un Sampson troppo aggressivo, Devonte’ disegna il contatto trovando i tiri liberi che decideranno la partita.

Analisi dell’azione a cura di Erik Chialina

Purtroppo i giocatori degli Hornets lo scorso anno non sono stati molto efficaci dalle parti dell’anello, mani o prestanza fisica dei lunghi sono venute un po’ a mancare e alcuni elementi tra gli esterni hanno palesato limiti nell’attaccare il ferro, compreso Graham che deve migliorare sotto questo aspetto per salire ancora di livello.

Uno dei ragazzi dal quale Borrego si aspetta i miglioramenti di cui parlavano sopra sarà sicuramente P.J. Washington che ha mostrato movimenti interessanti in post up per arrivare al ferro lo scorso anno.

Un semigancio interessante, buon movimento di piedi anche sullo spin, giocatore che in avvicinamento a canestro sa usare il fioretto ma talvolta – se trova spazio, non esita ad andare dentro con convinzione.

Se migliorasse un po’ l’efficacia del suo gioco da singolo le difese avversarie dovrebbero scegliere se concedergli l’uno contro uno o “rispettarlo” ponendogli doppia attenzione e lasciare uno spazio sul perimetro per un tiratore di Charlotte.

La stessa cosa non potremo aspettarcela da Zeller che rimane un lottatore ma con capacità tecniche offensive più limitate in uno contro uno o in situazione non dinamica.

Potremmo migliorare anche in transizione grazie ai due nuovi elementi che dovrebbero migliorare la spinta e l’efficacia in queste circostanze.

La panchina sarà sicuramente un elemento interessante da osservare poiché la qualità è aumentata.

Gli inserimenti di Ball e Hayward hanno spinto sul cubo del cambio Rozier e Bridges ai quali si aggiungono un Monk scostante ma talvolta letale, McDaniels e Carey Jr..

Un secondo quintetto bilanciato che potrebbe ben amalgamarsi anche nello sporadico caso dovessero trovarsi tutti insieme contemporaneamente sul parquet.

Ciò che preoccupa è la difesa.

Kupchak ha cercato di coprire la posizione più indifesa aggiungendo un paio di centri giovani che sappiano difendere, questo potrebbe non bastare, sia per il fatto che bisognerà testare le loro capacità in velocità e tenuta difensiva.

Zeller da fermo non è un ostacolo insormontabile da superare ma in attacco, in genere, garantisce buone angolazioni ai blocchi, ottime rollate e saltuariamente inserimenti a fanali spenti esplosivi.

Discreto senso della posizione, è un onesto lavoratore ma nulla più e talvolta contro altri big nel suo ruolo non regge il confronto.

Qualche volta potrebbe prendere il suo posto, in caso di small ball (soluzione che Borrego cerca da adattare in situazioni di svantaggio o di differenze in cm/peso con altri team) ma la situazione non mi entusiasma.

I Singoli

Andiamo a recuperare i giudizi sui vari giocatori a fine della scorsa annata aggiornandoli e inserendo le nuove leve per visionare più da vicino i giocatori nel roster:

PG

LaMelo Ball

Quando il suono arriva prima dell’immagine dovreste pensare a LaMelo Ball.

La sponsorizzazione del padre ha trasformato questo giocatore in un fenomeno mediatico con il quale Charlotte dovrà fare i conti.

Senza voler sminuire il lavoro di Borrego, trovo difficile che il coach riesca a lasciarlo fuori dal quintetto iniziale, solo per l’hype che porta con sé.

Ovviamente la PG che ha giocato in Australia l’ultimo anno dovrà mostrare di essere quel giocatore che LaVar Ball, suo padre, declama.

Secondo LaVar, il figlio vincerà il “ROTY”, il premio per il miglior rookie.

LaVar è andato anche oltre mentre Borrego è già rimasto “folgorato” in allenamento ma che cosa può aggiungere di concreto sul parquet un ragazzo selezionato come piano C (Wiseman sarebbe stato il prescelto ed Edwards la seconda opzione poiché gli Hornets sono carenti nella difesa al ferro e hanno bisogno di aumentare il punteggio) da Charlotte al Draft?

Se queste non sono proprio le principali ed evidenti caratteristiche di Ball, la risposta è altrettanto chiara.

Gli Hornets aggiungono un ottimo uomo assist, teoricamente superiore al resto del roster, che, in un sistema di gioco come quello di Borrego, leggermente più complesso della media NBA (si tende molto a semplificare verticalizzando il più possibile prendendo un blocco, ecc.), potrebbe esaltarsi trovando spazi per esprimere il suo potenziale.

Il funambolico numero 2 avrà il suo bel da fare nel confrontarsi con i pari ruolo migliori al mondo poiché sulla tenuta difensiva ho alcuni dubbi.

Lo vedremo comunque presto in azione sperando cerchi di impegnarsi al massimo anche sul lato meno divertente del campo, che sia un LaMelo in versione cicala o formica è ancora tutto da vedere.

____________________________________________________________________________

Terry Rozier

Terry Rozier è arrivato a Charlotte lo scorso anno con l’inevitabile etichetta addosso di sostituto dell’insostituibile Kemba Walker.

Lui sapeva che lo stavano pensando tutti a Charlotte quindi ha detto:

“Non sono Kemba”.

Scary Terry faceva panchina ai Celtics ma negli Hornets è salito di livello offensivo dovendosi prendere troppe volte grandi responsabilità quando la palla scottava.

Troppo solo, ha finito per sbagliare tiri in alcuni finali che avrebbero potuto darci la vittoria, altre volte è riuscito a portarla a casa ma la cosa che ha fatto più impressione è stato il modo nel quale ha aumentato la sua media punti.

Ad Atlanta, in 2 OT, ha raggiunto il massimo in carriera con un 8/13 da 3 punti che ha contribuito a portarlo a 40 punti con alcuni canestri rimarcabili come quello in corsa con step-back laterale in allontanamento dal difensore e tiro da 45° da destra che ha fluttuato implacabilmente sino ad accarezzare la retina.

James Borrego, prima della partita aveva detto che Rozier è diventato un tiratore d’élite della NBA. Gli Hornets lo hanno messo sotto contratto per tre anni con cifre a scendere che si aggirano sui 19 milioni all’anno.

Sembrava una follia ma Scary si è dato da fare e il suo spirito guerriero lo ha portato al di sopra delle aspettative di quei fan scettici.

“Terry è stato fantastico”, ha detto Borrego.

“Ha superato le mie aspettative.”

Rozier avrebbe dovuto giocare da playmaker ma la veloce ascesa di Graham ha fatto si che Terry, pur conservando le proprie caratteristiche diventasse un po’ più guardia tiratrice con diverse caratteristiche dei due sovrapponibili in una fusione che ha portato i “Buzz Brothers” a essere una minaccia nel tiro da fuori l’arco ma non solo, anche con la palla in mano per capacità di distribuire assist, cosa che Terry, anche se in forma minore del compagno, continua a fare come una specie di creatore quasi secondario.

“Ovviamente, non sono soddisfatto per il semplice fatto che posso dare un po’ di più”, ha detto Rozier.

“Questa è la cosa buona di me: cercherò sempre di fare meglio”.

Il problema è che la scelta di LaMelo Ball potrebbe scalzare Terry dalla posizione titolare e la sua foto su un noto social che lo ritraeva con le valige in mano ha fatto il giro del mondo e dato da pensare, poiché, avendo appena acquisito un posto da titolare ed avendo giocato una buona annata, perderlo, non sarebbe probabilmente un evento gradito da parte dell’ex Celtics.

Il suo costo e i rumor che lo vedevano al centro di possibili scambi si sono dissipati.

Terry potrebbe partire come secondo playmaker (lasciamo aperta anche una piccola ipotesi che possa partire titolare) per lasciare il ruolo di SG a Graham e Monk.

Il suo tiro da tre punti è stato spesso un’arma importante, partire dalla panchina gli consentirebbe, avendo un buon minutaggio, di essere ancora più letale probabilmente e di subire un minor dispendio energetico che dal mio punto di vista l’aveva penalizzato in fase difensiva lo scorso anno.

La parte più controversa è questa… mi aspettavo di più da lui in fase difensiva ma avendo dovuto fare i conti con il bisogno offensivo della squadra è ampiamente giustificato, piuttosto, la mancanza di cm per difender sul perimetro insieme a Graham, preoccupa, ecco perché LaMelo insieme a “Gamberone” Graham potrebbero essere la soluzione ideale, favorendo anche un Rozier pronto sul cubo del cambio, più fresco e pronto a usare più aggressività in difesa per passare sui blocchi laddove lo scorso anno ebbe qualche problematica.

____________________________________________________________________________

Grant Riller

Grant Riller è nato il 08/02/1997.

E’ nato a Orlando ed è fan dei Magic, è alto 191 cm e pesa 86 kg.

Grant è stato scelto al tramonto del Draft, alla posizione numero 56.

La barbuta comboguard ha aiutato negli ultimi anni i Charleston Cougars e con una media di 21,9 punti, 5,3 rimbalzi e 3,9 assist nella sua ultima stagione sotto la guida dell’allenatore Earl Grant è emerso fornendo diverse prestazioni offensive impressionanti contro le difese che cercavano di contenerlo.
Ottimo primo passo, marcatore istintivo con un gioco midrange avanzato e un buonissimo rilascio di tiro, Riller ha portato un pesante fardello offensivo per i Cougars.

Ha svariato su tutto il fronte d’attacco e si è applicato in difesa su giocatori di diversi ruoli. Spingendo la palla in modo aggressivo in transizione e mostrando un po ‘di visione e talento come passatore, ha aiutato la squadra a sviluppare un buon gioco offensivo.

I dubbi sorgono in difesa dove non si è mostrato costante anche se alcune buone giocate atletiche lo hanno messo in luce, sa anticipare o intercettare, subire cariche ma non sempre si è mostrato affidabile mentre va in salto a caccia di palloni vaganti per far partire la transizione e questo fatto gli ha consentito di aver un maggior impatto rispetto alla maggioranza delle guardie a rimbalzo.
Detentore del record del College of Charleston nella sua era NCAA Division I per punti in una singola partita (43).
Secondo miglior marcatore nella storia della scuola (2.474 punti), dietro ad Andrew Goudelock (2.571).
Ha registrato un record di 36 punti contro James Madison, realizzando 6 su 7 da tre punti (30 gennaio).
Le sue migliori armi sono: la versatilità di una comboguard con un impressionante arsenale offensivo, sa gestire la palla bene e crearsi il tiro, esplosività con un primo passo rapido, aggressivo, attacca il canestro e può andare in lunetta.
“Ha sempre avuto la naturale capacità di segnare ma la sua capacità di leggere la partita, la sua regia, la sua capacità di scegliere i suoi punti sono salite di livello”. – Ex assistente allenatore di Charleston Quinton Ferrell.

Se riuscisse a non essere come Troy Daniels, inconsistente in difesa, potrebbe anche ritagliarsi un discreto ruolo come tiratore…

SG

Devonte’ Graham

Graham è il figlio di un’evoluzione che non l’aveva previsto.

L’ex semisconosciuto play avrebbe dovuto al massimo partire dalla panchina ma i processi interni avvenuti a Charlotte l’hanno portato in rampa di lancio.

Andando oltre le aspettative, mettendo su un buon tiro da fuori e smistando precisi palloni si è preso il posto da titolare eclissando un Bacon oggi è finito a Orlando.

Quello che gli viene imputato spesso è che deve un po’ migliorare in penetrazione, probabilmente Borrego chiederà anche questo ma ha mostrato alcuni lampi con giocate acrobatiche in sottomano.

Chiedergli di ripeterle sempre è impossibile, non è facile per un ragazzo con i suoi cm e il suo peso andare a sfidare sotto le plance gli avversari ma se vuole essere uno scorer completo e confonder gli avversari variando più il gioco deve lavorare anche sotto questo aspetto.

“Tae”, oltre che a far piovere bombe da distanze siderali è anche un buon passatore da drive and kick ma se la palla scotta, oltre a Rozier, lo scorso anno si è visto anche lui.

A New York con uno schema simile aveva messo una tripla all’ultimo istante per farci vincer una partita al cardiopalma, qui lo vediamo partire da lontano e guadagnarsi il fallo che ci farà battere i Pacers.

____________________________________________________________________________

Malik Monk

Malik è risultato positivo al Covid 19 poco prima della preseason ma dovrebbe essere recuperabile per l’esordio del 23 dicembre.

Il numero 1 degli Hornets stava migliorando sul finire della scorsa stagione – pur rimanendo altalenante – ma essendo stato sospeso per via del controllo antidoping risultato positivo era scomparso dai radar per la conseguente sospensione.

Da lui ci si attende un proseguo dei miglioramenti offensivi in termini di realizzazione e una miglior visione sul passaggio che ha mostrato in alcune occasioni.

Aveva capito come sfruttare meglio la sua aumentata fisicità fiondandosi a canestro dove ha un repertorio di appoggi vasto, elastico con punte di bravura anche temporeggiando in aria o in controtempo, qualità che non molti giocatori hanno.

Deve crescere sul tiro dalla lunga dove è ancora troppo inaffidabile e in difesa dove a volte si fa prendere d’infilata troppo facilmente.

Charlotte ha deciso di tenerlo nonostante il suo nome sia stato fatto da vari siti su rumor per eventuali scambi non andati in porto (vedi New York).

____________________________________________________________________________

Caleb Martin

Gli scout dicono dalle origini, che dei due gemelli sia quello con più talento.

Eppure il fratello si era inserito da subito e meglio.

Quello messo in disparte per la prima squadra pur avendo punti nelle mani e discreta difesa si è messo in luce nel finale di stagione.

I tagli che fa sono buoni, in penetrazione deve migliorarsi.

“Sto trovando il modo di dirigere l’attacco trovando canestri qua e là. Non sono statistiche rilevanti perché abbiamo già ragazzi (in squadra) che lo fanno”, ha detto Martin.

Nelle sue ultime due partite, Martin ha realizzato i punteggi più alto della sua carriera con 19 pt. a Miami e 23 punti ad Atlanta.

Atletismo (sottovalutato dai più) e velocità ci sono come la voglia di far bene su ambo i lati del campo.

Ha messo in mostra un buon tiro da fuori con uno strano scatto delle gambe ma la cosa funziona e la dimensione perimetrale se dovesse essere confermata con buone percentuali lo porterebbe a mettere un po’ in difficoltà Borrego che potrebbe ritenerlo più utile di Bridges.

All’occorrenza non ha paura di buttarsi dentro e l’impegno difensivo c’è, stesso sangue del fratello ma a volte è eccessivo.

Sa prender lo sfondamento ma la sua gioventù lo porta a eccessi come il fallo su Hunter che ha portato ai liberi che hanno deciso a nostro sfavore la partita con Atlanta.

Al momento sembrerebbe esser perfetto dalla panchina per mettere in difficoltà a uomo o con zone varie gli avversari, sia da portatore di pressing sulla palla che lontano dalla stessa ma anche per lui il minutaggio si ridurrà.

____________________________________________________________________________

Nate Darling

196 cm per 91 kg, la shooting guard canadese è nata il 30 agosto 1998.

Un bel tiratore da fuori, indubbiamente, il che avrà ingolosito gli Hornets e un Borrego alla ricerca di un gioco che abbia sfoghi sul perimetro per colpire in pieno stile NBA moderna.

Un’altra caratteristica che avrebbe potuto attirare l’attenzione di Charlotte su di lui è che sa giocare bene i pick and roll, opzione spesso utilizzata per prendere vantaggi dai possibili sviluppi dell’azione.

Con 21 punti, 3,9 rimbalzi e 2,8 assist di media a partita, il prodotto di Delaware ha deciso di rendersi eleggibile per il Draft ma anche se è andato undrafted, le sue abilità gli hanno consentito di rientrare dalla porta di servizio.

Certamente, per la particolarità del contratto, se non sarà convertito, Nate, giocherà per la maggior parte del tempo con i Greensboro Swarm, la squadra affiliata a Charlotte nella lega di sviluppo NBA.

____________________________________________________________________________

Keandre Cook

L’ex guardia di Missouri State, Keandre Cook (196 cm per 84 kg) ha twittato di aver firmato con i Charlotte Hornets.

Il suo sarà un Exhibit 10 day contract. Una delle parti più attraenti del gioco di Cook per gli scout NBA era la sua lunghezza per una guardia e la sua capacità di abbattere i 3 punti.
Cook, alto 195 cm, dice di essere bravo a colpire con i suoi open, mentre il suo allenatore ha elogiato la sua capacità di prendere e tirare.
Ha visto un miglioramento nel suo tiro esterno mentre tirava dal 37,2% nel suo anno da junior a un ottimo 42,3% nell’ultimo anno mentre aumentava anche i tiri presi da fuori.
La migliore prestazione di Cook dall’esterno dell’arco è arrivata durante la seconda partita della stagione 2019-20 quando è andato 6/7 da fuori contro l’Alabama State. Ha concluso la partita con 31 punti, massimo in carriera mentre la sua media è di 13,9 pt.

SF

Gordon Hayward

Per molti fan è già un rapporto di amore e odio quello non ancora cominciato con il sosia di Adam Levine.

Probabilmente nessuno avrebbe avuto da obiettare se il suo prezzo finale per i quattro anni fosse stato sui 100 milioni, cifra che a quanto pare Indiana e altre squadre sarebbero state pronte a garantirgli assumendosi il rischio infortuno grazie a un roster più coperto del nostro.

I punti cardine a sfavore di Hayward sono 4; 1) la possibilità che si infortuni avendo già avuto un grave infortunio in precedenza (caviglia) più altri, anche recenti, 2) L’alto costo del suo ingaggio, 3) Il fatto che in caso di infortunio la squadra sarebbe costretta a privarsi di un investimento “sostanzioso”, 4) Il taglio di Batum per far spazio ad Hayward nel salary cap, il quale costerà a Charlotte sui 9 milioni l’anno per 3 anni di dead cap.

A parte il punto 3 che comunque rimane un’opzione che ipoteticamente potrebbe interessare qualsiasi giocatore anche se molti pensano che Hayward corra maggior rischi di infortunio, sono tutti fattori non cestistici.

I punti a favore sono molteplici: E’ un buon realizzatore, ha buone medie, può segnare in diversi modi differenti anche senza bisogno di aiuto, il che sbloccherebbe alcuni attacchi stagnanti di Charlotte, può essere un passatore secondario e gestire la palla, non è un difensore spettacolare ma abbastanza solido su tutto il fronte, nei pick and roll e il fatto di essere uno dei ragazzi al centro del progetto (vedi la telefonata personale di MJ), potrebbe stimolarlo a rendere di più.

In ultimo, pur avendo soltanto 30 anni, porterebbe in dote la sua esperienza maturata in 10 anni nella lega più difficile del pianeta e per una squadra giovane questo fattore potrebbe rivelarsi decisivo per tener testa in alcune partite.

____________________________________________________________________________

Miles Bridges

Indubbiamente il suo percorso di crescita e apprendimento non è completato.

Qualche exploit, qualche giocata di potenza alla Harold Miner, rare perle che illuminano gli occhi che non bastano a chiuderli sui suoi difetti: tiro da tre per la NBA con percentuali troppo basse, attacco al ferro ancora lento, posizioni difensive rivedibili, ecc..

Quest’anno sarà retrocesso in panca per l’arrivo di Hayward.

Non è detto che sia un male per gli Hornets poiché i suoi minuti potrebbero essere giocati di fronte a giocatori meno validi e mettere così in risalto le qualità positive di Miles che ha dovuto subito confrontarsi con i titolari avversari.

Avrà tempo per crescere con calma.

Le mie incertezze sul suo potenziale permangono ma per la nostra panchina potrebbe essere un upgrade se integrato con altri giocatori dalle caratteristiche opposte.

____________________________________________________________________________

Cody Martin

L’arrivo di Hayward e Ball nel settore esterni potrebbero penalizzare il piano di crescita di Cody Martin.

Mi dispiacerebbe abbastanza perché all’occasione si è rivelato un combattente, molto utile sul piano difensivo.

Sveglio, agile, scattante e veloce, porta il suo vissuto difficile fuori dal parquet tramutando in carica agonistica la rabbia e le paure di quando il KKK incendiò il prato della sua famiglia o tentarono d’investir lui e suo fratello.

Jenny Bennett diceva ai suoi figli che una volta che inizi qualcosa, devi finire.

Siamo sicuri che Cody Martin proverà a meritarsi il suo spazio nonostante l’aumentata competitività del roster.

Coprirsi le spalle con suo fratello nella vita reale è stata la lezione iniziale per credere nel lavoro di squadra.
Cody non ha un fisico super massiccio ma sa come mettere pressione a un attaccante e l’anno scorso fu prezioso per compensare i difetti di una difesa mediamente troppo attendista.

Discreta visione di gioco e buona propensione a innescare i compagni.

In difesa deve ancora inserirsi meglio a livello tattico ma la fiducia dimostrata da Borrego quando è mancato l’highlander Rozier, inserendolo in quintetto, potrebbe dargli altre occasioni, in fondo il ragazzo è resiliente.

____________________________________________________________________________

Xavier Sneed

Il 23 novembre Charlotte ha raggiunto un accordo con l’ex ala di Kansas State, Xavier Sneed (fonte: Chris Haynes di Yahoo Sports), free agent, andato undrafted.

Nato in Alabama il 21 dicembre 1997 è alto 196 cm, pesa 97 kg e ha una sorella di nome Ania.

Non ci sono ancora dettagli dell’accordo, si presume che sia uno di quei contratti “esibizione da 10 giorni” per esser mandato eventualmente ai Greensboro Swarm.
Sneed ama tirare, specialmente da fuori ma la sua media è stata soltanto del 33,4%.

10,7 pt. di media in carriera.
La sua forma di tiro è un po’ pittoresca ma è stato uno dei migliori alle Shooting Drills della G League, equivalenti della Combine.

Il giocatore è anche valido sotto l’aspetto difensivo e a rimbalzo.

____________________________________________________________________________

Kahlil Whitney

Ala piccola nata l’08/01/2001 è stato aggiunto momentaneamente al roster dei Calabroni con un Exhibit 10 day contract.

198 cm per 95 kg, il giocatore nato a Chicago ha giocato per i Wildcats prima di dichiararsi eleggibile per il Draft ma le sue speranze sono andate disattese.

A offrirgli una piccola possibilità, rientrando dalla finestra, è stata Charlotte.

Statistiche non eccezionali con 3,3 punti e 1,7 rimbalzi di media per lui lo scorso anno ottenute in 12,8 minuti di media d’impiego.

PF

P.J. Washington

P.J. Washington è lo strano caso di un rookie che si è immediatamente trovato ad aver spazio in quintetto a inizio della passata stagione a causa di un reparto molto depotenziato rispetto al passato ma anche per meriti personali poiché ha mostrato buone cose in preseason.

L’esordio contro Chicago, infatti, è stato con il botto e sono piovute triple importantissime dall’ala per vincere il match.

Durante la stagione ha alternato però le classiche prove molto positive ad altre negative che un rookie mette sul piatto e gli devono esser concesse.

L’esperienza sarà fondamentale per determinare che tipo di giocatore diverrà in futuro P.J..

Sul lato difensivo non è irreprensibile ma a volte la cosa è anche dovuta a posizioni che flottano dal post basso all’esterno per il sistema di gioco che in quel momento vuole coach Borrego.

Un po’ lento, ingenuo talvolta se non passabile troppo facilmente dall’attaccante quando lo punta, ha bisogno di smaliziarsi e di trovare la sua dimensione in un sistema difensivo che si basa spesso su cambi dovuti ai pick and roll delle altre squadre o su coperture a zona quando si smette, anche momentaneamente, di giocare a uomo ma ha avuto anche momenti di ottima difesa che farebbero vedere delle interessanti possibilità per lui di diventare un mastino più convincente.

Sul lato offensivo mostra una discreta varietà di soluzioni tecniche per colpir in attacco che vanno dal semigancio, all’appoggio, all’entrata molto decisa se ha spazio, iniziando a infilarsi con tempismo sui pick and roll a lui forniti.

L’arma del tiro da fuori è discreta, a volte non gli entra molto nella singola partita ma va a mini strisce, se si infiamma è capace di mettere due triple nel giro di pochi secondi con nonchalance,

12,2 punti di media (7 volte con punti pari ai 20 o superiori con il top contro Chicago all’esordio con 27 seguito da una gara contro Detroit il 29 novembre a 26) sono buoni indicatori per un rookie che sta avendo spazio per maturare.

La coordinazione c’è, l’agilità e la reattività difensiva dal mio punto di vista debbono sicuramente migliorare per poterne fare un giocatore più completo ma non ha grandi oppositori interni nel ruolo anche se McDaniels inizia a essere un giocatore interessante ma meno dotato fisicamente e atipico per ricoprire il ruolo di PF.

Buon minutaggio (30,3 a gara di media), deve avere più attenzione e cattiveria agonistica durante le fasi della partita.

Dal mio punto di vista tende un po’ a perdersi per brevi periodi.

____________________________________________________________________________

Jalen McDaniels

Scelto alla posizione n° 52 la forward di 208 cm per 93 kg non ha avuto spazio nella prima parte di stagione ma quando è giunto il suo momento ha dimostrato di valer più della posizione nella quale gli Hornets l’hanno prelevato.

Ala molto atletica ed esuberante anche se non dal fisico colossale, è una piacevole scoperta lanciata da Borrego all’interno della sua green line grazie anche alla cessione di Marvin Williams.

Era uno dei primi giocatori a uscire dalla panchina grazie alle sue doti di tempismo ed esplosività, il limite è l’eccesso di agonismo in qualche occasione su close-out e difese che sono utilizzate da qualche volpone della NBA per procurarsi il contatto a proprio favore.

Aveva un 7 sulla scheda Draft per quanto concerne la capacità difensiva ma Kupchak l’ha preso dicendo che da lui si sarebbero aspettati di vederlo crescere, magari prima a Greensboro.

Incosciente in attacco, può catturare rimbalzi e portare imprevedibili incursioni per le difese avversarie come colpire da fuori (Borrego gli ha chiesto questo e lui l’aveva fatto molto bene all’inizio poi ha perso un po’ la mano).

La sua valutazione più bassa al Draft riguardava la resistenza, una sufficienza che non intacca però il suo gioco a Charlotte visto che i minuti a lui concessi non sono tantissimi ma come PF pura non sembra esserci concorrenza alle spalle di P.J. per cui dovrebbe avere ancora la possibilità di aver un giusto minutaggio.

“Assorbe informazioni e vuole informazioni”, ha detto Borrego. “Non ti sta solo ascoltando, lo sta afferrando. Ci sta pensando. Il più delle volte, non commette più questo errore e se non lo fa (afferrare qualcosa), chiede una seconda volta o una terza volta, inoltre svolge il suo ruolo. Quando dici a un giocatore: “Questo è il tuo ruolo” e lo fa, è accattivante. Non sta cercando di essere qualcosa che non è o qualcosa di cui non abbiamo bisogno in questo momento.”

____________________________________________________________________________

Javin DeLaurier

L’ala/centro numero 12 ed ex capitano di Duke (4 anni), nato in Virginia, ha firmato un Exhibit 10 day contract con Charlotte.

DeLaurier è alto 208 cm e pesa 107 kg.

Ha fatto segnare una media di 3,5 punti e 3,5 rimbalzi in 13,2 minuti durante la sua stagione da senior mentre la media in carriera è di 3,4 punti.

Pessimo tiratore di liberi, buone le percentuali dal campo.

Abbiamo chiesto a Riccardo Pratesi della Gazzetta dello Sport che ne pensa.

“Javin ha un gran motore, grande atleta. Prova a difendere forte ma non ha mezzo movimento, non ha mai imparato a giocare a basket. A Duke ha giocato 4 stagioni e nelle ultime due con buoni minuti ma senza riuscire a fare il salto di qualità. Un bravo ragazzo… un Lance Thomas più atletico con meno tiro”.

C

Cody Zeller

Zeller è un onesto lavoratore, un lottatore ma i suoi infortuni in passato e la sua costruzione fisica l’hanno limitato negli ultimi anni.

Non è più quel giocatore agile che riesce a tenere i piedi “vivi”, in movimento in difesa e finisce troppo spesso per soffrire sia i lunghi opposti o i piccoli più veloci di lui che una volta metteva in difficoltà.

E’ opinione comune che sia lui l’anello debole dello starting five.

D’altro canto il Cody nazionale è al suo ultimo anno e avrà ancora una possibilità per cercare di dimostrare di meritarsi il posto da starter che non sembrerebbe per ora essere intaccato da Biyombo o dai nuovi arrivi al Draft.

Non ha tiro da fuori e questo per Borrego è un piccolo problema: non avere un centro moderno titolare porta un piccolo handicap nel gioco.

Difficile da fermare sulle incursioni con spazi aperti o sui tagli con palla dentro (epicamente unstoppable le sue dunk in corsa), blocchi precisi con ottimo angolo per i compagni sono i motivi per i quali Cody partirà probabilmente da titolare.

____________________________________________________________________________

Vernon Carey Jr.

Alla posizione numero 32 del recente Draft gli Hornets sono andati su un centro proveniente da Duke.

Nato il 25 febbraio 2001 a Miami, è un lungo di 208 cm per 122 kg.

Vernon Carey Jr. (n° 22) è un centro mancino fisico che è emerso come uno dei giocatori interni più imponenti dell’ACC.

Un atleta imponente che battaglia con energia e fisicità.

La NBA è anche questo e per fare il salto di qualità, l’ex Duke dovrà riuscire a competere con fisici altrettanto massicci.
Se al college, come molti giocatori che si avvantaggiano grazie al fisico, poteva sfruttarlo per uno contro uno, adesso deve dimostrare di poter compiere il salto di qualità anche se il giocatore, sotto l’egida di coach K. Ha mostrato di trovare modalità per metter la palla nel cesto.

Riesce a trovare il contatto finendo per segnare grazie alla sua coordinazione superiore rispetto a un centro normodotato.
Charlotte cercava un difensore fisico e Carey a Duke lo era mentre cercava di fermare i big man avversari che si aggiravano vicino canestro.

Ha concesso 0,672 punti per post sul possesso.
Non veloce nel leggere alcuni situazioni difensive ma ha avuto alcune buone giocate istintive.
Lo scorso anno ha fatto registrare una media di 17,8 punti, 8,8 rimbalzi e 1,58 blocchi.
Ha fatto registrare 10 partite con almeno 20 punti e 10 rimbalzi.
I suoi punti di forza sono: presenza fisicamente imponente in vernice, piuttosto agile per le sue dimensioni, buono skill di mosse in post e potenziale come tiratore perimetrale.
Il padre, Vernon Sr., ha giocato otto stagioni NFL con i Miami Dolphins.

Chiedendo un parere a Riccadro Pratesi (tifoso di Duke) della Gazzetta dello Sport mi conferma che Carey sia un super realizzatore, un giocatore old school con ottimi movimenti spalle a canestro che un tempo avrebbe potuto essere un fenomeno (in un altro tipo di basket).

Reduce da una grande stagione al college, a Durham, mancino.

Ha mostrato lampi da passatore e margini da tiratore, il problema è difensivo.

Lento con i piedi soprattutto sul perimetro.

Insomma, nonostante qualche lacuna, ora l’attendiamo – spazio concesso da Borrego permettendo – con curiosità per mostrarci di non essere un bluff e darci delle soddisfazioni.

____________________________________________________________________________

Bismack Biyombo

“Pronto? Pizzeria Biz? Vorrei sapere quando arriverà quella pizza Bismack ordinata un’ora fa”…

“Sì, guardi, il nostro pizzaiolo Bismack la sta infornando nel forno a legna con le sue mani proprio ora”…

Già… perché il punto debole di Biz è avere due mani come una pala per infornare pizze.

Mani non eccessivamente educate, delicate al tiro che lo limitano quasi esclusivamente a essere considerato un giocatore difensivo.

Il problema è che anche lui – più corpulento di Zeller – non è velocissimo negli spostamenti con i piedi e sul primo passo dell’attaccante ma la fisicità, un certo tempismo, l’atletismo e la lunghezza a volte gli permettono di recuperare e piazzare qualche stoppata in più oltre a quelle che effettua da sentinella nei pressi dell’area.

Con lui teoricamente Borrego potrebbe rinunciare a una zona match-up perché copre meglio la zona dell’anello e non è costretto a uscire sul perimetro dove diventa battibile preso in velocità.

Le stoppate non sono numericamente, dal mio punto di vista, quelle che mi aspettavo però la sua presenza serve un po’ a intorbidire le acque, far girare più alla larga gli incursori e a far modificar qualche tiro al penetratore di turno.

A livello offensivo, salvo qualche episodica azione, non si registrano miglioramenti costanti in ball-handling, i suoi punti di rottura in genere non incidono molto su un singolo match.

Almeno non eccede nelle soluzioni personali conoscendo i suoi limiti che, fisicamente si tramutano in un tiro o un appoggio da sotto non avendo un range immenso di tiro.

Ha voluto rimanere decurtandosi lo stipendio a livelli minimi perché voleva vedere che sarebbe successo con i giovani

Noi ci auguriamo che possa vedere il successo di questi giovani mentre lui agirà, grazie al suo carisma (dietro le quinte) come mentore per Monk e gli altri freschi ventenni.

____________________________________________________________________________

Nick Richards

Il centro di Kentucky nato il 29/11/1997 è arrivato agli Charlotte Hornets via scambio per una scelta al secondo giro del Draft 2024.
Nato in Giamaica a Kingston, vanta 211 cm per 112 kg ed è stato scelto alla posizione n° 42 del fresco draft.

Richards (n° 14) è emerso avendo anche la fortuna di giocare come matricola sotto la guida dell’allenatore John Calipari.

Ha trascorso la sua seconda stagione uscendo dalla panchina segnando una media di 4 punti e 3,3 rimbalzi a partita.
Fisico poderoso, buona esplosività e mobilità.
Richards ha un discreto gancio, è un rimbalzista di grande impatto e nelle ultime stagioni è riuscito a usare meglio il suo fisico per aumentare le percentuali vicino canestro anche se è un po’ altalenante.
Deve sicuramente migliorare difensivamente ma mostra buone doti nel difender l’anello ed è veloce e mobile nel movimento.
Molto aggressivo nell’inseguire i blocchi, ha mostrato più tempismo e capacità di usare la verticalità durante l’ultima stagione.

Le sue basi sono ancora in work in progress, ma è sorprendente la sua capacità difensiva di scivolare e costringere gli avversari a faticare per batterlo.

Detiene il terzo posto a Kentucky per FG% in carriera: 62,8.
A Charlotte potrebbe far comodo (sempre non passi plausibilmente più tempo in G League per migliorarsi) perché è un lungo alto, atletico e dalla mentalità difensiva, è molto vivace sotto le plance su entrambe le estremità, imposta schermi efficaci e rolla validamente verso l’anello.
Ama il calcio e dice che Cristiano Ronaldo è il suo atleta preferito.
“Ognuno ha la propria storia” è la citazione iniziale di una frase di Richards e allora come si usava dire una volta, auguriamoci che il matrimonio tra lui e Charlotte sia una “bella storia”…

Previsioni

Riguardo una previsione numerica sul record finale è difficile sbilanciarsi e non per fattori interni ma piuttosto esterni: alcune squadre a Est hanno acquisito (Atlanta e Washington) elementi importanti per cercare di migliorare la loro posizione in classifica, altre li hanno tirati fuori dalla naftalina (vedi Brooklyn con Durant) mentre altre ¾ squadre al top dell’Est rimangono fuori portata anche se Boston, ad esempio, con i problemi al ginocchio a lungo termine di Walker e la perdita di Hayward, oppure Toronto con la perdita di Ibaka e la “trasferta” in Florida, potrebbero essere meno performanti come lo scorso anno.

Per il primo anno non voglio fare previsioni, vorrei vedere uno sviluppo del gioco e dei giocatori ancor prima dei pur importantissimi risultati.

Sarebbe comunque piuttosto strano non migliorare la percentuale dello scorso anno (23-42) benché il limite di questa squadra, oltre a quello tecnico, sia principalmente l’esperienza.

Lasciando opinione ad alcuni siti:

Hoopshabit.com: 12^ a Est (26 W)

Basket Inside.com: 12^ a Est

Bleacherreport.com: 12^ a Est

Sportsnaut.com: 12^ a Est

Thelines.com: 11^ a Est

USAToday.com: 10^ a Est

NBA.com: 9^ a Est

NBCsports.com: 9^ a Est

In ultimo aggiungo la previsione contenuta nel pezzo di The Shot dell’amico Filippo Barresi:

https://www.the-shot.it/2020/12/04/preview-hornets-20-21-continuare-a-crescere/?fbclid=IwAR2NJVqRKzDPct6mr4HB-qO4CczfI-jLGsz9DDk06l3Rtvu2VoM0zloMABQ

Anche se dovessimo arrivare in un range tra la dodicesima e la nona posizione a Est non sarebbe un dramma se la squadra salisse di livello per il futuro passo decisivo ma queste previsioni sono una sfida, quindi:

“Cara Charlotte, la sfida è lanciata, le Cassandre ancor si odono, ora tocca a voi squarciare quel velo opaco di sfiducia degli analisti, per una volta ho fiducia”.

Questo articolo è stato pubblicato in Inside The Hornets da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.