Matchup key 28: Charlotte Hornets Vs Sacramento Kings

A cura di Filippo Barresi.

Cody Martin Vs De’Aaron Fox

Lo scontro chiave della serata vedrà opporsi i due playmaker delle rispettive squadre.

Da una parte Martin si trova in un improbabile ruolo da titolare (come PG) e dovrà cercare in primo luogo di arginare le avanzate delle guardie avversarie.

Dall’altra ci sarà Fox che piano piano sta recuperando la forma degli anni passati producendo situazioni offensive grazie alla sua dinamicità.

Bloccare la prima opzione dei Kings sarà fondamentale per la già poco stabile difesa degli Hornets.

Possibili svantaggi:

I Kings hanno sempre dimostrato di poter macinare punti una volta attivato il proprio flusso offensivo: nello scorso incontro sono stati 140 i punti realizzati dai californiani.

Oltre alle assenze, al momento Charlotte ha la peggior difesa della lega e questa equazione è presto risolta.

Il rischio è una nuova ondata di punti sotto i colpi di Sacramento.

Possibili vantaggi:

Anche i Kings hanno un’importantissima assenza ovvero quella di Richaun Holmes.

Il centro titolare è il fulcro della squadra e permette di sviluppare il gioco in entrambe le metà campo, per sfruttare la sua assenza gli Hornets proveranno per una volta a far valere muscoli e taglia, magari concedendo spazio a Richards e Carey Jr. dalla panchina.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.