Matchup key 30: Charlotte Hornets @ San Antonio Spurs


A cura di Filippo Barresi.

Gordon Hayward Vs Doug McDermott

Gli Hornets si troveranno davanti uno dei principali artefici dell’insuccesso al Play-In della passata stagione: McDermott è passato in estate tra le fila degli Spurs e potrebbe infiammarsi nuovamente contro Charlotte.

Tra le nostre fila l’osservato speciale sarà Gordon Hayward che avrà l’arduo compito di contenerlo e che nelle ultime partite non è riuscito ad aiutare la squadra come ci sarebbe aspettato in un tale momento di difficoltà.

Sarà la sua occasione per farsi trovare pronto?

Possibili svantaggi:

Nonstante la partenza non entusiasmante degli Spurs in queste prime partite, la solidità che caratterizza sempre questa squadra è ancora presente.

L’assetto difensivo organizzato dall’highlander coach Popovich è sempre efficace e potrebbe mettere in difficoltà gli Hornets che nell’ultima uscita hanno fatto molta fatica a trovare continuità in attacco: l’assenza di LaMelo Ball si sta facendo sentire sempre di più.

Possibili vantaggi:

Gli Spurs non sono una grande squadra offensiva e utilizzano lo stesso identico schema messo in piedi da coach Borrego (o più probabilmente quello che James ha preso da Pop) basato sul drive and kick.

Per questo Charlotte potrebbe trovarsi davanti a un assetto offensivo più facile da difendere e che già conosce alla perfezione.

Le ultime uscite difensive sono state pessime e per mantenere la stagione su alti livelli bisognerà migliorare questo fondamentale a brevissimo termine.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.