Matchup key 52: Charlotte Hornets @ Boston Celtics

A cura di Filippo Barresi.

Miles Bridges Vs Jayson Tatum

Nell’ultimo scontro tra queste due squadre è stata decisiva la sfida tra le due ali ormai centrali nei rispettivi e relativi sistemi di gioco.

Una fantastica prestazione di Bridges ha permesso agli Hornets di registrare l’allungo decisivo nel quarto di gioco finale mentre l’impossibilità di Tatum di segnare con continuità ha abbassato le speranze dei Celtics di vincere la gara giocata a Boston il 19 gennaio.

Chi riuscirà ad imporsi tra queste due stelle potrà agevolare la propria formazione nel conquistare la vittoria finale.

Possibili svantaggi:

Come nei precedenti incontri, i Celtics faranno sentire con costanza la loro presenza difensiva per cercare di respingere le avanzate offensive degli Hornets.

La loro grande fisicità unita ad una buona organizzazione di squadra riesce sempre a mettere in difficoltà qualsiasi tipo di attacco organizzato, molto probabilmente sarà della partita anche Robert Williams, abile stoppatore che nell’ultima gara contro Charlotte non ha potuto aiutare i suoi compagni.

Possibili vantaggi:

Il basso ritmo dei Celtics e la loro tuttora presente incapacità di orchestrare un sistema offensivo fluido e corale potrà agevolare gli ospiti.

Nello scorso incontro gli Hornets sono stati molto bravi a leggere bene le prevedibili avanzate avversarie e a convertire subito queste opportunità in punti veloci in transizione. Questa magica accoppiata potrebbe rivelarsi nuovamente decisiva per spuntarla questa notte.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.