Matchup key 62: Charlotte Hornets Vs Detroit Pistons

LaMelo Ball Vs Cade Cunningham

La pausa per l’All-Star Game può far bene alle squadre e una sorta di questo effetto si è già visto nella prima uscita degli Hornets, vittoriosi contro i Raptors.

L’unico giocatore che non ha potuto rilassarsi in questa pausa di metà stagione è stato LaMelo Ball, che difatti è sembrato il più impallato nella gara contro Toronto.

Gli occhi stasera saranno puntati su di lui visto il duro compito di competere direttamente con Cade Cunningham, prima scelta dello scorso draft, finalmente in ritmo dopo un inizio di stagione molto difficile.

Possibili svantaggi:

Nelle ultime tre gare i Pistons sono riusciti ad ottenere due vittorie, confermando la lenta crescita di questa giovane squadra.

Affrontare una squadra che gioca senza particolare pressioni può sempre essere insidioso: i molti giovani a roster cercano sempre di mettersi in mostra il più possibile tentando giocate sorprendenti, difficili e spensierate.

Per gli Hornets servirà una gara attenta ed ordinata per ritornare con un record in parità tra vittorie e sconfitte.

Possibili vantaggi:

Nell’ultimo periodo i miglioramenti difensivi degli Hornets sono stati abbastanza incoraggianti.

Questa notte sfideranno una delle peggiori squadre nella lega per percentuali dal campo, sia nei pressi del ferro che da oltre l’arco.

Non sarà così arduo tenere botta difensivamente e, con il rientro di Martin e l’inserimento nelle rotazioni di Thor, il rendimento visto nelle ultime uscite potrebbe essere decisivo per acciuffare la vittoria.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da igor . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.